LibreOffice è 5.1

Rilasciata una nuova versione della suite di produttività open source, un pacchetto che offre migliorie su tutti i fronti incluse le performance, l'interfaccia e l'organizzazione dei menù
Rilasciata una nuova versione della suite di produttività open source, un pacchetto che offre migliorie su tutti i fronti incluse le performance, l'interfaccia e l'organizzazione dei menù

A poco più di sei mesi dall’ uscita della versione 5.0 , LibreOffice fa un nuovo passo avanti con la distribuzione della release 5.1. Una release che risulta migliorata – e per molti aspetti “diversa” – su tutti i fronti, avverte il team di The Document Foundation (TDF), ma che rappresenta un cambio significativo dalla più matura versione 5.0.x ed è quindi destinata prima di tutti agli entusiasti, ai power user e agli early adopter delle novità tecnologiche.

Tra le novità che saltano subito all’occhio, LibreOffice 5.1 può vantare un’interfaccia utente completamente riorganizzata in tutti gli applicativi contenuti nella suite – un modo per rendere più facile e veloce l’accesso alle funzionalità più usate e che ha portato all’aggiunta di nuovi menù individuali su Writer (Stile), Calc (Foglio), Impress e Draw (Slide).

Cambiamenti significativi sono stati apportati sul fronte dell’interoperabilità, dice ancora TDF, la compatibilità con i formati proprietari è stata migliorata, nuovi filtri sono stati aggiunti per i documenti di Apple Keynote 6, Microsoft Writer e Gnumeric; l’engine delle formule di Calc ha guadagnato nuove funzionalità, mentre l’accesso ai file di documenti presenti sui server remoti (Sharepoint, Google Drive, Alfresco) è stato integrato direttamente nel menù File.

LibreOffice 5.1 è più veloce nelle fasi di avvio e non solo , mentre il lavoro “sotto il cofano” effettuato da centinaia di sviluppatori ha contributo a rendere la suite FOSS più facile da modificare, mantenere e analizzare tramite debugger: un miglioramento estremamente importante sul fronte delle installazioni nel settore enterprise, dice TDF.

Nel salutare un altro passo avanti verso la realizzazione di una suite cucita su misura delle necessità e delle preferenze degli utenti, il management di TDF sottolinea il gran lavoro di pulizia del codice fatto dal 2010 a oggi e la popolarità crescente della suite. Il numero di organizzazioni che passano a LibreOffice non fa che aumentare, e a margine viene citata anche l’adozione su centinaia di migliaia di PC appartenenti al Ministero della Difesa in Italia.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

11 02 2016
Link copiato negli appunti