LibreOffice è 5.1

Rilasciata una nuova versione della suite di produttività open source, un pacchetto che offre migliorie su tutti i fronti incluse le performance, l'interfaccia e l'organizzazione dei menù

Roma – A poco più di sei mesi dall’ uscita della versione 5.0 , LibreOffice fa un nuovo passo avanti con la distribuzione della release 5.1. Una release che risulta migliorata – e per molti aspetti “diversa” – su tutti i fronti, avverte il team di The Document Foundation (TDF), ma che rappresenta un cambio significativo dalla più matura versione 5.0.x ed è quindi destinata prima di tutti agli entusiasti, ai power user e agli early adopter delle novità tecnologiche.

Tra le novità che saltano subito all’occhio, LibreOffice 5.1 può vantare un’interfaccia utente completamente riorganizzata in tutti gli applicativi contenuti nella suite – un modo per rendere più facile e veloce l’accesso alle funzionalità più usate e che ha portato all’aggiunta di nuovi menù individuali su Writer (Stile), Calc (Foglio), Impress e Draw (Slide).

Cambiamenti significativi sono stati apportati sul fronte dell’interoperabilità, dice ancora TDF, la compatibilità con i formati proprietari è stata migliorata, nuovi filtri sono stati aggiunti per i documenti di Apple Keynote 6, Microsoft Writer e Gnumeric; l’engine delle formule di Calc ha guadagnato nuove funzionalità, mentre l’accesso ai file di documenti presenti sui server remoti (Sharepoint, Google Drive, Alfresco) è stato integrato direttamente nel menù File.

LibreOffice 5.1 è più veloce nelle fasi di avvio e non solo , mentre il lavoro “sotto il cofano” effettuato da centinaia di sviluppatori ha contributo a rendere la suite FOSS più facile da modificare, mantenere e analizzare tramite debugger: un miglioramento estremamente importante sul fronte delle installazioni nel settore enterprise, dice TDF.

Nel salutare un altro passo avanti verso la realizzazione di una suite cucita su misura delle necessità e delle preferenze degli utenti, il management di TDF sottolinea il gran lavoro di pulizia del codice fatto dal 2010 a oggi e la popolarità crescente della suite. Il numero di organizzazioni che passano a LibreOffice non fa che aumentare, e a margine viene citata anche l’adozione su centinaia di migliaia di PC appartenenti al Ministero della Difesa in Italia.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • omino delle analogie scrive:
    facciamo una bella analogia
    1) Loro dicono che chi scarica RUBA le canzoni2) Allora chi si appropria indebitamente delle esecuzioni altrui chiedendo denaro senza averne diritto, cos'è? Un ladro di esecuzioni musicali? Un estortore?La vostra.
    • panda rossa scrive:
      Re: facciamo una bella analogia
      - Scritto da: omino delle analogie
      1) Loro dicono che chi scarica RUBA le canzoni

      2) Allora chi si appropria indebitamente delle
      esecuzioni altrui chiedendo denaro senza averne
      diritto, cos'è? Un ladro di esecuzioni musicali?
      Un
      estortore?

      La vostra.Trattasi di evidente crimine contro l'umanita', visto che hanno privato l'umanita' medesima della fruizione di un'opera di pubblico dominio.Quindi il reato e' da equipararsi al genocidio e similari.
    • prova123 scrive:
      Re: facciamo una bella analogia
      Ve lo ricordate lo spot antipirateria presente su tutti i DVD e strombazzato al cinema prima della proiezione di qualsiasi film ?[yt]82JtecF5Zzg[/yt]ERA ILLEGALE!!http://www.websec.it/spot-anti-pirateria-colonna-sonora-illegale.html
      • pappappero scrive:
        Re: facciamo una bella analogia
        la cosa odiosa dello spot antipirateria è che lo trovi nei dvd acquistati legalmente... insieme a tonnellate di pubblicità prima del film vero e proprio.- Scritto da: prova123
        Ve lo ricordate lo spot antipirateria presente su
        tutti i DVD e strombazzato al cinema prima della
        proiezione di qualsiasi film
        ?

        [yt]82JtecF5Zzg[/yt]

        ERA ILLEGALE!!

        http://www.websec.it/spot-anti-pirateria-colonna-s
      • pappappero scrive:
        Re: facciamo una bella analogia
        la cosa odiosa dello spot antipirateria è che lo trovi nei dvd acquistati legalmente... insieme a tonnellate di pubblicità prima del film vero e proprio.- Scritto da: prova123
        Ve lo ricordate lo spot antipirateria presente su
        tutti i DVD e strombazzato al cinema prima della
        proiezione di qualsiasi film
        ?

        [yt]82JtecF5Zzg[/yt]

        ERA ILLEGALE!!

        http://www.websec.it/spot-anti-pirateria-colonna-s
    • mirkey scrive:
      Re: facciamo una bella analogia
      - Scritto da: omino delle analogie
      1) Loro dicono che chi scarica RUBA le canzoni

      2) Allora chi si appropria indebitamente delle
      esecuzioni altrui chiedendo denaro senza averne
      diritto, cos'è? Un ladro di esecuzioni musicali?
      Un
      estortore?

      La vostra.La legge sul copyright serve solo ad alimentare la speculazione delle major. Danno del ladro e che si scarica un mp3 condiviso in giro per internet, e loro poi speculanco sulle canzoncine popolari di dominio pubblico.
  • omino due pesi due misure scrive:
    a chi scarica 150.000$ PER OGNI BRANO
    Perché a costoro non gli diamo 150.000$ di multa per ogni ESECUZIONE RUBATA AL PUBBLICO DOMINIO?
  • Culto del cargo scrive:
    Tutto qua
    Se la sono cavata con poco. Praticamente il ricavato di appena 7 anni di "diritti" sulla canzone. Un decimo circa di quanto hanno guadagnato illegittimamente dal 1946.Il racket del copyright conviene sempre.
    • Il fuddaro scrive:
      Re: Tutto qua
      - Scritto da: Culto del cargo
      Se la sono cavata con poco. Praticamente il
      ricavato di appena 7 anni di "diritti" sulla
      canzone. Un decimo circa di quanto hanno
      guadagnato illegittimamente dal
      1946.

      Il racket del copyright conviene sempre.Ma anche: Il crimine legalizzato conviene SEMPRE! Mica come il crimine comune, loro perdono SEMPRE! Essendo fuorilegge.
    • Izio01 scrive:
      Re: Tutto qua
      - Scritto da: Culto del cargo
      Se la sono cavata con poco. Praticamente il
      ricavato di appena 7 anni di "diritti" sulla
      canzone. Un decimo circa di quanto hanno
      guadagnato illegittimamente dal 1946.
      Nel nostro piccolo abbiamo avuto l'estorsione illegittima e prolungata dei bollini SIAE. Uno dei pochi casi in cui una sentenza europea mi ha fatto gongolare - ma ovviamente quei soldi mica li restituiranno, eh!
      Il racket del copyright conviene sempre.Già, parole sante.
Chiudi i commenti