Licenze WiMax, il bando è in arrivo

Nei prossimi mesi, prevede il sottosegretario alle Comunicazioni, sarà possibile accedere alle frequenze rese libere dalla Difesa

Roma – La tecnologia WiMax sarà uno dei veicoli con cui il governo intende raggiungere l’ambizioso obiettivo di portare la banda larga a tutti gli italiani. È il senso delle dichiarazioni del sottosegretario alle Comunicazioni, Luigi Vimercati, che ha anticipato l’avvento dell’atteso bando per le licenze.

Nei prossimi mesi, secondo Vimercati, sarà reso pubblico il primo bando per le licenze WiMax: “Stiamo convincendo il ministero della Difesa a cedere le frequenze necessarie” ha aggiunto il segretario, durante un intervento in occasione di un convegno tenutosi a Lodi. La tecnologia in questione sarà utile a “raggiungere centri difficili da coprire per il mercato” e consentire così la diffusione del broadband e il superamento delle barriere tecnologiche alla base del digital divide nostrano.

L’Italia si trova infatti con una diffusione della banda larga pari a circa il 12%. Un valore che ci pone in una condizione di “inferiorità tecnologica” rispetto ai Paesi che ci circondano, in quanto “sotto la media europea, e anche se il mercato ha reagito, in alcuni casi non può garantire l’accesso per motivi come quelli orografici”. Portare la banda larga agli italiani, “siano essi imprese o cittadini”, è un impegno del governo, ha affermato Vimercati.

L’Italia, come è noto, ha già iniziato a fare la conoscenza di questa tecnologia, basata sul protocollo 802.16. Ma nel nostro Paese è ancora in corso la fase di sperimentazione. Le speranze dell’utenza “digital divisa” sono state alimentate la scorsa estate dalle parole di Paolo Gentiloni, ministro delle Comunicazioni che al termine di un’audizione in commissione Cultura della Camera, in merito alle italiche evoluzioni della situazione aveva dichiarato: “Sul WiMax ci muoveremo entro la fine dell’anno. Abbiamo sollecitato una soluzione al problema delle frequenze al ministero della Difesa, e quindi speriamo di arrivare presto a delle decisioni”.

Lo stato attuale non ha però orizzonte certo nel tempo ed è per questo motivo che il senatore Francesco Cossiga e l’onorevole Franco Grillini hanno rivolto al Ministro delle Comunicazioni interrogazioni parlamentari che, evidenziando le opportunità offerte dal WiMax (tra cui proprio il superamento delle barriere orografiche descritte anche da Vimercati), sono finalizzate ad una celere assegnazione delle licenze WiMax agli operatori, per accelerarne la disponibilità e sbloccare l’attuale stallo.

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • arianna scrive:
    nj h d
    dfnjn dfninbijndibdddsjbij
  • stamsofer scrive:
    Orwell ed Huxley avevano predetto
    Nel suo libro "1984" George Orwell aveva predetto quanto sta accadendo ora.Le idee di Orwell erano simili a quelle descritte anni prima da Aldous Huxley nel suo bellissimo testo "Il mondo nuovo".Non so dirvi quale sarà il Grande Fratello o quale sarà il MINCULPOP del 2050, ma so che sarà un ente costruito dalle mutinazionali dell'IT, che avrà come cartello di punta la "Lotta al terrorismo".Le tecnologie per fare oggi il 1984 esistono, solo che ne manca una coordinazione internazionale.
  • Anonimo scrive:
    riorganizzare il layout... :)
    Seeeee come no ^^I supermercati adottano un layout fatto apposta per evitare che la gente arrivi immediatamente ai beni che gli servono davvero e venga invece investita da robe inutili per i primi 15 minuti. Se notate in tutti i supermercati l'entrata e a destra e gli alimentari/acqua sono all'estrema sinistra in modo che per arrivarci occorra attraversarlo tutto. Davanti ci sono sempre le cose tecnologiche o le cose che servono più raramente (detersivi, pentole, ecc...).Secondo me i dati fatti serviranno sopratutto per incasinare ulteriormente la spesa e farti passare a TV, condizionatori, padelle, ecc... prima di trovare il pane e la pasta :P
  • Ubu re scrive:
    Minority che?
    Nessuno a mai letto un libro di Frederick Pohl?Naccheri, la tivù fa male!Tornate in biblioteca che è un posto rilassante, pieno di luce indiretta, silenzioso, ci sono addirittura dei libri! :o :oPer questo articolo sarebbe stato giusto citare "Il tunnel sotto al mondo" e "I mercanti dello spazio".
    • Anonimo scrive:
      Re: Minority che?
      I Mercanti (e gli Antimercanti) Dello Spazio di Pohl è una lettura molto istruttiva. Ma lo è anche Philip K. Dick.Una cosa non esclude l'altra.(idea)
      • Ubu re scrive:
        Re: Minority che?
        - Scritto da:
        I Mercanti (e gli Antimercanti) Dello Spazio di
        Pohl è una lettura molto istruttiva. Ma lo è
        anche Philip K.
        Dick.
        Una cosa non esclude l'altra.
        (idea)Si ma "minority" parla di precrimine, mentre l'argomento del "tunnel" è lo stesso dell'articolo.Visto che sei un Dickniano (non lo puoi negare) ti chiedo un consiglio.Sono arrivato a quasi metà di Ubik e mi sono VERAMENTE rotto le pelotas con gli spiccioli delle porte, del caffè, del bagno.... e poi questo è vestito così, l'altro cosà.... Veramente pesante e insignificante. :-o :-o :-oMi consigli di proseguire? La mia pregiata pazienza verrà ripagata?Dimmi un sincero si o no, non la trama. Grazie.
        • interceptor scrive:
          Re: Minority che? [OT]
          - Scritto da: Ubu re
          Visto che sei un Dickniano (non lo puoi negare)
          ti chiedo un
          consiglio.
          Sono arrivato a quasi metà di Ubik e mi sono
          VERAMENTE rotto le pelotas con gli spiccioli
          delle porte, del caffè, del bagno.... e poi
          questo è vestito così, l'altro cosà....
          Veramente pesante e insignificante. :-o :-o
          :-oDunque premesso che io ADORO P.K.D. la risposta èSI.Controdomanda: Ma è il primo libro di Dick che leggi?Perchè UBIK è uno tra i più belli ma più comlicati di Dick.Bisognerebbe approcciarsi con un percorso più soft. Per esempio partendo da "La svastica sul sole" oppure "Il cacciatore di androidi (Blade Runner)". Oppure iniziare dai suoi racconti tra cui "Minority Report" (che secondo me è solo cugino alla lontana con il film).Ps: Non ho capito bene la critica a UBIK non me lo ricordo così descrittivo e particolareggiato, ma solo un po' (molto) contorta la trama.BOH, sarà che l'ho letto una decina di anni fa...Saluti
          • Ubu re scrive:
            Re: Minority che? [OT]
            - Scritto da: interceptor
            - Scritto da: Ubu re


            Visto che sei un Dickniano (non lo puoi negare)

            ti chiedo un

            consiglio.

            Sono arrivato a quasi metà di Ubik e mi sono

            VERAMENTE rotto le pelotas con gli spiccioli

            delle porte, del caffè, del bagno.... e poi

            questo è vestito così, l'altro cosà....

            Veramente pesante e insignificante. :-o :-o

            :-o

            Dunque premesso che io ADORO P.K.D. la risposta è
            SI.

            Controdomanda: Ma è il primo libro di Dick che
            leggi?No, è che ho smesso di leggere fantascienza da un po' di tempo. Ubik m'è arrivato così per caso.
            Perchè UBIK è uno tra i più belli ma più
            comlicati di Dick.Va bene, mi fido.
            Bisognerebbe approcciarsi con un percorso più
            soft. Per esempio partendo da "La svastica sul
            sole" oppure "Il cacciatore di androidi (Blade
            Runner)". Oppure iniziare dai suoi racconti tra
            cui "Minority Report" (che secondo me è solo
            cugino alla lontana con il
            film).

            Ps: Non ho capito bene la critica a UBIK non me
            lo ricordo così descrittivo e particolareggiato,
            ma solo un po' (molto) contorta la
            trama.

            BOH, sarà che l'ho letto una decina di anni fa..."Accanto alla finestra G. G. Ashwood, infilato nei soliti eleganti pantaloni in scorza di betulla, la cintura in corda di canapa, una maglietta trasparente e un alto cappello da ferroviere in testa, alzò le spalle con aria indifferente.""Indossava un costume tirolese in poliestere, copricalzoni di cuoio stile cow-boy decorati con finte stelle d'argento e teneva i lunghi capelli avvolti in una reticella. Ai piedi un paio di sandali.""Portava un antiquato paio di calzoni di lamé dorato stretti ai fianchi, eppure riusciva ad apparire elegante: forse il merito ricadeva anche sui bottoni della sua camicia verdealga, grossi come uova."Potrei continuare ma non vorrei incorrere in qualche violazione di copyright.
            SalutiSaluti
    • Luca Schiavoni scrive:
      Re: Minority che?
      - Scritto da: Ubu re
      Nessuno a mai letto un libro di Frederick Pohl?
      Naccheri, la tivù fa male!
      Tornate in biblioteca che è un posto rilassante,
      pieno di luce indiretta, silenzioso, ci sono
      addirittura dei libri! :o
      :o
      Per questo articolo sarebbe stato giusto citare
      "Il tunnel sotto al mondo" e "I mercanti dello
      spazio".Il tunnel sotto al mondo.. praticamente ci si sono "ispirati" per almeno 20 film :D capolavoro. Senza la biblioteca comunque ci sono anche libri nei supermercati, e ci sono le librerie, bancarelle, e amici. ;)LucaS
      • Ubu re scrive:
        Re: Minority che?
        - Scritto da: lucaschiavoni
        - Scritto da: Ubu re

        Nessuno a mai letto un libro di Frederick Pohl?

        Naccheri, la tivù fa male!

        Tornate in biblioteca che è un posto rilassante,

        pieno di luce indiretta, silenzioso, ci sono

        addirittura dei libri! :o

        :o

        Per questo articolo sarebbe stato giusto citare

        "Il tunnel sotto al mondo" e "I mercanti dello

        spazio".

        Il tunnel sotto al mondo.. praticamente ci si
        sono "ispirati" per almeno 20 film :D
        capolavoro. Senza la biblioteca comunque ci sono
        anche libri nei supermercati, e ci sono le
        librerie, bancarelle, e amici.
        ;)

        LucaSSi vero, ma biblioteca (e amici) non si arrabbiano se spilucchi un po' di libri per orientarsi nella scelta, risolvono brillantemente il problema dello stoccaggio dei libri letti e sembra assurdo nel mondo d'oggi: si offendono se provi a pagare.
        • Kudos scrive:
          Re: Minority che?

          Si vero, ma biblioteca (e amici) non si
          arrabbiano se spilucchi un po' di libri per
          orientarsi nella sceltaNota personale: Alla feltrinelli consentono di toccare e spiluccare. almeno, qui a siracusa, anche se hanno proprio i pannelli ufficiali della feltrinelli con su scritto che si può toccare ecc... quindi suppongo si possa ovunque...
          • Ubu re scrive:
            Re: Minority che?
            - Scritto da: Kudos

            Si vero, ma biblioteca (e amici) non si

            arrabbiano se spilucchi un po' di libri per

            orientarsi nella scelta


            Nota personale: Alla feltrinelli consentono di
            toccare e spiluccare. almeno, qui a siracusa,
            anche se hanno proprio i pannelli ufficiali della
            feltrinelli con su scritto che si può toccare
            ecc... quindi suppongo si possa
            ovunque...Anche a Firenze è così, alla Edison c'è pure un comodo bar che per mia esperienza è stracomodo d'inverno.Può darsi che sia una mia impostazione personale che mi fa preferire le biblioteche, forse dettata dall'abitudine.A questo punto non puoi sfuggire, vai alla Feltrinelli o chi per lei e leggiti tutto il racconto del tunnel sotto il mondo (è una raccolta di racconti tra cui uno che si chiama guarda caso così) è dimmi se Pohl non può entrare nel podio dei tuoi scrittori preferiti.
          • Kudos scrive:
            Re: Minority che?
            Sono parecchi in effetti i libri che devo leggere, ma l'università mi opprime....
  • Anonimo scrive:
    Diamole una... botta
    Una botta e via! Scusate ma non riuscivo a resistere, lol.
  • Anonimo scrive:
    E sai che faremo?
    Guardiamo tutto, soffermiamoci a caso su qualcosa, prendiamo un po' di articoli e poi lasciamoli giù, magari la volta prima facciamo lo scherzetto della birra prendendo una heineken e poi lasciandola giù per una ceres e la volta dopo il contrario, un giorno prendiamo carne un altro prosciutto un altro pesce, facciamo scorta di uova e poi le restituiamo alla cassa, guardiamo nel cesto dei dvd in offerta, facciamoli passare tutti e non prendiamo niente, oppure una volta su tre andiamo all'iper e usciamo senza spesa....incasiniamo un po' le loro statistiche, va!
    • Anonimo scrive:
      Re: E sai che faremo?
      - Scritto da:
      la massa è come un gregge di pecore, senza ne
      pastore ne cane,
      perchè si controllano tra pecore
      stesse.onestamente fare acquisti normalmente mi sembra più intelligente che fare "le finte" come proponete (vi muovete come pazzi per niente, credendo di essere intelligenti, pure).L'unica forma di protesta significativa è boicottare il supermercato spiegando al direttore il perchè.
      • Anonimo scrive:
        Re: E sai che faremo?
        - Scritto da:
        - Scritto da:


        la massa è come un gregge di pecore, senza ne

        pastore ne cane,

        perchè si controllano tra pecore

        stesse.

        onestamente fare acquisti normalmente mi sembra
        più intelligente che fare "le finte" come
        proponete (vi muovete come pazzi per niente,
        credendo di essere intelligenti,
        pure).

        L'unica forma di protesta significativa è
        boicottare il supermercato spiegando al direttore
        il
        perchè.Ma se TUTTI i supermercati fanno così, poi cosa boicotti?
        • Anonimo scrive:
          Re: E sai che faremo?
          - Scritto da:
          Ma se TUTTI i supermercati fanno così, poi cosa
          boicotti?*SE* tutti i supermercati fanno così, ne apro io uno che non fa così e divento miliardario.Comunque, in quel caso ipotetico, puoi sempre passare ai piccoli commercianti che non possono investire in tecnologia invasiva.
          • Anonimo scrive:
            Re: E sai che faremo?
            Ti riferisci agli stessi piccoli commercianti che stanno scomparendo da tutte le città con più di 1000 abitanti?
          • Anonimo scrive:
            Re: E sai che faremo?
            - Scritto da:
            Ti riferisci agli stessi piccoli commercianti che
            stanno scomparendo da tutte le città con più di
            1000
            abitanti?quelli che rimangono diverranno miliardari visto il boicottaggio dei supermarket spioni.Se non ne rimane nessuno (impossibile, vista la richiesta che aumenterebbe), ripeto, ne apro uno io.
          • Anonimo scrive:
            Re: E sai che faremo?
            aggiungo... in ogni caso muoversi in maniera pseudocasuale tra i prodotti facendo delle 'finte' è solo un modo per perdere tempo.
    • Anonimo scrive:
      Re: E sai che faremo?

      Guardiamo tutto, soffermiamoci a caso su
      qualcosa, prendiamo un po' di articoli e poiIo preferisco passare il mio tempo in modo un filino più sensato che spostare bottiglie in un supermercato :)
    • interceptor scrive:
      Re: E sai che faremo?
      Mica te lo devono per forza dire che ti stanno controllando...Statistica in forma anonima...Saluti
  • Anonimo scrive:
    Minority Report
    Volevo scriverlo io... ma mi hanno anticipato nell'articolo. :'(
    • Anonimo scrive:
      Re: Minority Report
      - Scritto da:
      Volevo scriverlo io... ma mi hanno anticipato
      nell'articolo.
      :'(ZZZAC... rilevatoPS: la prox volta usa un occhio finto
Chiudi i commenti