Linux sui desktop? Investimento a perdere

Ne parla il papà di Ubuntu, Mark Shuttleworth, che precisa: sono i servizi il vero plus, il software in sé non rende. Anche se in rosso, continuerà a portare avanti il suo progetto Linux

Roma – Da Linux sui desktop non arriva un centesimo, non è un’attività remunerativa. Ma non è per questo che qualcuno come il milionario Mark Shuttleworth decide di investire nel settore: la sua Canonical , l’azienda che sponsorizza la distribuzione Ubuntu, non è su piazza (almeno per il momento) per fare denaro a palate, quanto piuttosto per contribuire allo sviluppo di Linux. E continuerà a farlo, almeno per qualche anno.

“Non ho mai pensato che l’idea di vendere pacchetti incellofanati di free software potesse funzionare” ha spiegato Shuttleworth ai giornalisti durante una conference call, in occasione del rilascio dell’ ultima versione di Ubuntu: “L’unico modo di costruire un business attorno al software è con i servizi”. Secondo il magnate, quindi, il suo impegno con Linux è condizionato alla crescita della fornitura di assistenza ai clienti di Canonical: ma non si tratta di una scadenza a breve termine.

“Non ho problemi a continuare a finanziare questo business per altri tre o cinque anni – ha proseguito – Ho senz’altro la pazienza necessaria a guardare oltre questa crisi. Credo anzi che questa crisi sarà un bene per Canonical: l’azienda non è in attivo, ma la nostra offerta ben si adatta a quanti vogliano tenere d’occhio il portafogli”.

La visione di Shuttleworth si potrebbe riassumere nel seguente schema: il software, nel caso di Canonical open source o free, viene offerto a costo zero o quasi. Il guadagno arriverebbe invece dalla fornitura di tutti i servizi accessori : configurazione, manutenzione, personalizzazione. Per il magnate sudafricano anche un gigante come Microsoft starebbe adottando la stessa politica, arrivando ad offrire il suo “vecchio” XP a costo zero ai produttori pur di allargare il parco macchine che monti il suo sistema operativo e sperando nell’indotto di questa base di utenti.

Le cose si starebbero muovendo in questa direzione anche per Ubuntu. Shuttleworth chiarisce che attualmente Canonical fa registrare “diversi milioni di dollari” di entrate ogni anno grazie ai servizi di assistenza forniti per la distro (la cifra precisa non viene comunicata – Canonical è un’azienda privata, non quotata in borsa: non è tenuta né a ricercare profitto ad ogni costo, né a mostrare bilanci da certificare), che da soli basterebbero a portarla in attivo entro un paio d’anni al massimo.

Shuttleworth chiarisce che comunque questo non accadrà, e che per arrivare a vedere il pareggio ci vorranno ben più di 24 mesi: il desiderio suo e dei suoi dipendenti è di continuare ad investire su Linux e sul suo sviluppo , così da rendere il prodotto Ubuntu per desktop e server all’altezza della più blasonata concorrenza. L’attività verrà chiusa in perdita anche in futuro, ma per una buona ragione: “Abbiamo ancora bisogno di investire. E posso tranquillamente continuare a farlo, pur avendo cura dei miei soldi, poiché ritengo tutto questo un buon investimento”.

Il papà di Ubuntu si dichiara in definitiva soddisfatto dei progressi ottenuti in questi anni dalla sua creatura, dei 200 dipendenti di Canonical sparsi su 5 continenti e delle circa 8 milioni di installazioni desktop stimate fino ad oggi (cifre fornite dallo stesso Shuttleworth). Ma ribadisce, in conclusione, che non si tratta di un ambiente in cui buttarsi a capofitto per fare soldi facili.

Con Linux sui desktop si possono fare quattrini? “No – dichiara netto – E non credo nessuno possa farne”. Ma, aggiunge, questa è senz’altro “una buona cosa”. Da parte sua, non ha mai pensato di farne così e ha sempre puntato alla vendita dei servizi di assistenza e supporto: un po’ come ora pare voglia fare anche Microsoft con Azure . In ogni caso, lavorare in perdita per Linux è una scelta: “È il cuore della nostra filosofia non fare soldi con i desktop”. E Shuttleworth ritiene che si tratti di un trend, a cui molto presto anche i concorrenti dovranno piegarsi .

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • The Punisher scrive:
    La lingua italiana!!
    "Al cervello la tecnologia fa più bene dei libri"si scrive "Al cervello la tecnologia fa meglio che i libri" oppure "Al cervello la tecnologia fa meglio rispetto ai libri".Santa Brigida!
    • Crusco scrive:
      Re: La lingua italiana!!

      si scrive "Al cervello la tecnologia fa meglio
      che i libri" AAAAAAAAAAAè una forma totalmente errataoppure "Al cervello la tecnologia fa
      meglio rispetto ai
      libri".Questa pure è da italianese.Almeno se correggi fallo bene, ad esempio:Per il cervello meglio la tecnologia dei librioppureLa tecnologia più dei libri esercita il cervello"fa meglio" però è da bar dello sport ;)
    • ebefrenia scrive:
      Re: La lingua italiana!!
      - Scritto da: The Punisher
      "Al cervello la tecnologia fa più bene dei libri"

      si scrive "Al cervello la tecnologia fa meglio
      che i libri" oppure "Al cervello la tecnologia fa
      meglio rispetto ai
      libri".

      Santa Brigida!l'ebefrenia non si può curare.
      • cla cla scrive:
        Re: La lingua italiana!!
        sarà che con il ritorno sto diventando veramente gnurantu ma a me sembra corretto.. quale sarebbe la regola grammaticale infranta ? .. maeeestri mi ce lo spiegate? :)
        • cla cla scrive:
          Re: La lingua italiana!!
          mi rispondo più subito: .. è scorretto perché il comparativo di maggioranza di "bene" è "meglio" .. hem...ghghg :)
  • Bellacopia scrive:
    più o meno... bene
    Inconsapevolmente l'autore dell'articolo pare rappresentare l'eccezione alla regola! Conviene leggere, ragazzi, leggere...
    • pentolino scrive:
      Re: più o meno... bene
      ma soprattutto PENSARE! purtroppo molti, ma davvero molti, non lo fanno: si piazzano davanti alla TV a vedere le ultime boiate di
  • Akasha82 scrive:
    mmm si allora...
    si allora secondo questa teoria, io che uso i pc e le console svariate ore al giorno da quando avevo 5 anni(ora ne ho 27), in + leggo quotidianamente e abbondantemente sia su internet che su libri, a quest'ora dovrei essere un genio con un cervello super sviluppato! :D
    • Katana Joe scrive:
      Re: mmm si allora...
      Hai semplicemente il cervello più allenato di chi guarda telenovelas per lo stesso periodo di tempo.Essere un genio è tutta un'altra questione.
      • anonimo scrive:
        Re: mmm si allora...
        Già... sembra che nessuno tenga in considerazione il fatto che il cervello funziona grosso modo come un muscolo.Se lo tieni in allenamento funziona al suo meglio e può anche incrementare le sue prestazioni, ma sei non sei un atleta, non lo diventerai mai...
    • pentolino scrive:
      Re: mmm si allora...
      dipende molto dalla base di partenza...scusami ma con un intervento così le trollate te le cerchi :-)
  • nonsononato ieri scrive:
    Ciarlatani
    Insomma basta!I neurologi ne sanno del cervello quanto io ne so di ORIGAMI.Sono dei veri ciarlatani che strumentalizzano i mass media per farsi pubblicità ingannevole.Quando uno SA REALMENTE una soluzione ad un problema, il problema si risolve!!!!!Qeusti dicono di sapere un mucchio di cose ma poi, se decidono che sei sbagliato, cominciano a darti SCOSSE ELETTRICHE!!!....riempite meglio i vostri spazi redazionali...
    • ndr scrive:
      Re: Ciarlatani

      Qeusti dicono di sapere un mucchio di cose ma
      poi, se decidono che sei sbagliato, cominciano a
      darti SCOSSE
      ELETTRICHE!!!

      ....riempite meglio i vostri spazi redazionali......eh?Guarda che i buchi del muro non sono lì per infilarci le dita...E quell'omino con il cacciavite in mano è un elettricista, non un neurologo...
    • anonimo scrive:
      Re: Ciarlatani
      Non sarai nato ieri, ma dici cazzate oggi!
  • povero italiano scrive:
    povero italiano
    ma dai siamo seri PIU' BENE .... ma come avete fatto a prendere il diploma di 5 elementare !!!!!!!
  • Massimilian o Pupillo scrive:
    più bene....
    "meglio", non "più bene"... non per essere pignoli, però per favore....
  • francososo scrive:
    buono a sapersi !
    buono a sapersi ! 8)
Chiudi i commenti