Lo strano caso Bip Mobile

L'operatore virtuale conferma i disservizi e promette il ripristino delle comunicazioni. La colpa sarebbe di un fornitore che ha staccato la spina. Della questione si occupa da mesi l'AGCOM
L'operatore virtuale conferma i disservizi e promette il ripristino delle comunicazioni. La colpa sarebbe di un fornitore che ha staccato la spina. Della questione si occupa da mesi l'AGCOM

È una storia di accuse reciproche e di complesse questioni legali da dirimere quella che riguarda oltre 200mila clienti Bip Mobile, trovatisi improvvisamente senza più poter chiamare o mandare SMS a ridosso del Capodanno. Coinvolte ci sono la stessa Bip Mobile, Tre che è l’operatore sulla cui rete si appoggia il servizio Bip, e Telogic: quest’ultima è un MVNE, ovvero un “enabler” a cui si appoggiano parecchi MVNO ( Mobile Virtual Network Operator ) per far funzionare le proprie SIM senza dover realizzare per intero l’infrastruttura tecnologica. La sofferenza finanziaria di Telogic ha dato il via a un effetto domino, che è culminato nel blackout Bip di fine 2013. Una storia che non ha ancora un finale, e soprattutto per ora non ha neppure un responsabile chiaro.

il comunicato bip mobile

Le radici della vicenda vanno cercate prima dell’estate: è allora che in sede AGCOM si inizia a discutere della complessa situazione economica di Telogic, che lamenta il mancato pagamento del servizio da parte di alcuni suoi clienti (tra cui la stessa Bip Mobile) che starebbe condizionando a sua volta il saldo delle fatture emesse da Tre. In periodo di crisi è una situazione piuttosto comune: se si blocca il flusso di liquidi in entrata diventa difficile riuscire a soddisfare tutti i propri fornitori, e così l’Authority aveva provato a sentire le parti coinvolte per cercare di arrivare a un accordo che garantisse soprattutto i clienti , ignari del complesso castello tecnico costruito per garantire il funzionamento del loro cellulare.

Telogic di fatto fornisce a parecchi MVNO gli strumenti necessari a erogare il servizio: il ruolo dell’ enabler , definito e riconosciuto dalla stessa AGCOM, è quello di interfacciarsi con l’infrastruttura del MNO ( Mobile Network Operator , in questo caso Tre) e fornire ai suoi clienti l’accesso a chiamate dati, SMS, collegamento Internet ed eventualmente altri pezzi del puzzle (ad esempio il billing). A complicare ulteriormente la questione c’è il fatto che le SIM e le numerazioni abbinate sono invece emesse e siano gestite direttamente dall’operatore : quest’ultimo le fornisce agli MVNO secondo precisi accordi, realizzando quindi un canale parallelo al primo. In definitiva, in questo caso per tenere in piedi il servizio occorre sia fare affari con l’enabler (nella pratica un intermediario) che con l’operatore titolare.

Nonostante la delibera AGCOM intimasse ai soggetti coinvolti di provvedere a garantire il servizio ai clienti almeno fino al 31 gennaio 2014, e di avvisarli con largo anticipo in caso di distacco imminente (un annuncio in tal senso andava fatto 30 giorni prima), quanto accaduto pare sia esattamente l’opposto: i titolari di un’utenza Bip si sono ritrovati da un momento all’altro sconnessi dalla rete, inizialmente senza riuscire a comprendere il perché. In seguito è stata la stessa Telogic a spiegare , tramite comunicato stampa, che a causa della morosità di Bip Mobile si è vista costretta a chiudere i rubinetti: la dinamica è stata confermata da Bip stessa, con uno stringato comunicato sulla propria homepage dove inoltre rassicura di stare provvedendo a ripristinare il servizio rivolgendosi ad altri fornitori. Non più tardi di due settimane fa , Bip Mobile era già intervenuta ufficialmente per smentire qualsiasi voce di chiusura imminente.

A questo punto finiscono le certezze. Non si sa esattamente quando Bip riavvierà la fornitura del servizio ai propri clienti. Non si sa se al momento sia comunque possibile procedere alla portabilità del proprio numero verso un altro operatore e con che tempi: il fatto che le SIM siano emesse e le numerazioni gestite da Tre dovrebbe fornire qualche rassicurazione in tal senso, ma non è chiaro quale sia lo status quo ( anche in caso di fallimento, comunque, credito e numero dovrebbero essere salvaguardati ). Non si sa quale sia il motivo che ha causato questa presunta ingente morosità di Bip nei confronti di Telogic. Non si sa se la mossa di Telogic di staccare la spina sia o meno rispettosa delle regole e della decisione di AGCOM: la mancata comunicazione in anticipo della cessazione potrebbe costare cara alle aziende coinvolte, anche se al momento non è chiaro a chi sarebbe spettato dare pubblica notizia di quanto stava per succedere, né è possibile stabilire ora quale tipo di comunicazioni siano intercorse tra Telogic e Bip Mobile prima del distacco.

Inutile dire che le reazioni online a quanto successo non sono state benevole nei confronti dei soggetti coinvolti. Su Facebook è stato creato un gruppo di discussione pubblico nel quale i clienti Bip si stanno fornendo reciprocamente le informazioni ottenute nei singoli punti vendita, per tentare di raccapezzarsi nella questione: qualcuno parla di ricorsi al Corecom regionale, ma realisticamente è ancora troppo presto per prendere decisioni di questo tipo. A parte la scarna comunicazione sul proprio sito, per ora Bip Mobile non ha fornito ulteriori dettagli su quali siano i suoi prossimi passi per tentare di ripristinare il servizio. Telogic resta per ora sulle proprie posizioni. AGCOM avrà senz’altro qualcosa da ridire sull’intera faccenda , di cui per ora fanno le spese innanzi tutto gli utenti messi al centro di una diatriba tra aziende.

Luca Annunziata

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

02 01 2014
Link copiato negli appunti