L'orologio atomico preciso quanto l'universo

Creato il primo orologio atomico in grado di misurare "l'ora esatta" con una precisione più duratura dell'intera esistenza dell'universo conosciuto. Un orologio più preciso potrebbe essere implementato solo nello spazio

Roma – I ricercatori del National Institute of Standards and Technology (NIST) hanno sviluppato un nuovo orologio atomico, un dispositivo talmente preciso da non perdere un solo secondo in 15 miliardi di anni. Talmente preciso, in sostanza, da mantenere l’ora esatta per un tempo superiore all’attuale età stimata dell’universo.

L’ultimo orologio “standard” del NIST è basato sull’uso degli atomi di stronzio – elemento metallico con numero atomico 38 estremamente reattivo – e una serie di laser pensati per tenere “ferme” le particelle elementari o per misurare le variazioni energetiche degli orbitali atomici.

La misurazione delle suddette variazioni energetiche corrisponde al “tick” e al “tock” dell’orologio, e il meccanismo è tanto preciso da risultare sensibile ai cambiamenti nella forza di gravità: spostando l’orologio di soli due centimetri comporterebbe un cambiamento nelle misurazioni.

Implementare una tecnologia per la misurazione del tempo standard più precisa richiederebbe insomma di un viaggio sulla Stazione Spaziale Internazionale, mentre per quanto riguarda gli utilizzi del nuovo orologio si va dalla sincronizzazione di PC e gadget mobile tramite protocollo NTP agli studi sui fenomeni quantistici, il campo gravitazionale terrestre e la materia oscura.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bubba scrive:
    la mia voce e' il mio passaporto. verif
    "La mia voce è il mio passaporto. Verificatemi."gran film :D
  • Luca scrive:
    ma no....la biometria cicca!
    E così salta fuori che le impronte digitali non sono un buon modo per accedere...ma va? Sono un buon modo per identificare al massimo, ma per dare acXXXXX è una sonora *****!
    • Etype scrive:
      Re: ma no....la biometria cicca!
      - Scritto da: Luca
      E così salta fuori che le impronte digitali non
      sono un buon modo per accedere...ma va? Sono un
      buon modo per identificare al massimo, ma per
      dare acXXXXX è una sonora
      *****!Questo su Android Galasy Samsung.
  • Etype scrive:
    BIO
    Tutte cose ampiamente prevedibili,poi bisogna vedere come fai l'attacco,comunque nessuno ti obbliga ad usare i sensori biometrici.
    • Scettico scrive:
      Re: BIO
      Sono le solite trovate marketing solo gli applecorinati credono a queste trovate della biometria.
      • Etype scrive:
        Re: BIO
        Erano presenti anche prima su alcuni portatili,raramente però li ho visti utilizzare.
        • Shiba scrive:
          Re: BIO
          - Scritto da: Etype
          Erano presenti anche prima su alcuni
          portatili,raramente però li ho visti
          utilizzare.Io lo uso per sudo e lockscreen. La /home cifrata ovviamente si sblocca con passphrase.
        • ... scrive:
          Re: BIO
          - Scritto da: Etype
          Erano presenti anche prima su alcuni
          portatili,raramente però li ho visti
          utilizzare.da noi in ufficio tutti gasati perche' "posso sbloccare il portatile con l'impronta, fico! cosi' lo poss sbloccare solo io col mio dito e nessun altro!"... poveri XXXXXXXXX....
    • Ubezio scrive:
      Re: BIO
      per "rubare" le impronte avranno usato gli orsetti gommosi come per il pippone
  • panda rossa scrive:
    Le impronte non possono cambiare
    E il vincitore del premio Lapalisse 2015 se lo aggiudica il ricercatore che ha scoperto che i dati biometrici non possono cambiare!Una scoperta davvero sconvolgente se si pensa che sono almeno 20 anni che a Hollywood hanno messo in evidenza questo fatto con sequenze di dita mozzate e cornee cavate, al solo scopo di superare porte chiuse da dati biometrici.Complimenti davvero!
    • HuSkY scrive:
      Re: Le impronte non possono cambiare
      e con l'avvento dei tablet, la mano intera
      • Marco scrive:
        Re: Le impronte non possono cambiare
        le tue impronte il governo le han dalla visita naja, basta prendersele.a meno di non esser proprio "giovine"
        • Zack scrive:
          Re: Le impronte non possono cambiare
          - Scritto da: Marco
          le tue impronte il governo le han dalla visita
          naja, basta
          prendersele.
          a meno di non esser proprio "giovine"O tu non hai fatto la naja o non hai visto le impronte prese durante quel periodo. Nienre di più che macchie di inchiostro ... ben dura da usare
    • Gru scrive:
      Re: Le impronte non possono cambiare
      Non e' vero che le impronte non si possono cambiare basta bruciarsi le dita con l'acido
      • Scettico scrive:
        Re: Le impronte non possono cambiare
        Sarà ma così non le hai cambiate le hai proprio cancellate.Poi ci racconterai come accedi al telefono dopo.....(rotfl)(rotfl)La biometria è tutta una bufala.
        • Gru scrive:
          Re: Le impronte non possono cambiare
          Non sono un medico e non so se dopo aver passato i polpastrelli nell'acido poi la pelle le ricostruisce uguali e quanto tempo ci vuole ma molti immigrati fanno cosi' per non farsi scoprire.
          • Etype scrive:
            Re: Le impronte non possono cambiare
            non ti sembra un tantino esagerato ? :DChe poi sarebbe anche illegale farlo....
          • Zack scrive:
            Re: Le impronte non possono cambiare
            - Scritto da: Etype
            non ti sembra un tantino esagerato ? :D
            Che poi sarebbe anche illegale farlo....Che poi si riformano sufficientemente simi :-) quindi sei al sicuro solo per un certo epriodo di tempo
Chiudi i commenti