LucasArts, elegia videoludica

Disney annuncia la chiusura della fortunata casa di sviluppo fondata nell'impero LucasFilm. Annullati tutti i progetti interni, 150 dipendenti licenziati. I fan piangono titoli storici come Monkey Island

Roma – Lo sconforto di milioni di appassionati, a più di trent’anni dall’avvio della grande avventura del regista George Lucas nell’intrattenimento videoludico. Fondata in California nel maggio 1982, la divisione LucasFilm Games era diventata LucasArts otto anni più tardi, dopo la prima sperimentazione della formula punta e clicca nel leggendario Maniac Mansion . A poco più di cinque mesi dall’ acquisizione miliardaria del gigante LucasFilm, i vertici di Disney hanno annunciato la chiusura di una delle case di produzione più amate .

Pubblicato nel 1990, Il Segreto di Monkey Island diventerà uno tra i titoli più acclamati dai videogamer di tutto il mondo, diretto da Ron Gilbert – “Per me è sempre stata LucasFilm Games, mai LucasArts”, ha commentato colui che ha dato vita all’avventuroso arcipelago caraibico – con protagonista l’aspirante pirata Guybrush Threepwood. Quasi vent’anni dopo, Il Segreto di Monkey Island verrà aggiornato per le nuove esperienze di gioco su console e tablet.

Nel comunicato diramato dai vertici di Disney, un totale di 150 dipendenti di LucasArts dovrà trovarsi una nuova occupazione. Tutti i progetti interni alla casa di produzione videoludica – compresi gli attesi capitoli First Assault e 1313 della saga Guerre Stellari, ovviamente legati in maniera indissolubile alla società fondata da George Lucas – verranno dismessi, mentre la stessa Disney continuerà a concedere in licenza le attuali proprietà dell’intrattenimento firmato LucasArts .

Dalla prima avventura grafica tridimensionale di Grim Fandango all’innovativo motore grafico Script Creation Utility for Maniac Mansion ( SCUMM ), LucasArts ha segnato tre generazioni di appassionati dei videogame. In particolare abbracciando i milioni di seguaci della fortunatissima saga cinematografica Guerre Stellari, ormai con l’acquolina in bocca per l’uscita del nuovo capitolo (videoludico) 1313 .

È vero che l’attuale produzione di LucasArts non ha più rispecchiato quella capacità innovativa ammirata prima del nuovo millennio. A parte le nuove versioni dei vecchi giochi come Monkey Island , la società californiana non era riuscita a rinverdire i fasti del glorioso passato. L’annuncio di Disney ha però lasciato un vuoto tra i vecchi fan, nostalgici per la fine dello spirito videoludico piuttosto che per la fine dei nuovi progetti di sviluppo.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Daniele scrive:
    Ma che calcoli...???
    Non so se nessuno si è accorto di questo dettaglio, ma troviamo scritto "Di questi 100 milioni di dollari, circa 40 milioni arriveranno dal National Institutes of Health, 50 milioni dall'agenzia DARPA (interessata soprattutto al trattamento dei veterani con disturbi psicologici) e 20 milioni dalla National Science Foundation. Il resto arriverà da istituti, fondazioni e aziende private interessate al sucXXXXX dell'iniziativa come Qualcomm."Dunque, se la matematica non è un'opinione: 40+50+20=110!!!Più quelli privati... ma non dovevano essere 100 milioni?!Mah, questa matematica...
  • il solito bene informato scrive:
    [OT] che fassstidio...
    Quant'è irritante questa mania degli anglofoni di creare acronimi per qualsiasi cosa!Un acronimo per un istituto di ricerche sul cervello che suona come "cervello"... ma braaavi!scusate, non ho ancora avuto la mia dose di caffè con panna (semi-Cit.)
    • Leguleio scrive:
      Re: [OT] che fassstidio...

      scusate, non ho ancora avuto la mia dose di caffè
      con panna
      (semi-Cit.)Pronti![img]http://coffeemarket.com.au/wp-content/uploads/2011/12/irish-coffee.jpg[/img]
    • illegale scrive:
      Re: [OT] che fassstidio...
      - Scritto da: il solito bene informato
      Quant'è irritante questa mania degli anglofoni di
      creare acronimi per qualsiasi
      cosa!
      Un acronimo per un istituto di ricerche sul
      cervello che suona come "cervello"... ma
      braaavi!Ci sono cose ben più irritanti... tipo te. (ghost)
    • Funz scrive:
      Re: [OT] che fassstidio...
      - Scritto da: il solito bene informato
      Quant'è irritante questa mania degli anglofoni di
      creare acronimi per qualsiasi
      cosa!
      Un acronimo per un istituto di ricerche sul
      cervello che suona come "cervello"... ma
      braaavi!Beginner's All-Purpose Symbolic Instruction CodeUniting and Strengthening America by Providing Appropriate Tools Required to Intercept and Obstruct Terrorism Act Common Business-Oriented Language (oppure Completely Obsolete Business-Oriented Language) (ma non è una parola di senso compiuto) Completely Automated Public Turing test to tell Computers and Humans Apart(anche questa non è che abbia molto senso compiuto)WINE Is Not an Emulator (ricorsivo)Data-Analysing Robot Youth Lifeform
      • Leguleio scrive:
        Re: [OT] che fassstidio...
        - Scritto da: Funz
        - Scritto da: il solito bene informato

        Quant'è irritante questa mania degli
        anglofoni
        di

        creare acronimi per qualsiasi

        cosa!

        Un acronimo per un istituto di ricerche sul

        cervello che suona come "cervello"... ma

        braaavi!

        Beginner's All-Purpose Symbolic Instruction Code

        Uniting and Strengthening America by Providing
        Appropriate Tools Required to Intercept and
        Obstruct Terrorism Act


        Common Business-Oriented Language (oppure
        Completely Obsolete Business-Oriented Language)
        (ma non è una parola di senso compiuto)


        Completely Automated Public Turing test to tell
        Computers and Humans
        Apart
        (anche questa non è che abbia molto senso
        compiuto)Sul punto specifichiamo che esistono acronimi non più percepiti come tali, perché diventati col tempo nomi comuni; e acronimi inversi, cioè parole già esistenti o inventate che solo a posteriori vengono spiegate con acronimi.Del primo esempio fanno parte l'inglese radar (in realtà un acronimo un po' irregolare) e probabilmente l'espressione italiana "a ufo" (corruzione di AUF = ad usum fabricae; ma non c'è accordo fra i linguisti). Del secondo esempio ricordo principalmente la FIAT, ovviamente fabbrica italiana automobili Torino, ma il fatto che l'inizio del Genesi in latino abbia l'espressione <I
        Fiat lux </I
        aveva il suo peso, agli inizi; l'OVRA, la temuta polizia segreta voluta da Mussolini, parola inventata lì per lì, e solo in seguito spiegata come "Opera Volontaria di Repressione Antifascista", "Organizzazione di Vigilanza e Repressione dell'Antifascismo", "Organo di Vigilanza dei Reati Antistatali"... Un caso particolare di acronimo inverso è stata la SIP, inizialmente acronimo (regolare) di Società Idrica Piemontese; in seguito reinterpretata come Società italiana per l'esercizio telefonico, che non solo è un acronimo a cui manca un pezzo, ma suona involontariamente comico (cos'è l'esercizio telefonico?).Nel 1978 Alberto Camerini si è divertito a creare l'acronimo inverso di un'immaginaria entità, la società ORGASMO: Organizzazione Rivoluzionaria per il Godimento della Azione Spontanea e Migliori Orizzonti. Si sente all'inizio della canzone comici cosmetici:http://www.youtube.com/watch?v=a_7qwWNISC4
        • Funz scrive:
          Re: [OT] che fassstidio...
          - Scritto da: Leguleio
          - Scritto da: Funz


          - Scritto da: il solito bene informato


          Quant'è irritante questa mania degli

          anglofoni

          di


          creare acronimi per qualsiasi


          cosa!


          Un acronimo per un istituto di ricerche
          sul


          cervello che suona come "cervello"... ma


          braaavi!



          Beginner's All-Purpose Symbolic Instruction
          Code



          Uniting and Strengthening America by
          Providing

          Appropriate Tools Required to Intercept and

          Obstruct Terrorism Act





          Common Business-Oriented Language (oppure

          Completely Obsolete Business-Oriented
          Language)

          (ma non è una parola di senso compiuto)





          Completely Automated Public Turing test to
          tell

          Computers and Humans

          Apart

          (anche questa non è che abbia molto senso

          compiuto)

          Sul punto specifichiamo che esistono acronimi non
          più percepiti come tali, perché diventati col
          tempo nomi comuni; e acronimi inversi, cioè
          parole già esistenti o inventate che solo a
          posteriori vengono spiegate con
          acronimi.eccolo! Quando c'è da puntualizzare non ti batte nessuno! :p
          Del primo esempio fanno parte l'inglese radar (in
          realtà un acronimo un po' irregolare) e
          probabilmente l'espressione italiana "a ufo"
          (corruzione di AUF = ad usum fabricae; ma non c'è
          accordo fra i linguisti). Del secondo esempioQuesta me l'hanno raccontata giusto domenica scorsa, a proposito dei marmi della val d'Ossola trasportati via fiume verso Milano, che scampavano ai dazi, circostanza guarda caso proprio citata sulla Wikipedia
          ricordo principalmente la FIAT, ovviamente
          fabbrica italiana automobili Torino, ma il fatto
          che l'inizio del Genesi in latino abbia
          l'espressione <I
          Fiat lux </I

          aveva il suo peso, agli inizi; l'OVRA, la temuta
          polizia segreta voluta da Mussolini, parola
          inventata lì per lì, e solo in seguito spiegata
          come "Opera Volontaria di Repressione
          Antifascista", "Organizzazione di Vigilanza e
          Repressione dell'Antifascismo", "Organo di
          Vigilanza dei Reati Antistatali"... Un caso
          particolare di acronimo inverso è stata la SIP,
          inizialmente acronimo (regolare) di Società
          Idrica Piemontese; in seguito reinterpretata come
          Società italiana per l'esercizio telefonico, che
          non solo è un acronimo a cui manca un pezzo, ma
          suona involontariamente comico (cos'è l'esercizio
          telefonico?).
          Nel 1978 Alberto Camerini si è divertito a creare
          l'acronimo inverso di un'immaginaria entità, la
          società ORGASMO: Organizzazione Rivoluzionaria
          per il Godimento della Azione Spontanea e
          Migliori Orizzonti. Si sente all'inizio della
          canzone comici
          cosmetici:Dove ci si iscrive? :D
  • Leguleio scrive:
    Nella stessa maniera
    " ...e nella stessa maniera del Progetto Genoma Umano tutti i dati e le scoperte raccolti verranno vagliati (anche da un punto di vista etico) e resi disponibili al mondo intero tramite Internet ."Paragone illuminato: il progetto genoma è al centro di roventi polemiche perché parti del codice genetico sono state brevettate. La questione della brevettabilità dei geni (intesi come sequenze di DNA, non come individui dalla capacità eccezionali) è pendente presso la Corte Suprema degli Stati Uniti:http://www.patentlyo.com/patent/2012/11/supreme-court-has-granted-cert-in-the-myriad-case-question-are-human-genes-patentable.html
    • attonito scrive:
      Re: Nella stessa maniera
      hai letto la mia proposta? che ne pensi?
    • Skywalker scrive:
      Re: Nella stessa maniera
      Puntualizzazione: i "Progetto Genoma" erano due. Uno privato partito dopo da uno che inizialmente lavorava per l'altro, , meno dettagliato, scoperto in diverse occasioni a "curiosare" l'altro, ma che inizialmente procedeva ad un ritmo più spedito.L'altro pubblico, inizialmente solo USA, partito prima, molto più dettagliato, ma che è andato lento fino alla comparsa dell'altro: il timore di una "privatizzazione" del Genoma ha serrato i ranghi tra tutte le strutture del mondo portandolo di fatto a terminare prima dell'altro, anche se fu fatto un "annuncio congiunto" in cui si diceva di aver finito insieme.Ed infatti tutte lo società che perseguono l'obbiettivo di farsi riconoscere brevetti sul Genoma pagano la prima delle due per avere acXXXXX a dati che la seconda fornisce gratuitamente.Il secondo non è per niente controverso, anzi, "togliere ossigeno" alle rivendicazioni sulle sequenze genetiche era uno degli scopi noti seppur non dichiarabili.Perdonami la puntualizzazione, ma credo apprezzerai.
      • Leguleio scrive:
        Re: Nella stessa maniera
        - Scritto da: Skywalker
        Il secondo non è per niente controverso, anzi,
        "togliere ossigeno" alle rivendicazioni sulle
        sequenze genetiche era uno degli scopi noti
        seppur non
        dichiarabili.Speriamo che il progetto BRAIN sia analogo al secondo progetto genoma, allora. Partire già con l'idea che le scoperte fatte saranno brevettabili e inutilizzabili dalla scienza per ben 20 anni non è per nulla incoraggiante.
Chiudi i commenti