Lucchetto AACS, un'altra chiave diventa pubblica

Un altro smanettone di Doom9 ha trovato un tipo di chiave che permette di bypassare la protezione AACS dei dischi Blu-ray e HD DVD e ripparne il contenuto su hard disk

Roma – La credibilità della tecnologia DRM adottata da Blu-ray e HD DVD ha subito un nuovo colpo. Un hacker che si fa chiamare “ATARI Vampire” ha infatti pubblicato sui forum di Doom9.org un terzo metodo per decrittare i film in alta definizione protetti con il sistema AACS.

Se lo smanettone noto come muslix64 era riuscito a trovare il modo per ottenere le volume key , utilizzabili per decodificare singoli lotti di film, e più di recente arnezami aveva scovato la processing key , che permette di decodificare tutti i film in circolazione, ATARI Vampire afferma di aver messo le mani sulla device key del noto player WinDVD 8: questa chiave permette di decrittare qualsiasi film riproducibile con WinDVD.

Per ottenere la chiave, ATARI Vampire afferma di essersi servito della stessa tecnica utilizzata da arnezami per individuare, nella memoria del suo PC, la processing key.

Di recente è poi stato pubblicato un software, AnyDVD HD , che sembra utilizzare un quarto metodo per oltrepassare le protezioni AACS.

Ancora una volta va sottolineato come la tecnologia AACS, di per sé, non possa ancora dirsi craccata, tuttavia le debolezze alla base dei software di riproduzione che la implementano minacciano seriamente l’utilità di questo lucchetto. È un po’ come se si imbottisse la propria auto di sensori antifurto ma chiunque potesse procurarsi, con una certa facilità, una copia della propria chiave.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Gatto Selvaggio scrive:
    Finalmente
    Hardware con le specifiche chiare, inclusa magari una tavola della verità per ingressi e uscite.Rabasto una scheda di qualche anno fa che potrebbe funzionare sul mio vecchio computer, un chip con cui potrei riparare una mia scheda, un componente qualsiasi.Come faccio a sapere se è guasto o funziona?Applico agli ingressi le diverse combinazioni di zeri e uni nei valori di tensione specificati e guardo che le uscite corrispondano.
    • Anonimo scrive:
      Re: Finalmente
      - Scritto da: Gatto Selvaggio
      Hardware con le specifiche chiare, inclusa magari
      una tavola della verità per ingressi e
      uscite.

      Rabasto una scheda di qualche anno fa che
      potrebbe funzionare sul mio vecchio computer, un
      chip con cui potrei riparare una mia scheda, un
      componente
      qualsiasi.
      Come faccio a sapere se è guasto o funziona?
      Applico agli ingressi le diverse combinazioni di
      zeri e uni nei valori di tensione specificati e
      guardo che le uscite
      corrispondano.Per non parlare delle infinite possibilità di modding... si vede che chi parla di effetti negativi per i progettisti non sa di cosa sta parlando: è come dire che l'esistenza dei circuiti integrati è nefasta per gli assemblatori... è luddismo!Poter costruire una macchina utilizzando soluzioni già esistenti e libere può essere una manna dal cielo.
  • Anonimo scrive:
    Il monopolio delle licenze
    Oggi il mondo del software è in mano per il 90% alla FSF, stesso fenomeno succederà per l'hardware.Ma dico... sapete che i contratti di licenza li potete fare senza passare per stallman e compagnia bella?Sapete che applicando licenze GNU alla vostra applicazione/hardware, questi ultimi diventano potenzialmente di proprietà del barbuto nel momento in cui nasce una controversia sui diritti?Sapete che per essere difesi dalla FSF dovete cedere a loro il copyright?Chi pubblica sotto gpl è come una pecorella e stallman il suo pastore.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il monopolio delle licenze
      - Scritto da:
      Oggi il mondo del software è in mano per il 90%
      alla FSF, stesso fenomeno succederà per
      l'hardware.

      Ma dico... sapete che i contratti di licenza li
      potete fare senza passare per stallman e
      compagnia
      bella?

      Sapete che applicando licenze GNU alla vostra
      applicazione/hardware, questi ultimi diventano
      potenzialmente di proprietà del barbuto nel
      momento in cui nasce una controversia sui
      diritti?

      Sapete che per essere difesi dalla FSF dovete
      cedere a loro il
      copyright?

      Chi pubblica sotto gpl è come una pecorella e
      stallman il suo
      pastore.Pubblichi sotto una licenza già scritta, non è che ti affidi alle fantasie di Stallman.L'open source esiste perchè ce n'è bisogno, stop.Prima di tuonare dimmi cosa gira sul tuo router "windows è sicuro, basta usare un router/firewall."È un'affermazione divertentissima, vuol dire"windows è sicuro, basta che sul gateway ci sia linux!"Ti piacciono Spiderman, il signore degli anelli, Star Wars?Per realizzarli era necessario un prodotto di discreta qualità su cui si potessero mettere le mani per fare modifiche.L'open source è NECESSARIO.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il monopolio delle licenze

        Ti piacciono Spiderman, il signore degli anelli,
        Star
        Wars?
        Per realizzarli era necessario un prodotto di
        discreta qualità su cui si potessero mettere le
        mani per fare
        modifiche.

        L'open source è NECESSARIO.Ora si spiega perchè la nuova trilogia di Star Wars faceva così schifo.Grazie opensource :@
        • Anonimo scrive:
          Re: Il monopolio delle licenze
          - Scritto da:

          L'open source è NECESSARIO.

          Ora si spiega perchè la nuova trilogia di Star
          Wars faceva così
          schifo.Gli effetti speciali erano eccellenti.

          Grazie opensource :@You're welcome.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il monopolio delle licenze
        - Scritto da:
        certo e come no, resta il fatto che per far
        valere la licenza GPL sul tuo software devi
        cedere i diritti alla
        FSFNo.
        • Anonimo scrive:
          Re: Il monopolio delle licenze
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          certo e come no, resta il fatto che per far

          valere la licenza GPL sul tuo software devi

          cedere i diritti alla

          FSF

          No.http://www.gnu.org/licenses/why-assign.it.htmlci sei rimasto male, vero?ricorda: stallman non ha mai lavorato un solo giorno in tutta la sua vita
  • Anonimo scrive:
    Ottima cosa un archivio centralizzato
    E' proprio necessaria una cosa del genere se si vuole far si che la filosofia open abbia un reale sviluppo e non si limiti solo a clonare (e sdoppiare) quanto vede in giro
    • Anonimo scrive:
      Re: Ottima cosa un archivio centralizzato
      - Scritto da:
      E' proprio necessaria una cosa del genere se si
      vuole far si che la filosofia open abbia un reale
      sviluppo e non si limiti solo a clonare (e
      sdoppiare) quanto vede in
      girohttp://tech-www.informatik.uni-hamburg.de/vhdl/http://www.freemodelfoundry.com/welcome.htmlhttp://www.opencores.org/browse.cgi/by_categoryhttp://www.leox.org/http://www.gaisler.com/cms4_5_3/index.php?option=com_content&task=view&id=109&Itemid=35http://www.rtems.org/http://ecos.sourceware.org/http://www.opencollector.org/....
      • Anonimo scrive:
        Re: Ottima cosa un archivio centralizzat
        Come non detto, allora ha ragione l'autore dell'altro post.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ottima cosa un archivio centralizzat
          - Scritto da:
          Come non detto, allora ha ragione l'autore
          dell'altro
          post.no, si tratta semplicemente di avere degli strumenti di base per costruire delle applicazioni. Le ditte vendono hardware, tools di sviluppo, supporto, ip-cores ottimizzati per la loro tecnologia. Io posso avere tools di base, ip-cores generici,.. in modo da poter sviluppare la mia applicazione senza perdere mesi e mesi di lavoro per fare delle cose basilari (ben conosciute e descritte in vari testi), che sono "semplici", ma richiedono tanto tempo per l'implementazione ed i vari test.é un po' come avere, per un programmatore, un compilatore come gcc, librerie standard, algoritmi già pronti per la compressione o il sort,...non é che poi non c'é niente da fare o non c'é spazio per il commercio, semplicemente chiunque può cominciare, poi sta a te aggiungere qualcosa, o se non puoi, paga e avrai per esempio un compilatore della intel ottimizzato per i loro processori
          • Anonimo scrive:
            Re: Ottima cosa un archivio centralizzat
            Per fortuna che non basta un cp per avere una copia di un hw...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ottima cosa un archivio centralizzat
            - Scritto da:
            Per fortuna che non basta un cp per avere una
            copia di un
            hw...crollerebbe il modello socio/economico attuale, ma non capisco perché vi fa così schifo un mondo dove quasi tutto é gratis e garantito. Tutte le innovazioni tecnologiche dovrebbero avere un ritorno diretto alla gente. Il problema é che se lo stato ha una fabbrica, impiega 100 persone, poi si inventa il motore a scoppio e queste persone diventano superflue, semplicemente il lavoro necessario per persona nella società diminuisce; se una ditta privata licenzia 100 persone e non abbassa i prezzi ha semplicemente arricchito se stessa ed ha impoverito tanta tanta gente....e poi ci sarebbero diverse cose che mi vengono in mente da copiare :p ..e alla fine un bel rm :$
  • Anonimo scrive:
    addio progettisti elettronici
    Anche nell'hardware resteranno solo più operai del terzo mondo che premono il bottone di una macchina sforna chip.... e IBM,HP,ecc. saranno contente di assumere meno personale
    • Anonimo scrive:
      Re: addio progettisti elettronici
      - Scritto da:
      Anche nell'hardware resteranno solo più operai
      del terzo mondo che premono il bottone di una
      macchina sforna chip.... e IBM,HP,ecc. saranno
      contente di assumere meno
      personalesenza una reale condivisione del sapere(progetti, schemi, etc)non c'è evoluzione; il resto sta a chi sa prendere le migliori soluzione e metterle insieme.(linux)
      • Anonimo scrive:
        Re: addio progettisti elettronici


        senza una reale condivisione del sapere
        (progetti, schemi, etc)
        non c'è evoluzione; il resto sta a chi sa
        prendere le migliori soluzione e metterle
        insieme.
        (linux)Certo, infatti siamo arrivati fino al 2007 condividendo tutto.
        • Anonimo scrive:
          Re: addio progettisti elettronici
          - Scritto da:



          senza una reale condivisione del sapere

          (progetti, schemi, etc)

          non c'è evoluzione; il resto sta a chi sa

          prendere le migliori soluzione e metterle

          insieme.

          (linux)

          Certo, infatti siamo arrivati fino al 2007
          condividendo
          tutto.UAHAUHA... fino a pochi anni fa vivevo in una grotta poi con la prima GPL mi si è accesa una catasta di legna, poi la ruota e infine il 32" LCD ..Cmq da appassionato trovo molto interessanti queste iniziative rimanendo nel "livello amatoriale".. mi fa solo paura immaginare che i promotori di tali iniziative non si rendano conto delle implicazioni socio economiche che un sistema del genere possa portare nel mondo informatico..Magari il futuro andrà in quella direzione, ma uno "studio" approfondito sulle conseguenze credo sia fondamentale !
          • Anonimo scrive:
            Re: addio progettisti elettronici
            - Scritto da:

            - Scritto da:





            senza una reale condivisione del sapere


            (progetti, schemi, etc)


            non c'è evoluzione; il resto sta a chi sa


            prendere le migliori soluzione e metterle


            insieme.


            (linux)



            Certo, infatti siamo arrivati fino al 2007

            condividendo

            tutto.


            UAHAUHA... fino a pochi anni fa vivevo in una
            grotta poi con la prima GPL mi si è accesa una
            catasta di legna, poi la ruota e infine il 32"
            LCD
            ..

            Cmq da appassionato trovo molto interessanti
            queste iniziative rimanendo nel "livello
            amatoriale".. mi fa solo paura immaginare che i
            promotori di tali iniziative non si rendano conto
            delle implicazioni socio economiche che un
            sistema del genere possa portare nel mondo
            informatico..

            Magari il futuro andrà in quella direzione, ma
            uno "studio" approfondito sulle conseguenze
            credo sia fondamentale !Non capisco veramente da quale genere di paranoie sei assalito ?Forse hai letto troppo Topolino con gli scontri tra Paperino e Anacleto, forse temi che il tuo vicino costruisca un terminator da mandarti contro.
          • Anonimo scrive:
            Re: addio progettisti elettronici
            lol, in effetti non capisco nemmeno io di che hanno paura, piuttosto già che ci sono, che ci permettano anche di fabbricarceli in casa i microchipuna volta si andava a legna e ferro, e bene o male tutti volendo potevano farsi ciò che gli piaceva...oggi fra silicio, plastica e brevetti, siamo schiavi di pochi... ben vengano ste iniziative
          • Anonimo scrive:
            Re: addio progettisti elettronici
            - Scritto da:
            lol, in effetti non capisco nemmeno io di che
            hanno paura, piuttosto già che ci sono, che ci
            permettano anche di fabbricarceli in casa i
            microchipGuarda che non e' mica vietato... Basta che spendi qualche decina di miloni di E per le apparecchiature necessarie.
            una volta si andava a legna e ferro, e bene o
            male tutti volendo potevano farsi ciò che gli
            piaceva...
            oggi fra silicio, plastica e brevetti, siamo
            schiavi di pochi... ben vengano ste
            iniziative
          • Anonimo scrive:
            Re: addio progettisti elettronici

            UAHAUHA... fino a pochi anni fa vivevo in una
            grotta poi con la prima GPL mi si è accesa una
            catasta di legna, poi la ruota e infine il 32"
            LCD ..c'e' stato un uomo che ha scoperto il fuoco e se non ti avesse fatto vedere come si fa (GPL), noi staremmo ancora nelle grotte...o forse dovremmo ancora oggi pagare le royalty agli eredi, ogni volta che abbiamo voglia di accendere un fuocherello...idem per la ruota e per tutti i progressi di conoscenza che abbiamo avuto...quindi e' grazie ai principi della GPL che tu, oggi, ti puoi godere il tuo LCD
          • Anonimo scrive:
            Re: addio progettisti elettronici
            - Scritto da:


            UAHAUHA... fino a pochi anni fa vivevo in una

            grotta poi con la prima GPL mi si è accesa una

            catasta di legna, poi la ruota e infine il 32"

            LCD ..

            c'e' stato un uomo che ha scoperto il fuoco e se
            non ti avesse fatto vedere come si fa (GPL), noi
            staremmo ancora nelle
            grotte...
            o forse dovremmo ancora oggi pagare le royalty
            agli eredi, ogni volta che abbiamo voglia di
            accendere un
            fuocherello...

            idem per la ruota e per tutti i progressi di
            conoscenza che abbiamo
            avuto...

            quindi e' grazie ai principi della GPL che tu,
            oggi, ti puoi godere il tuo
            LCDche fanatico!allora anche la scuola dell'obbligo e la biblioteca di alessandria sono GPL, bella invenzione la GPLsei impregnato di fanatismo e non te ne accorgi
          • Anonimo scrive:
            Re: addio progettisti elettronici
            - Scritto da:

            - Scritto da:




            UAHAUHA... fino a pochi anni fa vivevo in una


            grotta poi con la prima GPL mi si è accesa una


            catasta di legna, poi la ruota e infine il 32"


            LCD ..



            c'e' stato un uomo che ha scoperto il fuoco e se

            non ti avesse fatto vedere come si fa (GPL), noi

            staremmo ancora nelle

            grotte...

            o forse dovremmo ancora oggi pagare le royalty

            agli eredi, ogni volta che abbiamo voglia di

            accendere un

            fuocherello...



            idem per la ruota e per tutti i progressi di

            conoscenza che abbiamo

            avuto...



            quindi e' grazie ai principi della GPL che tu,

            oggi, ti puoi godere il tuo

            LCD

            che fanatico!

            allora anche la scuola dell'obbligo e la
            biblioteca di alessandria sono GPL, bella
            invenzione la
            GPL

            sei impregnato di fanatismo e non te ne accorgiche bacato che sei...sei impregnato di ottusita' e non te ne accorgi...era un parallelo tra la proprieta' intellettuale e la condivisione
          • Anonimo scrive:
            Re: addio progettisti elettronici
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:






            UAHAUHA... fino a pochi anni fa vivevo in
            una



            grotta poi con la prima GPL mi si è accesa
            una



            catasta di legna, poi la ruota e infine il
            32"



            LCD ..





            c'e' stato un uomo che ha scoperto il fuoco e
            se


            non ti avesse fatto vedere come si fa (GPL),
            noi


            staremmo ancora nelle


            grotte...


            o forse dovremmo ancora oggi pagare le royalty


            agli eredi, ogni volta che abbiamo voglia di


            accendere un


            fuocherello...





            idem per la ruota e per tutti i progressi di


            conoscenza che abbiamo


            avuto...





            quindi e' grazie ai principi della GPL che tu,


            oggi, ti puoi godere il tuo


            LCD



            che fanatico!



            allora anche la scuola dell'obbligo e la

            biblioteca di alessandria sono GPL, bella

            invenzione la

            GPL



            sei impregnato di fanatismo e non te ne accorgi

            che bacato che sei...
            sei impregnato di ottusita' e non te ne accorgi...

            era un parallelo tra la proprieta' intellettuale
            e la
            condivisionei tonti e gli incapaci non hanno diritto a godere senza un minimo prezzo del lavoro intellettuale altrui, con buona pace dei "tuttovogliotuttomio"
          • Anonimo scrive:
            Re: addio progettisti elettronici

            i tonti e gli incapaci non hanno diritto a godere
            senza un minimo prezzo del lavoro intellettuale
            altrui, con buona pace dei
            "tuttovogliotuttomio""tuttovogliotuttomio" e' la negazione del principio della condivisione... ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: addio progettisti elettronici
            - Scritto da:


            i tonti e gli incapaci non hanno diritto a
            godere

            senza un minimo prezzo del lavoro intellettuale

            altrui, con buona pace dei

            "tuttovogliotuttomio"

            "tuttovogliotuttomio" e' la negazione del
            principio della condivisione...
            ;)chissà però perchè gli amanti della condivisione generalmente non fanno mai nulla se non scaricare a sbafobasta ad esempio notare che in italia c'è un lug in media ogni milione di abitanti, un record mondiale (da statistiche), tutti vogliono linux, eppure non esiste una distro italiana seria
          • Anonimo scrive:
            Re: addio progettisti elettronici



            i tonti e gli incapaci non hanno diritto a

            godere


            senza un minimo prezzo del lavoro
            intellettuale


            altrui, con buona pace dei


            "tuttovogliotuttomio"



            "tuttovogliotuttomio" e' la negazione del

            principio della condivisione...

            ;)

            chissà però perchè gli amanti della condivisione
            generalmente non fanno mai nulla se non scaricare
            a
            sbafo

            basta ad esempio notare che in italia c'è un lug
            in media ogni milione di abitanti, un record
            mondiale (da statistiche), tutti vogliono linux,
            eppure non esiste una distro italiana
            seriaquesto e' un problema dell'italiano che non ha la cultura della condivisione, solo quella dell'accattonaggio, che si preferisce chiamare furbizia... ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: addio progettisti elettronici

            chissà però perchè gli amanti della condivisione
            generalmente non fanno mai nulla se non scaricare
            a
            sbafo

            basta ad esempio notare che in italia c'è un lug
            in media ogni milione di abitanti, un record
            mondiale (da statistiche), tutti vogliono linux,
            eppure non esiste una distro italiana
            seriaE che si deve faer un'altra distro ancora? Meglio migliorare quelle esistenti. Tra le collaborazioni volontarie vedo un sacco di nomi italiani, mentre i lug, e in generale gli utenti, fanno un gran lavoro di assistenza. Ognuno condivide quello che ha, non quello che non ha, io non sono capace di programmare, aiuto l'utenza.
          • Anonimo scrive:
            Re: addio progettisti elettronici
            - Scritto da:


            chissà però perchè gli amanti della condivisione

            generalmente non fanno mai nulla se non
            scaricare

            a

            sbafo



            basta ad esempio notare che in italia c'è un lug

            in media ogni milione di abitanti, un record

            mondiale (da statistiche), tutti vogliono linux,

            eppure non esiste una distro italiana

            seria

            E che si deve faer un'altra distro ancora? Meglio
            migliorare quelle esistenti. Tra le
            collaborazioni volontarie vedo un sacco di nomi
            italiani, mentre i lug, e in generale gli utenti,
            fanno un gran lavoro di assistenza. Ognuno
            condivide quello che ha, non quello che non ha,
            io non sono capace di programmare, aiuto
            l'utenza.ma che bravo ragazzo, non c'è che dire... andrai in paradiso O)
          • Anonimo scrive:
            Re: addio progettisti elettronici

            basta ad esempio notare che in italia c'è un lug
            in media ogni milione di abitanti, un record
            mondiale (da statistiche), tutti vogliono linux,
            eppure non esiste una distro italiana
            seriahttp://www.sabayonlinux.org/
          • Anonimo scrive:
            Re: addio progettisti elettronici

            allora anche la scuola dell'obbligo e la
            biblioteca di alessandria sono GPL, bella
            invenzione la
            GPL

            sei impregnato di fanatismo e non te ne accorgiGuarda che tutto cio' che usi oggi deriva obbligatoriamente dalla matematica, fisica, chimica ... non c'e' piu' bell'esempio di queste come materie sotto GPL :-D ...Pensa se queste scienze non fossero di dominio pubblico ... forse saresti ancora in una grotta (e questo sarebbe anche cio' che meriteresti).Quanta ignoranza e arroganza che c'e' in questi forum.
          • Anonimo scrive:
            Re: addio progettisti elettronici
            - Scritto da:

            - Scritto da:





            senza una reale condivisione del sapere


            (progetti, schemi, etc)


            non c'è evoluzione; il resto sta a chi sa


            prendere le migliori soluzione e metterle


            insieme.


            (linux)



            Certo, infatti siamo arrivati fino al 2007

            condividendo

            tutto.


            UAHAUHA... fino a pochi anni fa vivevo in una
            grotta poi con la prima GPL mi si è accesa una
            catasta di legna, poi la ruota e infine il 32"
            LCD
            ..

            Cmq da appassionato trovo molto interessanti
            queste iniziative rimanendo nel "livello
            amatoriale".. mi fa solo paura immaginare che i
            promotori di tali iniziative non si rendano conto
            delle implicazioni socio economiche che un
            sistema del genere possa portare nel mondo
            informatico..

            Magari il futuro andrà in quella direzione, ma
            uno "studio" approfondito sulle conseguenze credo
            sia fondamentale
            !L'unica cosa che succederà sarà che Ballmer avrà meno soldi per la cocaina.Ne guadagnerà in salute.
        • Anonimo scrive:
          Re: addio progettisti elettronici

          Certo, infatti siamo arrivati fino al 2007
          condividendo
          tutto.Potevamo arrivarci molto prima se avessimo condiviso.
          • Anonimo scrive:
            Re: addio progettisti elettronici
            - Scritto da:

            Certo, infatti siamo arrivati fino al 2007

            condividendo

            tutto.

            Potevamo arrivarci molto prima se avessimo
            condiviso.se non avessimo condiviso a quest'ora non avresti battuto quei tasti sul computer... che non mi pare sia stato sviluppato di botto da un solo ente o individuoè ovvio che in un mondo di ladroni e furbacchioli, pararsi il cul0 mi sembra più che dovutoil resto sono solo fantasie di ragazzi illuminati dai sandali di un tale stipendiato auto definitosi il profeta del freesoftware
        • Anonimo scrive:
          Re: addio progettisti elettronici
          - Scritto da:



          senza una reale condivisione del sapere

          (progetti, schemi, etc)

          non c'è evoluzione; il resto sta a chi sa

          prendere le migliori soluzione e metterle

          insieme.

          (linux)

          Certo, infatti siamo arrivati fino al 2007
          condividendo
          tutto.vediamo alcuni esempi di comportamenti differenti da parte della stessa società: IBM1) IBM costruisce l'architettura su cui si basano i processori 80x86 e lascia che tutti possano creare il proprio processore derivato dalle specifiche.risultato: l'80x86 è attualmente il più usato modello per la creazione di processori2) IBM crea un protocollo proprietario (ora non ricordo il nome) per la comunicazione di rete, tale protocollo ha limitazioni e restrizioni d'uso che impediscono a chiunque di implementarlo e distribuirlo senza pagare all'IBM quanto da lei richiesto.risultato: il protocollo di IBM è stato abbandonato e ora il protocollo TCP, che allora era canzonato da IBM perché meno efficiente del suo, predomina il mercato delle comunicazioni via rete3) IBM crea il microchanell e lo mantiene proprietario ...risultato: il microchannell è estinto... bastano?
      • Anonimo scrive:
        Re: addio progettisti elettronici
        - Scritto da:
        - Scritto da:

        Anche nell'hardware resteranno solo più operai

        del terzo mondo che premono il bottone di una

        macchina sforna chip.... e IBM,HP,ecc. saranno

        contente di assumere meno

        personale

        senza una reale condivisione del sapere
        (progetti, schemi, etc)
        non c'è evoluzione; il resto sta a chi sa
        prendere le migliori soluzione e metterle
        insieme.
        (linux)certo certo e come no... infatti bisogna ammettere che in 22 anni di FSF, di evoluzioni e invenzioni sotto gpl se ne sono viste tante, oh e come no... una vera manna dal cielo 8)ad esempio, grazie a linux oggi possiamo ammirare il funzionamento di uno storico kernel monolitico unix-like che ha letteralmente massacrato, (peggio di MS), tante aziende software per soluzioni enterprise :'(
        • Anonimo scrive:
          Re: addio progettisti elettronici
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          - Scritto da:


          Anche nell'hardware resteranno solo più operai


          del terzo mondo che premono il bottone di una


          macchina sforna chip.... e IBM,HP,ecc. saranno


          contente di assumere meno


          personale



          senza una reale condivisione del sapere

          (progetti, schemi, etc)

          non c'è evoluzione; il resto sta a chi sa

          prendere le migliori soluzione e metterle

          insieme.

          (linux)

          certo certo e come no... infatti bisogna
          ammettere che in 22 anni di FSF, di evoluzioni e
          invenzioni sotto gpl se ne sono viste tante, oh e
          come no... una vera manna dal cielo
          8)

          ad esempio, grazie a linux oggi possiamo ammirare
          il funzionamento di uno storico kernel monolitico
          unix-like che ha letteralmente massacrato,
          (peggio di MS), tante aziende software per
          soluzioni enterprise
          :'(Ci fai qualche esempio di questo massacro ?Oltra alla tua poversa psiche naturalmente.
          • Anonimo scrive:
            Re: addio progettisti elettronici
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:


            - Scritto da:



            Anche nell'hardware resteranno solo più
            operai



            del terzo mondo che premono il bottone di
            una



            macchina sforna chip.... e IBM,HP,ecc.
            saranno



            contente di assumere meno



            personale





            senza una reale condivisione del sapere


            (progetti, schemi, etc)


            non c'è evoluzione; il resto sta a chi sa


            prendere le migliori soluzione e metterle


            insieme.


            (linux)



            certo certo e come no... infatti bisogna

            ammettere che in 22 anni di FSF, di evoluzioni e

            invenzioni sotto gpl se ne sono viste tante, oh
            e

            come no... una vera manna dal cielo

            8)



            ad esempio, grazie a linux oggi possiamo
            ammirare

            il funzionamento di uno storico kernel
            monolitico

            unix-like che ha letteralmente massacrato,

            (peggio di MS), tante aziende software per

            soluzioni enterprise

            :'(


            Ci fai qualche esempio di questo massacro ?
            Oltra alla tua poversa psiche naturalmente.la tua maleducazione non merita una risposta, spero solo per il tuo sviluppo mentale che tu possa comprendere il seguente grafico dei server web dal 1995 a oggihttp://news.netcraft.com/archives/2006/12/overallc.gif
    • hdd scrive:
      Commento che non c'entra niente.
      - Scritto da:
      Anche nell'hardware resteranno solo più operai
      del terzo mondo che premono il bottone di una
      macchina sforna chip.... e IBM,HP,ecc. saranno
      contente di assumere meno
      personaleBisogna trovare un modo ancora piu' efficiente per gestire la valutazione dei commenti, affinche' commenti come questo, che non hanno alcun riferimento alla notizia, abbiano ancora meno visibilita' e si impedisca cosi' alla gente di originare flames.
Chiudi i commenti