Magic Leap 2 entro l'anno: la realtà mista per i professionisti

Magic Leap 2 per il business, entro l'anno

La nuova iterazione del visore per la Mixed Reality sarà destinata ai frontline worker impegnati sul campo: focus sul concetto di Spatial Computing.
La nuova iterazione del visore per la Mixed Reality sarà destinata ai frontline worker impegnati sul campo: focus sul concetto di Spatial Computing.
Guarda 7 foto Guarda 7 foto

Non è stato un percorso semplice quello fin qui affrontato da Magic Leap, passato dalla promessa non mantenuta di una rivoluzione a una profonda revisione del modello di business che ha portato Peggy Johnson (ex Microsoft e Qualcomm) sulla poltrona di CEO. È lei stessa, in occasione di un'intervista rilasciata alla redazione del sito Polygon, a parlare della seconda generazione del visore per la realtà mista.

La realtà mista per i professionisti: Magic Leap 2

Come ampiamente anticipato il focus è ora del tutto concentrato sull'ambito professionale: niente più applicazioni consumer o intrattenimento videoludico come ipotizzato in un primo momento. Il nuovo dispositivo avrà dimensioni dimezzate rispetto al predecessore (nella galleria di immagini più avanti) e un peso ridotto del 20% circa, grazie a una serie di ottimizzazioni sul fronte del design e della componentistica.

Per vederlo in azione l'attesa non sarà poi così lunga: previsto il lancio entro il 2021 con le prime unità distribuite, poi la commercializzazione su più larga scala all'inizio del prossimo anno. Magic Leap 2 entrerà inevitabilmente in diretta competizione con HoloLens 2 di Microsoft, puntando al segmento dei frontline worker, coloro quotidianamente impegnati in prima linea in settori che vanno dalla sanità all'industria.

Peggy Johnson ha le idee piuttosto chiare. Dopo aver ereditato dal fondatore Rony Abovitz il ruolo di amministratore delegato, si è subito messa all'opera per reinventare una società rimasta schiacciata dal peso delle proprie e altrui aspettative. D'ora in poi tutto ruoterà attorno al concetto di Spatial Computing.

Fonte: Protocol
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti