Mai lasciare foto hard sul cellulare

Il marito di Demi Moore smarrisce il cellulare, pieno di foto - anche intime - della coppia. Lo ritrova un uomo senza scrupoli che tenta un estorsione milionaria, minacciando di pubblicare le immagini

New York – Le foto che ritraggono senza veli l’attrice Demi Moore non sono difficili da reperire in rete. Più difficile sarebbe trovare immagini hard scattate dal marito Ashton Kutcher, se non fosse che proprio lui ha perso il cellulare su cui erano memorizzate immagini di quel tipo. Chi ha trovato il telefonino, con ancor meno scrupoli, ha pensato di approfittarne.

Secondo il National Enquirer , Kutcher avrebbe dimenticato il telefonino sul sedile posteriore di un taxi da lui utilizzato a Valencia, in Spagna. Non è impossibile, ma è difficile al giorno d’oggi trovare un buon samaritano che si premuri di rintracciare il legittimo proprietario di un telefonino smarrito. È più facile – ed è ciò che è avvenuto – che qualcuno approfitti della situazione. Come ha fatto l’uomo che ha rinvenuto il cellulare di Kutcher: nello scorrere il contenuto della memoria dell’apparecchio, ha trovato immagini osé della coppia.

Non è dato sapere se l’uomo abbia capito subito quanto scottante fosse il contenuto del telefonino. Se ne è senz’altro reso conto quando Kutcher, qualche tempo dopo lo smarrimento, ha tentato di chiamare il proprio cellulare, e sentendosi rispondere dall’uomo che lo ha trovato, ha chiesto di riaverlo. Il “furbetto del telefonino” ha temporeggiato e poi ha ricontattato la famiglia Kutcher, rivelando di essere in possesso delle imbarazzanti immagini e chiedendo un “riscatto” pari a un milione di dollari, aggiungendo che – se la richiesta non sarà soddisfatta – le foto sarebbero state vendute ad editori di tutto il mondo.

Non si conoscono, per il momento, gli sviluppi della vicenda. Se quelle foto faranno il giro del mondo, avrà vinto il furbo paparazzo-parassita. Ma potrebbe aver vinto lui anche se non venissero mai pubblicate. Dipende dalle azioni che la famiglia Kutcher vorrà intraprendere.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Sergio Dicandia scrive:
    Perchè solo al Parco e fino al 2009 ?
    A Parigi nei parchi puoi connetterti liberamente, senza registrazioni di alcun tipo, e nessuno teme che questo faciliti le comunicazioni tra i terroristi. Perchè, perchè i nostri governanti non capiscono questo ? Solita ignoranza ? O ha ragione Grillo, sono vecchi e rinc****iti ? O è la solita lobby delle telecom, che non portano la banda larga nel Paese, ma proteggono il poco che c'è con inutili barriere tecnologiche ?
    • ingiuriuoso scrive:
      Re: Perchè solo al Parco e fino al 2009 ?
      Mioddio, e se poi al parco si incontrassero di persona? Come li si potrebbe controllare? No, meglio chiuderlo del tutto.
Chiudi i commenti