Ekata è l'acquisizione di Mastercard per la sicurezza delle transazioni

Verifica identità digitale: Mastercard compra Ekata

Le soluzioni messe a punto da Ekata per la verifica dell'identità digitale troveranno posto nel portfolio di tecnologia controllato da Mastercard.
Le soluzioni messe a punto da Ekata per la verifica dell'identità digitale troveranno posto nel portfolio di tecnologia controllato da Mastercard.

Da segnalare oggi una nuova acquisizione nel territorio delle soluzioni di pagamento: il colosso delle carte di credito Mastercard ha annunciato in via ufficiale di aver allungato le mani su Ekata, azienda che ha messo a punto una soluzione legata al concetto di identità digitale e fino al giugno 2019 conosciuta con il nome Whitepages Pro.

Ekata è l’acquisizione di Mastercard per la sicurezza delle transazioni

L’investimento economico messo sul piatto per portare a termine con successo la trattativa e giungere alla stretta di mano tra le parti è quantificato in 850 milioni di dollari. Tra gli strumenti offerti dalla realtà comprata, alcuni sono già adottati da mercanti, marketplace e società che operano nell’ambito finanziario (tra i clienti anche Lyft, Stripe, Equifax, Checkout.com e Intuit), al fine di migliorare la sicurezza delle transazioni processate e dei servizi offerti, prevenendo truffe e altre azioni malevole attuate dai cybercriminali.

Il prodotto di punta del portfolio Ekata si chiama Pro Insight, un software-as-a-service che analizza il fattore di rischio fornendo dettagli sull’identità e ricevendo informazioni critiche per dare agli agenti di revisione la possibilità di determinare il livello di rischio di ogni transazione. Riportiamo di seguito in forma tradotta la dichiarazione attribuita ad Ajay Bhalla, numero uno della divisione Cyber and Intelligence Solutions di Mastercard.

Con l’aggiunta di Ekata evolveremo le nostre capacità legate all’identità e offriremo ai clienti un modo più sicuro nonché privo di frizioni per provare di essere chi sostengono, nell’ambito della nuova economia digitale.

Fonte: Mastercard
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti