McDonald's, esperimenti geolocalizzati

Maxischermo con gioco interattivo per il fast food, che a Stoccolma sfrutta le potenzialità della diffusione degli smartphone

Roma – Si chiama Pick ‘n Play la nuova originale iniziativa pubblicitaria di McDonald’s, che in una piazza di Stoccolma sfrutta il maxischermo solitamente utilizzato per i messaggi pubblicitari tradizionali per invitare i passanti a giocare a Pong.


Il controller non è altro che il proprio smartphone e la cosa interessante è che non c’è bisogno di scaricare un’app apposita, ma semplicemente di connettersi al sito picknplay.se che verificherà che l’utente sia geolocalizzato nelle vicinanze del cartellone.

Arrivato il suo turno, il passante potrà giocare: in premio , se si resiste per 30 secondi, una consumazione omaggio nel più vicino McDonald’s, a cui porterà il sito stesso con un servizio di indicazioni localizzate. ( C.T. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • asd scrive:
    ma se non riescono a connettere
    nemmeno le zone limitrofe lombarde... ma dai....
  • Francesco scrive:
    Marketing forever
    Marketing forever... ovvero parole parole parole per vendere sempre la solita puffa: cavi marci, rete fatiscente, gestione incompetente ed arrogante.Non so per quale motivo il caro Prodi abbia svenduto in malo modo uno degli asset più importanti di un paese moderno, ma spero solo che gli arrivi almeno il 3% degli accidenti che gli ho inviato in questi ultimi dieci anni.
  • pacca scrive:
    Ma quanto è importante la Rete ?
    Si parla che il 50% di italiani non usa la Rete. Mi piacerebbe sapere se in questa statistica ci sono dati riguardo la distribuzione dell'informatizzazione per fascia d'età. Le generazioni anziane (età
    60), se non era necessario, non hanno imparato ad utilizzare il computer e quindi nemmeno l'utilizzo di Internet. Vedo mia madre, ultra settantenne, che continua a leggere i quotidiani in forma cartacea e non sui siti o in formato pdf (non è nello stile di vita a cui è abituata, mi ha detto che era troppo complicato). Eppure usa il cellulare e scrive sms. Quindi ritengo che se il 50% di italiani non recepisce "l'importanza di essere connessi" .. magari è perchè per loro non è importante.
    • Francesco scrive:
      Re: Ma quanto è importante la Rete ?
      Potrei risponderti semplicemente con: serve alle aziende, serve allo Stato stesso. E questo basterebbe.E' vero ci sono persone culturalmente tagliate fuori dal mondo di internet, ma saranno sempre più marginali nella società e si ridurranno mano a mano che i nostri genitori muoriranno.Notare che per molta gente internet non vuol dire computer, conosco tante persone che sanno solo accendere il computer ed arrivare al browser, ma poi usano internet a tutto spiano, da youporn alla stipula dell'RC auto. Queste persone arriveranno nel giro di altri dieci anni ad essere la stragande maggioranza della società, internet offre troppi vantaggi per essere ignorata.
      • pacca scrive:
        Re: Ma quanto è importante la Rete ?
        Ma certo, mi trovi d'accordo su quello che dici.Il mio pensiero era + che altro sul quel "50%" scritto nell'articolo.Se fosse il 50% delle aziende che non usa la rete, sarebbe da preoccuparsi.Ma dire genericamente "il 50% degli italiani... " non da l'idea del problema. Potrebbe non essere nemmeno un problema.
  • eymerich scrive:
    Nel 2020
    Ormai non sono più nemmeno bravi a rubare ... questo vuole 8 anni per arraffara tutto il possibile e poi scappare da qualche altra parte.Ma dove sono finiti quegli affaristi bravi e competenti a cui bastavano 2-3 anni a fare polpette di un'azienda sana?
    • Francesco scrive:
      Re: Nel 2020
      Ti scordi che Telecom non è certo un'azienda sana... un conto è tagliare il filetto, altro spolpare un osso.
  • me medesimo scrive:
    Peggio del peggio
    Servizio clienti penoso, servizi amministrativi penosi, comunicazione penosa ma soprattutto uno stato della rete da terzo mondo, altro che twitter team dei miei stivali.
  • Fabio PandaR1 scrive:
    Tutte belle parole...
    ...ma io abito in genova centro e vado a meno di 2 mega quando va bene perche' mi hanno connesso a una centrale distante 6 km con dei doppini marci, altro che banda larga... e i doppini son roba di telecom, ci vorrebbe tanto arrivare almeno dentro ai quartieri in fibra invece che con doppini vecchi di 30 anni?
Chiudi i commenti