McNealy: Microsoft potrebbe alterare XML

Il boss di Sun teme che Microsoft possa corrompere XML con implementazioni proprietarie. Secondo McNealy non ci si può fidare di Microsoft. Perché - afferma - ha già tentato di fare la stessa cosa con Java


San Francisco (USA) – Durante il discorso d’apertura tenuto presso la conferenza per sviluppatori JavaOne, Scott McNealy, CEO di Sun, ha colto l’occasione per punzecchiare la sua avversaria di sempre, Microsoft.
In particolare, McNealy si è detto preoccupato dalla possibilità che Microsoft possa “alterare” lo sviluppo di XML creando, sotto Windows, estensioni o implementazioni proprietarie.

XML, al pari dell’HTML, è un meta linguaggio standard promosso dal W3C che si trova ormai alla base delle principali piattaforme per i Web service, inclusa MS.NET.

“Vogliamo essere in grado di proteggere le interfacce volute dagli organismi di standardizzazione e che rischiano di essere distorte (da Microsoft, NdR)? Stiamo attenti alle API piratesche di un grande monopolista. Quando ti offrono tool gratuiti di sviluppo non abboccare se non si tratta di standard aperti”.

“Scusatemi se sono scettico sull’approccio di Microsoft – ha poi commentato McNealy – ma loro erano obbligati per contratto a mantenere la compatibilità con Java, e non lo hanno fatto. Quale tipo di impegno possono ora garantire a chiunque su XML? Chi ci dice che non faranno con XML quello che hanno fatto con Java?”.

McNealy si riferisce al noto caso legale che qualche anno fa costrinse Microsoft a pagare a Sun 20 milioni di dollari per aver rilasciato implementazioni di Java non compatibili con lo standard. Proprio di recente Sun ha presentato un’altra denuncia contro Microsoft per come questa avrebbe gestito Java, una denuncia in cui chiede, fra le altre cose, che il big di Redmond venga costretta a distribuire Java insieme a Windows XP e Internet Explorer e renda pubblico il codice sorgente di quest’ultimo.

Durante il suo keynote, McNealy ha poi puntato il dito sulla diffusa pratica, da parte degli operatori del Web, di rendere i loro siti compatibili esclusivamente con Internet Explorer: una situazione che, secondo il boss di Sun, pone una seria minaccia per tutto il futuro del Web.

Appellandosi alle centinaia di sviluppatori intervenuti a JavaOne, McNealy ha loro raccomandato di accertarsi sempre che le proprie applicazioni server-side siano compatibili con ogni browser e rispettino gli standard aperti.

“Vent’anni fa – ha poi concluso McNealy – c’erano centinaia e centinaia di comunità di sviluppatori. Ogni architettura binaria ed ogni microprocessore ne aveva una. Ora siamo arrivati ad averne solo due: quella Java e quella MS.NET. Abbiamo bisogno che tutti voi siate nostri discepoli. Non voglio lasciare i miei figli in un mondo di control-alt-delete e MSN”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Andrea Rotty Alfonsi scrive:
    gib...
    bellissimi tempi passati su gib :(
  • theBlooder scrive:
    Grande GIB!
    Mi scende la lacrimuccia a pensare che il mio netgaming adolescenziale lo passai su quella piattaforma!
  • Anonimo scrive:
    ciao GiB!
    Ero un membro del GiB team, ancora oggi a distanza di anni mi scende la lacrimuccia quando penso a quei giorni gloriosi.Ciao gib!Assone
  • Anonimo scrive:
    La natura dell'Internet
    Internet e' un media "democratico" e in questo differisce sia dagli altri media sia dai sistemi commerciali della "terraferma".Mi spiego meglio: se vuoi aprire un negozio hai bisogno di autorizzazioni e licenze, adempimenti, tasse ecc. ecc. . Poi devi pagare l'affitto , l'arredamento , il personale ecc. Un discreto investimento e un'impegno notevole, quindi non alla portata di tutti.Su internet invece puoi offrire al pubblico un servizio praticamente a costo zero, senza burocrazia e senza adempimenti. Questo permette a tutti gli appassionati di divenire essi stessi fornitori di servizi per puro divertimento e non per lucro.Puntualizziamo che internet nasce proprio in questo modo, sono i commercianti ad essere entrati dopo in un mondo che aveva gia' le sue regole e le sue usanze.Due anni fa sentivi parlare di Internet paragonata alla "nuova frontiera" , come se si fosse trattato di un nuovo continente da conquistare e colonizzare.Nessuno pero' ha fatto i conti con gli indigeni.Internet e' l'unico media democratico esistente , ognuno di noi puo' essere al tempo stesso utente e fornitore e questa e' una situazione bellissima e stimolante ma non quadra con i progetti commerciali che hanno bisogno di un bacino di utenti passivi.L'internet non e' quindi una terra di conquista ma piuttosto una enorme comunita' di persone che interagiscono tra loro, piu' che ad un immenso supermarket assomiglia ad un infinito circolo culturale. Che c'e' di male?Evidentemente agli utenti il web piace cosi' com'e' , con la sua democraticita' e la sua pseudo anarchia, perche' mai dovrebbe cambiare?Non funziona il businnes? E chi se ne frega!A noi basta poter comunicare, dialogare , imparare, essere un pochino protagonisti magari facendo un proprio sito , per puro divertimento e soddisfazione personale. Diciamoci la verita', chi sente la mancanza delle decine di siti commerciali che hanno chiuso nell'ultimo anno? Io non la sento per niente.La rete sembra essere vaccinata , sembra un lento immenso fiume che , quando qualcuno tenta di deviarlo, ritorna sempre lentamente e inesorabilmente nel proprio alveo originario.E questo a me piace molto, e' naturale.paolox , webmaster di www.kontrokultura.org(sito di informazione con zero costi e zero ricavi che si sente perfettamente a suo agio nel mare di internet e non ha bisogno di far pagare nessuno)
    • Anonimo scrive:
      Re: La natura dell'Internet

      Su internet invece puoi offrire al pubblico
      un servizio praticamente a costo zero, senza
      burocrazia e senza adempimenti. per adesso...;-)
      Puntualizziamo che internet nasce proprio in
      questo modo, sono i commercianti ad essere
      entrati dopo in un mondo che aveva gia' le
      sue regole e le sue usanze.
      Due anni fa sentivi parlare di Internet
      paragonata alla "nuova frontiera" , come se
      si fosse trattato di un nuovo continente da
      conquistare e colonizzare.
      Nessuno pero' ha fatto i conti con gli
      indigeni.h-arrogance...;-)
      che ad un immenso supermarket assomiglia ad
      un infinito circolo culturale. Che c'e' di
      male?che non consumi...;-)
      Diciamoci la verita', chi sente la mancanza
      delle decine di siti commerciali che hanno
      chiuso nell'ultimo anno? Io non la sento per
      niente.si ma quelli che ci lavoravano dentro magari lo sentono...;-)
      La rete sembra essere vaccinata , sembra un
      lento immenso fiume che , quando qualcuno
      tenta di deviarlo, ritorna sempre lentamente
      e inesorabilmente nel proprio alveo
      originario.nah, non proprio...purtroppo...
  • Anonimo scrive:
    OVVIO
    Se si vuole un servizio, e se questo servizioè mosso da persone, che investono risorse, tempo,etc, bisogna PAGARE !!poco magari,ma bisogna pagare.
  • Anonimo scrive:
    Perche' nessuno vuole pagare
    perche' e' scomodo o non ci si fida. Chi non puo' permettersi di buttare 50? all'anno anche per un servizio inutile come quello offerto da GIB? Pero' pochi o nessuno hanno voglia di dare in pasto A CHIUNQUE i dati della carta di credito - che si chiami Pincopallo o Western Union perche' HA PAURA (e non senza buoni motivi...) e pochi o nessuno hanno voglia di impicciarsi in contrassegni o altri stupidi sistemi di pagamento. Vedrete come cambiera' la musica quando troveranno un sistema per farci pagare con comodo e senza patemi...
    • Anonimo scrive:
      Re: Perche' nessuno vuole pagare
      La possibilità di subire una frode online, fornendo il numero della carta, è di gran lunga inferiore al rischio che si corre pagando una cena con la stessa carta.Ma siccome "online" = pericolo e "online" = deve essere gratis... Meglio evitare come la peste.
      • Anonimo scrive:
        Re: Perche' nessuno vuole pagare
        quando dici che e' meno rischioso pagare online piuttosto che al ristorante hai ragione, e' quasi sempre vero se ci riferiamo a siti AFFIDABILI - l'assioma online=gratis secondo me DEVE essere cosi' e vedrai che lo sara' - internet e' in questo momento come era la TV privata all'inizio degli anni 80 qua in Italia: deregulation quasi totale, contenuti a caso, molto fermento dove tutti sgomitavano per trovarsi uno spazio di visibilita', e pubblicita' a palate - nessuno ha mai chiesto di pagare una lira per essere visto e c'e' chi e' sparito e chi e' rimasto e cosi' sara' anche nel web perche' il web, e' bene che sia chiaro, e' UN MEDIA, molto simile alla TV con in piu' soltanto(!) l'INTERATTIVITA'.
        • Anonimo scrive:
          Re: Perche' nessuno vuole pagare
          - Scritto da: d...x
          Non sono molto d'accordo;
          il web è molto di più di un media.hai assolutamente ragione - infatti ho scritto che in piu' c'e' l'interattivita' che non e' cosa da poco. Il punto che hai sollevato e' proprio il nocciolo della questione: separiamo allora internet in 2 parti: entertainment (giochi, gossip, audio e video streaming, ecc...) da servizi UTILI (e-commerce, healt-care, ecc...) ecco che allora viene fuori che abbiamo ragione un po' tutti: pagare si' ma solo quello che e' giusto
  • Anonimo scrive:
    Riflessione #345
    La propensione all'acquisto "all'infinito" non esiste. E la scelta attualmente, dei fornitori di qualsiasi cosa che riguardi l'informatica, punta al ... "all'affitto". Non è più possibile acquistare una cosa che sia tua, con cui fai quello che ti pare.Tutti ti spingono all'acquisto infinito, alla "fedeltà" ... per cui le cartucce delle stampanti durano 20 pagine per il colore e 130 per il nero ... i programmi tendono a diventare servizi, tutti detengono proproietà e vogliono affittare licenze a termine.Beyh, questo è quello che VORREBBERO i venditori.Ma gli utenti hanno i soldi che hanno.Sono certo che tutti hanno apprezzato, ma non è certo per "cattiveria" e scrocconeria che non pagano.I conti li fanno loro tanto quanto li fanno gli utenti.Sono dispiaciuto per ogni servizio che scompare (che è buono perché dimostra cosa "si può" fare) ... ma non mi posso sentire eccessivamente in colpa se sto attento al portafoglio.Non voglio che nessuno muoia di fame o venga sfruttato, né tra chi produce ne tra chi consuma.Ogni volta che entro al cinema pago.Per questo ci vado una sola volta. Poi se proprio mi piace, mi comprerò una videocassetta, che mi vedrò quante volte voglio.La propensione attuale è di riuscire a farmi pagare ancora e ancora e ancora .....Saluto GIB e li apprezzo e rispetto.Capirete certamente che CHI gioca fa i conti SENZA uno stipendio.
  • Anonimo scrive:
    valore di un bene
    Ci sono dei beni fondamentali di cui tutti noi abbiamo bisogno: primi su tutti quelli alimentari perché tutti mangiamo e beviamo.Poi ci sono le spese per l'elettricità il telefono, le spese per la casa ecc..Poi andando scendendo a seconda dello stile di vita di ognuno di noi le necessità di differenziano notevolmente.Alla fine della classifica per tutti noi ci sono dei beni non indispensabili su cui investiamo una parte dei nostri soldi per puro svago e piacere(es: film, sigarette, cd musicali).Un'azienda che si occupa di beni non indispensabili deve assicurarsi che ci sia un'adeguata domanda da parte del pubblico.E' chiaro che quando un servizio gratuito diventa a pagamento il numero degli utenti è destinato a calare. Però se il numero cala così tanto da non permettere la sopravvivenza dell'azienda vuol dire che si è sopravvalutato il bacino di utenza.A questo punto ci si potrebbe lamentare degli utenti ingrati che hanno usato dei servizi gratuitamente e che andandosene hanno fatto fallire l'azienda. Ma secondo me un ragionamento del genere sarebbe ingiusto.Un discorso simile si può fare solo con un ente che fornisce una funzione sociale e che ha degli scopi umanitari. E che quindi va sostenuto anche economicamente per motivazioni morali. Un'azienda che ha solo fini commerciali se fallisce vuol dire che ha sbagliato modello di business oppure che ha fatto delle previsioni sbagliate sull'appetibilità dei propri prodotti una volta diventati a pagamento.
  • Anonimo scrive:
    Figli della bolla speculativa di 2/3 anni fa?
    A cavallo del 1999/2000, potevi raccogliere molti fondi solo con un idea. Io mi immagino le riunioni dicendo "quando il mercato sarà maturo ci saranno un sacco di profitti etc. etc." purtroppo sull'onda del nsdaq si potevano trovare molti investitori disposti a tirare fuori tanti soldi. Penso (purtroppo) che ci dovremo abituare queste notizie.Forse è meglio avere 1000 utenti a pagamento che 1.000.000 gratis? mah...In bocca al lupo allo staff di gib comunque! :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Figli della bolla speculativa di 2/3 anni fa?

      Forse è meglio avere 1000 utenti a
      pagamento che 1.000.000 gratis? mah...Ne bastano meno, probabilmente. Comunque ipotizzandone mille e ipotizzando un costo annuale di 50? (irrisorio), diventano 50.000? = 97.000.000 delle vecchie Lire... Direi che per un annetto possono bastare. Ipotizziamo 500 utenti, il guadagno diventa pari a circa 48.000.000 all'anno, direi sempre molto buono. Idem per un abbonamento pari a 25?/anno per mille utenti.Basta poco. Solo che gli utenti sono degli scrocconi assurdi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Figli della bolla speculativa di 2/3 anni fa?


        Ne bastano meno, probabilmente. Comunque
        ipotizzandone mille e ipotizzando un costo
        annuale di 50? (irrisorio), diventano
        50.000? = 97.000.000 delle vecchie Lire...

        Direi che per un annetto possono bastare.
        Ipotizziamo 500 utenti, il guadagno diventa
        pari a circa 48.000.000 all'anno, direi
        sempre molto buono. Idem per un abbonamento
        pari a 25?/anno per mille utenti.

        Basta poco. Solo che gli utenti sono degli
        scrocconi assurdi.Ehm.... calcolati costi e tasse ti rimane giusto il 25% di quella cifra...... sicuro che basti ?
        • Anonimo scrive:
          Re: Figli della bolla speculativa di 2/3 anni fa?
          se vivi a pane e acqua in una comune ce la fai...ma chi e' che posta queste emerite cazzzzzzateeee?
          • Anonimo scrive:
            Re: Figli della bolla speculativa di 2/3 anni fa?
            forse pensano che GIB e NGI e PI e tutti gli altri sono siti gestiti da una persona sola.. :Dcmnq... ho trovato questo.. http://corporate.ngi.it/ita/Progetto%20Bilancio%202001%20NGI%20SpA.pdfse qualcuno sa' leggere.. di costi puri hanno 4 miliardi... eh beh... sicuramente con 90 milioni anno si puo' campare molto...
  • Anonimo scrive:
    La colpa degli utenti??ma siamo impazziti!!
    Che cazzo di discorsi fate,io darei la colpa allo stato,telecom a come cazzo ci stanno facendo vivere...rendetevi conto che se uno vuol giocare online deve avere un buon pc x prima cosa(soldi a nn finire),avere come minimo isdn,comprarsi il gioco originale(100k come minimo)tralasciando i soldi spesi x software vari,forse è sbagliata la politica che c'è intorno a internet??ma no,diamo la colpa agli utenti,a quelli che si spaccano il culo tuttto il giorno al lavoro e che nn vedono l'ora di rillasarsi facendo una fraggata tra amici.....disgustorama!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: La colpa degli utenti??ma siamo impazziti!!
      Toh guarda.. per andare a sciare/giocare tennis/pallavolo/pallacanestro/hockey quel ca**o che ti pare... devo comprate tuta/pantaloncini/scarpe/attrezzatura/mazze blah blah... e poi sti' barboni vogliono anche farmi pagare il campetto/pista da sci/palaghiaccio.. oppure devo andare a giocare su un campo di patate con le reti bucate (se ci sono)... ma che mondo di merda... io voglio poter fare quello che voglio senza pagare guarda te'.
      • Anonimo scrive:
        Re: La colpa degli utenti??ma siamo impazziti!!
        Intanto chiedo a papà i soldi della benza perchè devo andare al Leonka a farmi due canne. Libertè, egalitè, non voglio mica paghè.
    • Anonimo scrive:
      Re: La colpa degli utenti??ma siamo impazziti!!

      rendetevi conto che se uno vuol giocare online
      deve avere un buon pc x prima cosa(soldi a nn
      finire),avere come minimo isdn,comprarsi il
      gioco originale(100k come minimo)tralasciando i
      soldi spesi x software vari,forse è sbagliata
      la politica che c'è intorno a internet??Forse sono sbagliati gli utenti, come ci dimostri tu: spendi soldi per TUTTO tranne che per una cosa, fondamentale: il SERVIZIO che ti permette di usare il tuo giocattolo. Hai fatto un ragionamento da bambino pacioccoso figlio di papà.
      ma no,diamo la colpa agli utenti,a quelli che
      si spaccano il culo tuttto il giorno al lavoro
      e che nn vedono l'ora di rillasarsi facendo una
      fraggata tra amici.....disgustorama!!!!Mentre tu ti rilassi sul tuo joistick unticcio, altri lavorano per darti un servizio aggratis. Forse non lo sai ma il tuo Piccì costa molto meno di un qualsiasi server (ed una qualsiasi connessione) di un servizio come GIB, NGI, ecc.Scroccone, come tanti altri utenti (leggiti post in merito, capirai a cosa alludo).
      • Anonimo scrive:
        Re: La colpa degli utenti??ma siamo impazziti!!
        - Scritto da: 100?
        Mentre tu ti rilassi sul tuo joistick
        unticcio, altri lavorano per darti un
        servizio aggratis. Forse non lo sai ma il
        tuo Piccì costa molto meno di un qualsiasi
        server (ed una qualsiasi connessione) di un
        servizio come GIB, NGI, ecc.

        Scroccone, come tanti altri utenti (leggiti
        post in merito, capirai a cosa alludo). Parole sante !!!!x la serie, nessuno sa quanto costa un server dual processor e la sua manutenzione, specialmente se di server ce ne sono diverse centinaia da sostenere, e la banda da pagare ad albacom.......io e il mio clan avevamo acquistato anke il server privato da loro, ora stiamo con le gambe x aria !!! e nn dire ke nessuno vuol pagare !!
        • Anonimo scrive:
          Re: La colpa degli utenti??ma siamo impazziti!!

          .......io e il mio clan avevamo acquistato anke
          il server privato da loro, ora stiamo con le
          gambe x aria !!! e nn dire ke nessuno vuol
          pagare !!Non ho mai detto "NESSUNO IN ASSOLUTO" ma la maggior parte. Tu sei un esempio, come te ce ne sono altri :D sicuramente. Ma siete in pochi e comunque non abbastanza.
      • Anonimo scrive:
        Re: La colpa degli utenti??ma siamo impazziti!!
        - Scritto da: 100?

        rendetevi conto che se uno vuol giocare
        online

        deve avere un buon pc x prima cosa(soldi a
        Forse sono sbagliati gli utenti, come ci
        dimostri tu: spendi soldi per TUTTO tranne
        che per una cosa, fondamentale: il SERVIZIOdirei che come nella vita reale bisognerebbe garantire dei server gratis anche per i pezzenti che a fine mese fanno la fila per ritirare suddidi, stipendi di lavori socialmente inutili ecc.. si potrebbe istituire una fondazione bertinotti per il gaming online gratis ai poveri con sindacati digitali che si oppongono alla cancellazione dell'articolo 18 per le disconnessioni flat senza giusta causa
  • Anonimo scrive:
    NE APPROFITTATO
    GIB.IT NON A FATTO ALTRO CHE USARE LA TECNICA CHE DEFINIREI ?CALAMITA?.NON HANNO FATTO ALTRO CHE ATTIRARE MOLTISSIMI UTENTI, QUANDO HANNO VISTO CHE LE COSA ANDAVANO ALLA GRANDE, HANNO DECISO DI SPECULARCI SOPRA!! QUESTO ACCADE NELLA MAGGIOR PARTE DEI CASI!!! LA RETE STà DIVENTANDO UNA BASTARDATA!!! BYE WWW.TAILOT.CJB.NET
  • Anonimo scrive:
    ne resterà uno solo
    C'è poco da fare, un conto sono i sitarelli gestiti da uno staff di appassionati che si accontentano delle gratificazioni morali e poco più, un conto sono i servizi costosi come questi...Se qualcuno investe, ci deve rientrare, punto.La pubblicità in internet non paga più, bisogna far pagare i servizi. Certo che nessuno però pagherà fintanto che ci sarà un'alternativa altrettanto valida gratuita, e così ne resterà uno solo, che in un regime monopolista potrà imporre i prezzi che gli pare agli utenti.La salvezza è nell'e-commerce, se la massa comincerà ad acquistare on line, gli on line store cresceranno e aumenteranno di conseguenza le entrate pubblicitarie per i siti che fanno utenza... speriamo bene!
  • Anonimo scrive:
    Non facciamo confusione
    Power Gib nasce da circa 2 mesi, e a quanto mi risulta i suoi servizi erano stati offerti alla meta' di quello della concorrenza (NGI) tant'è che i piu attenti avranno seguito la discussione sul forum di gib dove un addetto di NGI inizialmente sotto mentite spoglie faceva delle allusioni sul tipo di servizio dato per quella cifra .... A mio avviso Gib ha sbagliato calcoli, difatti TUTTI I SERVER messi a disposizione sono stati comprati nel giro di pochi giorni, tuttavia questo non è bastato, ma allora uno che deve fare?? la comunita' di gib è talmente affezionata da aver iniziato una raccolta fondi pro GIB .Come sfondo tuttavia si nota una scarsa elasticita' commerciale ed una carenza di idee "cronica" dal punto di vista ricerca fondi.
  • Anonimo scrive:
    ..............
    Distruggere una comunità di decine di migliaia di iscritti...... COMPLIMENTI E.BISCOM, bravi
  • Anonimo scrive:
    enormi costi ????
    gli enormi costi che dobbiamo sostenere per fornire server e servizi di qualità====se si fossero accontentati di meno magari la tiravano avanti fino alla fine dell'anno...certo che se cominci con 200 server su gigabit, senza alcun ritorno economico probabile, allora meglio che non cominci a fare niente...
    • Anonimo scrive:
      Re: enormi costi ????
      Si è anche vero quello che dici ma daltra parte devi competere con NGI in Italia e altri all'estero ben più grossi di NGI. Se metti on-line un paio di server con due giochini in croce tanto vale che lasci perdere.- Scritto da: blah
      gli enormi costi che dobbiamo sostenere per
      fornire server e servizi di qualità
      ====
      se si fossero accontentati di meno magari la
      tiravano avanti fino alla fine dell'anno...
      certo che se cominci con 200 server su
      gigabit, senza alcun ritorno economico
      probabile, allora meglio che non cominci a
      fare niente...
      • Anonimo scrive:
        Re: enormi costi ????

        Si è anche vero quello che dici ma daltra
        parte devi competere con NGI in Italia e
        altri all'estero ben più grossi di NGI. Se
        metti on-line un paio di server con due
        giochini in croce tanto vale che lasci
        perdere.allora avrebbero dovuto mettere giu almeno qualche decina di milliardi senza possibilita di ritirarli...o lo fai per bene o non lo fai...
    • Anonimo scrive:
      Re: enormi costi ????
      Aspetta non hai tenuto in considerazione una cosa.Non sono tanto gli ENORMI costi che hanno costretto GiB a chiudere ma sono stati solo i Costi.Ebiscom ha deciso di non investire piu nel gioco online e ha tagliato gli investimenti riducendoli a 0.Per portare avanti una struttura come quella di GiB ci vogliono una 50ina di milioni di lire al mese.Anche fossero stati solo 5, chi avrebbe dovuto tirare fuori quei soldi? I dirigenti?Non credo proprio. Quello che è successo a GiBsta a dimostrare che gli italiani non sono prontial Gico On Line cosi come molti lo chiamano PRO.Anche a causa della situazione di connettività italiana, e qui penso che la causa sia telecom, con la sua politica monopolistica ci ha fatto restare indietro di almeno un paio d'anni!Quando potremo connetterci ad internet pagando veramente poco allora i soldi che ci resteranno in tasca potranno essere spesi in altro modo, magari proprio nel NetGaming.
      • Anonimo scrive:
        Re: enormi costi ????

        Ebiscom ha deciso di non investire piu nel
        gioco online e ha tagliato gli investimenti
        riducendoli a 0.e infatti e tutto qui la storia...;-)ma mi diverto a leggere tutti gli altri post...
    • Anonimo scrive:
      Re: enormi costi ????
      Siamo alle solite... cosa hai fatto TU per permetterti di giudicare?Come puoi pretendere che qualcuno butti i propri soldi?Certo, se l'affidavano a te ora navigherebbero nell'oro...E poi anche avessero tirato avanti fino alla fine dell'anno che gliene veniva in tasca? La tua gratitudine? Ma mica ci mangi con la gratitudine, la tua poi dev'essere scarna e gommosa, decisamente poco commestibile...da: blah
      gli enormi costi che dobbiamo sostenere per
      fornire server e servizi di qualità
      ====
      se si fossero accontentati di meno magari la
      tiravano avanti fino alla fine dell'anno...
      certo che se cominci con 200 server su
      gigabit, senza alcun ritorno economico
      probabile, allora meglio che non cominci a
      fare niente...
      • Anonimo scrive:
        Re: enormi costi ????

        Siamo alle solite... cosa hai fatto TU per
        permetterti di giudicare?minchia che rock cazzuto...
        Come puoi pretendere che qualcuno butti i
        propri soldi?perche non lo fanno ???? l'hanno sempre fatto, lo fanno e lo faranno sempre...
        Certo, se l'affidavano a te ora
        navigherebbero nell'oro...non ho detto questo...
        E poi anche avessero tirato avanti fino alla
        fine dell'anno che gliene veniva in tasca?
        La tua gratitudine? Ma mica ci mangi con la
        gratitudine, la tua poi dev'essere scarna e
        gommosa, decisamente poco commestibile...non comment anche perche ti commenti da solo...
  • Anonimo scrive:
    Se cominci gratis
    A me tutta questa faccenda fa un po' ridere, amaro ma fa ridere.Insomma, qui abbiamo un sacco di gente che offre servizi vari gratis. Ed ha un certo sucesso, perchè un bel po' di gente usa quel servizio che, se fosse a pagamento, neppure si sognerebbe di usare. I soldi non crescono sugli alberi. Alcuni utenti hanno una quantità limitata di soldi e li spendono secondo una propria scala di priorità, tra cui evidentemente il gioco non occupa i primi posti.Io gioco spesso a backgammon su yahoo, perché è gratis, se dovessi pagarlo non lo farei. Uso le mailing list di yahoo se dovessi pagare un tot all'anno per l'iscrizione al servizio pagherei perchè le ML mi danno di più di una partita a backgammon.E' tutto qui il punto.NOn siamo styati noi utenti a pretendere che voi forniste servizi gratuiti, avete cominciato voi e noi li abbiamo usati; non ce le fate? Provate a chiedere soldi; non ve li diamo? Cambiate mestiere.
    • Anonimo scrive:
      Re: Se cominci gratis
      Ha parlato Tronchetto Provero
    • Anonimo scrive:
      Re: Se cominci gratis
      hai ragione...se una kosa la troviamo gratis ed è legale poi ci fan le menate a noi...kome sei un amiko ti fa un regalo e poi ti dice: "ekko l'hai preso"-_-esempio stupido, ma ki ha orekkie per intendere intenda ("e gli altri? chissà...")
      • Anonimo scrive:
        Re: Se cominci gratis
        Va bene, ma infatti il problema è che poi l'epilogo è esattamente quello: cambiano mestiere.personalmente non l'ho neanche mai visto, 'sto sito, auindi non ne sentirò la mancanza... però se la cosa si allarga arriveremo dove?Per me alla fine di Internet, perolomeno come lo conosciamo oggi. E non penso che si possa protestare, internetto non è un mondo a parte, ha come base il mondo reale dove tutto costa, quindi o raggiungiamo il comunismo (quello vero) o scordatevi che in quello virtuale le cose possano funzionare diversamente dal mondo reale.Qualcuno ha qualche idea?- Scritto da: akiro
        hai ragione...
        se una kosa la troviamo gratis ed è legale
        poi ci fan le menate a noi...

        kome sei un amiko ti fa un regalo e poi ti
        dice: "ekko l'hai preso"
        -_-
        esempio stupido, ma ki ha orekkie per
        intendere intenda ("e gli altri? chissà...")
        • Anonimo scrive:
          Re: Se cominci gratis

          quindi o raggiungiamo il
          comunismo (quello vero) o scordatevi che in
          quello virtuale le cose possano funzionare
          diversamente dal mondo reale.BWUHAHAHAHAHAHAHHAHA!!! Il comunismoooooo...quello veroooooooo.....AHAHAHAHAHHAHAHAHA!!!Che tristezza. Infatti guarda tu come stanno messi nei paesi comunisti (ma forse quello non e' comunismo "vero" , esatto?)...

          Qualcuno ha qualche idea?Si: vai a casa e impara a raggionare!Pol "cablato in fibra comunista vera" Pot
          • Anonimo scrive:
            Re: Se cominci gratis
            Veramente ogni tanto mi stupisco del cervello(??) della gente.. prima o poi chi cabla vorra' dei ritorni (fastweb non produce una mazza come ricavi.. anzi e' un buco senza fondo).. prima o poi chi investe in servizi online vorra' dei ritorni (toh guarda un po' cosa costa un server su una 64k dedicata in housing con banda garantita, sistemi anticendio, sistemi di backup e gia' che ci siamo pure gruppi di continuita')... questo a prescindere da gib/ngi/ilnuovo/repubblica/punto informatico blah blah blah.. prima o poi qualcuno vorra' che i soldi che ha buttato in un progetto ritornino indietro.. a quel punto si dedice... ho buttato i miei soldi in un idea sbagliata (chiudo)... forse recupero qualcosa xe' l'idea era buona (tengo aperto) oppure chissenefrega ho tanti di quei soldi che me ne sbatto (Msn)... i nodi arrivano al pettine "prima o poi"
  • Anonimo scrive:
    perche' gib e non ngi : un'idea...
    Ho seguito ngi e gib dalla loro nascita, quando il gioco online non lo consceva nessuno o quasi.Ngi è cresciuta in fretta, meritatamente, ma con un supporto alle spalle in termini di banda per i server di gioco e organizzazione globale del sito molto migliore di gib. QUASI su tutti i fronti ngi aveva ping migliore e forum + frequentati. Poi gib è rimasto chiuso un sacco di tempo e questo li ha fregati, di fatto.Purtroppo la verità è che il netgaming è oggi fatto da un numero impressionante di coglioncelli molto giovani che vanno pazzi per l'ultimo modello di mouse razor , tappetino e reggicavo (!) per il mouse, cappellino e maglietta. Per carità, tutti i gusti sono giusti, pero' oggi ngi sopravvive grazie a QUESTO tipo di pubblico e cio' che esso compra. Pubblico che compra mooolto piu' di quanto non si facesse 4 anni fa. NGI offre anche una buona, CARA, connettività isdn e adsl, di cui sono utente. Ma senza tanto dispiegamento di forze e marketing in questa direzione, oggi non si cava un ragno dal buco, online.Peccato per gib, ha perso una "prova di forza"
    • Anonimo scrive:
      Re: perche' gib e non ngi : un'idea...
      Direi proprio che hai centrato il nocciolo della questione.
    • Anonimo scrive:
      Re: perche' gib e non ngi : un'idea...
      Reggicavo? o che sarebbe quest'affare? :)))Int
    • Anonimo scrive:
      Re: perche' gib e non ngi : un'idea...
      La penso in maniera diversa.Il fatto è che, in sostanza, questi servizi sono totalmente SUPERFLUI.In realtà per giocare on-line sarebbe, teoricamente, sufficente una buona banda da parte degli utenti ed un forum, anche implementato su server gratuiti, dove i giocatori potrebbero accordarsi e scambiarsi i rispettivi IP.Quasi tutti i giochi che è possibile giocare on-line possono essere giocati anche direttamente da PC a PC senza intermediari, e spesso questa soluzione rende il gioco MOLTO + veloce che non attraverso servizi come NGI, GIB, GameSpy etc.E questo la gente lo sa!Perchè allora pagare per un servizio totalmente superfluo, caro, e poco efficiente?E comunque ricordo a tutti quelli che si lamentano che gli utenti non pagano su Internet, che nessuno è mai stato obbligato a tentare di far soldi con la Rete.Se la gente su internet non vuole pagare NON LA SI PUO' COSTRINGERE; Internet è nata gratuita e personalmente credo che dovrebbe continuare così, è inutile accanirsi a voler mettere in piedi servizi complicati e costosi per i quali non c'è mercato ( e i fatti mi danno ragione ) e che nessuno richiede.E' ovvio che gli utenti se viene loro offerto qualcosa di gratuito lo sfruttano, ma non è detto che ritengano che tale servizio sia meritevole di essere pagato, e nessuno ha diritto di questionare questa loro scelta, proprio perchè è una loro scelta e ne accettano le conseguenze, come la chiusura di GBI e simili, senza disperarsi ma cercando semplicemente delle valide alternative, preferibilmente gratuite.
      • Anonimo scrive:
        Re: perche' gib e non ngi : un'idea...
        Alex si vede ke tu non hai mai giocato in rete !!Se lo avessi fatto, nn credo ke avresti parlato in quel modo.Io sono un netgamer, e gioco su GIB da 2 anni.Giocare con altre persone, invece di giocare con l'I.A. è totalmente diverso e molto più divertente. E poi, sui server si conosce molta gente. Gente ke poi si ha la possibilità di conoscere ai LAN party, ma nn solo.Negli ultimi mesi, Gib ha introdotto i server a pagamento per i clan ke ne volevano uno privato, e la richiesta è stata di gran lunga maggiore alle aspettative, infatti molti dei server pubblici sono stati commutati in privati xkè nn si riusciva a soddisfare tutte le richieste.Ki nn vuole pagare, è la gente come te, ke di netgaming nn ne sa nulla, poichè tutta la comunità di Gib sarebbe disposta a pagare xkè il servizio nn venga sospeso (vai a leggerti i forums).
        • Anonimo scrive:
          Re: perche' gib e non ngi : un'idea...

          Alex si vede ke tu non hai mai giocato in
          rete !!Invece in rete gioco abbastanza spesso, ma solo con servizi gratuiti, tipo quello di Diablo I e II e Gamespy.
          Se lo avessi fatto, nn credo ke avresti
          parlato in quel modo.
          Io sono un netgamer, e gioco su GIB da 2
          anni.
          Giocare con altre persone, invece di giocare
          con l'I.A. è totalmente diverso e molto più
          divertente.Forse non hai letto quello che ho scritto.E' molto facile ed è anche meglio, dal punto di vista della velocità di gioco, giocare direttamente da Pc a PC scambiandosi gli Ip e connettendosi direttamente, prova se non ci credi.
          E poi, sui server si conosce
          molta gente. Gente ke poi si ha la
          possibilità di conoscere ai LAN party, ma nn
          solo.Per questo è sufficiente un forum anche organizzato su di un server gratuito, non servono costosi servizi.
          Negli ultimi mesi, Gib ha introdotto i
          server a pagamento per i clan ke ne volevano
          uno privato, e la richiesta è stata di gran
          lunga maggiore alle aspettative, infatti
          molti dei server pubblici sono stati
          commutati in privati xkè nn si riusciva a
          soddisfare tutte le richieste.Già, le richieste sono state così tante che adesso GIB chiude.....
          Ki nn vuole pagare, è la gente come te, ke
          di netgaming nn ne sa nulla, poichè tutta la
          comunità di Gib sarebbe disposta a pagare
          xkè il servizio nn venga sospeso (vai a
          leggerti i forums).E difatti visto che TUTTA la comunità è disposta a pagare chiudono.....Ma fammi il piacere!...e impara a scrivere invece di kappare a briglia sciolta.
  • Anonimo scrive:
    Utente medio = scroccone
    E' un classico, online tutto DEVE essere gratis. Se è gratis per un anno, va bene. Se poi per OVVI motivi diventa a pagamento, ciao ciao.Inutile mostrare affetto e poi non sborsare una lira quando serve (e magari spendere centinaia di Euro in sigarette e altre cazzate, ovviamente).Io non avrei neanche scritto una lettera, se non per dire che ci sarebbero stati i rimborsi. Utenti non paganti = ingrati = non meritevoli di alcun rispetto.Scrocconi, tutto li.
    • Anonimo scrive:
      Re: Utente medio = scroccone
      Se non sai di cosa parli, stai zitto.Io sono un utente VERO di GiB da piu' di due anni. Quotidianamente ero in contatto con lo staff e ne seguivo gli umori e le passioni, aiutando nel mio piccolo dove potevo.La decisione di e-biscom non ha nulla a che vedere con i tuoi viaggi mentali. Se tu avessi anche solo minimanete seguito la nascita di PowerGIB, cosa che e' evidente che non conosci, non avresti scritto questo messaggio pieno di luoghi comuni del tutto inadatti al caso in questione.Quindi piuttosto che parlare di cose che non sai stai zitto, grazie.
      • Anonimo scrive:
        Re: Utente medio = scroccone
        - Scritto da: Federico
        Se non sai di cosa parli, stai zitto.
        Uhmmm, attenzione!Lui parla in generale a quanto pare.... non ha fatto nomi.La realta` e` quella, purtroppo non c`e` nulla da fare.Gli esempi sono tanti di servizi nati "gratis" e poi "morti".ultima cosa: abbi rispetto per gli altri!
        • Anonimo scrive:
          Re: Utente medio = scroccone

          i parla in generale a quanto pare... Togli pure "a quanto pare". Pensavo fosse evidente. Forse ho toccato un punto dolente? Di solito chi ha la coda di paglia prende fuoco per primo ;-)))
      • Anonimo scrive:
        Re: Utente medio = scroccone

        Se non sai di cosa parli, stai zitto.Grazie caro. So di cosa parlo. E parlo in generale, non della tua grande famiglia GIB.
        Io sono un utente VERO di GiB da piu' di due
        anni. Quotidianamente ero in contatto con lo
        staff e ne seguivo gli umori e le passioni,
        aiutando nel mio piccolo dove potevo.Bravo! Hai fatto benissimo. Sono tutti come te? Non credo proprio. Altrimenti avreste trovato qualche soluzione. A confortare la gente oppure a dire "cazzo mi spiace" siamo bravi tutti. Anche al telefono siamo tutti molto bravi. E soprattutto siamo BRAVISSIMI nel nostro piccolo. Anzi, siamo eccezionali.
        La decisione di e-biscom non ha nulla a che
        vedere con i tuoi viaggi mentali. Non sono viaggi mentali (i miei), ma considerazioni sulal realtà commerciale -di oggi- nel mercato web-oriented italiano. Stacca le mani dal Joistick e informati, capirai di cosa parlo.
        Se tu avessi anche solo minimanete seguito la
        nascita di PowerGIB, cosa che e' evidente che
        non conosci, non avresti scritto questo
        messaggio pieno di luoghi comuni del tutto
        inadatti al caso in questione.Infatti GIB chiude. Forse il luogo comune è credere che basti l'affetto per supportare un servizio costoso che DI FATTO chiude perchè non RENDE.
        Quindi piuttosto che parlare di cose che non
        sai stai zitto, grazie.Non ti scaldare cucciolo, piuttosto infromati.
        • Anonimo scrive:
          Re: Utente medio = scroccone
          torna all'asilo a fare i tuoi giochetti caro utente ben informato, non sai una fava
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone
            e tu sai tutto?
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone
            Dai, spiegami tu, illuminami. Aspetto paziente.
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone
            Non sono qui per dare informazioni gratis a degli ignoranti come te!
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone
            Hahahah "informazioni gratis". Metti un banner nel messaggio allora, così magari raccatti qualche Eurocent. Capisci perchè i servizi come GIB falliscono la loro missione? Perchè ci sono utenti come TE, che vi partecipano.
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone
            Il punto in generale e che un servizio nasce gratis poi le spese diventano insostenibili e ti spara cifre impossibili(del tipo shinystat). e qualsiasi essere si incazza a bestia(giustamente)Non ce senso della misura.Se la telecom facesse meno pretese si potrebbe anche spendere qualche soldo qua e il 90% dei navigatori non trova i soldi per strada.
        • Anonimo scrive:
          Re: Utente medio = scroccone
          - Scritto da: Quello di prima

          Se non sai di cosa parli, stai zitto.se vai in sala giochi a giocare paghi?Direi di sì.Servizi che ti da' GIB *OLTRE AL GIOCO*:1)Puoi giocare in rete con altre persone2)Non ti sposti da casa tua3)Un portale, forum e chat con cui fare community4)Spazio web ERGO: non riesco a capire perchè in sala giochi si paga e su internet no.Se qualcuno me lo spiega sarò qui ad ascoltarlo.ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone
            - Scritto da: tristemente_famoso
            - Scritto da: Quello di prima
            Servizi che ti da' GIB *OLTRE AL GIOCO*:Per cominciare, il gioco te lo compri _tu_, non te lo regala GIB. Sorvolo sul PC, perche' sono buono. 8)
            1)Puoi giocare in rete con altre personeBe' questo e' il servizio principale, direi.
            2)Non ti sposti da casa tua...suvvia...
            3)Un portale, forum e chat con cui fare
            communityVa bene, ma si parla di 'fidelizzazione del cliente', nulla di nuovo sotto il sole.
            4)Spazio web Vedi sopra, e aggiungo che lo trovi anche altrove.
            ERGO: non riesco a capire perchè in sala
            giochi si paga e su internet no.Ti sfugge una verita' basilare: internet _si paga_, non e' gratis. Questo tipo di discorsi trascura l'elementare fatto che tutto il tempo di connessione si paga.Non sono contro i server a pagamento, ma devi considerare che: se e' gratis, quello che c'e' lo prendo.Se pago, avanzo delle pretese.Ora, io non sopporto i _poveracci_ che si ostinano a giocare con un 56K, mi danno fastidio, ingombrano e sono pure difficili da colpire per via del packet loss (gioco a Q3). 8)Se pagassi, pretenderei di non averli tra i piedi...ma mi pare che nessuno dei provider abbia neppure pensato a regolare casi del genere.Quindi: pagare per che cosa?
            Se qualcuno me lo spiega sarò qui ad
            ascoltarlo.Augh...ho scritto.
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            Ti sfugge una verita' basilare: internet _si
            paga_, non e' gratis. Questo tipo di
            discorsi trascura l'elementare fatto che
            tutto il tempo di connessione si paga.
            Non sono contro i server a pagamento, ma
            devi considerare che:
            se e' gratis, quello che c'e' lo prendo.
            Se pago, avanzo delle pretese.
            Ora, io non sopporto i _poveracci_ che si
            ostinano a giocare con un 56K, mi danno
            fastidio, ingombrano e sono pure difficili
            da colpire per via del packet loss (gioco a
            Q3). 8)
            Se pagassi, pretenderei di non averli tra i
            piedi...ma mi pare che nessuno dei provider
            abbia neppure pensato a regolare casi del
            genere.
            Quindi: pagare per che cosa?Sei tu che sbagli di grosso.1 - che internet si paghi sono affaraci tuoi.anche per andare in sala giochi paghi la benzina,devi avere una macchina o un motorino, o andare in autobus. Sono discorsi che non reggono.2 - Se paghi non pretendi proprio niente. Se paghi al massimo puoi pretendere che vengano rispettate le clausole del contratto. Ego, non sei tu che fai le regole, ma paghi quello che tida le condizioni piu' vantaggiose.Detto questo, resta il punto fondamentale.La maggior parte dei cosi' detti utenti, non vuole pagare a prescindere.E' questo il vero problema. Non e' che tutti i servizi sono poco vantaggiosi, e' che quasi nessuno e' disposto a pagare.ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            E' questo il vero problema. Non e' che tutti
            i servizi sono poco vantaggiosi, e' che
            quasi nessuno e' disposto a pagare.dipende dal servizio...e dal costo...diciamo la verita, ad oggi esistono POCHISSIMI servizi VERAMENTE UTILI e venduti a CARO prezzo...
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            E' questo il vero problema. Non e' che tutti i
            servizi sono poco vantaggiosi, e' che quasi
            nessuno e' disposto a pagare.Postilla: nessuno paga anche se la somma richiesta è irrisoria, per dire 50? all'anno. La prima reazione è un urlo di sconforto per poi incarognirsi e gridare allo scandalo, secondo la regola per cui "SICCOME PAGO INTERNET E GLI SCATTI =
            DEVO GIOCARE AGGRATIS".Il problema è che nei siti frequentati dai mocciosi che parlano con ka KAPPA che fa tanto nerd e poco utente_sveglio... l'andazzo è quello.Imho l'unica reale soluzione è partire con un servizio che ha un costo fin da subito (un costo BASSO), specificando che comunque ci sono delle spese e si fa il possibile per sare dietro alle esigenze della massa.Tieni presente che l'utente medio-moccioso non ha la minima idea di cosa vogliadire "spendere dei soldi". Pagare online = manco morto, pagare per le sigarette, la benza del motorino e tutto il resto.. ovviamente SI.
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            Postilla: nessuno paga anche se la somma
            richiesta è irrisoria, per dire 50?
            all'anno. ah si ???? allora quanto volete per un servizio che non sia irrisorio ??? almeno 500euro (al mese naturalmente)...con il doppio della somma hai accesso ad un newsgroup provider per un'anno intero tanto per fare un esempio...
            Il problema è che nei siti frequentati dai
            mocciosi che parlano con ka KAPPA che fa
            tanto nerd e poco utente_sveglio...
            l'andazzo è quello.il problema e che solo quei utenti frequentano quei siti...l'andazzo e quello...
            Imho l'unica reale soluzione è partire con
            un servizio che ha un costo fin da subito
            (un costo BASSO), specificando che comunque
            ci sono delle spese e si fa il possibile per
            sare dietro alle esigenze della massa.dimentichi una cosa: devi trasmettere il sentimento di SERIETA...e questo ad oggi manca...e di brutto...
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            ah si ???? allora quanto volete per un servizio
            che non sia irrisorio ??? almeno 500euro (al
            mese naturalmente)...con il doppio della somma
            hai accesso ad un newsgroup provider per
            un'anno intero tanto per fare un esempio...Aspetta.. io non dicevo "servizio irrisorio" ma COSTO irrisorio. Il presupposto è che il servizio sia sempre buono, ovviamente.Prendi GIB. Il forum ha 14.000 iscritti. Ipotizziamo che ci siano molto utenti "cloni" e un bel po' di "non assidui frequentatori": dimezziamo e portiamo la cifra a 7.000 iscritti.Di questi 7.000, togliamone ancora la metà per altri motivi: età, problemi di soldi, ecc.Insomma restiamo a 3000, per comodità. Chiediamo adesso una cifrasimbolica: 20? all'anno per l'iscrizione20 * 3000 * 1936,27 = 116.000.000 di vecchie lire.Per un anno.Al costo di VENTI Euro. Per un anno.Non mi pare chiedere la luna. Sono 20 Euro, qualche pieno al motorino e forse un paio di canne.
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            Aspetta.. io non dicevo "servizio irrisorio"
            ma COSTO irrisorio. Il presupposto è che il
            servizio sia sempre buono, ovviamente.mi ero spiegato io male...intendevo che prezzo (che non sia considerato irrisorio e accettabile ???)
            Prendi GIB. Il forum ha 14.000 iscritti.
            Ipotizziamo che ci siano molto utenti
            "cloni" e un bel po' di "non assidui
            frequentatori": dimezziamo e portiamo la
            cifra a 7.000 iscritti.se facciamo sti caolcoli, altro che 7000 al massimo 4000...
            Di questi 7.000, togliamone ancora la metà
            per altri motivi: età, problemi di soldi,
            ecc.
            Insomma restiamo a 3000, per comodità.facciamo 2000
            Chiediamo adesso una cifrasimbolica: 20?
            all'anno per l'iscrizione

            20 * 3000 * 1936,27 = 116.000.000 di vecchie
            lire.

            Per un anno.

            Al costo di VENTI Euro. Per un anno.

            Non mi pare chiedere la luna. Sono 20 Euro,
            qualche pieno al motorino e forse un paio di
            canne.si ma basterra per coprire le spese ???? OVVIAMENTE NO...e allora che si fa ???? si aumenta il prezzo (invece di tagliare le spese) e si da la colpa agli utenti che non vogliono spendere...;-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            mi ero spiegato io male...intendevo che
            prezzo (che non sia considerato irrisorio
            e accettabile ???)Per esempio 50 euro all'anno, cosa ne dici.
            se facciamo sti caolcoli, altro che 7000
            al massimo 4000...
            [...]
            facciamo 2000
            si ma basterra per coprire le spese ????
            OVVIAMENTE NO...e allora che si fa ???? 2.000 (utenti) moltiplicato per 50 (euro all'anno = 193 milioni (per un anno)Ora non si ha UNA lira. Da ZERO lire si passa a quasi DUECENTO milioni all'anno. Non basta? Io credo di si, o per lo meno SICURAMENTE è tutto un altro pianeta rispetto al GRATIS.
            si aumenta il prezzo (invece di tagliare le
            spese) e si da la colpa agli utenti che non
            vogliono spendere...Tagliare le spese? Bene. Come letagli? Te lo dico: non aggiorni i server (lentezza 100%), non aumenti la banda (hai 10.000 iscritti ma niente banda, utilissimo), mostri un sito che richiede ore per essere aperto, eccetera. Comunque non sono io a dirlo, i fatti parlano chiaro: gratis = morte.
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone


            mi ero spiegato io male...intendevo che

            prezzo (che non sia considerato irrisorio

            e accettabile ???)
            Per esempio 50 euro all'anno, cosa ne dici.non conosco il servizio...per dire se la somma e giusta o no...io pago il doppio all'anno per un server usenet...
            Ora non si ha UNA lira. Da ZERO lire si
            passa a quasi DUECENTO milioni all'anno. Non
            basta? Io credo di si, o per lo meno
            SICURAMENTE è tutto un altro pianeta
            rispetto al GRATIS. si ma se non bastanno ancora ???? si alza ancora il prezzo ????
            Tagliare le spese? Bene. Come letagli? Te lo
            dico: non aggiorni i server (lentezza 100%),si ma i server non si devono aggiornare tutti e ogni 2 mesi...e si possono sicuramente ottimizzare...piu gli utenti aumentanto, piu si comprano altri server...e poi si rimpiazzano quelli piu vecchi...
            non aumenti la banda (hai 10.000 iscritti ma
            niente banda, utilissimo),stessa banda, ottimizzi il sito (ne avro visto circa 4-5 siti ottimizzati ultimamente)...inoltre i 10000 iscritti non sono tutti online nello stesso momento...quindi giu la gigabit e ti acconenti di linee piu piccole e meno costose...
            mostri un sito
            che richiede ore per essere aperto,ottimizzi il sito...
            eccetera. ecc...
            Comunque non sono io a dirlo, i fatti
            parlano chiaro: gratis = morte.dipende dal servizio...ed in alcuni casi e meglio...
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            non conosco il servizio...per dire se la
            somma e giusta o no...io pago il doppio
            all'anno per un server usenet...Per PI li paghi 50 euro all'anno? Forse te lo chiesi in un altro post, poi vado a vedere ;-)
            si ma se non bastanno ancora ???? si alza
            ancora il prezzo ????Sono sicur che bastano, perchè se sono andati avanti MESI aggratis, con 200 milioni (DUECENTO MILIONIII) vanno avanti secoli.
            si ma i server non si devono aggiornare
            tutti e ogni 2 mesi...e si possono
            sicuramente ottimizzare...
            piu gli utenti aumentanto, piu si comprano
            altri server...e poi si rimpiazzano quelli
            piu vecchi...Gli utenti rompono le palle, li leggi i forum "clienti"... Leggi, e divertiti ;-) Già PRETENDONO quando si tratta di gratis... a pagamento diventerebbero dei succhia-sangue. Ma pagando, è giusto che entro certi limiti possano pretendere.
            inoltre i 10000 iscritti non
            sono tutti online nello stesso
            momento...quindi giu la gigabit e ti
            acconenti di linee piu piccole e meno
            costose...Ovvio che non sono online "contemporaneamente", mnagari ce ne sono 100. Ma COSTANTEMENTE. Il che si traduce in BANDA enorme in termini di trasferimento dati. Oppure latenze mostruose (giochi ingiocabili).
            dipende dal servizio...ed in alcuni casi
            e meglio...Leggendo i commenti di chi era un "Fedele utente Gib", la gente felice era parecchia. Quella pagante (quasi) inesistente.
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone


            non conosco il servizio...per dire se la

            somma e giusta o no...io pago il doppio

            all'anno per un server usenet...
            Per PI li paghi 50 euro all'anno? Forse te
            lo chiesi in un altro post, poi vado a
            vedere ;-)io parlo dal punto di vista economico (visto che non ho problemi di soldi, volendo potrei pagare anche 10 volte tanto)...come range di prezzo 20-25 euro e il range che garantisce il massimo introito...punto e basta...potrei sbagliare, comunque i 50 euro all'anno potrebbero avere il loro perche magari con alcuni servizi accessori (potrebbero offire un entry level a 25 euro e altri vari livelli offrendo vari servizi, tocca a loro capire cosa offire ;-))non fermiamoci sul prezzo inteso come il prezzo di una rivista in edicola e cosi via, facendo vari confronti piu o meno sensati (del tipo lui guadagna di piu, io ho la casa da pagare e roba di questo tipo)...on-line le logiche sono strane...e ti dico un segreto: SE PARTI DALL'IDEA CHE VUOI GUADAGNARE TOT AL MESE (INDIPENDENTEMENTE DALLA CIFRA) non c'e la farai mai...

            si ma se non bastanno ancora ???? si alza

            ancora il prezzo ????
            Sono sicur che bastano, perchè se sono
            andati avanti MESI aggratis, con 200 milioni
            (DUECENTO MILIONIII) vanno avanti secoli.;-)

            si ma i server non si devono aggiornare

            tutti e ogni 2 mesi...e si possono

            sicuramente ottimizzare...

            piu gli utenti aumentanto, piu si comprano

            altri server...e poi si rimpiazzano quelli

            piu vecchi...
            Gli utenti rompono le palle, li leggi i
            forum "clienti"... Leggi, e divertiti ;-)bastonate sugli denti e sulla schiena...per me la redazione e stata pure troppo GENTILE...;-)
            Già PRETENDONO quando si tratta di gratis...
            a pagamento diventerebbero dei
            succhia-sangue. Ma pagando, è giusto che
            entro certi limiti possano pretendere.ovviamente, mica dico di far pagare e assumere un customer relation mangager (usiamo paroloni va)...;-)la mia ideea di assistenza: far funzionare bene le cose, e bastonate sugli denti a quelli che rompono le balle oltre ogni decenza...

            inoltre i 10000 iscritti non

            sono tutti online nello stesso

            momento...quindi giu la gigabit e ti

            acconenti di linee piu piccole e meno

            costose...
            Ovvio che non sono online
            "contemporaneamente", mnagari ce ne sono
            100. Ma COSTANTEMENTE. Il che si traduce in
            BANDA enorme in termini di trasferimento
            dati. Oppure latenze mostruose (giochi
            ingiocabili).ripeto, per una cosa del genere ci voleva gente seria e tanti soldi...i soldini investiti non erano indifferenti e a quel punto dovevate fare i vostri calcoli per bene...

            dipende dal servizio...ed in alcuni casi

            e meglio...
            Leggendo i commenti di chi era un "Fedele
            utente Gib", la gente felice era parecchia.
            Quella pagante (quasi) inesistente.;-)io sono piu orientato all'estero in generale per servizi di qualsiasi tipo via internet...quindi:-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone
            - Scritto da: 100?
            Comunque non sono io a dirlo, i fatti
            parlano chiaro: gratis = morte.O forse: avventatezza = morteMa ste aziende che offrono servizi gratis sono forse nate x beneficenza? Non credo...Quante sono le start-up della new economy morte per l'incompetenza e l'avventatezza di imprenditori improvvisati, lanciatisi sul miraggio di un guadagno facile?E' un business model su cui si sono buttati come squali, poi hanno scoperto che non funziona e adesso stanno cercando di far rientrare i soldi in un altro modo.Dall'altra parte ci sono io che posso scegliere se adeguarmi e pagare oppure smettere di avvalermi del servizio. Si chiama liberta` di scelta.
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            Dall'altra parte ci sono io che posso scegliere
            se adeguarmi e pagare oppure smettere di
            avvalermi del servizio. Si chiama liberta` di
            scelta.E stare zitti quando dicono "chiudiamo perchè non spendete" si chiama "eleganza". Invece vedo che un sito chiude perchè gli affezionati iscritti COMUNQUE non avrebbero pagato un centesimo... pur sentendosi fedelissimi partecipanti "anche nei momenti difficili". Tutte balle.
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone
            Sì, ma forse vivete sul pianeta delle scimmie...la cifra simbolica di 20 ? non regge... Partiamo da una base di 120 Euro all'anno (che alla fine è quello che chiede NGI)...Così, inizierebbero a essere un po' di soldini, ma nulla se NGI non avesse entrate ulteriori rispetto ai soldi guadagnati vendendo connettività...
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            la cifra simbolica di 20 ? non reggeDIPENDE da QUANTI si iscrivono. Perchè tu credi che i RAGAZZINI sborserebbero 120 Euro all'anno? Forse sul pianeta delle scimmie, non sul nostro.E comunque se hai parecchi iscritti i numeri sono buoni. Certo se imponi un prezzo del genere scordati che paghino.
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone
            STAI DIVENTANDO IL MIO MITO
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone
            - Scritto da: maks
            Sei tu che sbagli di grosso.
            1 - che internet si paghi sono affaraci tuoi.
            anche per andare in sala giochi paghi la
            benzina,
            devi avere una macchina o un motorino, o
            andare in autobus. Sono discorsi che non
            reggono.Perche' i tuoi reggono?In salagiochi ci puoi andare anche a piedi (non e` detto che debba per forza essere molto lontana).Nel caso questo non fosse possibile internet costa comunque come minimo 50 - 60 euro al mese (ma quasi sempre di piu`). Secondo me anche se vai tutti i giorni in sala giochi con la macchina non arrivi a spendere cosi` tanto in un mese.
            Detto questo, resta il punto fondamentale.
            La maggior parte dei cosi' detti utenti, non
            vuole pagare a prescindere.Secondo me avete sbagliato tattica. Il sistema ``te lo do gratis'' che si trasforma in ``pagami per avere le stesse cose di prima'' non funziona a meno che non si tratti di droga.
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            Nel caso questo non fosse possibile internet
            costa comunque come minimo 50 - 60 euro al mese
            (ma quasi sempre di piu`).Si ma non puoi mescolare TUE SPESE con COSTO PRODOTTO, lo capisci? Quanto spendi TU per arrivare da ME, sono problemi TUOI, non miei. Io ti offro un prodotto che non è la connessione, non è il PC, non è il tuo mouse ottico ultimo modello: è un servizio.Il resto lo hai pagato, perchè non devi pagare me? Risposta: perchè sei (non tu, dico in generale) uno scroccone. Consideri il Joistick un bene DA PAGARE, me ed i miei colleghi (se io per dire sono un sistemista che ti gestisce il server per le tue partite tra Clan) cosa siamo, i tuoi servi?LA tua risposta sarebbe : si :-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone
            - Scritto da: FutabaNana

            Si ma non puoi mescolare TUE SPESE con COSTO
            PRODOTTO, lo capisci? Quanto spendi TU per
            arrivare da ME, sono problemi TUOI, non
            miei. Ma che discorso e`? Metti che in malesia le scarpe costano meno che qui. Io non comprero` in Malesia comunque perche' devo spendere per arrivarci. Non mi sembra che i venditori di scarpe della Malesia si siano mai lamentati del fatto che hanno pochi compratori italiani...Penso che un utente scelga in base al costo complessivo del servizio anche perche' non ti paga per farti un piacere.Comunque resta il fatto che non vi potete lamentare del fatto che quando qualcosa diventa a pagamento gli utenti se ne vanno. E` normale che sia cosi`.Penso che sia anche un problema della attuale percezione di internet. Pochissima gente compra beni on-line, perche' mai dovrebbero spendere per qualcosa di etereo come un servizio.
            Il resto lo hai pagato, perchè non devi
            pagare me? Risposta: perchè sei (non tu,
            dico in generale) uno scroccone. Evidentemente non ti pagano perche' non ritengono che sia qualcosa per cui valga la pena di pagare.
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            Comunque resta il fatto che non vi potete
            lamentare del fatto che quando qualcosa diventa
            a pagamento gli utenti se ne vanno. E` normale
            che sia cosi`.P.S. parlo in generale (per me e per te). Io lavoro per i cazzi miei ;-) e cmq non dico che la gente DEVE PAGARE. Ovvio chese ne va, se non ha voglia di spendere. Io dico: non venite qui a fare quelli che "AH IOSONO UN FEDELONE DI GIB" quando poi alla fine non hanno fatto un fico secco REALMENTE.
            Penso che sia anche un problema della attuale
            percezione di internet. Pochissima gente compra
            beni on-line, perche' mai dovrebbero spendere
            per qualcosa di etereo come un servizio.Etereo? Le tue ore passate su Quake III con gli amici lo chiami etereo? Beh a questo punto è comodo. Non solo non lo pago ma pretendo che sia un bene fisico.. Suvvia...
            Evidentemente non ti pagano perche' non
            ritengono che sia qualcosa per cui valga
            la pena di pagare.SAREBBE VERO se gli utenti non fossero affezionati fedeloni (come sostengono) da parecchi mesi o anni. Se tu segui GIB ogni giorno, per dei mesi, poi dici "eh ma non ne vale la pena".. allora qualcosa non quadra. Idem per PI: se diventasse a pagamento e tutti se ne andassero, sarebbe TROPPO COMODO dire "allafine non ne vale la pena".Intanto però giochi, leggi, sfrutti...;-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone
            - Scritto da: sfgv
            P.S. parlo in generale (per me e per te). Io
            lavoro per i cazzi miei ;-) Se e` per questo io non ho mai giocato in rete (ne' aggratise ne' a pagamento). Tra parentesi non e` che videogiochi tanto in generale.
            Etereo? Le tue ore passate su Quake III con
            gli amici lo chiami etereo? Beh a questo
            punto è comodo. Non solo non lo pago ma
            pretendo che sia un bene fisico.. Suvvia...Intendo dire che per ora la gente non e` disposta ad usare internet per acquisti ortodossi, figuriamoci pagare per i servizi...
            Idem per PI: se diventasse a pagamento e
            tutti se ne andassero, sarebbe TROPPO COMODO
            dire "allafine non ne vale la pena".

            Intanto però giochi, leggi, sfrutti...;-)Che significa. Se PI diventasse a pagamento io me ne andrei. Punto. Dovrei rimanere a pagarli perche' leggevo PI prima che diventasse a pagamento?La situazione e` questa. PI non mi e` indispensabile. Finche' resta gratis ci faccio un giretto ogni giorno, mi leggo le notizie e scrivo qualcosa sul forum. Se diventa a pagamento e decido che costa troppo, amen! Amici come prima e arrivederci.Dovrei restare perche' prima che il tipo di servizio cambiasse lo utilizzavo?Mah...
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone
            --------------------------------La situazione e` questa. PI non mi e` indispensabile. Finche' resta gratis ci faccio un giretto ogni giorno, mi leggo le notizie e scrivo qualcosa sul forum. Se diventa a pagamento e decido che costa troppo, amen! Amici come prima e arrivederci.Dovrei restare perche' prima che il tipo di servizio cambiasse lo utilizzavo?--------------------------------NONONONONO. Tu non consideri PI un servizio diciamo "decente" al punto tale da pagarlo. Pazienza, non ti toccherà + di tanto se lo faranno pagare. Diverso è il caso di chi considera un sito "un must", che poi all'ultimo ZAC... di colpo "beh ma alla fine mica mi interessa + di tanto".Parliamo di netgaming cioè di ORE ED ORE spese sui server di GIB. Quindi QUALCUNO sicuramente lo adorava. Ecco, quel qualcuno.. avrebbe dovuto muoversi ;-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone
            No la esattezza è questaUtente Italiano = scrocconeli italiani sono le peggiore razza europeanoi vorrei dire mondia perchè bruttoperò
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            Secondo me avete sbagliato tattica. Il
            sistema ``te lo do gratis'' che si trasforma
            in ``pagami per avere le stesse cose di
            prima'' non funziona a meno che non si
            tratti di droga.perche' il gaming on-line cos'e'? :)non da dipendenza e assuefazione? Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            Secondo me avete sbagliato tattica. Il
            sistema ``te lo do gratis'' che si trasforma
            in ``pagami per avere le stesse cose di
            prima''...No, questa si chiama "fidanzata".Ok e' maschilista, lo so scusate, mi cospargo il capo di cenere. ^_^
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            Ti sfugge una verita' basilare: internet _si
            paga_, non e' gratis. Questo tipo di discorsi
            trascura l'elementare fatto che tutto il tempo
            di connessione si paga.Forse non ti sei letto ma stai scrivendo delle cazzate atroci. Cosa c'entra il TUO costo di connessione con il costo di un servizio? Allora io non dovrei pagare la mia macchina nuova perchè già pago le tasse, la mia vita ha dei costi... Svegliati.
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone
            - Scritto da: Augh


            - Scritto da: tristemente_famoso

            - Scritto da: Quello di prima


            Servizi che ti da' GIB *OLTRE AL GIOCO*:

            Per cominciare, il gioco te lo compri _tu_,
            non te lo regala GIB. Sorvolo sul PC,
            perche' sono buono. 8)


            1)Puoi giocare in rete con altre persone

            Be' questo e' il servizio principale, direi.


            2)Non ti sposti da casa tua

            ...suvvia...


            3)Un portale, forum e chat con cui fare

            community

            Va bene, ma si parla di 'fidelizzazione del
            cliente', nulla di nuovo sotto il sole.


            4)Spazio web

            Vedi sopra, e aggiungo che lo trovi anche
            altrove.


            ERGO: non riesco a capire perchè in sala

            giochi si paga e su internet no.

            Ti sfugge una verita' basilare: internet _si
            paga_, non e' gratis. Questo tipo di
            discorsi trascura l'elementare fatto che
            tutto il tempo di connessione si paga.
            Non sono contro i server a pagamento, ma
            devi considerare che:
            se e' gratis, quello che c'e' lo prendo.
            Se pago, avanzo delle pretese.
            Ora, io non sopporto i _poveracci_ che si
            ostinano a giocare con un 56K, mi danno
            fastidio, ingombrano e sono pure difficili
            da colpire per via del packet loss (gioco a
            Q3). 8)
            Se pagassi, pretenderei di non averli tra i
            piedi...ma mi pare che nessuno dei provider
            abbia neppure pensato a regolare casi del
            genere.
            Quindi: pagare per che cosa?


            Se qualcuno me lo spiega sarò qui ad

            ascoltarlo.

            Augh...ho scritto.PIENAMENTE DACCORDO
      • Anonimo scrive:
        Re: Utente medio = scroccone
        Ma stai zitto tu - Sei tu a non avere capito un ebiscom.
    • Anonimo scrive:
      Re: Utente medio = scroccone
      Forse bisogna fare una analisi più accurata.Bisogna pensare che internet non è gratis.L'utente che gioca online di media non usa un collegamento a 56k ma una dignitosa Isdn o ADSL, comunque collegamenti che costano non poco. Il computer deve essere abbastanza potente, i giochi sono esosi e devono poter girare decentemente e, almeno dalle mie parti, le schede video non le regalano...Infine i giochi ORIGINALI costano, quindi facendo una banalissima somma si capisce che, se non fai il dirigente di azienda, difficilmente ti puoi anche permettere il canone di un portale di giochi on-line.Non mi risulta che l'utente medio sia uno scroccone... ma solo una persona che correttamente decide dove volerli spendere i propri soldi.Ci dispiace enormemente della chiusura di Gib.Chi ne perderà siamo noi netgamers.
      • Anonimo scrive:
        Re: Utente medio = scroccone
        il punto è che qualcuno guarda i paesi del nordeuropa e viene a criticare noi che non paghiamo volentieri il servizio , io non guadagno 2000 euro al mese gli stipendi italiani sono molto più bassi senza contare che in quei posti si puo avere una adsl settata fast per molto meno( non ho detto gratis ) e di qualità superiore , si finirà con un monopolio anche nel netgaming visto che concorrenti rilevanti ngi non ne ha .
        • Anonimo scrive:
          Re: Utente medio = scroccone
          "Siccome guadagno POCO, pretendo che sia GRATIS, perchè io DEVO poter giocare senza pagare". Torniamo alla tesi dello scroccone, pienamente supportata da commenti come questo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            "Siccome guadagno POCO, pretendo che sia
            GRATIS, perchè io DEVO poter giocare senza
            pagare"facciamo kosì, allora:"Siccoma guadagno POCO, pretendo che sia GRATIS, se non lo trovo gratis NON GIOCO se trovo chi mi da un servizio GRATIS lo uso"...è semplice...ognuno fa i suoi kalcoli :
            solo perkè ci sono i giornali a pagamento questo non vuol dire ke uno nn possa leggere:Metro, Leggo, City,...no?byez
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone
            - Scritto da: akiro
            ognuno fa i suoi kalcoli :

            solo perkè ci sono i giornali a pagamento
            questo non vuol dire ke uno nn possa
            leggere:Metro, Leggo, City,...
            no?
            byezMa va là, secondo te sono giornali quelli????Quattro notizie in croce scritte in pessimo italiano delle quali almeno 3 pettegolezzi...Dio come è caduto in basso 'sto paese...
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone
            quello dei giornali era un esempio... notizie se ne trovano anke lì... ad un vasto pubbliko queste notizie interessano altrimenti rimarrebbero nei distributori.Cmq un altro esempio potrebbero essere le televisioni.. canali ce ne sono...e direttamente si paga solo la Rai... 8)
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            facciamo kosì, allora:[cut]
            ognuno fa i suoi kalcoli :

            solo perkè ci sono i giornali a pagamento
            questo non vuol dire ke uno nn possa
            leggere:Metro, Leggo, City,...
            no?
            byezComplimenti per l'uso molto saggio delle k che fa molto centro sociale occupato. Spero di trovarti in piazza con un estintore in mano.Notevole anche la profondità del commento,complimenti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            Complimenti per l'uso molto saggio delle k
            che fa molto centro sociale occupato. Spero
            di trovarti in piazza con un estintore in
            mano.notevole, ammazzi tutti quelli ke nn ti vanno a genio?Te si ke sei un perikolo per la società.
            Notevole anche la profondità del
            commento,complimenti. bhe ho detto la mia... nn mi sembravan kazzate, anzi...Te sai fare di meglio?bhe, più ke kritikare (la forma) altro nn vedo.Applikati di più e scendi dal piedistallo.byez
          • Anonimo scrive:
            Scroccone un c@@@o!
            Ma scusate una cosa: un servizio viene offerto gratis e io scelgo di utilizzarlo. Improvvisamente questo gratis non puo' piu' esistere? Bene, io valuto se per me vale la pena pagare e decido di conseguenza. A pagamento non mi interessa? Bene, smetto di usarlo.Signori, mi pare l'applicazione piu' semplice delle "legge del mercato". Anzi, forse e' uno di quei casi dove l'utente finale puo' davvero far valere le proprie esigenze, al contrario di altri settori dove i "cartelli" tra le aziende mantengono il controllo sui prezzi (assicurazioni, benzina, ecc.)Detto sinceramente, a me sembra che tutte queste persone che si lamentano degli utenti scrocconi siano solo imprenditorelli della domenica che 3/4 anni fa pensavano di fare soldoni facili offrendo servizi web a prezzi stracciati. Beh, quel modello di business ha fallito, non funziona, lo abbiamo capito tutti.E' colpa mia, utente finale? NO!Invece li trovo tutti a piangere miseria, ad accusarmi di essere uno scroccone, ecc. ecc.
          • Anonimo scrive:
            Re: Scroccone un c@@@o!

            Detto sinceramente, a me sembra che tutte
            queste persone che si lamentano degli utenti
            scrocconi siano solo imprenditorelli della
            domenica che 3/4 anni Questa affermazione (nel mio caso) non è certo applicabile (lol). Per quanto riguarda il tuo ragionamento, dico una cosa: è COMODO lasciare un servizio dopo averlo usato per bene :-) aggratisse. Quello che dico io è che è SBAGLIATO aspettarsi che sia tutto gratis. Anzi, sinceramente se un servizio funziona, è lecito aspettarsi che prima o poi chieda qualche dollaro/Euro.Certo, questo a patto che l'utente sia interessato a salvare il servizio. Perchè NON salvare il servizio e poi dire "ehhh mi spiace"... é una minchiata (non parlo di TE nello specifico ma in GENERALE ;-)).
          • Anonimo scrive:
            Re: Scroccone un c@@@o!
            - Scritto da: asfd
            Questa affermazione (nel mio caso) non è
            certo applicabile (lol). Per quanto riguarda
            il tuo ragionamento, dico una cosa: è COMODO
            lasciare un servizio dopo averlo usato per
            bene :-) aggratisse. Quello che dico io è
            che è SBAGLIATO aspettarsi che sia tutto
            gratis. Anzi, sinceramente se un servizio
            funziona, è lecito aspettarsi che prima o
            poi chieda qualche dollaro/Euro.Pero' io sinceramente mi sento un po' preso in giro da chi qualche tempo fa prometteva cose mirabolanti, gratis in eterno, ecc. ecc.Se devo pagare allora preferisco rivolgermi a qualcuno che le cose me le dice papali papali. E' facile strombazzare il gratis a destra e a manca per attirare utenti e poi chiedere di pagare: mi sa tanto di "lei ha vinto un premio!" e poi "si, ma solo se acquista l'enciclopedia"Faccio un esempio: circa 3 anni fa ho usufruito di un servizio che permetteva di parcheggiare fino a 30mb di files sui loro server. Il servizio sarebbe rimasto gratis fino a che fosse stato in fase di test. Insomma il contratto era "io ti do il servizio gratis, tu mi dai un feedback sugli errori". Era quindi chiaro fin dall'inizio che a un certo punto avrei dovuto pagare e, visto che x me era diventato fondamentale, ho accettato di buon grado di sborsare qualche soldo.Vedi, in questo caso io NON mi sono sentito fregato... patti chiari, amicizia lunga.
          • Anonimo scrive:
            Re: Scroccone un c@@@o!

            Pero' io sinceramente mi sento un po' preso in
            giro da chi qualche tempo fa prometteva cose
            mirabolanti, gratis in eterno, ecc. ecc.
            Se devo pagare allora preferisco rivolgermi a
            qualcuno che le cose me le dice papali papali. Il problema è che se non fossero partiti GRATIS, nessuno li avrebbe cagati di striscio. Pensi che Tiscali, la prima ad offrire connettività gratuita (scatti esclusi) avrebbe fatto passi da gigante, se avesse chiesto qualcosa? No. E Punto Informatico? Potrebbe partire chiedendo soldi? E chi li conosce? ADESSO, dopo ANNI, puoi dire che sono il meglio (per lo meno in Italia). Però scommetto che se chiederanno dei soldi..... ahhh... non sia mai!!!!
            E' facile strombazzare il gratis a destra e a
            manca per attirare utenti e poi chiedere di
            pagare: mi sa tanto di "lei ha vinto un
            premio!" e poi "si, ma solo se acquista
            l'enciclopedia"GRATIS = a te non costa nulla. Mi fanno ridere quelli che per esempio usano la posta di Jumpy/Libero/Tiscali e poi si incazzano senon va. Di cosa vi lamentate? Non spendete, non pagate. Non funziona? Andatevene. MA STATE ZITTI.
            Vedi, in questo caso io NON mi sono sentito
            fregato... patti chiari, amicizia lunga.Questa regola è sacrosanta, concordo. Tuttavia non è applicabile a servizi che sono attivi da molto tempo (anni). Le regole del gioco cambiano, le esigenze cambiano, icosti aumentano. Leggo spesso tanti forum e la media degli utenti è questa: iscritto (gratutitamente) e PRETENZIOSO.Ma quando mettete le ultime patch? Ma quando aggiornate? Ma quando upgradate? Ma quando parte Quake X mod 1? Ma quando... Ecc..Cosa? io pagare? Io dare soldi? No no, io no pagare, io povero, io studente, io no soldi. Vengo di scuola, io fame, no soldi (e giù a farsi 3 spinelloni, pacchetti si sizze, eccetera).
          • Anonimo scrive:
            Re: Scroccone un c@@@o!

            Il problema è che se non fossero partiti
            GRATIS, nessuno li avrebbe cagati di
            striscio. Pensi che Tiscali, la prima ad
            offrire connettività gratuita (scatti
            esclusi) avrebbe fatto passi da gigante, se
            avesse chiesto qualcosa? No. E Punto
            Informatico? Potrebbe partire chiedendo
            soldi? E chi li conosce? ADESSO, dopo ANNI,
            puoi dire che sono il meglio (per lo meno in
            Italia). Però scommetto che se chiederanno
            dei soldi..... ahhh... non sia mai!!!!Embe'? Si e` sempre saputo che offrendo qualcosa gratis la gente accorre, poi se la si fa pagare i clienti si riducono. Se un supermercato per promozione offre scatole di pasta gratis tutti correranno a prenderla, ma e' irreale pensare che dal giorno dopo TUTTI saranno disposti a pagarla.

            GRATIS = a te non costa nulla. Mi fanno
            ridere quelli che per esempio usano la posta
            di Jumpy/Libero/Tiscali e poi si incazzano
            senon va. Di cosa vi lamentate? Non
            spendete, non pagate. Non funziona?
            Andatevene. MA STATE ZITTI.Premesso che un i servizi gratuiti che ho visto contavano di guadagnare dai banner (ergo non erano li per beneficenza), io sono il primo a essere dispiaciuto che questo modello commerciale non funzioni. Comunque mai preteso cose mirabolanti, solo quello che veniva promesso...

            Questa regola è sacrosanta, concordo.
            Tuttavia non è applicabile a servizi che
            sono attivi da molto tempo (anni). Le regole
            del gioco cambiano, le esigenze cambiano,
            icosti aumentano. Leggo spesso tanti forum e
            la media degli utenti è questa: iscritto
            (gratutitamente) e PRETENZIOSO.Come e' pretenzioso scaricare le colpe sugli utenti finali...

            Cosa? io pagare? Io dare soldi? No no, io no
            pagare, io povero, io studente, io no soldi.
            Vengo di scuola, io fame, no soldi (e giù a
            farsi 3 spinelloni, pacchetti si sizze,
            eccetera).Beh, se permetti i miei soldi li spendo come piu` mi aggrada, che siano spinelloni o sigarette... o forse devo darli alle aziende che vanno male?
          • Anonimo scrive:
            Re: Scroccone un c@@@o!

            Come e' pretenzioso scaricare le colpe sugli
            utenti finali...Eh no. Perchè se hano detto che voi, pur soddisfatti, vi tirate indietro quando si trattadi sborsare qualche euro, c'è poco da fare. Non vanno avanti perchè voi non avete voluto che così avvenisse.Scelte condivisibili (ognuno spende come vuole) però ZITTI E MOSCA. Non che poi venite qui ad illustrare come funziona il mondo aggratis della rete.
            Beh, se permetti i miei soldi li spendo come
            piu` mi aggrada, che siano spinelloni o
            sigarette... o forse devo darli alle aziende
            che vanno male?GIB andava male? No. Però non avete pagato. Usato si,pagato no. Certo, spendili cometi pare ma poii non mi dire che "ahhh non ho soldi da spendere accipicchia". Non hai soldi da spendere PER GIB e servizi simili, perchè è molto meglio scroccare che non spendere.
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone
            - Scritto da: Tristizia
            "Siccome guadagno POCO, pretendo che sia
            GRATIS, perchè io DEVO poter giocare senza
            pagare". Torniamo alla tesi dello scroccone,
            pienamente supportata da commenti come
            questo.Io non sono uno scroccone...Ma avendo un Mutuo sulle spalle, le bollette, una moglie rompiballe ecc... se prima usavo un servizio gratis e ora mi chiedono dei soldi, rinuncio... non e' una cosa indispensabile e se il budget mensile e' limitato, bisogna togliere le spese non primarie (cibo e tetto).Se io guadagno 100 e spendo 100 poi qualcuno mi chiede di spendere ancora 10 in + per qualcosa che finora mi aveva regalato... non ho i soldi per quel tipo di spesa. Semplice no?
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone
            Ma per piacere ! Perchè TraxInSpace (un tempo fervida comunità di musicisti on-line) ha chiuso? Perché nessuno voleva pagare 30 $ all'anno!!Ma vi rendete conto?Tutti a lamentarsi... "internet deve restare gratis", "siamo poveri studenti" ... e menate del genere.Pero' al Fantacalcio ci giocate. E le sigarette?E i filmetti porno?E non fate i discorsi retorici e qualunquistici delle bollette da pagare... il 90% degli utenti di GiB era gente a cui l'ADSL era pagata dal papa', e la cui mamma faceva loro da mangiare.Siete degli scrocconi. Se un servizio internet dopo qualche anno vi chiede un piccolo contributo e passate altrove, non avete assolutamente a cuore quel servizio, ma solo il vostro portafoglio.Questa è la verità.
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone
            - Scritto da: Tristizia
            "Siccome guadagno POCO, pretendo che sia
            GRATIS, perchè io DEVO poter giocare senza
            pagare". Torniamo alla tesi dello scroccone,
            pienamente supportata da commenti come
            questo.Non mi interessa molto pero` credo che il loro discorso sia questo:``Siccome guadagno POCO, prendo quello che c'e` GRATIS se e` a pagamento ne faccio a meno e cavoli vostri''
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            ``Siccome guadagno POCO, prendo quello che c'e`
            GRATIS se e` a pagamento ne faccio a meno e
            cavoli vostri''Quasi. Il commento "reale" diventa il tuo più un piccolo particolare:``Siccome guadagno POCO, prendo quello che c'e` GRATIS se e` a pagamento ne faccio a meno e cavoli vostri e rompo le palle perchè in rete dovete continuare a darmi le cose aggratis''
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone
            - Scritto da: hhh

            Quasi. Il commento "reale" diventa il tuo
            più un piccolo particolare:

            ``Siccome guadagno POCO, prendo quello che
            c'e` GRATIS se e` a pagamento ne faccio a
            meno e cavoli vostri e rompo le palle perchè
            in rete dovete continuare a darmi le cose
            aggratis''A me non sembra. Io non lo farei. Se tu te ne intendi di piu` di me vorra` dire che hai ragione tu. (non sono ironico, e` quello che penso)
      • Anonimo scrive:
        Re: Utente medio = scroccone

        Bisogna pensare che internet non è gratis.Si ma non e' gratis neanche cio' che e' dietro internet, non solo cio' che e' davanti...
        L'utente che gioca online di media non usa
        un collegamento a 56k ma una dignitosa Isdn
        o ADSL, comunque collegamenti che costano
        non poco.
        Il computer deve essere abbastanza potente,
        i giochi sono esosi e devono poter girare
        decentemente e, almeno dalle mie parti, le
        schede video non le regalano...
        Infine i giochi ORIGINALI costano, quindi
        facendo una banalissima somma si capisce
        che, se non fai il dirigente di azienda,
        difficilmente ti puoi anche permettere il
        canone di un portale di giochi on-line.Quindi allora fammi capire: io mi compro la ferrari, ci metto gli interni in pelle, l'alettone in tinta e l'autoradio figo , ma il benzinaio non lo devo pagare: "Eh sa, ho gia' speso tanto per la macchina"!Dico, e' questa l'analisi accurata?Senza contare che i fruitori del servizio di netgaming sono tutti ragazzi che ancora stanno a casa opportunamente supportati da mammà e papà , che i giochi originali non sanno neanche dove stanno di casa e che cmq si levano tutti i loro sfizi (sigarette , cellulare ultimo tipo, str0nz4te di ogni genere). Chi ci perde , caro mio, e' la coerenza intellettuale!Facciamo come fanno in Svezia, dove a 16 a sti ragazzini danno un calcio nel sedere e li mandano a farcela con le loro forze! Allora si che c'ha un senso l'adsl a prezzi bassi e sale prove x musicisti gratis!Un saluto.SadPetronius
    • Anonimo scrive:
      Re: Utente medio = scroccone
      - Scritto da: 100?
      E' un classico, online tutto DEVE essere
      gratis. Se è gratis per un anno, va bene. Se
      poi per OVVI motivi diventa a pagamento,
      ciao ciao.I soldi non crescono sugli alberi, e già la connessione ad Internet, fra scatti e abbonamento, ha i suoi non bassi costi.Se tutto fosse a pagamento com'era Videotel, Internet farebbe la stessa fine: l'utente pagherebbe al massimo quei due o tre siti che può permettersi e che gli sono assolutamente indispensabili, e il resto lo manda a quel paese.Oppure si rivolgerà al P2P, dove ciascuno mette le proprie risorse gratis a vantaggio della comunità.Quello che è ipocrita, è che una ditta che decide di mettere a pagamento il proprio sito, poi si lagni se nessuno apre i cordoni della borsa e preferisce non rivolgersi a lui, o cercando altrove o rinunciando.In ultimo, GIB non l'avevo neppure sentito nominare... se si facevano un po' di pubblicità in più, magari avevano sufficienti visitatori da potersi reggere coi proventi pubblicitari.
      • Anonimo scrive:
        Re: Utente medio = scroccone

        I soldi non crescono sugli alberi, e già la
        connessione ad Internet, fra scatti e
        abbonamento, ha i suoi non bassi costi.Allora lamentati del costo della benzina, delle sigarette e di tutto il resto. Anche in quel caso i soldi non crescono sugli alberi.
        Se tutto fosse a pagamento com'era Videotel,
        Internet farebbe la stessa fine: l'utente
        pagherebbe al massimo quei due o tre siti che
        può permettersi e che gli sono assolutamente
        indispensabili, e il resto lo manda a quel
        paese.E avremmo servizi OTTIMI e poerformanti perchè per come funziona il mondo, se PAGHI, qualcuno si SBATTE per darti qualcosa. Altrimenti si sbatte per passione, cosa per la quale nessuno ha voce in capitolo per rompergli le palle se poi chiede qualche lira.
        Oppure si rivolgerà al P2P, dove ciascuno mette
        le proprie risorse gratis a vantaggio della
        comunità.P2P = pirateria = trai vantaggio arrecando danni. Uso anche io il file sharing ma non è una soluzione. A meno che non restiamo nel concetto di SCROCCONE, ovvio.
        Quello che è ipocrita, è che una ditta che
        decide di mettere a pagamento il proprio sito,
        poi si lagni se nessuno apre i cordoni della
        borsa e preferisce non rivolgersi a lui, o
        cercando altrove o rinunciando.Mio caro, forse TU che te ne stai in poltrona con le mani che affogano nel popcorn puoi fare questo bel discorso retorico, ma i ragazzi di GIB *FORSE* si sono rotti il culo per te (per modo di dire). Io dico: ALMENO STATE ZITTI. Andate via, fate pure (ci mancherebbe) ma EVITATE frasi del cazzo tipo "Ahhh mi spiace, VI SONO VICINO, VI APPOGGIO, VI SEGUO DA ANNI. Ipocrisia 100%.
        In ultimo, GIB non l'avevo neppure sentito
        nominare... se si facevano un po' di pubblicità
        in più, magari avevano sufficienti visitatori
        da potersi reggere coi proventi pubblicitari.Neanche io li conoscevo, in questo senso ti do ragione 100%. Tuttavia ci sono parecchi servizi che possono finire inquesta situazione. Pagheresti Punto Informatico per iul servizio che offre?No? Ecco. Appunto. Si? OTTIMO, questo è esattamente quello che andrebbe fatto.
        • Anonimo scrive:
          Re: Utente medio = scroccone

          Pagheresti Punto Informatico per
          iul servizio che offre?se si paga poco (non piu di 20 euro all'anno per esempio che per 5000 utenti fa 100.000 euro all'anno somma non del tutto indifferente) e ma sopratutto se si paga FACILMENTE...poi loro devono valutare se una cosa del genere le conviene o meno (dato che moltissimi utenti se ne andranno e quindi anche le entrate pubblictarie diminuiranno di molto se non di tutto)...
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone
            Guarda, ti posso assicurare che per un sito come PI le entrate pubblicitarie non bastano neppure per andare in pareggio ;-)- Scritto da: blah

            Pagheresti Punto Informatico per

            iul servizio che offre?
            se si paga poco (non piu di 20 euro all'anno
            per esempio che per 5000 utenti fa 100.000
            euro all'anno somma non del tutto
            indifferente) e ma sopratutto se si paga
            FACILMENTE...
            poi loro devono valutare se una cosa del
            genere le conviene o meno (dato che
            moltissimi utenti se ne andranno e quindi
            anche le entrate pubblictarie diminuiranno
            di molto se non di tutto)...
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            Guarda, ti posso assicurare che per un sito
            come PI le entrate pubblicitarie non bastano
            neppure per andare in pareggio ;-)che posso aggiungere ????;-)o tagliano i costi (dalla parte technologica intendo, server, licenze, banda, roba di questo tipo) in qualche modo...almeno pareggiate...oppure si accontentano di poche persone che visitano il sito a pagamento (e voglio proprio vedere se ci sono piu gli opensource o gli monopolisti a tirare fuori per primi i soldi... ;-) )... non parliamo poi di shared account...all'italian style (come si faceva con i vecchi abbonamenti ad internet prima dei gratuiti)...;-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            anche le entrate pubblictarie diminuiranno di
            molto se non di tutto)...Meglio 1000 iscritti PAGANTI che 10.000 gratuiti e "potenzialmente clienti degli sponsor".
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            Meglio 1000 iscritti PAGANTI che 10.000
            gratuiti e "potenzialmente clienti degli
            sponsor".meglio pareggiare i costi in qualche modo (tutte le possibilita incluse), e piu utenti possibili...restando anche la validita del prodotto (guardati ultima on line che nonostante gli costi - GIUSTI per quello che offre - tira avanti alla grande)...non essendo gratuita si tengono lontanti gli indesiderabili barboni (certo ci sono sempre), ma ad un prezzo GIUSTO (non le solite trovate calcolate chissacome del ***** del marketing) si offre la possibilita ad un gruppo di persone di fare quello che fanno...il discorso e che le imprese vogliono TANTISIMIIIIIIIIIIII (ANZI DI PIUUUUUUUUU) di soldi senza offrire un cazzo in cambio...poi danno la colpa dei propri fallimenti agli utenti dicendo ah siete dei scrocconi...ma che vadano a **** per me...chiudete tutte per quello che mi riguarda...
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            meglio pareggiare i costi in qualche modo
            (tutte le possibilita incluse), e piu utenti
            possibili...Si, a parole va bene ma a conti fatti, non ci sono "magie" per recuperare le spese: o paghi, o paghi. Gli sponsor NON pagano. Punto.
            restando anche la validita del prodotto
            (guardati ultima on line che nonostante gli
            costi - GIUSTI per quello che offre - tira
            avanti alla grande)...Ovvio, mica dicevo "1000 iscritti a cui chiedere 10 mila euro al mese, per un servizio squallido".Parlo di cose come 30-50 euro all'anno, che per 1000 iscritti è già MOLTO buono e MOLTO meglio di 10.000 iscritti aggratis e due banner non paganti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            Ovvio, mica dicevo "1000 iscritti a cui
            chiedere 10 mila euro al mese, per un
            servizio squallido".invece sembra il motivo dominante ultimamente...i prezzi che vengono pagati per i servizi vanno a coprire milliardi di spese inutili...questo vale per tutto non solo per internet comunque...io farei pure una legge (gia che ci siamo, ormai le leggi le fanno pure i cani e porci): costo di un prodotto 100 (costi REALI, e calcolati tipo hai fatto viaggio in classe bussiness ???? okey ma come costo te la accetto solo come viaggio in economica) costo al pubblico 200 (intermediari inclusi)...invece oggi per fare viaggio in bussiness, aumenti il prezzo per l'intermediario, che lo aumenta all'prossimo intermediario e cosi via e alla fine il prodotto costo 500...
            Parlo di cose come 30-50 euro all'anno, che
            per 1000 iscritti è già MOLTO buono e MOLTO
            meglio di 10.000 iscritti aggratis e due
            banner non paganti.io farei 15-25 euro all'anno per 2000 iscritti...e qui che si vede che siamo differenti...
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            (gia che ci siamo,
            ormai le leggi le fanno pure i cani e
            porci):intendevo le ultime leggi approvate in america in questi ultimi mesi/anni (vedi la DMCA e compagnia bella)...a me la politica non interessa se non appunto per il fatto che ultimamente vedo uscire leggi contro ogni senso non solo etico/morale ma contro ogni LOGICA...non cominciate a buttarmi di tutto adosso dandomi di blu, giallo o rosso o verde...anche perche per me questo discorso politico e chiuso qua...;-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone


            Ovvio, mica dicevo "1000 iscritti a cui

            chiedere 10 mila euro al mese, per un

            servizio squallido".
            invece sembra il motivo dominante
            ultimamente...Pazienza ma non è quello che intendevo io, quindi non dare una piega "a tuo piacimento" al mio discorso :-) altrimenti è inutile.
            i prezzi che vengono pagati per i servizi
            vanno a coprire milliardi di spese
            inutili... questo vale per tutto non solo per
            internet comunque...Quindi inutile dirlo, ti pare? Se vale per tutti, è come se non valesse per nessuno.
            invece oggi per fare viaggio in bussiness,
            aumenti il prezzo per l'intermediario, che lo
            aumenta all'prossimo intermediario e cosi via e
            alla fine il prodotto costo 500...Le leggi non le facciamo noi e sicuramente il mondo dell'economia non apetta me o te per modificare il suo corso. Però se i servizi online diventano a pagamento, i pago quelli che uso perchè mi sembra giusto e doveroso.Ripeto: io leggo PI tutti i giorni, come un giornale cartaceo (che guardacaso SI PAGA). Semi chiedranno di spendere qualche euro, lo farò volentieri, non starò neanche a dire "ah ma come, prima era gratis".Allora cosa vuoi fare, SOLO siti a pagamento e MAI dare il gratis? No. Inizi gratis, vai avanti finchè reggi. Poi però SE TI HO DATO UN SERVIZIO DECENTE, e tu mi dici chesei un utente FELICE, SODDISFATTO, APPAGATO, allorami fai il piacere di dimostrarmelo.I "grazie tante" e i "cazzo mi dispiace" non servono a nulla :-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone


            i prezzi che vengono pagati per i servizi

            vanno a coprire milliardi di spese

            inutili... questo vale per tutto non solo
            per

            internet comunque...
            Quindi inutile dirlo, ti pare? Se vale per
            tutti, è come se non valesse per nessuno. allora facciamo finta di niente e paghiamo no ????tanto...;-)io dico che i servizi hanno un costo okey...mettiamo anche il guadagno della ditta...d'accordo, ma a quel punto la ditta (appunto perhche ho accettato il suo margine di guardagno) la deve mettere di scaricare le spese inutili sull'utente...o quelle spese inutili le fa dal suo guadagno...invece sommano costo+profitto+speseinutili (l'ultima e la piu rilevante ultimamente,almeno a me sembra cosi, stimo spese inutili in circa 40% del prezzo finale se non di piu)
            servizi online diventano a pagamento, i pago
            quelli che uso perchè mi sembra giusto e
            doveroso.si, ripeto ad un prezzo giusto si...non sarei contrario a pagare pi, se il prezzo e onesto e si puo pagare comodamente...in caso contrario, si attacano...
            Ripeto: io leggo PI tutti i giorni, come un
            giornale cartaceo (che guardacaso SI PAGA).
            Semi chiedranno di spendere qualche euro, lo
            farò volentieri, non starò neanche a dire
            "ah ma come, prima era gratis".nemmeno io...anche se lo preferivo di piu gratis...ma pazienza...;-)
            Allora cosa vuoi fare, SOLO siti a pagamento
            e MAI dare il gratis? No. Inizi gratis, vai
            avanti finchè reggi. Poi però SE TI HO DATO
            UN SERVIZIO DECENTE, e tu mi dici chesei un
            utente FELICE, SODDISFATTO, APPAGATO,
            allorami fai il piacere di dimostrarmelo.e tu dimostrati comprensibile per un passaggio del genere e cerca di renderlo meno traumatico...guadagnando il giusto intendo;-)
            I "grazie tante" e i "cazzo mi dispiace" non
            servono a nulla :-)si, serve solo piu buon senso da ENTRAMBE le parti...cosa che a quanto vedo manca a tutti (da entrambe le baricate);-)e solo uno scambio di accusse reciproche, invece di mettersi d'accordo...una parte vuole troppo e l'altra parte vuole pagare troppo poco (dal punto di vista dell'altra parte)...trovare una via di mezzo no eh ???? perche altrimenti chiudono tutti...per esempio: sondaggio tra gli utenti del sito: NOI CHIUDIAMO se voi non ci aiutate...quanti di voi sono disposti a pagare e quanto...poi si fa una media e una stima dei costi/utenti si dice: possiamo offrirlo a queste condizioni, senno chiude...A QUEL PUNTO O CHIUDE O TUTTI CONTENTI...E COSI DIFFICILE ????
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            si, ripeto ad un prezzo giusto si...non sarei
            contrario a pagare pi, se il prezzo e onesto e
            si puo pagare comodamente... in caso contrario,
            si attacano...Quanto considereresti "giusto" un prezzo per la lettura di un quotidiano come PI, ogni giorno? O per lo meno: quanto saresti disposto a pagare, per un abbonamento annuale (o semestrale, diciamo). Cerchiamo di capire meglio.
            sondaggioSi, sono d'accordo su questo punto. Il sondaggio cmq lo vedrei già verso la fine, l'ideale sarebbe "preparare la comunità" con largo anticipo (i problemi di spese e costi li sai parecchio prima della chiusura). Spieghi, dialoghi, chiedi aiuto. Punto. Sempre che poi EFFETTIVAMENTE la gente capisca e paghi, perchè dallamedia dei commenti ne deduco che molti pretendono il gratis, anzilo considerano un dovere di chi lavora sul web.
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            Quanto considereresti "giusto" un prezzo per
            la lettura di un quotidiano come PI, ogni
            giorno? O per lo meno: quanto saresti
            disposto a pagare, per un abbonamento
            annuale (o semestrale, diciamo). Cerchiamo
            di capire meglio.c'era scritto sopra: 20, 25 euro all'anno...e pensao che questo sia il prezzo piu ottimo per i ricavi/utenti totali...
            Si, sono d'accordo su questo punto. Il
            sondaggio cmq lo vedrei già verso la fine,
            l'ideale sarebbe "preparare la comunità" con
            largo anticipo (i problemi di spese e costi
            li sai parecchio prima della chiusura).se parti dall'idea che tu hai gia calcolato i costi, ecc e il sondaggio e solo di facciata, buona morte...
            Spieghi, dialoghi, chiedi aiuto. Punto.dipende anche come lo fai...senza chiedere pieta, ma neanche prendendo in giro la gente...
            Sempre che poi EFFETTIVAMENTE la gente
            capisca e paghi, perchè dallamedia dei
            commenti ne deduco che molti pretendono il
            gratis, anzilo considerano un dovere di chi
            lavora sul web.non gratis, ma ad un prezzo ONESTO...tutti la pensano cosi, piu o meno coscientemente...
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            non gratis, ma ad un prezzo ONESTO...tutti la
            pensano cosi, piu o meno coscientementeSi ma se per te onesto è per esempio 5 euro all'anno, la cosa non ha senso. Se l'onesto dipende dalle tue tasche, inutile parlarne. Tu dici 20-25 euro all'anno.Sono neanche 50 mila lire. Per UN ANNO... ti pare una somma? Per un sito che visiti ogni giorno? Però magari compri The Games Machine ogni mese (spendendo il triplo) per un giornale che è "vecchio" di un mese e mezzo appena lo compri :-)Ciò detto, penso cmq che con 20 euro e 1000 iscritti paganti le cose sarebbero MOLTO più rosee. Dati alla mano non ne ho, come nessuno qui dentro... ma se non altro si tratterebeb di soldi reali, non di banner "paganti un tanto al click".y
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            Tu dici 20-25 euro all'anno.
            Sono neanche 50 mila lire. Per UN ANNO... ti
            pare una somma? vedi non e questo che e piccolo, sono gli altri prezzi che sono esagerati...e che ormai ci hanno abituato che se non paghiamo tanto, non ha alcun valore...quindi tutti giu a sborsare a destra e a sinistra per ognicos...pensa invece al valore di un'euro per uno di quei sfortunati che stanno sulla strada a chiedere la nostra carita...con quel euro magari ci soppravvive...mentre per te non significa niente...questo per spiegare come la penso...;-)
            Per un sito che visiti ogni
            giorno? intendevo che un prezzo, almeno inizialmente fosse ottimo da entrambe le parti...ne troppo grande (per gli utenti) ne troppo piccolo (per pi)...in poche parole un prezzo onesto che mette tutti d'accordo...inoltre tu non mi puoi dire che gli utenti faranno a gara per pagare, naturalmente il piu possibile...
            Però magari compri The Games Machine
            ogni mese (spendendo il triplo) per un
            giornale che è "vecchio" di un mese e mezzo
            appena lo compri :-)e da un po che ho smesso di comprare riviste se non sporadicamente...troppa pubblicita...e per cosa poi...qualche articolo su 100 interessante ???? non aiutero quella gente ad abbatere altri alberi ancora...pur restando che alcuni contenuti sono interessanti...farei anche qua la proposta del jukebox musicale (un jukebox con tutte le canzoni del mondo dentro, vai li e ti fai il cd che vuoi) ma con articoli di giornale invece di canzoni: vai li e ti prendi gli articoli che vuoi, pagando di meno se li prendi come file di computer che stampati...prendiamo il corriere della sera: avra un boh 50 pagine ???? in tutte quelle pagine ci sara un commento o due che e interessante...prendi quei commenti e vai a leggerli a casa...il resto giu...oppure la pagina culturale, o solo la pagina dei spettacoli...e cosi via...o comunque giornali stampabili li sul posto...molti giornali rimangono invenduti...e carta sprecata...in questo modo non lo sarebbe...
            Ciò detto, penso cmq che con 20 euro e 1000
            iscritti paganti le cose sarebbero MOLTO più
            rosee.solo 1000 iscritti ???? inguaribile ottimista vedo... ;-)
            Dati alla mano non ne ho, come
            nessuno qui dentro... ma se non altro si
            tratterebeb di soldi reali, non di banner
            "paganti un tanto al click".yinfatti...
        • Anonimo scrive:
          Re: Utente medio = scroccone
          - Scritto da: sdfsdf
          Pagheresti Punto Informatico per
          iul servizio che offre?Non credo. Non mi e` necessario. Sono piu` che sufficienti le notizie riportate nei mensili di informatica che compro abitualmente.
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone


            Pagheresti Punto Informatico per

            il servizio che offre?
            Non credo. Non mi e` necessario. Sono piu`
            che sufficienti le notizie riportate nei
            mensili di informatica che compro
            abitualmente.Allora in tal caso di certo non verresti sul forum a lamentarti del servizio a pagamento. Adresti altrove. Non lo reputi utile, non lo paghi, te ne vai.Era ovvio che il presupposti di base fosse "ti piace PI e lo reputi utile e molto valido". Se ora mi dici "ah ma tanto non vale una sega" inutile disuctere ^___________^.
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone
            - Scritto da: sss
            Allora in tal caso di certo non verresti sul
            forum a lamentarti del servizio a pagamento.Sono venuto sul forum a lamentarmi del servizio a pagamento? Non credo.Ho solo scritto qualche commento ai messaggi di quelli che piu` o meno si lamentavano del fatto che gli utenti se ne vanno quando i servizi diventano a pagamento.
            Adresti altrove. Non lo reputi utile, non lo
            paghi, te ne vai.

            Era ovvio che il presupposti di base fosse
            "ti piace PI e lo reputi utile e molto
            valido". Se ora mi dici "ah ma tanto non
            vale una sega" inutile disuctereVedi il mondo in bianco e nero?Per me PI non e` ne' uno schifo ne' qualcosa di assolutamente indispensabile. E` qualcosa che sta nel mezzo a questi due poli.Ovviamente dipendera` dal prezzo. Pero` venire su PI e` una cosa che faccio soprattutto per passare il tempo, quindi non credo che pagherei molto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Utente medio = scroccone
      Spero che la tua sia solo una provocazione e che tu non pensi seriamente quello che hai scritto!Una persona che spende 2/3/4 milioni per un elaboratore e relativi programmi (e il tutto sarà deprezzato e invendibile dopo pochi mesi) è uno scroccone perchè non è intenzionato a spendere ancora e ancora e ancora...?Uno che deve già sopportare mode nell'hw e sw che lo costringono ad aggiornarsi tutti gli anni per essere up, o massimo ogni 2/3 anni se vuole avere una macchina che faccia girare decentemente le applicazioni più diffuse?Uno che oltre a pagare hw e sw e i suoi relativi continui aggiornamenti (+ manodopera, o + suo tempo prezioso se è in grado di fare da solo) paga anche la tariffa ad una società di telefonia per accedere alla rete sarebbe uno scroccone?Il grande Totò ti risponderebbe sicuramente "MA MI FACCIA IL PIACERE!"Anziche stare a strologare nuovi modi per mungere gli utenti e imporre dazi e balzelli alto-medioevali sarebbe meglio che: produttori hw e sw, compgnie telefoniche, content creators, editoria, società che fanno btb e soprattutto btc, major musicali e compagnia bella... si dedicassero seriamente a dare + motivi a quegli scrocconi per perdere il loro tempo in rete: gaming, notizie, approfondimenti, offerte commerciali scontate, aggiornamenti sw, musica e tutto gratis (al limite gli ultimissimi successi musicali e poco altro a pagamento, senza ingordigia, per qualche mese dal primo lancio del contenuto) e tante altre belle cose che questi signori possono pensare.E poi se guardi bene i mercati, queste società sono sempre più interconnesse tra di loro, quindi avrebbero ritorni garantiti anche se uno solo di questi mercati tirasse.Se invece continua questa fuga dei pionieri del gratis dalla rete, amatori che hanno investito tempo, amore e fatica, senza che le grandi case sappiano colmare il vuoto Internet rischierà di diventare un colossale flop e di affossare il mercato IT e telecomunicazioni (e quindi lo sviluppo del terziario avanzato globale come lo conosciamo oggi! scusa se è poco).Sfruttiamo questo nuovo media (e per sfruttarlo facciamolo crescere come la gente vuole) anzichè castrarlo con una mentalità chiusa e arretrata, a compartimenti stagni.La gente oggi spende abbastanza (per i suoi gusti) per navigare, se gli chiediamo quel pochino in più si rompe e ha di meglio da fare.Ho paura che se la fuga dei tuttogratis, degli hobbisti ecc... continuerà a favore dei siti a pagamento verrà a mancare la linfa vitale di internet, l'interesse per comprare una macchina, imparare +- a usarla e passare parte del sempre meno tempo che abbiamo a navigare!- Scritto da: 100?
      E' un classico, online tutto DEVE essere
      gratis. Se è gratis per un anno, va bene. Se
      poi per OVVI motivi diventa a pagamento,
      ciao ciao.

      Inutile mostrare affetto e poi non sborsare
      una lira quando serve (e magari spendere
      centinaia di Euro in sigarette e altre
      cazzate, ovviamente).

      Io non avrei neanche scritto una lettera, se
      non per dire che ci sarebbero stati i
      rimborsi. Utenti non paganti = ingrati = non
      meritevoli di alcun rispetto.

      Scrocconi, tutto li.
      • Anonimo scrive:
        Re: Utente medio = scroccone
        Se sei un somaro che si compra l'ultima scheda grafica per giocare al massimo della risoluzione con il giochino di ultima generazione per dire faccio 3000 FPS non e' ne colpa mia ne colpa di nessun altro.. NESSUNO ti obbliga a comprare una GF4 a 1.2 milioni.. pensa io gioco ancora con una Geforce Sdr comprata 4 anni fa' a 300 mila lire quando costa 600... e mi basta e avanza..
      • Anonimo scrive:
        Re: Utente medio = scroccone

        Spero che la tua sia solo una provocazione e
        che tu non pensi seriamente quello che hai
        scritto!io invece penso che lo pensa davvero...
        è uno scroccone perchè non è
        intenzionato a spendere ancora e ancora e
        ancora...?e uno insomma che non sta al gioco...;-)
        E poi se guardi bene i mercati, queste
        società sono sempre più interconnesse tra di
        loro, quindi avrebbero ritorni garantiti
        anche se uno solo di questi mercati tirasse.eh si ma allora ogniuno dovrebbe far piacere non solo ad un padrone ma a 4-5 almeno...
        Se invece continua questa fuga dei pionieri
        del gratis dalla rete, amatori che hanno
        investito tempo, amore e fatica, senza che
        le grandi case sappiano colmare il vuoto
        Internet rischierà di diventare un colossale
        flop e di affossare il mercato IT e
        telecomunicazioni (e quindi lo sviluppo del
        terziario avanzato globale come lo
        conosciamo oggi! scusa se è poco).se non ci pensano le imprese ci pensera lo stato con le sue leggi (vedi che succede in america con la nuova legge, anche gli opensource dovranno avere una specie di anticopia ed essere approvati dallo stato...tutto quando hollywood raccoglie circa 40 milliardi di dollari mentre il mercato it raccoglie circa 600 milliardi...600 che diventeranno al massimo la meta dopo questa legge)...
      • Anonimo scrive:
        Re: Utente medio = scroccone

        Spero che la tua sia solo una provocazione e
        che tu non pensi seriamente quello che hai
        scritto!No, anche perchè il tuo post ha appena dimostrato che appartieni a tale categoria.
        Una persona che spende 2/3/4 milioni per un
        elaboratore e relativi programmi (e il tutto
        sarà deprezzato e invendibile dopo pochi mesi)
        è uno scroccone perchè non è intenzionato a
        spendere ancora e ancora e ancora...?No certo. Spendi per il PC, sia mai detto che devi spendere per internet. Giammai! Piuttosto spendo il sigarette e puttane ma MAI in servizi internet. Il costo delletelefonate e del pc sono amari CAZZACCI tuoi, non di chi ti offre il servizio.Altrimenti non poagare la benzina, hai già pagato la macchina.
        Uno che deve già sopportare mode nell'hw e sw
        che lo costringono ad aggiornarsi tutti gli
        anni per essere up, o massimo ogni 2/3 anni se
        vuole avere una macchina che faccia girare
        decentemente le applicazioni più diffuse?Vedi? Paghi per tutto ma non per un servizio che altri ti REGALANO e che di colpo si rendono conto essere troppo CARO. Tu, da perfetto scroccone, ti incazzi pure.
        Uno che oltre a pagare hw e sw e i suoi
        relativi continui aggiornamenti (+ manodopera,
        o + suo tempo prezioso se è in grado di fare da
        solo) paga anche la tariffa ad una società di
        telefonia per accedere alla rete sarebbe uno
        scroccone?Certo caro, lo è se PRETENDE DI USARE I SERVIZI AGGRATIS, mio caro. Il pc lo hai pagato mi pare. Perchè non ti incazzi? Ah, su internet le cose si fanno aggratis vero? Il sito è li per magia, nessuno ci spende le ore.
        Il grande Totò ti risponderebbe sicuramente
        "MA MI FACCIA IL PIACERE!"Lascia stare il povero Totò, perchè ad un commento cole il tuo avrebbe detto "che cazzo stai dicendo".
        La gente oggi spende abbastanza (per i suoi
        gusti) per navigare, se gli chiediamo quel
        pochino in più si rompe e ha di meglio da fare.Giusto, è doveroso lavorare perchè tu, povero utente, hai dei costi dasostenere. Gli altri no, tu si. Poveretto.
        Ho paura che se la fuga dei tuttogratis, degli
        hobbisti ecc... continuerà a favore dei siti a
        pagamento verrà a mancare la linfa vitale di
        internet, l'interesse per comprare una
        macchina, imparare +- a usarla e passare parte
        del sempre meno tempo che abbiamo a navigare!No, finirà l'era degli utenti scrocconi (tu ne sei un lampante esempio) ed inizieranno a girare servizi decenti. E lo sai perchp lo dico? Perchè se tu mi paghi BENE, io mi sbatto per te. Se tu vieni a dirmi che tu spendi troppo e io devo lavorare gratis per te, ti mando a cagare :-)
        • Anonimo scrive:
          Re: Utente medio = scroccone

          No, anche perchè il tuo post ha appena
          dimostrato che appartieni a tale categoria.e tu a che categoria appartieni ????
          Altrimenti non poagare la benzina, hai già
          pagato la macchina.se la benzina costa tanto e posso andare a piedi ci vado...non inquino e risparmio...e il benzinaio si attacca...e lui che fa ???? aumenta il prezzo, da la colpa agli automobilisti scrocconi invece di diminuire il prezzo ed offrire un servizio reale...e con lui tutti...la benzina costa di piu ???? ed io alzo i miei prezzi...ah lui ha alzato i suoi prezzi ???? alzo i prezzi pure io...e cosi via alla fine tutti alzano i prezzi e tutti s'incazzano...
          Vedi? Paghi per tutto ma non per un servizio
          che altri ti REGALANO e che di colpo si
          rendono conto essere troppo CARO. Tu, da
          perfetto scroccone, ti incazzi pure. ah si facciamo qualcosa tanto per fare qualcosa, poi quando ci rendiamo conto che e troppo caro (che si sa la societa e guidata da incompetenti che non hanno neanche la voglia di vedere come va la societa) diamo la colpa agli utenti...ma CHIUDETE PER SEMPRE...per quello che mi riguarda...
          Certo caro, lo è se PRETENDE DI USARE I
          SERVIZI AGGRATIS, mio caro. Il pc lo hai
          pagato mi pare. Perchè non ti incazzi? Ah,
          su internet le cose si fanno aggratis vero?
          Il sito è li per magia, nessuno ci spende le
          ore.anche se ci spende ore e ore di solito i risultati non si vedono per niente...
          No, finirà l'era degli utenti scrocconi (tu
          ne sei un lampante esempio) ed inizieranno a
          girare servizi decenti. ah si ???? volevi dire servizi DEMENTI vero ????
          E lo sai perchp lo
          dico? Perchè se tu mi paghi BENE, io mi
          sbatto per te. Se tu vieni a dirmi che tu
          spendi troppo e io devo lavorare gratis per
          te, ti mando a cagare :-)se tu ti sei messo a lavorare per una societa che non sa neanche su cosa sopravvivere, sono cazzi tuoi...
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            e tu a che categoria appartieni ????A quella degli utenti paganti per servizi utili, che reputo ben fatti e ben organizzati. Non sborso migliaia di Euro ma ne sborso per i servizi buoni e che vanno supportati.
            se la benzina costa tanto e posso andare a
            piedi ci vado...non inquino e risparmio...Bravo. Però stai zitto e non rompi le balle lamentandoti dei costi. Oppure mi dici "non riesco asostenere il costo della benzina, pazienza" ma NON "cazzo NON POSSO SPENDERE STI SOLDI" quando sappiamo *benissimo* che non è quello il motivo, perchè non mi si dica che spendere 50 euro all'anno è un costo non affrontabile (parlo di un ipotetico abbonamento annuale che moltiplicato per almeno 1000 icritti sarebbe ottimo).
            aumenta il prezzo, da la colpa agli
            automobilisti scrocconi invece di diminuire il
            prezzo ed offrire un servizio reale...Il TUO servizio ideale è quello del fornitore che non te lo fa pagare MAI. Questo è il vostro concetto di "ideale": gratis a vita. Se tu lo usi e poi ti incazzi, si. Sei uno scroccone.
            e con lui tutti...la benzina costa di piu ????
            ed io alzo i miei prezzi...ah lui ha alzato i
            suoi prezzi ???? alzo i prezzi pure io...e cosi
            via alla fine tutti alzano i prezzi e tutti
            s'incazzano...La benzina costa perchè lo stato la fa pagare cara, non perchè la Agip è più stronza della Esso. Quindi era un concetto per dire che tu SPENDI per la benza ma non per un abbonamento ad un sito che in proporzione ti fa perdere MOLTE più ore dell'automobile.
            poi quando ci rendiamo conto che e troppo caro
            (che si sa la societa e guidata da incompetenti
            che non hanno neanche la voglia di vedere come
            va la societa) diamo la colpa agli utenti...
            ma CHIUDETE PER SEMPRE...per quello che mi
            riguarda...Però intanto usi il servizio, gratis, poi rompi le palle. Scroccone, lo vedi che continui a dimostrarlo?
            anche se ci spende ore e ore di solito i
            risultati non si vedono per niente...Ah, quindi GIP era un cesso? NGI è un cesso? PI è un cesso? Forse no, vero? Eh già.
            ah si ???? volevi dire servizi DEMENTI vero ??Volevo dire utenti dementi (e scrocconi).
            se tu ti sei messo a lavorare per una societa
            che non sa neanche su cosa sopravvivere, sono
            cazzi tuoi...Fortunatamente non è successo. Io probabilmente sono come te: un utente che naviga, gioca e poi ha la sua vita. Però SE SPENDO nella mia vita "reale", non vengo qui a spiegarti che "SICCOME PAGO IL PICCI' E PAGO LA CONNESSIONE allora DEVO GIOCARE GRATIS PER FORZA".E' questa l'equazione che tutti riportano e che non vale per nulla. Però tutti continuano a dire "eh ma io ho dei costi cazzo, mica posso PAGARE PER USARE UN SERVIZIO CHE USO REGOLARMENTE"Da domani scendo e dico al panettiere che il pane mica posso pagarlo, e manco il latte. Che diavolo. E pure l'acquaal bar... PAGARE? Sia mai detto.
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            A quella degli utenti paganti per servizi
            utili, che reputo ben fatti e ben
            organizzati.idem...ma quanti di questi ne conosci ???? ;-)

            se la benzina costa tanto e posso andare a

            piedi ci vado...non inquino e risparmio...
            Bravo. Però stai zitto e non rompi le balle
            lamentandoti dei costi. la macchina mi tocca usarla ognitanto...e ti faccio un esempio: diesel aumentanto piu della benzina diminuito meno della benzina...hanno diminuito la benzina (automobilisti) e ci lucrano sul diesel (automobilisti sfigati come me e autotrasportatori)
            Oppure mi dici "non
            riesco asostenere il costo della benzina,
            pazienza" ma NON "cazzo NON POSSO SPENDERE
            STI SOLDI" io ti dico a questo prezzo se proprio non posso farne a meno...abbassa il prezzo e ci penso ancora...e magari mi convinco anche...

            aumenta il prezzo, da la colpa agli

            automobilisti scrocconi invece di
            diminuire il

            prezzo ed offrire un servizio reale...
            Il TUO servizio ideale è quello del
            fornitore che non te lo fa pagare MAI.no...un mondo dove tutti guadagnano il giusto...
            Questo è il vostro concetto di "ideale":
            gratis a vita. Se tu lo usi e poi ti
            incazzi, si. Sei uno scroccone.ONESTO a vita...e lo scroccone sei tu...;-)
            La benzina costa perchè lo stato la fa
            pagare cara, non perchè la Agip è più
            stronza della Esso. Quindi era un concetto
            per dire che tu SPENDI per la benza ma non
            per un abbonamento ad un sito che in
            proporzione ti fa perdere MOLTE più ore
            dell'automobile.insomma tutti stronzi e scaricano su di me che DEVO usare la macchina...e poi non devo incazzarmi ????

            anche se ci spende ore e ore di solito i

            risultati non si vedono per niente...
            Ah, quindi GIP era un cesso? NGI è un cesso?mai visto gip, ngi fa pena comunque, quindi almeno che non sia migliore...
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone


            A quella degli utenti paganti per servizi

            utili, che reputo ben fatti e ben

            organizzati.
            idem...ma quanti di questi ne conosci ????
            ;-)Pochissimi, del resto per ora quasi nessuno ti chiede dei soldi per prenderne visione. Se un domani qualche sito dei miei bookmark chiederà un fisso annuale, ne avrò svariati da pagare.
            io ti dico a questo prezzo se proprio non
            posso farne a meno...abbassa il prezzo e ci
            penso ancora...e magari mi convinco anche...Abbassa il prezzo per rientrare nei tuoi standard, che però (non per cattiveria ma per ignoranza) magari non sono esattamente conformi con i reali costi di gestione (che non conosco neanche io, tra l'altro). Per te 20Euro sono adeguati, ma se ci pensi sono irrisori, considerati su base annuale. COSA, nella vita reale, paghi così poco per un anno... manco la più squallida rivista che tu possa trovare in edicola.

            Il TUO servizio ideale è quello del

            fornitore che non te lo fa pagare MAI.
            no...un mondo dove tutti guadagnano il
            giusto...Eh vabbè... torna nel mondo reale però ;-))))

            Questo è il vostro concetto di "ideale":

            gratis a vita. Se tu lo usi e poi ti

            incazzi, si. Sei uno scroccone.
            ONESTO a vita...e lo scroccone sei tu...
            ;-)Io proprio no, altrimenti non sarei qui a parlare ;-)))
            insomma tutti stronzi e scaricano su di me
            che DEVO usare la macchina...e poi non devo
            incazzarmi ????In questo caso si perchè paghi la benzina per delle tasse che impone lo stato e tu ti attacchi. Se chiude GIB se non altro vai altrove. Quindi inutile che t'incazzi ;-)
            mai visto gip, ngi fa pena comunque, quindi
            almeno che non sia migliore...Lol lo fai apposta. Allora Punto Informatico? Insommanon mi dire che conosci solo siti-cesso perchè non ci credo ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone (x 100?)
            Vorrei fare notare che dietro internet c'è una rete di mercato molto fitta che comprende produttori di hardware, softwarehouse, editoria, settore musica, telefonia ecc... Ognuno di questi settori ha forti interessi e aderenze negli altri, quindi chi paga una cosa (e come minimo un PC e linea telefonica devi averli per navigare) automaticamente paga tutte le altre.In buona sostanza se vedete le mani che stringono i portafogli delle maggiori società di questi settori vi rendete conto che sono sempre le stesse poche che si alternano.Quindi i servizi gratuiti o sottocosto di un settore fanno da traino ai profitti in un altro.Quindi basta per favore chiamare scrocconi chi pretende di non pagare certe cose, anche se costano. In realtà i soldoni sonanti li sganciano da altre parti sempre alle stesse manine avide!Se per diffidenza verso il media la gente non gradisce pagare servizi in rete (ed è innegabile), fatevi pagare in un altro modo, aumentando i margini sui PC o sulle connessioni.La casalinga di Voghera (per citare dopo Totò un altro personaggio famoso) non si fida ancora di dare i sui dati in internet, specie se di mezzo ci sono i suoi soldini, e anche pagando con formule tradizionali un servizio internet ha la paura di essere bidonata da un momento all'altro.Quanti servizi e iniziative a pagamento falliscono? Come fidarsi di una società di cui non si sono mai incontrati rappresentanti nè viste strutture tangibili a parte il sito internet, che la maggior parte dell'utenza non è però in grado di valutare per trarre informazioni sulla solidità e dignità di fiducia di una azienda?La gente non si fida di ciò che non può o non ha le competenze di soppesare, e oggi per il vasto pubblico internet è ancora una scatola misteriosa.Meglio spendere (per le aziende: fare spendere) in servizi e beni più tangibili e tradizionali, che si possono valutare meglio.Rimangono fuori dal discorso i piccoli siti, che non hanno le mani in pasta nel businnes e che indubbiamente hanno spese da cui devono rientrare, ma nell'IT se hai idee originali puoi fare molto anche spendendo molto poco.Purtroppo però per questi la vedo grigia, perchè stiamo andando incontro ad una massificazione e omogeneizzazione dei contenuti di internet, è una nota legge dell'economia che in settori in cui sono richiesti forti investimenti si vada verso il monopolio e viceversa (vedi TV, musica e OS!).Se in futuro ci saranno più idee nuove (stiamo abbastanza stagnando ora) o più capitali da investire ci sarà una inversione di tendenza. L'importante ora è non cercare subito di alzare i margini perchè i nuovi consumatori che sono entrati col boom degli ultimi anni non sono ancora abbastanza preparati per fidarsi abbastanza da spendere di più di quanto facciano oggi nell'IT, non lo sentono parte della loro vita come potrebbe essere e si rischia un disamoramento e fuga di massa.Un po di pazienza per avere il ritorno degli investimenti è d'obbligo, l'IT ha cambiato le nostre vite più di qualunque altro bene degli ultimi secoli, anche radio e televisione (perchè più potente e complesso), tanto che ancora non vediamo la portata del combiamento in atto. Il vero ritorno ci sarà con i nostri figli abituati a percepire questi servizi come parte integrante della loro vita. A meno che non siamo così avidi da volere incassare tutto e subito, prima che i clienti si siano seduti a tavola!
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone (x 100?)
            Letto e sottoscritto!Non sta ai clienti pagare di più per un bene di cui non hanno ancora la percezione completa, ma sta alle aziende sostenere il peso, per quanto oneroso e temporalmente lungo, di aprire e valorizzare un mercato che col tempo andrà indubbiamente a loro vantaggio!Speriamo che non siano miopi quanto sono avidi!
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone (x 100?)

            Speriamo che non siano miopi quanto sono
            avidi!ignori proprio come si fanno gli "affari" allora;-)ho visto cose che voi umani non immaginate neanche (ultimamente sta frase sembra andare troppo)...;-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone (x 100?)

            A meno che non siamo così avidi da volere
            incassare tutto e subito, prima che i
            clienti si siano seduti a tavola!Ecco, questo è quello che l'utente scroccone medio pretende. TUTTO, SUBITO, GRATIS. Hai reso bene il concetto, solo che lo hai ribaltato. La realtà è questa, per la massa della gente le spese hanno senso se si riferiscono a stronzate: telefonini, suonerie, sigarette, eccetera.Ma guai a spendere cifre irrisorie (ipotizzo i soliti pietosi e pidocchiosi 30-50 euro ALL'ANNO) per qualche servizio chiamiamolo "telematico". Meglio spenderli nel grattati-e-vinci o al Lotto, no? Piuttosto cosa fa, l'utente medio-scroccone? Argomenta producendo fantomatiche teorie sui bisness online, quando l'unica cosa che vuole ottenere è: voi spendete perchè DOVETE spendere. Noi no, che cazzo c'entriamo noi? Siamo poveri utenti... no soldi, no disponibilità, no chiedere me danaro, me no soldi.Renditi conto che nessuno qui ha nai parlato di cifre elevate, di "succhiare sangue agli utenti". Qui vi state indignando dinnanzi a somme che fanno ridere i polli. Per qualche euro annuale (che sommato e moltiplicato farebbe cifre assai elevate), pare di affrontare l'asportazione di un organo (vitale). Come vuoi andare avanti in una discussione, quando non sei neanche capace di concepire una somma di questo livello? Ah, il business... ah, i porci capitalisti, ah... tutti a lucrare... Pietà, pietà.
          • Anonimo scrive:
            Re: Utente medio = scroccone

            Abbassa il prezzo per rientrare nei tuoi
            standard, che però (non per cattiveria ma
            per ignoranza) magari non sono esattamente
            conformi con i reali costi di gestione (che
            non conosco neanche io, tra l'altro).allora perche parli no ????;-)bhe calcola un server, della banda, delle licenze (eventualmente) + costi umani...un buon server, magari biprocessore, ecc...varie menate: 10 millioni (non penso ancora in euro, troppo affezzionato alla lira) cambiato una volta all'annobanda: 5 millioni al mese = 60 all'anno...licenze: qua non farmici pensare... ;-)personale umano: 4 persone a 3 millioni al mese 144 millioni...====220 millioni, altro 30 millioni...250 millioni5000 utenti per 20 euro = 100.000 euro (193 millioni)facciamo allora 5000 x 25 oppure vediamo di far abbonare un'altro 500 utenti...resta chiaro che non farai abbonare 5000 utenti a 20 euro al mese...almeno io non ci credo, riconoscero lo sbaglio se lo vedro con i miei occhi...(e un calcolo approssimativo, non volermene)
            20Euro sono adeguati, ma se ci pensi sono
            irrisori, considerati su base annuale.e quindi facciamo su base mensile ???? farebbero circa 500.000 lire all'anno...bhe, no thanks...;-)
            COSA,
            nella vita reale, paghi così poco per un
            anno... manco la più squallida rivista che
            tu possa trovare in edicola.infatti nel edicola i prezzi non valgono quello che c'e...e non solo nell'edicola...ci vendono per oro quello che non e oro...


            Il TUO servizio ideale è quello del


            fornitore che non te lo fa pagare MAI.

            no...un mondo dove tutti guadagnano il

            giusto...
            Eh vabbè... torna nel mondo reale però ;-))))io penso ad un mondo migliore...che vuoi farci ;-)
            Se chiude GIB se non altro vai
            altrove. Quindi inutile che t'incazzi ;-)ma chi s'incazza ???? io sto calmo e tranquillo SEMPRE...bhe quasi, ognitanto la carogna salta pure a me...;-)
            Lol lo fai apposta. Allora Punto
            Informatico? Insommanon mi dire che conosci
            solo siti-cesso perchè non ci credo ;) conosco siti cesso come grafica ma con contenuti eccezionali, oppure cesso come contenuti e ottima grafica (quest'ultimi li sto cancellando dai bookmark ultimamente)...dando un voto a pi tra 1 e 5 direi 3,5 se era questa la domanda...;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Utente (italiano) medio = scroccone

      E' un classico, online tutto DEVE essere
      gratis. Se è gratis per un anno, va bene. Se
      poi per OVVI motivi diventa a pagamento,
      ciao ciao.E` la cattiva abitudine degli italiani che pensano che per i servizi non si debba pagare. L'autobus si piglia a scrocco. Il treno si prova a non timbrare e poi se ti danno la multa son stronzi. Il software si copia. I gioci si scaricano dai siti warez e la musica in mp3. La TUT dovrebbe sparire. E ovviamente ... tutto cio` che e` on line non si deve pagare!Insomma l'italiano e` abituato a pagare solo se riceve un oggetto solido di adeguate dimensioni in cambio.Se per 50 euro mi porto a casa una borsa piena di spesa, sara` mai che mi basti un solo CD con un solo gioco per altrettanto?L'unica eccezzione alla regola sono i telefoninii: ecco li` piu` piccolo piu` sono disposti a pagare.Neanche i sociologi capiscono questo fenoeno.Si a chiaro questo succede in tutto il mondo, ma in italia in particolare.
      • Anonimo scrive:
        Re: Utente (italiano) medio = scroccone
        e' molto semplice :gib = server a pagamentonon mi interessa pagare , non ci gioco , non hanno giochi LORO percui non acquisto l'originaleuo = server a pagamento non mi interessa pagare , non ci gioco , non acquisto l'originaled2/lod : server gratis non mi interessa pagare , ci gioco , ho acquistato 2 originali e 2 espansioni + wc3 quando uscira'.ora mi domando , chi e' che chiude e chi e' che non chiude ? =)
      • Anonimo scrive:
        Re: Utente (italiano) medio = scroccone

        E` la cattiva abitudine degli italiani che
        pensano che per i servizi non si debba
        pagare. L'autobus si piglia a scrocco. Il
        treno si prova a non timbrare e poi se ti
        danno la multa son stronzi. Il software si
        copia. I gioci si scaricano dai siti warez e
        la musica in mp3. La TUT dovrebbe sparire. E
        ovviamente ... tutto cio` che e` on line non
        si deve pagare!Ti evidenzio una piccola perla della tua apologia alla pirlaggine: La TUT dovrebbe sparire.SI! Perchè uno statunitense che guadagna il triplo di me NON paga le telefonate locali e paga +- come me le long distance? EH?Sarà mica che là le compagnie telefoniche sono PIU' AVANZATE E MENO AVIDE e i cittadini PIU' FURBI di noi italiani?O credi che quei colossi piangano miseria o addirittura facciano ridere come la nostra Telecoz che afferma di offrire un servizio quasi in perdita, meritorio, da buon samaritano?Non è che bisognerebbe cacciare in galera chi gli fa(lsifica) i bilanci???EH? O NO?Vuoi il Trio Medusa per chiarirti le idee a riguardo della TUT?
  • Anonimo scrive:
    NGI ha visto il futuro... SERVER A PAGAMENTO!!!
    NGI, ha fiutato l'aria e ha deciso di aprire i servizi a pagamento che tutt'ora sono in fase di test.Cmq penso che la chiusura di GIB, sia un segno...Ciao!
    • Anonimo scrive:
      Re: NGI ha visto il futuro... SERVER A PAGAMENTO!!!
      Un segno di cosa.
    • Anonimo scrive:
      Re: NGI ha visto il futuro... SERVER A PAGAMENTO!!!
      veramente anche gib aveva già cominciato ad offrire server a pagamentoarrivi tardi
    • Anonimo scrive:
      Re: NGI ha visto il futuro... SERVER A PAGAMENTO!!!
      - Scritto da: Netgamer
      NGI, ha fiutato l'aria e ha deciso di aprire
      i servizi a pagamento che tutt'ora sono in
      fase di test.Se ben ricordo, l'introduzione del PVTN (mi pare sia questa la sigla) e' stato un flop CLAMOROSO. 8)Cosi' zitti zitti hanno fatto finta di niente...Comunque il punto mi pare quello di toto63, hanno cominciato ad offrire gioco gratis (sperando, diciamocela tutta, di fare il colpaccio) e hanno sbagliato i conti.Amen.
      • Anonimo scrive:
        Re: NGI ha visto il futuro... SERVER A PAGAMENTO!!!
        Per quanto riguarda la posizione di NGI sul netgaming, vi consiglio di leggere il plan di ADSO http://www.ngi.it/Stuff/Plan_Commento.asp?ID_Plan=1042.Come vedete piu' o meno le conclusioni sono le solite di quelle riportate sui motivi della chiusura di GiB.Questo vuol dire farsi poche illusioni. A mio vedere (e parlo solo del netgaming) a breve termine c' è solo la strada del pagamento, a medio se e quando avremo connessioni degne di questo nome, i GSP perderanno progressivamente importanza per acquisirne invece quei siti che organizzano ladder ed eventi.Per quanto riguarda GiB, non ha tentato il colpaccio (che vuol dire ? ) ha cercato di creare un nuovo mercato mettendo a disposizione in fase iniziale i servizi in maniera gratuita.CiauzDoc
      • Anonimo scrive:
        Re: NGI ha visto il futuro... SERVER A PAGAMENTO!!!

        Se ben ricordo, l'introduzione del PVTN (mi
        pare sia questa la sigla) e' stato un flop
        CLAMOROSO. 8)uhm... scusa ma di che NGI stai parlando? quella che conosco io non ha ANCORA LANCIATO il pvtn...(l'iniuranz l'è 'na bruta bestia, n'è?)
        • Anonimo scrive:
          Re: NGI ha visto il futuro... SERVER A PAGAMENTO!!!
          - Scritto da: mino
          uhm... scusa ma di che NGI stai parlando?
          quella che conosco io non ha ANCORA LANCIATO
          il pvtn...E gia', anzi fanno quasi finta che non esistano (sono in test _perenne_ 8D).
          (l'iniuranz l'è 'na bruta bestia, n'è?)Proprio vero. Ma tu dov'eri quando i server PVTNsi sono desertificati? Torna nella tua grotta, va'...
          • Anonimo scrive:
            Re: NGI ha visto il futuro... SERVER A PAGAMENTO!!!

            Ma tu dov'eri quando i server PVTN si sono desertificati?non qui dove sono ora, cmq lol...
          • Anonimo scrive:
            Re: NGI ha visto il futuro... SERVER A PAGAMENTO!!!
            Il PVTN è stato annunciato a novembre. Si compone di diversi servizi aluni dei quali già partiti e funzionanti (server rent per esempio). Nello stesso annuncio del PVTN era già prevista la sua graduale introduzione. Quindi non c'è stato nessun flop, ma solo una pigrizia da parte tua nell'informarti e a fidarti ciecamente nei distortissimi passaparola.
          • Anonimo scrive:
            Re: NGI ha visto il futuro... SERVER A PAGAMENTO!!!
            ossignùr, adso pure qua... :)
          • Anonimo scrive:
            Re: NGI ha visto il futuro... SERVER A PAGAMENTO!!!
            - Scritto da: adso
            Quindi non c'è stato nessun flop, ma solo
            una pigrizia da parte tua nell'informarti e
            a fidarti ciecamente nei distortissimi
            passaparola.LOL 8)Io c'ero quando avete fatto lo stop.Io c'ero quando i server si sono _svuotati_.Io c'ero quando li avete aperti a tutti (per test, si e' detto).Io c'ero quando la gente (visto che e' _gratis_) e' tornata a giocarci.Come vedi, nessuna pigrizia ne' alcuna fiducia a fonti poco attendibili. Semplicemente c'ero. ;)...a proposito, no, probabilmente non sgancerei un centesimo (di Euro).
          • Anonimo scrive:
            Re: NGI ha visto il futuro... SERVER A PAGAMENTO!!!
            Eh sì, perché spendere degli Euro per giocare?Dove sta scritto?Bene, non spendere un centesimo e vai a giocare con i tuoi amici tedeschi, svedesi e finlandesi...Poi però, il primo lamer che parla della "Comunità di netgamer", si premuri di pensare se ha intenzione di pagare 10 Euro al mese per un divertimento...Del resto, c'è qualcuno che va al cinema spiando il film da fuori perché non vuole dare 8 Euro alla cassa? OTTO EURO UN FILM CAZZO!E VE LA MENATE PER 10 EURO AL MESE?E' PROPRIO VERO, più la gente ha, più vuole... A filettare i bulloni in fabbrica, cari i miei netgheis, altro che frag e fragghini...
          • Anonimo scrive:
            Re: NGI ha visto il futuro... SERVER A PAGAMENTO!!!
            Non è la questione che il cinema si paga 8 euro e il net solo 10 per alcuni mesi (uao) servizzi "quasi infiniti" ecc. che bello. Non fare questi discorsi deficenti. Allora aiutare dei poveri barboni,mendicanti,lavavetri,marocchini... conun misero euro è normale per te (tanto già 8 ti fanno il solletico). E via dicendo a tutto quello che costa sotto i 10 euro.Ma le mie tasce come quelle di tutti hanno una quantità FINITA di euro (e prealtro molto bassa).E poi vi ricordo che chi gioca nei server è per la maggior parte ragazzi che studiano, senza reddito. Secondo la maggior parte non sono degli incalliti, giocano ogni tanto giusto per divertirsi, e non devono programmare una stagione di campinati on line come se fossero iscritti in una società di calcio qualsivoglia per esempio.Terzo questo discorso di pagare i server su cui gioco voale solo per quei pochi malati che passano la loro vita davanti ad un monitor con l'unico obbiettivo di migliorare il proprio skin. Sono in una percentuale piccolissima. Vi ricordo che giocare on line non è una necessita per gli umani, è un lusso, per chi ha tempo, denaro (per il computer e la connessione) e volgia di sbattersi nel pc.
          • Anonimo scrive:
            Re: NGI ha visto il futuro... SERVER A PAGAMENTO!!!
            e allora... i "malati" di cui parli...PAGHINO!E se voi altri comunisti volete che vi restino i soldi per le canne, smazzate un ventino di più al mese!Un hobby dà costi e soddisfazioni tanto quanto un altro; se uno vuole giocare, paga e gioca!
          • Anonimo scrive:
            Re: NGI ha visto il futuro... SERVER A PAGAMENTO!!!
            e ti ripeto che non c'è stato nessun flop... mi dispiace... sembri solo un untente rosicante.Per gli altri:1. il discorso del cinema che costa meno è stato fatto mille volte ma certi utenti hanno le orecchie dure2. il PVTN è una scelta, ci sono sempre i server pubblici... un untente può decidere di avere altri servizi e di sostenere NGI con 10 euro al mese3. il discorso dei ragazzini squattrinati fa lollare per due motivi:a. basta leggersi le statistiche sulla diffusione di cellulari da un milione, scooter d 5, capi firmati e scarpe da mezzo milione nella popolazione italiana under 16b. basta andare all'uscita di una scuola superiore per contare addosso ad ogni studentello una media, tra firme e tecnologia, di circa un milione un milione e mezzo (fonti censis)In realtà ognuno è LIBERO DI DECIDERE cosa diamine fare dei suoi soldi. Il discuetre se è giusto o meno ripagare in minima parte un sito per i costio sostenuti mi pare che sia sacrosanto. Anche perchè nessuno ha pensaro che se anxche raccogliessimo 1.000 utento a 10.e al mese non paghremmo manco la bolletta enel delle nostre 110 macchine (server)buona apsqua a tutti
Chiudi i commenti