Megaupload, la fenice del file hosting

Nuovi dettagli sulla rinascita del celebre cyberlocker, con una raffica di cinguettii del founder Kim Dotcom. Pronte le nuove API per una rete di condivisione distribuita e globale. Ad eccezione degli States

Roma – Nuove rivelazioni cinguettate dal boss di Megaupload Kim Dotcom, ormai inarrestabile nel percorso di ricostruzione dell’ex-impero del file hosting. “Gli sviluppatori si preparino – si legge in uno dei più recenti tweet di Dotcom – le nuove API di Megaupload forniranno poteri incredibili, che cambieranno il mondo”.

Modestia a parte, il founder di origini tedesche aveva già parlato di un servizio “più grande, migliore, più veloce, inarrestabile e sicuro al 100 per cento”. I responsabili del sito bombardato dagli States starebbero preparando una nuova rete di condivisione globale e distribuita, con il coinvolgimento di tutti coloro che lo desiderino, a patto che l’infrastruttura messa disposizione non sia localizzata sul territorio statunitense .

Stando ai nuovi dettagli cinguettati da Dotcom, la nuova vita di Megaupload offrirà un servizio di cifratura one-click per tutti i processi di trasferimento dei dati . “Facile da usare, completamente gratuito, privacy totale!”, ha aggiunto Dotcom.

Il founder ha dunque invitato gli sviluppatori di file manager a prenotare l’accesso in esclusiva alle nuove API, ma la chiamata alle armi è aperta anche a coloro che si occupano di servizi VOIP, email, fax, e applicazioni video.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti