Memorie DRAM, occhio ai rincari!

Dopo aver toccato il minimo storico, il prezzo delle memorie DRAM ha fatto un guizzo verso l'alto. Casualità o reale segno di ripresa?


Roma – Il prezzo all’ingrosso delle memorie SDRAM è raddoppiato nel giro di una sola settimana e negli scorsi giorni gli effetti di questo rincaro hanno cominciato a farsi sentire anche qui in Italia.

Tuttavia, alcuni analisti hanno richiamato i consumatori alla cautela: questi rincari potrebbero essere solo temporanei: tanto vale, sostengono, stare alla finestra per poche settimane e vedere che succede.

“Reputo alquanto improbabile – ha affermato Eric Ross, analista presso Thomas Weisel Partners – che il recente piccolo rialzo nei prezzi delle DRAM possa considerarsi un indicatore di un reale miglioramento dell’economia”.

Ross sostiene che l’aumento di prezzo sia dato da diversi fattori concomitanti, fra cui diversi movimenti economici e speculazioni avvenute in Asia.

Le previsioni di Ross, che prevede un nuovo drastico calo del prezzo delle SDRAM durante la prima metà del 2002, si scontra però con quanto riportato da alcune analisi di fonte taiwanese: queste sostengono infatti che per lo stesso periodo i prezzi delle memorie SDRAM dovrebbero stabilizzarsi per effetto del passaggio di produzione, da parte di molti chipmaker, alle più redditizie memorie DDR.

Forse ha ragione Kim Myung Ho, senior manager di Samsung, quando afferma che “nessuno sa cosa stia per succedere”. Myung Ho sostiene che “il prezzo delle DRAM è vicino a toccare il fondo ed il mercato delle memorie dovrebbe ormai risentire dei primi effetti portati dall’arrivo di Windows XP e dal calo di prezzo del Pentium 4”.

I prezzi delle memorie Rambus DRAM non hanno risentito particolarmente di questi recenti rincari, tuttavia il loro costo è ancora oltre due volte maggiore rispetto a quello delle DDR. Rambus ha però previsto che nel giro di un anno il prezzo delle sue RDRAM diminuirà di un fattore circa doppio rispetto alle memorie rivali.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    3DNow Professional....
    Vorrei fare una precisazione sull'articolo, le istruzioni 3DNow professional sono sono la stessa cosa delle SSE, hanno la stessa funzione, però le 3DNow! sono sviluppate interamente da AMD e non c'entrano con le SSE e tantomeno sono un clone di esse. Tra l'altro oltre al supporto per 3Dnow AMD include anche quello per le SSE facendo un processore veramente bestiale per la grafica 3D, i giochi, la multimedialità.
  • Anonimo scrive:
    AMD PoW@!
    Grande AMD conferma la sua strapotenza anche nel mercato Value-ProcessorsHo un Duron 800 @1000 e penso proprio che mi prenderò un Duron (Morgan) 1200 per spingerlo sino a 1.4GHz o li vicino :)Overclock = AMDPotenza = AMDStabilità = AMD (con un buon dissipatore)
    • Anonimo scrive:
      Re: AMD PoW@!

      Ho un Duron 800 @1000 e penso proprio che mi
      prenderò un Duron (Morgan) 1200 per
      spingerlo sino a 1.4GHz o li vicino :)Duron 900@1400 (140*10) con scheda madre AZZA KT3ABX raffreddato da cella peltier da 150W, a sua volta raffreddata da sistema di raffreddamento a liquido home made (con tanta pazienza, pompe per acquario e radiatore preso da una vecchia Golf...), alimentato da due alimentatori (Enermax 300W per il sistema e Enermax 460W per il raffreddamento). La temperatura ordinaria è di circa -20° in idle e circa +15° dopo circa 3 ore di Quake 3.
      Overclock = AMD
      Potenza = AMD
      Stabilità = AMD (con un buon dissipatore)Approvo in pieno.
Chiudi i commenti