Mercato PC, XP rallenta l'emorragia

Le società di analisi registrano un rallentamento nel declino della commercializzazione di PC dovute all'aggiornamento dei sistemi basati su Windows XP. Che resta vivo, che lotta insieme a noi e ai server Web che ancora ne fanno uso.
Le società di analisi registrano un rallentamento nel declino della commercializzazione di PC dovute all'aggiornamento dei sistemi basati su Windows XP. Che resta vivo, che lotta insieme a noi e ai server Web che ancora ne fanno uso.

Le ultime analisi di mercato pubblicate da Gartner parlano di un rallentamento nel declino dell’industria dei PC, un settore che se non è più quello di un tempo riesce comunque a mettere in circolazione decine di milioni di macchine nel giro di tre mesi.

Gartner parla di una contrazione dell’1,7 per cento nel numero di PC commercializzati nel primo trimestre del 2014 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, un segnale più che incoraggiante visto il -6,9 per cento del trimestre finale del 2013.

La società di analisi parla di un “effetto positivo” dovuto alla necessità di rinnovare le macchine basate su Windows XP, sistema operativo andato definitivamente in pensione – almeno in quanto ad aggiornamenti di sicurezza futuri – con l’ ultimo Patch Tuesday di Microsoft .

Numeri meno positivi arrivano poi dall’ ultima analisi trimestrale di IDC , che come Gartner nota un rallentamento nel declino dell’industria dei PC ma registra una riduzione più sostanziale, pari a -4,4 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

La fine del supporto a XP fa insomma più che bene al settore oramai maturo dei computer desktop e laptop, anche se cattive notizie attendono coloro che si aspettassero una scomparsa repentina dello storico OS dalla faccia del mondo informatico: Windows XP, rileva Netcraft, è ancora l’OS utilizzato da 6mila server Web .

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

11 04 2014
Link copiato negli appunti