Metti una sera a cena e un codice a barre

Codici a barre, codici a barre! Monodimensionali, bidimensionali, tutti molto sociali! Ecco la trovata dell'estate 2008 in tempo per l'estate 2009: una maglietta con la URL sulla spalla

Roma – Interno, notte. Lei è mollemente adagiata su un trespolo di fronte al bancone di un bar. Lui la guarda, la scruta, l’osserva: decide che è la donna della sua vita. Vorrebbe conoscerla, provare ad attaccare bottone: ma come fare per evitare di sembrare l’ultimo playboy in disarmo della riviera romagnola ? Meglio dare un’occhiata al suo profilo su MySpace per scoprire qual è il suo gruppo preferito. Per fortuna lei indossa W-41 .

Immagine tratta dal sito del produttore W-41 W-41 : è questa la sigla chiave del tacchinamento autunno-inverno. È anche il nome dell’azienda olandese che ha lanciato una nuova linea di t-shirt e felpe con impresso il marchio indelebile del codice a barre . Non quello tanto 1.0 che si vede sulle confezioni delle merendine, ma quello molto più 2.0 che è – manco a farlo apposta – bidimensionale. Se lo usano tutti, per prendere l’ aereo o sorbirsi la pubblicità extra , perché non sfruttarlo pure per fare amicizia?

Si va sul sito, si ordina una maglietta e ci si fa stampare sulla schiena un curioso logo circolare: racchiusi tra segmenti e punti bicolori si possono decodificare foto, piccoli testi o – come in questo caso – indirizzi web . Non bisogna fare altro che uscire indossando la blusa giusta: chiunque si incontri per strada e riconosca il simbolo sulla spalla potrà tramutarsi in un nuovo contatto per il proprio social network.

Chi fosse interessato a scoprire qualcosa di più su chi indossa la t-shirt con la URL tatuata sulle terga non dovrà far altro che scaricarsi (in anticipo, si intende) il software giusto dal sito del produttore: si punta la fotocamera del proprio telefonino , si clicca e si naviga. Se lei è vegana e tu un convinto sostenitore della porchetta libera sarà meglio scoprilo in anticipo, prima di finire a mangiare macrobiotico per il resto della vita.

Che la cosa funzioni pare scontato, visto che di tecnologia super-sperimentata si tratta. Che la cosa piaccia è letteralmente un altro paio di maniche. Vero è che gli smartphone moderni sono talmente eclettici, e le fotocamere che montano talmente potenti, che tanto vale sperimentare per trovare (prima o poi) qualcosa di utile da farci: per questo i codici a barre ultimamente fanno furore in mille varianti diverse , sono un espediente semplice da usare e di sicuro effetto.

Ma vuoi mettere andare in vacanza in Nepal con il proprio profilo Facebook stampato sulla maglietta? Oppure andare in discoteca in Spagna con la possibilità di ricevere seduta stante mezze dozzine di email da altrettanti aspiranti amori estivi? Ma anche solo andare a comprare un pacco di bicarbonato in drogheria e conoscere lì l’amore della propria vita, tra il banco dei surgelati e quello dei detersivi . Se sono rose, fioriranno, in ogni caso, gli utenti navigheranno e pagheranno. E tutti vissero felici e contenti.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • CCC scrive:
    chiamasi fascismo
    come da oggetto
  • Micheal J Fox scrive:
    Sono d'accordo!
    Pur essendo un pregiudicato, quindi le mie impronte fanno già parte del database delle forze dell' ordine, sono d'accordo con questa iniziativa e anzi, aggiungerei anche un campione di DNA alle impronte.Su un piatto della bilancia il diritto alla privacy, ma diciamocela tutta. Chi ha paura di questa violazione, se chi non ha l' intenzione di commettere qualche crimine?Sicuramente non un cittadino onesto.Comunque se questa iniziativa andasse in porto sarebbe secondo me una gran bastonata al crimine, in quanto cittadini regolari e non, ci penserebbero sopra 2 volte prima di commettere qualche illecito!
  • letichi2005 scrive:
    impronte digitali
    Io non ho ancora capito tutte le polemiche in corso contro le impronte digitali.Io non ho nessuna sensazione di mancanza di libertà,nè vedo attentati di potere etc....Dal momento che non ho assolutamente niente da nascondere, condivido totalmente questa idea(ovviamente comprendente tutti indiscrimitamente)Mi sento più protetta.Non siamo tutti contenti poi ,se i crimini in genere vengano risolti presto?!E' vero che le misure di sicurezza non hanno risolto i pericoli granchè,ma non vedo nessun attentato ai diritti civili del cittadino.Noi ci preoccupiamo tanto di robette e poi p.e.un ragazzo studente di 23 anni viene condannato a morte,poi ergastolo,perchè aveva detto che Maometto non ha tenuto molto in considerazione le donne!Sono queste assolute assenze (in tanti posti purtroppo,che magari consideriamo civili e con i quali trattiamo)di qualsivoglia libertà,che mi angosciano e per i quali "noi occidentali" siamo incapaci di reagire concretamente,me per prima
    • Solfato di Bario scrive:
      Re: impronte digitali
      Con una Getto d'Inchiostro ed una cartuccia specialele puoi stampare le impronte.... veramente sicuro...
    • nanashi san scrive:
      Re: impronte digitali
      - Scritto da: letichi2005
      etc....
      Dal momento che non ho assolutamente niente da
      nascondere, condivido totalmente questa
      idea(ovviamente comprendente tutti
      indiscrimitamente)allora nulla in contrario se ti chiedo nome, cognome e indirizzo?Non hai nulla da nascondere, non hai nulla da temere.
  • Gargiulo Gargilli scrive:
    La Storia
    Tra tante risposte e considerazioni mi sembra che nessuno abbia preso spunto da quella piu' ovvia. La Storia.Se gia' secoli fa valeva la massima "dividi et impera" un motivo ci sara'. Motivo portato avanti e rafforzarto ancora oggi, dopo secoli, dopo tutti i cambiamenti che ci sono stati, anche tecnologici e scentifici. D'altra parte non è facile conciliare progresso tecnologico e "privacy" nel senso stretto del termine. Ma mi sembra che parlare di violazione della privacy (per qunato giusto e veritiero possa essere) porti fuori strada. E mi spiego con un esempio.Se io ho bisogno di una cosa posseduta da una persona, e ho gia' messo in conto di ottenerla (anche con la forza, nel caso) avro' naturalmente gia' messo in conto che questa persona "potrebbe" incazzarsi e ribellarsi. Da qui la necessita' di pagare qualcuno che mi difenda (ovviamente pagato con i proventi del furto appena compiuto) - Leggi anche:Se io governo una nazione che (magari) consuma un sacco di risorse, di cui il mio paese ha un estremo bisogno, devo anche fare in modo di garantirmele a tutti i costi (anzi, abbassando i costi il piu' possibile, con qualsiasi mezzo).Ora, se io violo i diritti del mio o di altri popoli, mettero' in conto la possibilità (molto reale e per niente scontata) che questa gente che sto sfruttando, un giorno, potrebbe anche ribellarsi (come insegna appunto la nostra secolare storia). Da qui la necessità di "creare" paura da una parte e controllo dall'altra.Ragazzi, non c'e' niente di nuovo in realta' (a parte i mezzi tecnologici che si usano). Il "controllo" sulla popolazione esiste da sempre. Dobbiamo prenderne atto. Non per accettarlo e rimanere schiavi ma anzi, per conoscerne i meccanismi e, nel caso, usarli a nostro vantaggio; Magari dimostrando "con prove" (come è successo per esempio con l'informatica) che certi sistemi NON sono infllibili.Il problema per chi deve gestire immensi poteri (come quello economico, per esempio) e' che, a differenza di secoli fa, ora anche le persone comuni sono più sveglie (parlo della alfabetizzazione legata alla conoscenza tecnologica) percui questi "sigonri" si trovano oggi costretti ad alzare la posta, perchè in realta' hanno paura anche loro, che magari un giorno si arrivi a capire veramente che cosa sono le banche, le televisioni, le religioni, ecc. ecc.
    • MegaJock scrive:
      Re: La Storia
      TLDR.
    • Cippa Lippa scrive:
      Re: La Storia
      Il problema è che in uno stato ipercontrollato si deve avere la garanzia che questa non possa essere usata per incastrarmi in qualcosa che non ho commesso.Se questa cosa fondamentale non è garantita l'ipercontrollo sarà il nuovo medioevo.Oh se mi prudono le dita...
  • Zoro scrive:
    usa e uk fine della democrazia
    come da titolo.a meno che per democrazia lorsignori non intendano la libertà di avere un ampia scelta di prodotti inutili e uguali da poter comprare nelle catene dei supermercati.che schifo!il grande fratello è gia fra noi oggi.
    • fullhouse scrive:
      Re: usa e uk fine della democrazia
      quoto in pieno. che tristezza...e la cosa peggiore è che "la gente collabora" invece di fracassargli quelle macchinette nei denti...
      • pippo75 scrive:
        Re: usa e uk fine della democrazia
        - Scritto da: fullhouse
        quoto in pieno. che tristezza...
        e la cosa peggiore è che "la gente collabora"
        invece di fracassargli quelle macchinette nei
        denti...che bella cosa rompere le cose comprate con i soldi pubblici.dovermmo cominciare con i semafori, dopo tutto tolgono libertà anche loro.
    • v1doc scrive:
      Re: usa e uk fine della democrazia
      - Scritto da: Zoro
      come da titolo.Ti quoto :-(
    • MrAbyss scrive:
      Re: usa e uk fine della democrazia
      - Scritto da: Zoro
      come da titolo.
      a meno che per democrazia lorsignori non
      intendano la libertà di avere un ampia scelta di
      prodotti inutili e uguali da poter comprare nelle
      catene dei
      supermercati.
      che schifo!
      il grande fratello è gia fra noi oggi.Ah perchè in Italia siamo messi meglio, vero ?!?
  • bradipo scrive:
    il problema...
    ...è sempre il solito, non è tanto nel dove arrivi l'occhio del Grande Fratello quanto nel come agiscano le sue mani. E fin'ora la storia sembra dimostrare che tanto potere finisce sempre per corrompere il lato umano di chi si trova a gestirlo. A quando una monarchia illuminata?
  • Funz scrive:
    Cittadino = criminale
    Fino a prova contraria.In compenso i veri criminali sono ai posti di comando dell'amministrazione pubblica, dell'economia, della religione. Ma a loro non le prendono, le impronte.
  • Nerdy scrive:
    che problema c'è?
    è pure fico farsi prendere le impronte eh!
    • alfa beta scrive:
      Re: che problema c'è?
      - Scritto da: Nerdy
      è pure fico farsi prendere le impronte eh!a quando un provvedimento per identificare i troll?
      • Nerdy scrive:
        Re: che problema c'è?
        troll solo perchè non me la prendo se mi prendono le impronte? Per me dovremmo tutti avere un chip nel braccio. Io non ti dico mica che devi essere daccordo io però penso sia f.i.c.o.
      • Giancarlo Ruberti scrive:
        Re: che problema c'è?
        - Scritto da: alfa beta
        - Scritto da: Nerdy

        è pure fico farsi prendere le impronte eh!
        a quando un provvedimento per identificare i
        troll?Aggiungi anche me nei troll, perché anche io credo che non ci sia nessun problema nel prendere le impronte digitali dei cittadini.Il problema è che oramai si protesta per partito preso.Perché allora non togliamo la foto dai documenti (anche sui passi, tesserini dei lavoratori etc...)?Inoltre ricordiamo che i maschietti che in passato hanno passato la visita di leva hanno "subito" l'onta del rilevamento delle impronte digitali, quindi potenzialmente siamo già schedati...
    • Fra Martino scrive:
      Re: che problema c'è?
      mi pari un po' matto. fattele prendere, fatti schedare. fatti controllare. fatti.
    • Punisher scrive:
      Re: che problema c'è?
      - Scritto da: Nerdy
      è pure fico farsi prendere le impronte eh!Io gli offrirò l'impronta della nerchia.
  • korova scrive:
    E' anche peggio
    Altro che 1984 o V per Vendetta.. andremo a finire come a Gattaca.Che stronzi!!! :((ghost)(ghost) :p :p :) :) 8) 8) 8)
    • Fra Martino scrive:
      Re: E' anche peggio
      basta opporsi. ci sono gli strumenti democratici e (se tua_età
      18) ricordatelo quando andrai a votare: niente voto ai PD, niente voto ai PDL, ma considera solo quelle formazioni che tutelano tua privacy personale.non ne trovi (molto probabilmente)? fondane una (e ti appoggerò).
  • Lepaca scrive:
    7 milioni!!!!
    hanno un archivio di 7 milioni di impronte?da quello che c'e' scritto nell'articolo, sembra che questo sia l'archivio delle persone con precedenti...considerando che la gran bretagna ha circa 60 milioni di abitanti, e' piu' di una persona su 10!!!il 10% di criminalita' e' un po' altina
    • Fra Martino scrive:
      Re: 7 milioni!!!!
      ma si sà che gli inglesi non fanno sesso. se non fanno sesso si devono sfogare in altro modo: criminando.
    • carlo scrive:
      Re: 7 milioni!!!!
      se ne hanno prese 10 a persona allora ci sono 700mila persone con precedenti, l'1% di criminalità sembra più accettabile
  • Pitone scrive:
    Boh....
    ...Secondo me se so' rincoglioniti....
    • Fra Martino scrive:
      Re: Boh....
      beh si sapeva. il problema è che qualche scemarello di onorevole/deputato/senatore qui in italia comincia a pensare come loro.
  • rancido scrive:
    DNA e retina
    Le impronte digitali non bastano: mappatura del DNA e retina per tutti.Solo cosi' si potra' abbattere il crimine. Chi e' onesto non ha da temere. TREMATE FECCIA
    • Lepaca scrive:
      Re: DNA e retina
      per far crescere e prosperare una societa', bisognerebbe limitare i diritti democratici delle persone con un QI troppo basso.chi e' intelligente non ha da temere. DEMENTI TREMATE!!!!
      • Difensore scrive:
        Re: DNA e retina
        Echelon, Carnovore, Nuovo Ordine Mondiale, ANtcristoVerichip, Chip sottocutaneo, Marchio della BestiaL'inizio della fine e` iniziato, e` davnati ai vostri occhi, ma voi non ve ne accorgete.Io cittadino onesto, nel 2010 diventero` criminale, perche` non permettero la rilevazione delle mie impronte digitali per metterle sul mio passaporto.Appena scaduto il mio passaporto non lo rinnovero`, ma richiedero` asilo politico o la nazionalita` di un altro Paese europeo (non accetto il chip RFID nel passaporto).Io vi ho avvertito, non potete piu` dire che non sapevate.
    • cryptotech scrive:
      Re: DNA e retina
      troll già attivo a neanche le 8 del mattino??ma sei un bot? o un essere umano?
    • alfa beta scrive:
      Re: DNA e retina
      - Scritto da: rancido
      TREMATE
      FECCIAti riferisci ai troll?A quando un provvedimento per internarli?
    • N.C. scrive:
      Re: DNA e retina
      Tremate feccia ... e tremate cittadini onesti che hanno pestato i piedi a qualcuno di potente ... gli si prende le impronte e si aspetta che nella vita faccia anche un misero sbaglio per segarlo ...
      • Fra Martino scrive:
        Re: DNA e retina
        non hanno così pazienza, come speri. l'innevamento di stato non è mica solo limitato alla droga.
    • Fra Martino scrive:
      Re: DNA e retina
      trollaccione! guarda che ti verrebbero subito a prendere. proprio te.poichè se diventi probabile sospetto sussistendo il rischio che tu ne abbia combinata una, diventi sicuramente sospetto perché è certo che non hai combinato nulla.
    • Punisher scrive:
      Re: DNA e retina
      - Scritto da: rancido
      Le impronte digitali non bastano: mappatura del
      DNA e retina per
      tutti.

      Solo cosi' si potra' abbattere il crimine. Chi e'
      onesto non ha da temere. TREMATE
      FECCIAMappami il belin.
  • AxAx scrive:
    Inutile...
    Tanto i veri criminali le impronte digitali se le modificano quando vogliono. (certo è un po' doloroso...)
  • francososo scrive:
    E' inutile ripeterlo .....
    Sò malati 'sti inglesi di "sicurezza": ma di chi e per chi dico io!
    • Gino il Pollo scrive:
      Re: E' inutile ripeterlo .....
      se ho ben capito si tratta solamente di poter identificare con sicurezza le persone sospette, non certamente chiunque passeggi per strada
      • Lord Kap scrive:
        Re: E' inutile ripeterlo .....
        - Scritto da: Gino il Pollo
        se ho ben capito si tratta solamente di poter
        identificare con sicurezza le persone sospette,
        non certamente chiunque passeggi per
        stradaPotrei suggerirti di vedere V for Vendetta.Ok, apocalittico, ma la deriva è quella.-- Saluti, Kap
        • GrilloP scrive:
          Re: E' inutile ripeterlo .....
          Meglio ancora, leggersi la graphic novel.Alcuni aspetti ...disturbanti... nel film non ci sono.
          • Sgabbio scrive:
            Re: E' inutile ripeterlo .....
            Il Film ha un pò "attualizzato" la storia originale. Comunque forse hanno tolto i riferimenti al fascismo :D
          • Lord Kap scrive:
            Re: E' inutile ripeterlo .....
            - Scritto da: Sgabbio
            Il Film ha un pò "attualizzato" la storia
            originale. Comunque forse hanno tolto i
            riferimenti al fascismo :DBeh, direi che i riferimenti nel film ci sono eccome! ;)-- Saluti, Kap
      • Fra Martino scrive:
        Re: E' inutile ripeterlo .....
        credo proprio tu abbia frainteso. auguri.
    • Fra Martino scrive:
      Re: E' inutile ripeterlo .....
      si vede che i loro sudditi devono essere controllati strettamente.
Chiudi i commenti