Microsoft annulla i certificati insicuri

Le ultime patch di Redmond invalidano alcuni certificati digitali non più dotati delle caratteristiche "minime" di sicurezza. Prevenire è meglio che curare

Roma – Il martedì di patch di luglio è stata l’occasione per Microsoft di dare una bella sforbiciata ai certificati digitali usati sugli OS Windows. I certificati, a dire di Microsoft stessa, non hanno più le caratteristiche di sicurezza minima per continuare a essere utilizzati nell’autenticazione di file e servizi.

La mannaia sui certificati cade in seguito alla scoperta del malware Flame, una sofisticata “cyber-minaccia” pare sviluppata dai servizi segreti USA e capace appunto di abusare del servizio Windows Update e del sistema di gestione dei certificati.

Non risulta che qualcuno dei 28 certificati classificati come “untrusted” sia stato compromesso, sostiene Microsoft, nondimeno l’incidente di Flame ha spinto la corporation ad abbandonare i certificati basati su algoritmo RSA con chiavi di lunghezza inferiore ai 1024 bit.

“Si tratta di una pulizia preventiva in grado di assicurare un più alto livello di sicurezza per qualsiasi certificato di proprietà di Microsoft”, spiegano da Redmond. La “de-classificazione” dei 28 certificati coinvolge tutti gli OS Windows (da XP SP3 fino a Windows Server 2008) esclusi i sistemi mobile, e rappresenta (assieme alle novità per il meccanismo di update automatico introdotte con l’ultimo martedì di patch) il tentativo di Microsoft di rispondere in maniera più efficace e tempestiva a questo genere di minacce.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ndr scrive:
    Re: Unico limite: il cielo...
    Significativo il fatto che nel giro di qualche anno questa compagnia sia in grado di realizzare sistemi di messa in orbita dei satelliti che costino un quarto di quanto non possa fare oggi la NASA....agenzia ben più longeva e finanziata a spese dei contribuenti...Fossi un politico americano mi farei qualche domanda...e fossi uno dei vertici della NASA arrossirei almeno un po'...
    • mikronimo scrive:
      Re: Unico limite: il cielo...
      Hai ragione, ma la NASA ha sempre fatto veicoli con teconologie di frontiera, materiali ultra sofisticati (carbonio, kevlar, titanio, ceramica), perché poi potessero essere utili anche per cose più complesse; il fatto è che alla fine troppi costi si sono ripercossi sulla credibilità e sostenibilità dei suoi progetti (vedi un Progetto Shuttle mai rinnovato a livello di strutture, che quindi è invecchiato senza dare un sucXXXXXre, perché troppo costoso e costringendo la NASA a tornare ai vettori a razzo, bocciati pure quelli); senza contare che essendo struttura pubblica ed intervenendo una crisi economica il denaro pubblico viene dirottato per precedenza verso altro (difesa, che ha costi folli: con quello che spendono in un anno si svilupperebbero i mezzi per andare su Marte nel giro di pochi anni, dato che i progetti validi esistono e si tratta solo di costruirli e testarli adeguatamente); in un mondo in cuntinuo litigio spendere centinaia di miliardi (progetto, sviluppo e costruzione; migliaia per i costi previsti durante il previsto ciclo di vita per manutenzione, carburanti, addestramento piloti, come sta avvenendo per il nuovo F35, una vera meraviglia tecnologica ma dai costi in contiuna folle crescita) per nuovi aerei da caccia (solo uno dei titoli di spesa militare, perquanto tra i più costosi) è "essenziale" e intanto si perde il monopolio di un'industria (i lanci satellitari) che ha ricadute tecnologiche e finanziarie ben più valide ed immediate di quelle militari...
      • Mavala scrive:
        Re: Unico limite: il cielo...
        - Scritto da: mikronimo
        Hai ragione, ma la NASA ha sempre fatto veicoli
        con teconologie di frontiera, materiali ultra
        sofisticati (carbonio, kevlar, titanio,
        ceramica)E SpaceshipTwo di cosa è fatta?http://www.designnews.com/author.asp?section_id=1392&doc_id=240812
        troppi costi si sono ripercossi sulla
        credibilità e sostenibilità dei suoi progetti
        (vedi un Progetto Shuttle mai rinnovato a livello
        di strutture che quindi è invecchiato senza dare
        un sucXXXXXre, perché troppo costosoVeramente la storia è un po' diversa...
        costringendo la NASA a tornare ai vettori a
        razzo, bocciati pure quelli); Tutto è sempre stato "a razzo", compreso lo Shuttle.Constellation, Ares, SLS, ... sono progetti in cui la politica ha una grossa parte. Un presidente fa e l'altro disfa e rifà, sprecando anche un sacco di investimenti. La NASA negli ultimi anni è andata avanti a casaccio, praticamente senza bussola.Anche lo Shuttle in fondo era un altro carrozzone governativo, che non è neanche stato usato gran che per fare ciò di cui era stato pensato. Non era neanche possibile limarlo più di quanto è stato fatto ed è risultato anche poco affidabile, per essere human rated.Il Venture Star, che avrebbe dovuto rimpiazzarlo, è stato cancellato quando il dimostratore tecnologico si è dimostrato... un fiasco.
        (cut - costi)Be', sì, alla NASA e alle altre agenzie spaziali arrivano giusto le briciole di quello che arriva ai militari.
  • Enrico R scrive:
    Precisazione
    Se non erro non si trattera' di orbite, ma solo di voli balistici con altezza massima di 100 km, in effetti ad una quota che viene convenzionalmente considerata lo spartiacque tra volo atmosferico e volo spaziale.Ciao.
    • attonito scrive:
      Re: Precisazione
      - Scritto da: Enrico R
      Se non erro non si trattera' di orbite, ma solo
      di voli balistici con altezza massima di 100 km,
      in effetti ad una quota che viene
      convenzionalmente considerata lo spartiacque tra
      volo atmosferico e volo
      spaziale.

      Ciao.ma secondo te fa piu fico dire "sono stato su un veicolo in volo balistico" o "sono stato in orbita"? ovvio che i markettari te la spaccino per "orbita".
      • Funz scrive:
        Re: Precisazione
        - Scritto da: attonito
        - Scritto da: Enrico R

        Se non erro non si trattera' di orbite, ma solo

        di voli balistici con altezza massima di 100 km,

        in effetti ad una quota che viene

        convenzionalmente considerata lo spartiacque tra

        volo atmosferico e volo

        spaziale.



        Ciao.

        ma secondo te fa piu fico dire "sono stato su un
        veicolo in volo balistico" o "sono stato in
        orbita"? ovvio che i markettari te la spaccino
        per
        "orbita".Quelli sono i "voli ballistici" :D
    • MegaJock scrive:
      Re: Precisazione
      - Scritto da: MacGeek
      e proveranno
      l'assenza di gravità per qualche secondo (lo puoi
      fare più a lungo e con molta meno spesa al
      Kennedy Space CenterLo puoi fare anche salendo su un ascensore di un palazzo ragionevomente alto e facendo saltare il cavo e i freni.Non dura tantissimo ma è economico.Peccato che lo puoi fare solo una volta.Perchè poi muori...
    • Mavala scrive:
      Re: Precisazione
      - Scritto da: Enrico R
      Se non erro non si trattera' di orbite, ma solo
      di voli balistici Suborbitalihttp://en.wikipedia.org/wiki/Sub-orbital_spaceflight
Chiudi i commenti