Microsoft apre le sue tecnologie

Il big di Redmond dà una ulteriore spinta alla strategia che consente alle imprese partner e agli sviluppatori di dare un occhio ai suoi codici e alle proprietà intellettuali. Nuove licenze e nuove agevolazioni per gli ambienti accademici


Redmond (USA) – Microsoft ha annunciato il varo di una nuova policy per la gestione delle licenze relative alle proprie tecnologie. Frutto di un confronto con le altre aziende di settore, il big di Redmond sostiene che questa nuova strategia le permetterà di aumentare l’interoperabilità con le tecnologie di terze parti e di estendere il numero di licenze libere da royalty destinate alla comunità accademica.

“Da tempo molti attori nel mercato IT ci chiedevano di rendere più chiara la nostra politica di licensing e di estendere l’accesso al nostro portfolio di tecnologie protette come proprietà intellettuale – ha dichiarato Brad Smith, general counsel e senior vice president di Microsoft – Le novità che annunciamo oggi favoriranno una maggiore cooperazione nel nostro settore e consentiranno di ampliare i legami di collaborazione con altre aziende. La concessione in licenza della tecnologia è un passo essenziale per sostenere l?innovazione nel settore IT”.

Da anni Microsoft concede licenze limitate confinate a certi ambienti di sviluppo e, nel tempo, ha sottoscritto accordi reciproci di licenza prevalentemente con i leader settore. Il colosso afferma che la sua nuova politica di licensing permetterà ora anche alle aziende più piccole e ad altri soggetti di ottenere l’accesso alle sue tecnologie. Una mossa che, visto il rilievo di mercato dei prodotti del big di Redmond, potrebbe dare nuovo dinamismo al comparto del software. Novità delle quali l’azienda ha bisogno non solo per tenere meglio il polso del settore ma anche per contrastare l’avanzata delle piattaforme alternative . “L’accesso e lo scambio di tecnologie protette come proprietà intellettuale sono essenziali alla crescita e allo sviluppo del settore IT nel suo complesso” – ha peraltro dichiarato Marshall Phelps, corporate vice president e deputy general counsel di Microsoft, che si occupa della gestione della proprietà intellettuale Microsoft e delle richieste di accesso alla stessa.

Ed è in questo quadro che Microsoft ha definito dei programmi di licenza sia esenti da royalty che soggetti a royalty sulle basi di quanto previsto dalle normative di settore.

Alla comunità accademica , Microsoft si è impegnata a fornire licenze royalty-free per l’uso non commerciale, “al fine di favorire – ha detto Phelps – ricerca e sviluppo”. Questo significherà anche un ampliamento del programma Shared Source , lo stesso attraverso cui Microsoft fornisce l’accesso al codice sorgente di diversi suoi prodotti a sviluppatori, partner, clienti, istituzioni accademiche e operatori del settore.

Un esempio della nuova apertura di Microsoft è la disponibilità, recentemente annunciata , di un programma di licenze royalty-free per gli schemi XML di Office 2003.

In tutto questo va delineandosi quella strategia di mercato che fa leva sull’appeal delle tecnologie fin qui sviluppate dall’azienda su piattaforma Windows per una vasta gamma di ricercatori e sviluppatori.

Microsoft ha inoltre annunciato la disponibilità di due nuovi programmi di licenza, rispettivamente per la tecnologia ClearType e per il file system File Allocation Table ( FAT ): i primi licenziatari sono, rispettivamente, lo sviluppatore di tecnologie legate ai font Agfa Monotype e il produttore di schede di memoria flash Lexar Media.

La tecnologia ClearType consente di migliorare la lettura del testo digitale sugli schermi a cristalli liquidi, mentre il file system FAT è un diffuso formato usato per l?archiviazione e l?interscambio di contenuti tra computer e dispositivi digitali.

“Gli accordi siglati con Agfa Monotype e Lexar Media, così come il lavoro svolto con la comunità accademica e le organizzazioni di settore – ha concluso Phelps – testimoniano la nostra volontà di intensificare i rapporti di collaborazione nell’ambito della vasta e innovativa industria dell?IT. Siamo aperti a nuove opportunità di business e vogliamo creare condizioni vincenti per noi e le aziende del settore”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Gia' si inchioda..
    La presentazione si inchioda a meta', se in azienda decideranno per questo software sento gia' le incazzature, a torto o a ragione, dei clienti che giungono dal futuro :'(Teniamoci forte ragazzi... adesso si balla :s
    • Anonimo scrive:
      Re: Gia' si inchioda..
      - Scritto da: Anonimo
      La presentazione si inchioda a meta', se in
      azienda decideranno per questo software
      sento gia' le incazzature, a torto o a
      ragione, dei clienti che giungono dal futuro
      :'(

      Teniamoci forte ragazzi... adesso si balla :se' si e no in beta...cmq io la presentazione l'ho vista tutta senza problemi
      • Anonimo scrive:
        Re: Gia' si inchioda..

        e' si e no in beta...
        cmq io la presentazione l'ho vista tutta
        senza problemiQuesto e' il problema a qualcuno funziona a qualcuno no e quest'ultimo, incavolato come una iena telefonera' per sapere quale porcheria da lui pagata inchioda il suo browser.Anche se e' il suo pc ad essere mal configurato o la sua connessione lenta chi si becca il cazziatone? :'(
  • Anonimo scrive:
    bello!
    potrebbe essere davvero il prodotto di svolta che rendera' possibile costruire vere applicazioni su webinteressante
Chiudi i commenti