Microsoft chiude il bug di IE, anche su XP

Redmond rilascia una patch "fuori-ciclo" per neutralizzare l'ultima vulnerabilità scovata nel suo browser Web. La patch riguarda anche Windows XP, nonostante la fine del supporto per l'OS lanciato nel 2001

Roma – Tanto (e tanti) tuonarono sull’ultima vulnerabilità zero-day di Internet Explorer che piovve una patch fuori-ciclo, con Microsoft costretta a rilasciare l’aggiornamento anche per Windows XP. Un sistema operativo il cui supporto sarebbe teoricamente dovuto terminare lo scorso 8 aprile .

La falla che ha scomodato i governi di mezzo mondo – tutti concordi nel consigliare agli utenti di usare un browser alternativo a IE – è stata chiusa con il bollettino di sicurezza MS14-021 , un aggiornamento che riguarda tutte le versioni di Internet Explorer supportate (dalla 6 alla 11) su OS Windows recenti (Windows Vista, 7, 8) e meno recenti (XP).

Microsoft prova a giustificare la decisione di rilasciare l’update anche per Windows XP parlando di una misura una tantum dovuta alla “prossimità” della scoperta del baco con la fine del supporto esteso per il vetusto NT 5.1 (ovviamente aggiornato al Service Pack 3), nondimeno la scelta della corporation ha alimentato nuove polemiche sulla questione “supporto a Windows XP sì o no”.

Tra chi si è esercitato nelle suddette polemiche c’è chi considera la mossa di Microsoft una scelta sbagliata , perché nei prossimi mesi e anni ci sarà sempre una nuova “emergenza” nel codice di XP per cui verranno richieste nuove patch ufficiali da autorità governative, amministratori di sistema e utenti molto interessati a rimandare quanto più è possibile la sostituzione di un già OS vecchio di 13 anni.

A complicare ulteriormente le cose contribuiscono gli ultimi dati sulla popolarità dei sistemi operativi Microsoft, con Windows XP che cala molto poco nonostante la fine del supporto ad aprile. Di questo passo ci vorranno anni per relegare XP a una nicchia di utenti “allergici all’upgrade”.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Puffo inventore scrive:
    Troppo tardi
    Inutile chiudere il recinto dopo che i buoi sono scappati
  • sisko212 scrive:
    ?????
    "Datagate, Silicon Valley promette trasparenza" !!!!!Ha HA ha uha bhhua haHAha, Ha HA ha uha bhhua haHAha, HAHAHAHAaaaaa.... proprio bella questa !
  • prova123 scrive:
    E' solo un motivo in più
    per non utilizzare gli antidiluviani servizi (...per conto di chi??) cloud. Dopo che ormai si sono giocati la credibilità non c'è più molto da dire e da credere.
  • Il Punto scrive:
    I fatti.
    "Datagate, Silicon Valley promette trasparenza"E gli asini volano..."Le aziende avvertiranno gli utenti quando le autorità eserciteranno il proprio potere sui dati altrui."Ah si certo come all'inizio dello scandalo Datagate con Facebook e co."Il DoJ avverte: in questo modo si impedisce il normale svolgimento delle indagini"Oh forse è perchè così anche altre agenzie straniere possono rubare informazioni personali con la cosidetta "trasparenza"?"Secondo il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti il rischio è quello di "permettere la distruzione delle prove o di favorire la fuga dei sospettati o l'intimidazione dei testimoni"."Del tipo Edward Snowden? E pensare che sono uno pro-USA..., questo il governo americano se lo poteva risparmiare.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 05 maggio 2014 19.09-----------------------------------------------------------
    • Leguleio scrive:
      Re: I fatti.

      "Secondo il Dipartimento di Giustizia degli Stati
      Uniti il rischio è quello di "permettere la
      distruzione delle prove o di favorire la fuga dei
      sospettati o l'intimidazione dei
      testimoni"."

      Del tipo Edward Snowden? Che c'entra Edward Snowden? Quando ha lasciato gli Usa non era sospettato di nulla, e quanto alle intimidazioni, la sua ultima videoconferenza alla tv russa mi pare dimostri il contrario:http://punto-informatico.it/4034783/PI/News/snowden-putin-spia-spia.aspx
      • Il Punto scrive:
        Re: I fatti.
        @ LeguleioDatagate...USA-Russia...Ti dice niente la questione?E comunque Snowden poi aveva i rimorsi per il suo lavoro ed è anche per questo che poi è scappato.
        • Leguleio scrive:
          Re: I fatti.

          Datagate...
          USA-Russia...
          Ti dice niente la questione?No, non mi dice niente dalla fine della guerra fredda. Spiegami tu, quindi.
          E comunque Snowden poi aveva i rimorsi per il suo
          lavoro ed è anche per questo che poi è
          scappato.Uh... no. Il primo invio ad un giornalista del materiale che scotta risale a gennaio 2013:http://www.nytimes.com/2013/08/18/magazine/laura-poitras-snowden.html?_r=0Snowden sarebbe partito per Hong Kong solo il 20 maggio 2013.
  • nome e cognome forse scrive:
    cloud2
    dati al sicuro http://ebay.eu/1niYLHh
  • collione scrive:
    evvai!
    io sono contento che l'abbronzatissimo mi spia
  • Rocky scrive:
    La verginità della meretrice
    In pratica, dobbiamo fidarci di una meretrice che ci promette che d'ora in poi sarà vergine?
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: La verginità della meretrice
      contenuto non disponibile
    • Surak 2.0 scrive:
      Re: La verginità della meretrice
      - Scritto da: Rocky
      In pratica, dobbiamo fidarci di una meretrice che
      ci promette che d'ora in poi sarà
      vergine?Infatti, si chiama "fare scena!" nel senso che una volta presi "cor sorcio in bocca", prima hano tentato una penosa smentita, poi hanno dovuto ammettere che collaboravano, adesso tentatno la strada del "mai più", quando sanno benissimo (e lo dovrebbe sapere chiunque) è che quelle aziende sono state "incubate" dal Governo degli Stati Uniti, e fatte sviluppare con aiuti e appoggi politici, proprio allo scopo sia di avere un'avanguardia tecnologica di rilievo, senza pesare troppo sulle tasche dei contribuenti, e dall'altra per avere acXXXXX sia a quelle tecnologie che alle informazioni che possono raccogliere. Se non obbediscono fanno la fine di Myspace (in quel caso, solo passato in mani non "patriote")sostituito rapidamente con FB (in mano a chi sappiamo), in fondo al Goevrno americano rimangono in mano molte armi per distruggere anche colossi come Google che sulla carta è una potenza quasi alla pari, basta indagare un po' trovare qualche reato o accorgersi di qualche ecXXXXX di posizione dominante... e nel frattempo magari accordarsi con un altro motore molto più collaborativo. Quuesta è l'America (in realtà , solo gli Stati Uniti d'America)
    • ... scrive:
      Re: La verginità della meretrice
      - Scritto da: Rocky
      In pratica, dobbiamo fidarci di una meretrice che
      ci promette che d'ora in poi sarà
      vergine?vergine? non solo anche nelle orecchie, ma secondo me lo hanno preso pure sotto le unghie :)
  • Leguleio scrive:
    Proprio così
    " <I
    ...nel momento in cui avvertono i diretti interessati delle richieste d'acXXXXX ai relativi dati, da un lato danno loro la possibilità di ricorrere alle autorità giudiziarie per impedirlo, dall'altro (avvertono gli investigatori) mettono i sospettati (e dunque i possibili colpevoli) in allarme </I
    ".È proprio così. Per fare un esempio nel mondo analogico pre-internet: è come se ad ogni intercettazione telefonica, oppure ad ogni intercettazione della corrispondenza epistolare, si avvertisse preventivamente l'interessato. O magari anche non preventivamente, dopo due o tre giorni dall'inizio, cambia poco. :)Staremo a vedere la versione finale di questa intesa, quali tempi e quali modi prevederà per la comunicazione; detta così, sembra una barzelletta. A margine va detto che il grosso delle informazioni che la NSA raccoglie sui cittadini di tutto il mondo non provengono certo da richieste formali inviate a facebook, gmail e yahoo! Hanno metodi "invisibili" per inserirsi nel flusso dei dati, e contro queste operazioni non c'è intesa che tenga. Le richieste formali erano una rara eccezione, non la regola.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 05 maggio 2014 09.34-----------------------------------------------------------
    • tucumcari scrive:
      Re: Proprio così
      - Scritto da: Leguleio
      " <I
      ...nel momento in cui avvertono i
      diretti interessati delle richieste d'acXXXXX ai
      relativi dati, da un lato danno loro la
      possibilità di ricorrere alle autorità
      giudiziarie per impedirlo, dall'altro (avvertono
      gli investigatori) mettono i sospettati (e dunque
      i possibili colpevoli) in allarme </I

      ".

      È proprio così. Per fare un esempio nel
      mondo analogico pre-internet: è come se ad ogni
      intercettazione telefonica, oppure ad ogni
      intercettazione della corrispondenza epistolare,
      si avvertisse preventivamente l'interessato. O
      magari anche non preventivamente, dopo due o tre
      giorni dall'inizio, cambia poco.
      :)Oh certo sarebbe così se si parlasse di indagini "vere" ovvero di obiettivi "mirati" dietro cui ci sta un sospettato di reato e un giudice e una indagine giudiziaria....Peccato che invece stiamo parlando di sorveglianza generalizzata indiscriminata e senza alcun giudice o nessuna accusa specifica.E la differenza è MOLTO RILEVANTE.Qualcuno direbbe:Il dito e la luna...Le pere e le mele... :DE avrebbe tutte le ragioni per dirlo. ;)
      • tucumcari scrive:
        Re: Proprio così
        - Scritto da: tucumcari
        - Scritto da: Leguleio

        " <I
        ...nel momento in cui avvertono i

        diretti interessati delle richieste d'acXXXXX ai

        relativi dati, da un lato danno loro la

        possibilità di ricorrere alle autorità

        giudiziarie per impedirlo, dall'altro (avvertono

        gli investigatori) mettono i sospettati (e
        dunque

        i possibili colpevoli) in allarme </I


        ".



        È proprio così. Per fare un esempio nel

        mondo analogico pre-internet: è come se ad ogni

        intercettazione telefonica, oppure ad ogni

        intercettazione della corrispondenza epistolare,

        si avvertisse preventivamente l'interessato. O

        magari anche non preventivamente, dopo due o tre

        giorni dall'inizio, cambia poco.

        :)
        Oh certo sarebbe così se si parlasse di indagini
        "vere" ovvero di obiettivi "mirati" dietro cui ci
        sta un sospettato di reato e un giudice e una
        indagine
        giudiziaria....
        Peccato che invece stiamo parlando di
        sorveglianza generalizzata indiscriminata e
        senza alcun giudice o nessuna accusa
        specifica.
        E la differenza è MOLTO RILEVANTE.
        Qualcuno direbbe:
        Il dito e la luna...
        Le pere e le mele...
        :D
        E avrebbe tutte le ragioni per dirlo.
        ;)Ma c'è sempre di mezzo la natura matrigna. Niente da fare.
    • panda rossa scrive:
      Re: Proprio così
      - Scritto da: Leguleio
      A margine va detto che il grosso delle
      informazioni che la NSA raccoglie sui cittadini
      di tutto il mondo non provengono certo da
      richieste formali inviate a facebook, gmail e
      yahoo! Hanno metodi "invisibili" per inserirsi
      nel flusso dei dati, e contro queste operazioni
      non c'è intesa che tenga.E naturalmente informazioni estorte in questo modo non hanno alcuna valenza probatoria.E perfino la loro divulgazione e' reato.
      • Leguleio scrive:
        Re: Proprio così


        A margine va detto che il grosso delle

        informazioni che la NSA raccoglie sui
        cittadini

        di tutto il mondo non provengono certo da

        richieste formali inviate a facebook, gmail e

        yahoo! Hanno metodi "invisibili" per
        inserirsi

        nel flusso dei dati, e contro queste
        operazioni

        non c'è intesa che tenga.

        E naturalmente informazioni estorte in questo
        modo non hanno alcuna valenza
        probatoria.No, non ce l'hanno per i tribunali.Per andare ad ammazzare a sangue freddo Osama bin Laden, e per effettuare le <I
        extraordinary rendition </I
        , ce l'hanno eccome.
        E perfino la loro divulgazione e' reato.Be', mi pare proprio l'ultima delle possibilità. Un'agenzia molto vicina ai servizi segreti le intercettazioni le tiene per sé. Segrete, appunto.
        • bubba scrive:
          Re: Proprio così
          - Scritto da: Leguleio


          A margine va detto che il grosso delle


          informazioni che la NSA raccoglie sui

          cittadini


          di tutto il mondo non provengono certo
          da


          richieste formali inviate a facebook,
          gmail
          e


          yahoo! Hanno metodi "invisibili" per

          inserirsi


          nel flusso dei dati, e contro queste

          operazioni


          non c'è intesa che tenga.



          E naturalmente informazioni estorte in questo

          modo non hanno alcuna valenza

          probatoria.

          No, non ce l'hanno per i tribunali.
          Per andare ad ammazzare a sangue freddo Osama bin
          Laden, e per effettuare le <I

          extraordinary rendition </I
          , ce l'hanno
          eccome.




          E perfino la loro divulgazione e' reato.

          Be', mi pare proprio l'ultima delle possibilità.
          Un'agenzia molto vicina ai servizi segreti le
          intercettazioni le tiene per sé. Segrete,
          appunto.sara' strano, ma, letto il pezzo, ho pensato anch'io quel che hai scritto tu.segnalare rompe le palle (anzi e' un assurdo) alle indagini formali... a quelle sottotraccia dell'NSA non fa danno alcuno (non sapendo che sono in atto...). Sicuramente le cose saranno un pochino diverse, ma non ho voglia di leggermi i pippotti originali..
        • panda rossa scrive:
          Re: Proprio così
          - Scritto da: Leguleio


          A margine va detto che il grosso delle


          informazioni che la NSA raccoglie sui

          cittadini


          di tutto il mondo non provengono certo
          da


          richieste formali inviate a facebook,
          gmail
          e


          yahoo! Hanno metodi "invisibili" per

          inserirsi


          nel flusso dei dati, e contro queste

          operazioni


          non c'è intesa che tenga.



          E naturalmente informazioni estorte in questo

          modo non hanno alcuna valenza

          probatoria.

          No, non ce l'hanno per i tribunali.E tanto basta.
          Per andare ad ammazzare a sangue freddo Osama bin
          Laden, e per effettuare le <I

          extraordinary rendition </I
          , ce l'hanno
          eccome.Snowden e' vivo.Osama ha richiesto tutte le forze armate (esercito+marina+aviazione) e parecchi anni.

          E perfino la loro divulgazione e' reato.

          Be', mi pare proprio l'ultima delle possibilità.
          Un'agenzia molto vicina ai servizi segreti le
          intercettazioni le tiene per sé. Segrete,
          appunto.In tal caso non ho di che preoccuparmi dell'effetto Streisand.
Chiudi i commenti