Microsoft, denari per abbracciare Dell?

L'azienda di Redmond avrebbe pronti tra gli 1 e i 3 miliardi di dollari per contribuire alle operazioni di privatizzazione del produttore statunitense. Un prestito che si trasformerà in azioni privilegiate

Roma – Stando alle indiscrezioni riportate dalla redazione di CNBC , Microsoft sarebbe pronta ad investire tra 1 e 3 miliardi di dollari per assicurarsi una posizione di controllo nelle operazioni di privatizzazione della statunitense Dell . L’azienda di Redmond avrebbe già stabilito un contatto con il CEO Michael Dell, che insieme alla equity firm Silver Lake Partners sta lavorando all’acquisizione della sua azienda con il necessario capitale di debito ( leveraged buyout ).

Con un valore stimato sui 22 miliardi di dollari, Dell accoglierebbe la Grande M come un investitore minore , tuttavia in grado di influenzare le nuove direzioni di business del produttore di PC. Stando alle indiscrezioni di CNBC, il gigante di Redmond ha previsto il versamento di un prestito che dovrebbe successivamente trasformarsi in un pacchetto di azioni privilegiate.

Attualmente ancorata al terzo posto sul mercato globale dei personal computer, Dell però sta soffrendo l’esplosione dei tablet. Con le operazioni di leveraged buyout e la conseguente privatizzazione, l’azienda di Austin vorrebbe reinventarsi , anche attraverso una minore dipendenza dalle vendite dei PC basati su Windows. È però chiaro che i nuovi investimenti di Microsoft potrebbero creare attriti con l’allontanamento dai dispositivi Windows-based .

A parte questo, le nuove strategie di BigM potrebbero scatenare il malcontento di altri OEM come Hewlett-Packard e Acer, che non aveva nascosto la sua stizza per il lancio del tablet Surface.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • attonito scrive:
    Obama il Plantageneto
    Vi ricordate il film "braveheart"? il Re convoca i ribelli per "stilare una tregua" ma ne approfitta per farli fuori tutti. Qui sara' lo stesso: "venite a dirci quali sono i bachi (E intanto vi schediamo dal primo all'ultimo cosi' sapremo venire a prendervi a colpo sicuro)"Fossi un hacker col XXXXX andrei a farmi conoscere.
    • krane scrive:
      Re: Obama il Plantageneto
      - Scritto da: attonito
      Vi ricordate il film "braveheart"? il Re convoca
      i ribelli per "stilare una tregua" ma ne
      approfitta per farli fuori tutti. Qui sara' lo
      stesso: "venite a dirci quali sono i bachi (E
      intanto vi schediamo dal primo all'ultimo cosi'
      sapremo venire a prendervi a colpo sicuro)"
      Fossi un hacker col XXXXX andrei a farmi
      conoscere.Non si parla di black hat.
      • attonito scrive:
        Re: Obama il Plantageneto
        - Scritto da: krane
        - Scritto da: attonito

        Vi ricordate il film "braveheart"? il Re
        convoca

        i ribelli per "stilare una tregua" ma ne

        approfitta per farli fuori tutti. Qui sara'
        lo

        stesso: "venite a dirci quali sono i bachi (E

        intanto vi schediamo dal primo all'ultimo
        cosi'

        sapremo venire a prendervi a colpo sicuro)"


        Fossi un hacker col XXXXX andrei a farmi

        conoscere.

        Non si parla di black hat.no ma il concetto e' uguale: tu persona competente in una materia importante sei un potenziale pericolo. Se oggi sei dalla mia parte, domani potresti non esserlo piu'. quindi io mi ti segno e poi vedremo.Non sai che ogni volta che le missioni "cerca e salva" hanno la clausoletta "elimina"? Nel '45 la regola era: "Se non puoi fa uscire da berlino lo scienziato atomico per portarlo in America, almeno fai in modo che non possa finire in Russia." Cambia il periodo, ma i metodi sono sempre gli stessi.
Chiudi i commenti