Microsoft Edge: dov'è la barra dell'indirizzo?

Basta intervenire su un flag per attivare la comparsa automatica della barra dell'indirizzo durante la navigazione con Edge in modalità full screen.
Basta intervenire su un flag per attivare la comparsa automatica della barra dell'indirizzo durante la navigazione con Edge in modalità full screen.

Il lavoro di Microsoft sul rinnovato Edge prosegue senza sosta passando dal miglioramento delle performance all’inclusione di simpatici easter egg utili per ingannare il tempo tra una sessione di lavoro e l’altra. Si inserisce perfettamente in quest’ottica una nuova feature legata alla navigazione in modalità full screen.

Edge in full screen e la barra dell’indirizzo

È quella che consente di visualizzare la barra dell’indirizzo semplicemente avvicinando il cursore del mouse al bordo superiore dello schermo, per poi nasconderla di nuovo in modo automatico non appena ci si allontana così da sgombrare il campo da ogni elemento dell’interfaccia. Per meglio capire di cosa si tratta rimandiamo al breve video nel post allegato di seguito.

Abbiamo fatto un test e confermiamo essere già attivabile nella release 80 di Edge, semplicemente agendo su un flag come riportato nello screenshot qui sotto.

Il flag di Microsoft Edge per attivare la funzionalità sperimentale

Per gli interessati è sufficiente digitare “edge://flags/#edge-enable-shy-ui” (senza virgolette) come URL e poi selezionare l’impostazione “Enabled” alla voce Enable Fullscreen Dropdown. Viene poi chiesto di riavviare il browser e il gioco è fatto. Si tratta di una funzionalità sperimentale, ma non ci sono controindicazioni di sorta al suo utilizzo.

Basato su Chromium proprio come il concorrente Chrome di Google, il nuovo Edge ha tra i propri obiettivi anche quello di tagliere i ponti con il passato difficile di Internet Explorer puntando su prestazioni, compatibilità e sicurezza. In merito a quest’ultimo punto si segnalano caratteristiche come il blocco automatico dei download indesiderati annunciato a fine gennaio e il supporto alle estensioni, anche quelle distribuite attraverso uno store apposito messo online dal gruppo di Redmond.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti