Microsoft nega il monopolio

Negli atti conclusivi presentati al processo tutte le tesi con cui l'azienda di Redmond punta alla propria assoluzione in un caso che potrebbe concludersi con il suo smembramento


Web (internet) – “C’è davvero poco diritto nelle conclusioni proposte dall’accusa. Piuttosto che affrontare i principi legali che l’hanno spinta in tribunale, l’accusa pagina dopo pagina crea un sommario del pre-verdetto della Corte, senza dare alcun rilievo ai fatti che possono influenzare le decisioni”: comincia così la risposta ufficiale di Microsoft alle carte presentate dall’accusa al tribunale, in uno degli ultimi atti del processo antitrust che la vede imputata.

L’azienda nega in 88 pagine di tesi legali di aver esercitato una forma di monopolio e ribadisce il diritto di Microsoft ad agire come ha agito “perché non ha violato alcuna legge”.

Su temi centrali, come la separazione tra sistema operativo e sistema di navigazione web, cioè tra Win98 ed Internet Explorer, Microsoft afferma nelle carte che “tutti i prodotti, ad eccezione dei più semplici, possono essere considerati come somma di più componenti posti insieme all’atto della vendita. A meno che non sia illegale vendere automobili con motori o telecamere con lenti, le analisi in materia non possono non tenere presente questo elemento”.

In tutto l’incartamento Microsoft ribadisce di non avere il controllo dell’industria dell’alta tecnologia perché non controlla né il prezzo né la disponibilità di software per i computer di tutto il mondo. E l’azienda ha sottolineato che non si può considerare come mercato di riferimento, in cui Windows sarebbe monopolistico, il solo mercato delle macchine “animate” da chip intel: “questo mercato è troppo piccolo rispetto a quello reale… perché esclude molte delle minacce industriali che più seriamente pendono sul sistema operativo di Microsoft. Un prodotto così popolare non rende di per sé monopolista il suo produttore”.

Nelle stesse ore in cui presentava l’incartamento, intanto, Microsoft ha ufficializzato un balzo degli utili del 22 per cento nell’ultimo trimestre, dimostrando che il processo non ha ancora intaccato la sua capacità di espansione.


MS: ‘We Did Nothing Wrong’
Wired

Microsoft: WE’re not guilty
Computerworld

Microsoft Disagrees With Judge
AP

Microsoft: We didn’t break the law
PCWeek

Microsoft formally rejects monopolist label
NandoMedia

Microsoft refutes judgE’s ‘monopoly’ label
Infoworld

Microsoft Issues Response in Antitrust Case
NYTimes

Microsoft asserts: No antitrust violations
USAToday

Microsoft Rejects Monopoly Label
PCWorld

Microsoft Defends Its Practices l
Industry Standard


Gates slams jugde in M’soft case
NYPost

Microsoft Claims DOJ Case Doesn’t Add Up
TechWeb

Popularity, not monopoly, corners Microsoft market
FairfaxIT

Microsoft: Monopoly? What monopoly?
USAToday

Microsoft trial enters new phase
CNET

Experts disagree on Microsoft breakup
USA Today

Microsoft Posts $2.44 Billion Profit
NYTimes

Microsoft posts better-than-expected earnings
Reuters

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti