Microsoft, nuove soluzioni e idee per il lavoro ibrido

Microsoft, nuove soluzioni e idee per il lavoro ibrido

Microsoft annuncia novità software per il lavoro ibrido, identificando in questo nuovo orizzonte la prospettiva verso cui orientarsi.
Microsoft annuncia novità software per il lavoro ibrido, identificando in questo nuovo orizzonte la prospettiva verso cui orientarsi.

L’avvento del lavoro ibrido non è una scelta come non lo è stata per troppo tempo: è una sorta di evoluzione inevitabile, che si sta naturalmente insinuando nel modo di intendere collettivamente i rapporti di lavoro, le ore di impegno, i luoghi della collaborazione. È un’inerzia che crolla sotto i colpi dei tempi che cambiano e di una cultura meno formattata su troppi decenni in cui non ci si è mai davvero chiesti se fosse quella l’unica modalità efficace per lavorare, collaborare e perseguire una mission aziendale.

Questa evoluzione, secondo una analisi Microsoft, fa ormai parte dell’orizzonte del 52% dei lavoratori i quali entro un anno pensano di poter passare a questa nuova modalità. I motivi sono chiari: a fronte di una lunga serie di vantaggi (sia per il lavoratore che per l’azienda), l’80% degli intervistati ritiene di poter avere maggiore o uguale produttività rispetto alle ore in ufficio.

Il futuro del lavoro ibrido

Improvvisamente è abbattuta la percezione dell’ufficio come modalità standard scolpita nel marmo: oltre l’inerzia c’è un modo diverso di lavorare che può offrire risultati importanti. Non può sfuggire, tuttavia, come un cambiamento similare sia destinato a sovvertire molti aspetti legati al lavoro stesso, a partire da tutto quel che è l’insieme degli strumenti di lavoro utilizzati. Secondo Microsoft, in particolare, il cloud diventa in questo contesto uno strumento in grado di amplificare le performance del comparto hardware e nuova linea di demarcazione sulla quale costruire le nuove prospettive di lavoro:

[…] il progressivo passaggio verso questo nuovo modello di lavoro riduce notevolmente la linea di demarcazione tra PC e il cloud. A tal proposito, è necessario che sia il sistema operativo ad adattarsi alla persona, al lavoro o al dispositivo utilizzato, e non più il contrario.

Una serie di novità sono già state annunciate in giornata e raccolte su un minisito “Future of Hybrid Work“, un modo esplicito per definire la visione di Redmond sull’evoluzione in atto. Tra le novità:

  • Riunioni virtuali più fluide con Voice Clarity, una nuova funzione di Surface per migliorare la produttività e dare rilevanza a elementi quali l’elaborazione del suono e la chiarezza della voce, con una resa più naturale durante le video call e audio e immagini di qualità più elevata.
    • Altre novità studiate appositamente per migliorare le riunioni da remoto includono il contatto visivo, background blur e l’inquadratura automatica, offrendo un’esperienza migliorata per gli utenti finali.
  • Protezione anti phishing migliorata per SmartScreen, per proteggere gli utenti dagli attacchi di phishing – responsabili di quasi il 70% delle violazioni dei dati – con una combinazione di cloud AI e miglioramenti del sistema operativo.
  • Aggiornamenti per i professionisti IT – tra cui il supporto aziendale da remoto, la gestione dei privilegi degli endpoint e Iris per Windows.
  • Per semplificare la navigazione tra cloud e applicazioni, l’aggiornamento degli strumenti di gestione di Windows 365 come Boot direct e switch-to-Cloud PC porta un’esperienza di gestione della shell che consente all’utente finale di spostarsi da un ambiente all’altro, per consentire a grandi aziende e PMI di creare confini chiari tra le app aziendali e quelle personali.

Microsoft cambia per assecondare il cambiamento in atto: è inevitabile e per molti versi è urgente, perché aziende, lavoratori e produttori software che non sapranno interpretare questo cambiamento resteranno rapidamente tagliati fuori da un orizzonte che ha rapidamente cambiato i punti cardinali preesistenti nello spazio intercorrente tra scrivania, sale riunioni, corridoi e pausa caffè.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 6 apr 2022
Link copiato negli appunti