Microsoft, Patch Tuesday d'agosto

Martedì di fix in casa Microsoft. Quello dedicato a Internet Explorer tapperà una insidiosa falla contenuta in tutte le versioni del browser

Roma – Nella giornata di domani, 9 agosto, si tornerà a parlare della salute dei prodotti Microsoft. L’azienda di Redmond ha infatti pianificato un Patch Tuesday estivo che correggerà 22 vulnerabilità divise tra Microsoft Windows, Office, Internet Explorer,.NET e Visual Studio.

I 13 bollettini di sicurezza includono solamente due patch per problemi di livello “critico”, che richiederanno il riavvio del PC dopo l’installazione. Si tratta di vulnerabilità che espongono agli attacchi da remoto tutte le versioni di Internet Explorer, su Windows 7, Vista, XP, 2003 e 2008.

Le rimanenti vulnerabilità da correggere comprendono nove falle etichettate come “importanti” e due problemi “moderati”. Tra gli strumenti di sviluppo Microsoft coinvolti dall’aggiornamento spiccano anche il package Report Viewer e la suite Chart Control.
Insieme ai bollettini sarà possibile scaricare anche un ulteriore update per lo “Strumento di rimozione malware”.

Per questo mese ci si attendeva un carico di fix molto più “consistente” e invece, nonostante la tendenza ad alternare aggiornamenti grandi e piccoli, il numero delle vulnerabilità elencate appare lo stesso di luglio .

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Dubbioso scrive:
    E se fosse la solita scusa?
    E se fosse la solita scusa per scatenare qualcos'altro? Visto che poco tempo fa è stata scongiurata la legge per il blocco dei blog. Magari se ti riscontrano questa dipendenza la cura è il non acXXXXX a internet. Il dottore ti prescrive di non poterti collegare, arriva il tecnico e ti blocca la connessione fino a che il medico non ti riabilita o magari ti prescrive una cura costosa. Lo so sembra assurdo ma molte cose sono cominciate cosi dall'assurdo. D'altra nell'articolo si riporta questa frase "Internet non è stato pensato per essere uno strumento pericoloso e il suo uso..." proprio molti altre cose, non sono pericolose se non esageri, addirittura lo stato te lo vende dicendo che fa ti fanno male con la scusa della tua scelta lo stato se ne lava le mani, invece che proibirne la vendita, le farmacie ti vendono le cure (ai potenti delle case farmaceutiche conviene sempre che tu sia malato).
    • anony scrive:
      Re: E se fosse la solita scusa?
      - Scritto da: Dubbioso
      Magari se ti riscontrano questa dipendenza la
      cura è il non acXXXXX a internet. Il dottore ti
      prescrive di non poterti collegare, arriva il
      tecnico e ti blocca la connessione fino a che il
      medico non ti riabilita o magari ti prescrive una
      cura costosa.o magari ti propongono la più subdola (ma altrettanto efficace) "sospensione graduale".d'altronde, se si parte col presupposto che ci sia una dipendenza, si arriva alla logica conclusione che ci sia qualcosa di cui il "malato" in questione sta abusando; ergo bisogna toglierlo (o limitargliene l'utilizzo). non vedo altre vie... e comunque, di solito, questa gente non agisce in altro modo.cosa credi che facciano nelle cosiddette "cliniche specializzate nella dipendenza da internet"?semplicemente ti privano dell'acXXXXX ad internet (completamente o parzialmente, a seconda dei casi) e poi ti imbottiscono di psicofarmaci (dei quali, tra l'altro, sono spesso ben documentati gli effetti collaterali a lungo termine sull'organismo).infine, come ciliegina sulla torta, magari ti invitano (leggasi: 'obbligano') a seguire un percorso psico-terapeutico. il che si traduce in diverse sedute da uno "strizzacervelli" che possono andare avanti anche per mesi, o addirittura anni. Finché loro non ritengono che tu sia guarito (cioè <i
      mai </i
      , o comunque il più tardi possibile).
      le farmacie ti vendono le cure (ai
      potenti delle case farmaceutiche conviene sempre
      che tu sia malato).questa mi sembra un'ovvietà.
  • italo paini scrive:
    internet-dipendenza
    Le solite idiozie ministeriali. Ben altre sono le dipendenze temibili, tra cui giustamente il gioco d'azzardo. Ho una barca di nipoti che usano internet e sprizzano salute da tutti i pori.Quella poi del viso pallido, occhi cerchiati ecc ricorda troppo da vicino la descrizione dei giovani onanisti nei libri fine 800. Questo signore è uno psichiatra, magari un primario? Da quale scuola esce?
    • anony scrive:
      Re: internet-dipendenza
      - Scritto da: italo paini
      Questo signore è uno psichiatra, magari un primario?
      Da quale scuola esce?e ti sorprendi? la maggior parte degli psichiatri oggi è così...non fanno altro che cavalcare l'onda delle isterie di massa e del sensazionalismo, in modo da accalappiarsi quanti più "fedeli" possibili e da avere sempre a disposizione qualche nuovo "malato" da sottoporre inequivocabilmente ad altrettante "nuove cure" inventate di sana pianta.ormai la psichiatria altro non è che un <i
      business </i
      . sì, il business degli psicofarmaci...
  • Lucio, addome cianciugliante scrive:
    Ma dai
    "Sentimenti di onnipotenza". (rotfl) Eh beh sicuramente, immagini davvero che poter cliccare su un mouse o scrivere tramite tastiera faccia sentire davvero le persone onnipotenti eh... PERICOLO! :oIn parole povere stanno dicendo che la rete sarebbe nociva perché beh... magari la gente tramite la rete magari si mette in testa di poter scrivere le proprie idee liberamente.
    • attonito scrive:
      Re: Ma dai
      - Scritto da: Lucio, addome cianciugliante
      "Sentimenti di onnipotenza". (rotfl) Eh beh
      sicuramente, immagini davvero che poter cliccare
      su un mouse o scrivere tramite tastiera faccia
      sentire davvero le persone onnipotenti eh...
      PERICOLO!
      :o

      In parole povere stanno dicendo che la rete
      sarebbe nociva perché beh... magari la gente
      tramite la rete magari si mette in testa di poter
      scrivere le proprie idee
      liberamente.sentimenti di onnipotenza... come quando uno stronxx qualsiasi si ritrova, senza nemmeno sapere come, a fare il ministro. Allora parte il delirio di onnipotenza anche li quando va bene, e quando va male che dietro il lobbysta che spara mazzette pro-SIAE a destra e sinistra.
    • Mario De Felice scrive:
      Re: Ma dai
      Ferruccio, Ferruccio... (ghost) <b
      Sanità, gli errori dei medici provocano 90 morti al giorno </b
      <i
      Oltre 14 mila decessi e 10 miliardi di euro di costi all'anno </i
      <i
      ROMA - Provocano più vittime degli incidenti stradali, dell'infarto e di molti tumori. In Italia le cifre degli errori commessi dai medici o causati dalla cattiva organizzazione dei servizi sanitari sono da bollettino di guerra: tra 14 mila (secondo l'Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri) e i 50 mila decessi all'anno, secondo Assinform. Il che significa circa 80-90 morti al giorno... </i
      </b
      http://www.repubblica.it/2006/10/sezioni/cronaca/errori-medici/errori-medici/errori-medici.html
      • iRoby scrive:
        Re: Ma dai
        L'ho visto l'altro giorno...E questo qua sta a preoccuparsi di qualche pugnetta in più guardando Youporn!
      • Guybrush scrive:
        Re: Ma dai
        - Scritto da: Mario De Felice
        Ferruccio, Ferruccio... (ghost)

        <b
        Sanità, gli errori dei medici
        provocano 90 morti al giorno </b
        90 al giorno sono 32850
        <i
        Oltre 14 mila decessi e 10 miliardi di
        euro di costi all'anno </i
        14mila decessi son circa 38 morti al giorno.10 miliardi di euro come sono stati calcolati? Fanno, nel caso con meno morti, 750000 euro a morto.Troppi per un funerale.In caso di 90 morti al giorno la cifra per morto diminuisce... o forse l'articolista si riferisce a quanto costa mantenere la sanita'?Dico articolista perché un giornalista non scriverebbe mai una cosa simile.


        ROMA - Provocano più vittime degli
        incidenti stradali, dell'infarto e di molti
        tumori. In Italia le cifre degli errori commessi
        dai medici o causati dalla cattiva organizzazione
        dei servizi sanitari sono da bollettino di
        guerra: tra 14 mila (secondo l'Associazione
        anestesisti rianimatori ospedalieri) e i 50 mila
        decessi all'anno, secondo Assinform. Il che
        significa circa 80-90 morti al giorno...ma da dove hanno preso 'sti numeri? Al lotto?


        http://www.repubblica.it/2006/10/sezioni/cronaca/eAh ecco, repubblica.Vabbe'...GT
        • Mario De Felice scrive:
          Re: Ma dai

          quanto costa mantenere la sanità?La sanità in Italia costa al contribuente 106 miliardi di euro all'anno.Esternazioni gratuite comprese.http://www.mednat.org/costi.htm
  • silvan scrive:
    desolante
    Dai commenti letti si evince solo che moderazione e buon senso latitano parecchio, e non "ci vuole orecchio" come diceva Jannacci tempo addietro.
  • Mario De Felice scrive:
    Politica Tossica
    La verità è che il ministro Ferruccio cerca solo di distoglie l'attenzione dalla costosissima fabbrica della morte di cui è a capo...http://www.repubblica.it/2006/10/sezioni/cronaca/errori-medici/errori-medici/errori-medici.html
    • Sky scrive:
      Re: Politica Tossica
      Questa è da premio eh!Ed aggiungo: andiamo pure in giro, che fa bene!!!http://it.wikipedia.org/wiki/Incidenti_stradali_in_Europa
  • R.Damon scrive:
    malati a chi?
    Chi vive la rete Internet al meglio, spesso per i costi eccessivi di altre esperienze, ne' piu' ne' meno di chi in altre epoche si sarebbe rifugiato nei libri o in altri passatempi intellettuali, e' capace di pesare perfino le parole, sapendo che anche quelle possono far male.Alle partite di calcio, invece, ci sono agenti in tenuta anti-sommossa e paramedici. Chi sono i malati? Siamo, in quanto italiani, un popolo dedito allo sport (parlato e guardato, soprattutto) e alla violenza (ah, lo spettacolo della cronaca nera!); intanto pochi seguono con altrettanta attenzione, tanto per dirne una, l'economia, che e' dove si decide il nostro futuro, come e piu' che in politica.I politici comincino una volta per tutte ad imparare qualcosa da noi; ad esempio pensando prima di parlare.
    • spalarating scrive:
      Re: malati a chi?
      - Scritto da: R.Damon
      Chi vive la rete Internet al meglio, spesso per i
      costi eccessivi di altre esperienze, ne' piu' ne'
      meno di chi in altre epoche si sarebbe rifugiato
      nei libri o in altri passatempi intellettuali, e'
      capace di pesare perfino le parole, sapendo che
      anche quelle possono far
      male.
      Alle partite di calcio, invece, ci sono agenti in
      tenuta anti-sommossa e paramedici. Chi sono i
      malati? Siamo, in quanto italiani, un popolo
      dedito allo sport (parlato e guardato,
      soprattutto) e alla violenza (ah, lo spettacolo
      della cronaca nera!); intanto pochi seguono con
      altrettanta attenzione, tanto per dirne una,
      l'economia, che e' dove si decide il nostro
      futuro, come e piu' che in
      politica.
      I politici comincino una volta per tutte ad
      imparare qualcosa da noi; ad esempio pensando
      prima di
      parlare.ci penso io allora ,, dello sport in generale non me ne frega nulla .. http://goo.gl/zIDsa
    • Octavia Furchi scrive:
      Re: malati a chi?
      No, permettimi di dissentire. Almeno in questi giorni l'economia la si segue un pò tutti. Il futuro invece non ce lo abbiamo più, quindi quello è un problema in meno.
      • iRoby scrive:
        Re: malati a chi?
        - Scritto da: Octavia Furchi
        l'economia la si segue un pò tutti. È la differenza tra il seguirla e il caXXXXX che mi preoccupa. Senza contare anche il dove la si segue, dato che i media mainstream sono tutti controllati e danno informazioni farlocche...
        • Ubunto scrive:
          Re: malati a chi?
          - Scritto da: iRoby
          - Scritto da: Octavia Furchi

          l'economia la si segue un pò tutti.

          È la differenza tra il seguirla e il caXXXXX
          che mi preoccupa.

          Senza contare anche il dove la si segue, dato che
          i media mainstream sono tutti controllati e danno
          informazioni
          farlocche...Guarda, ieri ero in attesa di notizie sull'accordo forzato BCE-Governo italiano.Tg1: forse 2 minuti scarsi di servizio "gossip" in cui non veniva detto praticamente NULLA. Eppure quei patti "segreti" hanno molto a che fare col nostro futuro per chissà quanti anni a venire. A seguire, una breve parentesi sulle sommosse inglesi e una lunga serie di notizie stupide/irrilevanti su incidenti stradali nel nord america, cani, gatti, frutta di stagione ed altre XXXXXXX.Meno male che almeno La7 fa un telegiornale serio e pertinente (poi ho visto quello).
  • Anonimo Veneziano scrive:
    Ma sarà la rete ...
    ... oppure è intossicazione da social network del pettegolezzo? (leggi FB)Per me sono sti cacchio di social che intossicano, non la rete.
    • anony scrive:
      Re: Ma sarà la rete ...
      - Scritto da: Anonimo Veneziano
      Per me sono sti cacchio di social che
      intossicano, non la
      rete.sai che ti dico? mi trovi d'accordo.
  • carlino scrive:
    se sono onnipotente
    da dipendente da internet al ministro Fazio rispondo che : internet non mi fa sentire onnipotente come tanti figuri che girano in parlamento, che si sentono veramente onnipotenti per aver preso voti da quattro babbei che non usano internet perche' non sono abituati a leggere
  • francososo scrive:
    se navighi ti spegni ?!
    Controllo, Censura è questo che vogliono !!!
  • blalbllal scrive:
    Curiamoli!
    Curiamoli, vediamo di spendere una marea di soldi pubblici però! Altrimenti non ne vale la pena.
  • nessuno scrive:
    OT: Come l'inizio dell'epidemia
    http://thenextweb.com/insider/2011/08/06/20-years-ago-today-the-world-wide-web-opened-to-the-public/
  • prova123 scrive:
    Aridaje. A coloro che ...
    si rovinano con il gioco del lotto dei Monopoli di Stato, non ci pensa nessuno? è forse considerato normale ?Secondo i Monopoli è sufficiente fare quella pubblicità nerd: "Gioca con moderazione" ?Allora basta che gli ISP mettano in coda alla pubblicità il messaggio "Usa internet con moderazione" e siamo apposto.Fino alla noia ... i comportamenti compulsivi sono dovuti a problemi mentali delle persone. Bisogna curare queste persone. Non fregarsene!!! ... e poi dare la colpa al computer, internet, ai giochi violenti, e perchè non correlare questi problemi con le mezze stagioni. Quando questa gente parla in questo modo mi porta a rivalutare sempre di più i programmi di eugenetica...
    • prova123 scrive:
      Re: Aridaje. A coloro che ...
      L'intelligenza umana di persone che si considerano normali (e forse anche qualcosa in più!) non può scendere a questo livello. Bisogna intervenire scientificamente in modo che ciò non accada più.
    • Lucadiver scrive:
      Re: Aridaje. A coloro che ...
      e i vari mini casinò in giro che spuntano come funghi? qua da me ce ne sono un bel po e già al mattino ci sono dei figuri li intorno, anche in stazione ce n'è uno da cui è meglio girare alla larga se non vuoi che ti rubano il portafogli
    • spalarating scrive:
      Re: Aridaje. A coloro che ...
      - Scritto da: prova123
      si rovinano con il gioco del lotto dei Monopoli
      di Stato, non ci pensa nessuno? è forse
      considerato normale
      ?
      Secondo i Monopoli è sufficiente fare quella
      pubblicità nerd: "Gioca con moderazione"
      ?
      Allora basta che gli ISP mettano in coda alla
      pubblicità il messaggio "Usa internet con
      moderazione" e siamo
      apposto.
      Fino alla noia ... i comportamenti compulsivi
      sono dovuti a problemi mentali delle persone.
      Bisogna curare queste persone. Non fregarsene!!!
      ... e poi dare la colpa al computer, internet, ai
      giochi violenti, e perchè non correlare questi
      problemi con le mezze stagioni. Quando questa
      gente parla in questo modo mi porta a rivalutare
      sempre di più i programmi di
      eugenetica...servono anche loro ( ad ingrassare lo stato ladro)http://goo.gl/zIDsa
  • Fai il login o Registrati scrive:
    Proprio quello che mi ci voleva!
    Grande! Ora che lo so, da buon dipendente pubblico vado subito dal dottore e:1) gli dico che non posso più vivere se non sono in perenne contatto con i miei amici con feisbuk e con l'imeil, e mi faccio dare subito un paio di mesi di malattia;2) quindi chiedo la causa di servizio (in fondo internet ho iniziato ad usarlo per lavoro, e nessuno mi aveva informato di questo rischio) e così neanche devo stare a rispettare gli orari di presenza per il controllo medico, mettendolo in quel posto a Brunetta;3) infine, quando tornerò a lavorare, visto che per svolgere le mie mansioni dovrò continuare ad usare internet, chiederò l'indennità di rischio. Grazie Ferruccio, ti adoro! ;)
  • gomez scrive:
    iesce fora...
    ..., va arrubba', tuocca 'e femmene!! (cit) una frase che vale piu' di quel tomo da 800 pagine :-DMauro
  • ABC scrive:
    disturbo ossessivo-compulsivo
    Io ho un disturbo ossessivo-compulsivo.Ogni giorno vado a lavorare.Anche in Agosto. E so' che non dovrei.
    • say no scrive:
      Re: disturbo ossessivo-compulsivo
      - Scritto da: ABC
      Io ho un disturbo ossessivo-compulsivo.
      Ogni giorno vado a lavorare.
      Anche in Agosto. E so' che non dovrei.come ti capisco
      • Riketto scrive:
        Re: disturbo ossessivo-compulsivo
        - Scritto da: say no
        - Scritto da: ABC

        Io ho un disturbo ossessivo-compulsivo.

        Ogni giorno vado a lavorare.

        Anche in Agosto. E so' che non dovrei.

        come ti capisconon siamo soli, in questo universo
    • Fragy scrive:
      Re: disturbo ossessivo-compulsivo
      - Scritto da: ABC
      Io ho un disturbo ossessivo-compulsivo.
      Ogni giorno vado a lavorare.
      Anche in Agosto. E so' che non dovrei.Io sono in cura, sono riuscito a ridurre gli attacchi di male a 5 giornate la settimana e ogni tanto mi danno anche delle giornate libere (ferie). Ma un nuovo medico mi ha detto che non potrò guarire prima dei 65/70 anni :(
    • Lucadiver scrive:
      Re: disturbo ossessivo-compulsivo
      anche io ne soffro, esco sempre alle 7 e mezza da casa o prima...sono proprio malato allora ;)
  • iRoby scrive:
    Le pugnette
    Avete letto secondo questo tizio l'aspetto dell'internettomane?Pari a pari a chi esagera di pugnette!!!
  • attonito scrive:
    a pensarci bene
    "sentimenti compulsivi" c'e'"isolamento sociale" (nel senso di "chiuso nel suo mondo") c'e'"dipendenza patologica" a voglia..."perdita di contatti reali" pieno"sentimenti di onnipotenza" pienoil ritratto dell'attuale presidente del consiglio.
    • nessuno scrive:
      Re: a pensarci bene
      Prova a fare una analisi piú approfondita e ci troverai la somma di tutti i difetti di quelli che l'hanno eletto.
  • Dottor Stranamore scrive:
    Staccano la rete
    Vedrete che presto negli USA la toglieranno in tutti i locali e noi che stavamo a piangere per il decreto Pisanu:http://www.corriere.it/esteri/11_agosto_08/starbucks-wi-fi_0c5007ec-c1a2-11e0-9d6c-129de315fa51.shtmlLa classica mentalità da menefreghista internettaro. Si siete paga il meno possibile e usa la connessione per tutto il giorno.
    • Sgabbio scrive:
      Re: Staccano la rete
      (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • Joliet Jake scrive:
        Re: Staccano la rete
        Vabbè, le Wi-Fi gratuite scompariranno presto perchè obsolete (ovviamente parlo di paesi avanzati, quidi escludo l'Italia)Ormai una tariffa flat mensile per i dati sul mobile dove vivo io costa meno di 10 euro al mese per 1 megabit di banda.Quindi posso ancora sedermi al caffè, ordinare qualcosa da 2 euro e starmene lì per ore...
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: Staccano la rete

      La classica mentalità da menefreghista
      internettaro. Si siete paga il meno possibile e
      usa la connessione per tutto il
      giorno.Con questa tua frase dimostri che l'ignoranza della lingua italiana non dipende affatto da internet, ma solo da te.
    • Darwin scrive:
      Re: Staccano la rete
      Ma basta con ste XXXXXXXte!Ma fatti una canna e goditi la vita....
    • Lucadiver scrive:
      Re: Staccano la rete
      Giusto! chiudiamo internet e andiamo a lanciare pietre dai ponti...ottima idea la tua (rotfl)
    • Guybrush scrive:
      Re: Staccano la rete
      - Scritto da: Dottor Stranamore
      Vedrete che presto negli USA la toglieranno inDon't feed trolls.GT
  • giagio scrive:
    internet rivoluzionario
    I nostri "amatissimi" governanti si sono accorti che anche nelle arretrate regioni del nord-Africa internet è la rivoluzione del 21° secolo, per cui è una loro enorme preoccupazione che internet possa finalmente svegliare le coscienze degli Italiani e scardinare questa falsa democrazia
    • sveglia scrive:
      Re: internet rivoluzionario
      Non esageriamo. In medio oriente le coscienze erano giá sveglie e attive, anche perché rischiano di morire di fame. Proprio per questo quei governi avevano giá parecchio lavoro da fare per reprimere le rivolte.Internet é stato uno solo strumento che gli ha permesso di comunicare e di organizzarsi.Se speri che internet possa servire a svegliare quei rinc...... degli italiani sei proprio un iluso.
    • iRoby scrive:
      Re: internet rivoluzionario
      Intanto la Libia ha più connessioni e maggiore banda che l'Italia. Rimasta indietro perché al Nano di Arcore gli servivano i soldi per il DTT per fare vendere a suo figlio partite e filmini con la XXXXXset Premium...
  • . . . scrive:
    Ignoranza...
    ... da medio evo !!!E questi signori dovrebbero rappresentarci/mi ? Ma siamo seri dai...
  • nessuno scrive:
    Il ministro della salute ha ragione
    Vi siete forse dimanticati di quale governo fa parte quel ministro ?Dal suo punto di vista internet é un problema serio. Uno strumento su cui le persone possono passare delle ore e che spesso le fa anche pensare ? Non mi stupisco che sia preoccupato. E' inutile tirare fuori l'argomento della dipendenza da televisione, é inutile sottolineare che questa colpisce milioni di persone in piú. La dipendenza da televisione non si tocca.
    • Fai il login o Registrati scrive:
      Re: Il ministro della salute ha ragione
      - Scritto da: nessuno
      Vi siete forse dimanticati di quale governo fa
      parte quel ministro
      ?
      Dal suo punto di vista internet é un problema
      serio. Uno strumento su cui le persone possono
      passare delle ore e che spesso le fa anche
      pensare ? Sbagli. La maggior parte delle persone il tempo su internet lo passa:1) su feisbuk2) su travian & soci3) su siti XXXXXQueste cose non fanno pensare... o no?Ciao
      • nessuno scrive:
        Re: Il ministro della salute ha ragione
        - Scritto da: Fai il login o Registrati
        - Scritto da: nessuno

        Vi siete forse dimanticati di quale governo
        fa

        parte quel ministro

        ?

        Dal suo punto di vista internet é un problema

        serio. Uno strumento su cui le persone
        possono

        passare delle ore e che spesso le fa anche

        pensare ?

        Sbagli. La maggior parte delle persone il tempo
        su internet lo
        passa:
        1) su feisbuk
        2) su travian & soci
        3) su siti XXXXX
        Queste cose non fanno pensare... o no?
        CiaoA parte il fatto che non tutti rientrano nei profili che descrivi altrimenti non ci sarebbe nessuno a trollare qui, anche per scrivere quattro XXXXXXX agli tuoi amici su facebook un minimo di sforzo mentale bisogna farlo. Sará pure a livelli ridicoli, ma é sempre meglio della passivitá che c'é di fronte alla televisione.In ogni caso posso anche cambiare la frase. Invece di dire che internet ogni tanto ti fa pensare si puó dire che ti tiene lontano dal lavaggio del cervello marchiato XXXXXset. E' sempre qualcosa che a certa gente fa paura.
      • Darwin scrive:
        Re: Il ministro della salute ha ragione
        Lo sai che FaceBook e YouTube sono stai i maggiori protagonisti dell'informazione che ha portato alla vittoria dei SI sui referendum?Questo dovrebbe farvi riflettere su quanto questi pagliacci siano preoccupati da questo fenomeno....Ma come al solito l'italiano preferisce dormire...
        • nessuno scrive:
          Re: Il ministro della salute ha ragione
          - Scritto da: Darwin
          Lo sai che FaceBook e YouTube sono stai i
          maggiori protagonisti dell'informazione che ha
          portato alla vittoria dei SI sui
          referendum?

          Questo dovrebbe farvi riflettere su quanto questi
          pagliacci siano preoccupati da questo
          fenomeno....

          Ma come al solito l'italiano preferisce dormire...Questo proprio no. Anche il precedente referendum sul nucleare aveva avuto una partecipazione molto alta e facebook e twitter ancora non c'erano.La grande partecipazione al referendum corrisponde perfettamente al tipico carattere degli italiani. Chiudono gli occhi di fronte a tutte le XXXXXte finché non scatta la sindrome del 'non nel mio cortile'.
          • Ace Gentile scrive:
            Re: Il ministro della salute ha ragione
            - Scritto da: nessuno
            Questo proprio no. Anche il precedente
            referendum sul nucleare aveva avuto una
            partecipazione molto alta e facebook e twitter
            ancora non
            c'erano.Con l'enorme differenza che in quella occasione i media informarono la gente e non fecero finta di nulla e/o suggerirono alla gente di andare al mare (vedi TG1).
    • Lucadiver scrive:
      Re: Il ministro della salute ha ragione
      già...secondo me tra un po dicono che quelli che non fanno a messa la domenica sono malati e quindi curati coattamente... sto esagerando? :|
  • chiara viberti scrive:
    fatevi una passeggiata
    sono contenta che qualcuno si sia accorto che passare troppe ore su internet sia dannoso alla salute psicologica degli individui. penso che internet debba essere usato soprattutto come una fonte di conoscenza e di apprefondimento e non come un luogo virtuale dove scrivere qualsi cosa anche se non basata su fondamenti scientifici. internet è anche un modo di comunicare molto veloce e soprattutto economico, ma non per questo deve essere usato troppe ore al giorno. la vita non è fatta solo per lavoro sonno e internet uscite dalle vostre case e fatevi una bella passeggiata lo potreste scoprire molto rilassante...
    • una mamma preoccupat a scrive:
      Re: fatevi una passeggiata
      - Scritto da: chiara viberti
      sono contenta che qualcuno si sia accorto che
      passare troppe ore su internet sia dannoso alla
      salute psicologica degli individui. penso che
      internet debba essere usato soprattutto come una
      fonte di conoscenza e di apprefondimento e non
      come un luogo virtuale dove scrivere qualsi cosa
      anche se non basata su fondamenti scientifici.
      internet è anche un modo di comunicare molto
      veloce e soprattutto economico, ma non per questo
      deve essere usato troppe ore al giorno. la vita
      non è fatta solo per lavoro sonno e internet
      uscite dalle vostre case e fatevi una bella
      passeggiata lo potreste scoprire molto
      rilassante...Sicuramente tu quando a scuola si studiava analisi grammaticale eri a spasso...(rotfl)
    • Akiro scrive:
      Re: fatevi una passeggiata
      dici che anche io sono così?"I giovani Internet-dipendenti sono caratterizzati da pallore del volto, occhi cerchiati e sguardo poco espressivo"maaaaaaaaaaaha me pare una caccia alle streghe
      • attonito scrive:
        Re: fatevi una passeggiata
        - Scritto da: Akiro
        dici che anche io sono così?

        "I giovani Internet-dipendenti sono
        caratterizzati da pallore del volto, occhi
        cerchiati e sguardo poco
        espressivo"

        maaaaaaaaaaah

        a me pare una caccia alle streghea me invece pare il ritratto del tipico sbarbato che si ammazza di seghe: - pallore del volto- occhi cerchiati- sguardo poco espressivouna volta erano i vari "caballero" e soci, oggi e' internet. Cambia il mezzo, il contenuto e' il medesimo.
    • figlio scrive:
      Re: fatevi una passeggiata
      Va bene papà. grazie che pensi a me.- Scritto da: chiara viberti
      sono contenta che qualcuno si sia accorto che
      passare troppe ore su internet sia dannoso alla
      salute psicologica degli individui. penso che
      internet debba essere usato soprattutto come una
      fonte di conoscenza e di apprefondimento e non
      come un luogo virtuale dove scrivere qualsi cosa
      anche se non basata su fondamenti scientifici.
      internet è anche un modo di comunicare molto
      veloce e soprattutto economico, ma non per questo
      deve essere usato troppe ore al giorno. la vita
      non è fatta solo per lavoro sonno e internet
      uscite dalle vostre case e fatevi una bella
      passeggiata lo potreste scoprire molto
      rilassante...
    • Lucadiver scrive:
      Re: fatevi una passeggiata
      di sera è meglio che esci e vai al bar a bere che ti fa meglio... 2/3 litri birra e si sta meglio
    • Maestro Miyagi scrive:
      Re: fatevi una passeggiata
      Di per sé non hai torto.C'è solo un piccolo problema: le hai mai viste le nostre città? inquinamento, strade sconnesse, niente verde, traffico allucinante, nessuno spazio di aggregazione sociale, nessuno spazio pubblico per fare sport, ecc....Sei proprio sicura che li vuoi fare uscire "all'aperto" questi giovani?? :-/
    • Octavia Furchi scrive:
      Re: fatevi una passeggiata
      Le due cose possono convivere. Guarda a Londra in questi giorni come si divertono all'aperto mentre usano twitter per trovare nuovi amici di scorribande.[img]http://static.sky.it/static/contentimages/original/sezioni/tg24/mondo/2011/08/08/londra_burning_2.jpg[/img]
      • iRoby scrive:
        Re: fatevi una passeggiata
        Quelle di Londra sono prove tecniche di dittatura.Li hanno lasciati agire per poi reprimere e introdurre leggi draconiane e stato di polizia.http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=8758&mode=&order=0&thold=0http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=8760&mode=&order=0&thold=0
    • nello scrive:
      Re: fatevi una passeggiata
      Ecco un buon esempio di presunzione e ignoranza.Ignoranza, perché non riesci a comprendere gli internet nauti. Presunzione perché presumi che queste persone che non capisci, non abbiano vita sociale.Tutto questo ovviamente da dove lo hai evinto? TV? Qualche tabloid? O qualche amico che ritieni sfigato e pensi che siano tutti come lui?Molti di quelli che ritieni nerd hanno una vita e probabilmente più interessante della tua.Proprio ieri sera ero a casa di amici: un Pakistano, un Israeliano e un Americano (di origini italiane). E sono anche nerd.Tu cosa fai durante le tue "passeggiate"?
    • Sky scrive:
      Re: fatevi una passeggiata
      No, che se poi andiamo nei centri sociali s'XXXXXXXno e ci rompono le scatole per quello (chiamandoci "antisociali", LOL).Battute a parte, concordo con quanto è stato scritto sopra: prima di scassare per "internet" (che significa tutto e niente, come nella miglior tradizione trollesca), c'è da chiudere la TV e gli stadi di calcio, dato che causano Enorme Assuefazione.Mi divertono molto questi appelli per la chiusura di un mezzo in cui la gente può perfino rischiare di esercitare il proprio cervello. :D :D :DIndubbiamente son cose che fanno paura eh. ;)Comunque, Chiara, se passi dalle mie parti bussa, che due passi in mezzo al verde dei campi (sto in campagna, si) li faccio volentieri, se non son da solo... o, come minimo, posso farti condividere la mia connessione. ;)
  • Dottor Stranamore scrive:
    Ciò che dice il ministro è condivisibile
    Quanti di voi hanno sentito la frase "Internet is for porn" ?Non è nata per caso, gran parte del traffico della rete è utilizzato per vedere film e foto XXXXX.Chissà come saranno tra una ventina d'anni i giovani che adesso sono esposti a tutta questa XXXXXgrafia. Probabilmente molti non proveranno più desiderio sessuale o avranno voglie da pervertiti, unica via per eccitarsi.Altri per colpa di Internet si isoleranno, avranno paura ad avere contatti con la gente. Molti di voi rideranno di queste cose, intanto nei paesi dove Internet e la banda larga, anzi larghissima, sono diffusissime cosa è sucXXXXX? E' nato il fenomeno degli hikikomori. Molto diffuso in Giappone e Korea del Sud:http://en.wikipedia.org/wiki/HikikomoriVogliamo far fare la stessa fine ai giovani italiani? Io preferisco vederli al bar, nei parchi o bighellonare col motorino. Voglio ragazzi vivi, abbronzati, allegri e con un sano desiderio sessuale. Anziché soli e indeboliti dalla grande rete.La rete è il male perché soddisfa facilmente qualsiasi bisogno e quindi rende il ragazzo più debole. Nella vita bisogna avere degli obiettivi che richiedono uno sforzo. Obiettivi nel breve periodo con sforzi piccoli. Obiettivi nel lungo periodo che richiedono molto più impegno.Invece la rete impigrisce, rende deboli perché soddisfa i bisogni e la curiosità con un solo clic, è una droga. Ci vorrà del tempo prima che il problema venga preso sul serio. Anche negli anni 60-70 ricordo che il problema della droga veniva sottovalutato, sembrava ganzo bucarsi e allora lo si faceva senza pensarci. Almeno però era illegale. Ecco un primo passo dovrebbe essere quello di rendere Internet illegale per gli under 30 e alle famiglie che hanno figli in casa.
    • meMedesimo scrive:
      Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
      Posso essere daccordo con il fenomeno degli Hikikomori (anche se questo fenomeno è nato molto prima della rete e non sempre ha origini nella dipendenza da internet), ma il resto è solo una trollata di basso livello.... Oppure frutto di pensieri deviati di un videocotechino.
      • Sgabbio scrive:
        Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
        non è un videotecaro. Si diverte a fare l'anti internet :D
        • FDG scrive:
          Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
          - Scritto da: Sgabbio
          non è un videotecaro...Una brutta malattia.
          • Burp scrive:
            Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
            Dai è talmente demenziale che non può essere serio (rotfl)
        • ThEsbOra scrive:
          Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
          - Scritto da: Sgabbio
          non è un videotecaro. Si diverte a fare l'anti
          internet
          :Dbhe, fare l'anti internet usando internet, da un nuovo significato alla parola ipocrisia
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
            - Scritto da: ThEsbOra
            bhe, fare l'anti internet usando internet, da un
            nuovo significato alla parola
            ipocrisiaSe vuoi combattere gli spacciatori dove vai? All'interno di un asilo o dove viene smerciata la roba?
          • krane scrive:
            Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            - Scritto da: ThEsbOra

            bhe, fare l'anti internet usando

            internet, da un nuovo significato

            alla parola ipocrisia
            Se vuoi combattere gli spacciatori dove vai?
            All'interno di un asilo o dove viene smerciata la
            roba?Dipende da cosa vuoi ottenere:- se vuoi affossare il mercato vai all'asilo a fare si che i ragazzini capiscano i pericoli e non comincino.- se vuoi far parte del mercato vai dove viene smerciata in modo da arrivare ad avere il pizzo per non rompere troppo.
          • mata el cabron scrive:
            Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            Se vuoi combattere gli spacciatori dove vai?
            All'interno di un asilo o dove viene smerciata la
            roba?Ti ci vedo proprio, eh. Prova a farlo e ti troveranno sparso nel territorio di tre comuni.
          • derego scrive:
            Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            - Scritto da: ThEsbOra

            bhe, fare l'anti internet usando internet,
            da
            un

            nuovo significato alla parola

            ipocrisia

            Se vuoi combattere gli spacciatori dove vai?
            All'interno di un asilo o dove viene smerciata la
            roba?io metterei sotto controllo il tuo telefono e prenderei il tuo pusher.
          • Lucadiver scrive:
            Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
            meglio coltivarsela da soli non trovi?...poi che soddisfazione raccogliere :D
          • Lucadiver scrive:
            Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
            io direi all'asilo...non sai quanta roba ci gira tra anfetamine, crack, fumo, ma non è colpa delle maestre ma dei pargoli...sono già dei tossici. ;)ps, ma te le suggeriscono le frasi su internet o è tua creazione?
          • FDG scrive:
            Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            Se vuoi combattere gli spacciatori dove vai?
            All'interno di un asilo o dove viene smerciata la
            roba?Hai frequentato troppi spacciatori e si vede.
          • Burp scrive:
            Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            - Scritto da: ThEsbOra

            bhe, fare l'anti internet usando internet,
            da
            un

            nuovo significato alla parola

            ipocrisia

            Se vuoi combattere gli spacciatori dove vai?
            All'interno di un asilo o dove viene smerciata la
            roba?Che trollone che sei (rotfl) Ma è un paragone fallace: a combattere gli spacciatori ci va la polizia e non ci va comunque a polemizzare; inoltre sul forum al massimo ci sono i "drogati", non gli spacciatori. Casomai vai in Internet a fare la predica ai "drogati" (rotfl)
    • Lanf scrive:
      Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
      Nel XIX c'erano già foto XXXXX, all'inizio del XX secolo la cinematografia XXXXX era un fiorente affare, adesso nel XXI secolo il XXXXX su internet è tuttora una industria da miliardi. Tutti i nuovi media hanno veicolato sesso e XXXXXgrafia. Ai bacchettoni non piace, ma se ne devono fare una ragione.In quanto ai bimbi giapponesi sfigati, sono 50.000 su una popolazione di oltre 100 milioni. Rientrano nelle casistiche degli psicolabili, e qui non c'è nulla da fare, la responsabilità è solo ed esclusivamente delle famiglie.
      • Dottor Stranamore scrive:
        Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
        - Scritto da: Lanf
        Nel XIX c'erano già foto XXXXX, all'inizio del XX
        secolo la cinematografia XXXXX era un fiorente
        affare, adesso nel XXI secolo il XXXXX su
        internet è tuttora una industria da miliardi.
        Tutti i nuovi media hanno veicolato sesso e
        XXXXXgrafia. Ai bacchettoni non piace, ma se ne
        devono fare una
        ragione.Non erano facilmente accessibili come adesso, specie per i minori, su dai non ci vuole molto a capirlo.
        In quanto ai bimbi giapponesi sfigati, sono
        50.000 su una popolazione di oltre 100 milioni.
        Rientrano nelle casistiche degli psicolabili, e
        qui non c'è nulla da fare, la responsabilità è
        solo ed esclusivamente delle
        famiglie.A quei 50'000 somma tutti gli altri psicolabili e vedrai che non c'è niente di normale in tutto ciò.Cosa non direste per difendere la vostra connessione :-(
        • Sgabbio scrive:
          Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
          - Scritto da: Dottor Stranamore

          Non erano facilmente accessibili come adesso,
          specie per i minori, su dai non ci vuole molto a
          capirlo.Ehm.... sicuro ? Sai com'è, c'era sempre l'amico grande o l'edicolate compiacente che te li vendeva ... :D
          A quei 50'000 somma tutti gli altri psicolabili e
          vedrai che non c'è niente di normale in tutto
          ciò.
          Cosa non direste per difendere la vostra
          connessione
          :-(Si vabbè i soliti discorsi campati in aria :P
        • Lanf scrive:
          Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
          - Scritto da: Dottor Stranamore
          Non erano facilmente accessibili come adesso,
          specie per i minori, su dai non ci vuole molto a
          capirlo.Ma da quale pianeta arrivi?Mah...
        • Izio01 scrive:
          Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
          - Scritto da: Dottor Stranamore
          A quei 50'000 somma tutti gli altri psicolabili e
          vedrai che non c'è niente di normale in tutto
          ciò.
          Cosa non direste per difendere la vostra
          connessione
          :-(Segue ragionamento (?) equivalente al tuo.Alle autovetture circolanti in Italia, somma la popolazione media dei pangolini nani nel Borneo e guarda un po' cosa ottieni. Ti pare una cifra normale? Bisogna abolire i ghiaccioli alla fragola!
    • .poz scrive:
      Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile

      Ecco un primo passo dovrebbe essere quello di
      rendere Internet illegale per gli under 30 e alle
      famiglie che hanno figli in
      casa.Quindi per i problemi di una sparuta % di persone dobbiamo togliere un utilissimo mezzo di comunicazione a tutti ??Allora cominciamo a mettere fuori legge tutto quello che una % minima della popolazione non è in grado di gestire senza divenirne dipendente:l'alcoli cibi grassiil sessola cioccolatail calcio (come spettatore)la tvpotrei continuare quasi all'infinito... ma pensare di EDUCARE anziche PROIBIRE ?
      • krane scrive:
        Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
        - Scritto da: .poz

        Ecco un primo passo dovrebbe essere quello di

        rendere Internet illegale per gli under 30 e
        alle

        famiglie che hanno figli in

        casa.

        Quindi per i problemi di una sparuta % di persone
        dobbiamo togliere un utilissimo mezzo di
        comunicazione a tutti
        ??

        Allora cominciamo a mettere fuori legge tutto
        quello che una % minima della popolazione non è
        in grado di gestire senza divenirne
        dipendente:

        l'alcol
        i cibi grassi
        il sesso
        la cioccolata
        il calcio (come spettatore)
        la tv

        potrei continuare quasi all'infinito... ma
        pensare di EDUCARE anziche PROIBIRE ?Basta proibire l'educazione ed anche quel problema e' risolto !
        • Rob scrive:
          Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile


          potrei continuare quasi all'infinito... ma

          pensare di EDUCARE anziche PROIBIRE ?

          Basta proibire l'educazione ed anche quel
          problema e' risolto
          !Marò, mi hai fatto letteralmente sbellicare!!!!
          • krane scrive:
            Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
            - Scritto da: Rob


            potrei continuare quasi all'infinito...
            ma


            pensare di EDUCARE anziche PROIBIRE ?



            Basta proibire l'educazione ed anche quel

            problema e' risolto

            !

            Marò, mi hai fatto letteralmente sbellicare!!!!:)
      • Dottor Stranamore scrive:
        Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
        - Scritto da: .poz

        Ecco un primo passo dovrebbe essere quello di

        rendere Internet illegale per gli under 30 e
        alle

        famiglie che hanno figli in

        casa.

        Quindi per i problemi di una sparuta % di persone
        dobbiamo togliere un utilissimo mezzo di
        comunicazione a tutti
        ??
        Certo freghiamocene delle minoranze :'(Ma poi chi ti dice che siano minoranze? Guarda 30 anni di tv berlusconiana fatta di culi e tette quali conseguenze ha avuto. Chissà con 30 anni di Internet dove finiremo :-( Probabilmente ci ritroveremo con Sasha Grey come primo ministro.
        • Sgabbio scrive:
          Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
          Ma perfavore! Le minoranze vanno tutelate, ma non è che per tutelare chi ha dei problemi, devi ledere i diritto fondamentali di TUTTI.Per il resto penso che internet a differenza della TELEVISIONE, abbia effetti positivi :D
        • Name & Surname scrive:
          Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile

          Probabilmente ci
          ritroveremo con Sasha Grey come primo
          ministro.NON VEDO L'ORA !!! :p :p :p
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile

          Certo freghiamocene delle minoranze :'(Non si può seguire il passo del bufalo più lento. Altrimenti saremmo ancora fermi all'età della pietra.Sai che c'è gente che, a causa di allergie, deve evitare il contatto con i vestiti? Andiamo tutti nudi per riguardo a loro?
          • Fragy scrive:
            Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Certo freghiamocene delle minoranze :'(

            Non si può seguire il passo del bufalo più lento.
            Altrimenti saremmo ancora fermi all'età della
            pietra.

            Sai che c'è gente che, a causa di allergie, deve
            evitare il contatto con i vestiti? Andiamo tutti
            nudi per riguardo a loro?Siii soprattutto le donne e magari anche d'inverno. Ma perché perdete tempo a riposndere ad un personaggio simile?
        • anony scrive:
          Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
          - Scritto da: Dottor Stranamore
          Probabilmente ci ritroveremo
          con Sasha Grey come primo ministro.abbiamo già la Carfagna che non è molto dissimile...
      • ninjaverde scrive:
        Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
        - Scritto da: .poz

        Ecco un primo passo dovrebbe essere quello di

        rendere Internet illegale per gli under 30 e
        alle

        famiglie che hanno figli in

        casa.

        Quindi per i problemi di una sparuta % di persone
        dobbiamo togliere un utilissimo mezzo di
        comunicazione a tutti
        ??

        Allora cominciamo a mettere fuori legge tutto
        quello che una % minima della popolazione non è
        in grado di gestire senza divenirne
        dipendente:

        l'alcol
        i cibi grassi
        il sesso
        la cioccolata
        il calcio (come spettatore)
        la tv

        potrei continuare quasi all'infinito... ma
        pensare di EDUCARE anziche PROIBIRE
        ?Avete dimenticato il burqa per le donne...E quelle che vanno in giro quasi nude e rendendo impotenti gli uomini...o magari peggio: li fanno andare all'inferno! :|
    • anony scrive:
      Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
      - Scritto da: Dottor Stranamore
      Quanti di voi hanno sentito la frase "Internet is
      for porn"?
      Non è nata per caso, gran parte del traffico
      della rete è utilizzato per vedere film e foto
      XXXXX.e allora? era così anche agli inizi del VHS e dei videoregistratori.ogni nuova tecnologia è spinta e porta con sé il "boom" della XXXXXgrafia.inoltre, da che mondo e mondo, la XXXXXgrafia nelle sue varie forme è sempre esistita e sempre esisterà. era così agli inizi del '900, nell'800 e anche prima. è meglio se te ne fai una ragione.a meno che tu non sia uno di quei bacchettoni bigotti anti-XXXXX, in qual caso... beh, temo non ci sia niente da fare.
      Chissà come saranno tra una ventina d'anni i
      giovani che adesso sono esposti a tutta questa
      XXXXXgrafia. Probabilmente molti non proveranno
      più desiderio sessuale o avranno voglie da
      pervertiti, unica via per
      eccitarsi.
      Altri per colpa di Internet si isoleranno,
      avranno paura ad avere contatti con la gente.non so perché, ma tutte queste fantomatiche previsioni sul futuro dei giovani odierni esposti ad un mare di XXXXXgrafia dilagante, mi ricorda tanto le "profezie" sulla "fine di internet" di un certo <i
      Get Real </i
      ...ora sei anche diventato un super-esperto in psichiatria tanto da poterti permettere di fare "diagnosi psicologiche futuristiche" sull'avvenire sociale dei nostri giovani con assoluta certezza?quantomeno, permettimi di dubitare...
      Molti di voi rideranno di queste cose, intanto
      nei paesi dove Internet e la banda larga, anzi
      larghissima, sono diffusissime cosa è sucXXXXX?
      E' nato il fenomeno degli hikikomori. Molto
      diffuso in Giappone e Korea del
      Sud:
      http://en.wikipedia.org/wiki/Hikikomori

      Vogliamo far fare la stessa fine ai giovani
      italiani?è evidente che non conosci bene il fenomeno <i
      hikikomori </i
      .molti di loro conducono quel determinato stile di vita per scelta personale. nessuna droga o dipendenza quindi.solo una minima parte di essi, è veramente "malata"; se vogliamo usare questo termine.nel senso che solo una minoranza di loro non riesce a tirarsi fuori dallo stile di vita che conduce. e solo in quel caso quindi, se ne può dedurre una qualche forma di dipendenza o assuefazione.la maggior parte di essi potrebbe tranquillamente condurre una vita cosiddetta "normale" se solo volesse. semplicemente non lo fanno, perché hanno fatto la loro scelta. e, molto probabilmente, l'hanno fatta considerando tutti i rischi e le conseguenze delle loro azioni, i vari pro e contro. hanno valutato ed hanno scelto. e come tale la loro scelta va' rispettata.da che mondo e mondo, la libertà di scegliere come vivere la propria vita è sacrosanta ed inviolabile.
      Io preferisco vederli al bar, nei parchi o
      bighellonare col motorino. Voglio ragazzi vivi,
      abbronzati, allegri e con un sano desiderio
      sessuale. Anziché soli e indeboliti dalla grande
      rete.ecco è proprio questo il punto: <i
      tu </i
      preferisci. <i
      tu </i
      vuoi!non loro, ma tu! immagino che di quello che vogliono loro e dei loro desideri non te ne importi niente? solo di quello che vuoi <i
      tu </i
      , e di quello che secondo te è "normale" e ben accetto.beh, scusa se te lo dico, ma chi sei tu per ergerti a paladino della verità assoluta e decidere come gli altri devono vivere la propria vita?saranno o no liberi di scegliere? vivi e lascia vivere, che è meglio.
      La rete è il male perché soddisfa facilmente
      qualsiasi bisogno e quindi rende il ragazzo più
      debole.parola di laureato in psichiatria?
      Nella vita bisogna avere degli obiettivi che
      richiedono uno sforzo. Obiettivi nel breve
      periodo con sforzi piccoli.

      Obiettivi nel lungo periodo che richiedono molto
      più impegno.non sei tu che decidi quello che nella vita "bisogna" o "non bisogna avere"le dittature son finite da un pezzo. ergo, rispetta la libertà degli altri.
      Invece la rete impigrisce, rende deboli perché
      soddisfa i bisogni e la curiosità con un solo
      clic, è una droga. Ci vorrà del tempo prima che
      il problema venga preso sul serio. Anche negli
      anni 60-70 ricordo che il problema della droga
      veniva sottovalutato, sembrava ganzo bucarsi e
      allora lo si faceva senza pensarci. Almeno però
      era illegale.trollata scarsa, non ti pare?
      Ecco un primo passo dovrebbe essere quello di
      rendere Internet illegale per gli under 30 e alle
      famiglie che hanno figli in
      casa.interessante proposta. la mettiamo ai voti?no, perché sai, siamo in democrazia eh.
      • pippo75 scrive:
        Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile


        Ecco un primo passo dovrebbe essere quello di

        rendere Internet illegale per gli under 30 e
        alle

        famiglie che hanno figli in

        casa.

        interessante proposta. la mettiamo ai voti?
        no, perché sai, siamo in democrazia eh.(correggo, grazie per avermelo fatto accorgere, dopotutto i miei voti in itaglianesco alla Chicco Lazzaretti uno motivo dovettero avercelo avuto )Invece ha perfettamente <s
        d'accordo </s
        ragione, ma lo sai cosa succede su internet?Se usata bene può essere fonte di vera e diffusa cultura.Peggio ancora, ogni persone può collaborare ed aggiungere del proprio e farlo gratis.Ma scherziamo, le masse non devono correre il rischio di avere queste possibilità, una massa non ignorante non è controllabile.Quando i politici scopriranno usenet, speriamo vadano in tilt.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 08 agosto 2011 16.19-----------------------------------------------------------
        • Dottor Stranamore scrive:
          Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
          - Scritto da: pippo75
          Invece ha perfettamente d'accordoW la cultura di Internet :s
          • FDG scrive:
            Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            - Scritto da: pippo75

            Invece ha perfettamente d'accordo

            W la cultura di Internet :sGiusto, perché la grammatica la insegnano su internet e non a scuola.(troll)
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
            - Scritto da: FDG
            - Scritto da: Dottor Stranamore


            - Scritto da: pippo75


            Invece ha perfettamente d'accordo



            W la cultura di Internet :s

            Giusto, perché la grammatica la insegnano su
            internet e non a
            scuola.

            (troll)Hai ragione, su Internet la grammatica non la può imparare (idea). Perché Internet serve soprattutto per cose futili.Grazie per aver appoggiato la mia teoria :-)
          • Sgabbio scrive:
            Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
            (rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • FDG scrive:
            Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            Hai ragione, su Internet la grammatica non la può
            imparare (idea). Perché Internet serve
            soprattutto per cose futili.

            Grazie per aver appoggiato la mia teoria :-)Come quella che hai scritto?Quindi, ho è una scemenza, e quindi è falso e internet non serve solo per cose futili, oppure non lo è, quindi anche la tua è una scemenza.Fammi capire, sei andato a scuola da Kurt Gödel?
          • corigan scrive:
            Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            Hai ragione, su Internet la grammatica non la può
            imparare (idea). Perché Internet serve
            soprattutto per cose
            futili.

            Grazie per aver appoggiato la mia teoria :-)l'unica cosa sicura della sua teoria è che LEI usa internet per cose futili, visto che non fa altro che ripeterlo. Proiettare la sua esperienza su tutti i fruitori di internet non è nemmeno sbagliata come teoria (cit.).pensi a tutte le persone che con la rete ci lavorano e la sbugiardano per 8 ore al giorno tutti i dì più straordinari.senza offesa, ma per fare i professori ci vuole dello spessore e a leggere i suoi post, lei non appare niente piu che un bastian contrario.cordialità.
        • FDG scrive:
          Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
          - Scritto da: pippo75
          Invece ha perfettamente d'accordo, ma lo sai cosa
          succede su internet?Ti prendono per il XXXX? Mi spiace per te.
      • Dottor Stranamore scrive:
        Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
        - Scritto da: anony
        interessante proposta. la mettiamo ai voti?
        no, perché sai, siamo in democrazia eh.Siamo in una democrazia rappresentativa, quando votano in parlamento mica vai a premere il pulsante.
        • anony scrive:
          Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
          - Scritto da: Dottor Stranamore
          Siamo in una democrazia rappresentativa, quando
          votano in parlamento mica vai a premere il
          pulsante.ecco perché sono a pienamente a favore della <i
          democrazia diretta </i
          .è più sensata, più rispettosa dei diritti di tutti, e soprattutto più libera.
    • FDG scrive:
      Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
      - Scritto da: Dottor Stranamore
      E' nato il fenomeno degli hikikomori. Molto
      diffuso in Giappone e Korea del SudIn quell'articolo il numero di volte che è scritto il termine "internet" è 0. Mentre:http://www.crescita-personale.it/dipendenze/2086/hikikomori/482/a"Nonostante luso di Internet e dei videogiochi sia un elemento caratteristico della vita di questi autoresclusi, non si assiste a una forma pura di dipendenza da internet, bensì ad un fenomeno di stampo sociale [...]Il Giappone è caratterizzato da una cultura comunitaria dove lindividuo e il suo sucXXXXX costituiscono un elemento fondamentale per la riuscita del gruppo. Le aspettative personali e sociali sono elevatissime e poche brutte esperienze (fallimento scolastico, fenomeni di bullismo, genitori assenti, ecc) possono diventare lincipit di una discesa e di un costante aumento di sentimenti quali impotenza, depressione e incapacità [...]"Quindi non c'entra una mazza.Come al solito non hai capito nulla.
      • Dottor Stranamore scrive:
        Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
        - Scritto da: FDG
        - Scritto da: Dottor Stranamore


        E' nato il fenomeno degli hikikomori. Molto

        diffuso in Giappone e Korea del Sud

        In quell'articolo il numero di volte che è
        scritto il termine "internet" è 0.
        Mentre:

        http://www.crescita-personale.it/dipendenze/2086/h

        "Nonostante luso di Internet e dei videogiochi
        sia un elemento caratteristico della vita di
        questi autoresclusi, non si assiste a una forma
        pura di dipendenza da internet, bensì ad un
        fenomeno di stampo sociale
        [...]

        Il Giappone è caratterizzato da una cultura
        comunitaria dove lindividuo e il suo sucXXXXX
        costituiscono un elemento fondamentale per la
        riuscita del gruppo. Le aspettative personali e
        sociali sono elevatissime e poche brutte
        esperienze (fallimento scolastico, fenomeni di
        bullismo, genitori assenti, ecc) possono
        diventare lincipit di una discesa e di un
        costante aumento di sentimenti quali impotenza,
        depressione e incapacità
        [...]"

        Quindi non c'entra una mazza.

        Come al solito non hai capito nulla.E' un'opinione, non una verità assoluta che ti consente di dire che io non ho capito nulla. Notare che attaccate sempre la persona, mentre io bado alla sostanza 8)
        • anony scrive:
          Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
          - Scritto da: Dottor Stranamore
          E' un'opinione, non una verità assoluta che ti
          consente di dire che io non ho capito nulla.
          Notare che attaccate sempre la persona, mentre io
          bado alla sostanza
          8)quale sostanza? finora hai semplicemente espresso le tue discutibili opinioni (per carità, sempre libero di farlo) senza però portare nessuna prova o studio a supporto della tua "tesi".a meno che non vogliamo considerare le conclusioni che tu stesso hai tratto dalle tue opinioni come esimio studio dal valore accademico...
          • FDG scrive:
            Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
            - Scritto da: anony
            a meno che non vogliamo considerare le
            conclusioni che tu stesso hai tratto dalle tue
            opinioni come esimio studio dal valore
            accademico...Ma quale accademia? Lui è L'Accademia! :D
        • FDG scrive:
          Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
          - Scritto da: Dottor Stranamore
          E' un'opinione, non una verità assoluta...Si, va beh, come no, l'opinione di un'emerito signor nessuno come te. Ma ci faccia il piacere!
          Notare che attaccate sempre la persona, mentre io
          bado alla sostanza E con quest'affermazione rasentiamo il ridicolo.
        • ziovax scrive:
          Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
          - Scritto da: Dottor Stranamore
          Notare che attaccate sempre la persona, mentre io
          bado alla sostanza
          8)Tu badi al trollaggio... e gli altri ci cadono con tutte le scarpe rispondendoti pure.
          • anony scrive:
            Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
            sarà anche un pessimo troll (e su questo non vi è dubbio), ma ciò non toglie che là fuori, a quanto pare, c'è veramente gente che la pensa come lui...meglio smontare subito certe "idee" e stroncarne sul nascere la loro diffusione; anche se in forma d'innocua trollata.
      • iRoby scrive:
        Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
        - Scritto da: FDG
        Il Giappone è caratterizzato da una cultura
        comunitaria dove lindividuo e il suo sucXXXXX
        costituiscono un elemento fondamentale per la
        riuscita del gruppo. Ah lo Scintoismo...Su Wikipedia c'è un bell'articolo: http://it.wikipedia.org/wiki/ShintoismoComunque lo vedi anche nei cartoni animati, lo spirito di sacrificio per il gruppo... In contrapposizione con l'etica dell'eroe solitario americano...
    • Akiro scrive:
      Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile

      Chissà come saranno tra una ventina d'anni i
      giovani che adesso sono esposti a tutta questa
      XXXXXgrafia. Probabilmente molti non proveranno
      più desiderio sessuale o avranno voglie da
      pervertiti, unica via per
      eccitarsi.stai dicendo che praticamente potranno essere qualsiasi cosa? bella scoperta!
    • gomez scrive:
      Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
      - Scritto da: Dottor Stranamore
      Ecco un primo passo dovrebbe essere quello di
      rendere Internet illegale per gli under 30 e alle
      famiglie che hanno figli in casa.e fucilare gli altri, perche' ti limiti sempre alle mezze misure???Mauro
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
      - Scritto da: Dottor Stranamore
      Quanti di voi hanno sentito la frase "Internet is
      for porn"
      ?
      Non è nata per caso, gran parte del traffico
      della rete è utilizzato per vedere film e foto
      XXXXX.

      Chissà come saranno tra una ventina d'anni i
      giovani che adesso sono esposti a tutta questa
      XXXXXgrafia.Sicuramente saranno migliori di te.
      Probabilmente molti non proveranno
      più desiderio sessuale o avranno voglie da
      pervertiti, unica via per
      eccitarsi.Te ne intendi, vedo.
      Vogliamo far fare la stessa fine ai giovani
      italiani?


      Io preferisco vederli al bar, nei parchi o
      bighellonare col motorino.Certo, ad andare in motorino nel parco ubriachi, facendo una strage.
      Nella vita bisogna avere degli obiettivi che
      richiedono uno sforzo. Obiettivi nel breve
      periodo con sforzi piccoli.Un obiettivo di molti è sbarazzarsi degli individui come te.

      Obiettivi nel lungo periodo che richiedono molto
      più
      impegno.
      Invece la rete impigrisce, rende deboli perché
      soddisfa i bisogni e la curiosità con un solo
      clic, è una droga. Ci vorrà del tempo prima che
      il problema venga preso sul serio. Anche negli
      anni 60-70 ricordo che il problema della droga
      veniva sottovalutato, sembrava ganzo bucarsi e
      allora lo si faceva senza pensarci. Almeno però
      era illegale.E tu ti sei bucato troppo, vedo.
    • say no scrive:
      Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
      - Scritto da: Dottor Stranamorefacciamo così: prima chiudiamo tutte le videoteche... sai com'è diffondono pornazzi o commediole che distolgono i giovani da altre più sane attività...e in più si avrebbe subito un aumento della forza lavoro: un bel po' di videotecari che finalmente sarebbero costretti a chiudere le loro attività parassitarie
    • Darwin scrive:
      Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
      Mamma mia, quante barzellette in un solo post....Gino Bramieri ti fa un baffo...
    • OldDog scrive:
      Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
      - Scritto da: Dottor Stranamore
      Quanti di voi hanno sentito la frase "Internet is
      for porn"
      ?
      Non è nata per caso, gran parte del traffico
      della rete è utilizzato per vedere film e foto
      XXXXX.Fonti attendibili? O ti sei messo a contare i byte che transitano dal tuo PC? Davvero, non si reggono certe *azzate!
    • Ubunto scrive:
      Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
      - Scritto da: Dottor Stranamore
      Chissà come saranno tra una ventina d'anni i
      giovani che adesso sono esposti a tutta questa
      XXXXXgrafia. Con dei bicipiti enormi? (rotfl)
      Probabilmente molti non proveranno
      più desiderio sessuale o avranno voglie da
      pervertiti, unica via per
      eccitarsi.Quindi ritieni che usare internet istighi i giuovani a prendere i voti e divenire preti?
    • iRoby scrive:
      Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
      Hai scritto un mare di fesserie.Ma dato che io ho acXXXXX a larghi archivi di patologie e cure psichiatriche per motivi di lavoro posso dirti due problemi che l'eccessiva XXXXXgrafia sta causando specie nelle nuove generazioni.Anche se non è la diffusa disponibilità di XXXXXgrafia in se a causarle, ma la mancanza di educazione sessuale e sufficienti stimoli nella famiglia e nella società stessa.Primo problema, la sessualità dei giovani che non ricevono altri stimoli ed educazione li porta a vivere il rapporto sessuale emulando quello della XXXXXgrafia che è sempre identico e comprende fellatio e cunnilingus, varie posizioni per finire sempre con un'XXXXXXXzione in bocca o sul viso.Questo genere di rapporti sessuali che hanno motivi di scena, non rispondono alla realtà di come vorrebbero vivere la sessualità specialmente le donne, che magari hanno necessità e modi differenti.Per motivi di scena non esistono preliminari, coccole, gesti d'affetto... Tutto si limita al solo atto.Secondo problema, la visione di organi genitali di determinate forme, sempre quelle selezionate per motivi di scena, causa problemi in chi non ha organi sessuali simili o non li trova nel proprio partner. Per cui a problemi di inadeguatezza delle dimensioni ci sono anche per esempio problemi di erezione per gli uomini che hanno sempre visto nella XXXXXgrafia dei genitali femminili rasati, non riconoscono e non si eccitano davanti a dei genitali "naturali" ossia ricchi di peluria o con forme e colorazioni delle grandi labbra differenti da quelle delle attrici hard.Per cui per esempio adesso molte donne si rasano sempre, con tutti i problemi che ne derivano (irritazioni, flora batterica alterata, ecc.).Questi problemi possono essere limitati e sistemati non solo da educazioni adeguati, ma al limite dalla XXXXXgrafia stessa, dove la XXXXXgrafia amatoriale autoprodotta che non imiti però i modi e i copioni di quella industriale, potrebbe rimettere le cose a posto...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 10 agosto 2011 14.23-----------------------------------------------------------
      • Non Me scrive:
        Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
        Trovo l'argomento proposto da Stranamore interessante, invece.E lo conferma iRoby. La definite una trollata, ma non é affatto off topic.Come tutte le cose, Internet va "assunta" con le dovute precauzioni.Immaginatevi a prendere decisioni su acquisti di personal computer (ops... "icomputer") basandovi sui consigli di Ruppolo postati su questo forum. :-) - grazie a Ruppolo di esistere!Concordo quindi sul fatto che una certa educazione sull'uso del mezzo di comunicazione soprattutto ai bambini va data. Questo non impedirá loro di farsi le "pugnette"... anche la masturbazione fa parte del nostro "essere umani", ma ad avere un approccio migliore e positivo al mezzo.Chiaro che dove l'educazione é mancata possono verificarsi fenomeni estremi di comportamento. Nell'adulto dipende anche dalla propria autodeterminazione.Che il XXXXX abbia trovato mercato in Internet é innegabile, e al di lá della canzonetta "internet is for porn" in youtube (cercate pure, c'é), pure la filmografia ha riportato in commedia recentemente il concetto. D'altra parte il meretricio é presente nella Bibbia e perdonato da Gesú. La sodomia un po' meno da Dio. Come vedete pure nel Libro ci sono contraddizioni.Insomma ogni medaglia ha il suo rovescio: pure a giocare nei campi a pallone ci si puó storcere la caviglia... e come un antico detto insegna " la virtu' sta nel mezzo". Un po' di pallone, un po' di sole, un po' di Internet, un po' di sesso... Da qui a demonizzare internet cmq ce ne passa.
      • anony scrive:
        Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
        - Scritto da: iRoby
        Ma dato che io ho acXXXXX a larghi archivi di
        patologie e cure psichiatriche per motivi di
        lavoro posso dirti due problemi che l'eccessiva
        XXXXXgrafia sta causando specie nelle nuove
        generazioni.premesso il fatto che psichiatria/psicologia non sono neanche da considerarsi delle vere e proprie scienze, ma piuttosto "pseudoscienze".visto che le regole se le inventano al momento, seduta stante.sai come fanno a decidere quali comportamenti sono da considerarsi "nuove malattie"? per votazione!è come se un gruppo di fisici si riunisse in una stanza per decidere quali sono le leggi fondamentali della natura, e lo facesse per alzata di mano...capirai quanto certa gente è ridicola, e che non ci su può fidare di quello che dicono. anzi, direi che è d'obbligo non fidarsi.
        Primo problema, la sessualità dei giovani che non
        ricevono altri stimoli ed educazione li porta a
        vivere il rapporto sessuale emulando quello della
        XXXXXgrafia che è sempre identico e comprende
        fellatio e cunnilingus, varie posizioni per
        finire sempre con un'XXXXXXXzione in bocca o sul
        viso.
        Questo genere di rapporti sessuali che hanno
        motivi di scena, non rispondono alla realtà di
        come vorrebbero vivere la sessualità specialmente
        le donne, che magari hanno necessità e modi
        differenti.
        Per motivi di scena non esistono preliminari,
        coccole, gesti d'affetto... Tutto si limita al
        solo atto.il giovane "inesperto" che si mette a copiare il XXXXX che ha visto l'altro ieri con la sua prima ragazza, capirà ben presto (a sue spese) che non funziona sempre così.inoltre uno è libero di vivere la propria sessualità come meglio preferisce.ci sono coppie, infatti, che si divertono proprio a guardare film XXXXX insieme per trarne ispirazione, e tentare di replicarne posizioni, ecc.la XXXXXgrafia in tutto questo, non ha nessuna colpa. anzi può essere d'aiuto a tutte quelle coppie che non sanno come "cominciare", o che vogliono provare qualcosa di nuovo e diverso.
        Secondo problema, la visione di organi genitali
        di determinate forme, sempre quelle selezionate
        per motivi di scena, causa problemi in chi non ha
        organi sessuali simili o non li trova nel proprio
        partner.

        Per cui a problemi di inadeguatezza delle
        dimensioni ci sono anche per esempio problemi di
        erezione per gli uomini che hanno sempre visto
        nella XXXXXgrafia dei genitali femminili rasati,
        non riconoscono e non si eccitano davanti a dei
        genitali "naturali" ossia ricchi di peluria o con
        forme e colorazioni delle grandi labbra
        differenti da quelle delle attrici
        hard.
        Per cui per esempio adesso molte donne si rasano
        sempre, con tutti i problemi che ne derivano
        (irritazioni, flora batterica alterata,
        ecc.).a parte che non è vero. la XXXXXgrafia copre un'infinità di "fetish", quindi anche quello per chi preferisce i genitali "al naturale", non rasati, ecc.c'è XXXXX per tutti i gusti, e non c'è fetish che non sia soddisfatto.ergo, quello che dici non ha senso. perché altrimenti dalle tue affermazioni se ne potrebbe dedurre che il colpevole è soltanto il "XXXXX generalista" che offre sempre la stessa minestra riscaldata (cosa su cui potrei anche essere d'accordo).ma non puoi certo incolpare l'intera XXXXXgrafia, se la maggior parte delle donne hanno visto solo quella e si rasano di conseguenza. sempre ammesso (e non conXXXXX) sia quello il motivo per cui si rasano... qui si fanno un sacco di assunzioni e postulati, che però andrebbero tutti verificati.ti sei mai chiesto perché la maggior parte della XXXXXgrafia mostra donne con genitali rasati, ecc.? forse perché è quello che il pubblico desidera vedere? forse perché è così che piace?l'industria XXXXXgrafica (così come ogni altra industria) è dedita a soddisfare i desideri, e le preferenze dei propri clienti. Non è la XXXXXgrafia a "creare" certi desideri, ma sono gli spettatori che vogliono e richiedono certe cose.Quindi la XXXXXgrafia è solo uno specchio, un riflesso, una conseguenza dei desideri e delle aspettative/preferenze di chi ne usufruisce.La XXXXXgrafia in sé, non crea "nuove perversioni", "nuovi desideri", ecc.semplicemente li esaudisce e li mette in bella mostra.ma è qualcosa che c'era già, ed era già ben presente prima dell'avvento della XXXXXgrafia stessa.
        • iRoby scrive:
          Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
          Anche io penso che psicologia e psichiatria abbiano perso la rotta...Ma ciò che ho riportato sono estratti di archivi di associazioni psichiatriche sulle psicopatologie contemporanee... E quella è gente che ha realmente problemi di approccio sessuale o di dipendenza da XXXXXgrafia. Ovvio che non son casi diffusissimi, ma fanno comunque parte di nuove psicopatologie, e sono oggetto di studio...
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
        - Scritto da: iRoby
        Hai scritto un mare di fesserie.

        Ma dato che io ho acXXXXX a larghi archivi di
        patologie e cure psichiatriche per motivi di
        lavoro posso dirti due problemi che l'eccessiva
        XXXXXgrafia sta causando specie nelle nuove
        generazioni.Scusa, ma dopo quello che hai scritto qui:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3113089&m=3115001#p3115001non sei da considerare molto affidabile. O l'aveva scritto un altro usando lo stesso nick? (non era registrato, in effetti)
        • iRoby scrive:
          Re: Ciò che dice il ministro è condivisibile
          Scusa? Che vuoi dire col non essere affidabile? Io sono qui perfettamente in salute dopo aver perso 18kg con una dieta vecchia di 70 anni (Dr. Ehret) e prettamente vegetariana. Ed ho postato anche le mie foto prima e dopo dieta...È vero che Io non posso fare statistica, ma il metodo che ho usato non era campato in aria e sono stato seguito da due nutrizioniste scettiche ma alle quali ho chiesto solo osservazione, e si sono ricredute, anche se non farebbero lo stesso con gli altri pazienti.La teoria che ho applicato è semplice e deriva dallo studio di nozioni alternative sull'alimentazione. Il principio è che zuccheri e farine raffinate dell'alimentazione moderna e industriale sviluppano Candida Albicans, che a sua volta produce nell'organismo ospite dipendenza da quei nutrienti ossia desideri smodato di pane pasta pizza e dolci.Riducendo Candida Albicans si facilita il sucXXXXX di una dieta, e si possono fare anche prolungati digiuni a scopo disintossicante e terapeutico.Con me ha funzionato. Gli antimicotici usati sono semplici olio di origano ed origano liofilizzato e l'estratto di semi di pompelmo.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 agosto 2011 00.02-----------------------------------------------------------
  • Enjoy with Us scrive:
    scusi signor ministro ma...
    E i videodipendenti?E i gamedipendenti?Che facciamo ce li dimentichiamo?La psichiatria purtroppo non è una scienza e questa ne è la riprova, la verità è che il trattamento delle malattie mentali e delle dipendenze è ancor oggi affidato a pratiche che di scientifico hanno ben poco... per fare un paragone è come se la medicina fosse ferma al 1800 o giù di la, solo in questo modo si possono giustificare tali simili uscite!Ma bisogna essere psichiatri per rendersi conto che ci possono essere un gran numero di disordini mentali, non tanto gravi da sconfinare in una vera e propria patologia, ma in grado di influenzare in modo marcato il comportamento dell'individuo?Ora questi tirano fuori internet o i videogiochi o ancora la televisione per giustificare forme di isolamento che sono sempre esistite, magari una volta si utilizzavano i libri!Mai nessuno che faccia un'analisi un pochino più approfondita, del tipo che la famiglia oggi è allo sbando che i sempre meno figli sono abbandonati a se stessi o parcheggiati in asili o scuole, che grazie ai desideri di emancipazione femminili (e agli stipendi sempre più miseri) orami nelle moderne famiglie è tanto se ci si riunisce tutti insieme per il pasto della sera... no che dico... la colpa è di internet!
    • Riketto scrive:
      Re: scusi signor ministro ma...
      - Scritto da: Enjoy with Us
      E i videodipendenti?Ma sai come e'...la tv non e' proprio "indipendente" nelle scelte.Mi spiego:io navigo su internet e vado dove voglio e leggo quello che voglio IOin tv vedo quello che vogliono ALTRIquindi la tv non e' pericolosa perche' ci sono gia' i dottori buoni che scelgono per tutti noi le cose miglioriinternet invece...(spero si colga l'ironia)ma alla fine tutto si rispolve con il classicoMENO INTERNETPIU' CABERNET!!!
    • Picchiatell o scrive:
      Re: scusi signor ministro ma...
      - Scritto da: Enjoy with Us
      E i videodipendenti?
      E
      giustificare tali simili
      uscite!E i sessodipendenti ?Cosi' a caso...
    • Akiro scrive:
      Re: scusi signor ministro ma...

      E i videodipendenti?
      E i gamedipendenti?

      Che facciamo ce li dimentichiamo?non ti preoccupare, al prossimo giro...
    • Darwin scrive:
      Re: scusi signor ministro ma...
      e i bungabunga dipendenti?
      • Fragy scrive:
        Re: scusi signor ministro ma...
        - Scritto da: Darwin
        e i bungabunga dipendenti?Spiacente, solo uno puo fare il "bungabunga" e non è dipendente :-) gli altri "tr...no"
  • Fragy scrive:
    Il nuovo male ...
    Non sarà la solita giustificazione per giustificare un maggior controllo? Poi, se vogliamo, non è compito dei genitori educare i figli ad un uso più cosciente/corretto della rete? Aggiungo, sino a poco tempo fa c'era la teledipendenza, non è che questa sia sparita, come mai non viene curata anch'essa? Non ho letto il ibro citato quindi non voglio commentalo ma la frase "I giovani Internet-dipendenti sono caratterizzati da pallore del volto, occhi cerchiati e sguardo poco espressivo" mi ricorda gli "intossicati" da una fruizione eccessiva di "Federica la mano amica"...
    • Il Gargilli scrive:
      Re: Il nuovo male ...
      La teledipendenza esiste da anni ed è accertata, solo che nessuno si vuole prendere la briga di vederla come tale, e cioè un droga molto potente e (perdipiù) deviante.Se poi vogliamo rimanere nella'mbito delle tecnologie "recenti" allora di sicuro di dovrebbe parlare dei telefonini (al limite) e non di internet.. ma anche in questo caso sarebbe erroneo. Il telefonino è un apperaecchio che puo diventare utilissimo, se usato bene. E allora si ritorna al solito problema, che è dato di CHI usa la tecnologia e con quale TESTA.Aloha!
    • Enjoy with Us scrive:
      Re: Il nuovo male ...
      - Scritto da: Fragy
      Non sarà la solita giustificazione per
      giustificare un maggior controllo? Poi, se
      vogliamo, non è compito dei genitori educare i
      figli ad un uso più cosciente/corretto della
      rete? Aggiungo, sino a poco tempo fa c'era la
      teledipendenza, non è che questa sia sparita,
      come mai non viene curata anch'essa? Non ho letto
      il ibro citato quindi non voglio commentalo ma la
      frase "I giovani Internet-dipendenti sono
      caratterizzati da pallore del volto, occhi
      cerchiati e sguardo poco espressivo" mi ricorda
      gli "intossicati" da una fruizione eccessiva di
      "Federica la mano
      amica"...Guarda che probabilmente è proprio così... cosa ci fanno secondo te gli adolescenti su internet... shhhhh non dirlo al ministro!
      • anony scrive:
        Re: Il nuovo male ...
        - Scritto da: Enjoy with Us
        cosa ci fanno secondo te gli adolescenti su
        internet... shhhhh non dirlo al
        ministro!beh dai, non ci fanno solo quello...
      • Lucadiver scrive:
        Re: Il nuovo male ...
        cosa vuoi che facciano? vanno a leggere il bollettino parrocchiale no?
  • Unidraulico scrive:
    Ma i teledipendenti?
    Ma che fine hanno fatto i teledipendenti affetti da gravissime malattie di cui si parlava quando ero piccolo? Oppure i fantastici malati dei videogame, da strappare alla ferrea morsa di 23 ore di gioco giornaliere. Devono aver fatto un ottimo lavoro dato che non se ne vedono più in giro.
    • anony scrive:
      Re: Ma i teledipendenti?
      ormai non fanno più notizia...adesso va' di moda scagliarsi contro i videogiochi "violenti" da vietare assolutamente ai minori (e, già che ci siamo, anche agli adulti) da una parte, e demonizzare gli "aspetti negativi" della Rete dall'altra.beh, almeno sembra si riconosca che la Rete ha degli aspetti "positivi" dopotutto... soltanto una decina d'anni fa era una cosa impensabile.oggi, persino psichiatri e affini sono costretti a riconoscere alla Rete certi innegabili ed inconfutabili vantaggi. <i
      ovviamente </i
      , ci saranno sempre dei lati negativi... figuriamoci se non c'è qualcosa che non abbia un "lato negativo" per questa gente.rimarrebbero senza lavoro se così non fosse, eggià!
      • Linuxaro scrive:
        Re: Ma i teledipendenti?
        - Scritto da: anony
        adesso va' di moda scagliarsi contro i
        videogiochi "violenti" da vietare assolutamente
        ai minori (e, già che ci siamo, anche agli
        adulti)Mah... Non sono così pericolosi questi videogames. Al massimo aiutano a sfogare lo stress che si accumula nella giornata.Poi non credo nemmeno ai psicologi (non li chiamerei nemmeno dottori, visto che chiunque sarebbe capace a fare il loro lavoro, dopo tutto sono solo opinioni). Poi adesso vogliono governare un mondo libero come internet (ma se non ci riescono nel mondo reale, vengono a rompere le p@lle anche qui).
    • Sky scrive:
      Re: Ma i teledipendenti?
      No... semplicemente, come spesso accade, c'è stata una mutazione ed ora il vairus attacca altri. ;)
  • krane scrive:
    E la dipendenza da...
    E la dipendenza patologica da energia elettrica, acqua potabile, contesto sociale ??? In caso di disastro avremo un sacco di disadattati se non ci pensiamo !(rotfl)
    • Unidraulico scrive:
      Re: E la dipendenza da...
      Per non parlare della dipendenza da queste nuove "automobili" di cui tanto parlano i giovani d'oggi... certi tra i più scavezzacollo ne fanno uso TUTTI I GIORNI senza pensare ai danni che ricevono nello star seduti invece che far la bella sgambata mattutina di 40 km dove s'incontrava la bell'Algisa colla quale scambiar due parole, preludio di longevo matrimonio. Queste "autocarri" o, abbreviando, "auto", relegano l'uomo in una scatola di latta impedendo qualsiasi comunicazione. Presto non ci saranno più matrimoni ed alla bella Algisa non rimarrà che cedere alle "avances" di qualche figuro del nord d'Europa o peggio dalla scura carnagione che, furbo, non ci sta a rimanere assordato dal rombo di quei "motori a combustione interna". Povera Italia.
    • Riketto scrive:
      Re: E la dipendenza da...
      - Scritto da: krane
      E la dipendenza patologica da energia elettrica,
      acqua potabile, contesto sociale ??? In caso di
      disastro avremo un sacco di disadattati se non ci
      pensiamo
      !

      (rotfl)Quella e' ancora peggio...l'anno scorso mi son trovato a fare le vacanze nell'est della Romania, in un paesino di campagna (dove e' nata mia moglie, per intenderci.. non e' che me lo hanno proposto all'agenzia viaggi :P.Niente acqua corrente, niente medicine (mi son beccato una settimana di "diarrea del viaggiatore"), niente bagno, nessuna possibilita' di lavarsi in modo decente, niente trasporti (mi e' andata a fuoco la macchina)...C'era la corrente elettrica (ma solo se non c'erano temporali), ben 3 televisori con parabola e un pozzo...Ad un certo momento mi son messo (tra il serio e lo scherzoso), mentre ero nudo in una bacinella a cercare di lavarmi (sono pure grande e grosso, quindi non ci stavo dentro o mi incastravo sottovuoto), a piangere e chiamare la mamma...Buone risate a tutti :)
    • pippo75 scrive:
      Re: E la dipendenza da...
      - Scritto da: krane
      E la dipendenza patologica da energia elettrica,
      acqua potabile, contesto sociale ??? In caso di
      disastro avremo un sacco di disadattati se non ci
      pensiamo
      !e la dipendenza da - calcio, e spaccare treni per lo stadio?- tabacco o altre droghe?- TV?- politica?
  • momin scrive:
    chi potrà mai...
    i poveri internet-dipendentipotranno essere curati (e forse salvati) ma chi mai salverà queati poveri berluscones-dipendenti (e noi da loro)?
    • Number 6 scrive:
      Re: chi potrà mai...
      Chi da quest'incubo nero ci risveglierà, chi mai potrà... ?
      • Daniele scrive:
        Re: chi potrà mai...
        - Scritto da: Number 6
        Chi da quest'incubo nero ci risveglierà, chi mai
        potrà...
        ?QUOTOOOOOOOOOOOOOOOOO :)
        • francososo scrive:
          Re: chi potrà mai...
          Solo Kenshiro Kasumi aka Ken "il Guerriero !!" 8)(newbie) :D(rotfl)(rotfl)
          • Be&O scrive:
            Re: chi potrà mai...
            be dai Kenshiro te lo lascio..........io mi porto via Kasumi.... (DOA) (rotfl)
          • spalarating scrive:
            Re: chi potrà mai...
            - Scritto da: Be&O
            be dai Kenshiro te lo lascio.....
            .....io mi porto via Kasumi.... (DOA) (rotfl)hahahah bella raga http://goo.gl/zIDsa
          • alfa bravo scrive:
            Re: chi potrà mai...
            Macche'. Qui ci vuole Paperinik. O anche meglio: Shpalman!!!!
          • krane scrive:
            Re: chi potrà mai...
            - Scritto da: alfa bravo
            Macche'. Qui ci vuole Paperinik. Sempre il migliore !!
            O anche meglio: Shpalman!!!!E superciuck ? Vogliamo mica lasciarlo indietro ?
Chiudi i commenti