Microsoft regala tool agli studenti

Il big di Redmond ha avviato un programma riservato agli universitari che permette loro di ottenere gratuitamente licenze di Visual Studio e altri tool di sviluppo

Redmond (USA) – Con la consapevolezza che molti degli studenti che oggi utilizzano i suoi tool di sviluppo domani potrebbero diventare clienti (paganti) dei suoi prodotti, Microsoft ha avviato una nuova iniziativa, chiamata DreamSpark , che prevede l’accesso gratuito a Visual Studio 2008 ed altri tool da parte degli studenti universitari di USA, Europa e Cina.

Tra gli strumenti messi a disposizione da Microsoft agli studenti vi sono Expression Web e XNA Studio, rispettivamente dedicati alla progettazione di siti e servizi Web e allo sviluppo di giochi e applicazioni per Xbox 360. Gli studenti possono poi ottenere copie gratuite di Windows Server e del database SQL Server.

Va detto che gli studenti possono già accedere a licenze scontate di molti software venduti da Microsoft, e scaricare le edizioni “express”, gratuite ma limitate, di prodotti come Visual Studio. Quelle ora offerte dal big di Redmond sono invece copie integrali dei propri software, nell’edizione standard.

Nel corso dell’anno, Microsoft conta di estendere il proprio programma anche ad altri paesi e agli studenti delle scuole primarie superiori, raggiungendo in totale circa un miliardo di ragazzi.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • anbra edo scrive:
    code tv satelitare
    sono disponibile i codici del decoder teley
  • Efrem X scrive:
    Non serve, anzi, è pericoloso...
    Così com'è concepito, è IMHO un provvedimento pericoloso: il fatto di avere un PIN per poter accedere ai numeri a sovrapprezzo farà sì che chi si dovesse trovare in bolletta chiamate mai effettuate non possa contestarle, perché semplicemente gli diranno: dal momento che serve il PIN, vuol dire che tu lo hai digitato e se lo ha fatto qualcun altro, era tua responsabilità impedire che altri ne venissero a conoscenza.L'unico provvedimento serio sarebbe il blocco totale, con lo sblocco da attuare solo su esplicita richiesta scritta firmata del cliente.
    • umberto scrive:
      Re: Non serve, anzi, è pericoloso...

      L'unico provvedimento serio sarebbe il blocco
      totale, con lo sblocco da attuare solo su
      esplicita richiesta scritta firmata del
      cliente.Concordo pienamente, era pratica da adottare fin dall'inizio anche per tutte le altre numerazioni inventate per "far cassa", vedi i vecchi 144, poi i 166, 899, 892 eccetera, con l'aggiunta del pin necessario ad ogni utilizzo. Tanto, fare un numero di 12 cifre ed uno di 16 (4 di pin+il numero da chiamare), non cambia molto.
  • Renee scrive:
    che diavolo c'entra T.I.
    Una cosa che non capisco è perchè diavolo l'Aduc ce l'ha tanto con Telecom che c'entra come il cavolo a merenda nel senso che fa solo da esattore perchè qualsiasi altro gestore non può indirizzare tali chiamate sulle proprie reti a meno chè non si parli di ull. Non solo ma si ricordi che ci sono degli archi di numerazioni assegnate ad altri gestori e fra questi la maggior parte sono non certo di Telecom, ma è tanto facile dare la colpa a qualcuno per default, non ci si deve sforzare le celluline grige...
    • trikketrakk e scrive:
      Re: che diavolo c'entra T.I.
      perche appunto facendo da esattore si potrebbe configurare ilreato di concorso in truffa..datoche dialer satellitare rubano soldi ai clienti ,o perlomeno favoreggiamento..peche non e elsacom che manda la bolletta o la fattura=perche cosi tutte le denunce di truffa avrebbero dove essere spediate e l uffici legale di Elsacom sarebbe sommerso
    • pazzoperfor za scrive:
      Re: che diavolo c'entra T.I.
      eccome se centra l'ex monopolista! ha oltre il 65% del mercato in mano ed il 100% degli incassi di numerazioni a valore aggiunto! quindi? l'ex monopolista perde traffico telefonico a favore dei competitor e per "rifarsi" chissà mai perchè incassa delle commissioni per l'incasso delle numerazioni a valore aggiunto. ma questo lei come lo definisce? il gettare fango sull'ex monopolista è più che legittimo caro lei. comunque più che fango bisognerebbe far tornare la gestione della rete in mano a tutti gli italiani e dare all'ex monopolista la sola facoltà della commercializzazione, scommettiamo salta? buon preseguimento.
  • luigi scrive:
    sono felicissimo
    che finalmente si faccia qualcosa a favore del cittadino indifeso. Spero inoltre che questi truffaldini non trovino altre soluzioni per continuare a rubare senza pagare nulla alla giustizia.
    • Giocatore110 scrive:
      Re: sono felicissimo
      Le troveranno, è questo il problema, sai quanti tizi credono veramente ai magotti della TV (o alle centraliniste delle linee erotiche...).
      • Guido La Vespa scrive:
        Re: sono felicissimo
        Si è vero, fatta la legge trovato l'inganno.Purtroppo quello che è più preoccupante sono i tempi di risposta di fronte ad una nuova truffa. Passano mesi a volte anni prima che qualcuno si smuova.
  • GRILLETTO PRONTO scrive:
    wtf
    MA andate a fanculo
  • aghost scrive:
    E ci voleva tanto, imbecilli
    15 anni di rapine agli utenti, di tosature di massa legalizzate: quanti milioni di euro sono stati succhiati ai consumatori con le bolette gonfiate? Nessuno lo sa, ma anche un bambino di terza elementare aveva capito perfettamente quel che l'Authority ha capito dopo 15 anni: e cioè che bastava inibire a priori le numerazioni a tariffa maggiorata per stroncare il vergognoso fenomeno sul nascere.Ma siccome il "businsess" era ricchissimo tutti hanno finto di guardare da un'altra parte. Ora vediamo se si escogiteranno le solite furberie per aggirare l'ostacolo.http://aghost.wordpress.com/
  • Antonio Mela scrive:
    Finalmente!
    E' da 15 anni (da quando sono spuntati i famigerati 144, seguiti poi dagli 166, i 709 e gli 899) che viene continuamente denunciata la truffa delle tariffazioni a valore aggiunto (che han si portato tanta grana nelle casse dello stato con le licenze, ma che han anche prosciugato le tasche di molte persone ignare ed estranee): finora l'agcom è sempre stata a guardare, che la marea sia cambiata da quando è possibile la class action, o è solo una coincidenza?Adesso bisognerà vedere che si inventeranno i potenziali truffatori per aggirare l'ostacolo...
    • rockroll scrive:
      Re: Finalmente!
      Se l'ex monopolista TLC non fosse stata colpevolmente connivente e compartecipe, non saremmo mai arrivati a queste assurde estorsioni legalizzate (ovvero tollerate almeno fin'ora).
    • trikketrakk e scrive:
      Re: Finalmente!
      il trucco e che i numeri truffa cambiano sempree sono sempre nuovi...inibisci alcunima ne spuntano altri trikke e trakke
Chiudi i commenti