Microsoft: sempre meno Flash su Edge

Con il Creators Update il browser di Redmond offrirà un'ulteriore spinta a HTML5. Il caricamento di Flash sarà opzionale, salvo alcune eccezioni

Roma – Microsoft procede sulla strada già tracciata della deposizione di Flash a favore di HTML5, e lo fa annunciando che il browser Edge, con il Creators Update, bloccherà di default la maggior parte dei contenuti gestiti attraverso il plugin Adobe, affidando agli utenti la scelta di abilitarlo o meno.

Contenuto Flash bloccato

Già dall’Anniversary Update di luglio il browser Edge confina i contenuti Flash considerati secondari, come l’advertising, nella modalità “click-to-play”. Per incoraggiare gradualmente la transizione allo standard HTML5, il prossimo aggiornamento prevede ulteriori restrizioni: se il sito visitato supporta pienamente HTML5 i contenuti Flash saranno ignorati, con il risultato di “migliorare le perfomance, la durata della batteria e la sicurezza”. Nel contesto dei siti che si affidano ancora al plugin di Adobe, Flash sarà disabilitato di default per tutti i contenuti e saranno gli utenti a decidere del suo caricamento.

Per non discriminare in maniera troppo drastica “i siti più popolari che ancora oggi dipendono da Flash” Microsoft ha previsto una whitelist costantemente aggiornata: Redmond, sulla base di un monitoraggio dell’esecuzione dei contenuti Flash mediati da Edge, sfoltirà progressivamente questa lista di eccezioni. Per tutti i siti che non rinunciano al plugin di Adobe ma non sono inclusi nelle eccezioni, gli utenti potranno stabilire le preferenze per le loro visite future, senza dover abilitare l’eventuale caricamento in ogni occasione.

È la stessa Microsoft a inquadrare la propria decisione nel percorso comune verso l’ accantonamento di Flash a favore di HTML5, intrapreso da tutti i principali browser: Google, con la versione 55 di Chrome, sta cominciando la disabilitazione di default del player Adobe; Apple, sospettosa nei confronti di Flash dai tempi di Jobs , ha decretato l’estromissione dei plugin per Safari e Firefox non carica i contenuti Flash secondari.

La nuova politica di Egde nei confronti dei contenuti Flash sarà implementata per gli utenti ordinari con il Creators Update, previsto per la primavera , mentre gli Insider potranno sperimentarla con il rilascio della prossima build.

Gaia Bottà

Fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ... scrive:
    regimi totalitari
    Guardia del regime: giovinotto cosa sono tutti 'sti dati a capocchia sulla tua macchina fotografica? Me stai a fa stranì!Giovinotto: nego, nego tutto.Guardia del regime: prego, si accomodi in sala tortura....Crittografia negabile LoL, tu neghi la cifratura, loro ti negano la libertà e sei fortunato se non ti torturano.
    • xte scrive:
      Re: regimi totalitari
      Possono farlo con 1, 10, 100 non con tutti. Chi si oppone ad un regime lo mette in conto. La crittografia negabile permette appunto di negare: ti torturano e tu confessi e fornisci chiavi con acXXXXX a dati magari anche un po' compromettenti ma fino a un certo punto, il punto della crittografia negabile è che non si può veramente sapere quanti dati ci sono, gli strati di falso sono in numero a piacere
  • xte scrive:
    L'ignoranza è endemica e pandemica
    Primo non si può a priori considerare affidabile qualcosa prodotto da una specifica azienda: un prodotto open (non come mero codice pubblico ma come community) può avere una certa affidabilità poiché chi lo sviluppa sono n soggetti diversi, di paesi diversi, con idee diverse ecc. Quindi la petizione dovrebbe essere: "care aziende non vogliamo più firmwire proprietari, vogliamo camere, smartphones ecc con un ferro base a secifiche pubbliche sul quale installare quel che ci pare come, più o meno, accade coi PC".Seconda cosa non è la mera cifratura che serve quanto la cifratura negabile (scattate foto non compromettenti ed altre compromettenti, se avviate con una certa "password" si vedono solo le prime, altrimenti anche le altre e non c'è modo di sapere cosa realmente contenga il volume cifrato) per chi volesse qualche chiave di ricerca: "deniable encryption", su GNU/Linux vi sono alcuni fs su FUSE che la supportano da anni per chi volesse provare.Il primo punto comunque è fondamentale: non si può considerare affidabile nessuna scatola chiusa.
  • trollite scrive:
    facile no?
    Basta fare come suggerisce il bertuccia: usare iphrochone per scattare le foto, critto di default e via.
  • prova123 scrive:
    Niente è più nascosto
    di quello che non esiste ...
  • Fasano scrive:
    Inutile
    In effetti, la prima cosa che viene in mente in un "regime totalitario" se ti beccano con una reflex criptata come minimo te la sequestrano a priori, e se ne sbattono altamente di quello che c'è dentro, e anzi, se la rivuoi devi mostrare i contenuti.
  • urlik scrive:
    la stupidera stupisce
    Come dice giustamente banda rotta, avere foto criptate è la garanzia di essere trattati da terroristi già al momento del fermo.E se non dovessero avere la password, sarebbero davvero cavoli amari.Una soluzione così idiota da rendere perplessi sull'intelligenza dei fotografi.Quanto al sistema satellitare, in molti paesi è proibito averne uno, e quali saranno mai questi paesi?Tuttavia è il sistema migliore, potendolo usare.Esclusi i pizzini, ovviamente; quelli non li batte nessuno.
    • Antonio scrive:
      Re: la stupidera stupisce
      Basterebbe usare un sistema di crittografia negabile, come faceva il mitico truecrypt
      • urlik scrive:
        Re: la stupidera stupisce
        Uso Truecrypt da molti anni e non mi ha mai tradito.Purtroppo però ormai non c'è verso di nasconderne le tracce, neppure in volumi annidati.Il bello e il brutto del progresso tecnologico.
  • panda rossa scrive:
    E che cosa credono di risolvere?
    Vanno nei regimi totalitari a fotografare con una ipotetica fotocamera che cripta le foto.La polizia li preleva, sequestra il materiale, vede che le foto sono criptate e gli dice: "Ci scusi, pensavamo che ci fossero foto in chiaro compromettenti, ma visto che ci sono solo dati criptati riprenda pure il suo materiale e torni a casa coi saluti del nostro governo."Quello che gli serve e' una fotocamera che trasmetta immediatamente le foto altrove, non che le cripti. Ed esiste gia'.
    • mementomori scrive:
      Re: E che cosa credono di risolvere?
      probabilmente nei regimi totalitari anche l'upload via internet non è una garanzia. integrare tor nelle reflex?
      • Ciccio scrive:
        Re: E che cosa credono di risolvere?
        - Scritto da: mementomori
        probabilmente nei regimi totalitari anche
        l'upload via internet non è una garanzia.
        integrare tor nelle
        reflex?Esistono le connessioni satellitari.
    • Ciccio scrive:
      Re: E che cosa credono di risolvere?
      - Scritto da: panda rossa
      Vanno nei regimi totalitari a fotografare con una
      ipotetica fotocamera che cripta le
      foto.
      La polizia li preleva, sequestra il materiale,
      vede che le foto sono criptate e gli dice: "Ci
      scusi, pensavamo che ci fossero foto in chiaro
      compromettenti, ma visto che ci sono solo dati
      criptati riprenda pure il suo materiale e torni a
      casa coi saluti del nostro
      governo."

      Quello che gli serve e' una fotocamera che
      trasmetta immediatamente le foto altrove, non che
      le cripti. Ed esiste
      gia'.Sì, nel dettaglio sarebbe opportuno che la fotocamera potesse:1) eseguire connessioni e trasferimenti cifrati.2) cancellare automaticamente i file e i log a trasferimento avvenuto, prima ancora di chiudere la connessione.
      • Il fuddaro scrive:
        Re: E che cosa credono di risolvere?
        - Scritto da: Ciccio
        - Scritto da: panda rossa

        Vanno nei regimi totalitari a fotografare con
        una

        ipotetica fotocamera che cripta le

        foto.

        La polizia li preleva, sequestra il materiale,

        vede che le foto sono criptate e gli dice: "Ci

        scusi, pensavamo che ci fossero foto in chiaro

        compromettenti, ma visto che ci sono solo dati

        criptati riprenda pure il suo materiale e torni
        a

        casa coi saluti del nostro

        governo."



        Quello che gli serve e' una fotocamera che

        trasmetta immediatamente le foto altrove, non
        che

        le cripti. Ed esiste

        gia'.

        Sì, nel dettaglio sarebbe opportuno che la
        fotocamera
        potesse:
        1) eseguire connessioni e trasferimenti cifrati.
        2) cancellare automaticamente i file e i log a
        trasferimento avvenuto, prima ancora di chiudere
        la
        connessione.Si si. E proprio quello che i governi(in questi casi non sono ne buoni, ne brutti, sono tutti uguali!)stanno cercando di EVITARE come la peste!E per farlo non si fanno problemi a tirare in ballo pedoterrosatanismo, o tutto quanto atticchisca sulle genti credulone e che vogliono più sicurezza farlocca.
        • xte scrive:
          Re: E che cosa credono di risolvere?
          Quando leggo certi commenti mi metto a ridere per non piangere: avete presente quanto pesa (in Mb) una foto (anche jpg, non raw) di una reflex moderna? Avete presenta quanta banda, quanto costa e che ber ha un connessione sat, per di più impiegabile senza parabola?I governi totalitari sono iper-entusiasti dei dispositivi connessi (strumenti per monitorare il prossimo da egli medesimo pagati e trasportati ovunque) e del cloud computing (ovvero usare computer altrui anziché risorse proprie)...Povero mondo...
Chiudi i commenti