Microsoft si schiera con il DVD+RW

Il gigante di Redmond assume un ruolo più attivo nella guerra fra formati DVD riscrivibili e appoggia ufficialmente il gruppo industriale che promuove il DVD+RW. Una mossa che potrebbe avere conseguenze... definitive


Redmond (USA) – Nella sanguinosa guerra che si combatte sul mercato dei DVD riscrivibili Microsoft ha deciso di prestare le sue bocche da fuoco alla fazione che fa capo a Philips e Sony, i due giganti dell’elettronica di consumo che, insieme a Dell, HP, Mitsubishi, Ricoh, Thomson e Yamaha, promuovono il formato DVD+RW.

Microsoft è infatti entrata ufficialmente a far parte della DVD+RW Alliance , il gruppo industriale che sviluppa e promuove l’omonimo standard e che si contrappone al DVD Forum , il consorzio che appoggia invece il formato riscrivibile concorrente DVD-RW.

Microsoft sembra intenzionata a promuovere i media DVD+RW come futuro sostituto dei floppy disk: questo formato, infatti, supporta lo standard Mount Rainier , una serie di specifiche sviluppate da Microsoft, Compaq, Philips e Sony per semplificare l’uso dei media riscrivibili (al momento i CD-RW) e implementare a livello di sistema operativo funzionalità di scrittura basate su drag-and-drop.

La mossa di Microsoft non arriva del tutto inattesa. Lo scorso anno, in occasione della Windows Hardware Engineering Conference, il gigante del software aveva già tradito le proprie preferenze svelando alcuni progetti relativi all’integrazione del formato DVD+RW nelle prossime versioni di Windows.

La scelta di Microsoft si contrappone a quella di Apple che, ormai da tempo, appoggia invece il formato DVD-RW.

Il grave problema derivante dalla spaccatura in due del mercato è dato dal fatto che normalmente i drive DVD-RW non scrivono i dischi DVD+RW e viceversa. Una soluzione parziale all’incompatibilità fra i due formati è arrivata solo di recente con la comparsa sul mercato dei primi drive multiformato in grado di leggere e scrivere entrambi i tipi di media.

La partecipazione attiva di Microsoft all’interno del gruppo di aziende che supporta il formato DVD+RW sembra decisamente far pendere l’ago della bilancia a favore di quest’ultimo standard: questa mossa, secondo gli analisti, potrebbe infatti rivelarsi determinante per decidere un vincitore fra le due fazioni in guerra. Non è del resto un mistero come l’inclusione o meno in Windows di una tecnologia possa decretarne il successo o il fallimento: lo sa bene Sun che, proprio in questi mesi, sta tentando, attraverso una costosa battaglia legale , di riportare Java all’interno del sistema operativo di Microsoft.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ennio Filippetto scrive:
    Spam a pagamento su telefono mobile
    Ricevo inavvertitamente MMS di tutti i tipi e inavvertitamente sul relefonino ,(fermo restando che ho configurato il telefonino per ricevere mms/sms ma di quelli che devo conoscere,speravo e a pagamento se accetto).Ho constatato che mi vengono addebitate euro 0,60 cd.Ho interpellato l'assistenza tecnica Tim ,mi hanno risposto di andare in un centro Nokya(marca del mio telefonino) e formattare il telefonino per non ricevere più questi mms indesiderati.Mi sento preso in giro..............e non è possibile che non ci sia un controllo su questo lucro.
  • De Bello Vincenzo scrive:
    privacy protezione dari
    Buonasera in serata o ricevuto una chiamata da tele2 sul elenco telefonico non appaio il mio numero chiedo la mia privicy sulla protezie dei mie dati riferito al numero.
  • Anonimo scrive:
    SiG. GARANTE, E INFOSTRADA/WIND?
    Bene per quanto riguarda la tutela della privacy. Ma il garante potrebbe controllare che ca.....volo sta succedendo con la storia dell'ultimo miglio? Perchè non viene definitivamente verificato quanto si presume circa la promessa del distacco da Telecom: è solo una maxioprazione commerciale per ampliare l'utenza di Wind. Perchè non vengono resi pubblici, trattandosi di servizio pubblico, i dati relativi al numero di quanti hanno firmato il contratto Canone zero e di quanti distacchi da Telecom sono stati effettivamente effettuati? Sig Garante, pretenda da Telecom e da Infostrada per questa vicenda più trasparenza. Resto in fiduciosa (?) attesa.
  • Anonimo scrive:
    Non e' illegale??????????
    Chiamare qualcuno al telefono e proporgli un servizio a pagamento??????????????????
  • Anonimo scrive:
    Bene, ora un altro piccolo sforzo:
    abolire una volta per tutte l'attivazione predefinita delle numerazioni "a spennamento aggiunto", senza le furbate di spostarle ad altri numeri quando quelli di prima vengono colpiti (144, poi 166, poi 899, poi 709...), e comunque a permetterne la disabilitazione definitiva e gratuita.Così si può iniziare a parlare di tutela dell'utente telefonico...Forza, Garante, vediamo se ci tieni all'utente o ci tieni a farti bello.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bene, ora un altro piccolo sforzo:
      - Scritto da: Anonimo
      abolire una volta per tutte l'attivazione
      predefinita delle numerazioni "a spennamento
      aggiunto", senza le furbate di spostarle ad
      altri numeri quando quelli di prima vengono
      colpiti (144, poi 166, poi 899, poi 709...),
      e comunque a permetterne la disabilitazione
      definitiva e gratuita.

      Così si può iniziare a parlare di tutela
      dell'utente telefonico...

      Forza, Garante, vediamo se ci tieni
      all'utente o ci tieni a farti bello......e cmq permettergli se lo vuole, di riabilitare i suddetti numeri altrettanto gratuitamente, permettergli di leggere IN CHIARO sul Dettaglio Traffico i numeri degli utenti a cui telefona (visto che paga lui utente la bolletta), e poi.......è un mare di fregature
  • Anonimo scrive:
    Bene così
    Sono lieto che il Garante si muova in questa direzione di una maggiore tutela della privacy per il comune utente telefonico, sia fisso che mobile.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bene così
      - Scritto da: Anonimo
      Sono lieto che il Garante si muova in questa
      direzione di una maggiore tutela della
      privacy per il comune utente telefonico, sia
      fisso che mobile.E' sempre stato così: nNon vedo cosa sia cambiato.Qualsiasi utente ha sempre potuto evitare che i suoi dati venissero stampati sulla guida telefonica per la privacy... :-(((Ciauz!
Chiudi i commenti