Microsoft sperimenta data center sottomarini

Per agevolare il raffreddamento e sfruttare le correnti marine come fonte di energia, Redmond, con Project Natik, ha messo alla prova un data center immerso nelle acque dell'oceano

Roma – A poca distanza dalle coste in prossimità delle quali sono localizzate la maggior parte delle aziende, alimentati da energie rinnovabili: Microsoft immagina il futuro dei data center al di sotto della superficie del mare, e con Project Natick ha iniziato a raccogliere i primi risultati delle proprie sperimentazioni.

Leona Philpot

A partire dal 2013 e dall’idea di un dipendente che aveva operato con i sommergibili della marina militare statunitense, Microsoft ha dato il via al progetto sviluppando il prototipo Leona Philpot: battezzata come un personaggio di Halo, la capsula di acciaio contenente un singolo rack mantenuto a temperatura da un sistema di raffreddamento a base di azoto sotto pressione, è stata immersa nel corso della scorsa estate a circa un chilometro dalle coste della California, a una decina di metri sott’acqua. Ripescata nel mese di dicembre, avviato l’attento monitoraggio dei dati raccolti dalla miriade di sensori con cui era equipaggiata, Redmond ha presentato l’esperimento come un’idea promettente.

Progettata per durare 20 anni senza bisogno di intervento umano, con sostituzioni dell’hardware programmati in cicli di 5 anni, la capsula è costituita da materiale riusabile e riciclabile. Ma il ridotto impatto ambientale non si esaurisce qui: oltre ad offrire l’opportunità di ottimizzare i meccanismi di raffreddamento senza influire sull’habitat marino, l’ambiente in cui è immersa la capsula permetterà di sfruttare l’energia delle correnti per alimentare le macchine che contiene.

L’ambiente scelto da Microsoft, inoltre, agevola anche sul fronte delle performance. Coloro che fanno affidamento sui servizi cloud, in particolare le aziende, hanno spesso una base nelle vicinanze delle coste: la prossimità fisica dei server contribuisce a ridurre i tempi di latenza, osserva Redmond.

Per il momento Project Natick è nelle fasi iniziali di sperimentazione; nel prossimo futuro, a partire dal prossimo anno, i ricercatori di Microsoft pianificano di sviluppare capsule più grandi di quattro volte rispetto a Leona Philpot.

Gaia Bottà

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • spione industrial e scrive:
    vogliamo spiare chi ha i soldi
    " difficilmente la crittografia end-to-end (che mette le password di acXXXXX completamente nelle mani dell'utente) verrà adottata in maniera massiccia dalle aziende ".PeToterrosfatalismo un ciufolo!
  • sandrin scrive:
    è una
    cit. è una cagata pazzesca
  • wadermirk scrive:
    allodole e polli
    " quindi l'intelligence del futuro avrà dati in abbondanza per spiare, intercettare, analizzare e indagare a destra e a manca ".Spieranno infatti i dati di persone comuni, mentre i pedoterrosatanisti useranno altri sistemi per comunicare.Si può stare sicuri che quando le "autorità" limitano qualcosa, è perché qualcos'altro gli sfugge.Una specie di strabismo regolamentativo, dovuto all'esigenza di mostrare che si sta facendo qualcosa.Esigenza slegata dalla soluzione del problema, che è la tipica maniera di vedere il mondo del politico, a cui non interessa risolvere i problemi ma osservare quale movimento mediatico viene provocato dalla sua azione.
  • sandro allegretti scrive:
    sono protetti, la crittografia non serve
    http://paolofranceschetti.blogspot.com/2011/06/che-fine-fanno-i-100000-bambini-l anno.htmlnon hanno bisogno di Tor e di nascondersi. sono ben protetti, si danno appuntamento in qualche luogo, si conoscono, ein pubblico fanno fitna di non essersi mai visti. gente con la doppia vita. bene diverso da qualche pedo-satanista anonimo che si scambia materiale su internet con qualcun altro
    • puledrina scrive:
      Re: sono protetti, la crittografia non serve
      - Scritto da: sandro allegretti
      http://paolofranceschetti.blogspot.com/2011/06/che

      non hanno bisogno di Tor e di nascondersi. sono
      ben protetti, si danno appuntamento in qualche
      luogo, si conoscono, ein pubblico fanno fitna di
      non essersi mai visti. gente con la doppia vita.
      bene diverso da qualche pedo-satanista anonimo
      che si scambia materiale su internet con qualcun
      altroSi ma questi link inutili a che servono?
Chiudi i commenti