MIT: bugfix con trapianto di codice

I ricercatori del prestigioso istituto statunitense propongono di riciclare il codice di software terzi per risolvere bug nel sorgente fallato

Roma – I ricercatori del Massachusetts Institute of Technology (MIT) hanno studiato un modo per riparare automaticamente i bachi nel software per computer, una procedura in grado di “trapiantare” un pezzo di codice da un programma funzionante e di sostituirlo a quello malfunzionante – senza nemmeno toccare il codice di quest’ultimo.

Il tool si chiama CodePhage , e a quanto pare è in grado di modificare il codice che non funziona anche se quello di arrivo è stato scritto con un linguaggio di programmazione completamente diverso. Il “patchwork” risultante ha un unico obiettivo, vale a dire risolvere un baco responsabile del crash del software originario.

Dopo aver scoperto uno di questi bug, spiegano i ricercatori , CodePhage si mette alla ricerca di un possibile bugfix all’interno del codice sorgente degli altri software presenti online: l’individuazione del bugfix da trapiantare nel software originale avviene per tentativi, e ogni volta il tool testa la funzionalità della possibile soluzione senza intaccare il programma da correggere.

L’obiettivo a lungo termine di un esperimento come CodePhage, sostengono gli autori, è di riciclare tutto il codice sorgente che è stato scritto senza dover per questo “reinventare la ruota” ricreando soluzioni già esistenti per gli stessi bug.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti