Monta l'hype per il Galaxy S IV

A meno di dieci giorni dal lancio del nuovo smartphone Samsung circolano benchmark lusinghieri e indiscrezioni fantasiose. Compresa una tecnologia in grado di permettere il controllo del telefono con solo il movimento degli occhi

Roma – La presentazione ufficiale del Samsung Galaxy S IV è prevista per il prossimo 14 marzo, a New York, e nell’attesa circolano le prevedibili indiscrezioni su caratteristiche e funzionalità del nuovo smartphone. Che saprà stupire, e non necessariamente (o non solo) per i componenti hardware integrati.

Apparentemente, una delle novità più significative del nuovo esponente della linea Galaxy sarà una capacità chiamata “eye scrolling”: il telefonino, dice una fonte interna a Samsung consultata dal New York Times , sarà dotato di sensori deputati al tracciamento in tempo reale degli occhi dell’utente, con pagine Web e altri contenuti (testuali e non) che potranno essere sfogliati e controllati direttamente attraverso i movimenti dei bulbi oculari. A corroborare l’indiscrezione ci sarebbero un paio di marchi richiesti da Samsung in Europa (“Eye Scroll”) e negli USA (“Samsung Eye Scroll”), mentre il quotidiano statunitense chiama direttamente in causa una startup (Tobii) al lavoro su questo genere di tecnologia grazie ai generosi (e ovviamente interessati) finanziamenti di Intel.

Secondo quanto sostiene The Next Web , invece, piuttosto che da Tobii la tecnologia di tracciamento oculare di Samsung proverrebbe da una società israeliana chiamata Umoove: l’azienda sarebbe in contatto con alcuni produttori di smartphone – quindi non solo Samsung – per l’integrazione di questa nuova capacità nelle prossime generazioni di smartphone.

Che si tratti di indiscrezioni prive di fondamento o anticipazioni legittime, la supposta tecnologia “eye scroll” di Samsung fa discutere, e non necessariamente in positivo: l’idea di “liberare” l’utente telefonino-dipendente dalla necessità di “toccare” lo schermo per interagire con una interfaccia non è nuova, ma è parecchio improbabile che il software attualmente disponibile sia sufficientemente “intelligente” da riuscire a filtrare gli eventuali comandi consapevoli dai movimenti oculari casuali.

Eye scroll e componente “software” a parte, Galaxy S IV pare farà faville anche dal punto di vista dell’hardware: le indiscrezioni parlano di uno schermo Super AMOLED da 5 pollici con risoluzione Full HD, fotocamera da 13 Megapixel, 2 Gigabyte di RAM e OS Android 4.2, mentre i primi benchmark ufficiosi testimonierebbero la notevole potenza del gadget in relazione ai terminali già disponibili sul mercato, tutti rigorosamente “stracciati” dall’accoppiata CPU+GPU (Exynos 5410+PowerVR SGX 544MP) del nuovo Galaxy.

Piuttosto che rilasciare commenti in merito alle indiscrezioni, infine, Samsung si limita a pubblicare un bizzarro teaser video in attesa del 14 marzo: Galaxy S IV rivoluzionerà tutto, naturalmente, e il messaggero di tale rivoluzione sarà un bambino biondo con un pacco super-segreto da aprire a beneficio del mondo di qui a una settimana.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Silvio Dante scrive:
    900k posti di lavoro...
    tutti in nord europa naturalmente
  • thebecker scrive:
    Startup Europe e Italia
    Scomettiamo che le nostre italiche "Imprese digitali" cercheranno di intascarsi solamente eventuali contributi UE facendo il minimo possibile!Preferisco che non arrivano contributi a pioggia dall'UE prima deve cambiare la testa degli italiani!Decenni di contributi UE e crescono di più alcuni paesi dell'est rispetto all'Italia e poi ci rendiamo ridicoli dando la colpa ai "cattivi" tedeschi, francesi, inglesi. Ma guardiamo il nostro paese, cosa abbiamo fatto noi per avere una posizione di rilievo in europa, Niente! Stiamo svendendo anche quelle che erano le nostre eccellenze!
    • tucumcari scrive:
      Re: Startup Europe e Italia
      - Scritto da: thebecker
      Scomettiamo che le nostre italiche "Imprese
      digitali" cercheranno di intascarsi solamente
      eventuali contributi UE facendo il minimo
      possibile!
      Preferisco che non arrivano contributi a pioggia
      dall'UE prima deve cambiare la testa degli
      italiani!

      Decenni di contributi UE e crescono di più alcuni
      paesi dell'est rispetto all'Italia e poi ci
      rendiamo ridicoli dando la colpa ai "cattivi"
      tedeschi, francesi, inglesi. Ma guardiamo il
      nostro paese, cosa abbiamo fatto noi per avere
      una posizione di rilievo in europa, Niente!
      Stiamo svendendo anche quelle che erano le nostre
      eccellenze!Cosa ti aspetti da un paese che pur avendo il numero più basso di laureati tra gli OCSE non solo non ne importa ma li esporta?Vorrà (purtroppo) pur dire qualcosa questo dato.... non credi?
Chiudi i commenti