Mozilla annuncia una fuga di dati, di nuovo

Per la seconda volta in un mese ci sono email e password su un server pubblico. La Foundation si scusa, promette policy migliori e avvisa tutti gli utenti coinvolti

Roma – È successo di nuovo: email e password ( cifrate ) di 97mila utenti di uno dei server del progetto Bugzilla, ospitato da Mozilla, sono finite in una directory pubblica e potenzialmente a disposizione di chiunque per tre mesi. Si è trattato di un incidente , la segnalazione del problema è giunta grazie alla scoperta di quanto accaduto da parte di uno sviluppatore , e la reazione dei tecnici è stata immediata. Ora si tratterà solo di avvisare tutti e di cambiare un bel po’ di password.

Il server interessato è quello che fa riferimento alla url landfill.bugzilla.org : nel corso di una migrazione prevista dal piano di riorganizzazione, voluto dalla Foundation proprio per meglio gestire le informazioni a lei affidate nell’ambito dei progetti interni e di quelli esterni ospitati sui suoi server, la copia del database contenente i dati di accesso degli utenti è stato piazzato nel posto sbagliato. L’incidente sarebbe avvenuto il 4 maggio scorso , dunque per 3 mesi circa i dati sono restati in un punto potenzialmente accessibile da chiunque.

La situazione non è tragica, a detta di Mozilla: nel blog post a cui è stata affidata la disclosure dell’incidente viene spiegato che gli utenti di quel server sono generalmente consapevoli del fatto che quello offerto su landfill.bugzilla.org è un servizio sperimentale e pertanto la password da loro impiegata non dovrebbe essere uguale a quella utilizzata altrove. In ogni caso, per evitare problemi, tutti coloro interessati dalla potenziale fuga di dati sono stati contattati per invitarli a prendere provvedimenti, e le password utilizzate su Landfill tutte azzerate.

Già a inizio agosto Mozilla aveva informato il pubblico di un avvenimento analogo avvenuto sui propri server, anche se in quel caso le utenze compromesse erano state solo 76.000.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • eheheh scrive:
    i robot non imparano
    vengono programmati a fare questo e quelloe poi come fa un drone ad imparare ad impastare il pane
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: i robot non imparano
      - Scritto da: eheheh
      vengono programmati a fare questo e quelloPossono però adattare il loro comportamento a situazioni nuove, non previste dalla programmazione originaria, e memorizzare tali adattamenti nel caso in cui si trovassero di nuovo nella stessa situazione; questo si chiama imparare.
  • Gigio scrive:
    Robot utili
    " Certo al momento lo stato dell'arte è fermo ai compiti più semplici come versare un liquido in una tazza, portare buste in una stanza e individuare un mazzo di chiavi... "...distruggere navi, aerei, automobili e case, uccidere esseri umani, spiare dal cielo, dal mare e da terra...Robot sempre più scafati.Già, già, ne sentiamo proprio la mancanza...
    • ndr scrive:
      Re: Robot utili
      - Scritto da: Gigio
      " Certo al momento lo stato dell'arte è fermo
      ai compiti più semplici come versare un liquido
      in una tazza, portare buste in una stanza e
      individuare un mazzo di
      chiavi... "
      ...distruggere navi, aerei, automobili e case,
      uccidere esseri umani, spiare dal cielo, dal mare
      e da
      terra...
      Robot sempre più scafati.
      Già, già, ne sentiamo proprio la mancanza...Assemblare automobili, disinnescare ordigni, pilotare in assenza di visibilità, cercare superstiti tra le macerie, esplorare altri pianeti, ...
  • paolinux scrive:
    quanto manca
    affinchè apprendano che la razza umana E' il virus?loole sticaxxi pure
Chiudi i commenti