MS pronta a sostituire le Xbox graffia-DVD

Ma per il momento solo in Giappone dove, a quanto pare, le proteste sono state più accorate. Saranno sostituite tutte le unità difettose ed i DVD danneggiati


Tokyo (Giappone) – Secondo quanto riportato da Reuters, sarebbero in continuo aumento gli utenti giapponesi di Xbox a lamentare il fatto che la console di Microsoft graffia i DVD. Un problema che a quanto pare si era già manifestato, pur se in misura trascurabile, anche sul mercato americano.

La scorsa settimana Microsoft sostenne che il problema troverebbe origine nel non corretto inserimento o caricamento del disco nel drive e che, in ogni caso, i piccoli graffi che ne possono derivare non inficiano in alcun modo il gioco né abbreviano la durata dei DVD. Di conseguenza, il big di Redmond dichiarò di non essere intenzionata a richiamare la propria console dal mercato.

In Giappone, dove Microsoft deve fare assolutamente bella figura per sperare di competere con i colossi di casa, il big di Redmond ha fatto sapere che è pronta a sostituire incondizionatamente l’hardware difettoso ed ogni DVD danneggiato: questo a causa del fatto che – come scrive Reuters – Microsoft avrebbe “trovato, sui dischi, alcuni graffi che non trovano spiegazione”.

Microsoft ha tenuto a precisare, al contrario di quanto è stato riportato un po’ frettolosamente da vari media, che non si tratta di un ritiro generalizzato del prodotto: il difetto in questione, infatti, non influenzerebbe in alcun modo le funzionalità di Xbox.

?In merito alla notizia diffusa via ANSA quest?oggi? – ha affermato ieri in un comunicato Fabio Falzea, Direttore Corporate Marketing Microsoft Italia – ?ci preme precisare che è normale e prevedibile che, su un ampio numero di prodotti venduti, una marginale percentuale di questi possa presentare qualche difetto tecnico. Essendo la soddisfazione del cliente al centro dell?attenzione di Microsoft, i servizi Customer Care Microsoft in tutto il mondo sono in grado di riparare o sostituire qualsiasi prodotto si manifestasse effettivamente malfunzionante?.

Sebbene Microsoft non abbia ancora rilasciato stime ufficiali, alcune fonti sostengono che durante i primi tre giorni del lancio giapponese , avvenuto il 22 febbraio, sarebbero state vendute circa 125.000 console.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Cercasi iniziativa valida per constrastare la BSA
    Come da subject...
  • Anonimo scrive:
    Legge Assurda esagerata nelle pene
    Sembra una legge stalinista:come si può condannare fino a 8 anni chi masterizza dei CD?Si arriva alla situazione paradossale che rubare è meno rischioso di fare una copia "domestica".E poi che necessità c'era di sostituire LUCRO con PROFITTO????
  • Anonimo scrive:
    Non copiate software: falsificate i bilanci...
    Non copiate software, falsificate i bilanci e corrompete i giudici, possibilmente con i fondi crati all'estero tramite i bilanci truccati. Questi non sono più reati...
  • Anonimo scrive:
    Non basterebbero le carceri!
    E' incredibile da 1 a 8 anni!Chi e' che non ha qualche cd copiato?Ecco, in Italia siamo tutti passibili di galera!
  • Anonimo scrive:
    passare a so free
    fate presto a suggerire di passare a linux,io sarei felice di farlo.premetto pero' che uso il cp da due anni ,ho 70 anni e nelle mia piccola cittadina e dintorni fino al capoluogo di provincia ho trovato solo corsi wind.molti spingono per linux,ma se volete aiutarci bisognerebbe che ne organizzaste l'apprendimento.grazie
  • Anonimo scrive:
    Ma questi giudici...
    Se davvero con la nuova legge accadrà questo:"Subirà un processo penale il minorenne che duplicherà un gioco dall'amico, lo studente che duplicherà un programma di ricerca," sono il primo a dire che va cambiata.Ma vorrei davvero sapere quanta grappa aveva bevuto quel:"...Giudice di Bologna, che nel 1998 assolveva un imprenditore nella cui azienda erano stati utilizzati software duplicati abusivamente..."Mi volete cortesemente spiegare chi diavolo debba pagare il software, se anche le aziende che lo usano non sono obbligate a farlo???Se da una parte comprendo e giustifico la pirateria "casalinga" (leggi: un ragazzino che usa una copia di Word per una ricerca scolastica), dall'altra NON comprendo e NON giustifico un'azienda che, pur avendo disponibilità per acquistare sw originale, ricorre a materiale pirata.mARCOs
  • Anonimo scrive:
    Un GRANDE Giudice
    Date una occhiata qui http://www.andreamonti.net/it/jus/strm010215.htm.
  • Anonimo scrive:
    La soluzione, per il software è l'opensource.
    Ma a quanto vedo, a molti di voi piace essere legati alle grandi software house copiando il loro prodotti e lamentandovi di quanto può costare un software. Nessuno parla di servizi extra che si acquistano con una licenza, quali assistenza etc;a dire il vero leggendo (quanti l'hanno letta?) la licenza di un qualsiasi prodotto Microsoft si capisce come l'utente sia lasciatao solo di fronte ai malfunzionamenti e ai crash...Oltre al prezzo, che per qualcuno puo' non essere un fattore discriminante, a volte vale la pena di ricordare che l'opensource è, per forza di cose molto più stabile, flessibile e rispettoso della privacy dei sistemi closed source ai quali si applica la legge in questione.
    • Anonimo scrive:
      Re: La soluzione, per il software è l'opensource.
      Io sono d'accordo con ciò che dici, ma guarda che le stesse cose sono state dette precedentemente in molti post. Repetita Juvant, ma non ci accusare di lamentarci solo del prezzo perchè non è vero...
    • Anonimo scrive:
      Re: La soluzione, per il software è l'opensource.
      - Scritto da: ors
      Ma a quanto vedo, a molti di voi piace
      essere legati alle grandi software house
      copiando il loro prodotti e lamentandovi di
      quanto può costare un software. Nessuno
      parla di servizi extra che si acquistano con
      una licenza, quali assistenza etc;
      a dire il vero leggendo (quanti l'hanno
      letta?) la licenza di un qualsiasi prodotto
      Microsoft si capisce come l'utente sia
      lasciatao solo di fronte ai malfunzionamenti
      e ai crash...
      Oltre al prezzo, che per qualcuno puo' non
      essere un fattore discriminante, a volte
      vale la pena di ricordare che l'opensource
      è, per forza di cose molto più stabile,
      flessibile e rispettoso della privacy dei
      sistemi closed source ai quali si applica la
      legge in questione.La questione e' diversa, si contesta la definizione di reato, dare dai 6 mesi ai 3 anni per duplicazione e/o detenzione e' una cosa assurda. Che pena si dovrebbe dare per una rapina? 20 anni facendo una proporzione.La nostra colpa e' che abbiamo lasciato apporovare una legge vessatoria senza parlare e ora paghiamo la nostra stoltezza.Ora dobbiamo solo farci sentire e mobilitarci per far ritornare questa legge in binari piu' "civili".
  • Anonimo scrive:
    NON CI POSSO ARRESTARE TUTTI !!!!
    Copiate tutti tanto non ci possono fare un cazzo perchè NOI siamo il popolo e il popolo ha il potere nelle democrazie !!!! Signori padroni di software house (m$) e case discografiche: tagliate i prezzi dei vostri prodotti e taglierette la pirateria.Se non vi piace mettetevi una bottiglia in culo e andate a correre!
  • Anonimo scrive:
    Aiuto ! Sono un criminale !!
    Secondo questa nuova legge io sono un criminale pericolosissimo.. Ditemi un po', per quali tipi di reati si prevedono pene simili ? (una volta lessi addirittura per omicidio...)Comunque quato dimostra semplicemente come le multinazionali di software e musica abbiano comprato il governo (all' epoca in cui fu fatta la legge) o come il governo abbia ascoltato solo la loro voce, la più alta perchè finanziata da bei dollaroni.Tuttavia volevo segnalarvi un articolo comparso su questo sito qualche tempo fa : "UE/ Arriva il nuovo e-diritto d'autore" che dovrebbe darci un minimo di speranza...
  • Anonimo scrive:
    Va di male in peggio la legge sul diritto d'autore
    E' un interessantissimo articolo estratto da www.alcei.it, Associazione per la Liberta' della Comunicazione Elettronica InterattivaVa di male in peggiola legislazione italianasul "diritto d'autore" Schedature, ?pentiti? e sequestri di computer contro chi copia software. La futura legge sul diritto d?autore tratta chi usa programmi non licenziati allo stesso modo dei trafficanti di droga. A più di un anno di distanza dal comunicato Alcei "Modifiche ingiuste e incivili alla legge sul diritto d'autore" (15 marzo 1999) non solo la situazione non sta migliorando ma sono in discussione al parlamento nuove norme che peggiorano gravemente il quadro normativo. In tutto il mondo c'è un intenso dibattito sull'accettabilità di norme antiquate che favoriscono solo grandi imprese (editoriali, "discografiche", di spettacolo o di software), non giovano agli autori e vanno contro l'interesse generale. Le leggi italiane, ancora più retrive e repressive, sono in fase di assurdo e ingiustificato inasprimento. Un errore fondamentale sta nel fatto che comportamenti sostanzialmente definibili, al massimo, come violazioni di rapporti privati siano trattati come illeciti perseguibili penalmente. All'interno di questa fondamentale stortura c'è un problema terminologico che puo' sembrare un oscuro dettaglio formale ma crea una rilevante differenza. Secondo la legge in vigore, è penalmente perseguibile chi fa uso di software non registrato "per fini di lucro". Alcune sentenze avevano determinato una interpretazione "intelligente" di quella norma: cioè per "fine di lucro" si intende il commercio ma non il semplice utilizzo delsoftware. Le nuove proposte di legge contengono il termine "per trarne profitto", con l'obiettivo di forzare una definizione più estesa e perversa: cioè la perseguibilità penale del semplice utilizzo. Occorre ricordare che le pene indicate dalla legge, per fatti che al massimo potrebbero giustificare un risarcimento in denaro, sono assurdamente pesanti. Da sei mesi a tre anni di carcere - quando un omicidio colposo plurimo puo' essere punito con sei mesi di reclusione. Nella nuova legge potrebbe essere previsto qualche alleggerimento delle pene, ma comunque rimangono esagerate rispetto alla realtà dei fatti ? e al fondamentale principio che non c'è alcun ragionevole motivo per sottoporre queste materie alla disciplina penale. Occorre anche ricordare che queste assurde norme sono il pretesto più diffuso per quelle barbare ondate di sequestri di computer che resero infame l'Italia nel mondo nel 1994 e che, nonostante la dimostrata inutilità e perversità di quella procedura d'indagine, continuano a fare migliaia di vittime (spesso del tutto innocenti) anche sei anni più tardi. È preoccupante che tutte le forze politiche, così sollecite nel mettersi al servizio delle lobby di grandi interessi privati, siano perennemente disattente nell'evitare ai cittadini inutili e ingiustificate persecuzioni.
  • Anonimo scrive:
    Facciamo il punto
    Allora in vari post ho letto di gente che paventava anni di galera.... NON e' vero! Se vi beccano nel 99% dei casi vi danno un decreto penale di condanna con pena sospesa se siete incensurati, il vero problema e' che vi sporcate la fedina pensale.Vogliamo davvero che per qualche cd portarci dietro una condanna penale? io credo e ribadisco che si dovrebbe agire sul lato civile, copiare cd e' un reato di pulcinella!Perché non mobilitarci? perché lamentarci soltanto? possibile che un mezzo come internet non riesca a creare una forza per cambiare questa legge? Io sono disposto a provare, chi vuole unirsi a me?Per discutere e' aperto il seguente NG su yahoo in attesa di poter aprire un canonico NG:http://it.groups.yahoo.com/group/computer_sequestri/Non restiamo passivi, usiamo il nostro potere di cittadini sovrani, cambiare e' possibile ma bisogna volerlo.Jolly Roger
  • Anonimo scrive:
    ma vaff..
    questa serie di posts dimostra solo che l'indottrinamento dei legulei e degli altri subumani legislatori funziona (purtroppo) su molti... io spero invece che la "pirateria" software non solo prolifichi, ma porti alla bancarotta di aziende tipo ms che sono arrivate a fare software di sistema che costano più dell'hardware su cui girano (leggi: win xP e office xp).Allora W linux e il software libero e la sua sana anarchia!
  • Anonimo scrive:
    le implicazioni di questa legge.....
    "Chiunque abusivamente duplica, per trarne profitto, programmi per elaboratore o ai medesimi fini importa, distribuisce, vende, detiene a scopo commerciale o imprenditoriale o concede in locazione programmi contenuti in supporti non contrassegnati dalla Società Italiana degli autori ed editori (SIAE) è soggetto alla pena della reclusione da sei mesi a tre anni e della multa da L. 5.000.000 (2.582,28 ?) a L. 30.000.000 (15.493,71 ?)?.. Cosa è cambiato? Una parola, ovvero dal termine "lucro" - adottato nella prima versione legislativa - si è passati a quello di "profitto" posto nella normativa odierna. Conseguenza è che se con "lucro" il legislatore intendeva punire solo coloro i quali dalle condotte di duplicazione, riproduzione, vendita, ecc., traessero un vantaggio patrimoniale, con "profitto" la punibilità si estende anche a coloro che dalla duplicazione traggono un vantaggio "casalingo", ovvero un semplice risparmio evitando di acquistare un originale del programma."Questo è il testo riportato dall'articolo!Le gravi implicazioni:1)Lede il diritto alla cultura2)Lede il mio diritto all'autodittatica informatica3)Lede un principio base:la libertà!4)Lede il principio di ugualianza!In pratica questa legge,non solo favorisce le major ma è anche incostituzionale e da DITTATURA!Andate a fare in culo voi e le vostre leggi di merda!
    • Anonimo scrive:
      Re: le implicazioni di questa legge.....
      Sottoscrivo pienamente.Specialmente l'ultimo "andate a fare in culo voi e le vostre leggi di merda".Quando ci vuole, CI VUOLE.Miseria schifosa...
      • Anonimo scrive:
        Re: le implicazioni di questa legge.....
        E un poscritto:non lo dico per pararmi il deretano.E` proprio incostituzionale, viola le direttive CEE, e il comune buon senso.Io NON HO software copiato, in nessun esemplare. Uso al momento un dual boot WinXP/RH Linux 7.2, XP e` regolarmente registrato ed attivato, e per quanto riguarda altri tipi di utilities, me le faccio io dato che in effetti sono un programmatore.
    • Anonimo scrive:
      Re: le implicazioni di questa legge.....
      - Scritto da: darkwarez
      Questo è il testo riportato dall'articolo!
      Le gravi implicazioni:
      1)Lede il diritto alla cultura
      2)Lede il mio diritto all'autodittatica
      informatica
      3)Lede un principio base:la libertà!
      4)Lede il principio di ugualianza!
      In pratica questa legge,non solo favorisce
      le major ma è anche incostituzionale e da
      DITTATURA!
      Andate a fare in culo voi e le vostre leggi
      di merda!Non posso che concordare. La legge sul diritto d'autore (che riguarda il software! badate bene! Copiare musica e film ad uso strettamente personale non e' ancora reato) che stabilisce la sussistenza di un CRIMINE anche nel caso del semplice PROFITTO (ergo, non vendo, non mi arricchisco, non spaccio, semplicemente, ho una copia PERSONALE che uso senza licenza) e' semplicemente indecente, un vero regalo dei nostri legislatori alle multinazionali. Microsoft ha spinto per avere questa legge che in pratica viola i nostri diritti costituzionali. Come li viola? Avete riflettuto sul fatto che oggi basta IL SOSPETTO che abbiate ricevuto un giochino pirata della PlayStation per ritrovarvi a casa i finanzieri che: 1) Vi buttano giu' dal letto alle 6 di mattina come se foste Toto' Riina VIOLAZIONE DELL'INVIOLABILITA' DEL DOMICILIO2) Vi ripuliscono casa meglio di un topo d'appartamento portandosi via roba che non ha nulla a che vedere con il software pirata, tipo il vostro computer, tutti i cd e tutti i DVD, musicali o originali, anche i vostri dati personali, i back up, il materiale che vi serve per studiare o lavorare esponendovi a rischi professionali non indifferenti, e in piu' se gli rode anche roba come minidisc, DAT, i dischi del commodore 64 e altri supporti per loro alieni, tanto la differenza non la capiscono, vi lasciano con la casa smantellata portandosi via materiale per milioni e milioni di lire che non si discute affatto sia di vostra stralegittima proprieta'. VIOLAZIONE AL DIRITTO DELL'INALIENABILITA' DELLA PROPRIETA' PRIVATA LEGITTIMAMENTE CONSEGUITA3) Con la scusa del gioco copiato si mettono a ficcare il naso in ogni singolo file del vostro computer -- VIOLAZIONE DEL DIRITTO ALLA SEGRETEZZA DELLA CORRISPONDENZA4) Vi espongono a spese legali e pene assolutamente sproporzionate all'entita' del danno "ipotetico", e sottolineo ipotetico, inflitto al produttore del suddetto giochino. VIOLAZIONE AL PRINCIPIO COSTITUZIONALE DELLA PROPORZIONALITA' DELLE PENEPoi certo, se lo dite a un finanziere (ma cosa glielo dite a fare? "Usi a obbedir tacendo.." ah, quelli erano i carabinieri, ma e' lo stesso) vi risponde che avete "commesso un reato", quindi e' tutto legittimo, insomma, piu' o meno come il reato di lesa maesta' nella Francia della monarchia assoluta, oppure il reato d'opinione nella Cina comunista, o il reato di cospirazione nella Germania federale di Honecker, compreso il calpestare tutti i diritti FONDAMENTALI che ho citato qui sopra, solo dietro all'ipotetico danno patrimoniale inflitto a una software house. Da un punto di vista concettuale l'ipotesi del reato non regge, l'hanno detto avvocati come Paolo Monti, non io, eppure i nostri legislatori si sono bevuti i pamphlet pubblicitari della BSA perche' sono totalmente ignoranti in informatica e quindi pronti ad accettare qualsiasi versione della realta' gli venga proposta (dietro il potere politico delle lobby, e' chiaro). Ci tengo a concludere dicendo che non sono un pirata e ho certamente dato molti soldi all'industria del software contribuendo non poco a tenerla in vita. Sono altresi' totalmente contrario ai pirati e alla pirateria, li' dove con questo termine si definisca chi LUCRA dalla vendita di programmi copiati, e non chi copia per uso esclusivamente privato e casalingo. La legge che avevamo fino al 1997 era buona e giusta, puniva duramente i pirati di professione e interveniva sulle copie casuali e gli utilizzatori di programmi senza licenza con multe salate, in grado di ripagare in pieno l'industria del software. L'attuale accanimento penale che si registra nei confronti del 99 per cento degli utilizzatori di computer e' l'espressione di una volonta' vessatoria della Microsoft Italia e la BSA, intenzionate a cavare anche il sangue dalle rape, anche al costo di calpestare tutti i diritti possibili e immaginabili, una volonta' vessatoria che non e' stata compensata dai nostri legislatori, essendo questi ultimi ignoranti di questioni informatiche. Contro una legge del genere si puo' provare:1) L'autodenuncia in massa, ovvero, mettere in crisi la legge evidenziandone l'assurdita'.2) Sensibilizzare qualche movimento politico non troppo assoggettato alle lobby per promuovere una petizione o un referendum. Al momento mi vengono in mente solo i Radicali.3) Fare pubblicita' alla nuova legge. Nessuno si lamenta anche perche' la conoscono in pochi. Lasciamo che BSA dica in pieno che cosa ha fatto con questa legge (senza pararsi dietro la scusa del software copiato in azienda, loro attaccano TUTTI, anche e soprattutto gli utenti domestici) Cercare, se possibile, di portare la cosa all'attenzione di qualche emittende, radiofonica o televisiva.Marco Giordano
      • Anonimo scrive:
        Re: le implicazioni di questa legge.....
        - Scritto da: Marco GiordanoErrata Corrige: Il nome dell'avvocato e' Andrea Monti e non Paolo Monti. La URL del suo sito e': http://www.andreamonti.net/
      • Anonimo scrive:
        Re: le implicazioni di questa legge.....
        Concordo con il tuo post, e vorrei inoltre ricordare che anche se uno è un criminale, nessuno da il diritto alle forze di polizia di essere prepotenti e di violare i diritti delle persone. A prescindere dal fatto che questo "crimine" di cui parliamo è veramente ridicolo rispetto ad altri ben più importanti, cmq uno che commette un reato è sempre una persona, e come tale va trattato. Va punito per quello che ha fatto, ma nessuno ti da il diritto di malmenarlo, sfasciargli la casa o sequestrargli i pc "a scopo preventivo" (io direi a scopo vandalistico, piuttosto !!!).
  • Anonimo scrive:
    altro che copyright
    Soccia ci mancherebbe solo che mi becco 8 anni di reclusione e 20 milioni di multa per via del mio xp e del mio office copiati sapendo che in città i Marocca continuano a vendere migliaia di cd illegali impunemente e sotto gli occhi di tutti...Altro che Europa, questa è la Repubblica delle banane
  • Anonimo scrive:
    Re: INDIGNATO!!
    C'era gia' il giorno prima su PI questa notizia :)
    • Anonimo scrive:
      Re: INDIGNATO!!
      Le twilight svariate migliaia di euro l'una?? ahahahahaahah questa e' bella...mio Dio il giornalismo e' oramai cosi' basso..
  • Anonimo scrive:
    Le leggi le fa chi offre piu' voti
    Ma cosa vi aspettate da un paese che approva la legge del silenzio assensoper prendere gli organi di chi non si e' espresso (e poi si condannano lebanche se seguono la stessa polutica per offrire servizi a pagamento)?Io piu' che altro mi stupisco del perche' questa dottoressa se ne esce oggia commentare una legge di due anni fa, comunque gia' oggetto di svariateinterpretazioni.Mah, ognuno fa i propri interessi e intanto in Italia le leggi le fa chi hapiu' voti da offrire. Speriamo bell'Europa!
    • Anonimo scrive:
      Re: Le leggi le fa chi offre piu' voti
      - Scritto da: ConflittoDiInteressi
      Ma cosa vi aspettate da un paese che approva
      la legge del silenzio assenso
      per prendere gli organi di chi non si e'
      espresso (e poi si condannano le
      banche se seguono la stessa polutica per
      offrire servizi a pagamento)?Beh sono due discorsi diversi. La legge del silenzio assenso sugli organi è basata sul fatto che visto che molte persone hanno bisogno di organi "di ricambio" per vivere, e se tu sei morto non credo ti servano più, almeno così si avranno più possibilità di salvare persone che possono essere salvate, in modo che i pigri e i menefreghisti non abbiano la meglio. Cmq tra qualche decennio non ci sarà più bisogno degli organi, se la chiesa e i moralisti lasceranno fare tranquillamente all'ingegneria genetica.
      Io piu' che altro mi stupisco del perche'
      questa dottoressa se ne esce oggi
      a commentare una legge di due anni fa,
      comunque gia' oggetto di svariate
      interpretazioni.L'ha fatto perchè ogni tanto è giusto ricordare le assurdità di molte leggi italiane. Se ne parlava di questa legge ultimamente ? No, e quindi la dott.sa ha fatto bene a scrivere questo articolo.
      Mah, ognuno fa i propri interessi e intanto
      in Italia le leggi le fa chi ha
      piu' voti da offrire. Speriamo bell'Europa!Come sempre. Il problema è che teoricamente il meccanismo dovrebbe essere: io ti voto, tu fai una cazzata, e io ti destituisco. Invece funziona così: io ti voto, e tu sei legittimato a fare quel cazzo che ti pare, tanto io non posso più farti nulla :) Ciao !
  • Anonimo scrive:
    Belle le chiacchiere, ma vogliamo fare sul serio?
    Interessantissimi interventi, ma quale la conclusione?Oggi ho postato due volte una proposta che ri-sottopongo nel caso qualcuno volesse "fare sul serio":---Non credo che un referendum risolverebbe la questione. Purtroppo abbiamo esempi in cui la volontà popolare è stata poi stravolta.Credo invece che la strada da percorrere sia altra, e cioè quella che suggeriva oltre un secolo fa Ulysses S.Grant (presidente degli USA):" I know no method to secure the repeal of bad or obnoxious laws so effective as their stringent execution ".C'è questa legge? benissimo, LA SI APPLICHI, e nel modo più severo possibile.Sono certo che quando sui tavoli delle varie procure italiane saranno ammonticchiati i primi 8/9 milioni di procedimenti, allora sì che ci sarebbero interventi legislativi URGENTI.Bisognerebbe quindi, eventualemnte, studiare il modo per far sì che la legge venga applicata nel più elevato numero di casi e nel modo più letterale possibile.Come? Evenualmente anche con AUTODENUNCIA.Il resto sono chiacchiere.---Non credo proprio che esista altra via. Purtroppo azioni del genere richiedono una "esposizione" in prima persona (con tutte le possibili conseguenze del caso) a cui non tutti (e la cosa è giustificata) sono disposti.Continuare a lamentarsi delle leggi (ricordiamo sempre che sono state votate all'unanimità), della BSA, della SIAE, della Microsoft, ecc., può servire magari a sfogarsi, ma all'atto pratico, non serve a niente, se non continuare a vivere sotto una spada di Damocle.La legge è questa? Il legislatore l'ha ritenuta giusta? Conveniente? Bene. La si applichi allora fino in fondo e con estrema serverità. L'esecutivo non lo vuol fare? Preferisce applicare la legge "a seconda dei casi"? Vuole lasciare il massimo ARBITRIO agli accertatori? Lo si obblighi allora ad applicarla "a tappeto".Autodenunciandosi se occorre. Io sono pronto, c'è qualche altro che se la sente?
    • Anonimo scrive:
      Re: Belle le chiacchiere, ma vogliamo fare sul serio?
      Credo che anche tu sai che cio' che hai detto e' pura utopia.Credo che l'unica via percorribile e' iniziare ad utilizzare prodotti free.Ti posso assicurare che in giro ce ne sono parecchi e spesso non hanno niente da invidiare a quelli a pagamento.Vedi linux:credo che windows possa fargli solo un pomp..o in quanto a qualita' e affidabilita'.
      • Anonimo scrive:
        Re: Belle le chiacchiere, ma vogliamo fare sul ser
        - Scritto da: Zio Pino
        Credo che anche tu sai che cio' che hai
        detto e' pura utopia.
        Credo che l'unica via percorribile e'
        iniziare ad utilizzare prodotti free.Ti
        posso assicurare che in giro ce ne sono
        parecchi e spesso non hanno niente da
        invidiare a quelli a pagamento.Il problema non è tanto utilizzare prodotti free, ma prodotti opensource, che possono essere anche a pagamento, ma per loro stessa natura comunque non arriveranno mai alle assurdità delle licenze dei software closed, proprio perchè il codice è di pubblico dominio e utilizzabile da tutti. Infatti della maggior parte del software OS più usato sono disponibili sia versioni free che a pagamento, a seconda dell'uso che uno ne vuole fare. Se uno è uno studentello, o un privato, si scarica la versione free, e finisce lì. Se invece parliamo di un'azienda, o di un professionista, paga (cmq meno che un prodotto closed, basta vedere i costi delle varie distro di Linux) ma riceve supporto tecnico e altri servizi opzionali. Questa a mio parere è la via da seguire, perchè questa via incentiva l'acquisto e l'aggiornamento di software originale, mentre quella scelta da M$ e dalle altre software house incentiva solo la pirateria.
        Vedi linux:credo che windows possa fargli
        solo un pomp..o in quanto a qualita' e
        affidabilita'.Concordo :)
  • Anonimo scrive:
    Non di solo software vive l'uomo!
    O ce ne fottiamo dei computer e lasciamo tutto perdere ... oppure usiamo software free.non c'è altra soluzione.la capiranno i maledetti ladroni.non sono le strutture e la produzione a prendere troppi soldi, ma loro, i padroni di tutto.Io non credo che Torvalds non riesca a mangiare, a pagare le bollette, a comprarsi un computer nuovo, a portatre in vacanza le figlie, ad andare a fare la spesa quando gli serve qualcosa, a cambiare macchina ... ecc ecc ... non credo proprio
  • Anonimo scrive:
    Incostituzionale
    La nostra costituzione prevede una coerenza fra gravità del delitto e la pena. Se la duplicazione di software o di un Cd audio anche senza fini di lucro (inteso nel senso di arricchimento, cioè smercio sulla pubblica piazza, può determinare una multa in sede penale di £ 30.000.000 (e in sede civile?) e fino a 8 anni di carcere, allora come la mettiamo con lo spaccio di stupefacenti, i rapimenti, i pirati della strada ?Penso che un qualsiasi avvocato volenteroso, potrebbe conseguire senza eccessive difficoltà una eccezione di incostituzionalità.
    • Anonimo scrive:
      ci rivediamo quando tocca a te ...
      aspetta che ti capiti e poi vedrai ... copiamo perché siamopoveri sfigati ... e secondo te riusciamo a farla franca contro il DIO DENARO ?- Scritto da: zaghi
      Penso che un qualsiasi avvocato volenteroso,
      potrebbe conseguire senza eccessive
      difficoltà una eccezione di
      incostituzionalità.
    • Anonimo scrive:
      Re: Incostituzionale
      - Scritto da: zaghi
      La nostra costituzione prevede una coerenza
      fra gravità del delitto e la pena. Se la
      duplicazione di software o di un Cd audio
      anche senza fini di lucro (inteso nel senso
      di arricchimento, cioè smercio sulla
      pubblica piazza, può determinare una multa
      in sede penale di £ 30.000.000 (e in sede
      civile?) e fino a 8 anni di carcere, allora
      come la mettiamo con lo spaccio di
      stupefacenti, i rapimenti, i pirati della
      strada ?
      Penso che un qualsiasi avvocato volenteroso,
      potrebbe conseguire senza eccessive
      difficoltà una eccezione di
      incostituzionalità.Esatto.Ho scritto la stessa cosa qualche post sotto. Forse ti era sfuggita :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Incostituzionale
      Già,questa si che è mafia:non rappresentata da 'ndragheta,camorra o cosa nostra ma dalla bsa e tutte le software-house che ormai si sono infiltrate anche nei governi per imporre la loro logica del profitto!Dovete fallire tutte se non capite che l'unico modo per vendere meglio è trovare dei metodi per abbassare drasticamente il prezzo del software!
  • Anonimo scrive:
    La soluzione? La butto li.
    Parlando di uso casalingo.Prendiamo ad esempio Photoshop, uno dei programmi piu copiati in assoluto. Diciamo che attualmente il 99% dell'installato casalingo è copiato, costando il software circa 700E, quindi improponibile ad un utenza di questo tipo. Diciamo che questo 99% corrisponda a 10.000.000 di persone nel mondo. Quindi 7.000.000.000 di euro che non incasseranno mai, galera o meno. Poniamo che il software costi 50E. Io personalemente, che sono un operaio, lo acquisterei subito. Se facessero come me 5.000.000 di questi utilizzatori "pirata", essendo il prezzo abbordabile, Adobe incasserebbe250.000.000 di euro in piu di quanto incassi adesso. Chiaramente non deve essere una versione LE, perche la gente sarebbe orientata cmq a prendere la versione full copiata. Quindi è bene che si ficchino in testa che la gente compra solo se se lo puo permettere. E se non puo permetterselo, copia. La galera come deterrente è fumo negli occhi.
    • Anonimo scrive:
      Re: La soluzione? La butto li.
      dici bene caro!!e per l'uso professionale il prezzo resta quello standard! e multe e galere solo in quel caso, in maniera che chi può produrre reddito o guadagnare con quei prodotti paghi il giusto ...non sarebbe male!per questo nessuno lo farà.- Scritto da: Io < una interessante proposta
  • Anonimo scrive:
    Si sono dati la zappa sui piedi
    I legislatori si sono infinocchiati con le loro stesse mani. Non comprendendo fino in fondo di cosa si tratta, hanno finito per fare il gioco delle grosse aziende di software.Si accorgeranno ben presto, ahime', delle gravi conseguenze relative. Se non cambiano le cose in tempi brevi, tornare indietro sara' inutile se non con la "soluzione finale".
    • Anonimo scrive:
      Re: Si sono dati la zappa sui piedi
      - Scritto da: Nostradamus
      I legislatori si sono infinocchiati con le
      loro stesse mani. Non comprendendo fino in
      fondo di cosa si tratta, hanno finito per
      fare il gioco delle grosse aziende di
      software.

      Si accorgeranno ben presto, ahime', delle
      gravi conseguenze relative. Se non cambiano
      le cose in tempi brevi, tornare indietro
      sara' inutile se non con la "soluzione
      finale".E qual è la soluzione finale ? Se è eliminare le case discografiche e la M$, per me va bene come soluzione finale :)
  • Anonimo scrive:
    Il piagnisteo dei discografici a Sanremo
    In questi giorni i produttori discografici hanno scelto la platea nazionalpopolare di Sanremo per elevare le loro grida di dolore. Il prezzo del CD e' stato ovviamente un argomento taboo (anche se Baudo l'ha accennato parlando di cd a prezzi scontati)e i discografici hanno avuto la faccia come il culo di dire che a malapena ci rientrano con le spese, loro, che hanno stabilito per questo prodotto uno dei prezzi piu' alti del mondo. Negli USA un CD costa 11-13 dollari, ovvero tra le 22 e le 27 mila lire e gli americani hanno un potere d'acquisto molto maggiore!!! LADRI! AVETE ANCHE IL CORAGGIO DI LAMENTARVI!! C'hanno preso per indigeni con gli anelli al naso, vogliono venderci un frammento di specchio per un chilo di diamanti.Si lamentano che non hanno piu' il denaro per lanciare "nuove proposte". Le ho sentite le cosi' dette nuove proposte: la meta' di loro musicalmente parlando ha molto meno da dire di me, che mi diletto di musica AMATORIALMENTE. Si lamentano che su 20 artisti che lanciano hanno un ritorno economico solo da 2. Certo, fino a quando la metà delle persone che ingaggiano fa musica repellente sara' sempre cosi'! In questi anni la qualita' si e' andata riducendo a favore della quantità e i prezzi sono andati alle stelle a causa degli ingaggi miliardiari di alcune "star". Un tempo si lanciava meno musica, ma erano le idee brillanti degli autori a fare il mercato, si lanciava il 45 giri che costava pochi spiccioli e tutti erano contenti. Negli ultimi anni ci hanno ubriacato di musica commerciale, musica tutta uguale, album finti con 1 hit e 10 schifezze. Un esempio concreto: Paola e Chiara lanciano nell'estate del 2001 Viva el Amor e Fino alla Fine. Due belle musichette, chi lo nega? Bravissimo l'autore: quei brani sarebbero stati grandi anche se li avesse cantati mia zia (ancora in pochi hanno capito che nella musica contano gli autori, e non gli interpreti). Pero' i signori discografici non si sono accontentati di lanciare i singoli con i due buoni brani che avevano, ne hanno dovuto per forza fare un album. Se volevo sentire quei due brani dovevo comprarmi 20 euro di musica della quale due buoni e i restanti nove che non potevano minimamente reggere il paragone con gli altri (li avevano composti Paola e Chiara, e si sentiva...). Avrei comprato con piacere un mini CD con i due brani in questione a circa 5-7 euro, ma un album pacco come quello era una truffa, e questo e' solo un esempio. In realta' una larghissima percentuale degli album prodotti si attiene a questo modello. Un appassionato di musica in questa trappola puo' caderci una volta, al massimo due, poi non compra piu' nulla. Cosi' il mercato va in crisi. Perfino Baudo ha svergognato i discografici, lui che tradizionalmente e' sempre stato dalla loro parte. Cosi' da questa crisi non usciranno mai, devono tornare a cercare gli autori, come ai tempi di Mogol e Battisti, e ridurre i costi per far tornare i prezzi sul pianeta terra, altrimenti per loro c'e' solo il fallimento, pirateria o non pirateria. Gandalf
    • Anonimo scrive:
      Re: Il piagnisteo dei discografici a Sanremo
      Da uno cui piacciono Paola e Chiara non accetto prediche....
    • Anonimo scrive:
      Re: Il piagnisteo dei discografici a Sanremo

      i discografici hanno avuto la faccia come il
      culo di dire che a malapena ci rientrano con
      le spese,tagliate le spese no ???? e accontentevi di un tenore di vita minore...
      Si lamentano che non hanno piu' il denaro
      per lanciare "nuove proposte". Le ho sentite
      le cosi' dette nuove proposte: la meta' di
      loro musicalmente parlando ha molto meno da
      dire di me, che mi diletto di musica
      AMATORIALMENTE.la meta ????? ;-0)molti di piu...
      Si lamentano che su 20
      artisti che lanciano hanno un ritorno
      economico solo da 2.ecco e questo il rapporto...bhe lanciate solo quei due e mandate a casa tutti quelli che mangiano su quei 18...
    • Anonimo scrive:
      Re: Il piagnisteo dei discografici a Sanremo
      - Scritto da: Gandalf
      In questi giorni i produttori discografici
      hanno scelto la platea nazionalpopolare di
      Sanremo per elevare le loro grida di dolore.Quelle sì che sono importanti...il dolore dei discografici è importante, quello della gente che muore di fame in tantissime parti del mondo no...quanto mi dispiace per i poveri discografici...(ne avessi visto uno senza la macchinona...)
      Il prezzo del CD e' stato ovviamente un
      argomento taboo (anche se Baudo l'ha
      accennato parlando di cd a prezzi scontati)e
      i discografici hanno avuto la faccia come il
      culo di dire che a malapena ci rientrano con
      le spese, loro, che hanno stabilito per
      questo prodotto uno dei prezzi piu' alti del
      mondo. Negli USA un CD costa 11-13 dollari,
      ovvero tra le 22 e le 27 mila lire e gli
      americani hanno un potere d'acquisto molto
      maggiore!!! Infatti: non mi stancherò mai di dirlo, in america, 11 dollari hanno più o meno il valore delle nostre vecchie 11, massimo 15 mila lire ! Come in Inghilterra, non è che la roba costa tre volte tanto che da noi, è che in proporzione loro guadagnano tre volte tanto.
      LADRI! AVETE ANCHE IL CORAGGIO
      DI LAMENTARVI!! C'hanno preso per indigeni
      con gli anelli al naso, vogliono venderci un
      frammento di specchio per un chilo di
      diamanti.In effetti, ci vendono una roba di plasticaccia (più o meno) a peso d'oro....siamo proprio indigeni...
      Si lamentano che non hanno piu' il denaro
      per lanciare "nuove proposte". Le ho sentite
      le cosi' dette nuove proposte: la meta' di
      loro musicalmente parlando ha molto meno da
      dire di me, che mi diletto di musica
      AMATORIALMENTE. Si lamentano che su 20
      artisti che lanciano hanno un ritorno
      economico solo da 2. Certo, fino a quando la
      metà delle persone che ingaggiano fa musica
      repellente sara' sempre cosi'! In questi
      anni la qualita' si e' andata riducendo a
      favore della quantità e i prezzi sono andati
      alle stelle a causa degli ingaggi
      miliardiari di alcune "star". Concordo !!! La verità è sempre questa: fino a che il più scarso dei cantanti, il più scarso dei calciatori di serie A, il più scarso degli artisti "DEVE" guadagnare cmq miliardi, allora i cd costeranno 20 ? in crescendo, le partite le potrai vedere solo su Tele+ pagando metà stipendio, e così via....Ma sopratutto, FINO A CHE CI SARA' GENTE CHE GLI ANDRA' DIETRO, LORO CONTINUERANNO A FARE COSI' ! E' inutile lamentarsi, e poi alla prima occasione come degli idioti affollare i locali della Virgin di turno ! Non comprate più cd, regalate, o regalatevi, qualcos'altro (posso proporre un buon libro, che vale molto di più di una canzonetta ?)Ciaux !
    • Anonimo scrive:
      Re: Il piagnisteo dei discografici a Sanremo
      - Scritto da: Gandalf
      Il prezzo del CD e' stato ovviamente un
      argomento taboo (anche se Baudo l'ha
      accennato parlando di cd a prezzi scontati)e
      i discografici hanno avuto la faccia come il
      culo di dire che a malapena ci rientrano con
      le spese, loro, che hanno stabilito per
      questo prodotto uno dei prezzi piu' alti del
      mondo. Negli USA un CD costa 11-13 dollari,
      ovvero tra le 22 e le 27 mila lire e gli
      americani hanno un potere d'acquisto molto
      maggiore!!! LADRI! AVETE ANCHE IL CORAGGIO
      DI LAMENTARVI!! C'hanno preso per indigeni
      con gli anelli al naso, vogliono venderci un
      frammento di specchio per un chilo di
      diamanti.Si, però un cd americano lo vendi in un mercato di 300 milioni di consumatori e puoi ragionevolmente sperare di rivendertelo nel resto del mondo... produrne uno italiano costa poco meno e il mercato è diverso.Se poi togli il 20% della pirateria dalle 40mila ti resta un bel 32mila e se fai conto che gli italiani acquistassero un po' più cd (0,8 a testa contro i 3 degli americani) il prezzo potrebbe comunque essere lo stesso...In ogni caso tutto questo non c'azzecca con la pirateria: se il prezzo per te è eccessivo non lo compri...
      Si lamentano che non hanno piu' il denaro
      per lanciare "nuove proposte". Le ho sentite
      le cosi' dette nuove proposte: la meta' di
      loro musicalmente parlando ha molto meno da
      dire di me, che mi diletto di musica
      AMATORIALMENTE. Ha parlato riccardo muti... scusa ma ne ho sentiti tanti di acrimoniosi sfoghi di aspiranti musicisti falliti... fare musica è un valore di per sè stesso... e ognuno ha il proprio gusto... In questi
      anni la qualita' si e' andata riducendo a
      favore della quantità e i prezzi sono andati
      alle stelle a causa degli ingaggi
      miliardiari di alcune "star". Questo è vero.Un esempio
      concreto: Paola e Chiara lanciano
      nell'estate del 2001 Viva el Amor e Fino
      alla Fine. Due belle musichette, chi lo
      nega? Bravissimo l'autore: quei brani
      sarebbero stati grandi anche se li avesse
      cantati mia zia (ancora in pochi hanno
      capito che nella musica contano gli autori,
      e non gli interpreti). Tu invece hai capito tutto... ;-)Pero' i signori
      discografici non si sono accontentati di
      lanciare i singoli con i due buoni brani che
      avevano, ne hanno dovuto per forza fare un
      album. Se volevo sentire quei due brani
      dovevo comprarmi 20 euro di musica della
      quale due buoni e i restanti nove che non
      potevano minimamente reggere il paragone con
      gli altri (li avevano composti Paola e
      Chiara, e si sentiva...). Avrei comprato con
      piacere un mini CD con i due brani in
      questione a circa 5-7 euro, ma un album
      pacco come quello era una truffa, e questo
      e' solo un esempio.Sulla base di questo ragionamento dovremmo bruciare le edicole perché ci vendono giornali e riviste imbottite di articoli di cui non ci frega niente, per non parlare degli allegati che ormai ci sono tuti i giorni...E' come pretendere di pagare, che so, 10 centesimi di euro per i tre articoli che ti interessano....
      Perfino Baudo ha svergognato i discografici,
      lui che tradizionalmente e' sempre stato
      dalla loro parte. Baudo sta solo dalla SUA parte... la riduzione di prezzo l'ha proposta SOLO PER I CD DI SANREMO E SOLO DURANTE IL FESTIVAL... insomma tutta pubblicità che anche tu contribuisci a fargli.Ti ricordo poi che il sig. baudo è pure DIRETTORE ARTISTICO di sanremo e che la bella idea di mettere assieme questo circo barnum di sessantenni che non vendono più un disco da anni e fanno soldi solo con le serate (che riescono a fere perché andati a sanremo) è sua... lì avrebbero dovuto esserci i cantanti "veri" compresi quelli che non mi piacciono: Bocelli, Ramazzotti, VascoRossi, Celentano, Elisa, Pausini...Cosi' da questa crisi non
      usciranno mai, devono tornare a cercare gli
      autori, come ai tempi di Mogol e Battisti, e
      ridurre i costi per far tornare i prezzi sul
      pianeta terra, altrimenti per loro c'e' solo
      il fallimento, pirateria o non pirateria. E qui ti volevo... se falliscono loro chi darà ai ragazzetti i soldini per incidere il primo disco? Chi aspetterà - continuando a finanziarli - che facciano il secondo...?E non mi dire che ora c'è internet e il dialogo diretto col pubblico... mai sentito nessuno che ci campi con questo sistema...
      • Anonimo scrive:
        Ovviamente volevo dire...
        20% di IVA, non di pirateria...una delle più alte d'europa (in svizzera è all'8, sui libri al 4...)
      • Anonimo scrive:
        Re: Il piagnisteo dei discografici a Sanremo

        resto del mondo... produrne uno italiano
        costa poco meno e il mercato è diverso.ma porca buttana ancora sti costi...quanto cazzo costa mettere insieme una band un cantante e uno studio di registrazione ???? facciamo 1 milliardo (ed e troppo) + 1 milliardo promozione / 40.000 = 50.000 copiema porca buttana direi che rientrate alla grande...
        In ogni caso tutto questo non c'azzecca con
        la pirateria: se il prezzo per te è
        eccessivo non lo compri...e voi smettetela di giocare con le insicurezze della gente...
        Sulla base di questo ragionamento dovremmo
        bruciare le edicole perché ci vendono
        giornali e riviste imbottite di articoli di
        cui non ci frega niente, per non parlare
        degli allegati che ormai ci sono tuti i
        giorni...
        E' come pretendere di pagare, che so, 10
        centesimi di euro per i tre articoli che ti
        interessano....come ideea non e male...
        E qui ti volevo... se falliscono loro chi
        darà ai ragazzetti i soldini per incidere il
        primo disco? minchia la musica e vitale...ma se da 20 anni non esce (a parte qualche notevole eccezzione e stiamo parlando del 5% dei cantanti al massimo) qualcosa di decente...ormai senti solo cover dappertutto...
      • Anonimo scrive:
        Re: Il piagnisteo dei discografici a Sanremo
        - Scritto da: OmarP
        Si, però un cd americano lo vendi in un
        mercato d
        i 300 milioni di consumatori e puoi
        ragionevolmente sperare di rivendertelo nel
        resto del mondo... produrne uno italiano
        costa poco meno e il mercato è diverso.
        Se poi togli il 20% della pirateria dalle
        40mila ti resta un bel 32mila e se fai conto
        che gli italiani acquistassero un po' più cd
        (0,8 a testa contro i 3 degli americani) il
        prezzo potrebbe comunque essere lo stesso...No il prezzo sarebbe esattamente lo stesso. Scusa il tuo ragionamento non funziona...mi spieghi perchè allora da noi i cd internazionali (quelli che tu dici che hanno un mercato ampio) non costano meno di quelli nazionali ??? Te lo dico io, è semplice: si chiama CARTELLO.
    • Anonimo scrive:
      un esempio
      è vero, stavo per acquistare su CDNOW il cd "Leitmotif" dei Dredg, che ho conosciuto scaricandomelo per intero da audiogalaxy ... poi ho fdetto "echeccazzo è troppo bello, me lo compro"benissimo, su CDNOW costava 11$.per cazzate dettate dalla mia incapacità non sono riuscito a comprare.dopo un paio di mesi arriva nel negozio della mia citt° : 40mila.MAVAFFANCULOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOo OOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO
    • Anonimo scrive:
      Re: Il piagnisteo dei discografici a Sanremo

      Il prezzo del CD e' stato ovviamente un
      argomento taboo (anche se Baudo l'ha
      accennato parlando di cd a prezzi scontati)e
      i discografici hanno avuto la faccia come il
      culo di dire che a malapena ci rientrano con
      le spese, loro, che hanno stabilito per
      questo prodotto uno dei prezzi piu' alti del
      mondo. Tutto inizio' nei primi anni 80 quando cominciarono a vendere i CD spacciandoli per alta tecnologia e rincarando vergognosamente i prezzi con la scusa che si sentiva meglio.E' vero, si sente meglio del vinile e si rovina meno ma gia' allora era *molto* piu' economicoda produrre rispetto ad un bel 33 giri con tanto di copertina apribile.Da quel momento hanno sempre aumentato i prezzi e prodotto lavori di valore artistico inqualificabile (salvo eccezioni s'intende).Ciao!
  • Anonimo scrive:
    Fanno passaporti falsi, faranno anche licenze...
    false.... o no?lolps: che schifo!
    • Anonimo scrive:
      Re: Fanno passaporti falsi, faranno anche licenze...
      vabbé allora è la stesa cosa ... prima o poi ti inculano- Scritto da: mi
      false.... o no?


      lol

      ps: che schifo!
  • Anonimo scrive:
    Una volata copiavo......ora uccido!!!
    C'era una volta, tanti anni fa, un glorioso PC con il suo masterizzatore a 2X. Eravamo in pochi ad avere il masterizzatore. Andavo ancora a scuola, e per acquistarlo divisi la spesa con altri 4 amici. Il business era florido, e il costo del masterizzatore, carissimi all'epoca, fu ammortizzato in poco tempo. In alcuni momenti masterizzare era diventato un lavoro, non si andava a scuola per farlo!!!Fu così che mollai la scuola per intraprendere questa affascinante carriera imprenditoriale.I masterizzatori diventarono 6, a 4X, una bella mercedes e una bella casetta....e tanti sogni per il futuro.Oggi molte cose sono cambiate, tutti hanno un pc con il masterizzatore e non hanno bisogno di farsi copiare i cd.Così ci si deve adeguare. Copiare i cd non è più remunerativo, e le leggi di oggi molto più severe.Mi sono quindi consultato con il mio avvocato.Oggi ho cambiato business, faccio il killer professionista. Si guadagna molto bene e i rischi sono scarsi. Sono incensurato, e se mi dovessero beccare, considerando una semi infermità mentale, al massimo rischio di essere ricoverato per qualche mese in qualche centro psichiatrico, dove non si sta poi così male.A al proposito, se doveste aver bisogno dei miei servizi contattatemi pure tramite questo forum.Ciao.KilleroneP.S. Il testo è puro frutto della mia fantasia. Nulla di quanto scritto corrisponde alla realtà. Persone e luoghi eventualmente citati sono immaginari. (Meglio essere precisi di questi tempi!).
    • Anonimo scrive:
      Re: Una volata copiavo......ora uccido!!!
      hahahahahahahhhahahahahahahahhahahahahahhaa;-0)
    • Anonimo scrive:
      Re: Una volata copiavo......ora uccido!!!
      Ahahaha senza il PS finale ti saresti ritrovato la Madama con i fucili spianati a casa.
    • Anonimo scrive:
      Re: Una volata copiavo......ora uccido!!!
      - Scritto da: Killer
      C'era una volta, tanti anni fa, un glorioso
      PC con il suo masterizzatore a 2X. Eravamo
      in pochi ad avere il masterizzatore. Andavo
      ancora a scuola, e per acquistarlo divisi la
      spesa con altri 4 amici. Il business era
      florido, e il costo del masterizzatore,
      carissimi all'epoca, fu ammortizzato in poco
      tempo. In alcuni momenti masterizzare era
      diventato un lavoro, non si andava a scuola
      per farlo!!!
      Fu così che mollai la scuola per
      intraprendere questa affascinante carriera
      imprenditoriale.
      I masterizzatori diventarono 6, a 4X, una
      bella mercedes e una bella casetta....e
      tanti sogni per il futuro.

      Oggi molte cose sono cambiate, tutti hanno
      un pc con il masterizzatore e non hanno
      bisogno di farsi copiare i cd.

      Così ci si deve adeguare. Copiare i cd non è
      più remunerativo, e le leggi di oggi molto
      più severe.
      Mi sono quindi consultato con il mio
      avvocato.
      Oggi ho cambiato business, faccio il killer
      professionista. senza contare che si rischia molto di meno ad uccidere.
      • Anonimo scrive:
        Re: Una volata copiavo......ora uccido!!!
        - Scritto da: il corvo
        senza contare che si rischia molto di meno
        ad uccidere.Dipende: il fatto non è tanto che rischi di meno ad uccidere, è che rischi di meno a compiere un reato verso una persona normale, che verso un potente. Quindi se io, come fanno molte multinazionali, rubo un'idea al signor pinco pallino, inventore, non importa, è il gioco della vita, invece se io "rubo" il software ad una multinazionale, allora sì che importa, sono un Bin Laden ! Qui sta il punto :)Ciao !
  • Anonimo scrive:
    Re: Buon appetito BILL!!!
    Hai ragione, non accadra' certo che la GdF si mettera' a perseguitare la gente in casa per vedere se ha o non ha software piratato!Il "giro" giusto e' quello che hai spiegato tu, ma alla fine l'aumento dei costi finira' sulla schiena di tutti perche' verra' pagato dagli impiegati. Allora cerchiamo dove possibile di promuovere l'utilizzo di software free.
  • Anonimo scrive:
    funziona così
    1. compri il PC e ci lavori, compri anche i programmi con i quali lavori, li scarichi dalle tasse e li ammortizzi come qualsiasi altro strumento di lavoro.2. compri il PC per casa e usi i programmi che ti danno. Se ne vuoi altri li compri, se vuoi programmi professionali li compri, quelli servono per lavorare3. se ti assembli il PC ti compri il SO e i programmi che ti servono, per lavoro o per casa.Vediamo quanto diventa diffuso office così...
  • Anonimo scrive:
    L'unica speranza: la palese anticostituzionalita'.
    Se avessi software copiato e mi beccassero credo che incentrerei tutta la mia difesa solo sulla palese violazione del principio di proporzionalita' delle pene.Mi pare che la corte costituzionale in passato lo abbia applicato spesso, e questo mi pare un esempio lampante in cui andrebbe fatto valere.Certo, a meno che lorsignori non abbiano amici anche tra i giudici della corte...
  • Anonimo scrive:
    grazie a berlusconi
    il falso in bilancio per miliardi di lire e' stato depenalizzato, ma te duplica un cd da 40000 lire e ti fai 3 anni di galera.... ditemi voi....
    • Anonimo scrive:
      Re: grazie a berlusconi

      il falso in bilancio per miliardi di lire e'
      stato depenalizzato, ma te duplica un cd da
      40000 lire e ti fai 3 anni di galera....
      ditemi voi....Ringrazia il centro-sinistra per la modifica alla legge che ha trasformato il lucro in profitto; quando è successo la maggioranza era la loro.
      • Anonimo scrive:
        Re: grazie a berlusconi

        Ringrazia il centro-sinistra per la modifica
        alla legge che ha trasformato il lucro in
        profitto; quando è successo la maggioranza
        era la loro.Purtroppo e' anche vero...La destra avrebbe fatto la stessa cosa, ma kakkio questa legge proteggicapitalisti l'ha fatta quello che doveva essere uno schieramento di sinistra...!Si vede proprio che pecunia non olet.
        • Anonimo scrive:
          Re: grazie a berlusconi
          - Scritto da: Attila Xihar


          Ringrazia il centro-sinistra per la
          modifica

          alla legge che ha trasformato il lucro in

          profitto; quando è successo la maggioranza

          era la loro.

          Purtroppo e' anche vero...
          La destra avrebbe fatto la stessa cosa, ma
          kakkio questa legge proteggicapitalisti l'ha
          fatta quello che doveva essere uno
          schieramento di sinistra...!

          Si vede proprio che pecunia non olet.Sapete qual'è il problema ? Che queste leggi sono indipendenti dallo schieramento. Sono sempre state votate, come la legge sull'editoria, da tutti i partiti, trasversalmente. Purtroppo è così, gli stronzi e i potenti corrotti ci sono a destra e a sinistra, e anche al centro.
      • Anonimo scrive:
        Re: grazie a berlusconi
        - Scritto da: fgfdgfd

        il falso in bilancio per miliardi di lire
        e'

        stato depenalizzato, ma te duplica un cd
        da

        40000 lire e ti fai 3 anni di galera....

        ditemi voi....

        Ringrazia il centro-sinistra per la modifica
        alla legge che ha trasformato il lucro in
        profitto; quando è successo la maggioranza
        era la loro.ciò non togli che abbiamo al governo dei gangster...
        • Anonimo scrive:
          Re: grazie a berlusconi
          - Scritto da: alcapone
          ciò non togli che abbiamo al governo dei
          gangster...Beh questo è sottinteso :) Ma anche in America non scherzano mica, con Bush..... (sai com'è, le 4 B che flagellano il mondo: Bush, Berlusconi, BSE e BSA!!!)
          • Anonimo scrive:
            Re: grazie a berlusconi
            Non gangster, per favore usate termini corretti!! al governo ci sono i mafiosi come del resto da (quasi) sempre.(repubblica dei fichi d'India)
          • Anonimo scrive:
            Re: grazie a berlusconi
            - Scritto da: Gianni Agnelli
            Non gangster, per favore usate termini
            corretti!! al governo ci sono i mafiosi come
            del resto da (quasi) sempre.
            (repubblica dei fichi d'India)Sì come alla Fiat, Gianni ? Ops..... :)))
    • Anonimo scrive:
      Re: grazie a berlusconi
      - Scritto da: vanja
      il falso in bilancio per miliardi di lire e'
      stato depenalizzato, ma te duplica un cd da
      40000 lire e ti fai 3 anni di galera....
      ditemi voi....Nn dimenticare che la legge in questione è stata varata nel 2000 , a quei tempi al governo cerano gli ex COMUNISTI ciaoooooooo
  • Anonimo scrive:
    Attenti alle licenze bufala!
    Licenza Studente Microsoft:puoi usare Windows o il compilatore che hai comprato fino ad un anno dopo che hai lasciato lo status di studente. Quindi io che ho comprato Win95 e Visual C++ in versione studente non potrò più utilizzarli perchè dopo la laurea non sarò più studente, e se vorrò continuare a STUDIARE il C++ non potrò più utilizzare il Visual C++ che avevo acquistato. Peccato che me ne sia accorto solo dopo l'acquisto (ingenuità mia che non avevo letto tutto per bene)Licenza Windows OEM:se compri il sistema operativo a prezzo scontato sei vincolato ad utilizzarlo su quella macchina. Quindi se compro Windows e mi si brucia il PC e lo devo cambiare, in teoria dovrei comprare una nuova licenza.Allora cosa succede se faccio un upgrade? Se cambio HD devo comprare una nuova licenza? Oppure se cambio la CPU diventa un nuovo computer? O magari il tutto è associato al case? Dopo quanti upgrade hardware il PC non è più considerabile lo stesso per il quale avevo acquistato la licenza OEM?
    • Anonimo scrive:
      Re: Attenti ai pirati!
      - Scritto da: MP3 son legali
      Licenza Studente Microsoft:
      puoi usare Windows o il compilatore che hai
      comprato fino ad un anno dopo che hai
      lasciato lo status di studente. Quindi io
      che ho comprato Win95 e Visual C++ in
      versione studente non potrò più utilizzarli
      perchè dopo la laurea non sarò più studente,
      e se vorrò continuare a STUDIARE il C++ non
      potrò più utilizzare il Visual C++ che avevo
      acquistato. Peccato che me ne sia accorto
      solo dopo l'acquisto (ingenuità mia che non
      avevo letto tutto per bene)Perchè ingenuo ? Hai fatto bene ! Ti ricordo che hai risparmiato un sacco di soldi rispetto che alla versione Pros !Ed ora sarebbe giusto che ci restituissi il favore !Eppoi, ma secondo te, altrimenti, come facciamo a guadagnare ?Non vorrai mica mantenerti aggiornato ... a sbafo ? Guarda che così la pensano solo i pirati!... approposito ... per pentimento di aver comprato la versione studente, non intenderai mica dire che in alternativa l'avresti piratato, vero ?

      Licenza Windows OEM:
      se compri il sistema operativo a prezzo
      scontato sei vincolato ad utilizzarlo su
      quella macchina. Quindi se compro Windows e
      mi si brucia il PC e lo devo cambiare, in
      teoria dovrei comprare una nuova licenza.Non in teoria. In pratica.E la ringazieremo (ancora una volta) di aver scelto (ancora una volta) un nostro prodotto (che tanto sappiamo non può fare a meno).L'anno prossimo creeremo anche il "club dei ricompratori" con dei simpatici giochi a premi per premiare la vostra fedeltà a ricomprare così spesso un nostro prodotto.Grazie (ancora) della fiducia accordateci.
      Allora cosa succede se faccio un upgrade? Se
      cambio HD devo comprare una nuova licenza?
      Oppure se cambio la CPU diventa un nuovo
      computer? O magari il tutto è associato al
      case? Dopo quanti upgrade hardware il PC non
      è più considerabile lo stesso per il quale
      avevo acquistato la licenza OEM?
      Gentile cliente, non posso che consigliarle di acquistare una nuova licenza OEM-Repeat ad ogni minima variazione hw, è una scelta che molti clienti hanno già intrapreso per essere sempre in regola e della quali sono entusiasti.Non richiede l'acquisto di un nuovo PC per essere acquistata e costa solo quanto una normale versione OEM, ma con tanti vantaggi in più !Naturalmente, tale meccanismo sarà esteso da una nuova funzionalità che sarà incorporata nella prossima versione di windows (la quale costerà il 50% in più dell'attuale) facendo in modo che, ad ogni minima variazione hw, in automatico (grazie al servizio Passport che entro quest'anno sarà costretto a sottoscrivere), ad addebitarle comodamente sul suo conto corrente il costo di una nuova licenza.Distinti Saluti.M$
  • Anonimo scrive:
    ECCO COSA CI INSEGNANO A SCUOLA!
    A scuola, quando un prof da un compito a computer, provate a dirgli "a casa non ho Word" perché costa troppo. Ho ditegli "non ho AutoCad per fare un progetto perché costa troppo". Io ho provato e sapete che mi hanno risposto i prof?"Beh, fattelo copiare da qualche tuo compagno".Ecco cosa ci insegnano a scuola...L'ILLEGALITA'!Mr.Wolfwww.hackerzine.org
    • Anonimo scrive:
      Re: ECCO COSA CI INSEGNANO A SCUOLA!
      comunque i prof di italiano si sono persi qualcosa, in classe tua ...- Scritto da: MrWolf
      A scuola, quando un prof da un compito a
      computer, provate ...
      Ho ditegli "non
      ho AutoCad per fare...HO ditegli????????????? aouh!!!!! alle elementari si fa la differenza tra congiunzioni/preposizioni e i verbi!!!!!!!!e poi "da'" altrimenti non puoi distinguere tra preposizione e il verbo dare.stai di più con i prof di italiano ... loro non ti faranno spendere molto
      • Anonimo scrive:
        Re: ECCO COSA CI INSEGNANO A SCUOLA!
        Ciao Wolf, la tua non è l'unica scuola in cui si fanno queste cose... anche nella mia il prof passò del sw,ma che bisogna farci? Dobbiamo per caso usare tutti notepad perchè uno non ha word?Al contrario, TUTTI i pc della scuola hanno la licenza originale!Vabbè dai, un'errore può capitare, anche se parecchio grave! Studia, che internet ti aspetta!Ciao.pieggi.
  • Anonimo scrive:
    se si continua cosi......
    a sto punto ci conviene che ce ne andiamo in cina o brasile che là nessuno ci può rompere le p*lle con ste leggi di merda fatti da uomini IGNORANTI, PUZZONI e soprattutto GRATTAPALLE!Byez
    • Anonimo scrive:
      Re: se si continua cosi......
      sisi, vai in cina dove se esprimi la tua opinione su un forum pubblico ti arrestano (fatto realmente accaduto e forse anche riportato qui su PI).
    • Anonimo scrive:
      Re: se si continua cosi......
      perfettamente d'accordo... io li ucciderei tutti senza pietà per rimpiazzarli con una sana anarchia-capitalista tipo linux...
  • Anonimo scrive:
    e se io faccio un programma
    1a) e se io faccio un programma, uno scriptino o un qualunque programmino in qualsivoglia linguaggio, lo masterizzo e lo do ad uno o piú amici, sto distribuendo software in supporti non contrassegnati dalla SIAE, sono soggetto alla pena della reclusione?1b) E se lo stesso software, anzichè distribuirlo su CD, lo distribuisco su supporto cartaceo, magari scritto a mano, sono altrettanto punibile? se in questo caso no, dove sta la differneza sostanziale nel contenuto dell'informazione che sto distribuendo?2) se copio del software per uso personale casalingo, è proprio vero che ne traggo profitto? Profitto significa anche "mancata perdita patrimoniale", cioè significa che copiando risparmio i soldi dell'acquisto. E se io non avendo altra scelta, comunque non comprerei il software, ma ne farei a meno, dov'è la mancata perdita?3) Cosa significa duplicare abusivamente un programma? Se si tratta di duplicare un cd-rom con del software originale, chessó un qualche Adobe, non vedo dove stà l'abusivismo: tutte (correggetemi se sbaglio) le licenze software si applicano all'installazione, cioè all'operazione che rende il programma fruibile, e non alla copia.4) Cosa significa ricevere un programma duplicato abusivamente? Se io ricevo un cd da un amico con sopra fra le altre cosa un qualche programma duplicato (ancora, cosa cavolo significa? E se il CD fosse in realtà l'unica copia al mondo di quel programma che ho fatto io, cosa significa duplicato o copiato, da dove?), qualunque programma, protetto oppure no da licenza, e non lo installo e non lo uso, dov'è il mio profitto? Sono punibile?5) e se io anzichè copiare cosí com'è un CD originale, ma ne faccio qualche piccola modifica, chessó cambio qualche nome ai file di installazione e mi preoccupo che tutto possa funzionare comunque, sto ancora "duplicando" il software?In conclusione: ci sono già le regole dettate dalle softwarehouse per l'utilizzo dei loro programmi (sottolineo l'utilizzo) dove sta la necessità di aggiungere nella nostra legislazione, con tutte le casistiche e complicazioni che comporta, la copia, la distribuzione etc. etc.?Giac
    • Anonimo scrive:
      Re: e se io faccio un programma
      - Scritto da: giac
      1a) e se io faccio un programma, uno
      scriptino o un qualunque programmino in
      qualsivoglia linguaggio, lo masterizzo e lo
      do ad uno o piú amici, sto distribuendo
      software in supporti non contrassegnati
      dalla SIAE, sono soggetto alla pena della
      reclusione?no, è roba tua

      1b) E se lo stesso software, anzichè
      distribuirlo su CD, lo distribuisco su
      supporto cartaceo, magari scritto a mano,
      sono altrettanto punibile? se in questo caso
      no, dove sta la differneza sostanziale nel
      contenuto dell'informazione che sto
      distribuendo?non c'è, è roba tua
      2) se copio del software per uso personale
      casalingo, è proprio vero che ne traggo
      profitto? Profitto significa anche "mancata
      perdita patrimoniale", cioè significa che
      copiando risparmio i soldi dell'acquisto. E
      se io non avendo altra scelta, comunque non
      comprerei il software, ma ne farei a meno,
      dov'è la mancata perdita?se non lo compreresti, cosa te ne fai?

      3) Cosa significa duplicare abusivamente un
      programma? Se si tratta di duplicare un
      cd-rom con del software originale, chessó un
      qualche Adobe, non vedo dove stà
      l'abusivismo: tutte (correggetemi se
      sbaglio) le licenze software si applicano
      all'installazione, cioè all'operazione che
      rende il programma fruibile, e non alla
      copia.puoi fare solo la copia di backup se possiedi l'originale, ed usarla solo se l'originale si danneggia.
      4) Cosa significa ricevere un programma
      duplicato abusivamente? Se io ricevo un cd
      da un amico con sopra fra le altre cosa un
      qualche programma duplicato (ancora, cosa
      cavolo significa? E se il CD fosse in realtà
      l'unica copia al mondo di quel programma che
      ho fatto io, cosa significa duplicato o
      copiato, da dove?), qualunque programma,
      protetto oppure no da licenza, e non lo
      installo e non lo uso, dov'è il mio
      profitto? Sono punibile?sì, non devi avere software che non hai comperato o che non hai diritto di avere
      5) e se io anzichè copiare cosí com'è un CD
      originale, ma ne faccio qualche piccola
      modifica, chessó cambio qualche nome ai file
      di installazione e mi preoccupo che tutto
      possa funzionare comunque, sto ancora
      "duplicando" il software?Sì.
      In conclusione: ci sono già le regole
      dettate dalle softwarehouse per l'utilizzo
      dei loro programmi (sottolineo l'utilizzo)
      dove sta la necessità di aggiungere nella
      nostra legislazione, con tutte le casistiche
      e complicazioni che comporta, la copia, la
      distribuzione etc. etc.?Sì.
  • Anonimo scrive:
    Domanda sul software pre-installato
    Ciao,La mia domanda verte sul swf pre-installato: è da ritenersi illegale la fornitura di un pacchetto swf senza la consegna fisica del cd?O meglio: installazione del swf su un computer altrui con la key in mio possesso senza copiare alcun cd è reato?
    • Anonimo scrive:
      Re: Domanda sul software pre-installato
      - Scritto da: Sigfrido
      Ciao,

      La mia domanda verte sul swf pre-installato:
      è da ritenersi illegale la fornitura di un
      pacchetto swf senza la consegna fisica del
      cd?Il sw preinstallato (a meno che sia una demo) è sempre accompagnato dal certificato di autenticità riportante un numero di serie o CD (anche se il CD non c'è) Key (chiamato anche licenza).Per i sw acquistati via internet, il "certificato di autenticità" rimane presso il fornitore e si può verificare il qualunque momento se si è proceduto o meno all'acquisto.Ricordo a questo proposito che un fornitore sw può ritirare la licenza d'uso di un suo prodotto in qualunque momento senza nessuna formalità (sì, anche M$ vi può comunicare da un giorno all'altro che le vostre licenze non sono più valide).
      O meglio: installazione del swf su un
      computer altrui con la key in mio possesso
      senza copiare alcun cd è reato?
      Dipende dalla licenza del sw.Per il sw M$ è consentito purchè sia l'unica installazione di quel sw con quella CD Key (nel caso si disponga di una sola licenza).La licenza (il certificato di autenticità allegato al sw) è relativo a quel CD Key.
  • Anonimo scrive:
    ITALIA: IL PAESE DELLE LIBERTA' (X LA SIAE)
    Allora..- siamo l'unico paese dove un'ente come la SIAE ha una percentuale sui cd vergini- eravamo (fino a poco tempo fa) l'unico paese dove la SIAE imponeva il proprio bollino anche su cd con software in licenza GPL (cioè liberi)- che la SIAE si occupi della riscossione dei proventi derivanti da diritto d'Autore in regime monopolista di fatto è una palese violazione alle norme comunitarie sulla concorrenza (in particolare agli artt. 86 e 90 del Trattato CE, recepito dall'art 9 l.287/90)". - (QUESTA E' GROSSA) Art 624, Comma 1 Codice Penale, in Italia si rischia meno a rubare software originale che a copiarlo!!!!!!ps: http://punto-informatico.it/p.asp?i=38559 (se volete approfondire ancora di più la questione)
  • Anonimo scrive:
    Una legge ??? UNA CUCUZZA !!!
    "Chiunque abusivamente duplica, per trarne profitto, programmi per elaboratore o ai medesimi fini importa, distribuisce, vende, detiene a scopo commerciale o imprenditoriale o concede in locazione programmi contenuti in supporti non contrassegnati dalla Società Italiana degli autori ed editori (SIAE) è soggetto ......"E' soggetto ???? a che ????Io compro un software ONLINE e lo scarico ONLINE, lo pago con carta di credito, il bollino virtuale ancora non l'hanno inventato, poi lo copio in un supporto SENZA BOLLINO...perchè a dire la verità non mi piace il logo della Società degli Autori e siccome il supporto è mio di mia proprietà..NON POSSONO MODIFICARE LA PAROLA PROPRIETA' ed il concetto di PROPRIETA' almeno che non facciano un referendum costituzionale..e vi immaginate modificare "proprietà" ...IMMOBILI etc.etc.Poi autori di chè ??? il Software in questione la società sviluppatrice lo ha registrato in Kazakistan e dunque a limite sarà la Società degli editori del Kazakistan a dovermi farmi causa nel caso in cui ledo in qualche modo le politiche di registrazione....si ma siccome per legge mi trovo in Italia ed io sono l'acquirente il processo me lo debbono fare in Italia....OK fate venire in Italia il responsabile della società Kazakistanana........Poi ancora quando acquisto eventualmente un software e me lo spediscono via corriere ed arriva in dogana Italiana...quelli non sanno manco di che cosa si tratta......ho acquistato un software da una softwarehouse americana ed in dogana hanno messo CDAUDIO MUSICALE ......ERA UN AGGIORNAMENTO AD UN SOFTWARE PER FARE MUSICA E NON CONTENEVA SULLA CHE FOSSE MUSICA.Insomma..... come direbbe un mio carissimo amico Siciliano..."Girila comu vuoi sempri CUCUZZA je".
  • Anonimo scrive:
    MP3: ecco come aggirare legalmente l'ostacolo
    Allora, ditemi se sbaglio...Possiedo un ricevitore digitale per la TV via SAT con regolare abbonamento nel quale sono incluse parecchie radio monotematiche con qualità CD.Se io registro, come faccio normalmente, le canzoni sull'HD in formato MP3, qualcuno mi vuole spiegare dove sta il reato???Se compro una videocassetta e registro un film da D+ non commetto reato, giusto?Allora se compro un CD e ci metto sopra i brani registrati da una radio digitale non commetto reato, giusto?E come fanno i finanzieri a dimostrare che un qualsiasi brano è stato convertito in MP3 da un CD piuttosto che dalla radio?Del resto i lettori DVD adesso leggono pure i CD MP3, quindi detenere MP3 non è illegale di per sè.Qualcuno mi saprebbe rispondere? Qui rischiamo l'arresto anche a videoregistrare il festival di Sanremo (che, detto fra noi, è talmente penoso che andrebbe abolito!)
    • Anonimo scrive:
      Re: MP3: ecco come aggirare legalmente l'ostacolo
      Ho paura che sia reato anche registrarsi il film sul videoregistratore di casa.Resta il fatto che simili leggi sono solo ad esclusivo vantaggio dei lucrosi guadagni delle major, e a totale vessazione dell'utente.Vogliono un mondo in cui una cosa non pagata non si può neppure vedere da lontano? In cui è reato anche ascoltare il CD sul computer anziché sullo stereo? In cui lo studente che a casa vuole ritoccare la tesina scritta a scuola o all'università con Word, paghi il suo milione per farlo?Un mondo simile sarebbe la loro rovina.
      • Anonimo scrive:
        "Un mondo simile la loro rovina" ?
        un mondo simile E' la rovina.quando devi pagare per qualsiasi cosa non ti risollevi più.microsoft ha pagato per copiare il sistema operativo e il concetto su cui è basato alla Apple? non credo proprio.E ci guadagna parecchio.Il fatto del lucrare dovrebbe essere ripristinato. Supponete ad esempio che un gruppo di ragazzi suoni GRATIS in giro...perché rompere i coglioni con SIAE, diritti, iscrizioni, cazzi e affini ... ma smettiamola!BASTA!- Scritto da: copy(cut)
        Un mondo simile sarebbe la loro rovina.
    • Anonimo scrive:
      Re: MP3: ecco come aggirare legalmente l'ostacolo
      Concordo in pieno, mi sa prorrio che se i discografici non si svegliano sara' proprio questa la strada, almeno fin quando non si inventeranno qualche diavoleria per impedire anche quel tipo di registrazione.Per chi ha la memoria corta, infatti, vorrei ricordare che proprio per questo i discografici uccisero, qualche anno fa lo standard DAT che, a loro giudizio copiava troppo bene!Senza dimenticare poi che anche con l'MP3 ci hanno gia' provato piu' volte a farlo fuori!
      • Anonimo scrive:
        Re: MP3: ecco come aggirare legalmente l'ostacolo
        il dat viene utilizzato tutt`ora ma solo da chi cn lamusica c traficca...cmq nssn t vieta di andare in giro cn il dat..magari t costa 1po` + d 1lettore mp3ma la qualita` e` decisamente superiore
    • Anonimo scrive:
      Re: MP3: ecco come aggirare legalmente l'ostacolo
      - Scritto da: MP3 son legali
      Allora, ditemi se sbaglio...
      Possiedo un ricevitore digitale per la TV
      via SAT con regolare abbonamento nel quale
      sono incluse parecchie radio monotematiche
      con qualità CD.
      Se io registro, come faccio normalmente, le
      canzoni sull'HD in formato MP3, qualcuno mi
      vuole spiegare dove sta il reato???Proviamoci.
      Se compro una videocassetta e registro un
      film da D+ non commetto reato, giusto?No. Commetti reato. E' questo il punto.Il videoregistratore serve per registrare filmini casalinghi tuoi.Qualsiasi registrazione non autorizzata è reato.E pure la sua copia, prestito, ecc.
      Allora se compro un CD e ci metto sopra i
      brani registrati da una radio digitale non
      commetto reato, giusto?No. Commetti reato. E' questo il punto.Un masterizzatore audio serve per registrarci sopra la tua voce o le tue strimpellate.Qualsiasi registrazione non autorizzata è reato.E pure la sua copia, prestito, ecc.
      E come fanno i finanzieri a dimostrare che
      un qualsiasi brano è stato convertito in MP3
      da un CD piuttosto che dalla radio?Non serve. Se non è di tua produzione è già reato.
      Del resto i lettori DVD adesso leggono pure
      i CD MP3, quindi detenere MP3 non è illegale
      di per sè.No. L'MP3 è un formato.Se dentro MP3 c'è -per esempio- la tua voce, puoi farne quello che vuoi.Se dentro MP3 ci sono incisioni di altri è un reato (sempre che non siano copie di backup di un supporto originale in tuo possesso).
      Qualcuno mi saprebbe rispondere? Qui
      rischiamo l'arresto anche a videoregistrare
      il festival di Sanremo Certo che lo stai rischiando.La semplice detenzione è già reato e, per esempio, se la copi e la distribuisci a tutti i tuoi parenti, sei in grave flagranza di reato (anche 8 anni!).Vedi, l'obiettivo delle Majors è quello di rendere fuori legge qualunque registrazione (possibilmente anche quelle che compri originali) in modo che tu debba "riacquistare" un film, una canzone, ecc. ogni volta che lo vuoi rivedere/risentire.Per il sw si vuole arrivare (più o meno) allo stesso concetto.Uno
      • Anonimo scrive:
        Re: MP3: ecco come aggirare legalmente l'ostacolo

        Il videoregistratore serve per registrare
        filmini casalinghi tuoi.
        Qualsiasi registrazione non autorizzata è
        reato.Scusami tanto, ma qui c'è qualcosa che non torna.Il videoregistratore possiede un timer che consente di registrare qualsiasi cosa venga trasmessa alla TV. Addirittura le guide TV riportano il codicino per la casalinga che non sa usare il timer in maniera tale da videoregistrarsi la telenovela preferita.La videocassetta vergine ha sopra la tassa SIAE.Per quale motivo allora vendono le videocassette VHS vergini? Per usarle con le vecchie telecamere Philips da tre tonnellate che usano oramai solo i professionisti?Dunque, registrare un film che danno alla TV alle 4 del mattino (sennò che lo danno a fare alle 4 del mattino? Per la gioia delle guardie giurate???) non può essere considerato reato se è per mia personale visione casalinga.Allora mi potresti dire che devo guardarlo e cancellarlo subito dopo.Okay, e se io lo guardo dopo un anno perchè non ho avuto tempo? Chi è che mi può obbligare a guardarlo entro 24 ore? E poi dove sta scritto che lo devo guardare entro 24 ore?Evidentemente c'è qualcosa che non torna. Se puoi vendere il videoregistratore con il timer allora significa che non serve solo per guardare gli eventi catturati con la telecamera del nonno!Dov'è che sbaglio?
        • Anonimo scrive:
          Re: MP3: ecco come aggirare legalmente l'ostacolo
          - Scritto da: MP3 son legali

          Il videoregistratore serve per registrare

          filmini casalinghi tuoi.

          Qualsiasi registrazione non autorizzata è

          reato.

          Scusami tanto, ma qui c'è qualcosa che non
          torna.
          Il videoregistratore possiede un timer che
          consente di registrare qualsiasi cosa venga
          trasmessa alla TV. Addirittura le guide TV
          riportano il codicino per la casalinga che
          non sa usare il timer in maniera tale da
          videoregistrarsi la telenovela preferita.
          La videocassetta vergine ha sopra la tassa
          SIAE.
          Per quale motivo allora vendono le
          videocassette VHS vergini? Per usarle con le
          vecchie telecamere Philips da tre tonnellate
          che usano oramai solo i professionisti?
          Dunque, registrare un film che danno alla TV
          alle 4 del mattino (sennò che lo danno a
          fare alle 4 del mattino? Per la gioia delle
          guardie giurate???) non può essere
          considerato reato se è per mia personale
          visione casalinga.
          Allora mi potresti dire che devo guardarlo e
          cancellarlo subito dopo.
          Okay, e se io lo guardo dopo un anno perchè
          non ho avuto tempo? Chi è che mi può
          obbligare a guardarlo entro 24 ore? E poi
          dove sta scritto che lo devo guardare entro
          24 ore?
          Evidentemente c'è qualcosa che non torna. Se
          puoi vendere il videoregistratore con il
          timer allora significa che non serve solo
          per guardare gli eventi catturati con la
          telecamera del nonno!
          Dov'è che sbaglio?Non sbagli: è una delle ipocrisie della selva di leggi italiane (che tu lo possa fare non è detto che non sia reato)Ma ci sono anche altri esempi:La stradale può elevarti SEMPRE una multa (è bene che ti rendi conto che non sei mai veramente in regola).La GdF troverà SEMPRE cose che non vanno nel tuo business (comunque fai sbagli sempre).Naturalmente, non ho detto che non ci sarebbero anche altre cose che dovrebbero essere corrette ...
          • Anonimo scrive:
            Re: MP3: ecco come aggirare legalmente l'ostacolo
            MIODDIO.Tu hai forsennatamente RAGIONE!Io non posso avere rispetto di un governo (potere legistlativo + esecutivo) che mi fa sentire così.=====- Scritto da: Uno


            - Scritto da: MP3 son legali

            Dov'è che sbaglio?

            Non sbagli: è una delle ipocrisie della
            selva di leggi italiane (che tu lo possa
            fare non è detto che non sia reato)

            Ma ci sono anche altri esempi:
            La stradale può elevarti SEMPRE una multa (è
            bene che ti rendi conto che non sei mai
            veramente in regola).
            La GdF troverà SEMPRE cose che non vanno nel
            tuo business (comunque fai sbagli sempre).

            Naturalmente, non ho detto che non ci
            sarebbero anche altre cose che dovrebbero
            essere corrette ...
      • Anonimo scrive:
        Re: MP3: ecco come aggirare legalmente l'ostacolo
        - Scritto da: Uno

        Se compro una videocassetta e registro un

        film da D+ non commetto reato, giusto?
        No. Commetti reato. E' questo il punto.
        Il videoregistratore serve per registrare
        filmini casalinghi tuoi.
        Qualsiasi registrazione non autorizzata è
        reato.
        E pure la sua copia, prestito, ecc.No, dico, staremo mica scherzando?? Ma lo sai che paghiamo gia' i diritti d'autore su ogni singola videocassetta o cassetta vergine che viene venduta nei negozi proprio perche' E' LEGALE registrarci film e spettacoli???

        Allora se compro un CD e ci metto sopra i

        brani registrati da una radio digitale non

        commetto reato, giusto?
        No. Commetti reato. E' questo il punto.
        Un masterizzatore audio serve per
        registrarci sopra la tua voce o le tue
        strimpellate.
        Qualsiasi registrazione non autorizzata è
        reato.
        E pure la sua copia, prestito, ecc.Ti sbagli, la copia della musica NON E' REATO. Vatti a rileggere la legge sul diritto d'autore! Quella sugli audiovisivi differisce NETTAMENTE da quella sul software, e' proprio qui l'ingiustizia!Alberto Scala
        • Anonimo scrive:
          Re: MP3: ecco come aggirare legalmente l'ostacolo

          Ti sbagli, la copia della musica NON E'
          REATO. Vatti a rileggere la legge sul
          diritto d'autore! Quella sugli audiovisivi
          differisce NETTAMENTE da quella sul
          software, e' proprio qui l'ingiustizia!Non è che mi sapresti dire dove trovare il testo completo?Thanx
        • Anonimo scrive:
          Re: MP3: ecco come aggirare legalmente l'ostacolo
          io temo che ti sbagli tu.non che questo mi renda felice ... ma secondo me il tutto (esistenza del videoregistratore ecc ecc) si basa proprio su un trucco, su un guazzabuglio e sul fatto che è poco probabile che la finanza venga a casa di tutti.ma è sottinteso che se la finanza arriva da te e tu hai un armadio pieno di film in VHS ... TE LA PAGHI TUTTA.finiresti dentro perché hai Pocahontas, ti rendi conto?Oppure perché hai registrato tutta la serie di Twin Peaks (già che ci siamo ... c'è qualcuno che ha tutta la serie in italiano? la cerco!!!)- Scritto da: Alberto Scala
          No, dico, staremo mica scherzando?? Ma lo
          sai che paghiamo gia' i diritti d'autore su
          ogni singola videocassetta o cassetta
          vergine che viene venduta nei negozi proprio
          perche' E' LEGALE registrarci film e
          spettacoli???


          Ti sbagli, la copia della musica NON E'
          REATO. Vatti a rileggere la legge sul
          diritto d'autore! Quella sugli audiovisivi
          differisce NETTAMENTE da quella sul
          software, e' proprio qui l'ingiustizia!
          • Anonimo scrive:
            A --
            AAAA
          • Anonimo scrive:
            Re: MP3: ecco come aggirare legalmente l'ostacolo
            mah! non credo
          • Anonimo scrive:
            Re: MP3: ecco come aggirare legalmente l'ostacolo
            e poi c'è da aggiungere che con CD e mp3 il tutto divampa molto più rapidamente che con VHS
          • Anonimo scrive:
            Re: MP3: ecco come aggirare legalmente l'ostacolo

            e poi c'è da aggiungere che con CD e mp3 il
            tutto divampa molto più rapidamente che con
            VHSChe c'entra?Se io appicco un incendio e brucio un bosco commetto reato; se brucio un'aiuola commetto reato ugualmente. Ci possono essere pene più o meno severe a seconda dell'entità del danno che sei riuscito a creare, ma il reato rimane uguale.Qui il problema è capire se avere un videoregistratore o un radioregistratore e utilizzarli per registrare ciò che danno alla TV o alla radio sia legale o meno. Sarebbe interessante conoscere l'opinione dell'autrice dell'articolo.Punto Informatico, ci sei??? Facci capire!!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: MP3: ecco come aggirare legalmente l'ostacolo
            - Scritto da: JFX


            io temo che ti sbagli tu.
            non che questo mi renda felice ... ma
            secondo me il tutto (esistenza del
            videoregistratore ecc ecc) si basa proprio
            su un trucco, su un guazzabuglio e sul fatto
            che è poco probabile che la finanza venga a
            casa di tutti.

            ma è sottinteso che se la finanza arriva da
            te e tu hai un armadio pieno di film in VHS
            ... TE LA PAGHI TUTTA.No, scusa ma ti sbagli. C'e' una sentenza della corte costituzionale a riguardo, la Home Recordings Act, che stabilisce la legalita' delle registrazioni effettuate dall'etere, in quanto serve alla visione differita nel tempo. Anche in Italia funziona cosi'. La finanza di cui parli non puo' farci nulla: paghiamo i diritti comprando le videocassette, quindi ci puoi registrare quello che ti pare. E posso anche citare il caso di un mio amico cinefilo, che ha ricevuto una visita dei finanzieri e, pur avendo 2000 videocassette registrate da tele piu' non si e' visto fare il minimo appunto.Alberto Scala
          • Anonimo scrive:
            Re: MP3: ecco come aggirare legalmente l'ostacolo
            hey!mi interessa molto.potresti citarmi la legge ITALIANA che dice questo?articolo, comma e cazzini vari?magari un link ... qualsiasi cosa!oppure postami una fotocopia!!!!!! :-)davvero mi interessa!!!!!!!- Scritto da: Alberto Scala


            - Scritto da: JFX





            io temo che ti sbagli tu.

            non che questo mi renda felice ... ma

            secondo me il tutto (esistenza del

            videoregistratore ecc ecc) si basa proprio

            su un trucco, su un guazzabuglio e sul
            fatto

            che è poco probabile che la finanza venga
            a

            casa di tutti.



            ma è sottinteso che se la finanza arriva
            da

            te e tu hai un armadio pieno di film in
            VHS

            ... TE LA PAGHI TUTTA.

            No, scusa ma ti sbagli. C'e' una sentenza
            della corte costituzionale a riguardo, la
            Home Recordings Act, che stabilisce la
            legalita' delle registrazioni effettuate
            dall'etere, in quanto serve alla visione
            differita nel tempo. Anche in Italia
            funziona cosi'. La finanza di cui parli non
            puo' farci nulla: paghiamo i diritti
            comprando le videocassette, quindi ci puoi
            registrare quello che ti pare. E posso anche
            citare il caso di un mio amico cinefilo, che
            ha ricevuto una visita dei finanzieri e, pur
            avendo 2000 videocassette registrate da tele
            piu' non si e' visto fare il minimo appunto.

            Alberto Scala
      • Anonimo scrive:
        La trasformazione di beni in servizi
    • Anonimo scrive:
      Re: MP3: ecco come aggirare legalmente l'ostacolo
      - Scritto da: MP3 son legali
      Allora, ditemi se sbaglio...
      Se io registro, come faccio normalmente, le
      canzoni sull'HD in formato MP3, qualcuno mi
      vuole spiegare dove sta il reato???Credo che l'attuale legislazione impedisca anche la registrazione da radio (analogiche o satellitari...)
      Se compro una videocassetta e registro un
      film da D+ non commetto reato, giusto?No, infatti è questo l'assurdo. Non so perchè, cmq potrei anche sbagliarmi.
      Allora se compro un CD e ci metto sopra i
      brani registrati da una radio digitale non
      commetto reato, giusto?Dipende dal punto sopra :)
      E come fanno i finanzieri a dimostrare che
      un qualsiasi brano è stato convertito in MP3
      da un CD piuttosto che dalla radio?
      Del resto i lettori DVD adesso leggono pure
      i CD MP3, quindi detenere MP3 non è illegale
      di per sè.Teoricamente no, ma praticamente lo diventerà presto :)
      Qualcuno mi saprebbe rispondere? Qui
      rischiamo l'arresto anche a videoregistrare
      il festival di Sanremo (che, detto fra noi,
      è talmente penoso che andrebbe abolito!)Giusto ! Se uno videoregistra sanremo non rischia l'arresto, ma l'internamento in un manicomio !!! LOL!
    • Anonimo scrive:
      Re: MP3: ecco come aggirare legalmente l'ostacolo
      ciao,avevo pensato anch'io ad una soluzione simile e ho approfondito la questione, l'unica cosa negativa è che mentre sulle videocassette vergini paghi i diritti alla beneamata siae sui comuni cd-r no quindi non avresti siritto a registrarci nulla di quanto trasmesso via satellite, tuttavia comprnado i cdr audio ( uguali agli altri ma con i diritti siae pagato) non avresti nulal d atemer ein quanto di diritti li paghi tu per il supporto e l'emittente satellitare per la trasmissione, questa è solo la mia opionione (con i tempi ch ecorrono è meglio precisare)Saluti
  • Anonimo scrive:
    ma allora perche' paghiamo sui cd vergini la siae?
    se un privato ha già pagato i diritti siae sui cd vergini, allora copiarci sopra file mp3 per sentirli privatamente non è reato in quanto ho già pagato i diritti.ma come si fa a prevedere il carcdere per una persona che copia dei cd per i cazzi suoi e poi sulel strade ci sono le prostitute clandestine che fanno guadagnare miliardi ai loro protettori e nessuno fa nulla.la pena secondo la costituzione dev'essere di insegnamento e non un salasso economico di usura e morale.ricorrendo dopo una condanna per copia abusiva le pene assurde vengono di sicuro annullate.quì si tutelano gli interessi delle multinazionali e non dei cittadini.
    • Anonimo scrive:
      Re: ma allora perche' paghiamo sui cd vergini la s
      - Scritto da: ciccio
      quì si tutelano gli interessi delle
      multinazionali e non dei cittadini.E quando mai è stato diversamente ? Le leggi prima erano fatte dai Nobili, ora dalle multinazionali, ma è sempre la stessa cosa. :)
    • Anonimo scrive:
      Re: ma allora perche' paghiamo sui cd vergini la siae?
      Non mi stupisoc affatto figurati, per denaro si arriva addirittura a vendersi un figlio!
    • Anonimo scrive:
      Re: ma allora perche' paghiamo sui cd vergini la siae?

      quì si tutelano gli interessi delle
      multinazionali e non dei cittadini.benvenuto nel mondo reale... :-/
  • Anonimo scrive:
    la Siae ha una percentuale sui CD vergini!
    Forse voi non lo sapete, ma in Italia la Siae ha perfino una percentuale sui cd vergini.Dopo questo affronto, non comprero' mai e poi mai un cd originale.Ma in fondo c'e' di peggio, c'e' gente che brevetta il sangue di un individuo (Limone sul Garda). Se volete saperne di piu' guardate Beppe Grillo.In cuxo se le beccano le percentuali quei baxtardi della siae. Che possano brxciare negli alti f0rni.Malexetti voi SIAtE!
    • Anonimo scrive:
      Re: la Siae ha una percentuale sui CD vergini!
      Guarda che al momento la percentuale la piglia solo sui CD "for audio" e non sugli altri vergini. Ecco perché costano il doppio.Comunque non passeranno molti mesi che...
  • Anonimo scrive:
    VI SIETE CHIESTI IL PERCHE' SI COPIA IL SOFTWARE?
    Voglio fare una domanda anche alle softwarehouse.I ragazzi del Sud italia come possono acquistare software se non lavorano?Sono condannati a rimanere analfabeti in campo informatico?Si parla di informatizzazione del sud ma poi....Oggi lo standard per l'office automation è il software microsoft.Quindi un disoccupato che non ha un euro deve acquistare Office.. che costa 500euro.Oppure può farsi dare una copia da un amico che ha acuistato regolarmente il software microsoft.La legge punisce sia il disoccupato che l'amico, invece chi produce milioni di cd pirata rimane in libertà.Allora qual'è la soluzione? Lo chiedo anche alla Microsoft.Devo rimanere ignorante o rischiare la galera?Oppure voi della MICROSOFT mi regalate il software ed evitate che io e il mio amico finiamo in galera. Attendo una risposta
    • Anonimo scrive:
      Re: VI SIETE CHIESTI IL PERCHE' SI COPIA IL SOFTWARE?
      - Scritto da: nicolas
      Voglio fare una domanda anche alle
      softwarehouse.Come vuoi che ti rispondano ?(te lo diranno in modo diverso ma la sostanza è la stessa)
      I ragazzi del Sud italia come possono
      acquistare software se non lavorano?Se studiano si possono comprare le versioni Academic.Altrimenti si attaccano ai socket.Comunque non siamo discriminatori: questo vale anche per quelli del nord.
      Sono condannati a rimanere analfabeti in
      campo informatico?Certamente, altrimenti i politici non si potrebbero occupare del "Digital Divide": bisogna dare un po' di lavoro anche a loro!Poi, se c'è qualcuno che paga per voi (anche tramite le tasse) per noi và bene ...
      Si parla di informatizzazione del sud ma
      poi....A noi che produciamo software non interessa del livello di informatizzazione del sud o del nord o dell'Italia o del mondo in genere.A noi interessa spennare i pollazzi ed incrementare i nostri conti in banca, senza nessuna ideologia, senza nessuna discriminazione (se non monetaria) e nessuna remora.
      Oggi lo standard per l'office automation è
      il software microsoft.Embè ?Il monopolio a qualcosa a deve servire, o no?
      Quindi un disoccupato che non ha un euro
      deve acquistare Office.. che costa 500euro.Ci sono le versioni academic di cui sopra.E ci sono i corsi interattivi a dispense per pezzen... cioè per "poco abbienti" che un'infarinata te la danno.
      Oppure può farsi dare una copia da un amico
      che ha acuistato regolarmente il software
      microsoft.Però i soldi per comprare il masterizzatore ce l'avete ... !!!Questo è come dire: voglio imparare a condurre un camion, pertanto sono giustificato a rubarne uno!Ti ricordo che infrangere la legge è reato: se ti becchiamo ti facciamo un mazzo così!Leggi qui cosa ci combinano pirati come te:http://www.microsoft.com/issues/essays/2002/03-05piracy.aspSemmai, se vai ad utilizzare il sw dal tuo amico, sul suo stesso PC, con la stessa installazione è tutto ok.Ti ricordo che anche la locazione non è ammessa dalle nostre EULA (non vorrei avervi dato l'idea di passarvi il CD originale tra voi!).
      La legge punisce sia il disoccupato che
      l'amico, invece chi produce milioni di cd
      pirata rimane in libertà.No. Stai tranquillo che tra poco becchiamo anche lui e anche qualcuno che potrebbe iniziare a pensare di ingrandirsi ...Stai tranquillo è solo questione di tempo.Abbiamo fatto una bella ramanzina su questo tema allo Stato Italiano !... pfui! Covo di pirati!
      Allora qual'è la soluzione? Che qualche politico faccia in modo che lo Stato Italiano paghi per la tua formazione.Oppure trovi il modo per comprarti legittimamente una copia del software raggranellando qualche soldo (non sò, ma da come parli mi sembra che ancora non hai pensato a proprio "tutto" ...).
      Lo chiedo anche alla Microsoft.
      Devo rimanere ignorante o rischiare la
      galera?Fai te.Più che un rischio, vorremmo che la galera fosse una certezza, se sgarri.
      Oppure voi della MICROSOFT mi regalate il
      software ed evitate che io e il mio amico
      finiamo in galera. Se *paghi* ti diamo il sw.Se *non paghi* non te lo diamo.Se *copiate* te ed il tuo amico andate in galera.Punto.Discorso finito.Non c'è altro da aggiungere.
      Attendo una rispostaAspetta e spera.Quanti dubbi hai che le risposte non siano queste ? (magari dette con più "grazia")ByeUno
      • Anonimo scrive:
        Re: VI SIETE CHIESTI IL PERCHE' SI COPIA IL SOFTWARE?
        - Scritto da: Uno


        - Scritto da: nicolas


        Voglio fare una domanda anche alle

        softwarehouse.

        Come vuoi che ti rispondano ?

        (te lo diranno in modo diverso ma la
        sostanza è la stessa)Sei veramente un dipendente dei "produttori" o questo messaggio e' una semplice boutade?Nel secondo caso, ti rendi conto della gravita' di cio' che dici? Una sanzione penale per il semplice fatto di usare un programma senza licenza d'uso e' assolutamente demenziale!! E' una cazzata a livello teorico e anche pratico! Teorico perche' la copia di un software non e' un reato, in quanto non e' un furto, dal momento che non esiste nessuna prova in cielo o in terra che possa dimostrare che, in assenza della copia, quel determinato utente avrebbe comprato l'originale, ergo, che voi ci abbiate rimesso dei soldi, e pratico perche' i nostri tribunali hanno altro da fare che perdersi in queste boiate. Voi produttori (ammesso che tu veramente lo sia, a me il tuo messaggio mi sembra solo una trollata) volete che la vostra morale diventi la nostra. Sappiate che la copia ad uso personale non viene percepita da NESSUNO come reato, e mai lo sara'. Il costume e la consuetudine sono fonti accreditate di diritto e questi stridono fortemente con la normativa che avrete voluto. State certi che prima o poi questo si appalesera' in tutta la sua evidenza e qualche legislatore dovra' metterci una pezza. Alberto Scala
        • Anonimo scrive:
          Re: VI SIETE CHIESTI IL PERCHE' SI COPIA IL SOFTWARE?
          Ahem!Non credevo di essere stato così serio e soprattutto così credibile!(Significa che siamo messi proprio male ...)Pensavo che si capisse che era una presa in giro alla legge ed ai produttori di sw che l'hanno voluta.Se lo leggi attentamente fa pure ridere (o, almeno, intendevo dargli questo effetto).Uno
          • Anonimo scrive:
            Re: VI SIETE CHIESTI IL PERCHE' SI COPIA IL SOFTWA
            - Scritto da: Uno
            Ahem!

            Non credevo di essere stato così serio e
            soprattutto così credibile!
            (Significa che siamo messi proprio male ...)
            Pensavo che si capisse che era una presa in
            giro alla legge ed ai produttori di sw che
            l'hanno voluta.

            Se lo leggi attentamente fa pure ridere (o,
            almeno, intendevo dargli questo effetto).

            UnoTranquillo si capiva benissimo che era messa sul ridere. Ed era anche divertente :) Ciao !
    • Anonimo scrive:
      Re: VI SIETE CHIESTI IL PERCHE' SI COPIA IL SOFTWARE?
      Ciao,1.Sono daccordo che la legge così non va bene... le pene sono spropositate.Per quanto mi riguarda la pirateria va punita però chiaramente con un minimo di flessibilità....se io compro office, è logico che non lo faccio comprare anche a mia sorella che abita nella stanza a fianco, però sicuramente non lo presto al collega d'ufficio per copiarselo.Probabilmente legalmente al momento è la stessa cosa, però nella realtà il paragone è assurdo...2.Per quanto riguarda i costi del softwarwe..Office ti serve realmente a casa? o ti basterebbe Works??Se ti serve per studiare ci sono le licenze studente ...Win XP ~ 70 euroOffice XP ~ 100 euroVisual Studio Prof. ~ 140 eurocerto bisogna essere studenti.... ma basta esserlo anche di Corsi Regionali di Formazione Professionale, non serve andare all'università.Se un software mi serve realmente lo compro, magari anche approfittando di quanto sopra, altrimenti faccio a meno. Di Autocad non so cosa farmene ed allora è inutile averne una copia pirata sul PC.Oppure invece di prenderti il PC stratosferico da 2000 euro e poi non avere di che pagarti il sw risparmia sul pc e prendi il sw preinstallato. Io lavoro su di un AMD K/ 400 e ci faccio TUTTO ma dico TUTTO quello che può servire in ambito Office e ci gioco anche.In realtà se ti dai un'occhiata in giro esistono innumerevoli sw che possono sostuire Office o addirittura Win (es. lotus Smartsuite - staroffice- linux), se poi vuoi proprio Office e Win allora hai comunque la possibilità di non pagarli a prezzo intero (al limite vai dal tuo negoziante, ti fai fare un piccolo intervento al PC e ti fai installare Office OEM).Certo se vuoi proprio Win e Office gratis vabbè allora copiateli, però se la finanza ti becca per me fa bene... è troppo facile sennò....Un ultimo esempio... fino a non molto tempo fa si trovava in commercio Corel Draw 7.0 a 150.000 lire. Perchè devo piratare la 10.0 se in realtà non utilizzo neanche la metà di quello che può fare una versione 4.0?? 150.000 sono un prezzo giusto ed abbordabile per la 7.0 ... certo per una 7.0 venduta immagino ci fossero 20 copie di 10.0 piratate, ma allora nessuna scusa regge più....vuol veramente dire che l'importante è sempre e comunque non pagare!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: VI SIETE CHIESTI IL PERCHE' SI COPIA IL SOFTWARE?

        Un ultimo esempio... fino a non molto tempo
        fa si trovava in commercio Corel Draw 7.0 a
        150.000 lire. Perchè devo piratare la 10.0
        se in realtà non utilizzo neanche la metà di
        quello che può fare una versione 4.0??
        150.000 sono un prezzo giusto ed abbordabile
        per la 7.0 ... certo per una 7.0 venduta
        immagino ci fossero 20 copie di 10.0
        piratate, ma allora nessuna scusa regge
        più....
        vuol veramente dire che l'importante è
        sempre e comunque non pagare!!!E' vero.... anche Lotus vendeva versioni vecchie a prezzi abbordabilissimi.... ma M$ NO!!!! Esce la nuova versione, scompare la vecchia.....
        • Anonimo scrive:
          Re: VI SIETE CHIESTI IL PERCHE' SI COPIA IL SOFTWA

          E' vero.... anche Lotus vendeva versioni
          vecchie a prezzi abbordabilissimi.... ma M$
          NO!!!! Esce la nuova versione, scompare la
          vecchia..... e tu cambia marca...
      • Anonimo scrive:
        Re: VI SIETE CHIESTI IL PERCHE' SI COPIA IL SOFTWARE?
        Le tue sembrano una marea di castronerie.Quello che so è che in tutti i colloqui di lavoro mi hanno chiesto: "Sai usare bene la suite Office? Programmi di fotoritocco? CorelDraw? PhotoPaint? Montaggio digitale te la cavi?"E io posso solo ringraziare le copie illegali se oggi sono competente in questi campi.La realtà è che oggi valgo di più in campo lavorativo perchè ieri ho avuto a disposizione tutti i software importanti gratuitamente. Ad occhio e croce avrei speso più di 30.000 euro (proprio un conto approssimato) per avere quei software legalmente.E naturalemente non è facile disporre di una simile somma (anche diluita in 5 anni) SOLO per comprare software allo scopo di istruirsi, considerati tutti gli altri soldi che ad esempio, già servono per l'università.Popolo di ignoranti, forse salvato in parte dalla retrocessione tecnologica dai software pirata.
    • Anonimo scrive:
      Re: VI SIETE CHIESTI IL PERCHE' SI COPIA IL SOFTWARE?
      aspetta pure le risposte ...io comincerei a darmi da fare vai a lavorare in germania, magari ...
    • Anonimo scrive:
      Re: VI SIETE CHIESTI IL PERCHE' SI COPIA IL SOFTWA
      - Scritto da: nicolasusa software free come openoffice che e' free
    • Anonimo scrive:
      Re: VI SIETE CHIESTI IL PERCHE' SI COPIA IL SOFTWARE?

      I ragazzi del Sud italia come possono
      acquistare software se non lavorano?Come possono acquistare macchine, case, cellulari, motorini se non lavorano?Li rubano? (vale per tutti, non solo per il sud)
      Sono condannati a rimanere analfabeti in
      campo informatico?Sono condannati a rosicare perchè gli altri hanno i soldi per compranserli e loro no? (anche questo vale per tutti, perchè cacchio hai tirato fuori il sud?)
      Si parla di informatizzazione del sud ma
      poi....Quanti dei software effettivamente ti SERVONO a tal punto da doverli rubare? Solo il S.O. probabilmente. E non ho mai visto qualcuno in galera perchè c'ha windows farlocco.Fatti un PC con su solo roba linux: non spendi una lira e ti fai una cultura informatica alla grande. Anzi, alla stra-grande: molto più che con un PC windows-based.
      Oggi lo standard per l'office automation è
      il software microsoft.
      Quindi un disoccupato che non ha un euro
      deve acquistare Office.. che costa 500euro.E perchè? Ti fai un corso gratuito della regione o della comunità europea. Se maometto non va alla montagna... Hai presente il concetto di "autovalutazione delle proprie possibilità"? Se non ti è possibile economicamente fare la cosa X, non la fai... cerchi altrove. Mica la rubi.
      La legge punisce sia il disoccupato che
      l'amico, invece chi produce milioni di cd
      pirata rimane in libertà.Stronzata apocalittica. Ma dove vivi? La legge forse lo dice, ma non lo fa.Conosco centinaia di persone nella situazione della prima frase, e nessuno ha mai avuto provblemi con la legge.
      Allora qual'è la soluzione?
      Lo chiedo anche alla Microsoft.
      Devo rimanere ignorante o rischiare la
      galera?Devi cercarti un altro lavoro. Vedi sopra: se non ci si può permettere una cosa, non la si fa/compra.Anche io vorrei fare il giro del mondo in 2 anni per non rimanere ignorante in fatto di civiltà antiche. Ma mica svaligio l'agenzia di viaggi, o chiedo allo stato di pagarmelo.Sogno, e mi informo come posso (viaggetti) esattamente come tu puoi usare linux o software freeware.
      Oppure voi della MICROSOFT mi regalate il
      software ed evitate che io e il mio amico
      finiamo in galera. Attendo una rispostaNessuno ti regala un bel fico, e se tu vuoi finire in galera perchè vuoi vivere al di sopra delle tue possibilità (siano maledetti gli anni 80) è un problema tuo, non delle software house.Tanto sai bene che in galera non ci finisci: continua pure indisturbato a piratare.Ciao!
    • Anonimo scrive:
      Re: VI SIETE CHIESTI IL PERCHE' SI COPIA IL SOFTWA

      Devo rimanere ignorante o rischiare la
      galera?
      Oppure voi della MICROSOFT mi regalate il
      software ed evitate che io e il mio amico
      finiamo in galera. Attendo una rispostafai come hai fatto fino ad ora: copi il software e lo usi per imparare, se proprio non puoi permetterti licenze studenti. Quando inizi a produrre e diventi un bersaglio per la GdF ti comperi le versioni vere, dando il giusto peso ai tuoi bisogni e al tuo denaro.Ce la vedo la GdF rastrellare casa casa a cercare Win pirata....
    • Anonimo scrive:
      Re: VI SIETE CHIESTI IL PERCHE' SI COPIA IL SOFTWARE?
      la microsoft non è un ente di beneficienza, ma una azienda.nessuna azienda ti regala la macchina "perché altrimenti resti a piedi".tu e il tuo amico dovreste andare a scuola. e a quel punto fate un lavoretto il fine settimana (perché i marocchini ce li avete anche voi al sud, per cui come mai loro lavorano? per i soldi! quindi si possono prendere) e dopo 1 mesetto ti prendi una versione del software per studenti che costa un cazzesimo.quindi?chi se ne frega "noi del nord, noi del sud" tutte stronzate.c'è chi non si può permettere le cose e io sono con te, nel dirlo.io non me le posso permettere.ma se sei un ragazzo vai a scuola e ti fai la tua brava licenza per studente.e impari tutto e poi sai usare il tuo bravo programma maaaaa.... ma?ma "tanto noi del sud c'abbiamo la disoccupazzione!" e allora va'darvia i ciapét!!!no?No a parte questo razzismo del menga ... il fatto del nord e del sud è tutta una stronzata.Basta rimboccarsi le maniche e lavorare, quando c'è di mezzo il potere, la politica e la mafia, ribellarsi, combattere, non dire "ah ma almeno la mafia ci da da mangiare" perché cosa vi fa mangiare? la merda vi fa mangiare.continuate ad essere sottosviluppati se vi fate schiacciare dai vostri stessi simili che non vi vogliono far diventare come loro.E poi possiamo ribaltare il mercato ... possiamo imparare ad usare del software che fa risparmiare noi e fa risparmiare le aziende ... il software FREE! Arrivi in una azienda e TRAC! Gli sfoderi la tua VERA-REALE conoscenza (no-lamer) di linux e gli fai cambiare tutto il software (PIRATA, pena telefonatina alla BSA) con del software free(testando che possa svolgere OGNI operazione svolta prima) e gli spieghi "signori ora siete anche a posto dal punto di vista legale: se viene un finanziere gli potete aprire l'hard disc sotto gli occhi e sfilare un byte alla volta sotto il naso: sono tutti puliti (con mastrolingo!)e altre cazzate del genere.
      • Anonimo scrive:
        Re: VI SIETE CHIESTI IL PERCHE' SI COPIA IL SOFTWA
        - Scritto da: NO-SECESSIONE
        la microsoft non è un ente di beneficienza,
        ma una azienda.
        nessuna azienda ti regala la macchina
        "perché altrimenti resti a piedi".Giusto, ma io la macchina la compro una volta e la uso come voglio, non ne devo comprare una per ogni posto in cui vado. E se la uso per lavoro, non ne devo comprare una ogni anno....
        tu e il tuo amico dovreste andare a scuola.
        e a quel punto fate un lavoretto il fine
        settimana (perché i marocchini ce li avete
        anche voi al sud, per cui come mai loro
        lavorano? per i soldi! quindi si possono
        prendere) e dopo 1 mesetto ti prendi una
        versione del software per studenti che costa
        un cazzesimo.Costa una piccola percentuale del costo originale....solo che il costo originale è altissimo, quindi è cmq alto anche il costo della licenza studenti. E cmq non è quello il problema: cmq la licenza studenti scade quando non sei più studente.
        quindi?

        chi se ne frega "noi del nord, noi del sud"
        tutte stronzate.Su questo sono d'accordo.
        c'è chi non si può permettere le cose e io
        sono con te, nel dirlo.
        io non me le posso permettere.

        ma se sei un ragazzo vai a scuola e ti fai
        la tua brava licenza per studente.Non è così semplice. Io sono studente, ma non mi posso certo permettere di spendere 200? per Word Studenti, 100? per Winzozz studenti (sto sparando dati a caso), etc....
        Basta rimboccarsi le maniche e lavorare,
        quando c'è di mezzo il potere, la politica e
        la mafia, ribellarsi, combattere, non dire
        "ah ma almeno la mafia ci da da mangiare"
        perché cosa vi fa mangiare? la merda vi fa
        mangiare.Ma cosa c'entra ???
        continuate ad essere sottosviluppati se vi
        fate schiacciare dai vostri stessi simili
        che non vi vogliono far diventare come loro.Bah....
        E poi possiamo ribaltare il mercato ...
        possiamo imparare ad usare del software che
        fa risparmiare noi e fa risparmiare le
        aziende ... il software FREE! Open Source, prego. Non vorrei che tu e altri pensassero che il software di cui parli sia quello gratis....
        Arrivi in una azienda e TRAC! Gli sfoderi la
        tua VERA-REALE conoscenza (no-lamer) di
        linux e gli fai cambiare tutto il software
        (PIRATA, pena telefonatina alla BSA) con del
        software free
        (testando che possa svolgere OGNI operazione
        svolta prima) e gli spieghi "signori ora
        siete anche a posto dal punto di vista
        legale: se viene un finanziere gli potete
        aprire l'hard disc sotto gli occhi e sfilare
        un byte alla volta sotto il naso: sono tutti
        puliti (con mastrolingo!)Chissacomemai, ormai la notizia dell'esistenza di software OpenSource (spesso gratis) gira da molto, ma le cose stanno cambiando lentamente (anche se stanno cambiando)....e cmq non è solo un problema di Linux. Se una azienda vuole risparmiare può tranquillamente pagare solo Windows e usare per il resto solo sw opensource (che c'è anche per Windows). Certo, dipende da quello che un'azienda deve fare. Cmq questo discorso è OT, quindi lo termino.
    • Anonimo scrive:
      Re: VI SIETE CHIESTI IL PERCHE' SI COPIA IL SOFTWARE?
      - Scritto da: nicolas
      Voglio fare una domanda anche alle
      softwarehouse.
      I ragazzi del Sud italia come possono
      acquistare software se non lavorano?
      Sono condannati a rimanere analfabeti in
      campo informatico?
      Si parla di informatizzazione del sud ma
      poi....
      Oggi lo standard per l'office automation è
      il software microsoft.
      Quindi un disoccupato che non ha un euro
      deve acquistare Office.. che costa 500euro.
      Oppure può farsi dare una copia da un amico
      che ha acuistato regolarmente il software
      microsoft.
      La legge punisce sia il disoccupato che
      l'amico, invece chi produce milioni di cd
      pirata rimane in libertà.
      Allora qual'è la soluzione?
      Lo chiedo anche alla Microsoft.
      Devo rimanere ignorante o rischiare la
      galera?
      Oppure voi della MICROSOFT mi regalate il
      software ed evitate che io e il mio amico
      finiamo in galera. Attendo una rispostaCaro lei, la mandiamo in galera senza ombra di dubbio, e vada a lavorare BARBUN!Mister holms Responsabile di MICROSOFT ITALIA.
      • Anonimo scrive:
        Re: VI SIETE CHIESTI IL PERCHE' SI COPIA IL SOFTWA
        - Scritto da: Microsoft Italia
        Caro lei, la mandiamo in galera senza ombra
        di dubbio, e vada a lavorare BARBUN!

        Mister holms Responsabile di MICROSOFT
        ITALIA.Invece voi ladroni di M$ Italia finirete a dovervi cercare un lavoro....un vero lavoro, intendo :) Mi dispiace solo per i vostri operai....
  • Anonimo scrive:
    Gulp !
    Credo che di fronte a leggi di questo tenore, ci sia solo una cosa da fare: una bella risata! A parte che è una legge inapplicabile, che fanno arrestano diciamo più o meno 49 milioni di italiani ? (le vecchiette e i bambini sotto gli 8 anni non contano). Oppure si autoarrestano, visto che i primi che copiano sono proprio loro, i nostri cari amici della GdF ? Questa legge è l'expressio maxima della teoria che se tocchi la vita di una persona qualunque, pazienza, ma se tocchi il portafoglio di un potente, sei finito. Questo non è un incitamento alla pirateria, ma a svegliarsi, per tutti quelli che difendono questo mondo, per tutti quelli che dicono che è giusto far pagare tanto un software perchè i programmatori dovranno pur mangiare, quando invece non sono i programmatori a mangiare, ma i PADRONI! Difendete la M$ e tutte le software house che gli vanno dietro, voi benpensanti del cavolo, questi sono i frutti del mondo che vi state creando. L'omicidio è spettacono, l'assassino è uno da intervistare a Porta a Porta, meglio se ha ucciso madre e fratellino, ma poi poverino è malato, lasciamolo a casa che è meglio, invece il pirata informatico (CRACKER, torno a ribadire, CRACKER), lui sì che danneggia l'umanità, scoprendo falle in sistemi considerati dagli espertoni insulsi, "sicuri". E il copiatore, sì che danneggia l'umanità, diffondendo un software tra gente che mai l'avrebbe comprato, e quindi facendo guadagnare miliardi alla software house in immagine. Faccio una proposta provocatoria (non prendetela troppo sul serio): io cambierei la legge così."Chiunque abusivamente duplica, per trarne profitto, programmi per elaboratore o ai medesimi fini importa, distribuisce, vende, detiene a scopo commerciale o imprenditoriale o concede in locazione programmi contenuti in supporti non contrassegnati dalla Società Italiana degli autori ed editori (SIAE) è soggetto alla pena della reclusione da 20 anni a 80 anni alle Maldive a spese dello Stato e al risarcimento da ? 5000 a ? 30000 più le ferie e le trattenute d'acconto....."
    • Anonimo scrive:
      Re: Gulp !
      grande!!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Gulp !
      Hai tutta la mia ammirazione !!!Secondo me hai centrato il punto quando dici che "se tocchi la vita di una persona qualunque, pazienza, ma se tocchi il portafoglio di un potente, sei finito" ...Il brutto è che tutto al mondo d'oggi (e non sto parlando del campo informatico) è comandato dagli interessi economici.Purtroppo secondo me è assurdo perseguire chiunque ne tragga "profitto" ... era sicuramento meglio la parola "lucro": perchè uno studente o uno sviluppatore che aumenta la propria ed altrui conoscenza con l'utilizzo di un software copiato non deve essere perseguito. E' assurdo ...
      • Anonimo scrive:
        Re: Gulp !
        - Scritto da: Isy
        Hai tutta la mia ammirazione !!!Deng u :)))
        Purtroppo secondo me è assurdo perseguire
        chiunque ne tragga "profitto" ... era
        sicuramento meglio la parola "lucro": perchè
        uno studente o uno sviluppatore che aumenta
        la propria ed altrui conoscenza con
        l'utilizzo di un software copiato non deve
        essere perseguito. E' assurdo ...Sono d'accordo con te. Ricordiamoci tutti che senza la pirateria Windows non si sarebbe diffuso, punto e basta. Non ci sono scuse, per quello che si sta creando, cioè un clima di terrore nei confronti di chi si arrangia, perchè non è giusto rubare, ma in tutti i sensi, cioè non è giusto che qualche pappone discografico o qualche idiota di manager rubi i soldi alla gente, limitandone di fatto le possibilità di crescita culturale ! Se io per esempio compro un libro, e un mio amico mi dice: bello, me lo presti, io glielo do, non dico: no pezzente compratelo ! E' una follia !!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Gulp !
          Eppure sai qual'è la merda? (eh si che lo sai, lo sappiamo tutti!) che 1) esiste chi ti dice così, ma questo perlomeno fa parte dello schifo dell'umanità2) su molti media c'è scritto "VIETATO IL PRESTITO" (vedi i DVD) ... MA SIAMO FUORI DI MELA????????? eppure!!!perchè nessuno si occupa di questo argomento?cazzo sarò libero di prestare la mia roba a chi cazzo voglio! o regalargliela!!!ma pensa un pop te!!!!!!!!!- Scritto da: Hakkar
          Se io per esempio compro un
          libro, e un mio amico mi dice: bello, me lo
          presti, io glielo do, non dico: no pezzente
          compratelo ! E' una follia !!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Gulp !
            - Scritto da: Erma Freud
            2) su molti media c'è scritto "VIETATO IL
            PRESTITO" (vedi i DVD) ... MA SIAMO FUORI DI
            MELA?????????
            eppure!!!

            perchè nessuno si occupa di questo argomento?Perchè a nessuno conviene :)
            cazzo sarò libero di prestare la mia roba a
            chi cazzo voglio! o regalargliela!!!No assolutamente, tu sei libero soltanto di usare prodotti M$ (altrimenti sei un linuxaro comunista e pure gay), sei libero di pagare 20? un cdaudio del cavolo, sei libero di pagare 60? un libro per l'università (ASSURDO !!!), etc...Vedi come sei libero ? :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Gulp !
            ecco perchè adoro la Apple computers ^__^lo compro è già ho tutto quello che mi serve per navigare, ascoltare musica, guardare film, produrre film etc...etc...se voglio installarci linux, lo installo senza problemi...se voglio installarci pure windows, mi compro virtualPC5 di connectix e ce lo installo senza problemi (anche se poi mi viene l'orticaria per il rigetto che soffro per i prodotti microsoft)apple dà piena libertà... e questo ancora molte persone non lo capiscono...ciao ciaoP.S.per quanto riguarda la pirateria... penso che questa legge sia penosa... e se le multinazionali (e pure la siae) non cambino opinione credo che si troveranno col culo per terra seriamente...io devo essere libero di fare quello che voglio sui cd che compro... se voglio fare una copa di backup per non rovinare i cd originali devo essere liberissimo di farlo... se voglio prestare un maledetto cd o film che sia ad un mio amico o a un mio parente DEVO essere libero di farlo... eccheccazzo...scusate lo sfogo ^__^saluti cordialiLord Milo
  • Anonimo scrive:
    Punizione esemplare!
    Dopo lunghe e laboriose indagini, a N.Y. hanno scoperto che praticamente in tutti gli uffici del WTC erano detenute copie illegali di software.L'11 settembre li hanno puniti.Vogliamo fare la stessa fine anche noi?
  • Anonimo scrive:
    C'E' QUALCUNO CHE LO SA???
    Allora, cosa posso mettere su un cd vuoto?Se mi scrivo un programma da solo e lo voglio mettere su cd, mi serve il bollino siae?Se mi scarico linux e lo metto su un cd,mi serve il bollino?Perchè?Ho acquistato software in vendita solo su download (winex della transgaming),lo voglio mettere su cd, dove c***o trovo il bollino siae?Ho acquistato software in belgio,un simulatore,me lo hanno spedito senza bollino.Cosa faccio?Mi registro un rutto,mi serve il bollino?
    • Anonimo scrive:
      Re: C'E' QUALCUNO CHE LO SA???

      Mi registro un rutto,mi serve il bollino?Se è un rutto dopo aver mangiato una banana puoi sempre metterci il bollino Ciquita! ;D
    • Anonimo scrive:
      Re: C'E' QUALCUNO CHE LO SA???
      - Scritto da: carlo
      Allora, cosa posso mettere su un cd vuoto?
      Se mi scrivo un programma da solo e lo
      voglio mettere su cd, mi serve il bollino
      siae?
      Se mi scarico linux e lo metto su un cd,mi
      serve il bollino?Perchè?
      Ho acquistato software in vendita solo su
      download (winex della transgaming),lo voglio
      mettere su cd, dove c***o trovo il bollino
      siae?
      Ho acquistato software in belgio,un
      simulatore,me lo hanno spedito senza
      bollino.Cosa faccio?
      Mi registro un rutto,mi serve il bollino?Questo è anche vero. Ci sono molte case che vendono software via internet e atttraverso il pagamento abilitano il download. Come si fa a dire poi che quel software è originale e non è copiato?????
      • Anonimo scrive:
        Re: C'E' QUALCUNO CHE LO SA???
        - Scritto da: Jaky
        - Scritto da: carlo

        Allora, cosa posso mettere su un cd vuoto?

        Se mi scrivo un programma da solo e lo

        voglio mettere su cd, mi serve il bollino

        siae?

        Se mi scarico linux e lo metto su un cd,mi

        serve il bollino?Perchè?

        Ho acquistato software in vendita solo su

        download (winex della transgaming),lo
        voglio

        mettere su cd, dove c***o trovo il bollino

        siae?

        Ho acquistato software in belgio,un

        simulatore,me lo hanno spedito senza

        bollino.Cosa faccio?

        Mi registro un rutto,mi serve il bollino?

        Questo è anche vero. Ci sono molte case che
        vendono software via internet e atttraverso
        il pagamento abilitano il download. Come si
        fa a dire poi che quel software è originale
        e non è copiato?????ti stampi e conservi tutte le transazioni eseguite
        • Anonimo scrive:
          Re: C'E' QUALCUNO CHE LO SA???


          ti stampi e conservi tutte le transazioni
          eseguiteO te le crei tu. Tanto la differenza dove sta?Credo non sarebbero prove valide nemmeno le stampe di transazioni reali.Pero', con fogli stampati ad arte, e approfittando della somma insipienza di chi compie le perquisizioni, forse ce la si potrebbe cavare :DD
          • Anonimo scrive:
            Re: C'E' QUALCUNO CHE LO SA???
            - Scritto da: Attila Xihar



            ti stampi e conservi tutte le transazioni

            eseguite

            O te le crei tu. Tanto la differenza dove
            sta?
            Credo non sarebbero prove valide nemmeno le
            stampe di transazioni reali.

            Pero', con fogli stampati ad arte, e
            approfittando della somma insipienza di chi
            compie le perquisizioni, forse ce la si
            potrebbe cavare :DDNon credo servano le stampe delle transazioni, dovrebbero essere registrate nel sito dove è stato fatto l'acquisto.Navarre
  • Anonimo scrive:
    Fossero solo i programmi...
    E le licenze dei caratteri? Se uno studio grafico vuole avere un minimo di scelta, deve avere per esempio su OGNI computer la licenza di Fontfolio 13470.00 euro Cad.Ah, poi quando passa un lavoro allo stampatore commette un reato se lo stampatore no ha la licenza di quel particolare carattere...Mah
  • Anonimo scrive:
    MA FATEMI IL PIACERE!!!
    E i discografici, dopo aver ottenuto questa legge capestro che ci mette una bella catena al collo, hanno pure il coraggio di andare a piangere al governo che la pirateria musicale li sta strozzando....LI STROZZEREI IO CON QUESTE MANI......Che venga un grosso canchero a tutti quelli che quest'anno compreranno i CD di SAN REMO ORIGINALI..........
    • Anonimo scrive:
      Re: MA FATEMI IL PIACERE!!!
      ...per me il canchero potrebbe venire a chiunque desideri anche solo ASCOLTARE San Remo, originale o no...Saludos Y Neoplasias
    • Anonimo scrive:
      Re: MA FATEMI IL PIACERE!!!
      - Scritto da: Millo
      Che venga un grosso
      canchero a tutti quelli che quest'anno
      compreranno i CD di SAN REMO
      ORIGINALI..........Certo che a chi compra i cd di sanremo viene un cancro, ma per via delle schifose canzoni :))))
      • Anonimo scrive:
        Re: MA FATEMI IL PIACERE!!!
        - Scritto da: Hakkar
        Certo che a chi compra i cd di sanremo viene
        un cancro, ma per via delle schifose canzoni
        :)))) No dai.... Alexia e' forte :))
        • Anonimo scrive:
          Re: MA FATEMI IL PIACERE!!!
          - Scritto da: SoSe


          - Scritto da: Hakkar


          Certo che a chi compra i cd di sanremo
          viene

          un cancro, ma per via delle schifose
          canzoni

          :))))

          No dai.... Alexia e' forte :))Bah....scrive canzonette (tra l'altro scrive sempre in Inglese.......ora viene a sanremo e inventa la prima cazzata in italiano....bah!!!).
  • Anonimo scrive:
    volete avere cd senza pagarli...?
    ...Rubateli. Dopo 6 mesi sarete fuori...La depenalizzazione dei reati veramente gravi sta ridicolizzando la giustizia italiana. Sarebbe interessante sapere in europa come funziona questa normativa.
    • Anonimo scrive:
      Re: volete avere cd senza pagarli...?
      - Scritto da: lordauberon
      ...Rubateli. Dopo 6 mesi sarete fuori...

      La depenalizzazione dei reati veramente
      gravi sta ridicolizzando la giustizia
      italiana. Sarebbe interessante sapere in
      europa come funziona questa normativa.Bisogna protestare:è assurdo che sulla testa di ognuno di noi penda una condanna di RECLUSIONE! assurdo per duplicare un semplice CD, sarebbe + giusta una bella multa semmai.....Bisogna organizzare una protesta
    • Anonimo scrive:
      Re: volete avere cd senza pagarli...?
      Tutto molto triste...... penso che smettero' di copiare motorini ed iniziero' a rubarli.... ;D
      • Anonimo scrive:
        Re: volete avere cd senza pagarli...?
        battutona a parte, ragazzi, pensate che hanno dato dei pesi assurdi per motivi di INTERESSE di alcuni politici.quando dei reati FISICI e REALI (non "telematici") non sono puniti o non sono perseguibili ... immaginarsi se considerare giusta la reclusione BAAAAAAAAHnon voglio più parlarne- Scritto da: EK
        Tutto molto triste...... penso che smettero'
        di copiare motorini ed iniziero' a
        rubarli.... ;D
    • Anonimo scrive:
      Re: volete avere cd senza pagarli...?
      - Scritto da: lordauberon
      ...Rubateli. Dopo 6 mesi sarete fuori...Questa considerazione è veramente scioccante.Davvero rubando 100 cd originali ci si espone ad un rischio penale minore dell'averne duplicati 100?Se così fosse sarebbe sconvolgente... e sarebbe il giusto fulcro di una protesta ufficiale... roba da segnalare anche alle iene e striscia la notizia.
  • Anonimo scrive:
    La pena di morte SIAE
    Attenzione che il testo cita solo il software, ma la siae si accaparra anche i soldi per i cd musicali. DOMANDA: E se io copio un cd originale convertito in mp3 e lo metto su un cd senza bollino, mi decapitano insieme alla mia famiglia oppure mi lanciano una bomba atomica sulla casa????
    • Anonimo scrive:
      Re: La pena di morte SIAE
      Probabilmente se uno va al cesso e si registra su cd una scorengia è un criminale perchè non ha il bollibno siae da mettere sul supporto.
      • Anonimo scrive:
        Re: La pena di morte SIAE
        puoi scrivere "dominio pubblico"- Scritto da: carlo
        Probabilmente se uno va al cesso e si
        registra su cd una scorengia è un criminale
        perchè non ha il bollibno siae da mettere
        sul supporto.
  • Anonimo scrive:
    AAAHHHHH! LA SIAAAAAAAAAAAEEEEEEE!
    Si salvi chi puo`... A.A.A. CERCO URGENTEMENTE ELICOTTERI DI GRANDE PORTATA PER TRASLOCARE CASA MIA, O ALMENO LA MIA CAMERA DA LETTO, PRESSO ISOLE CANARIE.Chiunque abusivamente duplica, per trarne profitto, programmi per elaboratore o ai medesimi fini importa, distribuisce, vende, detiene a scopo commerciale o imprenditoriale o concede in locazione programmi contenuti in supporti non contrassegnati dalla Società Italiana degli autori ed editori (SIAE) è soggetto alla pena di morte per inspiegabile esplosione della propria vettura.
  • Anonimo scrive:
    da due ad otto anni ???
    siamo alla follia....=================coloro che ricevono un programma già duplicato abusivamente potrebbero essere accusati di ricettazione e rischiare la reclusione da due ad otto anni e con una multa da L. 1.000.000 (516,45 ?) a L. 20.000.000 (10.329,14 ?) =================8 anni se mi danno una patacca....forse se vado in un negozio e lo rubo mi danno di meno (anche perche' mi possono accusare di furto ma non di duplicazione)...se poi dichiaro che ero incapace di intendere e di volere....mi lasciano pure libero...insomma se guardo le condanne x crimini contro la persona direi che qui stiamo sfiorando il ridicolo....ne posso solo dedurre che e'piu' grave copiare un software che rubarlo...o stuprare...o uccidire...ovviamente non e' un consiglio...ma mi da' molto da pensare.
    • Anonimo scrive:
      Re: da due ad otto anni ???
      - Scritto da: gpl
      siamo alla follia....

      =================
      coloro che ricevono un programma già
      duplicato abusivamente potrebbero essere
      accusati di ricettazione e rischiare la
      reclusione da due ad otto anni e con una
      multa da L. 1.000.000 (516,45 ?) a L.
      20.000.000 (10.329,14 ?)
      =================

      8 anni se mi danno una patacca....
      forse se vado in un negozio e lo rubo mi
      danno di meno (anche perche' mi possono
      accusare di furto ma non di
      duplicazione)...se poi dichiaro che ero
      incapace di intendere e di volere....mi
      lasciano pure libero...
      insomma se guardo le condanne x crimini
      contro la persona direi che qui stiamo
      sfiorando il ridicolo....
      ne posso solo dedurre che e'piu' grave
      copiare un software che rubarlo...o
      stuprare...o uccidire...Veramente!Trascini una persona per chilometri con l'auto, uccidi la compagna di scuola per gelosia, ecc... e sei fuori quasi subito, ma guai a pestare i piedi a zio Bill :-)))Software Libero avanti!!!!!!!!!!!!!!!E' l'8unica nostra salvezza: Linux, Free BSD, GNU Hurd e chi piu' ne ha piu' ne mettaCiao

      ovviamente non e' un consiglio...ma mi da'
      molto da pensare.
      • Anonimo scrive:
        Re: da due ad otto anni ???
        marina se sei f sposami ti prego!!:)ciaogodzilla
      • Anonimo scrive:
        Re: da due ad otto anni ???
        - Scritto da: marina.......

        Veramente!
        Trascini una persona per chilometri con
        l'auto, uccidi la compagna di scuola per
        gelosia, ecc... e sei fuori quasi subito, ma
        guai a pestare i piedi a zio Bill :-)))Prova a investire zio Bill, magari ti danno di meno che a copiargli Windows.... :-)Magari ti danno pure un premio.....

        Software Libero avanti!!!!!!!!!!!!!!!

        E' l'8unica nostra salvezza: Linux, Free
        BSD, GNU Hurd e chi piu' ne ha piu' ne mettaMica tanto, guarda che non puoi neppure distribuire sw GPL senza bollino SIAE...
        • Anonimo scrive:
          Re: da due ad otto anni ???
          Non credo che un referendum risolverebbe la questione. Purtroppo abbiamo esempi in cui la volontà popolare è stata poi stravolta.Credo invece che la strada da percorrere sia altra, e cioè quella che suggeriva oltre un secolo fa Ulysses S.Grant (presidente degli USA):" I know no method to secure the repeal of bad or obnoxious laws so effective as their stringent execution ".C'è questa legge? benissimo, LA SI APPLICHI, e nel modo più severo possibile.Sono certo che quando sui tavoli delle varie procure italiane saranno ammonticchiati i primi 8/9 milioni di procedimenti, allora sì che ci sarebbero interventi legislativi URGENTI.Bisognerebbe quindi, eventualemnte, studiare il modo per far sì che la legge venga applicata nel più elevato numero di casi e nel modo più letterale possibile.Come? Evenualmente anche con AUTODENUNCIA.Il resto sono chiacchiere.- Scritto da: TeX


          - Scritto da: marina
          .......



          Veramente!

          Trascini una persona per chilometri con

          l'auto, uccidi la compagna di scuola per

          gelosia, ecc... e sei fuori quasi subito,
          ma

          guai a pestare i piedi a zio Bill :-)))

          Prova a investire zio Bill, magari ti danno
          di meno che a copiargli Windows.... :-)

          Magari ti danno pure un premio.....





          Software Libero avanti!!!!!!!!!!!!!!!



          E' l'8unica nostra salvezza: Linux, Free

          BSD, GNU Hurd e chi piu' ne ha piu' ne
          metta

          Mica tanto, guarda che non puoi neppure
          distribuire sw GPL senza bollino SIAE...


          • Anonimo scrive:
            Re: da due ad otto anni ???
            - Scritto da: cgc
            Non credo che un referendum risolverebbe la
            questione. Purtroppo abbiamo esempi in cui
            la volontà popolare è stata poi stravolta.
            Credo invece che la strada da percorrere sia
            altra, e cioè quella che suggeriva oltre un
            secolo fa Ulysses S.Grant (presidente degli
            USA):
            " I know no method to secure the repeal of
            bad or obnoxious laws so effective as their
            stringent execution ".
            C'è questa legge? benissimo, LA SI APPLICHI,
            e nel modo più severo possibile.
            Sono certo che quando sui tavoli delle varie
            procure italiane saranno ammonticchiati i
            primi 8/9 milioni di procedimenti, allora sì
            che ci sarebbero interventi legislativi
            URGENTI.
            Bisognerebbe quindi, eventualemnte, studiare
            il modo per far sì che la legge venga
            applicata nel più elevato numero di casi e
            nel modo più letterale possibile.
            Come? Evenualmente anche con AUTODENUNCIA.
            Il resto sono chiacchiere.Certo che sarebbe una protesta eclatante. Presentarsi in 50 o in 100 presso la piu' vicina stazione di polizia e dire: "salve a tutti, ci siamo venuti a costituire, infatti possediamo una copia di windows senza licenza d'uso, e' un reato penale, no?". Magari si potrebbero far venire anche striscia e le iene, sarebbe un caso memorabile.Alberto Scala
          • Anonimo scrive:
            Re: da due ad otto anni ???
            Non credo proprio che esista altra via. Purtroppo azioni del genere richiedono una "esposizione" in prima persona (con tutte le possibili conseguenze del caso) a cui non tutti (e la cosa è giustificata) sono disposti.Continuare a lamentarsi delle leggi (ricordiamo sempre che sono state votate all'unanimità), della BSA, della SIAE, della Microsoft, ecc., può servire magari a sfogarsi, ma all'atto pratico, non serve a niente, se non continuare a vivere sotto una spada di Damocle.La legge è questa? Il legislatore l'ha ritenuta giusta? Conveniente? Bene. La si applichi allora fino in fondo e con estrema serverità. L'esecutivo non lo vuol fare? Preferisce applicare la legge "a seconda dei casi"? Vuole lasciare il massimo ARBITRIO agli accertatori? Lo si obblighi allora ad applicarla "a tappeto".Autodenunciandosi se occorre. Io sono pronto, c'è qualche altro che se la sente?- Scritto da: Alberto Scala


            - Scritto da: cgc

            Non credo che un referendum risolverebbe
            la

            questione. Purtroppo abbiamo esempi in cui

            la volontà popolare è stata poi stravolta.

            Credo invece che la strada da percorrere
            sia

            altra, e cioè quella che suggeriva oltre
            un

            secolo fa Ulysses S.Grant (presidente
            degli

            USA):

            " I know no method to secure the repeal of

            bad or obnoxious laws so effective as
            their

            stringent execution ".

            C'è questa legge? benissimo, LA SI
            APPLICHI,

            e nel modo più severo possibile.

            Sono certo che quando sui tavoli delle
            varie

            procure italiane saranno ammonticchiati i

            primi 8/9 milioni di procedimenti, allora


            che ci sarebbero interventi legislativi

            URGENTI.

            Bisognerebbe quindi, eventualemnte,
            studiare

            il modo per far sì che la legge venga

            applicata nel più elevato numero di casi e

            nel modo più letterale possibile.

            Come? Evenualmente anche con AUTODENUNCIA.

            Il resto sono chiacchiere.

            Certo che sarebbe una protesta eclatante.
            Presentarsi in 50 o in 100 presso la piu'
            vicina stazione di polizia e dire: "salve a
            tutti, ci siamo venuti a costituire, infatti
            possediamo una copia di windows senza
            licenza d'uso, e' un reato penale, no?".
            Magari si potrebbero far venire anche
            striscia e le iene, sarebbe un caso
            memorabile.

            Alberto Scala
        • Anonimo scrive:
          Re: da due ad otto anni ???

          Mica tanto, guarda che non puoi neppure
          distribuire sw GPL senza bollino SIAE...Se e' vera questa cosa che dici, allora cosa ci puoi mettere in un CD senza bollino siae ????
    • Anonimo scrive:
      Re: da due ad otto anni ???
      Se Rubi, stupri, oppure investi con l'auto qualcuno, non intacchi le potenti lobbies economiche che danno da mangiare a tutti i politici papponi italiani e stranieri.Pensate che office costa oltre 500 euro, photoshop quasi 800 euro, lo stesso windows sfiora i 150 euro, senza pirateria zio bill avrebbe chiuso baracca da un pezzo.IPOCRITI
      • Anonimo scrive:
        Re: da due ad otto anni ???
        Esatto.Secondo voi chi conta e influenza di piu', la vittima di uno stupro o un'azienda miliardaria?- Scritto da: La verità fa male
        Se Rubi, stupri, oppure investi con l'auto
        qualcuno, non intacchi le potenti lobbies
        economiche che danno da mangiare a tutti i
        politici papponi italiani e stranieri.
        Pensate che office costa oltre 500 euro,
        photoshop quasi 800 euro, lo stesso windows
        sfiora i 150 euro, senza pirateria zio bill
        avrebbe chiuso baracca da un pezzo.

        IPOCRITI
      • Anonimo scrive:
        Re: da due ad otto anni ???
        - Scritto da: La verità fa malesenza pirateria zio bill
        avrebbe chiuso baracca da un pezzo.

        IPOCRITISe è questo che pensate smettetela di copiare, raggiungerete l'obiettivo di far fallire zio Bill.
        • Anonimo scrive:
          Re: da due ad otto anni ???
          - Scritto da: Alberto.....
          Se è questo che pensate smettetela di
          copiare, raggiungerete l'obiettivo di far
          fallire zio Bill.Già fatto. Almeno di copiare illecitamente......
    • Anonimo scrive:
      Re: da due ad otto anni ???
      L'unica cosa per evitare cose di questo tipo e' crittarsi tutto l'hd e ogni singolo cd (di dati, l amusica e' un altro apio di maniche) e poi nel caso si venga beccati "dimenticare" la password... non credo che si mettano a fare bruteforcing di una partizione crittata a 128 bit..
    • Anonimo scrive:
      Re: da due ad otto anni ???
      Beh, a pensarci bene....se mi servisse un software originale...è meglio rubarlo! HAI RAGIONE!Mr.Wolfwww.hackerzine.org
  • Anonimo scrive:
    RIASSUNTO...
    Nel 1991 Linus Torvalds, a quel tempo studente presso l'università di Helsinki, Finlandia, creò una primissima versione di Linux per sue personali necessità. Questo programma ancora piuttosto rudimentale era stato pensato per essere eseguito sul PC 80386 del tempo. Ma Linus Torvald ebbe la bellissima idea di rendere questo programma "libero" e di coinvolgere tutte le persone che potessero in qualche modo mostrare interesse verso il suo programma. Grazie al supporto della emergente comunità di programmatori che si stava formando intorno ad Internet e grazie anche al progetto GNU (http://www.gnu.org) avviato già qualche anno prima da Richard Stallman, GNU/Linux divenne qualche anno dopo un sistema operativo completo. La sua potenza è senza pari, la sua stabilità è diventata leggendaria e migliora ogni giorno di più! E' importante sapere che GNU/Linux è solo la punta di un iceberg chiamato "Software Libero" (http://www.fsf.org) o Open Source (http://www.opensource.org/osd.html). Le particolari caratteristiche del software Open Source si possono sintetizzare in questo modo: si può distribuire a piacere e senza dover pagare nulla, è possibile accedere ai sorgenti dei programmi e possono essere modificati da chiunque abbia una certa padronanza in fatto di programmazione. Questo concetto è utilizzato principalmente dai sistemi che seguono la licenza GPL (General Public License) anche se non sono i soli. Oltre a GNU/Linux, un altro preziosissimo software Open Source è "Apache" (http://www.apache.org), un server web per Internet che, da solo, rappresenta il 50% dell'intero mercato del suo settore. La maggior parte del software che è alla base di Internet è (a tutti i livelli) software Open Source.
    • Anonimo scrive:
      Re: RIASSUNTO...
      Si ma scaricati il software mettilo in un CD e sei fuori legge ti manca il dollino della SIAE.Grazie ITALIA.
  • Anonimo scrive:
    dimezzato numero utenti internet
    se in questo istante tutti dovessimo smettere di usare software pirata (come citato nell'articolo) il numero degli utenti internet sarebbe dimezzato (fino alla prossima installazione linux)ma non volevano favorire l'informatizzazione e la tecnologia in italia?e i regali ai poveri ecc ecc...ma sanno quanto costa uno sfigato word excel ecc?
    • Anonimo scrive:
      Re: dimezzato numero utenti internet
      - Scritto da: ChestaWare
      se in questo istante tutti dovessimo
      smettere di usare software pirata (come
      citato nell'articolo) il numero degli utenti
      internet sarebbe dimezzato (fino alla
      prossima installazione linux)

      ma non volevano favorire l'informatizzazione
      e la tecnologia in italia?

      e i regali ai poveri ecc ecc...

      ma sanno quanto costa uno sfigato word excel
      ecc?
      Io lo so bene quanto costa, ma non mi fregano più. Ci metterò di più, farò più fatica, ma nel mio computer solo software legale e free.Che gli utenti internet si dimezzino pure...
    • Anonimo scrive:
      Re: dimezzato numero utenti internet
      - Scritto da: ChestaWare
      se in questo istante tutti dovessimo
      smettere di usare software pirata (come
      citato nell'articolo) il numero degli utenti
      internet sarebbe dimezzato (fino alla
      prossima installazione linux)

      ma non volevano favorire l'informatizzazione
      e la tecnologia in italia?

      e i regali ai poveri ecc ecc...

      ma sanno quanto costa uno sfigato word excel
      ecc?
      Non sapevo fossero necessari Word ed Excel per navigare in Internet e nemmeno sapevo che per i privati Word ed Excel costituissero un problema di vita o di morte. Potrebbero accontentarsi di Works. Costa poco. E se non bastasse veramente molti privati hanno diritto alla licenza "studente" di Office.
      • Anonimo scrive:
        Re: dimezzato numero utenti internet
        - Scritto da: Alberto, Carlo, Daniele ( = )


        - Scritto da: ChestaWare

        se in questo istante tutti dovessimo

        smettere di usare software pirata (come

        citato nell'articolo) il numero degli
        utenti

        internet sarebbe dimezzato (fino alla

        prossima installazione linux)



        ma non volevano favorire
        l'informatizzazione

        e la tecnologia in italia?



        e i regali ai poveri ecc ecc...



        ma sanno quanto costa uno sfigato word
        excel

        ecc?


        Non sapevo fossero necessari Word ed Excel
        per navigare in Internetnessuno ha fatto questo sillogismo, infatti.ma se cominci a togliere WORD ED EXCEL non hai più moltissimi motivi di usare WINDOWS piuttosto che un altro sistema operativo.e a quel punto moltissimi non navicherebbero più perché farebbero troppa fatica a trovare alternative alle fikate craccate che hanno sempre usatoe quindi piano pianino si staccherebbero dal giocattolo.forse tromberebbero di più, chissà ...
        e nemmeno sapevo
        che per i privati Word ed Excel
        costituissero un problema di vita o di
        morte. Potrebbero accontentarsi di Works.prova a fare 2 relazioni con il database di works ... riparliamone pure.
        Costa poco. E se non bastasse veramente
        molti privati hanno diritto alla licenza
        "studente" di Office.molti studenti.comunque chi vuol capire capisce ... prova a pensarci, se ne hai voglia, invece di polemizzare e basta.guarda la strada che hanno seguito le masse per arrivare ai prodotti di uso medio ... prima chi se ne fregava di windows?dos e ciao.poi office è stato fatto così bene che avere windows diventava utile.e da li è proseguito il tuttola maggior parte delle persone poi, vuole usare un programma STANDARD, che poi trova in ufficio e in altri posti.
        • Anonimo scrive:
          Re: dimezzato numero utenti internet

          la maggior parte delle persone poi, vuole
          usare un programma STANDARD, che poi trova
          in ufficio e in altri posti.e allora che lo paghi! perché per scrivere la letterina all'amministratore del condominio bisogna usare software da un milione?Vediamo quanto rimarrà standard Word quando tutti dovranno pagarlo... (ah! se la product Activation di XP funzionasse... il fatto è che è la solita baracca...)
    • Anonimo scrive:
      Re: dimezzato numero utenti internet
      Si possono usare altri programmi!!! Star office è gratis e ha dentro di tutto, però effettivamente quasi tutte le ditte usano prodotti microsoft e se gli mandi qualche file in un formato che non sia word o excel non sanno neanche come usarlo, una volta ho mandato una tabella in html, pensavano fosse un virus!!!!- Scritto da: ChestaWare
      se in questo istante tutti dovessimo
      smettere di usare software pirata (come
      citato nell'articolo) il numero degli utenti
      internet sarebbe dimezzato (fino alla
      prossima installazione linux)

      ma non volevano favorire l'informatizzazione
      e la tecnologia in italia?

      e i regali ai poveri ecc ecc...

      ma sanno quanto costa uno sfigato word excel
      ecc?
      • Anonimo scrive:
        Re: dimezzato numero utenti internet
        - Scritto da: Daniele
        Si possono usare altri programmi!!!
        Star office è gratis e ha dentro di tutto,
        però effettivamente quasi tutte le ditte
        usano prodotti microsoft e se gli mandi
        qualche file in un formato che non sia word
        o excel non sanno neanche come usarlo, una
        volta ho mandato una tabella in html,
        pensavano fosse un virus!!!!Magari sparissero dalla circolazione assieme a Windows quei programmi!Io invece ho esattamente il problema opposto, non me ne frega nulla di Word o Excel, e per le poche cose che scrivo posso far bastare Wordpad o anche meno.Ma e' mai possibile pero' che TUTTI quelli che mi devono mandare dei FOTTUTISSIMI testi di una decina di righe da mettere nei loro siti, non siano in grado di farlo con un file TXT o di scriverle nel corpo dell'email e debbano sempre allegare KB di allegati .DOC da aprire rigorosamente con l'ULTIMA versione di Word (e possibilmente non sul Macintosh)
  • Anonimo scrive:
    Domanda: Parificabile anche per l'audio?
    si può considerare allo stesso modo anche la faccenda dell'audio?ovvero se i cd duplicati sono audio e non software?come fanno a contestare? devono controllare che sia tutto scaricato "legalmente" ?Please sig.ra avvocato!!!
  • Anonimo scrive:
    "non è il caso di allarmarsi" ???? O-O ?????
    coooosaaaa?????non è il caso di allarmarsi????" Non è il caso di allarmarsi, ma forse di fare più attenzione perché le politiche del mercato hanno prodotto una limitazione notevole nei confronti dei privati che hanno in buona fede duplicato un software, addirittura esponendoli alla reclusione quando più logico ed equo poteva essere semplicemente concedere una maggiore tutela risarcitoria a coloro che subiscono menomazioni economiche dalla abusiva duplicazione dei programmi per elaboratore."qui bisogna passare ASSOLUTAMENTE a sistemi free!senza alcun dubbio!per mettersi in regola l'unica cosa possibile è avere free software!voi che insegnate ad usare i programmi, quando fate i vari corsi "a buon mercato" spiegate quel'è il costo dei software che ci sono in giro ... e quanto costerebbe invece altro tipo di software!sono milionate!grosse milionate!!!!!MY GOD!!!!!!!!!!!!!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re:
      ASSOLUTAMENTE D'ACCORDO!MA DA ADESSO BISOGNA CAMBIARE! FORMATTATE ADESSO!- Scritto da: TERRORVISION

      coooosaaaa?????
      non è il caso di allarmarsi????

      " Non è il caso di allarmarsi, ma forse di
      fare più attenzione perché le politiche del
      mercato hanno prodotto una limitazione
      notevole nei confronti dei privati che hanno
      in buona fede duplicato un software,
      addirittura esponendoli alla reclusione
      quando più logico ed equo poteva essere
      semplicemente concedere una maggiore tutela
      risarcitoria a coloro che subiscono
      menomazioni economiche dalla abusiva
      duplicazione dei programmi per elaboratore."




      qui bisogna passare ASSOLUTAMENTE a sistemi
      free!
      senza alcun dubbio!
      per mettersi in regola l'unica cosa
      possibile è avere free software!

      voi che insegnate ad usare i programmi,
      quando fate i vari corsi "a buon mercato"
      spiegate quel'è il costo dei software che ci
      sono in giro ... e quanto costerebbe invece
      altro tipo di software!

      sono milionate!
      grosse milionate!!!!!


      MY GOD!!!!!!!!!!!!!!!!



  • Anonimo scrive:
    Chi è senza peccato ?
    Chi è senza peccato scagli al prima pietra ...Già, ma chi è che è senza peccato ???
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi è senza peccato ?
      Una tipa che faceva la cassiera in un negozio di informatica che ora lavora nella nostra ditta disse che le GDF erano le prime a chiedere copie pirata dei programmi.fantastico no?e poi chi è che ti apre il gulo?TSX!!!!!!!- Scritto da: Piwi
      Chi è senza peccato scagli al prima pietra
      ...

      Già, ma chi è che è senza peccato ???
      • Anonimo scrive:
        Re: Chi è senza peccato ?
        - Scritto da: tristedio


        Una tipa che faceva la cassiera in un
        negozio di informatica che ora lavora nella
        nostra ditta disse che le GDF erano le prime
        a chiedere copie pirata dei programmi.

        fantastico no?

        e poi chi è che ti apre il gulo?

        TSX!!!!!!!Ma è chiaro che è così ! Il problema dei finanzieri sai qual'è ? Che a un certo punto arrivano magari a chiederti il software gratis, invece che, poniamo, a un deca a cd, e se non lo fai ti denunciano (e dico questo perchè conoscevo della gente coinvolta, non perchè lo faccia io). Cmq se dovessero arrestare tutti quelli che si passano copie pirata di software, non resterebbe più nessuno ad usare i computer ! Io proporrei di scrivere ai produttori di hardware, perchè alla fine ci vanno di mezzo loro, LOL !!!(è inutile che mi logghi l'IP, tanto è l'IP del NAT...)

        - Scritto da: Piwi

        Chi è senza peccato scagli al prima pietra

        ...



        Già, ma chi è che è senza peccato ???

      • Anonimo scrive:
        Re: Chi è senza peccato ?
        Conoscevo una persona che lavorava nell'informatica della GdF che mi ha raccontato che da loro era tutto sw copiato e non originale...
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi è senza peccato ?
      Scagli si la prima pietra ma sulla Siae e sulle sedi delle software-house!
  • Anonimo scrive:
    "SOCCAZZI" come disse il poeta
    adesso sicchesokkatzi!:-(il dio denaro ha fatto modificare la parolina maGGica
  • Anonimo scrive:
    AGIRE!
    Se questa legge non ci piace, semplice, facciamo un referendum e cambiamola, a cosa serve piangere? agire ecco la strada!Se sono riusciti a depenalizzare il falso in bilancio TUTTO e' possibile....Jolly Roger
    • Anonimo scrive:
      Re: AGIRE!
      se non sbaglio c'e una nuova legge in studio al parlamento...e credi davvero che anche col referendum la legge sparira ??? mah...- Scritto da: Jolly Roger
      Se questa legge non ci piace, semplice,
      facciamo un referendum e cambiamola, a cosa
      serve piangere? agire ecco la strada!

      Se sono riusciti a depenalizzare il falso in
      bilancio TUTTO e' possibile....

      Jolly Roger
      • Anonimo scrive:
        Re: AGIRE!
        meglio rimare passivi? credo in definitiva che gli utenti scontenti di questa legge siano tanti, e nessuno vuole peredere voti....
        • Anonimo scrive:
          Re: AGIRE!

          meglio rimare passivi? credo in definitiva
          che gli utenti scontenti di questa legge
          siano tanti, e nessuno vuole peredere
          voti....se solo il mondo funzionasse cosi...
          • Anonimo scrive:
            Re: AGIRE!
            Trovatemi una forza politica non "ammanicata" che proponga un simile referendum, e poi ne riparliamo.
          • Anonimo scrive:
            Re: AGIRE!
            - Scritto da: Attila Xihar
            Trovatemi una forza politica non
            "ammanicata" che proponga un simile
            referendum, e poi ne riparliamo.Una legge per tornare alla vecchia normativa l'hanno proposta i Verdi. Sono quattro gatti ma e' un inizio. Se noi utenti facessimo lega potremmo creare un caso, e, chissa', potremmo iniziare a dare qualche problema alla BSA.Alberto Scala (per distinguermi dall'altro Alberto che posta qui)
          • Anonimo scrive:
            Re: AGIRE!
            Perché sempre affidarsi alle forze politiche? per un referendum basta raccogliere le firme. L'organizzazione e' possibile via internet e la forza dei voti c'è!Io dico basta al piangersi addosso per le leggi che non si condividono, tanti hanno aggiustato le leggi a modo loro, perché non possiamo anche noi?Per il software la sanzione amministrativa e' la cosa migliore, il penale e' solo una aberrazione.Per contatti e' aperto questo NG su yahoo:http://it.groups.yahoo.com/group/computer_sequestri/
          • Anonimo scrive:
            Re: AGIRE!
            - Scritto da: Jolly Roger
            Perché sempre affidarsi alle forze
            politiche? per un referendum basta
            raccogliere le firme. L'organizzazione e'
            possibile via internet e la forza dei voti
            c'è!

            Io dico basta al piangersi addosso per le
            leggi che non si condividono, tanti hanno
            aggiustato le leggi a modo loro, perché non
            possiamo anche noi?

            Per il software la sanzione amministrativa
            e' la cosa migliore, il penale e' solo una
            aberrazione.Quanto vorrei fosse vero...Ma portami l'esempio di un solo referendum che sia arrivato a votazione senza forze politiche che lo abbiano sostenuto... :(
      • Anonimo scrive:
        Re: AGIRE!
        METTETEGLIELO IN QUEL POSTO!NON COMPRATE NULLA! STATE NELLA LEGALITA' CON SOFTWARE FREE!NON FATE GLI INTERESSI DEI POLITICI, PARTE DEI QUALI NON ASPETTA ALTRO CHE SENTIRE QUALCUNO CHE SI LAMENTA PER PRENDERE I LORO VOTI E POI DIMENTICARSI DI TUTTO!VOLGIONO SOLO I NOSTRI SOLDI! BASTA!- Scritto da: blah
        se non sbaglio c'e una nuova legge in studio
        al parlamento...
        e credi davvero che anche col referendum la
        legge sparira ??? mah...

        - Scritto da: Jolly Roger

        Se questa legge non ci piace, semplice,

        facciamo un referendum e cambiamola, a
        cosa

        serve piangere? agire ecco la strada!



        Se sono riusciti a depenalizzare il falso
        in

        bilancio TUTTO e' possibile....



        Jolly Roger
      • Anonimo scrive:
        Re: AGIRE!
        - Scritto da: blah
        se non sbaglio c'e una nuova legge in studio
        al parlamento...
        e credi davvero che anche col referendum la
        legge sparira ??? mah...
        No, non sparirà. La gente non è tenera con i pirati, come non lo è con gli hacker (e risparmiatemi la spiegazione della presunta differenza tra hacker e cracker).
        • Anonimo scrive:
          Re: AGIRE!

          No, non sparirà. La gente non è tenera con i
          pirati, come non lo è con gli hacker (e
          risparmiatemi la spiegazione della presunta
          differenza tra hacker e cracker).La gente cosa? :-DDDDE poi perche' la differenza sarebbe "presunta"?Lo dici tu?
      • Anonimo scrive:
        Re: AGIRE!
        - Scritto da: blah
        se non sbaglio c'e una nuova legge in studio
        al parlamento...
        e credi davvero che anche col referendum la
        legge sparira ??? mah...No. Pero' sarebbe un modo per far capire alle corporazioni che gli utenti non sono piu' ignari e separati. L'unione fa la forza. Metti insieme qualche petizione firmata da qualche centinaio di migliaia di italiani eppoi vedi come cambiano atteggiamento. Si informeranno sulle cazzate che hanno votato e cambieranno tono.Alberto Scala
    • Anonimo scrive:
      Re: AGIRE!

      Se sono riusciti a depenalizzare il falso in
      bilancio TUTTO e' possibile....

      Jolly Rogerse non abiti in quel villone di Arcore, se non hai 3 televisioni, se non hai una squadra di calcio, se non hai la presidenza dei ministri del nostro amato stato italiano invece...non puoi far nulla... non è così semplice come dici tu ^__^
      • Anonimo scrive:
        Re: AGIRE!
        - Scritto da: lordmilo

        Se sono riusciti a depenalizzare il falso
        in

        bilancio TUTTO e' possibile....



        Jolly Roger


        se non abiti in quel villone di Arcore, se
        non hai 3 televisioni, se non hai una
        squadra di calcio, se non hai la presidenza
        dei ministri del nostro amato stato italiano
        invece...
        non puoi far nulla... non è così semplice
        come dici tu ^__^Meglio fallire provando che lamentarsi senza fare nulla....
      • Anonimo scrive:
        Re: AGIRE!
        - Scritto da: lordmilo

        Se sono riusciti a depenalizzare il falso
        in

        bilancio TUTTO e' possibile....



        Jolly Roger


        se non abiti in quel villone di Arcore, se
        non hai 3 televisioni, se non hai una
        squadra di calcio, se non hai la presidenza
        dei ministri del nostro amato stato italiano
        invece...
        non puoi far nulla... non è così semplice
        come dici tu ^__^Meglio fallire provando che lamentarsi senza fare nulla....
    • Anonimo scrive:
      Re: AGIRE!
      Buttare giù il sito della Bsa!
  • Anonimo scrive:
    ..and then there were three..!!
    così, come era il titolo d'un album dei genesis,(...e rimasero in tre...!!!).Oppure la famosa frase detta all'IBM: "...in futuro ci saranno al massimo 3 o 4 computer!"La legge secondo questa stima, impone al cittadino di comprare x forza il software, sia esso libero che commerciale.Ma, perchè fanno discorsi sullo sviluppo informatico ed altre cavolate.Perchè, non dicono chiaro che sono stipendiati dalle grosse società del software che per pagarli fanno levitare i prezzi del software, che il più delle volte è deludente nel suo impiego.
    • Anonimo scrive:
      Re: ..and then there were three..!!
      Io sono passato a Linux solo per questo motivo: mi sono rotto di comprare per forza quello che mi dicono LORO per non essere un criminale.Io le migliaia di euro per win, office e visual studio non le ho. Per Linux,Open Office, Gcc, JSDK etc. si. Non ho scelta.Ringrazio la legislazione italiana per avermi fatto allontanare dal mondo coercitivo del monopolio M$.
  • Anonimo scrive:
    Come faccio!!!
    Come faccio a mettere a mettere il bollino SIAE sulla versione di Linux che ho scaricato sull'hard disk?!Penso proprio che i legislatori non abbiamo mai neppure sentito nominare la licenza Gpl vero?
  • Anonimo scrive:
    Il buonsenso
    Avendo il legislatore parificato la duplicazione a scopo di profitto ad un delitto, coloro che ricevono un programma già duplicato abusivamente potrebbero essere accusati di ricettazione e rischiare la reclusione da due ad otto anni e con una multa da L. 1.000.000 (516,45 ?) a L. 20.000.000 (10.329,14 ?) salvo trattarsi di reato di particolare tenuità (ricevere una sola copia di un cd, ad esempio, "restringe" la pena della reclusione sino a sei anni e la multa sino a L. 1.000.000 (516,45 ?). Certo che adesso bisogna avere veramente gli occhi aperti e controllare i propri figli,perche' se ti distrai un attimo tua figlia puo' portarti a casa un delinquente(dal tenore della legge cosi sono etichettate le persone che commettono tali atroci reati).Ed io dopo aver speso tanti soldi per farla studiare e laureare posso permettermi il lusso di darla in sposa ad un delinquente che ha programmi e cd musicali scopiazzati??
  • Anonimo scrive:
    La ricettazione la contestavano da prima
    Sono stato coinvolto nell'operazione amos (fate una ricerchina su groups.google.com e ne saprete di piu', oltre ad avere un sacco da leggere) e vi assicuro che quando sono arrivati a perquisirmi (alle 6 di mattina, 'tacci loro) ero formalmente accusato di ricettazione. Le prove? Ah si, avevano anche quelle.. 1 ricevuta di un pacco postale (tra l'altro non aperto o controllato, era sigillato tutto con nastro adesivo). Ora, allarmatevi pure.
    • Anonimo scrive:
      Re: La ricettazione la contestavano da prima
      - Scritto da: Anonimo

      Sono stato coinvolto nell'operazione amos
      (fate una ricerchina su groups.google.com e
      ne saprete di piu', oltre ad avere un sacco
      da leggere) e vi assicuro che quando sono
      arrivati a perquisirmi (alle 6 di mattina,
      'tacci loro) ero formalmente accusato di
      ricettazione. Le prove? Ah si, avevano anche
      quelle.. 1 ricevuta di un pacco postale (tra
      l'altro non aperto o controllato, era
      sigillato tutto con nastro adesivo). Ora,
      allarmatevi pure.Brutta storia anche quella, paragonabile alla vicenda dei ragazzi che linkavano al sito con le crack. In questo caso le vittime della "brillante" operazione Amos avevano scambiato rom ed emulatori. Gli e' stato contestato il reato di ricettazione per aver comprato giochi per la PlayStation illegalmente duplicati. Non c'e' molto da dire a parte il fatto che questa legge va cambiata, ma chissa' quanto ci vorra' e a quanti casi amos bisognera' assistere prima che gli utenti prendano coscienza della situazione.Marco Giordano
    • Anonimo scrive:
      Re: La ricettazione la contestavano da prima
      - Scritto da: Anonimo

      Sono stato coinvolto nell'operazione amos
      (fate una ricerchina su groups.google.com e
      ne saprete di piu', oltre ad avere un sacco
      da leggere) e vi assicuro che quando sono
      arrivati a perquisirmi (alle 6 di mattina,
      'tacci loro) ero formalmente accusato di
      ricettazione. Le prove? Ah si, avevano anche
      quelle.. 1 ricevuta di un pacco postale (tra
      l'altro non aperto o controllato, era
      sigillato tutto con nastro adesivo). Ora,
      allarmatevi pure.Quanti miliardi di risarcimento danni hai chiesto?
    • Anonimo scrive:
      Re: La ricettazione la contestavano da prima
      - Scritto da: Anonimo

      Sono stato coinvolto nell'operazione amos
      (fate una ricerchina su groups.google.com e
      ne saprete di piu', oltre ad avere un sacco
      da leggere) e vi assicuro che quando sono
      arrivati a perquisirmi (alle 6 di mattina,
      'tacci loro) ero formalmente accusato di
      ricettazione. Le prove? Ah si, avevano anche
      quelle.. 1 ricevuta di un pacco postale (tra
      l'altro non aperto o controllato, era
      sigillato tutto con nastro adesivo). Ora,
      allarmatevi pure.Non faccio l'avvocato, ma, visitando alcuni siti di diritto e nuove tecnologie, ho letto che ora non e' piu' possibile accusare di ricettazione (penso dopo la legge del 2000). Ma allora chi ha ragione? Quei siti o la dottoressa (che anche per un precedentemente intervento era stata criticata duramente)? I siti che ho visitato sembrano molto "autorevoli"...Bye.Marco
  • Anonimo scrive:
    ecco...
    chiunque cerca di impedire il monopolio de facto che dev'essere ASSOLUTAMENTE mantenuto (non importa come), e un CRIMINALE...volevo dire altro...ma ho visto l'ip...sara per un'altra volta...
Chiudi i commenti