Mulve, offline il nuovo incubo delle major

Un servizio di download musicale di provenienza russa è già stato abbattuto dalle contromisure legali delle etichette discografiche. Torneremo più belli e performanti di prima, promettono invece gli autori del software

Roma – Sarebbe potuto essere un nuovo, portentoso Napster capace di gettare nello sconforto più totale l’industria musicale, e invece pare che Mulve sia già caduto vittima della potenza delle major del disco . Stando a quanto sostiene TorrentFreak , i gestori del servizio hanno ricevuto una richiesta di rimozione (secondo quanto stabilito dal Digital Millennium Copyright Act statunitense) che li ha costretti a rendere di fatto il software inutilizzabile. Almeno per il momento.

Mulve ha conquistato le cronache dei giorni scorsi per la natura innovativa del suo servizio di download di brani musicali: gli utenti del software hanno la possibilità di fare una ricerca per la traccia desiderata, Mulve restituisce una serie di risultati e permette il download dei file. Nessuna attività di upload, nessuno scambio di pacchetti di tipo peer to peer, Mulve (contrazione di “Music Love”) è nei fatti un downloader che attinge direttamente dai server remoti del social network russo Vkontakte .

L’estrema praticità del download, la vastità del “catalogo” di contenuti disponibili (10 milioni di file, sostengono gli sviluppatori) e la semplicità di utilizzo del servizio erano certamente caratteristiche allettanti per gli utenti, che hanno infatti preso d’assalto il servizio generando decine di migliaia di richieste di accesso quotidiane al sito .

La popolarità di Mulve non è passata inosservata alle major del disco, e nelle ultime ore RIAA ha prontamente spedito la sua prevedibile richiesta di take down che ha costretto la messa offline di un componente del servizio ospitato su server statunitensi. Storia già finita per il Napster del nuovo millennio?

Niente affatto, promette chi ha creato Mulve. Il servizio di download musicale più semplice mai realizzato è solo temporaneamente fuori gioco, tornerà presto a essere pienamente operativo e gli aggiornamenti in cantiere porteranno miglioramenti al software. RIAA e il Napster russo potrebbero pareggiare e la palla verrà ancora una volta messa al centro del campo di questa ennesima battaglia per il copyright dei contenuti digitali.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Andrea Pagani scrive:
    Che strano...
    be' oddio, se i genitori storcono il naso a tirar fuori 139 dollari epr un kindle ma non dicono nulla a sborsare centinaia di dollari ogni anno per i libri cartacei secondo me vuol dire che non hanno capito bene di cosa si sta parlando...mi meraviglio che in America non siano diffusi molto più di quanto non siano adesso: in Italia capisco (pochi titoli, prezzi mediamente alti, connettività per il download assente o a totale carico dell'utente)
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: Che strano...
      - Scritto da: Andrea Pagani
      be' oddio, se i genitori storcono il naso a tirar
      fuori 139 dollari epr un kindle ma non dicono
      nulla a sborsare centinaia di dollari ogni anno
      per i libri cartacei secondo me vuol dire che non
      hanno capito bene di cosa si sta
      parlando...Sei tu che non hai capito: i libri per kindle costano circa quanto quelli cartacei.Se insegni ai genitori come piratarli e averli gratis, il discorso cambia (perchè solo a tali condizioni il kindle diventa conveniente)
      • Indy scrive:
        Re: Che strano...
        - Scritto da: uno qualsiasi
        - Scritto da: Andrea Pagani

        be' oddio, se i genitori storcono il naso a
        tirar

        fuori 139 dollari epr un kindle ma non dicono

        nulla a sborsare centinaia di dollari ogni anno

        per i libri cartacei secondo me vuol dire che
        non

        hanno capito bene di cosa si sta

        parlando...

        Sei tu che non hai capito: i libri per kindle
        costano circa quanto quelli
        cartacei.questa è una stupidaggine, un libro per e-reader non potrà mai avere lo stesso costo di realizzazione di un libro cartaceo, dato che una volta realizzata la copia elettronica il libro puo essere venduto senza ulteriori costi, mentre per la versione cartacea si devono sommare i costi di stampa (avviamento macchine, materiali di consumo, energia, manodopera)i costi di distribuzione e promozione, in oltre si corre anche il rischio dopo aver stampato tutti di avere anche gli invenduti, e lo stesso discorso che si applica alla musica e ai film.Per cui se Kindle dice che gli costa uguale dice il falso
        Se insegni ai genitori come piratarli e averli
        gratis, il discorso cambia (perchè solo a tali
        condizioni il kindle diventa
        conveniente)O non conosci il costo dei libri di scuola o parli a vanvera, in cinque anni di superiori sai quanti Kindle ti compri con il costo dei libri?
        • mosfet scrive:
          Re: Che strano...
          State trascurando un dettaglio la carta è riciclabile e -reader in parte.Volete mettere la magia di un libro cartaceo?Non è solo questioni di costi ma anche di insegnare che ci sono cose come un buon libro che solo sentire l'odore della carta stessa e l'atmosfera di magia della lettura dentro alla lettura un libro elettronico può essere comodo al di là dei costi ma non potrebbe mai sostituire un libro cartaceo in questo.L'antichità del tempo di un libro che racconta la storia dal colore... ecc-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 30 settembre 2010 20.59-----------------------------------------------------------
          • ruben scrive:
            Re: Che strano...
            ... ma vuoi mettere il calamo e la tavoletta, allora? Il profumo dell'argilla fresca che si scioglie sotto la punta del tuo stilo regala emozioni impagabili... XDΧD
        • Enjoy with Us scrive:
          Re: Che strano...
          - Scritto da: Indy
          - Scritto da: uno qualsiasi

          - Scritto da: Andrea Pagani


          be' oddio, se i genitori storcono il naso a

          tirar


          fuori 139 dollari epr un kindle ma non dicono


          nulla a sborsare centinaia di dollari ogni
          anno


          per i libri cartacei secondo me vuol dire che

          non


          hanno capito bene di cosa si sta


          parlando...



          Sei tu che non hai capito: i libri per kindle

          costano circa quanto quelli

          cartacei.

          questa è una stupidaggine, un libro per e-reader
          non potrà mai avere lo stesso costo di
          realizzazione di un libro cartaceo, dato che una
          volta realizzata la copia elettronica il libro
          puo essere venduto senza ulteriori costi, mentre
          per la versione cartacea si devono sommare i
          costi di stampa (avviamento macchine, materiali
          di consumo, energia,
          manodopera)
          i costi di distribuzione e promozione, in oltre
          si corre anche il rischio dopo aver stampato
          tutti di avere anche gli invenduti, e lo stesso
          discorso che si applica alla musica e ai
          film.
          Per cui se Kindle dice che gli costa uguale dice
          il
          falso
          Ah ma i costi per l'editore sono sicuramente una frazione della versione cartacea, peccato che poi lo sconto al consumatore se arriva al 20% dell'edizione cartacea è grasso che cola!Peccato che poi su tale E-libro non hai alcun diritto, non lo puoi rivendere, non lo puoi prestare, se ti si rompe il lettore in molti casi ti devi ricomprare il libro già pagato ecc...

          Se insegni ai genitori come piratarli e averli

          gratis, il discorso cambia (perchè solo a tali

          condizioni il kindle diventa

          conveniente)
          Ecco, hai svelato il futuro che inquieta i sogni degli editori...
          O non conosci il costo dei libri di scuola o
          parli a vanvera, in cinque anni di superiori sai
          quanti Kindle ti compri con il costo dei
          libri?Manco 1 visto che il risparmio è minimo e non puoi rivendere o acquistare libri usati... in compenso il Kindle magari ti si rompe...
          • Ubunto scrive:
            Re: Che strano...
            - Scritto da: Enjoy with Us
            - Scritto da: Indy

            - Scritto da: uno qualsiasi


            - Scritto da: Andrea Pagani



            be' oddio, se i genitori storcono il naso a


            tirar



            fuori 139 dollari epr un kindle ma non
            dicono



            nulla a sborsare centinaia di dollari ogni

            anno



            per i libri cartacei secondo me vuol dire
            che


            non



            hanno capito bene di cosa si sta



            parlando...





            Sei tu che non hai capito: i libri per kindle


            costano circa quanto quelli


            cartacei.



            questa è una stupidaggine, un libro per e-reader

            non potrà mai avere lo stesso costo di

            realizzazione di un libro cartaceo, dato che una

            volta realizzata la copia elettronica il libro

            puo essere venduto senza ulteriori costi, mentre

            per la versione cartacea si devono sommare i

            costi di stampa (avviamento macchine, materiali

            di consumo, energia,

            manodopera)

            i costi di distribuzione e promozione, in oltre

            si corre anche il rischio dopo aver stampato

            tutti di avere anche gli invenduti, e lo stesso

            discorso che si applica alla musica e ai

            film.

            Per cui se Kindle dice che gli costa uguale dice

            il

            falso



            Ah ma i costi per l'editore sono sicuramente una
            frazione della versione cartacea, peccato che poi
            lo sconto al consumatore se arriva al 20%
            dell'edizione cartacea è grasso che
            cola!
            Peccato che poi su tale E-libro non hai alcun
            diritto, non lo puoi rivendere, non lo puoi
            prestare, se ti si rompe il lettore in molti casi
            ti devi ricomprare il libro già pagato
            ecc...



            Se insegni ai genitori come piratarli e averli


            gratis, il discorso cambia (perchè solo a tali


            condizioni il kindle diventa


            conveniente)



            Ecco, hai svelato il futuro che inquieta i sogni
            degli
            editori...


            O non conosci il costo dei libri di scuola o

            parli a vanvera, in cinque anni di superiori sai

            quanti Kindle ti compri con il costo dei

            libri?

            Manco 1 visto che il risparmio è minimo e non
            puoi rivendere o acquistare libri usati... in
            compenso il Kindle magari ti si
            rompe...Infatti è una fregatura bella e buona!Se anche il reader avesse un costo "elevato" ma i libri (elettronici) - in virtù di una riproducibilità a costo zero - costassero pochi euro, la cosa avrebbe un senso.Ma la verità è che i signori del copyright le cose le fanno per spillare i soldi alla gente, degli strozzini non potrebbero fare di meglio.Vogliono venderci i contenuti a prezzo "pieno" senza in realtà vendere un bel nulla.Ma vadano in malora.
          • Indy scrive:
            Re: Che strano...
            - Scritto da: Enjoy with Us
            - Scritto da: Indy

            - Scritto da: uno qualsiasi


            - Scritto da: Andrea Pagani



            be' oddio, se i genitori storcono il naso a


            tirar



            fuori 139 dollari epr un kindle ma non
            dicono



            nulla a sborsare centinaia di dollari ogni

            anno



            per i libri cartacei secondo me vuol dire
            che


            non



            hanno capito bene di cosa si sta



            parlando...





            Sei tu che non hai capito: i libri per kindle


            costano circa quanto quelli


            cartacei.



            questa è una stupidaggine, un libro per e-reader

            non potrà mai avere lo stesso costo di

            realizzazione di un libro cartaceo, dato che una

            volta realizzata la copia elettronica il libro

            puo essere venduto senza ulteriori costi, mentre

            per la versione cartacea si devono sommare i

            costi di stampa (avviamento macchine, materiali

            di consumo, energia,

            manodopera)

            i costi di distribuzione e promozione, in oltre

            si corre anche il rischio dopo aver stampato

            tutti di avere anche gli invenduti, e lo stesso

            discorso che si applica alla musica e ai

            film.

            Per cui se Kindle dice che gli costa uguale dice

            il

            falso



            Ah ma i costi per l'editore sono sicuramente una
            frazione della versione cartacea, peccato che poi
            lo sconto al consumatore se arriva al 20%
            dell'edizione cartacea è grasso che
            cola!
            Peccato che poi su tale E-libro non hai alcun
            diritto, non lo puoi rivendere, non lo puoi
            prestare, se ti si rompe il lettore in molti casi
            ti devi ricomprare il libro già pagato
            ecc...Allora non affermare che il costo è quasi uguale perché non è così, se poi l'editore ci vuole lucrare sopra in modo indegno è un altro discorso. Quanto al rivendere lasciamo perdere.


            Se insegni ai genitori come piratarli e averli


            gratis, il discorso cambia (perchè solo a tali


            condizioni il kindle diventa


            conveniente)



            Ecco, hai svelato il futuro che inquieta i sogni
            degli
            editori...


            O non conosci il costo dei libri di scuola o

            parli a vanvera, in cinque anni di superiori sai

            quanti Kindle ti compri con il costo dei

            libri?

            Manco 1 visto che il risparmio è minimo e non
            puoi rivendere o acquistare libri usati... in
            compenso il Kindle magari ti si
            rompe...Allora visto che insisti sul rivendere , ti spiego un pochino come funzione in certe scuole, allora mia figlia frequenta la quinta liceo scientifico i libri li hanno cambiati praticamente ogni anno con edizioni diverse o nuove edizioni completamente stravolte, rendendo praticamente impossibile comprare l'usato (in 5 anni siamo riusciti a comprare usati solo 6 libri), poi esiste anche un'altra pratica che è quella di mettere in lista libri con un certo costo per non uscire dal tetto di spesa fissato dal ministero per i libri di testo, per poi richiedere l'acquisto di altri libri durante l'anno scolastico, in oltre ci sono gli acquisti di libri diciamo non scolastici per poi durante l'anno svolgere attività didattiche come gli incontri con l'autore (l'anno scorso abbiamo comprato "Spingendo la notte più in là" e poi hanno incontrato l'autore Mario Calabresi e un libro di Salvo Sottile sempre per lo stesso motivo), ora facendo un conto medio approssimativo il tutto mi è costato circa dai 400 ai 450 euro l'anno tra libri di testo dispense è pubblicazioni varie.Questa è la mia esperienza personale quindi per me il risparmio non sarebbe stato proprio minimo, quanto poi a dire magari il kindle poi ti si rompe, che razza di discorso sarebbe, è come dire magari ti brucia casa e perdi tutti i libri, l'imponderabile esiste sempre per qualunque cosa ( in 5 anni mia figlia ha perso tre libri che ho dovuto ricomprare 127 Euro per l'esattezza, ora che ci penso ci compravo quasi un kindle).
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Che strano...
            - Scritto da: Indy
            - Scritto da: Enjoy with Us

            - Scritto da: Indy


            - Scritto da: uno qualsiasi



            - Scritto da: Andrea Pagani




            be' oddio, se i genitori storcono il naso
            a



            tirar




            fuori 139 dollari epr un kindle ma non

            dicono




            nulla a sborsare centinaia di dollari ogni


            anno




            per i libri cartacei secondo me vuol dire

            che



            non




            hanno capito bene di cosa si sta




            parlando...







            Sei tu che non hai capito: i libri per
            kindle



            costano circa quanto quelli



            cartacei.





            questa è una stupidaggine, un libro per
            e-reader


            non potrà mai avere lo stesso costo di


            realizzazione di un libro cartaceo, dato che
            una


            volta realizzata la copia elettronica il libro


            puo essere venduto senza ulteriori costi,
            mentre


            per la versione cartacea si devono sommare i


            costi di stampa (avviamento macchine,
            materiali


            di consumo, energia,


            manodopera)


            i costi di distribuzione e promozione, in
            oltre


            si corre anche il rischio dopo aver stampato


            tutti di avere anche gli invenduti, e lo
            stesso


            discorso che si applica alla musica e ai


            film.


            Per cui se Kindle dice che gli costa uguale
            dice


            il


            falso






            Ah ma i costi per l'editore sono sicuramente una

            frazione della versione cartacea, peccato che
            poi

            lo sconto al consumatore se arriva al 20%

            dell'edizione cartacea è grasso che

            cola!

            Peccato che poi su tale E-libro non hai alcun

            diritto, non lo puoi rivendere, non lo puoi

            prestare, se ti si rompe il lettore in molti
            casi

            ti devi ricomprare il libro già pagato

            ecc...

            Allora non affermare che il costo è quasi uguale
            perché non è così, se poi l'editore ci vuole
            lucrare sopra in modo indegno è un altro
            discorso. Quanto al rivendere lasciamo
            perdere.
            Intendevo il costo per l'acquirente che è quello che mi interessa direttamente! Quanto ci guadagni l'editore capisci mi importa molto relativamente!



            Se insegni ai genitori come piratarli e
            averli



            gratis, il discorso cambia (perchè solo a
            tali



            condizioni il kindle diventa



            conveniente)






            Ecco, hai svelato il futuro che inquieta i sogni

            degli

            editori...




            O non conosci il costo dei libri di scuola o


            parli a vanvera, in cinque anni di superiori
            sai


            quanti Kindle ti compri con il costo dei


            libri?

            Sei tu che parli a vanvera, presupponendo che i libri in formato elettronico siano ceduti gratis o quasi dagli editori, cosa che assolutamente non è!Visto che gli ebook se li fanno pagare quasi quanto i corrispettivi cartacei e in più non ne hai neppure la piena disponibilità, ossia non puoi rivenderli!

            Manco 1 visto che il risparmio è minimo e non

            puoi rivendere o acquistare libri usati... in

            compenso il Kindle magari ti si

            rompe...

            Allora visto che insisti sul rivendere , ti
            spiego un pochino come funzione in certe scuole,
            allora mia figlia frequenta la quinta liceo
            scientifico i libri li hanno cambiati
            praticamente ogni anno con edizioni diverse o
            nuove edizioni completamente stravolte, rendendo
            praticamente impossibile comprare l'usato (in 5
            anni siamo riusciti a comprare usati solo 6
            libri), poi esiste anche un'altra pratica che è
            quella di mettere in lista libri con un certo
            costo per non uscire dal tetto di spesa fissato
            dal ministero per i libri di testo, per poi
            richiedere l'acquisto di altri libri durante
            l'anno scolastico, in oltre ci sono gli acquisti
            di libri diciamo non scolastici per poi durante
            l'anno svolgere attività didattiche come gli
            incontri con l'autore (l'anno scorso abbiamo
            comprato "Spingendo la notte più in là" e poi
            hanno incontrato l'autore Mario Calabresi e un
            libro di Salvo Sottile sempre per lo stesso
            motivo), ora facendo un conto medio
            approssimativo il tutto mi è costato circa dai
            400 ai 450 euro l'anno tra libri di testo
            dispense è pubblicazioni
            varie.
            Questa è la mia esperienza personaleEcco appunto questa è la tua esperienza personale, nella mia esperienza invece ci sono diversi libri di testo che puoi rivendere ad un prezzo decente e diversi li puoi trovare usati, il problema delle nuove edizioni o deò cambio di testi esiste, ma non è esasperato come sostieni tu, ne tantomeno si spendono 450 euro l'anno di libri, forse se in questo include la cartella firmata o altre amenità del genere!
            quindi per
            me il risparmio non sarebbe stato proprio minimo,
            quanto poi a dire magari il kindle poi ti si
            rompe, che razza di discorso sarebbe, è come dire
            magari ti brucia casa e perdi tutti i libri,Si certo come no! Un libro ha la stessa probabilità di divenire inutilizzabile come un dispositivo elettronico, mi chiedo Io se VIrgilio Dante e Catone avessero rilasciato le loro opere su un Ebook se oggi queste stesse opere sarebbero ancora li ad amorbare tanti poveri studenti!
            l'imponderabile esiste sempre per qualunque cosa
            ( in 5 anni mia figlia ha perso tre libri che ho
            dovuto ricomprare 127 Euro per l'esattezza, ora
            che ci penso ci compravo quasi un
            kindle).Pensa se perdeva il Kindle con sopra tutti i libri DRM compliant da te pagati, quanto ti sarebbe costato ricomprare tutto tre volte?
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: Che strano...

          questa è una stupidaggine, un libro per e-reader
          non potrà mai avere lo stesso costo di
          realizzazione di un libro cartaceoE da quando in qua gli editori vendono a un prezzo proporzionale al costo di realizzazione?
          , dato che una
          volta realizzata la copia elettronica il libro
          puo essere venduto senza ulteriori costi,Può: ma sai cosa rispondono gli editori? "Può, non deve per forza"Una volta ammortizzato il costo di realizzazione, il libro (o la musica, o il film) potrebbe essere distribuito gratis: ti sembra che gli editori lo facciano? No, se trovano il XXXXXXXXXX che compra, per loro è tutto grasso che cola, e lo spremono finchè possono. Per questo la loro volontà non va rispettata, non più di quella di una sanguisuga.
          • Indy scrive:
            Re: Che strano...
            - Scritto da: uno qualsiasi

            questa è una stupidaggine, un libro per e-reader

            non potrà mai avere lo stesso costo di

            realizzazione di un libro cartaceo

            E da quando in qua gli editori vendono a un
            prezzo proporzionale al costo di
            realizzazione?Certo che se quoti in questo modo stravolgi tutto il discorso, io parlo di costo di produzione e tu di prezzo di vendita che sono due cose diverse.

            , dato che una

            volta realizzata la copia elettronica il libro

            puo essere venduto senza ulteriori costi,

            Può: ma sai cosa rispondono gli editori? "Può,
            non deve per
            forza"E con questo spiegami dove io ho detto che devono per forza io ho detto che il costo di realizzazione non è lo stesso, se gli editori dicono il contrario mentono.
            Una volta ammortizzato il costo di realizzazione,
            il libro (o la musica, o il film) potrebbe essere
            distribuito gratis: ti sembra che gli editori lo
            facciano? No, se trovano il XXXXXXXXXX che
            compra, per loro è tutto grasso che cola, e lo
            spremono finchè possono. Per questo la loro
            volontà non va rispettata, non più di quella di
            una
            sanguisuga.Questo non centra nulla con il discorso, io non sto difendendo gli editori che sono la peggior feccia, dico semplicemente che per me il risparmio con un e-reader lo avrei avuto, o vuoi contestare anche quello che ho speso io di libri per la scuola?
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Che strano...

            Questo non centra nulla con il discorso, io non
            sto difendendo gli editori che sono la peggior
            feccia, dico semplicemente che per me il
            risparmio con un e-reader lo avrei avuto, o vuoi
            contestare anche quello che ho speso io di libri
            per la
            scuola?OK: mostrami i prezzi dei libri di scuola che hai comprato, e i prezzi della versione elettronica che avresti comprato. E allora potremo parlare di risparmio.Io non contesto la cifra che hai speso, contesto la cifra che TU dici che AVRESTI speso SE...
          • shevathas scrive:
            Re: Che strano...

            Una volta ammortizzato il costo di realizzazione,
            il libro (o la musica, o il film) potrebbe essere
            distribuito gratis: ti sembra che gli editori lo
            facciano? No, se trovano il XXXXXXXXXX che
            compra, per loro è tutto grasso che cola, e lo
            spremono finchè possono. Per questo la loro
            volontà non va rispettata, non più di quella di
            una
            sanguisuga.ok, appena un libro (o film o CD o quel che è) viene ammortizzato dovrebbe diventare gratuito. Ma cosa fare con quei libri (o altro...) che non riescono ad andare in pareggio ? chi paga ?
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Che strano...
            - Scritto da: shevathas

            Una volta ammortizzato il costo di
            realizzazione,

            il libro (o la musica, o il film) potrebbe
            essere

            distribuito gratis: ti sembra che gli editori lo

            facciano? No, se trovano il XXXXXXXXXX che

            compra, per loro è tutto grasso che cola, e lo

            spremono finchè possono. Per questo la loro

            volontà non va rispettata, non più di quella di

            una

            sanguisuga.

            ok, appena un libro (o film o CD o quel che è)
            viene ammortizzato dovrebbe diventare gratuito.
            Ma cosa fare con quei libri (o altro...) che non
            riescono ad andare in pareggio ? chi paga
            ?Poveri editori, pensa agli altissimi costi che devono supportare per distribuire e commercializzare materiale virtuale... poveracci!
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Che strano...

            ok, appena un libro (o film o CD o quel che è)
            viene ammortizzato dovrebbe diventare gratuito.
            Ma cosa fare con quei libri (o altro...) che non
            riescono ad andare in pareggio ? chi paga
            ?Paga l'editore, perchè ha sbagliato. Semplice. E lo paga con i suoi soldi.
          • shevathas scrive:
            Re: Che strano...
            - Scritto da: uno qualsiasi

            ok, appena un libro (o film o CD o quel che è)

            viene ammortizzato dovrebbe diventare gratuito.

            Ma cosa fare con quei libri (o altro...) che non

            riescono ad andare in pareggio ? chi paga

            ?

            Paga l'editore, perchè ha sbagliato. Semplice. E
            lo paga con i suoi
            soldi.e se invece azzecca ? capisco che il diritto d'autore permette lo sfruttamento economico dell'opera troppo a lungo ma il contrario: se fai un opera che piace la puoi sfruttare solo fino a rientrare dai costi, se non piace hai perso, mi sembra fallimentare.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Che strano...

            e se invece azzecca ? capisco che il diritto
            d'autore permette lo sfruttamento economico
            dell'opera troppo a lungo ma il contrario:

            se fai un opera che piace la puoi sfruttare solo
            fino a rientrare dai costi, se non piace hai
            perso, mi sembra
            fallimentare.Se su 100 opere ne azzecchi 99, non è che per una che ti va male vai in perdita.Se invece te ne vanno male troppe, forse hai sbagliato mestiere.
    • anonimo scrive:
      Re: Che strano...
      - Scritto da: Andrea Pagani
      be' oddio, se i genitori storcono il naso a tirar
      fuori 139 dollari epr un kindle ma non dicono
      nulla a sborsare centinaia di dollari ogni anno
      per i libri cartacei secondo me vuol dire che non
      hanno capito bene di cosa si sta
      parlando...Io ho fatto le superiori negli stati uniti e a inizio anno i libri venivano dati agli studenti in prestito e dovevano ridarli intatti a fine anno altrimenti dovevano essere comprati.Il costo sarà comunque sui diritti, quindi sia che te li diano su carta o in formato ebook costeranno sempre abbastanza.
  • Enjoy with Us scrive:
    I miei dubbi!
    1. Quello che può essere valido per il mercato anglofono non lo è per noi2. Simili ricerche di mercato hanno un valore aleatorio, specie se non sono chiari i sistemi utilizzati.Hanno voglia a sostenere che gli e-reader sono fichi, quando supportano solo i toni di grigio, hanno costi sopra i 200 euro, non è possibile prendervi appunti in modo "naturale" sono sensibili agli urti e soprattutto quando o non vi è un'offerta decente di titoli o se anche vi è ha prezzi confrontabili con il mercato cartaceo!Ovvio che i genitori non ne vogliano sapere, un libro di testo lo puoi trovare anche usato e dopo l'uso lo puoi rivendere.... siete tanto sicuri che alla fine risulti più costoso dell'eBook? Un libro poi per definizione non si guasta, un Book Reader invece si... chi se la sentirebbe di dare in mano un'oggetto che costa magari 400 euro (vorrai avere un 9-10 pollici se vuoi usarlo come libro di testo!) ad un ragazzino di 9-10 anni?Non è un caso che i vari Ipad stiano vendendo bene, non costano poi tanto in più rispetto ad un book reader ma offrono tanto in più!Dove sono i book reader con schermo arrotolabile ed "economici" come da sempre l'Epaper ha promesso di essere? Gli conviene spicciarsi, altrimenti non diventeranno mai un fenomeno di massa! Per leggere un romanzo basta e avanza lo schermo di un cellulare che supporti Java!
    • Indy scrive:
      Re: I miei dubbi!
      - Scritto da: Enjoy with Us
      1. Quello che può essere valido per il mercato
      anglofono non lo è per
      noi
      2. Simili ricerche di mercato hanno un valore
      aleatorio, specie se non sono chiari i sistemi
      utilizzati.

      Hanno voglia a sostenere che gli e-reader sono
      fichi, quando supportano solo i toni di grigio,
      hanno costi sopra i 200 euro, non è possibile
      prendervi appunti in modo "naturale" sono
      sensibili agli urti e soprattutto quando o non vi
      è un'offerta decente di titoli o se anche vi è ha
      prezzi confrontabili con il mercato
      cartaceo!
      Ovvio che i genitori non ne vogliano sapere, un
      libro di testo lo puoi trovare anche usato e dopo
      l'uso lo puoi rivendere.... siete tanto sicuri
      che alla fine risulti più costoso dell'eBook?Io ho una figlia che frequenta il quinto anno al liceo scientifico, ti posso assicurare che con i soldi che ho speso in libri dalla prima alla quinta ci avrei comprato almeno 4 iPad.Quanto ai libri usati la situazione in italia è molto variegata ,ad esempio nella scuola di mia figlia li hanno praticamente cambiati ogni anno rendendo impossibile l'acquisto usato, in oltre siamo stati costretti a comprare nel corso dell'anno libri che non erano nella lista iniziale, dato che in italia si aggira il limite di spesa fissato dal governo per i libri di testo mettendo il lista dei libri e poi facendone acquistare altri durante il corso.Quindi si per me era più conveniente
      Un libro poi per definizione non si guasta, un Book
      Reader invece si... chi se la sentirebbe di dare
      in mano un'oggetto che costa magari 400 euro
      (vorrai avere un 9-10 pollici se vuoi usarlo come
      libro di testo!) ad un ragazzino di 9-10
      anni?Per 9_10 anni potrei esser d'accordo con te ma alle superiori il discorso potrebbe essere diverso.
      Non è un caso che i vari Ipad stiano vendendo
      bene, non costano poi tanto in più rispetto ad un
      book reader ma offrono tanto in
      più!
      Dove sono i book reader con schermo arrotolabile
      ed "economici" come da sempre l'Epaper ha
      promesso di essere? Gli conviene spicciarsi,
      altrimenti non diventeranno mai un fenomeno di
      massa! Per leggere un romanzo basta e avanza lo
      schermo di un cellulare che supporti
      Java!Leggere un romanzo sullo schermo di un telefono è un suicidio.
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: I miei dubbi!
        - Scritto da: Indy
        - Scritto da: Enjoy with Us

        1. Quello che può essere valido per il mercato

        anglofono non lo è per

        noi

        2. Simili ricerche di mercato hanno un valore

        aleatorio, specie se non sono chiari i sistemi

        utilizzati.



        Hanno voglia a sostenere che gli e-reader sono

        fichi, quando supportano solo i toni di grigio,

        hanno costi sopra i 200 euro, non è possibile

        prendervi appunti in modo "naturale" sono

        sensibili agli urti e soprattutto quando o non
        vi

        è un'offerta decente di titoli o se anche vi è
        ha

        prezzi confrontabili con il mercato

        cartaceo!

        Ovvio che i genitori non ne vogliano sapere, un

        libro di testo lo puoi trovare anche usato e
        dopo

        l'uso lo puoi rivendere.... siete tanto sicuri

        che alla fine risulti più costoso dell'eBook?

        Io ho una figlia che frequenta il quinto anno al
        liceo scientifico, ti posso assicurare che con i
        soldi che ho speso in libri dalla prima alla
        quinta ci avrei comprato almeno 4
        iPad.
        Quanto ai libri usati la situazione in italia è
        molto variegata ,ad esempio nella scuola di mia
        figlia li hanno praticamente cambiati ogni anno
        rendendo impossibile l'acquisto usato, in oltre
        siamo stati costretti a comprare nel corso
        dell'anno libri che non erano nella lista
        iniziale, dato che in italia si aggira il limite
        di spesa fissato dal governo per i libri di testo
        mettendo il lista dei libri e poi facendone
        acquistare altri durante il
        corso.

        Quindi si per me era più conveniente
        Perchè secondo te gli ebook sono gratis? Vatti a vedere i prezzi, rispetto alle edizioni cartacee lo sconto è al massimo del 30%!

        Un libro poi per definizione non si guasta, un
        Book

        Reader invece si... chi se la sentirebbe di dare

        in mano un'oggetto che costa magari 400 euro

        (vorrai avere un 9-10 pollici se vuoi usarlo
        come

        libro di testo!) ad un ragazzino di 9-10

        anni?

        Per 9_10 anni potrei esser d'accordo con te ma
        alle superiori il discorso potrebbe essere
        diverso.
        Me lo immagino, con gli scherzi dei vari compagni, i gavettoni, le cartelle lanciate.... cose che si fanno tranquillamente anche al liceo a 16 anni!

        Non è un caso che i vari Ipad stiano vendendo

        bene, non costano poi tanto in più rispetto ad
        un

        book reader ma offrono tanto in

        più!

        Dove sono i book reader con schermo arrotolabile

        ed "economici" come da sempre l'Epaper ha

        promesso di essere? Gli conviene spicciarsi,

        altrimenti non diventeranno mai un fenomeno di

        massa! Per leggere un romanzo basta e avanza lo

        schermo di un cellulare che supporti

        Java!

        Leggere un romanzo sullo schermo di un telefono è
        un
        suicidio.Assolutamente no, ormai ne avrò letti più di un centinaio, basta selezionare la giusta dimensione del carattere e la giusta spaziatura e leggi da Dio anche su uno schermo di 2.1 pollici! Hai mai provato?
      • Sandro kensan scrive:
        Re: I miei dubbi!
        - Scritto da: Indy
        Leggere un romanzo sullo schermo di un telefono è
        un
        suicidio.Come in molti hanno detto lo stesso vale per lo schermo di un pc o di un Tablet (iPad o altre marche).
        • Indy scrive:
          Re: I miei dubbi!
          - Scritto da: Sandro kensan
          - Scritto da: Indy


          Leggere un romanzo sullo schermo di un telefono
          è

          un

          suicidio.

          Come in molti hanno detto lo stesso vale per lo
          schermo di un pc o di un Tablet (iPad o altre
          marche).Molti non sono io.Tutto si può fare a questo mondo anche darsi le martellate sugli ammennicoli, ma dire che leggere un libro su uno smartphone sia comodo, è veramente un idiozia.
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: I miei dubbi!
            - Scritto da: Indy
            - Scritto da: Sandro kensan

            - Scritto da: Indy




            Leggere un romanzo sullo schermo di un
            telefono

            è


            un


            suicidio.



            Come in molti hanno detto lo stesso vale per lo

            schermo di un pc o di un Tablet (iPad o altre

            marche).

            Molti non sono io.
            Tutto si può fare a questo mondo anche darsi le
            martellate sugli ammennicoli, ma dire che leggere
            un libro su uno smartphone sia comodo, è
            veramente un
            idiozia.Hai mai provato? IO c'ho letto almeno un centinaio di libri, prova con un cellulare che supporti java e bookmaker e ne riparliamo... Vedi l'avere poche riche di testo sul display non è assolutamente un problema visto che per avanzare basta pigiare un tasto!
          • Indy scrive:
            Re: I miei dubbi!
            Contento tu, io ho provato con ipod e lo trovo una stupidaggine, se a te piace meglio per te.
        • Enjoy with Us scrive:
          Re: I miei dubbi!
          - Scritto da: Sandro kensan
          - Scritto da: Indy


          Leggere un romanzo sullo schermo di un telefono
          è

          un

          suicidio.

          Come in molti hanno detto lo stesso vale per lo
          schermo di un pc o di un Tablet (iPad o altre
          marche).Francamente anche Io ero dell'avviso che uno schermo LCD fosse inadeguato per una comoda lettura, poi ho fatto la prova e ora avrò letto un centinaio di libri almeno... gratis!
          • Sandro kensan scrive:
            Re: I miei dubbi!
            - Scritto da: Enjoy with Us
            Francamente anche Io ero dell'avviso che uno
            schermo LCD fosse inadeguato per una comoda
            lettura, poi ho fatto la prova e ora avrò letto
            un centinaio di libri almeno...
            gratis!Sarà ma credo che la vista ne risenta, certo anche a leggere i libri cala la vista però il monitor di un pc o di un tablet lo trovo più a rischio rispetto alla salute degli occhi.
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: I miei dubbi!
            - Scritto da: Sandro kensan
            - Scritto da: Enjoy with Us


            Francamente anche Io ero dell'avviso che uno

            schermo LCD fosse inadeguato per una comoda

            lettura, poi ho fatto la prova e ora avrò letto

            un centinaio di libri almeno...

            gratis!

            Sarà ma credo che la vista ne risenta, certo
            anche a leggere i libri cala la vista però il
            monitor di un pc o di un tablet lo trovo più a
            rischio rispetto alla salute degli
            occhi.Abbi pazienza, chi ti ha instillato l'erronea idea che leggere o fare qualsiasi altra cosa con gli occhi possa determinare un calo visivo?Ti posso assicurare che anche se ti metti a leggere al buio per 10 anni al massimo tutto quello che ti potrà accadere è di avere delle cefalee!Vedi Io nel settore oftalmico ho una discreta esperienza...
          • Sandro kensan scrive:
            Re: I miei dubbi!
            - Scritto da: Enjoy with Us
            Abbi pazienza, chi ti ha instillato l'erronea
            idea che leggere o fare qualsiasi altra cosa con
            gli occhi possa determinare un calo
            visivo?
            Ti posso assicurare che anche se ti metti a
            leggere al buio per 10 anni al massimo tutto
            quello che ti potrà accadere è di avere delle
            cefalee!
            Vedi Io nel settore oftalmico ho una discreta
            esperienza...Eppure agli assidui lettori consigliano di distrarre la vista con una certa frequenza.
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: I miei dubbi!
            - Scritto da: Sandro kensan
            - Scritto da: Enjoy with Us


            Abbi pazienza, chi ti ha instillato l'erronea

            idea che leggere o fare qualsiasi altra cosa con

            gli occhi possa determinare un calo

            visivo?

            Ti posso assicurare che anche se ti metti a

            leggere al buio per 10 anni al massimo tutto

            quello che ti potrà accadere è di avere delle

            cefalee!

            Vedi Io nel settore oftalmico ho una discreta

            esperienza...

            Eppure agli assidui lettori consigliano di
            distrarre la vista con una certa
            frequenza.Questo per evitare affaticamenti che possono portare a spasmi accomodativi e cefalee, non certo per timori di danni irreversibili agli occhi!
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: I miei dubbi!
      contenuto non disponibile
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: I miei dubbi!
        - Scritto da: unaDuraLezione
        - Scritto da: Enjoy with Us


        ....e soprattutto quando o non vi

        è un'offerta decente di titoli o se anche vi è
        ha

        prezzi confrontabili con il mercato

        cartaceo!

        Per quanto riguarda i libri classici, quelli che
        non hanno più diritti d'autore, il prezzo è
        generalmente 0 (zero) se prendi quelli in lingua
        originale, oppure simbolico nel caso sia tradotto
        oppure curato a livello di note e commenti (come
        spesso avviene nelle riproduzione dei libri
        scolastici).
        Anche la versione cartacea di tali opere non costa più di tanto, il problema sono tutti gli altri libri!

        Non è un caso che i vari Ipad stiano vendendo

        bene, non costano poi tanto in più rispetto ad
        un

        book reader ma offrono tanto in

        più!

        E' come dire che una F1 offre molto di più di una
        mountain
        bike:
        Però se devi viaggiare nei sentieri del bosco con
        la F1 non fai molta
        strada.
        Allo stesso modo, per leggere i libri con
        continuità e in condizioni di luce naturali (una
        panchina al sole, tanto per dirne una) serve uno
        schermo con le caratteristiche di un e-reader
        perché l'LCD ha caratteristiche che contrastano
        con l'uso comune dei
        libri.Ah beh certo, non potrai leggere in pieno sole, cosa che non mi risulta capiti a scuola o a casa!
        E il settore e-reader è in esplosione, ergo ci
        sarà un abbassamento dei prezzi anche per i
        modelli da 10 pollici (così com'è stato negli
        ultimi mesi per quelli da 6
        pollici).
        Ma se costano ancora più di 200 euro i 6 pollici! Addirittura c'è la Nilox che produce un eReader da 6 pollici a circa 100 euro ma con schermo TFT, ossia il supposto economico schermo E-Ink costa da solo più di 100 euro!

        Dove sono i book reader con schermo arrotolabile

        ed "economici" come da sempre l'Epaper ha

        promesso di essere?

        speriamo che vengano.
        Io ho già fatto un acquisto (che non dico) e il
        prodotto che ora ho va molto al di là delle mie
        aspettative.
        e quanto hai speso? E come lo usi? Acquisti legalmente o scarichi come fanno tutti?

        Per leggere un romanzo basta e avanza lo

        schermo di un cellulare che supporti

        Java!

        Sìsì, c'è anche chi si diverte a scrivere la
        divina commedia su un francobollo, ma
        curiosamente a scuola non insegnano a scrivere su
        francobolli ma su fogli di
        protocollo.
        Strano eh? :)Hai mai provato? Il trucco sta nell'usare caratteri di discrete dimensioni e la giusta spaziatura e anche su un 2.1 pollici leggi benissimo, provare per credere e te lo dice uno che era ultrascettico all'inizio, prova un pò bookmaker e ne riparliamo, basta un cellulare che supporti Java!
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: I miei dubbi!
          contenuto non disponibile
          • Indy scrive:
            Re: I miei dubbi!
            Mi piacerebbe sapere prendendo un libro a caso tipo "mondo senza fine" di Ken Follet, usando un carattere e una spaziatura adeguata in quante schermate dello smartphone dobbiamo spalmare le sue 1365 pagine?Solo per curiosità. ;)
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: I miei dubbi!
            - Scritto da: Indy
            Mi piacerebbe sapere prendendo un libro a caso
            tipo "mondo senza fine" di Ken Follet, usando un
            carattere e una spaziatura adeguata in quante
            schermate dello smartphone dobbiamo spalmare le
            sue 1365
            pagine?
            Solo per curiosità. ;)Non ha alcuna importanza, anzi l'avere poche righe per pagina è addirittura un vantaggio per ritrovare il segno, bookmaker infatti è di default abilitato a riproporre l'ultima pagina visualizzata oltre ad avere un nutrito numero di opzioni di segnalibro anche multipli, l'avanzamento della pagina è immediato, basta premere un tasto, tornare indietro è altrettanto immediato.Prima di dire che è assurdo od improponibile perchè non fate la prova? Basta un cellulare java compatibile e bookmaker che potete trovare con un giro di google e 10 minuti del vostro tempo!
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: I miei dubbi!
            contenuto non disponibile
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: I miei dubbi!
            - Scritto da: unaDuraLezione
            già sul kinder da 6 pollici il concetto di pagina
            sparisce (dipende dalle tue preferenze di lettura
            e non appare a video il numero di pagina del
            libro
            originale).
            Ma sinceramente non è questo il problema.
            Appunto!
            Il problema è che su uno smartphone da 2 pollici
            probabilmente devi 'svoltare pagina' ogni 10
            parole.diciamo ogni circa 30 parole, ossia si tratta di premere un tasto circa 1 volta ogni 1-2 secondi, capirai il problema, se poi hai uno schermo da 3-3.5 pollici probabilmente di parole te ne entrano il doppio!E sto parlando di un corpo 10 arial, non esattamente di un carattere lilipuziano!
            Roba che se non hai una salute di ferro ti prende
            una motion sickness che nemmeno ai giapponesi che
            giocano agli FPS in prima
            persona.Come al solito, sei prevenuto, fai un pò la prova prima, poi ne riparliamo!
  • Acheson Kritiont scrive:
    Ma va!?
    Ad un maggiore interesse da parte dei più piccoli non ha però fatto eco un'apertura da parte dei rispettivi genitori. Ci vuole proprio una ricerca di mercato per capire che i bambini comprerebbero QUALSIASI cosa gli metti sotto il naso!
  • panda rossa scrive:
    come hanno fatto l'intervista?
    Questi vanno davanti alle scuole (suppongo), mettono un kindle in mano ai bambini e gli chiedono di cliccare o non cliccare su "mi piace".Mi sembra strano che abbiano raggiunto solo il 60%.Oppure senza fargli vedere il kindle avranno chiesto: "ti piace l'e-reader" e qui si spiega un po' meglio la percentuale40% non so non risponde60% credo di sapere cos'e', e' una console, quindi mi piace.Mentre e' giustificatissimo il disinteresse da parte degli adulti, i quali avranno chiesto:a) quanto costab) quanto costano i libri caricabilic) ma poi, i libri caricati, sono miei, vero? non e' che me li possono cancellare da remoto come quella volta la' col libro di orwell?
    • krane scrive:
      Re: come hanno fatto l'intervista?
      - Scritto da: panda rossa
      Questi vanno davanti alle scuole (suppongo),
      mettono un kindle in mano ai bambini e gli
      chiedono di cliccare o non cliccare su "mi
      piace".Vanno davanti alle scuole con il kindle ad altezza fibia della cintura, cosi' che sia all'altezza del viso dei bimbi, sopra si mettono un lungo impermeabile e...[img]http://farm1.static.flickr.com/27/48022447_8b94697f2f_o.gif[/img]
    • Senryu scrive:
      Re: come hanno fatto l'intervista?
      - Scritto da: panda rossa
      Questi vanno davanti alle scuole (suppongo),
      mettono un kindle in mano ai bambini e gli
      chiedono di cliccare o non cliccare su "mi
      piace".

      Mi sembra strano che abbiano raggiunto solo il
      60%.

      Oppure senza fargli vedere il kindle avranno
      chiesto: "ti piace l'e-reader" e qui si spiega un
      po' meglio la
      percentuale
      40% non so non risponde
      60% credo di sapere cos'e', e' una console,
      quindi mi
      piace.

      Mentre e' giustificatissimo il disinteresse da
      parte degli adulti, i quali avranno
      chiesto:
      a) quanto costa
      b) quanto costano i libri caricabili
      c) ma poi, i libri caricati, sono miei, vero? non
      e' che me li possono cancellare da remoto come
      quella volta la' col libro di
      orwell?Ma svegliati, in molte scuole USA l'ereader si usa già al posto dei libri scolastici, con guadagno di costi (di sicuro costa meno dei libri scolastici! e gli ebook costano molto meno, l'ereader lo compri una volta ma ti dura per tutto il ciclo dis tudi che farai) Come pensate di paragonare l'istruzione USA a quella italiana? mah
      • Indy scrive:
        Re: come hanno fatto l'intervista?
        ConcordoIn italia siamo un paese del terzo mondo per quanto riguarda la tecnologia a scuola, l'adottare un e-reader al posto delle tonnellate di libri che i ragazzi si devono portare dietro dimostrerebbe un intelligenza che la nostra classe politica non dimostra di possiede.Anche se io credo che più che di intelligenza bisognerebbe parlare di interesse, ad esempio quello delle case editrici che vedrebbero massacrati gli introiti della vendita dei libri di testo, e come sappiamo bene non siamo noi cittadini che diciamo ai politici cosa fare.
      • Ubunto scrive:
        Re: come hanno fatto l'intervista?
        - Scritto da: Senryu
        - Scritto da: panda rossa

        Ma svegliati, in molte scuole USA l'ereader si
        usa già al posto dei libri scolastici, con
        guadagno di costi (di sicuro costa meno dei libri
        scolastici! e gli ebook costano molto meno,
        l'ereader lo compri una volta ma ti dura per
        tutto il ciclo dis tudi che farai)

        Come pensate di paragonare l'istruzione USA a
        quella italiana?
        mahMa è semplice: sgancia i ghelli ed ottieni l'istruzione USA.http://it.wikipedia.org/wiki/Istruzione_negli_Stati_Uniti_d%27America Università Il terzo livello è rappresentato dal livello universitario che include i college e le università che consistono in quattro anni di studio. Le università sono quasi tutte private tranne alcune come l'Università di Berkeley e Los Angeles in California.Le università sono a pagamento: ogni anno di corso costa sui 20000 dollari. Importo che copre le spese di alloggio al college, spese per i corsi frequentati. Per gli studenti più bravi sono disponibili borse di studio. Per la prestigiosa Università di Stanford la retta arriva a 40000 dollari annui. Che bello eh?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 ottobre 2010 02.58-----------------------------------------------------------
        • ... scrive:
          Re: come hanno fatto l'intervista?
          Ci sono le università di stato anche negli USA, come mai non le cita?Ah già, è wikipedia italia.
Chiudi i commenti