NASA, piovono contratti

L'agenzia statunitense annuncia nuove partnership miliardarie per rifornire la ISS nel corso dei prossimi anni. Tre le aziende private coinvolte, inclusa la new entry Sierra Nevada Corporation. Mentre SpaceX sperimenta ancora coi rientri

Roma – Da qui al 2024, i cordoni della borsa di NASA si apriranno per far uscire un massimo di 14 miliardi di dollari per tre diverse aziende spaziali private, tutte coinvolte nel trasporto di cargo di rifornimento verso la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) e relativo equipaggio internazionale.

I tre soggetti coinvolti (SpaceX, Orbital ATK e Sierra Nevada Corporation) dovranno garantire un minimo di sei viaggi tra il 2016 e il 2024, facendo la spola tra la Terra e la ISS in attesa che NASA torni a sviluppare capacità di trasporto autonome (e con equipaggio umano) con la concretizzazione progetto Orion/Space Launch System.

Sia SpaceX che Orbital ATK sono già da tempo partner di NASA: la prima ha già portato a compimento sei diverse missioni di rifornimento verso la ISS con l’accoppiata del vettore Falcon 9 più capsula Dragon, la seconda con all’attivo quattro missioni con il vascello Cygnus lanciata a cavallo di un razzo Atlas V.

Cygnus è in grado di trasportare poco meno della metà del carico gestibile dal vascello di SpaceX, mentre per quanto riguarda Sierra Nevada Corporation (SNC) le premesse sono più vicine alle capacità della “space company” di Elon Musk: il vascello della new entry si chiama Dream Chaser, e rassomiglia a una versione in miniatura dello Space Shuttle di NASA con in più la capacità di piegare le ali per una maggior flessibilità nelle configurazioni di lancio.

I sostanziosi finanziamenti dell’agenzia spaziale americana alimentano i sogni di un’industria spaziale avanzata in mano alle aziende private, mentre SpaceX continua a sperimentare con il rientro sicuro dei razzi in vista di una riutilizzabilità futura . L’ultima prova ha riguardato il vettore Falcon 9 lanciato per la messa in orbita di un satellite meteorologico nella missione Jason-3 , e il tentativo di far atterrare il razzo su una chiatta galleggiante nell’oceano si è ancora una volta rivelato fallimentare .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ... scrive:
    Blackberry: o complice o incapace
    Se i dati vengono acceduti perche' blackberry "apre" i terminali, la cosa e' grave.Se i dati vengono acceduti perche' i terminali vengono "bucati", la cosa e' anche peggio.in entrambi i casi, blackberry e' INAFFIDABILE.
    • .... scrive:
      Re: Blackberry: o complice o incapace
      - Scritto da: ...
      Se i dati vengono acceduti perche' i terminali
      vengono "bucati", la cosa e' anche
      peggio.tutti i sistemi esistiti sono stati bucati nella loro storia.
  • prova123 scrive:
    Ancora con questi siparietti
    BlackBerry: Pakistan, addio: http://punto-informatico.it/4287069/PI/News/blackberry-pakistan-addio.aspx BlackBerry non abbandona il Pakistan http://punto-informatico.it/4292448/PI/News/blackberry-non-abbandona-pakistan.aspxA questo punto le cose sono 2:O l'Istituto Forense olandese mente, oppure il governo olandese non è stato sufficientemente convincente ;) come quello pakistano. Viste le osservazione dell'istituto forense sono più per la prima opzione.Personalmente questa via di mezzo è solo indice di malafede.
    • prova123 scrive:
      Re: Ancora con questi siparietti
      PS: Corollario: Blackberry è accomodante con i governi.
      • il fuddaro scrive:
        Re: Ancora con questi siparietti
        - Scritto da: prova123
        PS: Corollario: Blackberry è accomodante con i
        governi.Se pensi che Blackberry sia la sola accomodande con i governi sei un ingenuo.
        • Pianeta Fud scrive:
          Re: Ancora con questi siparietti
          - Scritto da: il fuddaro
          Se pensi che Blackberry sia la sola accomodande
          con i governi sei un
          ingenuo.adesso vediamo come farà/sarà costretta a fare Google per gestire questa:http://techcrunch.com/2016/01/16/isis-app/Se sarà obbligata a fare un update per blacklistare, mi aspetto che lo stesso accada su Windows.
        • prova123 scrive:
          Re: Ancora con questi siparietti
          A me una XXXXXXXt* simile non è proprio passata per la mente.
Chiudi i commenti