Nessuno tocchi Steve Jobs

Fa discutere la decisione di Apple di ritirare dai propri negozi tutti i libri pubblicati dalla Wiley. Per colpa di una biografia non autorizzata del CEO pubblicata dalla nota casa editrice
Fa discutere la decisione di Apple di ritirare dai propri negozi tutti i libri pubblicati dalla Wiley. Per colpa di una biografia non autorizzata del CEO pubblicata dalla nota casa editrice


Roma – Vietato criticare Steve Jobs, CEO di Apple ed attuale figura di spicco del mondo dell’IT? Questa è l’impressione che hanno molti in queste ore, perché la Mela ha dato vita ad una singolarissima campagna che in tanti hanno accolto come un atto di censura e che ha gettato nuove ombre sulla considerazione che si nutre a Cupertino per la libertà di espressione.

I vertici del marketing di Apple hanno deciso di rimuovere dai propri negozi tutti i libri pubblicati dalla Wiley & Sons , casa editrice specializzata in guide e manuali per gli utenti Mac. Il casus belli è la pubblicazione di un libro sugli affari personali del CEO di Apple, scritto da Jeffrey Young e William Simon.

Il libro, Icon Steve Jobs: the greatest second act in the history of business , è una panoramica sulle ultime vicende che hanno visto brillare Jobs alla direzione del colosso informatico. Nonostante Young avesse già scritto una biografia di Jobs negli anni ottanta, alla Apple tuonano: si tratta di un’opera non autorizzata dal capo della Mela.

La ritorsione operata da Cupertino, dichiarano fonti ufficiali, è avvenuta per motivi di “insoddisfazione” riguardo a rivelazioni di “particolari privati sulla vita del CEO”. L’autore del libro proibito è rimasto sconcertato: la biografia è solamente la storia dell’ascesa del businessman, dice, accompagnata da aneddoti sulla vita familiare e da qualche critica.

L’editore Wiley & Sons non nasconde perplessità ma al tempo stesso si dice soddisfatto perché “le vendite tramite i negozi Apple rappresentano solo una minima parte dei nostri affari”. Non è d?altra parte la prima volta che Apple ricorre a questo genere di ritorsione, come accaduto con penne del calibro di David Pogue , editorialista del New York Times, nonchè Andy Ihnatko e Bob Levitus del noto The Mac Observer . Quel che è certo è che la scelta di Apple darà una visibilità amplissima al libro che altrimenti non avrebbe probabilmente conosciuto.

Tommaso Lombardi

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

27 04 2005
Link copiato negli appunti