Netscape trova Code Red nei suoi server

Sembra incredibile ma anche l'azienda del browser che ha tentato di resistere a Microsoft e che ha puntato tutto sui software per Internet è rimasta vittima del malefico worm


Montain View (USA) – Almeno otto server il cui indirizzo farebbe capo a Netscape Communications sono stati colpiti dal micidiale Code Red, il worm che sta infestando migliaia di server in tutto il mondo da molte settimane e di cui esistono varie versioni.

La notizia è arrivata nei giorni scorsi mentre l’FBI (la polizia federale americana) faceva sapere che la prima versione di Code Red aveva in programma per ieri, domenica 19 agosto, un nuovo attacco di tipo denial of service (DoS) contro il sito della Casa Bianca, che però non sembra aver creato problemi.

Secondo quanto riportato da NewsBytes, almeno sei server di Netscape sarebbero risultati infetti dal worm, ma l’azienda ha preferito non commentare.

L’infezione dei server di Netscape è però un episodio che lascia spazio alla fantasia, avendo l’azienda sviluppato una propria linea di server per Internet e sapendo che Code Red è in grado di attaccare solo server Microsoft. In più, Netscape si è impegnata a lungo nella battaglia legale contro le attività monopolistiche di Microsoft e a qualcuno è apparso ?singolare? che i suoi sistemi siano, alla fine, equipaggiati con Internet Information Server (IIS).

Pochi giorni fa anche alcuni server di Hotmail , celebre servizio di email gratuite che fa capo a Microsoft, erano rimasti colpiti da Code Red.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    DOMANDA PER MUNEHIRO
    Scusate, ma se gli asmodei li, hanno spostato netstrike in Austria... ma il dominio è .IT, non basta che la magistratura o il potere esecutivo in questione telefoni al nic e dica: fotteteli immediatamente.E loro "agli ordini - signorsìsissignore!"no?DOMANDO!
  • Anonimo scrive:
    la scusa dei link
    la scusa dei link "tanto si può trovare su tutta la rete" ... se alla fine fai fuori tutti i link e tutti i siti illegali, ALLA FINE non potrai più dire questa cosa. Hai voglia a far fuori mirror e siti illegali? ok, vero, ma comunque ...E' come dire "ma che cazzo lo sorpassi a fare uno? ce ne sono 100 davanti".Uno alla volta.E poi sfrecci.
  • Anonimo scrive:
    Hawking
    Come dice Hawking..forse chi sequestra siti dovrebbe "ampliare" il proprio DNA e anche qualcosa d'altro..ci sono speranze ?
  • Anonimo scrive:
    Preoccupante......
    Salve,Sebbene non conosca, dal basso della mia ignoranza, l'attivita' di netstrike, e per cui non mi azzardero' minimamente ad esprimere giudizio nei confronti di essa, sono sconcertato e sconvolto dalla leggerezza del comportamento della magistratura italiana.Qualcuno ben piu' famoso ed intelligente di me proferi' che coloro che vi nascondono (censurano) la verita' in realta mirano a dominarvi ed a controllarvi, per cui abbisogna fare attenzione a questi individui che si celano per paladini.La censura di un sito equivale alla repressione della liberta' di parola e di opinione.........Poiche' un sito non fa' assolutamente niente, al massimo puo' ingannare gli utenti che leggono le sue pagine, per cui bisognerebbe sempre ricordare agli utenti di prendere le dovute precauzioni prima di credere fermamente al contenuto di un sito. Pratica oramai pressoche' abbandonata dalle folle di cerebrolesi resi tali da quei signori che appunto al fine di proteggerli piano piano li hanno avvolti in un caldo, confortante abbraccio ma da cui loro non possono piu' staccarsi......MEDITATE gente, MEDITATE
  • Anonimo scrive:
    sequestrate, sequestrate!
    Le richieste di sequestro aumentano, si comincia cosi` e non si sa dove si andra` a finire.Questa pero` e` la piu` divertente, viene richiesto alla procura di Roma il sequestro e l`oscuramento di un sito americano!!!Evidentemente c`e` ancora qualcuno che di internet non ha capito proprio nientehttp://www.repubblica.it/news/ired/ultimora/rep_nazionale_103728.htm
    • Anonimo scrive:
      Re: sequestrate, sequestrate!
      Non mi meraviglia per nulla che Repubblica prenda la palla al balzo per alimentare il trend oscurantista...Tanto più che il sito è straniero e quindi le proteste del meschino codacons sono veramente inutili...
  • Anonimo scrive:
    Jury???
    ?!?Il massimo rispetto per tutte le opinioni...sempre.Ma che tristezza!!
  • Anonimo scrive:
    non avete capito un c#zz#
    NOn sto parlando del sequestro del netstrike, che comunque fa da esempiodi come lo stato di polizia si stia allargando di nuovo....Dico proprio che chi e' ha idee di destra, di libero mercato, dipseudo democrazia etc parla con ilC#L0 ....tutto qua.E per rispondere a chi mi ha accusato di non rispettare le idee altrui rispondo:no mi spiace, le idee di chi vuol imporreleggi del c#zz0 anche su di me non miinteressano...per me puo' crepare.Proprio non capite la differenzatra democrazia e liberta' vero?Provo per l'ultima volta a spiegarvela:DEmocrazia = 100 persone...40 voglionoche sia libero farsi gli spinelli in santapace, e con questo non obbligano le altre60 a fumare...ne gli fumano in faccia.Ma dato che c'e' la democrazia gli altri60 decidono che NO non si puo' fumare E COSI' FACENDO SI' CHE IMPOGONO ....questo e' IMPORRE.Liberta' = fare ognuno quello che si ritienegiusto all'interno delle proprie comunita' di interesse , senza per questo dover per forza imporre ad altri di farlo pure loro.Mai sentito parlare di TAZ ?Provate a leggervi qualcosa di Hakin Beyquando non siete a perder tempo dietroa auto a 110cv (ciao caro) o a super impiantihi-fi.....ma forse e' chiedere troppo pensare che voi possiate capire anche solouna riga...Adieu'@
    • Anonimo scrive:
      Re: non avete capito un c#zz#
      infatti non si capisce un cazzo di quello che dici. devi avere una bella confusione in testa.Sei incazzato perche' i caramba ti blindano se ti pizzicano con la canna?O c'e' qualcosa di piu'?
      • Anonimo scrive:
        Re: non avete capito un c#zz#
        Vediamo di risponderti...sono inkazzato perche' :dato che ormai nel mondo la maggioranzapecoreccia e' palesemente di destra eliberista non esiste piu' lo spazioper chi non la pensa come loro.solo per questo, non esiste una ragione in particolare, l'esempio dello spinellol'ho portato perche' ultimamente mie' capitato di leggere sul giornaledi ragazzi segnalati per uso abitualedi hashish ....cose che non succedevanoda almeno 10 annia quanto pare il manganello sta tornando,morale o fisico che sia.Questo non mi piace, non mi piace che non ci siano spazi per la minoranza.E votare non serve, non serve la democraziaquando rimarrai sempre e comunque unaminoranza.Per questo parlo di TAZ , ma dubitodi esser capito, e a dir la verita'mi frega meno di 0, chi ha troppobisogno di esser capito non e' sicurodelle sue idee.@- Scritto da: Garistide
        infatti non si capisce un cazzo di quello
        che dici. devi avere una bella confusione in
        testa.

        Sei incazzato perche' i caramba ti blindano
        se ti pizzicano con la canna?

        O c'e' qualcosa di piu'?
        • Anonimo scrive:
          Re: non avete capito un c#zz#
          Fatti curare ...- Scritto da: @
          Vediamo di risponderti...

          sono inkazzato perche' :
          dato che ormai nel mondo la maggioranza
          pecoreccia e' palesemente di destra e
          liberista non esiste piu' lo spazio
          per chi non la pensa come loro.

          solo per questo, non esiste una ragione
          in particolare, l'esempio dello spinello
          l'ho portato perche' ultimamente mi
          e' capitato di leggere sul giornale
          di ragazzi segnalati per uso abituale
          di hashish ....cose che non succedevano
          da almeno 10 anni
          a quanto pare il manganello sta tornando,
          morale o fisico che sia.

          Questo non mi piace, non mi piace che
          non ci siano spazi per la minoranza.

          E votare non serve, non serve la democrazia
          quando rimarrai sempre e comunque una
          minoranza.

          Per questo parlo di TAZ , ma dubito
          di esser capito, e a dir la verita'
          mi frega meno di 0, chi ha troppo
          bisogno di esser capito non e' sicuro
          delle sue idee.

          @


          - Scritto da: Garistide

          infatti non si capisce un cazzo di quello

          che dici. devi avere una bella confusione
          in

          testa.



          Sei incazzato perche' i caramba ti
          blindano

          se ti pizzicano con la canna?



          O c'e' qualcosa di piu'?
          • Anonimo scrive:
            Re: non avete capito un c#zz#
            quando non si hanno argomenti si scomodano le offese eh fascistello senza cultura ?come tutti quelli della tua risma nonsapete rispondere a seri argomenti...per voi vale solo l'imposizione delle leggi su chi non e' d'accordovorrei conoscerti per farti assaggiaredal vivo quanto me ne fotto dellatua democrazia , perbenismo , e ordine costituito.dormi preoKKupato fascio@
            Fatti curare ...

            - Scritto da: @

            Vediamo di risponderti...



            sono inkazzato perche' :

            dato che ormai nel mondo la maggioranza

            pecoreccia e' palesemente di destra e

            liberista non esiste piu' lo spazio

            per chi non la pensa come loro.



            solo per questo, non esiste una ragione

            in particolare, l'esempio dello spinello

            l'ho portato perche' ultimamente mi

            e' capitato di leggere sul giornale

            di ragazzi segnalati per uso abituale

            di hashish ....cose che non succedevano

            da almeno 10 anni

            a quanto pare il manganello sta tornando,

            morale o fisico che sia.



            Questo non mi piace, non mi piace che

            non ci siano spazi per la minoranza.



            E votare non serve, non serve la
            democrazia

            quando rimarrai sempre e comunque una

            minoranza.



            Per questo parlo di TAZ , ma dubito

            di esser capito, e a dir la verita'

            mi frega meno di 0, chi ha troppo

            bisogno di esser capito non e' sicuro

            delle sue idee.



            @





            - Scritto da: Garistide


            infatti non si capisce un cazzo di
            quello


            che dici. devi avere una bella
            confusione

            in


            testa.





            Sei incazzato perche' i caramba ti

            blindano


            se ti pizzicano con la canna?





            O c'e' qualcosa di piu'?
          • Anonimo scrive:
            Re: non avete capito un c#zz#
            - Scritto da: @
            quando non si hanno argomenti si scomodano
            le offese eh fascistello senza cultura ?
            come tutti quelli della tua risma non
            sapete rispondere a seri argomenti...
            per voi vale solo l'imposizione delle
            leggi su chi non e' d'accordo

            vorrei conoscerti per farti assaggiare
            dal vivo quanto me ne fotto della
            tua democrazia , perbenismo , e ordine
            costituito.

            dormi preoKKupato fascio
            Quale migliore esempio di fascimo si potrebbe avere di questa risposta?Da citare nei manuali.
          • Anonimo scrive:
            Re: non avete capito un c#zz#
            Leggiti ... e guarda come sei in sintonia col "fascistello".Caro ma ti rendi conto che sei ridicolo ed autolesionista? Sei la tipica impersonificazione del qualunquismo dilagante a sinistra che ha permesso la salita della destra.C.... ma scriviamo su punto informatico o devo cercare le novità di M$ su puntopolitico????- Scritto da: @
            quando non si hanno argomenti si scomodano
            le offese eh fascistello senza cultura ?
            come tutti quelli della tua risma non
            sapete rispondere a seri argomenti...
            per voi vale solo l'imposizione delle
            leggi su chi non e' d'accordo

            vorrei conoscerti per farti assaggiare
            dal vivo quanto me ne fotto della
            tua democrazia , perbenismo , e ordine
            costituito.

            dormi preoKKupato fascio

            @


            Fatti curare ...



            - Scritto da: @


            Vediamo di risponderti...





            sono inkazzato perche' :


            dato che ormai nel mondo la maggioranza


            pecoreccia e' palesemente di destra e


            liberista non esiste piu' lo spazio


            per chi non la pensa come loro.





            solo per questo, non esiste una
            ragione


            in particolare, l'esempio dello
            spinello


            l'ho portato perche' ultimamente mi


            e' capitato di leggere sul giornale


            di ragazzi segnalati per uso abituale


            di hashish ....cose che non succedevano


            da almeno 10 anni


            a quanto pare il manganello sta
            tornando,


            morale o fisico che sia.





            Questo non mi piace, non mi piace che


            non ci siano spazi per la minoranza.





            E votare non serve, non serve la

            democrazia


            quando rimarrai sempre e comunque una


            minoranza.





            Per questo parlo di TAZ , ma dubito


            di esser capito, e a dir la verita'


            mi frega meno di 0, chi ha troppo


            bisogno di esser capito non e' sicuro


            delle sue idee.





            @








            - Scritto da: Garistide



            infatti non si capisce un cazzo di

            quello



            che dici. devi avere una bella

            confusione


            in



            testa.







            Sei incazzato perche' i caramba ti


            blindano



            se ti pizzicano con la canna?







            O c'e' qualcosa di piu'?
        • Anonimo scrive:
          Re: non avete capito un c#zz#
          non ci dovrebbe essere una minoranza. Dirlo e' gia' dare un'etichetta, catalogare. Non so quanto cio'abbia senso.Perche' dare un'etichetta a tutte le idee? destra, centro, centro-destra, sinistra moderata verso destra... a parte che uno non ci capisce piu' na sega. Se un'idea e' buona e' buona.Tu hai tutti i diritti di portare avanti le tue idee, se sono buone troverai gente che ti segue e che ti votera'... se vuoi diventare un politico :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: non avete capito un c#zz#
      - Scritto da: @
      NOn sto parlando del sequestro del
      netstrike, che comunque fa da esempio
      di come lo stato di polizia si stia
      allargando di nuovo....La polizia si allarga se c'è bisogno che si allarghi. I fatti di Genova , la criminalita' , la droga , gli scippi ecc. tutte cose che ultimamente sono aumentate allo sproposito ti dicono nulla ?

      Dico proprio che chi e' ha idee
      di destra, di libero mercato, di
      pseudo democrazia etc parla con il
      C#L0 ....tutto qua.Chissa' perchè io la penso esattamente al contrario. E onestamente sei tu che dimostri di parlare veramente con il c#lo tirando fuori certi discorsi o comunque idee.

      E per rispondere a chi mi ha accusato
      di non rispettare le idee altrui rispondo:
      no mi spiace, le idee di chi vuol imporre
      leggi del c#zz0 anche su di me non mi
      interessano...per me puo' crepare.Nessuno ti impone delle idee , ti vengono imposte solo LEGGI. Essendo quella sullo spinello , quella che mi pare starti piu' a cuore , ti diro' che mi pare sia da anni e anni che e' in piedi , anche se ammetto con scarso successo.

      Proprio non capite la differenza
      tra democrazia e liberta' vero?

      Provo per l'ultima volta a spiegarvela:

      DEmocrazia = 100 persone...40 vogliono
      che sia libero farsi gli spinelli in santa
      pace, e con questo non obbligano le altre
      60 a fumare...ne gli fumano in faccia.
      Ma dato che c'e' la democrazia gli altri
      60 decidono che NO non si puo' fumare
      E COSI' FACENDO SI' CHE IMPOGONO ....
      questo e' IMPORRE.Scusa , ma allora come mai in ogni parte del mondo si decide alla maggioranza ? La maggioranza decide ! Ma da che mondo e mondo e in qualsiasi paese.Caro mio anche in un condomio si decide per maggioranza. Se io in garage voglio mettermi in piedi una fabbrica di eroina , e gli altri condomini non vogliono , non posso farlo ! Voglio mettermi una parabola sul balcone ? Se non me lo permettono non lo posso fare ! Ti pare sbagliato ? Se ti pare sbagliato , allora vuol dire che tutto il mondo quando prende una decisione sbaglia.E di conseguenza vuol dire che hai ragione solo tu !!!

      Liberta' = fare ognuno quello che si ritiene
      giusto all'interno delle proprie comunita'
      di interesse , senza per questo dover per
      forza imporre ad altri di farlo pure loro.Guarda che una realta' simile e' esistita ! Si chiamava far west !!!! E ritieniti fortunato a non esservici dentro altrimenti ti avrebbero gia fatto fuori.

      Mai sentito parlare di TAZ ?

      Provate a leggervi qualcosa di Hakin Bey
      quando non siete a perder tempo dietro
      a auto a 110cv (ciao caro) o a super impianti
      hi-fi.....ma forse e' chiedere troppo
      pensare che voi possiate capire anche solo
      una riga...Perdere tempo a super impianti ecc... non sai cosa ti perdi. Mi auguro tu possa un giorno scoprire quali emozioni ti puo' portare un impianto audio di elevata qualita'.

      Adieu'
      @
      Ciao bello ! Cosi' mi sembri troppo democratico pero' . Solo una parolaccia dai puoi fare meglio :PPP.E ricordati che parlare di certe cose e confrontarsi non e' mai perdere tempo.
      • Anonimo scrive:
        Re: non avete capito un c#zz#

        Voglio mettermi una parabola sul balcone ?
        Se non me lo permettono non lo posso fare !
        Ti pare sbagliato ? Se ti pare sbagliato ,
        allora vuol dire che tutto il mondo quando
        prende una decisione sbaglia.
        E di conseguenza vuol dire che hai ragione
        solo tu !!!non e' la stessa cosa, se io fumo a casa mia o anche al giardino sono cavoli miei, non donoia alla tua tv ne ti faccio arrestare perche'vivi in una casa ove si produce eroina...sto parlando di argomenti ove non si leda la liberta' altrui, se poi per te (e per molti e'proprio cosi') la linea da non sorpassaree' anche quella di esistenza non so cosa dirti..spiego meglio, esistono persone che non resistendo al farsi i cavoli altrui consideranoentrare nella loro liberta' anche il fatto di vedere persone che si comportano in mododiverso da loro, o vedere cose che non sopportanoe il caso dello spinello rientra sotto questacategoria....e' vietato alla finfine soloper PERBENISMO, anche perche' quasi la meta'dei viventi in paesi come l'italia fuma o ha fumato ....non ti pare ridicolo ?altro esempio bonsaykitten, perche' deveessere chiuso un sito solo perche' a unpo di persone da fastidio la sua esistenza ?non vadano a vederselo e la cosa e' risolta,nessuno lede la loro liberta' personale, mentreloro ledono SI quella del creatore del sitoun po come i limiti di velocita' o le tassenessuno rispetta le leggi ma la maggioranzadelle persone le VUOLE...vuoi spiegarmi perche' la societa' e' cosi'FALSA ?@
        • Anonimo scrive:
          Re: non avete capito un c#zz#
          OK ! Devo dire che hai perfettamente ragione.Finalmente sei riuscito a dare spiegazioni in merito alle tue idee.Sei una persona da rispettare.- Scritto da: @


          Voglio mettermi una parabola sul balcone ?

          Se non me lo permettono non lo posso fare
          !

          Ti pare sbagliato ? Se ti pare sbagliato ,

          allora vuol dire che tutto il mondo quando

          prende una decisione sbaglia.

          E di conseguenza vuol dire che hai ragione

          solo tu !!!

          non e' la stessa cosa, se io fumo a casa mia
          o anche al giardino sono cavoli miei, non do
          noia alla tua tv ne ti faccio arrestare
          perche'
          vivi in una casa ove si produce eroina...

          sto parlando di argomenti ove non si leda la
          liberta' altrui, se poi per te (e per molti
          e'
          proprio cosi') la linea da non sorpassare
          e' anche quella di esistenza non so cosa
          dirti..

          spiego meglio, esistono persone che non
          resistendo al farsi i cavoli altrui
          considerano
          entrare nella loro liberta' anche il fatto
          di vedere persone che si comportano in modo
          diverso da loro, o vedere cose che non
          sopportano

          e il caso dello spinello rientra sotto questa
          categoria....e' vietato alla finfine solo
          per PERBENISMO, anche perche' quasi la meta'
          dei viventi in paesi come l'italia fuma o
          ha fumato ....

          non ti pare ridicolo ?

          altro esempio bonsaykitten, perche' deve
          essere chiuso un sito solo perche' a un
          po di persone da fastidio la sua esistenza ?

          non vadano a vederselo e la cosa e' risolta,
          nessuno lede la loro liberta' personale,
          mentre
          loro ledono SI quella del creatore del sito

          un po come i limiti di velocita' o le tasse
          nessuno rispetta le leggi ma la maggioranza
          delle persone le VUOLE...

          vuoi spiegarmi perche' la societa' e' cosi'
          FALSA ?

          @


    • Anonimo scrive:
      Re: non avete capito un c#zz#
      Tu stai parlando di ANARCHIA caro studentello coglioncello menapelle che non sei altro!
    • Anonimo scrive:
      Re: non avete capito un c#zz#
      Acc ... ribadendo la mia perplessità su questi post "tecnologici", resto sgomento dinanzia ai commenti di @ ed i tuoi (più gli svariati altri).Rabbrividisco inanazi alla piattezza ed allo stile da perenni perseguitati dei sinistrosi, ed allo stile "il pallone l'ho portato io, quindi gioco" dei destroidi.Prima di innescare una ridda di post, puntualizzo che sono anche io politicamente schierato come voi (anzi sorpresa sto dalla parte di uno, almeno come ideologia).... però signori, in entrambi i casi: tirate (amo) fuori i coglioni (francesismo indispensabile!!!), rimboccatevi (amoci) le maniche e portiamo motivazioni un pò più elevate e serei ... oppure non lamentatevi (amoci) di quanto abbiamo avuto, abbiamo ed avremo.C.
    • Anonimo scrive:
      Re: non avete capito un c#zz#
      - Scritto da: rightsider
      Sinceramente la tua storia delle canne non
      la comprendo... se il 60% e' dell'idea che
      tu non ti debba fare le canne, sei
      perseguibile dalla legge se ti beccano a
      fumarne una (anche se secondo te non da noi
      a nessuno, ma e' una tua opinione) caro mio,
      e' la democrazia: giusto o sbagliato lo devi
      accettare, o sei fuori dalle istituzioni
      democratiche con tutto quanto ne consegue.
      Diventate voi il 50% +1 e poi fate una legge
      che ci dobbiamo tutti fare le canne, poi ne
      riparliami, eh, eh! ;-)e' proprio questa la differenza tra me e te, io non ti obbligherei a fare o non fare nientetu si.e per quanto riguarda chi mi ha dato di coglioncello studente penso di essere un pochinopiu' grande di lui....che stia zitto@
    • Anonimo scrive:
      Re: non avete capito un c#zz#
      - Scritto da: @
      NOn sto parlando del sequestro del
      netstrike, che comunque fa da esempio
      di come lo stato di polizia si stia
      allargando di nuovo....

      Dico proprio che chi e' ha idee
      di destra, di libero mercato, di
      pseudo democrazia etc parla con il
      C#L0 ....tutto qua.
      Chi giudica dovrebbe essere in grado di giudicare al di sopra delle parti e tu non mi sembri in grado di farlo.........Poiche' tu non dai giudizi, ma spari insulti....
      E per rispondere a chi mi ha accusato
      di non rispettare le idee altrui rispondo:
      no mi spiace, le idee di chi vuol imporre
      leggi del c#zz0 anche su di me non mi
      interessano...per me puo' crepare.
      Sara' ma alla fine mi pare che assomigli molto a quelle persone di cui parlavi sopra........... per cui vuol dire che ti insulti da solo?
      Proprio non capite la differenza
      tra democrazia e liberta' vero?

      Provo per l'ultima volta a spiegarvela:

      DEmocrazia = 100 persone...40 vogliono
      che sia libero farsi gli spinelli in santa
      pace, e con questo non obbligano le altre
      60 a fumare...ne gli fumano in faccia.
      Ma dato che c'e' la democrazia gli altri
      60 decidono che NO non si puo' fumare
      E COSI' FACENDO SI' CHE IMPOGONO ....
      questo e' IMPORRE.
      Uhmmmm dovresti sforzarti di piu' mi spiace ma non mi hai assolutamente spiegato bene il concetto, scusa la mia mente ristretta.....
      Liberta' = fare ognuno quello che si ritiene
      giusto all'interno delle proprie comunita'
      di interesse , senza per questo dover per
      forza imporre ad altri di farlo pure loro.
      Uhmmmmmm nuovamente mi pare che ci sia un po' di confusione fra liberta' ed anarchia...... ma sopra non stavi dicendo che chi parla di liberta'....... come ragionava? Con il .....
      Mai sentito parlare di TAZ ?

      Provate a leggervi qualcosa di Hakin Bey
      quando non siete a perder tempo dietro
      a auto a 110cv (ciao caro) o a super impianti
      hi-fi.....ma forse e' chiedere troppo
      pensare che voi possiate capire anche solo
      una riga...

      Adieu'
      @

      Censura = repressione della liberta' di parola ed opinione. E conseguente rimbambimento di coloro a cui la censura 'servirebbe'.Volete che qualcun altro giudichi e prenda le decisioni al vostro posto? Pensate di non essere in grado di pensare da soli?Insomma bisognerebbe che le masse risvegliassero la capacita' di critica costruttiva e non distruttiva............ Fino ad allora subiremo questi tentativi insulsi di censura...Se ognuno sara' abbastanza maturo da capire da solo, giudicare e scegliere da solo, allora e solo allora potremmo stroncare la censura......MEDITATE GENTE MEDITATE
      • Anonimo scrive:
        Re: non avete capito un c#zz#


        Proprio non capite la differenza

        tra democrazia e liberta' vero?



        Provo per l'ultima volta a spiegarvela:



        DEmocrazia = 100 persone...40 vogliono

        che sia libero farsi gli spinelli in santa

        pace, e con questo non obbligano le altre

        60 a fumare...ne gli fumano in faccia.

        Ma dato che c'e' la democrazia gli altri

        60 decidono che NO non si puo' fumare

        E COSI' FACENDO SI' CHE IMPOGONO ....

        questo e' IMPORRE.



        Uhmmmm dovresti sforzarti di piu' mi spiace
        ma non mi hai assolutamente spiegato bene il
        concetto, scusa la mia mente ristretta..... non e' colpa tua, non ti preoccupare magari sei una persona molto sensibile :-O


        Liberta' = fare ognuno quello che si
        ritiene

        giusto all'interno delle proprie
        comunita'

        di interesse , senza per questo dover per

        forza imporre ad altri di farlo pure loro.



        Uhmmmmmm nuovamente mi pare che ci sia un
        po' di confusione fra liberta' ed
        anarchia...... ma sopra non stavi dicendo
        che chi parla di liberta'....... come
        ragionava? Con il .....mi sembra che confondi la democrazia con la dittatura...


        Mai sentito parlare di TAZ ?



        Provate a leggervi qualcosa di Hakin Bey

        quando non siete a perder tempo dietro

        a auto a 110cv (ciao caro) o a super
        impianti

        hi-fi.....ma forse e' chiedere troppo

        pensare che voi possiate capire anche solo

        una riga...



        Adieu'

        @





        Censura = repressione della liberta' di
        parola ed opinione. E conseguente
        rimbambimento di coloro a cui la censura
        'servirebbe'.

        Volete che qualcun altro giudichi e prenda
        le decisioni al vostro posto? Pensate di non
        essere in grado di pensare da soli?
        Insomma bisognerebbe che le masse
        risvegliassero la capacita' di critica
        costruttiva e non distruttiva............
        Fino ad allora subiremo questi tentativi
        insulsi di censura...
        Se ognuno sara' abbastanza maturo da capire
        da solo, giudicare e scegliere da solo,
        allora e solo allora potremmo stroncare la
        censura......
        MEDITATE GENTE MEDITATErotfl
  • Anonimo scrive:
    DDoS
    Scusatemi, vorrei commentare brevemente questa notizia.Il tema della liberta' d' informazione sul web mi sta molto a cuore da lungo tempo.Fui molto dispiaciuto quando a suo tempo furono sequestrati siti come bismark.it e gattibonsai.it, perche' erano a mio avviso provvedimenti inutili ed ottusi. Aderii anche, fin dal primo giorno, alla raccolta di firme contro la legge sull' editoria informatica 62/2001, perche' e' contraria al mio modo di intendere la rete, cioe' assolutamente libera ed un po' anarchica.Tuttavia in questo caso sono convinto che si debba ben tenere a mente che i signori di netstrike.it usavano (e continueranno ad usare a quanto pare) il loro sito per coordinare ed iniziare dei DDoS (Distributed Denial of Service) in piena regola.Gli attacchi DDoS non sono per nulla, come invece sostengono gli autori di netstrike.it, la trasposizione informatica di sit-in pacifici, ma assomigliano di piu' ad un'occupazione forzata di edifici pubblici (nel caso di netstrike).Questo cmq non e' il punto principale del discorso, come ho gia' detto, mi piacerebbe che la rete fosse assolutamente libera e quindi dal mio punto di vista chiunque e' liberissimo di fare dei DDoS per protestare, ad esempio, contro il G8, contro il professore che li ha segati ad un esame o contro il vicino di casa che rompe le scatole.Il punto fondamentale della questione e': considerando che queste persone ritengono di avere dei contenuti da esprimere, organizzare dei DDoS e' veramente il modo meno intelligente e produttivo per manifestarle.Internet e' meraviglioso, proprio perche' permette a tutti di esprimere le proprie idee, senza che possibilita' di censura (come dimostra netstrike.it, le autorita' sono impotenti di fronte alla vastita' della rete). Cercare di far valere le proprie opinioni, prevaricando il diritto di informazione altrui (il principio del DDoS di netstrike), ripugna profondamente con il mio modo di intendere la rete. Forse quelli di netstrike.it hanno marinato la scuola il giorno che il loro professore di educazione civica ha enunciato in classe (come in tutte le scuole italiane):"La propria liberta' finisce, quando inizia quelli degli altri".P.S.: Scusate la citazione :)
    • Anonimo scrive:
      Re: DDoS
      Molto d'accordo tranne che per la citazione, che più che definire il concetto di Libertà definisce il concetto di Interesse: nella citazione sostituisci "Interesse" a Libertà" e la definizione non farà una piega.La libertà, /* secondo me */, non è definibile con quella frase.- Scritto da: Luca F.....
      (come in tutte le scuole italiane):"La
      propria liberta' finisce, quando inizia
      quelli degli altri".

      P.S.: Scusate la citazione :)
      • Anonimo scrive:
        Re: DDoS
        Sono d'accordo: sarebbe bene considerare la libertà come un diritto SIA individuale, SIA collettivo. O, per dirla in altri termini, passare da un'idea di libertà "da" ad una di libertà "con": la libertà non è a somma zero.- Scritto da: James T. Kirk
        Molto d'accordo tranne che per la citazione,
        che più che definire il concetto di Libertà
        definisce il concetto di Interesse: nella
        citazione sostituisci "Interesse" a Libertà"
        e la definizione non farà una piega.
        La libertà, /* secondo me */, non è
        definibile con quella frase.

        - Scritto da: Luca F.
        ....

        (come in tutte le scuole italiane):"La

        propria liberta' finisce, quando inizia

        quelli degli altri".



        P.S.: Scusate la citazione :)
    • Anonimo scrive:
      Re: DDoS
      - Scritto da: Luca F.
      Gli attacchi DDoS non sono per nulla, come
      invece sostengono gli autori di
      netstrike.it, la trasposizione informatica
      di sit-in pacifici, ma assomigliano di piu'
      ad un'occupazione forzata di edifici
      pubblici (nel caso di netstrike).
      E ancora:Cercare di far valere le proprie
      opinioni, prevaricando il diritto di
      informazione altrui (il principio del DDoS
      di netstrike), ripugna profondamente con il
      mio modo di intendere la rete. Infine:
      "La
      propria liberta' finisce, quando inizia
      quelli degli altri".Mi spiace ma sei in contraddizione: la stessa libertà di informazione deve avere un limite nella lesione di altrui libertà. Per cui anch'essa non può essere considerata da tutelare e rispettare ad ogni costo!Quando un'impresa (o un'istituzione, o chiunque altro) disinforma, manipola, abusa della propria forza economica per imporre ragioni di scambio vessatorie per piccoli produttori del terzo mondo o, come Nike, usa bambini ridotti in condizioni di sostanziale schiavitù per produrre palloni da calcio, ecc., perché mai il suo diritto all'informazione dovrebbe prevalere.Si può essere d'accordo o meno su un singolo netstrike, così come su un corteo, un sit in, o qualsiasi altra forma di protesta, ma credo che il diritto morale a protestare, anche boicottando l'informazione sia incontestabile.
      • Anonimo scrive:
        Re: DDoS
        - Scritto da: Stefano
        credo che il diritto morale a protestare,
        anche boicottando l'informazione sia
        incontestabile.Con quel diritto le multinazionali possono protestare contro ogni forma di opposizione spazzando via ad esempio netstrike come un tornado su un'isola (della rete). A pensarci bene, è proprio quello che stanno facendo, mi stupisco che accetti questo soppruso come un diritto incontestabile.Sembra che la storia sia stata dimenticata o che non abbia insegnato nulla.
  • Anonimo scrive:
    Votate gente Votate!
    La vera protesta, quella che ha piu' effetto e' quella che ognuno di noi puo' silenziosamente fare ogni mattina al supermercato!Ogni volta che acquisti voti, fai una scelta, manifesti indirettamente approvazione per la politica aziendale adottata dal produttore.E allora come colpire questo sistema? Le multinazionali hanno la loro piu' grande debolezza nella loro forza, poiche' sono macchine mangiaprofitti senza scrupoli. E allora tagliamo questi profitti, boicottiamo tutti i grandi marchi che vediamo nelle pubblicita', dai fast food (viva la pizza al taglio) agli articoli sportivi indossati dai grandi campioni, beviamo il Chinotto invece della nota bevanda americana, a colazione pane e marmellata invece delle merendine conservate da mesi in un involucro di plastica, prodotte da un'azienda che vuol dare di se l'immagine rustica della campagna ma che in realta' e' uno squallido stabile in cemento con tanto di ciminiere.Come mi riempiono di gioia le notizie dei grandi marchi che iniziano ad essere in perdita...Appoggiamo i prodotti dei nostri contadini invece di acquistare cio' che viene pubblicizzato e importato dall'estero, prodotto magari sfruttando il lavoro di disperati affamati!
  • Anonimo scrive:
    che sito di m***a
    come da oggetto
  • Anonimo scrive:
    Ki e' di destra ragiona con il C$L0
    e basta...@
    • Anonimo scrive:
      Re: Ki e' di destra ragiona con il C$L0
      peccato che la legislazione che permette il sequestro dei siti l'abbia proposta e votata la sinistra....e basta...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ki e' di destra ragiona con il C$L0
      e gia' certo...perche' la legge sull'editoria l'ha fatta la passata legislatura che, come tutti sanno, aveva una maggioranza di centro-destra...ma voi altri non ci riuscite proprio a rispettare le idee altrui? dovete per forza imporre le vostre a suon di bombe?
      • Anonimo scrive:
        Re: Ki e' di destra ragiona con il C$L0
        - Scritto da: gm
        e gia' certo...
        perche' la legge sull'editoria l'ha fatta la
        passata legislatura che, come tutti sanno,
        aveva una maggioranza di centro-destra...Documentati un pochino ... le cose non sono cosi' semplici.Che credi che una proposta di legge diventera' legge se nasce da destra ?Che credi che se la maggioranza e' di destra ora il Berlusca possa fare quello che vuole ?

        ma voi altri non ci riuscite proprio a
        rispettare le idee altrui? dovete per forza
        imporre le vostre a suon di bombe?Bombe ? quali bombe ? quelle mandate a Emilio Fede o tutte le altre trovate in giro ? Probabilmente e' Berlusconi che ha spedito il pacco bomba a Fede cosi' come tutte le altre in Italia.Le rivendicazioni in effetti parlano chiaro.Ma guarda poi che noi destraioli ci siamo limitati solamente a prendere i pulotti a suon di estintori , e a disfaregli le camionette.Hai ragione ... e' proprio ora di cominciare a usarle sulserio le bombe ...ciao. :))
      • Anonimo scrive:
        Re: Ki e' di destra ragiona con il C$L0
        - Scritto da: gm
        e gia' certo...
        perche' la legge sull'editoria l'ha fatta la
        passata legislatura che, come tutti sanno,
        aveva una maggioranza di centro-destra...

        ma voi altri non ci riuscite proprio a
        rispettare le idee altrui? dovete per forza
        imporre le vostre a suon di bombe?Cazzo, ma vuoi vedere che la strage alla stazione di bologna l'ha fatta Bertinotti.......
    • Anonimo scrive:
      Re: Ki e' di destra ragiona con il C$L0
      - Scritto da: @
      e basta...

      @Direi invece che il tuo ragionamento e' proprio da persona matura !!! Complimenti un ragazzo 'DOWN' avrebbe scritto qualcosa di molto ma molto piu' sensato di te.p.s. ci si rivede eh ?!ciao caro.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ki e' di destra ragiona con il C$L0
        - Scritto da: tdi110cv


        - Scritto da: @

        e basta...



        @

        Direi invece che il tuo ragionamento e'
        proprio da persona matura !!! Complimenti un
        ragazzo 'DOWN' avrebbe scritto qualcosa di
        molto ma molto piu' sensato di te.

        p.s. ci si rivede eh ?!

        ciao caro.Bhe' per affermare una cosa cosi' ovvia non occorre neppure pensare
    • Anonimo scrive:
      Re: Ki e' di destra ragiona con il C$L0
      - Scritto da: @
      e basta...

      @A quanto vedo lo schieramento politico c'entra poco con il ragionamento e quello che hai scritto lo conferma pienamente.Ciao
  • Anonimo scrive:
    La repressione porta alla rivoluzione
    L'oscuramento del sito netstrike.it da parte della magistratura costituisce senza ombra di dubbio una violazione del legittimo diritto, garantito anche dalla nostra Costituzione, ad esprimere la propria opinione. Il "netstrike" non è un atto di terrorismo, come vorrebbero far credere, ma solo un modo di protestare contro qualcosa che non va. Una protesta pacifica e non violenta. Che solo un governo fascista poteva pensare di reprimere.Voltaire 2001
    • Anonimo scrive:
      Re: La repressione porta alla rivoluzione
      - Scritto da: Voltaire 2001
      L'oscuramento del sito netstrike.it da parte
      della magistratura costituisce senza ombra
      di dubbio una violazione del legittimo
      diritto, garantito anche dalla nostra
      Costituzione, ad esprimere la propria
      opinione.

      Il "netstrike" non è un atto di terrorismo,
      come vorrebbero far credere, ma solo un modo
      di protestare contro qualcosa che non va.

      Una protesta pacifica e non violenta. Che
      solo un governo fascista poteva pensare di
      reprimere.

      Voltaire 2001Povero Voltaire! Si sta senz'altro agitando nel suo sepolcro!E' evidente che e' stato immesso nell'atmosfera (o forse negli acquedotti, chi sa) un virus che colpisce le cellule cerebrali! E si sta diffondendo a macchia d'olio, a guardare alcuni dei post che sono apparsi oggi su PI.Ognuno ha le proprie idee, ci mancherebbe altro, ma lo coerenza non e' un optional.Bloccare e sabotare l'attivita' degli altri e' illegale, come e' illegale propagandare e diffondere esplicitamente i mezzi per farlo.Di questo bisogna assumersene la responsabilita'Se poi, in polemica con il governo, si vuole continuare a farlo, fatelo, ma non veniamo a dire che si tratta di libera manifestazione del pensiero.Mai Voltaire e' stato citato piu' a sproposito.P.S.si scusi il tono offensivo e urlato:rivolto a *tutti* -
      SE NON AVETE ANCORACAPITO CHE IL RISPETTO DELLA LEGGE (DEMOCRATICA)E' LA PRINCIPALE GARANZIA DI LIBERTA' NELLA SOCIETA' CIVILE SMETTETE DI POSTARE SU P.I. E RINCHIUDETEVI IN UNA BIBLIOTECA A STUDIARE STORIA E DOTTTRINE POLITICHE
      • Anonimo scrive:
        Re: La repressione porta alla rivoluzione

        Ognuno ha le proprie idee, ci mancherebbe
        altro, ma lo coerenza non e' un optional.
        Bloccare e sabotare l'attivita' degli altri
        e' illegale, come e' illegale propagandare e
        diffondere esplicitamente i mezzi per farlo.allora i sindacati sono fuori legge....e gli scioperi anche...ogni forma di sciopero di fatto blocca un'attivita.Senza scomodare i ferrovieri, se sciopera l'impiegato delle poste, oggi nessuno potra' pagare i bollettini, o ritirare la pensione...Pero' lo sciopero, "purtroppo", e' un diritto.E pure Costituzionale!Anche perche', i netstrike, come tutti gli scioperi, vengono annunciati.Quindi la "vittima" ha il tempo di prepararsi.E' ovvio che ci sara' un disservizio, ma ritieni grave il fatto che un sito non sia visibile per un'ora?Allora cosa si dovrebbe pensare delle compagnie farmaceutiche (una a caso...) che PER SOLDI, fanno morire la gente?Ma magari fare un netstrike contro il sito della Bayer tu la considereresti una cosa violenta...
        Di questo bisogna assumersene la
        responsabilita'sono d'accordo.Mi pare che pero' un sequestro non sia presa di responsabilita', ma prevaricazione.C'erano sicuramente altri modi per ottenere le prove necessarie.Sequestrare INTERI PC (compresi monitor, stampanti e quant altro), quando basta andare con un cd e un masterizzatore portatile e ti copi tutto quello che vuoi, senza paura di contraffazioni, mi lascia il sapore di intimidazione!
        Se poi, in polemica con il governo, si vuole
        continuare a farlo, fatelo, ma non veniamo a
        dire che si tratta di libera manifestazione
        del pensiero.perche' polemizzare con un governo, nel senso di non essere d'accordo non puo' essere libera manifestazione di pensiero?farlo e basta e' stupido, farlo con motivazione e argomenti e' leggittimo.
        Mai Voltaire e' stato citato piu' a
        sproposito.
        non conosco questo tizio di cui parli ;)Ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: La repressione porta alla rivoluzione
          - Scritto da: MaKz[cut]
          allora i sindacati sono fuori legge....
          e gli scioperi anche...Ma cosa cavolo c'entrano i sindacati?
          ogni forma di sciopero di fatto blocca
          un'attivita.
          Senza scomodare i ferrovieri, se sciopera
          l'impiegato delle poste, oggi nessuno potra'
          pagare i bollettini, o ritirare la
          pensione...

          Pero' lo sciopero, "purtroppo", e' un
          diritto.
          E pure Costituzionale!ma allora sei o fai?! Lo sciopero e' unaastensione VOLONTARIA del lavoratore dal PROPRIO LAVORO non e' un blocco del lavoro di ALTRI da parte di altre persone, peraltro deciso arbitrariamente.Quest'ultimo e' un atto di puro fascismo.

          Anche perche', i netstrike, come tutti gli
          scioperi, vengono annunciati.
          Quindi la "vittima" ha il tempo di
          prepararsi.Ti ripeto che non e' uno sciopero.Se io vengo nella tua officina, o nel tuo ufficio, o comunque nel tuo luogo di lavoro e ti impedisco di lavorare, questo non e' sciopero, e' sopruso.Il lavoratore sciopera quando LUI si astiene dal PROPRIO lavoro. Il fatto che cio' crei nocumento anche ad altri e' un problema ma fa parte della cosa.Se una cosa e' illegale il fatto di annunciarla prima e' solo una attenuante. Non modifica la natura dell'azione.
          E' ovvio che ci sara' un disservizio, ma
          ritieni grave il fatto che un sito non sia
          visibile per un'ora?Se e' un grosso sito di e-commerce, un'ora puo' valere un sacco di soldi.
          Allora cosa si dovrebbe pensare delle
          compagnie farmaceutiche (una a caso...) che
          PER SOLDI, fanno morire la gente?Se vera' dimostrato, si tratta di un atto criminale. E infatti c'e' una causa in corso.
          Ma magari fare un netstrike contro il sito
          della Bayer tu la considereresti una cosa
          violenta...Sarebbe una cosa illegale.Sei un uomo dell'eta' della pietra o cosa?nelle societa' civili, o meglio, in uno statodi diritto, i problemi vengano risolti con la legge. Se una persona o un ente compie un'azione illegale ci si rivolge al magistrato.Non ci si fa giustizia da se'.Il contesto in cui ognuno si fa giustizia da se' si chiama "stato di natura" e per gli uomini vuol dire che prevale sempre il piu' grosso ed il piu' forte.Se te mi rubi la macchina, sicuramente sei un mascalzone, ma io non posso venire da te il giorno dopo a bruciarti la bicicletta a a spaccarti i vetri della casa.Questi concetti si insegnano alle elementari.

          Di questo bisogna assumersene la

          responsabilita'

          sono d'accordo.
          Mi pare che pero' un sequestro non sia presa
          di responsabilita', ma prevaricazione.
          C'erano sicuramente altri modi per ottenere
          le prove necessarie.
          Sequestrare INTERI PC (compresi monitor,
          stampanti e quant altro), quando basta
          andare con un cd e un masterizzatore
          portatile e ti copi tutto quello che vuoi,
          senza paura di contraffazioni, mi lascia il
          sapore di intimidazione!Il fatto che la magistratura italiana, quando si parla di informatica, agisca spesso a cavolo e' vero, soprattutto per i sequestri (vedi il c.d. italian crackdown). Questo dipende - credo - soprattutto dalla abissale ignoranza di gran parte dei magistrati e delle forze di polizia.pero' parte della colpa, oltre che degli inquirenti incompetenti e' anche dei politici che non fanno il loro lavoro e si rifiutano di normare la materia e quando questo avviene fanno piu' danni della grandine.

          Se poi, in polemica con il governo, si
          vuole

          continuare a farlo, fatelo, ma non
          veniamo a

          dire che si tratta di libera
          manifestazione

          del pensiero.

          perche' polemizzare con un governo, nel
          senso di non essere d'accordo non puo'
          essere libera manifestazione di pensiero?
          farlo e basta e' stupido, farlo con
          motivazione e argomenti e' leggittimo.Certo che e' legittimo.Non e' legittimo adoperarsi per bloccare arbitrariamente le attivita' altrui.

          Mai Voltaire e' stato citato piu' a

          sproposito.



          non conosco questo tizio di cui parli ;)!!!
          CiaoCiao anche a te.Senza offesa ... quanti anni hai?
          • Anonimo scrive:
            Re: La repressione porta alla rivoluzione

            ma allora sei o fai?! Lo sciopero e' una
            astensione VOLONTARIA del lavoratore dal
            PROPRIO LAVORO non e' un blocco del lavoro
            di ALTRI da parte di altre persone, peraltro
            deciso arbitrariamente.
            Quest'ultimo e' un atto di puro fascismo.
            partendo dal fatto che non parteciperei mai ad un net strike, perche' lo ritengo inutile, un netstrike blocca il lavoro di una macchina.E' come staccare la corrente in una catena di montaggio completamente automatizzata.Non blocca il lavoro di nessuno.Semmai interrompe l'erogazione di un servizio.E siccome spesso il sito web e' una sorta di brochure pubblicitaria per chi lo possiede, tu impedisci a quel soggetto di farsi pubblicita'.Ora dimmi a quali persone hai impedito di fare il proprio lavoro.Di piu'!Il il porprietario del sito puo' rifarsi legalmente contro chi ha partecipato al netstrike, non contro chi lo promuove!Cos'e' colpirne uno per educarli tutti?
            Ti ripeto che non e' uno sciopero.
            Se io vengo nella tua officina, o nel tuo
            ufficio,
            o comunque nel tuo luogo di lavoro e ti
            impedisco di lavorare, questo non e'
            sciopero, e' sopruso.i netstrike al massimo possono dare da lavorare a fantomatici "esperti di sicurezza", che vengono li' per approntare le contromisure allo strike stesso.Non si e' mai visto che per il blocco di un sito la gente rimane senza lavoro....anzi... magari qui in ufficio da me facessero un netstrike l'ora.. almeno avrei una scusa per non fare nulla ;)
            Il lavoratore sciopera quando LUI si astiene
            dal PROPRIO lavoro. Il fatto che cio' crei
            nocumento anche ad altri e' un problema ma
            fa parte della cosa.
            Se una cosa e' illegale il fatto di
            annunciarla prima e' solo una attenuante.
            Non modifica la natura dell'azione.
            infatti ci si puo' rivalere economicamente contro chi ha fisicamente partecipato all'azione.I log ci sono o no?Bisogna provare che ci sia stato danno e spesso questo e' impossibile perche' danno non c'e' stato.

            E' ovvio che ci sara' un disservizio, ma

            ritieni grave il fatto che un sito non sia

            visibile per un'ora?

            Se e' un grosso sito di e-commerce, un'ora
            puo' valere un sacco di soldi.
            mah..primo, non lo credo.Secondo, da quello che ho capito gli obbiettivi degli strike sono altri.Siti di governi o di istituzioni o di multinazionali.

            Allora cosa si dovrebbe pensare delle

            compagnie farmaceutiche (una a caso...)
            che

            PER SOLDI, fanno morire la gente?

            Se vera' dimostrato, si tratta di un atto
            criminale. E infatti c'e' una causa in
            corso.
            c'e' anche una confessione dei massimi dirigenti dell'azienda...quindi e' gia' dimostrato

            Ma magari fare un netstrike contro il sito

            della Bayer tu la considereresti una cosa

            violenta...

            Sarebbe una cosa illegale.ok.. passima e' cosa molto diversa da violenta.Fai il pignolo e poi ti perdi su queste cose?illegale != violento!Anche pubblicare un cd senza bollino siae e' illegale.Non e' certo una cosa violenta!
            Sei un uomo dell'eta' della pietra o cosa?
            nelle societa' civili, o meglio, in uno stato
            di diritto, i problemi vengano risolti con
            la legge. Se una persona o un ente compie
            un'azione illegale ci si rivolge al
            magistrato.e il magistrato cosa fa?sequestra il sito netstrike.it?non dovrebbe andare a casa di tutti quelli che hanno messo il loro modem e notificargli il reato commesso?quale reato hanno commmesso?nessuno!!!!non c'e' legge che impedisce il netstrike...non so se te ne sei reso conto...
            Non ci si fa giustizia da se'.
            Il contesto in cui ognuno si fa giustizia da
            se' si chiama "stato di natura" e per gli
            uomini vuol dire che prevale sempre il piu'
            grosso ed il piu' forte.
            Se te mi rubi la macchina, sicuramente sei
            un mascalzone, ma io non posso venire da te
            il giorno dopo a bruciarti la bicicletta a a
            spaccarti i vetri della casa.
            Questi concetti si insegnano alle elementari.
            si ma tu li riporti in un contesto inadeguato.Se tu uccidi mio padre con un medicinale contro il colesterolo e io vengo a saldare le porte degli uffici della bayer costringendo tutti ad aspettare il fabbro che li liberi, sicuramente e' un atto dimostrativo e non violento. anche se probabilmente illegale.
            Certo che e' legittimo.
            Non e' legittimo adoperarsi per bloccare
            arbitrariamente le attivita' altrui.
            si, ma in questo caso manca il concetto di attivita' altrui, a meno che un serve web non sia considerato altrui.A me un netstrike, piu' che a un sitin, fa pensare all'oscuramento delle vetrine di un negozio in modo che nessuno possa vedere dentro...

            non conosco questo tizio di cui parli ;)

            !!!
            era una battuta...conosco voltaire, ma non conosco bene le sue opere ;)

            Ciao

            Ciao anche a te.

            Senza offesa ... quanti anni hai?fra 20 e 30 ;)e lavoro nel settore internet dai tempi di mosaic 1.0.per questo ritengo i netstrike inutili.Ma anche loro sono come le bombe francesi.Basta annunciare un netstrike e i (tele)giornali ne parlano, e l'argomento diventa di attualita'.Poi che si faccia o no credo non interessi a nessuno.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: La repressione porta alla rivoluzione
            - Scritto da: MaKs[cut]

            partendo dal fatto che non parteciperei mai
            ad un net strike, perche' lo ritengo
            inutile, un netstrike blocca il lavoro di
            una macchina.
            E' come staccare la corrente in una catena
            di montaggio completamente automatizzata.
            Non blocca il lavoro di nessuno.
            Semmai interrompe l'erogazione di un
            servizio.
            E siccome spesso il sito web e' una sorta di
            brochure pubblicitaria per chi lo possiede,
            tu impedisci a quel soggetto di farsi
            pubblicita'.
            Ora dimmi a quali persone hai impedito di
            fare il proprio lavoro.
            Di piu'!Anche la pura erogazione di un servizio e' una cosa illegale, dovresti saperlo.
            Il il porprietario del sito puo' rifarsi
            legalmente contro chi ha partecipato al
            netstrike, non contro chi lo promuove!
            Cos'e' colpirne uno per educarli tutti?Mai sentito parlare di istigazione a delinquere?Poi qui si parla di organizzare una cosa illegale.[cut]
            infatti ci si puo' rivalere economicamente
            contro chi ha fisicamente partecipato
            all'azione.
            I log ci sono o no?
            Bisogna provare che ci sia stato danno e
            spesso questo e' impossibile perche' danno
            non c'e' stato.La stessa erogazione di un servizio puo' essere un danno. Se ogni ora n persone visitano il sito della XYZ per cercare informazioni e tu blocchi il sito per es. 3 ore, hai impedito a nx3 persone di cercare informazioni sul sito. Per alcuni enti o societa' questo e' un danno. Poi sta al giudice verificare se c'e' stato e di che rilevanza.[cut]

            Se e' un grosso sito di e-commerce, un'ora

            puo' valere un sacco di soldi.



            mah..
            primo, non lo credo.Informati meglio.
            Secondo, da quello che ho capito gli
            obbiettivi degli strike sono altri.
            Siti di governi o di istituzioni o di
            multinazionali.Vedi sopra.


            Allora cosa si dovrebbe pensare delle


            compagnie farmaceutiche (una a caso...)

            che


            PER SOLDI, fanno morire la gente?



            Se vera' dimostrato, si tratta di un atto

            criminale. E infatti c'e' una causa in

            corso.



            c'e' anche una confessione dei massimi
            dirigenti dell'azienda...
            quindi e' gia' dimostratoTi sbagli. Non c'e' stata alcuna confessione(citamela). E non c'e' stata alcuna dimostrazione.La connessione tra l'uso del farmaco e le morti sospette deve essere ancora dimostrata.Finche' non e' dimostrata non si puo' fare nulla. Una volta dimostrata di fa causa.Quello di cui parli tu e' una forma di linciaggio indiziario.


            Ma magari fare un netstrike contro il
            sito


            della Bayer tu la considereresti una
            cosa


            violenta...



            Sarebbe una cosa illegale.

            ok.. passi
            ma e' cosa molto diversa da violenta.
            Fai il pignolo e poi ti perdi su queste cose?
            illegale != violento!Non sto dicendo che illegale=violento.Sto dicendo che illegale e' illegale.E che un netstrike, oltre che illegale, e' anche un sopruso.

            Anche pubblicare un cd senza bollino siae e'
            illegale.
            Non e' certo una cosa violenta!Pessimo esempio. La nuova normativa SIAE e' una delle cose piu' ridicole dell'universo.In ogni caso pubblicare Cd senza bollino e' illegale, ma non si crea nocumento a *nessuno*.

            Sei un uomo dell'eta' della pietra o cosa?

            nelle societa' civili, o meglio, in uno
            stato

            di diritto, i problemi vengano risolti con

            la legge. Se una persona o un ente compie

            un'azione illegale ci si rivolge al

            magistrato.

            e il magistrato cosa fa?
            sequestra il sito netstrike.it?
            non dovrebbe andare a casa di tutti quelli
            che hanno messo il loro modem e notificargli
            il reato commesso?
            quale reato hanno commmesso?
            nessuno!!!!
            non c'e' legge che impedisce il netstrike...
            non so se te ne sei reso conto...Mi sembra che l'interpretazione spetti al magistrato. Il netstrike comporta un blocco - volonario ed arbitrario - ad una attivita' o servizio altrui. Quindi puo' essere considerato un reato.

            Non ci si fa giustizia da se'.

            Il contesto in cui ognuno si fa giustizia
            da

            se' si chiama "stato di natura" e per gli

            uomini vuol dire che prevale sempre il
            piu'

            grosso ed il piu' forte.

            Se te mi rubi la macchina, sicuramente sei

            un mascalzone, ma io non posso venire da
            te

            il giorno dopo a bruciarti la bicicletta
            a a

            spaccarti i vetri della casa.

            Questi concetti si insegnano alle
            elementari.



            si ma tu li riporti in un contesto
            inadeguato.
            Se tu uccidi mio padre con un medicinale
            contro il colesterolo e io vengo a saldare
            le porte degli uffici della bayer
            costringendo tutti ad aspettare il fabbro
            che li liberi, sicuramente e' un atto
            dimostrativo e non violento. anche se
            probabilmente illegale.Fermo restando che NIENTE e' stato dimostrato sulle responsabilita' della Bayer, non ci si puo' mai fare giustizia da soli.Credi di essere un unto dal Signore, che sai distinguere infallibilmente tra ragione e torto?


            Certo che e' legittimo.

            Non e' legittimo adoperarsi per bloccare

            arbitrariamente le attivita' altrui.



            si, ma in questo caso manca il concetto di
            attivita' altrui, a meno che un serve web
            non sia considerato altrui.Direi proprio di si'
            A me un netstrike, piu' che a un sitin, fa
            pensare all'oscuramento delle vetrine di un
            negozio in modo che nessuno possa vedere
            dentro...Ma cari mio, sarebbe illegale anche quello.[cut]



            Ciao



            Ciao anche a te.



            Senza offesa ... quanti anni hai?

            fra 20 e 30 ;)
            e lavoro nel settore internet dai tempi di
            mosaic 1.0.
            per questo ritengo i netstrike inutili.
            Ma anche loro sono come le bombe francesi.
            Basta annunciare un netstrike e i
            (tele)giornali ne parlano, e l'argomento
            diventa di attualita'.
            Poi che si faccia o no credo non interessi a
            nessuno.

            CiaoIo ho qualche anno piu' di te, anche se uso internet da meno tempo. Temo pero' di conoscere un filino di piu' il diritto (e la dialettica)Una cosa e' quello che si fa personalmente, una cosa e' dichiarare pubblicamente che e' giusto farlo e che e' una cosa giusta.Non e' ipocrisia. Io posso anche parcheggiare in divieto di sosta (a volte capita) ma ben diverso e' fare volantinaggio dicendo che e' cosa giustissima parcheggiare dove si vuole, che le multe sono ingiuste e che bisogna fregarsene dei divieti. E' un esempio idiota, ma tanto per capirci...Ciao anche a te.
          • Anonimo scrive:
            Re: La repressione porta alla rivoluzione

            Anche la pura erogazione di un servizio e'
            una cosa illegale, dovresti saperlo.
            forse intdendevi il blocco di un servizio...erogare un servizio e' illlegale?
            Mai sentito parlare di istigazione a
            delinquere?
            Poi qui si parla di organizzare una cosa
            illegale.
            ok, tu haio studiato diritto.allora, in base a che norma il netstrike e' delinquere?e organizzarlo quindi istigazione a delinquere?perche' se la buttiamo sul vago molte cose sono assimilabili al delinquere.e farei anche un bel distinguo fra cose serie e atti dimostrativi... una persona di buon senso lo fa sempre.. e di solito i magistrati sono persone...
            La stessa erogazione di un servizio puo'
            essere un danno. Se ogni ora n persone
            visitano il sito della XYZ per cercare
            informazioni e tu blocchi il sito per es. 3
            ore, hai impedito a nx3 persone di cercare
            informazioni sul sito. Per alcuni enti o
            societa' questo e' un danno. Poi sta al
            giudice verificare se c'e' stato e di che
            rilevanza.
            si ma qui il giudice non ha verificato NULLA!pero' al sito e' stata intimata la chiusura..o meglio, se gli sequestri il pc con il sito, di fatto lo chiudi... e per molto piu' tempo di un semplice netstrike...spiegamelo...la magistratura puo' agire illegalmente?


            Se e' un grosso sito di e-commerce,
            un'ora


            puo' valere un sacco di soldi.






            mah..

            primo, non lo credo.

            Informati meglio.
            non lo credo perche' un grosso sito di e-commerce, difficilmente viene bloccato da un netstrike...a meno che non dicono di essre grandi e in realta' tengono il sito nel garage di casa su un pc assemblato...
            Vedi sopra.guarda, un netstrike, per sua natura, e' inutile se migliaia di utenti caricano le loro paginette nel browser e poi fanno reload...ci vuole qualche script che fa centinaia di richieste contemporanee da ogni pc..e ci sono anche decine di prodotti in grado di "capire" questo genere di traffico e bloccare dinamicamente questo tipo di attacchi...costano un po', ma esistono...

            c'e' anche una confessione dei massimi

            dirigenti dell'azienda...

            quindi e' gia' dimostrato

            Ti sbagli. Non c'e' stata alcuna confessione
            (citamela). E non c'e' stata alcuna
            dimostrazione.
            La connessione tra l'uso del farmaco e le
            morti sospette deve essere ancora
            dimostrata.
            Finche' non e' dimostrata non si puo' fare
            nulla. Una volta dimostrata di fa causa.
            Quello di cui parli tu e' una forma di
            linciaggio indiziario.
            mettila come vuoi...c'e' un'ammissione che il farmaco potrebbe essre responsabile del problema, c'e' un frmaco ritirato dal mercato, ci sono prove da cui si evince che bayer sapeva dal 1999...manca solo la certezza per la legge, ma di certola fiducia dei consumatori l'hanno persa...e un'eventuale assoluzione in tribunale conterebbe davvero poco... il lipobay non veraa' mai piu' ne' prodotto ne' venduto...
            Non sto dicendo che illegale=violento.
            Sto dicendo che illegale e' illegale.
            E che un netstrike, oltre che illegale, e'
            anche un sopruso.il netstrike e' solo una buffonata...non e' ne' illegale, perche' non c'e' legge che lo vieta, ne' tantomeno un sopruso...ne saranno riusciti due o tre nella storia...
            Pessimo esempio. La nuova normativa SIAE e'
            una delle cose piu' ridicole dell'universo.
            In ogni caso pubblicare Cd senza bollino e'
            illegale, ma non si crea nocumento a
            *nessuno*.
            Si, alla SIAE, che non incassa il balzello...e loro potrebbero citarti le decine di cantanti, autori e attori che moriranno di fame a causa della pirateria che tu incentivi non pagando il bollino...

            e il magistrato cosa fa?

            sequestra il sito netstrike.it?

            non dovrebbe andare a casa di tutti quelli

            che hanno messo il loro modem e
            notificargli

            il reato commesso?

            quale reato hanno commmesso?

            nessuno!!!!

            non c'e' legge che impedisce il
            netstrike...

            non so se te ne sei reso conto...

            Mi sembra che l'interpretazione spetti al
            magistrato. Il netstrike comporta un blocco
            - volonario ed arbitrario - ad una attivita'
            o servizio altrui. Quindi puo' essere
            considerato un reato.
            puo' essere considerato e' molto vago...per il fatto che il netstrike POTREBBE ESSERE, di fatto viene chiuso...quindi si reagisce a una ragazzata, con i carri armati...buon senso... dai su...
            Fermo restando che NIENTE e' stato
            dimostrato sulle responsabilita' della
            Bayer, non ci si puo' mai fare giustizia da
            soli.
            Credi di essere un unto dal Signore, che sai
            distinguere infallibilmente tra ragione e
            torto?sai, se non ci fosse chi fa atti dimostrativi, a volte molte cose rimarebbero nascoste...e parlo di atti volutamente estremi, solo per attirare l'attenzione...certo andare in giro con una pistola e fare una strage non e' una soluzione accettabile...cmq distinguere fra ragione e torto e' quello che facciamo ogni giorno... non serve essere unti...certo, molte interpretazioni sono soggettive, ma se nessuno puo' decidere fra torto o ragione, allora aboliamo i tribunali...perche' di unto ne conosco uno solo....

            si, ma in questo caso manca il concetto di

            attivita' altrui, a meno che un serve web

            non sia considerato altrui.

            Direi proprio di si'
            sei troppo rigido...ma ragiona dai!!!se uno non si ferma allo stop e mi ditrugge la macchina, non ha deliberatamente violato un articolo del codice della strada, procurandomi un danno?si!infatti io vengo risarcito, ma a lui nessuno sequestra niente!!!nessun agente gli andra' a casa a frugare nei cassetti!ecco, il netstrike e' una di quelle cose che potrebbe tranquillamente risolversi con una multa...invece no!sequestri, perquisizioni, interrogatori...

            A me un netstrike, piu' che a un sitin, fa

            pensare all'oscuramento delle vetrine di
            un

            negozio in modo che nessuno possa vedere

            dentro...

            Ma cari mio, sarebbe illegale anche quello.
            e allora?facciamo uno stato in cui la legge e' al di sopra di tutto, come in America?sei staccato dal mondo reale...in astratto le cose che dici funzionano pure, ma in concreto no!a netstrike.it non potranno fare nulla... tranne bloccargli il sito per qualche settimana, ma poi saranno costretti a ridargli tutto il materiale sequestrato...vedrai...
            Io ho qualche anno piu' di te, anche se uso
            internet da meno tempo. Temo pero' di
            conoscere un filino di piu' il diritto (e la
            dialettica)
            Una cosa e' quello che si fa personalmente,
            una cosa e' dichiarare pubblicamente che e'
            giusto farlo e che e' una cosa giusta.
            Non e' ipocrisia. Io posso anche
            parcheggiare in divieto di sosta (a volte
            capita) ma ben diverso e' fare volan
          • Anonimo scrive:
            Re: La repressione porta alla rivoluzione
            - Scritto da: MaKs

            Anche la pura erogazione di un servizio e'

            una cosa illegale, dovresti saperlo.



            forse intdendevi il blocco di un servizio...
            erogare un servizio e' illlegale?Ehm, si', intendevo il blocco dell'erogazione. [cut]

            si ma qui il giudice non ha verificato NULLA!
            pero' al sito e' stata intimata la chiusura..
            o meglio, se gli sequestri il pc con il
            sito, di fatto lo chiudi... e per molto piu'
            tempo di un semplice netstrike...
            spiegamelo...
            la magistratura puo' agire illegalmente?Neanche la magistratura opera sopra la legge.Ma d'altronde sapari che la legge e', per definizione, generale e astratt. Spetta al giudice ricondurre una fattispecie ad una norma. Certo non ci sono norme sul netstrike.Ma cosa e' un netstrike? "OK ragazzi siccome secondo noi quelli di X (governo, azienda, ente) sono dei farabutti, mettiamoci d'accordo e, a scopo dimostrativo, facciamo in modo da bloccargli il sito per n ore." Per carita', siamo lontani dall'omicidio o dall'estorsione, ma puo' ben essere considerato un reato.Si presume che il magistrato si sia documentato prima di emettere il provvedimento. Io non ho visto i fascicoli, tu si'? [cut]

            non lo credo perche' un grosso sito di
            e-commerce, difficilmente viene bloccato da
            un netstrike...
            a meno che non dicono di essre grandi e in
            realta' tengono il sito nel garage di casa
            su un pc assemblato...Questa e' una valutazione tecnica su cui non voglio pronunciarmi ... pero' mi sembra che il netstrike qualche volta abbia funzionato.

            Vedi sopra.

            guarda, un netstrike, per sua natura, e'
            inutile se migliaia di utenti caricano le
            loro paginette nel browser e poi fanno
            reload...
            ci vuole qualche script che fa centinaia di
            richieste contemporanee da ogni pc..
            e ci sono anche decine di prodotti in grado
            di "capire" questo genere di traffico e
            bloccare dinamicamente questo tipo di
            attacchi...
            costano un po', ma esistono...



            c'e' anche una confessione dei massimi


            dirigenti dell'azienda...


            quindi e' gia' dimostrato



            Ti sbagli. Non c'e' stata alcuna
            confessione

            (citamela). E non c'e' stata alcuna

            dimostrazione.

            La connessione tra l'uso del farmaco e le

            morti sospette deve essere ancora

            dimostrata.

            Finche' non e' dimostrata non si puo' fare

            nulla. Una volta dimostrata di fa causa.

            Quello di cui parli tu e' una forma di

            linciaggio indiziario.



            mettila come vuoi...
            c'e' un'ammissione che il farmaco potrebbe
            essre responsabile del problema, c'e' un
            frmaco ritirato dal mercato, ci sono prove
            da cui si evince che bayer sapeva dal
            1999...
            manca solo la certezza per la legge, ma di
            certo
            la fiducia dei consumatori l'hanno persa...
            e un'eventuale assoluzione in tribunale
            conterebbe davvero poco... il lipobay non
            veraa' mai piu' ne' prodotto ne' venduto...Mi dispiace, non voglio certo difendere la Bayer, ma finora non ci sono prove, ma solo indizi e dubbi. Certo hanno fatto bene a sospendere la vendita del farmaco. Pero' non vedo elementi per condannare la Bayer in alcun modo. Quando questi ci saranno, ci penderanno i giudici a farlo.

            Non sto dicendo che illegale=violento.

            Sto dicendo che illegale e' illegale.

            E che un netstrike, oltre che illegale, e'

            anche un sopruso.

            il netstrike e' solo una buffonata...
            non e' ne' illegale, perche' non c'e' legge
            che lo vieta, ne' tantomeno un sopruso...
            ne saranno riusciti due o tre nella storia...Inutile ripetere quanto gia' detto.Non c'e' bisogno di una legge che vieti sanzioni ogni singolo atto. La legge prende in esame categorie di atti, per cosi' dire.

            Pessimo esempio. La nuova normativa SIAE
            e'

            una delle cose piu' ridicole
            dell'universo.

            In ogni caso pubblicare Cd senza bollino
            e'

            illegale, ma non si crea nocumento a

            *nessuno*.



            Si, alla SIAE, che non incassa il balzello...
            e loro potrebbero citarti le decine di
            cantanti, autori e attori che moriranno di
            fame a causa della pirateria che tu
            incentivi non pagando il bollino...La normativa sul diritto d'autore e' palesemente assurda. Attenzione, si puo' dire che e' una legge ingiusta e, singolarmente, la si puo' anche violare. Se faccio le fotocopie di un libro non e' che poi di notte non dormo perche' mi sento in colpa. Dico solo che non si puo' proclamare che in quanto ingiusta allora e' corretto non rispettarla ed organizzare violazioni di massa.O meglio, puoi anche farlo. Avrai la mia solidarieta', ma il giudice ti puo' sequestrare la copisteria.


            e il magistrato cosa fa?


            sequestra il sito netstrike.it?


            non dovrebbe andare a casa di tutti
            quelli


            che hanno messo il loro modem e

            notificargli


            il reato commesso?


            quale reato hanno commmesso?


            nessuno!!!!


            non c'e' legge che impedisce il

            netstrike...


            non so se te ne sei reso conto...



            Mi sembra che l'interpretazione spetti al

            magistrato. Il netstrike comporta un
            blocco

            - volonario ed arbitrario - ad una
            attivita'

            o servizio altrui. Quindi puo' essere

            considerato un reato.



            puo' essere considerato e' molto vago...
            per il fatto che il netstrike POTREBBE
            ESSERE,
            di fatto viene chiuso...
            quindi si reagisce a una ragazzata, con i
            carri armati...
            buon senso... dai su...Il sequestro puo' essere stato eccessivo. Molti magistrati italiani non capiscono un accidente di informatica e di fronte alla forma "impalpabile" di un software o di un sito, sequestrano a destra e a manca. Secondo alcune testimonianze durante l'italian crackdown del '94 sequestrarono anche stampanti, mouse e tappetini.

            Fermo restando che NIENTE e' stato

            dimostrato sulle responsabilita' della

            Bayer, non ci si puo' mai fare giustizia
            da

            soli.

            Credi di essere un unto dal Signore, che
            sai

            distinguere infallibilmente tra ragione e

            torto?

            sai, se non ci fosse chi fa atti
            dimostrativi, a volte molte cose rimarebbero
            nascoste...
            e parlo di atti volutamente estremi, solo
            per attirare l'attenzione...
            certo andare in giro con una pistola e fare
            una strage non e' una soluzione
            accettabile...

            cmq distinguere fra ragione e torto e'
            quello che facciamo ogni giorno... non serve
            essere unti...
            certo, molte interpretazioni sono
            soggettive, ma se nessuno puo' decidere fra
            torto o ragione, allora aboliamo i
            tribunali...
            perche' di unto ne conosco uno solo....Come ho gia' detto, se si ha una ferma convinzione di un'ingiustizia e s
    • Anonimo scrive:
      Re: La repressione porta alla rivoluzione
      Voltaire e' quello che ha inventato l'elettricita' vero? Quello che lavorava assieme ad Ampere no?Che c'entra?
    • Anonimo scrive:
      Re: La repressione porta alla rivoluzione

      Una protesta pacifica e non violenta. Che
      solo un governo fascista poteva pensare di
      reprimere.

      Voltaire 2001Ma quando c'erano i vostri al governo, non dicevate che la giustizia era libera ed indipendente????PRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR
    • Anonimo scrive:
      Re: La mia risposta
      Ho seguito con molto interesse la discussione fra Prospero e Maks e credo che entrambi abbiano espresso argomenti interessanti. Innanzitutto vorrei dire a Prospero che la frase ?la repressione porta alla rivoluzione? è uno slogan lanciato negli anni 60, quindi di ispirazione marxista o anarchica, non l?ha detto Voltaire. Ma credo che gli sarebbe piaciuto: era uno che non si tirava mai indietro quando c?era da lottare per la democrazia e i diritti negati con la violenza.Per quanto riguarda il netstrike, Prospero dice che è un atto illegale, un sopruso, perchè impedisce ad altri di svolgere il proprio lavoro. Ammetto che c?è del vero, forse è un atto illegale, ma vorrei ricordarti che è un atto politico.Anche lo sciopero una volta era illegale. Ai tempi di Mussolini. (chi se lo ricorda?) Quindi secondo te chi scioperava a quell?epoca era un terrorista? Secondo Mussolini e i benpensanti di allora sì, ma la Storia evidentemente non la pensava così.Il movimento No Global si pone come obbiettivo quello di lottare per un mondo più giusto. Lascio la parola a Maks: ?Se tu uccidi mio padre con un medicinale contro il colesterolo e io vengo a saldare le porte degli uffici della Bayer costringendo tutti ad aspettare il fabbro che li liberi, sicuramente e' un atto dimostrativo e non violento, anche se probabilmente è illegale.?Non c?è bisogno di aggiungere altro, no?Voltaire 2001A tutti gli altri vorrei dire che Voltaire non è nè di destra nè di sinistra: è un pensatore libero, democratico, pacifista, che non ha paura di dire le cose come stanno. Per esempio: La magistratura va dove tira il vento...
      • Anonimo scrive:
        Re: La mia risposta
        - Scritto da: Voltaire 2001[cut]

        Innanzitutto vorrei dire a Prospero che la
        frase ?la repressione porta alla
        rivoluzione? è uno slogan lanciato negli
        anni 60, quindi di ispirazione marxista o
        anarchica, non l?ha detto Voltaire. Ma credo
        che gli sarebbe piaciuto: era uno che non si
        tirava mai indietro quando c?era da lottare
        per la democrazia e i diritti negati con la
        violenza.Si benissimo che Voltaire non ha mai scritto idiozie simile. Ma te hai citato Voltaire con il tuo Nick.
        Per quanto riguarda il netstrike, Prospero
        dice che è un atto illegale, un sopruso,
        perchè impedisce ad altri di svolgere il
        proprio lavoro. Ammetto che c?è del vero,
        forse è un atto illegale, ma vorrei
        ricordarti che è un atto politico.Anche le bombe sono atti politici, anche le gambizazzioni erano atti politici.
        Anche lo sciopero una volta era illegale. Ai
        tempi di Mussolini. (chi se lo ricorda?)
        Quindi secondo te chi scioperava a
        quell?epoca era un terrorista? Secondo
        Mussolini e i benpensanti di allora sì, ma
        la Storia evidentemente non la pensava così.Lo sciopero ERA illegale. Ora no. Qui stiamo parlando del presente e della nostra concezione di liberta e democrazia. Lo sciopero era illegale, infatti, in societa' non democratiche. E tuttore e' illegale in relta' non democratiche. Puo' anche darsi che tra 500 anni le nostre idee sembreranno assurde. Ma noi siamo uomini del nostro tempo. Il tuo relativismo mi sembra inconcludente.
        Il movimento No Global si pone come
        obbiettivo quello di lottare per un mondo
        più giusto. Lascio la parola a Maks: ?Se tu
        uccidi mio padre con un medicinale contro il
        colesterolo e io vengo a saldare le porte
        degli uffici della Bayer costringendo tutti
        ad aspettare il fabbro che li liberi,
        sicuramente e' un atto dimostrativo e non
        violento, anche se probabilmente è
        illegale.?Tu dici per un mondo piu' giusto: di quale giustizia parli? la tua e quella di Maks? E chi siete? Io riconosco una legge approvata da un parlamento e riconosco il potere di un giudice che emette sentenze in nome del popolo italiano.Le vostre e le mie sono opinioni. Per carita', liberissime e rispettabilissime. Ma non ci si puo' fare giustizia da soli sulla base delle proprie opinioni.
        Non c?è bisogno di aggiungere altro, no?
        Ci sarebbe da aggiungere troppo.
        • Anonimo scrive:
          Re: La mia risposta

          Tu dici per un mondo piu' giusto: di quale
          giustizia parli? la tua e quella di Maks? E
          chi siete? Io riconosco una legge approvata
          da un parlamento e riconosco il potere di un
          giudice che emette sentenze in nome del
          popolo italiano.
          Le vostre e le mie sono opinioni. Per
          carita', liberissime e rispettabilissime. Ma
          non ci si puo' fare giustizia da soli sulla
          base delle proprie opinioni.
          rispondo solo perche' chiamato in causa...a livello personale, la mia opinione, se non va palesemente contro la liberta' altrui o contro le leggi dello stato, e' tanto valida quanto quella di un magisrtato che deve decidere se il netsrike e' o no reato o se uno che si incatena per protesta debba o no essere proscessato.Il magistrato ha l'unico vantaggio di poter "sperimentare" le proprie opinioni, le mie rimarrano tali.Detto questo.La frase "non ci si puo' fare giustizia da soli" presuppone che qualcuno abbia deciso di scavalcare la legge e in palese contrasto con essa, compiere un atto (spesso irrimediabile) di violenza contro chi si ritiene essere il responsabile.C'e' anche chi, invece, con metodi ai margini della legalita' ma senza violenza, cerca solo di dire ai giudici "io cerco giustizia, spetta a voi farla, e se nessuno mi ascolta questo e' quello che sono disposto a fare".E quindi ci si incatena ai cancelli, ci si barrica sulle ciminiere, ci si da fuoco, si fa un netstrike...e' un modo per dire voglio giustizia vera, per lo meno datemi ascolto.Il danno prodotto e' sempre minimo.E una giustizia forte, dovrebbe anche saper valutare i motivi alla base di certi atti.Sono d'accordo che i netstrike sono spesso per motivi futili o perlomeno discutibili...Ma il sequestro e' una risposta adeguata?ripeto... a me pare eccessivasoprattutto alla luce del fatto che una normativa chiara in merito non esiste.In questo modo bastera' chiamare il 117 e denunciare qualcuno di pedofilia per fargli chiudere il sito, perche' le indagini presuppongono sempre sequestri di qualsiasi cosa stia vicino al pc, comprese le stampanti e i monitor.Anche la legge sbaglia a volte (a mio avviso), proprio perche' e' fatta e applicata da uomini, e, in quanto tali, non infallibli.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: La mia risposta
            - Scritto da: MaKs

            Tu dici per un mondo piu' giusto: di quale

            giustizia parli? la tua e quella di Maks?[cut]
            rispondo solo perche' chiamato in causa...[cut]Ti ho chiamato in causa perche' si citava una tua opinione.
            a livello personale, la mia opinione, se non
            va palesemente contro la liberta' altrui o
            contro le leggi dello stato, e' tanto valida
            quanto quella di un magisrtato che deve
            decidere se il netsrike e' o no reato o se
            uno che si incatena per protesta debba o no
            essere proscessato.No, non si puo' dire che una nostra opinione e' valida quanto quella di un magistrato. O meglio, si puo' anche dire di una opinione, ma il magistrato ha dei doveri e dei poteri.Per la cronaca: ogni magistrato e' "potere dello Stato". E' la costituzione che attribuisce questo potere. Se un magistrato emette una sentenza sulla base di una sua valutazione, la si puo' criticare, si puo' ricorrere in appello, ecc. Non si puo' dire "la valutazione del magistrato non vale piu' della mia; io non riconosco la sentenza."Questa sarebbe la teorizzazione dell'anarchia.Lasciamo stare che anch'io non condivido *molte* sentenze che vengono emesse. Questa e' un'altra questione, politicissima, che mette in evidenza le gravi mancanze dei nostri parlamenti (IMHO).
            Il magistrato ha l'unico vantaggio di poter
            "sperimentare" le proprie opinioni, le mie
            rimarrano tali.
            Detto questo.
            La frase "non ci si puo' fare giustizia da
            soli" presuppone che qualcuno abbia deciso
            di scavalcare la legge e in palese contrasto
            con essa, compiere un atto (spesso
            irrimediabile) di violenza contro chi si
            ritiene essere il responsabile.La frase vuol dire quello che dice.Non c'e' bisogno che un atto sia violento e irrimediabile.
            C'e' anche chi, invece, con metodi ai
            margini della legalita' ma senza violenza,
            cerca solo di dire ai giudici "io cerco
            giustizia, spetta a voi farla, e se nessuno
            mi ascolta questo e' quello che sono
            disposto a fare".
            E quindi ci si incatena ai cancelli, ci si
            barrica sulle ciminiere, ci si da fuoco, si
            fa un netstrike...
            e' un modo per dire voglio giustizia vera,
            per lo meno datemi ascolto.

            Il danno prodotto e' sempre minimo.
            E una giustizia forte, dovrebbe anche saper
            valutare i motivi alla base di certi atti.Ma, senti, ho gia' risposto in modo abbastanza diffuso su questo in una risposta a Voltaire 2001, che trovi qui sopra.Questo tipo di azioni dimostrative possono senz'altro esserci e la reazione giurisdizionale dovrebbe certo tener conto della loro natura (e questo di solito avviene). Pero' non spostano il confine tra legale e illegale.
            Sono d'accordo che i netstrike sono spesso
            per motivi futili o perlomeno discutibili...
            Ma il sequestro e' una risposta adeguata?
            ripeto... a me pare eccessiva.Come ho gia' scritto a Voltaire 2001, anche a me il sequestro appare eccessivo ... poi non e' che abbia il codice di procedura penale accanto alla tastiera ... e' un giudizio personale.
            soprattutto alla luce del fatto che una
            normativa chiara in merito non esiste.
            In questo modo bastera' chiamare il 117 e
            denunciare qualcuno di pedofilia per fargli
            chiudere il sito, perche' le indagini
            presuppongono sempre sequestri di qualsiasi
            cosa stia vicino al pc, comprese le
            stampanti e i monitor.

            Anche la legge sbaglia a volte (a mio
            avviso), proprio perche' e' fatta e
            applicata da uomini, e, in quanto tali, non
            infallibli.Accidenti se la legge sbaglia! Soprattutto in Italia, tra pressioni contingenti e interessi di lobby abbiamo un magnifico campionario di leggi assurde. Giusto, giustissimo protestare, manifestare, criticare, fare petizioni, ecc.Sono moralmente comprensibili anche alcune violazioni (pacifiche) dimostrative (assumendosene in toto la responsabilita', of course).Pero' tutto questo non altera il confine tra legittimo e non legittimo. Semmai dovrebbe indurre il legislatore a riconsiderarlo (e questo purtoppo avviene di rado).Io considero eccessivo e soprattutto non pertinente l'attacco - anche ideologico - condotto contro il magistrato che ha oscurato il sito sul netstrike. Semplicemente.
            CiaoCiao anche a te.
        • Anonimo scrive:
          Re: La mia risposta
          - Scritto da: Prospero
          E tuttore e' illegale in
          relta' non democratiche.Ciao Prospero, non posso che essere d'accordo con ogni parola che hai scritto. Nel pezzo però che ho citato, vorrei aggiungere una nota, cioè che in svizzera il diritto allo sciopero non esiste e sembra comunque un paese democratico, forse più dell'italia, visto che in svizzera e' in vigore la democrazia diretta.
          • Anonimo scrive:
            Re: La mia risposta
            - Scritto da: Amon in svizzera il diritto allo sciopero non esiste e sembra comunque un paese democratico, forse più dell'italia, visto che in svizzera e' in vigore la democrazia diretta.La Svizzera un paese democratico? Solo in apparenza. In realtà è un regime ma la gente non si ribella perchè guadagna un sacco di soldi. Come avviene in Kuwait, nel sultanato del Brunei o in tanti altri paesi del mondo di cui il Potere si serve per i suoi affari sporchi (che da sempre si lavano in "famiglia") Ogni riferimento a Cosa Nostra è puramente voluto.
          • Anonimo scrive:
            Re: La mia risposta
            - Scritto da: Don Caloggero
            In realtà è un regime ma la gente
            non si ribella perchè guadagna un sacco di
            soldi.Questa tra tutte quelle apparse tra i commenti di PI è la numero 1.
          • Anonimo scrive:
            Re: La mia risposta
            La tua precisazione e' molto interessante.Francamente non lo sapevo.Effettivamente sarebbe interessante documentarsi, anche se non metto in dubbio la tua affermazione.D'altronde la mancanza di una normativa in materia forse non rende lo sciopero illegale.Il diritto comparato e' molto interessante.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: La mia risposta
            - Scritto da: Prospero
            D'altronde la mancanza di una normativa in
            materia forse non rende lo sciopero
            illegale.Purtroppo non sono così afferrato in diritto e non so se c'e' una mancanza di normativa, oppure se il codice delle obbligazioni nega per iscritto il diritto allo sciopero.So per certo, che in caso di sciopero, il datore di lavoro ha la possibilità di lasciare a casa il personale, per cui non sciopera nessuno. Questo porta ad una continua affidabilità nei servizi (l'indiscussa puntualità di treni e aerei, niente code agli sportelli, ecc), ma d'altro canto non so quali tipi di protesta sono permessi ai dipendenti. Forse il federalismo e la democrazia diretta hanno portato al cittadino abbastanza potere da essersi tutelato dai soprusi, senza la necessità di scioperare per ottenere una certa qualità di vita e di lavoro.
        • Anonimo scrive:
          Tanto per essere chiari, Prospero...
          non mi piacciono le discussioni che durano all?infinito, ma non mi piacciono neanche le tue insinuazioni. Tu dici: ?anche mettere le bombe è un atto politico?. Chi ha mai parlato di mettere le bombe? Da dove è saltata fuori questa idiozia? Sono sempre stato a favore di una lotta politica pacifica e non violenta. Purtroppo si dà il caso che il Potere non sia stupido, e DA SEMPRE sono considerate illegali tutte le forme di protesta, anche le più pacifiche. Tu l?hai visto il film Ghandi? Te la ricordi quella scena in cui lui e altre migliaia di persone andavano a protestare pacificamente contro l?occupazione militare dell?India da parte della Gran Bretagna? Non facevano certo niente di male, non era certo una protesta violenta eppure la Grande Inghilterra, madre di tutte le democrazie, aveva ordinato ai suoi soldati di spaccare la testa ai manifestanti.Secondo te, come mai? Semplice, l?Inghilterra non aveva nessuna intenzione di rinunciare a quella ricca colonia (per inciso, l?India due secoli fa era il paese più ricco del mondo per reddito pro capite; dopo 200 anni di occupazione inglese è diventato uno dei più poveri)Oggi la situazione non è molto diversa. Tutti i cittadini del mondo sono schiavi di Poteri Forti che dettano legge non solo in campo economico ma anche in campo politico e persino morale. A questo punto ci sono due possibilità: O uno dice: ?a me sta bene così, io sono contento, non ho niente da lamentarmi di come vanno le cose nel mondo, non capisco che cazzo vogliono questi giottini, per me sono solo dei poveri fessi, ecc. ecc.?Oppure uno capisce che le cose così non vanno affatto bene e si impegna per cambiarle. Senza mettere le bombe. Non ce n?è bisogno. Studia la Storia e capirai che il motto ?la repressione porta alla rivoluzione? non è un semplice slogan, è un dato di fatto: le dittature non durano, la gente vuole la libertà. E questo vale anche per il comunismo, ovviamente. So di darti una grande delusione, ma non sono mai stato comunista: il comunismo è una dittatura e non ho mai simpatizzato per quella che ho sempre considerato una ideologia totalitaria.Adesso che è caduto il comunismo, dobbiamo guardare ai difetti della nostra società. Tanto per cominciare essa è solo apparentemente libera: in realtà tutto è controllato, le notizie che arrivano ai giornali e alla televisione sono filtrate attraverso una censura rigorosa: non saprai mai quello che succede nel mondo se ascolti solo loro. Poi ci sono troppe ingiustizie: i ricchi diventano sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri. E? una legge dell?economia: i soldi portano altri soldi. Ma ci dovrebbero essere leggi per riequilibrare tutto questo. Le multinazionali troppo potenti dovrebbero essere smembrate dalle commissioni antitrust e le aziende che producono e vendono prodotti che fanno male alla salute dovrebbero essere multate nei casi più lievi e chiuse del tutto nei casi più gravi. Ma tutto questo non avviene. Perchè? Me lo sai dire tu?Voltaire 2001
          • Anonimo scrive:
            Re: Tanto per essere chiari, Voltaire 2001
            - Scritto da: Voltaire 2001

            non mi piacciono le discussioni che durano
            all?infinito, ma non mi piacciono neanche le
            tue insinuazioni. Tu dici: ?anche mettere le
            bombe è un atto politico?. Giusto: questa discussione sta durando troppo. Prolungata anche da una certa rigidezza mentale che ha reso necessarie fin troppe speigazioni.Prolungata anche dalla mala fede: sei tu che hai candidamente giustificato il netstrike affermando che era comunque un atto politico.Tiri il sasso e nascondi la mano?Io ti ho risposto che il fatto di essere un atto politico non impedisce ad un atto illegale di essere tale. Ti piace questa chiarezza?
            Chi ha mai parlato di mettere le bombe? Da
            dove è saltata fuori questa idiozia? Sono
            sempre stato a favore di una lotta politica
            pacifica e non violenta. Purtroppo si dà il
            caso che il Potere non sia stupido, e DA
            SEMPRE sono considerate illegali tutte le
            forme di protesta, anche le più pacifiche. Ti sbagli. Il potere *democratico* non vieta le forme di protesta pacifiche.
            Tu l?hai visto il film Ghandi? Te la ricordi
            quella scena in cui lui e altre migliaia di
            persone andavano a protestare pacificamente
            contro l?occupazione militare dell?India da
            parte della Gran Bretagna? Non facevano
            certo niente di male, non era certo una
            protesta violenta eppure la Grande
            Inghilterra, madre di tutte le democrazie,
            aveva ordinato ai suoi soldati di spaccare
            la testa ai manifestanti.Ho visto il film, ma mi sembra un esempio incongruo. Infatti il potere esercitato in India dalla Gb non era democratico, semplicemente.Non per niente si parlava di imperialismo.
            Secondo te, come mai? Semplice,
            l?Inghilterra non aveva nessuna intenzione
            di rinunciare a quella ricca colonia (per
            inciso, l?India due secoli fa era il paese
            più ricco del mondo per reddito pro capite;
            dopo 200 anni di occupazione inglese è
            diventato uno dei più poveri)Questo andrebbe verificato e non mi risulta.Citami le fonti per cortesia.
            Oggi la situazione non è molto diversa.
            Tutti i cittadini del mondo sono schiavi di
            Poteri Forti che dettano legge non solo in
            campo economico ma anche in campo politico e
            persino morale. A questo punto ci sono due
            possibilità:

            O uno dice: ?a me sta bene così, io sono
            contento, non ho niente da lamentarmi di
            come vanno le cose nel mondo, non capisco
            che cazzo vogliono questi giottini, per me
            sono solo dei poveri fessi, ecc. ecc.?

            Oppure uno capisce che le cose così non
            vanno affatto bene e si impegna per
            cambiarle. Senza mettere le bombe. Non ce
            n?è bisogno. Studia la Storiala storia credo di averla studiata molto piu' di te.
            e capirai che
            il motto ?la repressione porta alla
            rivoluzione? non è un semplice slogan, è un
            dato di fatto: le dittature non durano, la
            gente vuole la libertà. E questo vale anche
            per il comunismo, ovviamente. So di darti
            una grande delusione, Ma non mi dai nessuna delusione. Il tuo schematismo mentale non ti fa onore.Perche' sicuramente pensavi fossi di destra vero?Certe ripartizioni le seguno le persone incapaci di avere idee proprie.
            ma non sono mai stato
            comunista: il comunismo è una dittatura e
            non ho mai simpatizzato per quella che ho
            sempre considerato una ideologia
            totalitaria.

            Adesso che è caduto il comunismo, dobbiamo
            guardare ai difetti della nostra società.
            Tanto per cominciare essa è solo
            apparentemente libera: in realtà tutto è
            controllato, le notizie che arrivano ai
            giornali e alla televisione sono filtrate
            attraverso una censura rigorosa: non saprai
            mai quello che succede nel mondo se ascolti
            solo loro. Poi ci sono troppe ingiustizie: i
            ricchi diventano sempre più ricchi e i
            poveri sempre più poveri. E? una legge
            dell?economia: i soldi portano altri soldi.
            Ma ci dovrebbero essere leggi per
            riequilibrare tutto questo. Le
            multinazionali troppo potenti dovrebbero
            essere smembrate dalle commissioni antitrust
            e le aziende che producono e vendono
            prodotti che fanno male alla salute
            dovrebbero essere multate nei casi più lievi
            e chiuse del tutto nei casi più gravi.

            Ma tutto questo non avviene. Perchè? Me lo
            sai dire tu?


            Voltaire 2001
            Ripeto, il tuo schematismo mentale e' aggiacciante.Mi fa venire in mente le battutine del tempo nadato, quando si diceva che "chi fa il bagno e' di destra chi fa la doccia e' di sinistra".Da quello che io ho scritto in precedenza te deduci altre mie coonvinzioni che non ho *mai* espresso. Lo so, ti hanno insegnato a pensare cosi', poverino.Ma non e' cosi'.So perfettamente che gran parte delle istutuzioni sono prostituite ad interessi economici, a scapito degli interessi dei cittadini. Sono perfettamente consapevole che molte leggi riflettono questo stato di cose. Egualmente so che le informazioni che ci giungono dai media sono filtrate politicamente, in modo da teleguidare i cittadini per legittimare con una parvenza di democrazia l'elite dominante del caso (di destra o di sinistra non importa). Illuminante e' stato il fatto che la recente legge sull'editoria e' stata approvata con sostanziale unanimita'.Nonostante tutto questo io ribadisco che, finche' sussistono degli strumenti democratici (pur barcollanti) dobbiamo usare quelli. Il fatto che le nostre opinioni - ora, in questo momento - siano leggibili da tutti, dimostra che non siamo ancora in dittatura.Quindi e' la legge che ci puo' difendere.Stato di diritto vuol dire che e' la legge che regola i rapporti tra i cittadini e tra i cittadini e le situtuzioni.Ammettere la violazione della legge in caso di disaccordo di un gruppo di cittadini e' la teorizzazione dell'anarchia.E tutto questo - IMHO - anche se quello che hai deto su sfuttamento e censura e in garn parte vero.Ah, credo anche di aver risposto alla tua ultima domanda. Se tu avessi letto altri miei post sulla questione, non me l'avresti posta.Se credi di aver trovato la persona che ti dira' che questo e' "il migliore dei mondi possibile" hai sbagliato diagnosi.P.S. Scuse alla redazione di P.I. per il lungo OT e ringraziamenti per la pazienza.
  • Anonimo scrive:
    Chi semina raccoglie...
    non ho potuto approfondire nei dettagli il fatto, anchè perchè ci vorrebbero informazioni non di parte e non politiche...diro solo una visione esterna...sta tornando voglia di farsi sentire, si vede, e meno male...(in un certo senso...)i giovani, dopo il 68, le Brigate Rosse, sembravano davvero essersi imbambolati nell'era della Playstation...adesso si risvegliano...!!!dico solo una cosa:attenzione Italia, attenzione Governanti Italiani,che date l'idea di voler reprimere queste opinionicon la DITTATURA !!!attenzione perchè se avete messo una pietra sul terrorismo con la legge sui pentiti, adesso non è cosi...i tempi sono cambiati, le tecnologie anche...NON potete pensare di agire cosi anche perchè questi ragazzi si passano sicuramente più tempo sui PC che qualsiasi agente di Polizia Postale o di GdF...quindi NON avrete stavolta nessuna arma violenta, come può essere un sequestro per fermare questo...ma siete scemi o lo fate ??? o ignorate la realtà ???sembra la replica di Napster... si scambiavano gli mp3, na hanno fatto un caso pubblico e Napster l'ha conosciuta persino il mio vicino che non ha il Pc... quando lo ha comprato, però ci è andato subito...fate fate...io non conoscevo questo sito e sono in w3 dal mattino alla sera...adesso le sue visite andranno alle stelle !!!!!!da oggi lo conosco, e se condividerò la propria protesta, beh potranno contare su una mano in più...ero all'estero e vedevo le immagini del G8...mai mi sono cosi vergognato di essere Italiano, mai mai MAI ...vergogna ITALIA !!!vergogna... e vergogna...grazie Punto Informatico, che riuiscite a dare ancora una VERA informazione...
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi semina raccoglie...

      i giovani, dopo il 68, le Brigate
      Rosse, sembravano davvero essersi
      imbambolati nell'era della Playstation...Gia' era meglio quando i giovani erano freschi e pimpanti ad alzare il pungo in aria e a lodare i brigatisti rivoluzionari, allora sì che pensavano con le loro teste, senza manipolazione alcuna; era cosi' bello quando le persone saltavano in aria per una giusta causa, che bei ricordi, sigh!, sicuramente i parenti delle persone uccide per una cosi' nobile causa ne hanno tanti.
      adesso si risvegliano...!!!Svegliatevi giovani, protestate nelle piazze che poi tanto un politico od un giornalista dira' lui per chi o contro chi eravate a protestare, fate numero, fate il gioco di chi vi sa manipolare. Seguite i leader con l'illusione di essere degli individui che decidono con la propria testa e che danno il proprio contributo, piccolo ma importante, ad una qualche causa.
      dico solo una cosa:
      attenzione Italia, attenzione
      Governanti Italiani,
      che date l'idea di voler reprimere
      queste opinioni con la DITTATURA !!!Bah, la dittatura in italia esiste da decenni, svegliarsi adesso e' un po' tardi. Quante corporazioni (giornalisti, medici, farmaceutici) quante lobby e quanti soprusi al cittadino indegni di un paese civile sono in corso da anni? Quali governi hanno reso obbligatorio portare sempre addosso un documento di identita'? Quali hanno reso obbligatoria l'assicurazione sulle auto? Quali hanno permesso alle universita' di gonfiare le tasse di iscrizione a dismisura? Quali hanno alzato le eta' pensionabili e costruito meccanismi fiscali per divorare il 63% dei nostri sudati redditi e pensioni? Quali hanno istituito leggi ed enti temporaneei che continuano a distanza di decenni a rendere grama la vita del cittadino (leggere una bolleta enel per farsi un'idea)? Quali governi hanno impedito la nascita di una seria concorrenza alla Telecom per decenni? Quali governi spendono piu' per combatte i non dimostrati effetti dell'elettrosmog piuttosto che il sempre letale cancro? Chi ha permesso alla giustizia italiana di diventare un carrozzone costoso in cui sono chi ha soldi riesce ad ottenere giustizia?L'Italia e' un paese con un atteggiamento repressivo nei confronti dei cittadini, che pero' supini hanno sempre detto "che ci possiamo fare".La storia dell'Italia repubblicana e' una lunga serie di oscenita', non serve certo un modesto e ridicolo tentativo di sequestro di un sito o l'elezione legittima di un partito di centro destra per urlare alla dittatura.Ma adesso i giovani si sono svegliati, come mi sento confortato, questi giovani si vede che hanno stoffa, che non si faranno manipolare dai loro leader garantendogi nel 2020 una ricca pensione da senatore. Questi giovani si sono svegliati ed hanno capito che protestare nelle piazze fa sentire la loro voce e questo di sicuro cambia il paese. Questi giovani non faranno gli stessi errori del passato, perche' sono molto piu' furbi, hanno capito che basta formare associazioni e forme di protesta non violenta (o violenta, perche' no?), fare comizi e diventare sindacalisti per cambiare questo paese. Hanno capito che possono dare delle pensioni piu' decorose a migliaia di italiani impoveriti con la forza delle loro parole, con la loro spiccata pesonalita'. Questi giovani sono cosi' svegli che di sicuro spezzeranno i monopoli e le lobby con i loro ideali, le loro parole, la loro rabbia, le loro feste, i loro concerti, la loro solidarieta', qualche arma e fiumi di inchiostro. Questi giovani hanno capito che lavorare duramente con progetti concreti per migliorare le leggi e le condizioni di vita della nazione e' perfettamente inutile oltre che faticoso. Questi giovani hanno capito che e' molto meglio fare manifestazioni senza costrutto che turberanno cosi' tanto le tante odiate multinazionali che esse cambieranno atteggiamento. Hanno capito che diventare essi stessi i capi delle multinazionali, sudando e lavorando, al fine di mutare il modo in cui operano, e' perfettamente inutile, perche' basta organizzare forme alternative di vita e di economia, basta fare chiacchere e volantini per sensibilizzare le persone nei loro acquisti. Questi giovani hanno capito che la loro protesta sara' di enorme aiuto a quelli che soffrono perche' pur non dando sostegno materiale, la loro protesta dara' all'affamato delle belle idee e del'utilissima solidarieta'.Giovani svegli, scendete nelle piazze e protestate, la vostra forza cambiera' il mondo, tutti i disgraziati che ogni mese si ammazzano per sfamare i figli si accorgeranno dei miglioramenti dello stato dopo ogni vostra protesta. Non sono solo parole le voste, non sono solo atti simbolici, sono macigni, sono il Verbo.Ho piena fiducia che le nuove generazioni cambieranno questo paese incivile e infidamente tirannico, i giovani di oggi si sono svegliati e non sono come i giovani di un tempo, sono piu' furbi.Il dormiente si e' svegliato, alleluia!
      • Anonimo scrive:
        Re: Chi semina raccoglie...
        Un applauso.
      • Anonimo scrive:
        Re: Chi semina raccoglie...
        Caro Amaro e Scoraggiato,che tu lo sia veramente, amareggiato e scoraggiato, non c'è alcun dubbio: lo si capisce dal tono del tuo intervento. Quello che non capisco è che bisogno c'era di fare di tutta l'erba un fascio, mescolando cose completamente diverse. Perchè dovrebbe essere simbolo di dittatura rendere obbligatoria l'assicurazione RC auto? Ti è mai capitato di fare un incidente con qualcuno che non era assicurato? Sai cosa vuol dire?Ma torniamo al tema principale. Questa tua retorica, così qualunquista e grossolana, mi sembra molto simile a quella dei politici che tanto disprezzi. Non è che da giovane hai militato in un partito politico? E poi non ho capito perchè cazzo disprezzi tanto i giovani che hanno ancora delle illusioni. Certo, tu le hai perdute da tempo e si vede. Ma cosa pretendi, che tutto il mondo si uniformi alle tue idee?Un saluto da un coetaneo che non ha smesso di sperareVoltaire 2001
        • Anonimo scrive:
          Re: Chi semina raccoglie...

          Quello che non capisco è che bisogno c'era
          di fare di tutta l'erba un fascio,
          mescolando cose completamente diverse.A mettere tanti argomenti sul piatto c'e' il rischio di generalizzare un po', ogni aspetto andrebbe approfondito meglio, questo lo so.Le cose completamente diverse sono molti esempi delle cose che mi fanno arrabbiare. Certo, poi puoi dire che faccio di tutta un'erba un fascio, come se non capissi che la realta' e' molto piu' sfaccettata, ma il messaggio generale e' chiaro, troppe sono le cose che non vanno e troppe le illusioni di cambiare questo paese e l'umanita' a colpi di parole ed azioni insignificanti e senza nulla apprendere dal passato.
          Perchè dovrebbe essere simbolo di dittatura
          rendere obbligatoria l'assicurazione RC auto?Perche' obbligare le persone ad assicurarsi con compagnie private? E solo compagnie italiane? Che poi - che sorpresa, chi se l'aspettava! - formano un cartello di prezzi? Se lo stato mi impone una assicurazione con una ditta privata che me la paghi. Se mi obbliga ad avere la carta di identita', che me la paghi. Non ha valore la tua replica sull'incidente con chi non e' assicurato. Obbligare i cittadini ad acquisti che non desidera non e' costituzionale, e' incivile.Obbligare i cittadini a portare sempre con se' un documento di identita' e' incivile. Far scadere i passaporti per un bollo (e con esso di fatto il diritto ad espatriare) e' incivile. Ma scusa sto divagando, so che non ti garba.
          Ti è mai capitato di fare un incidente
          con qualcuno che non era assicurato?
          Sai cosa vuol dire?So benissimo cosa vuol dire, forse non lo sai tu: per decenni le assicurazioni non sono state obbligatorie. Le cose a volte andavano male, a volte bene, ma almeno chi si assicurava lo decideva. Adesso non c'e' piu' questa possibilita'. E le cose NON vanno comunque sempre bene (prova ad ottenere giustizia da una assicurazione). Bello vero? Liberta', giusto?
          Ma torniamo al tema principale. Questa tua
          retorica, così qualunquista e grossolana,
          mi sembra molto simile a quella dei politici
          che tanto disprezzi. Non è che da giovane hai
          militato in un partito politico?Si nel PCI, li' fanno scuola :))) No a parte scherzi (anche altre correnti politiche vivono di squallida retorica), nessun passato politico. Comunque anche tu sei bravo. Io ho solo passato tanto tempo in mezzo ad una melma di persone che credevano di stare in un paese libero. Poco da fare, della gente cosi' immonda ti cambia!
          E poi non ho capito perchè cazzo disprezzi
          tanto i giovani che hanno ancora delle
          illusioni.Perche' sono appunto illusioni le loro. E attraverso esse, vengono usati per fini assai lontani dai principi che li muovono. Gli illusi combattono tutta la vita con la convinzione di essere importanti per questa o quella causa. Sprecano il tempo che potrebbe essere usato per leggere e studiare cose come la storia economica, la scienza, la politica e gli intrighi del passato, e stare accorti di fronte a chi falsamente li guida o carica le loro illusioni. Ecco perche' disprezzo i giovani speranzosi, perche' sono ignoranti. Se uno e' furbo, non si fa speranze e cerca di guidare la propria vita evitando gli errori dei suoi antenati.
          Certo, tu le hai perdute da
          tempo e si vede.Meno male che si vede :) Credevo di avere una retorica qualunqusta e grossolana che mi impedisse di comunicare chiaramente il mio pensiero.
          Ma cosa pretendi, che
          tutto il mondo si uniformi alle tue idee?No, mai chiesto questo a nessuno, solo espresso la mia amara visione delle cose (rileggere rileggere!). E tu lo pretendo? Pretendi di cambiare il mondo con le illusioni?
          Un saluto da un coetaneo che non ha smesso
          di sperare.Gia'. Ma sarebbe ora.
          • Anonimo scrive:
            Re: Chi semina raccoglie... (per amareggiato)
            Ma a te il titolo di questo post non ti dice niente? Chi semina merda cosa credi che raccolga?Smettila di piangere. Se sei depresso curati. Ci sono farmaci che fanno miracoli...Quanto al resto, cioè che le nostre sarebbero solo chiacchiere e niente più, ti sbagli di grosso. Prova a leggerti, per esempio, che cosa fanno questi:www.bancaetica.comwww.choros.ite soprattutto (se sai l'inglese):www.grameen-info.org/index.htmlSaluti
          • Anonimo scrive:
            Re: Chi semina raccoglie... (per amareggiato)

            Ma a te il titolo di questo post non ti dice
            niente? Chi semina merda cosa credi che raccolga?In genere cereali e ottimi frutti ed ortaggi. E' un fantastico concime. Ma forse tu la intendevi in senso metaforico, hai ingentilito e reso piu' elegante il detto popolare "chi semina vento raccoglie tempesta" in linea con il tuo elegante carattere.
            Smettila di piangere. Se sei depresso curati. Ci
            sono farmaci che fanno miracoli...E tu smettila di ridere. Se sei un clown vai al circo dove regalerai ai bambini i tuoi sorrisi.E' bello vedere che se uno e' pessimista gli altri lo considerano un malato mentale. Mi pare un ragionamento che non fa una grinza, "se uno non la pensa come me o la pensa in una maniera che proprio non concepisco, evidentemente deve curarsi per tornare normale". Complimenti! Perche' non allora una bella iniezione letale? Non sarebbe meglio? Cosi' sparisco del tutto e restano al mondo solo i gioisi gnomi felici liberi di pensare le loro piccole idee. A che serve una visione disincantata? E' solo una malattia.
            Quanto al resto, cioè che le nostre sarebbero
            solo chiacchiere e niente più, ti sbagli di grosso.ti credo sulla parola che non sono chiacchere.
            Prova a leggerti, per esempio, che cosa fanno questi:
            www.bancaetica.com
            www.choros.it
            e soprattutto (se sai l'inglese):
            www.grameen-info.org/index.htmlConosco questo genere di iniziative e le trovo lodevoli ed interessanti.Mi paiono un po' lontante pero' dal tema iniziale di kikko per cui i giovani sono finalmente "svegliati" contro la dittatura, ma sono anche in linea con quanto sostenevo in merito alla futilita' delle chiacchere e l'importanza di rimboccarsi le maniche ed agire con una certa concretezza (insomma, meno concerti, marcette, bombe e solidarietà da inaugurazione di monumento e più pane). Finalmente un punto di contatto tra noi, che tra l'altro ho riscontrato in altri tuoi post - ohibo'!.Salve
          • Anonimo scrive:
            Re: Chi semina raccoglie... (per amareggiato)
            Caro amareggiato,come ti sbagli! Non ne azzecchi proprio una!1) io sono un pessimista, ma fra un pessimista che ha ancora tanta voglia di lottare e un piagnone come te c'è una bella differenza.2) la depressione è una malattia. Io ce l'ho, ma da quando (tre anni fa) ho accettato di curarmi sto molto meglio. E tu che vuoi fare? Il mio consiglio lo sai, la decisione spetta a te...Un amico
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi semina raccoglie...
      - Scritto da: kikko
      da oggi lo conosco, e se condividerò la
      propria protesta, beh potranno contare su
      una mano in più...Cito quanto trovo su netstrike.it come autodefinizione, tanto per rendere chiaro a chi tendi la tua mano:"Che cos'e' un netstrike?Netstrike o piu' propriamente corteo telematico e' una pratica di mobilitazione in Rete che consiste nell'invitare una massa considerevole di utenti possessori di accessi Internet e browsers a "puntare" i propri modem verso uno specifico URL ad una precisa ora e ripetutamente in maniera tale da "occupare" un sito web fino a renderlo inutilizzabile almeno per la durata della mobilitazione.Un'occupazione di "banda" simile ad un corteo fisico che occupa una strada fino a renderla inaccessibile ad altre/i.L'idea base e' quella che un'azione individuale in rete ritenuta legittima a tutti gli effetti se portata avanti contemporaneamente da una massa di utenti e su un comune indirizzo puo' causare un disservizio."---In questo modo i netstrike oscurano siti a loro scelta. Con quale diritto?Decidono loro per tutti, quando e cosa puoi leggere? Ma sono pazzi?Nell'esempio da loro riportato in cui si impedisce l'accesso ad una strada bisogna aggiungere che in questa strada c'e' un giornale e che te ne impediscono la lettura, nel viale ci sono dei servizi e loro te ne vietano l'accesso!L'attività di questi signori non è migliore di quella dei signori che hanno sequestrato il loro sito!
      • Anonimo scrive:
        Re: Chi semina raccoglie...

        In questo modo i netstrike oscurano siti a loro scelta. Con quale diritto?
        Decidono loro per tutti, quando e cosa puoi leggere? Ma sono pazzi?

        Nell'esempio da loro riportato in cui si impedisce l'accesso ad una strada bisogna aggiungere
        che in questa strada c'e' un giornale e che te ne impediscono la lettura, nel viale ci sono dei
        servizi e loro te ne vietano l'accesso!
        L'attività di questi signori non è migliore di quella dei signori che hanno sequestrato il loro
        sito!ah..bene..secondo te quindi manifestare e' un atto illegale che va represso?come te la pensa un certo..come si chiama? ah si..Silvio Berlusconi e compagnia bella..continua cosi' a bruciarti il cervello..
        • Anonimo scrive:
          Re: Chi semina raccoglie...
          - Scritto da: me
          ah..bene..secondo te quindi manifestare e'
          un atto illegale che va represso?questo l'hai detto tu
          come te la pensa un certo..come si chiama?
          ah si..Silvio Berlusconi e compagnia bella..
          continua cosi' a bruciarti il cervello..impara a leggere, poi a scrivere
        • Anonimo scrive:
          Re: Chi semina raccoglie...
          - Scritto da: me
          ah..bene..secondo te quindi manifestare e'
          un atto illegale che va represso?
          come te la pensa un certo..come si chiama?
          ah si..Silvio Berlusconi e compagnia bella..
          continua cosi' a bruciarti il cervello..Eccone un'altro!!! La clonazione e' gia' cominciata.Oppure e' un virus che ottenebra la capacita' di ragionare ... orribile!I sintomi sono gia' gravi: costui non vede la divverenza tra il manifestare (legale) ed il bloccare/sabotare l'attivita' altrui (illegale)!
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi semina raccoglie...
      Diavolo, costui e' la persona che tutti i governi hanno sempre sognato: ottuso e manipolabile.Quando leggo opinioni simile il mio ribrezzo per l'eugenetica aumenta ... se lo clonassero?Aaargh!
      • Anonimo scrive:
        Re: Chi semina raccoglie...
        Uei, ma l'eugenetica non si propone di migliorare la specie umana??? L'ipotesi di clonare una persona che non ritieni 'valida' mi sembra una contraddizione in termini. O ipotizzi che qualcuno potrebbe ritenere 'da duplicare' qualcosa che invece per te non lo e'???
        • Anonimo scrive:
          Re: Chi semina raccoglie...
          - Scritto da: marfi
          Uei, ma l'eugenetica non si propone di
          migliorare la specie umana??? L'ipotesi di
          clonare una persona che non ritieni 'valida'
          mi sembra una contraddizione in termini. O
          ipotizzi che qualcuno potrebbe ritenere 'da
          duplicare' qualcosa che invece per te non lo
          e'???Fermo restando che la mia era ironia, trovo piuttosto preoccupante il progetto di "migliorare la specie umana" con l'eugenetica.Certo aluni aspetti sono interessanti, come per la predisposizione alle malattie ereditarie, ma altre sono inquietanti ... sai l'idea c'e' gia' stata in passato ... il concetto di "miglioramento" puo' essere soggettivo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Chi semina raccoglie...
            - Scritto da: Prospero


            - Scritto da: marfi

            Uei, ma l'eugenetica non si propone di

            migliorare la specie umana??? L'ipotesi di

            clonare una persona che non ritieni
            'valida'

            mi sembra una contraddizione in termini. O

            ipotizzi che qualcuno potrebbe ritenere
            'da

            duplicare' qualcosa che invece per te non
            lo

            e'???

            Fermo restando che la mia era ironia, trovo
            piuttosto preoccupante il progetto di
            "migliorare la specie umana" con
            l'eugenetica.
            Certo aluni aspetti sono interessanti, come
            per la predisposizione alle malattie
            ereditarie, ma altre sono inquietanti ...
            sai l'idea c'e' gia' stata in passato ... il
            concetto di "miglioramento" puo' essere
            soggettivo.Ma voi tutti pensate che le biotecnologie servono soltanto a fare quella cazzata di clonare persone ?Smettetela di ascoltare i telegiornali stracazzonip.s. spero che non mettano come corsi a scuola la bioetica
          • Anonimo scrive:
            Re: Chi semina raccoglie...
            L'eugenetica e' un argomento molto complesso.La mia, ripeto, era solo ironia.
  • Anonimo scrive:
    Rischiano grosso.
    Ma questi la legge sulla stampa la hanno mai letta?Se il PM si incazza li mette tutti in galerae ci rimangono per un bel pezzo.Indipendentemente dal fatto che hanno ilsito all'isola di Tonga.Brrrr.
    • Anonimo scrive:
      Re: Rischiano grosso.
      - Scritto da: PMinsider
      Ma questi la legge sulla stampa
      la hanno mai letta?Perché non ce la spieghi tu? E poi spiegaci anche che c'entra... 8-)
      Se il PM si incazza li mette tutti in galera
      e ci rimangono per un bel pezzo.
      Indipendentemente dal fatto che hanno il
      sito all'isola di Tonga.Se il PM s'incazza? Ecco, questo è vero linguaggio da leguleio, complimenti.saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: Rischiano grosso.

      Ma questi la legge sulla stampa
      la hanno mai letta?scusa l'ignoranza, che c'entra la legge sulla stampa?
    • Anonimo scrive:
      Re: Rischiano grosso.
      Qui non c'e' bisogno di scomodare la legge sulla stampa.Basta semplicemente il codice penale.Il sito di netstroke e' illegale, punto e basta.E' una tristezza immensa vedere persone convinte che la liberta' di opinione possa convivere con la violazione della legge.Signori, l'unica garanzia della liberta' e', ed e' sempre stata e sempre sara' la legge ed il rispetto della legge (intendo legge approvata democraticamente e applicata in base alla seprazione dei poteri ecc., ovviamente).
      • Anonimo scrive:
        Re: Rischiano grosso.

        Qui non c'e' bisogno di scomodare la legge
        sulla stampa.
        Basta semplicemente il codice penale.
        Il sito di netstroke e' illegale, punto e
        basta.
        E' una tristezza immensa vedere persone
        convinte che la liberta' di opinione possa
        convivere con la violazione della legge.
        Signori, l'unica garanzia della liberta' e',
        ed e' sempre stata e sempre sara' la legge
        ed il rispetto della legge (intendo legge
        approvata democraticamente e applicata in
        base alla seprazione dei poteri ecc.,
        ovviamente).dal tuo ragionamento evinco che una biblioteca e' un covo di eversivi fuori legge.Vi si trovano: - manuali di fisica che spiegano per filo e per segno come funziona e (al limite) come produrre una bomba atomica, ovviamente bisogna procurarsi "solo" un po' di plutonio. - libri che riportano acriticamente il pensiero di Stalin, Hitler, Mussolini, Franco, Pol Pot etc etc - manuali di criminologia che spiegano quali tecniche investigative vengono usate per rintracciare assassini, serial killer etc e quindi, come aggirarle.potrei continuare...magari c'e' anche spiegato come si fa una molotov,o viene rivelata la verita' a noi ignota che con un coltello si puo' uccidere...il rischio e' grave...chiudiamo le biblioteche!Ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: Rischiano grosso.
          E' evidente che sei in malafede o sei stupido.Hai dato un'occhiata al sito in questione?Un discorso e' dire cosa e' una "cosa" e come funziona (mettiamo una "cosa" pericolosa o potenzialmente illegale) altra cosa e porsi come punto di riferimento per l'organizzazione di questa "cosa" e propagandarne l'attuazione, affermando che farlo e' cosa buona e giusta.Se non vedi la differenza e' un problema (grosso) tuo.E non cercare di usare il solito ricatto morale dell'oscurantismo, perche' e' una ricetta vecchia.
          • Anonimo scrive:
            Re: Rischiano grosso.

            E' evidente che sei in malafede o sei
            stupido.
            Hai dato un'occhiata al sito in questione?
            Un discorso e' dire cosa e' una "cosa" e
            come funziona (mettiamo una "cosa"
            pericolosa o potenzialmente illegale) altra
            cosa e porsi come punto di riferimento per
            l'organizzazione di questa "cosa" e
            propagandarne l'attuazione, affermando che
            farlo e' cosa buona e giusta.i sindacati promuovono gli scioperi.forza nuova promuove le manifestazioni di gruppi neofascisti (o neonazisti) in italia.I tifosi della roma hanno promosso l'imbrattamento di strade, palazzi e monumenti con scudetti, slogan, scritte (anche offensive).Tutti e tre questi atteggiamenti vanno contro le norme della convivenza.Il primo perche' blocca (o puo' bolccare) una o piu' attivita' lavorative, con danni economici a volte rilevanti.Il secondo perche' non rispetta la costituzione, che vieterebbe la rinascita di partiti fascisti in Italia. Ma le manifestazione le fanno lo stesso con annessa scorta della polizia.Il terzo perche' rovina la mia citta' o il mio palazzo appena ripitturato o un monumento antico di millenni su cui trovero' scritto "Nesta frocio".Eppure, in nome della gioia, tutto questo gli e' permesso.Ora spiegami una cosa, un netstrike provoca danni peggiori di questi?Distrugge qualcosa?Infrange (veramente) qualche legge o ricade nella legislatura del diritto allo sciopero?Provoca danni economici paragonabbili a quello di uno sciopero reale?il magistrato in questo caso ha interpretato una legge.Non l'ha applicata alla lettera.infatti si dice"La disposizione riportava i riferimenti all'articolo 615 quinquies del codice penale, relativo alla diffusione di programmi finalizzati al danneggiamento di servizi informatici"provatelo questo danneggiamento.Io, onestamente, non lo vedo.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Rischiano grosso.
            - Scritto da: MaKs
            i sindacati promuovono gli scioperi.L'hai detto tu prima. Lo sciopero e' garantito dalla costituzione e quindi dalla legge suprema dello Stato.
            forza nuova promuove le manifestazioni di
            gruppi neofascisti (o neonazisti) in italia.Se avvengono in certi termini anche queste manifestazioni sono illegali. E talvolta sono state vietate.
            I tifosi della roma hanno promosso
            l'imbrattamento di strade, palazzi e
            monumenti con scudetti, slogan, scritte
            (anche offensive).Tutto cio' e' chiaramente illegale.
            Tutti e tre questi atteggiamenti vanno
            contro le norme della convivenza.
            Il primo perche' blocca (o puo' bolccare)
            una o piu' attivita' lavorative, con danni
            economici a volte rilevanti.

            Il secondo perche' non rispetta la
            costituzione, che vieterebbe la rinascita di
            partiti fascisti in Italia. Ma le
            manifestazione le fanno lo stesso con
            annessa scorta della polizia.

            Il terzo perche' rovina la mia citta' o il
            mio palazzo appena ripitturato o un
            monumento antico di millenni su cui trovero'
            scritto "Nesta frocio".
            Eppure, in nome della gioia, tutto questo
            gli e' permesso.Figlio mio, te hai una enorme confusione in testa!Non ti offendere se ti consiglio di studiare e studiare tanto prima di affrontare argomenti come questo. Io non sono piu' intelligente di te, ma ho avuto la ventura di studiare per anni diritto, storia e dottrine politiche.Stai confondendo cose diversissime.Lo sciopero e' stato illegale per lunghissimo tempo. La piena regolamentazione si e' avuta solo nel XX secolo (tranne alcune eccezioni).Tutti i regimi totalitari lo hanno vietato.In realta' ha una sua funzione importantissima ed e' per questo che e' garantito dalla Costituzione.In alcuni casi la sua regolamentazione lascia adito a forti perplessita', certo (servizi pubblici).Questo non ha niente a che vedere con dei teppisti che imbrattano i muri per inneggiare ad una squadra di calcio.Il fatto che, con vergognosa ignavia,la magistratura italiana non si sia mai mossa per applicare le leggi penali in casi come questo e' una cosa gravissima.Cosa diversa ancora quella dei gruppi neofascisti.La Costituzione vieta la ricostituzione, sotto qualsiasi forma, del partito fascista. Stop.Il cambiamento di slogan e simboli puo' aver messo in difficolta' alcuni magistrati.Pero' se in un sito si parlasse di "superiorita' della razza ariana" o della giustezza della "soluzione finale" dovrebbe senz'altro essere chiuso. E questo e' avvenuto. Purtoppo ce ne sono ancora parecchi.Ma si tratta di tre esempi di cose spaventosamente diverse.Per quanto riguarda il concetto di "danno". Se io spendo denaro per mettere su un sito che garantisce un servizio, es. di informazione, e tu me lo blocchi volontariamente e arbitrariamente, a mio avviso c'e' un danno, che puo' anche essere solo di immagine dell'ente proprietario del sito.Poi nei singoli casi dipende dal magistrato.Saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: Rischiano grosso.

            Per quanto riguarda il concetto di "danno".
            Se io spendo denaro per mettere su un sito
            che garantisce un servizio, es. di
            informazione, e tu me lo blocchi
            volontariamente e arbitrariamente, a mio
            avviso c'e' un danno, che puo' anche essere
            solo di immagine dell'ente proprietario del
            sito.
            Poi nei singoli casi dipende dal magistrato.

            Salutisalto la parte sull'intelligenza...gia' il fatto che hai studiato diritto per anni dimostra che sono piu' intelligente io! ;) ;)ho volutamente fatto tre esempi diversi tra loro per farti capire che pesso c'e' una tolleranza esagerata verso determinate cose perche' ritenute"male minore".A volte, su cose che hanno pieno diritto di esistere, come gli scioperi, invece c'e' molta avversione.Mi chiedo, un netstrike non e' da considerare male minore?E' solo un atto dimostrativo.Come quelli che si incatenano ai cancelli delle fabrriche.Impediscono agli operai di lavorare, ma tanto quelli se ne fregano perche' lo stipendio glielo pagano lo stesso.Intanto pero' l'incatenato ha portato all'attenzione le sue ragioni, altrimenti inascoltate.Sul danno posso anche essere d'accordo.Mi chiedo, ma se bisogna ancora dimostrare che ci sia stao un danno, perche' far chiudere un sito?In fondo li' non si parla di razza ariana ne di usare lo sterminio come forma di purificazione.La situazione e' simile ai siti chiusi perche' fornivano il link al Deccs.Posso essere contro la decriptazione dei DVD, ma perche' impedire link al programma?Scaricare il programma e' forse sinonimo di criminalita'?Promuovere il netstrike come forma di protesta (che ripeto io ritengo INUTILE) e' forse reato?a me non sembra...pero' quello che ha studiato diritto sei tu... ;)Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Rischiano grosso.
            - Scritto da: MaKs[cut]
            salto la parte sull'intelligenza...
            gia' il fatto che hai studiato diritto per
            anni dimostra che sono piu' intelligente io!
            ;) ;)Non volevo certo millantare cultura giuridica. Volevo solo dire che questo ed altri thread sull'argomento mostrano estrema ignoranza su questioni giuridiche.
            ho volutamente fatto tre esempi diversi tra
            loro per farti capire che pesso c'e' una
            tolleranza esagerata verso determinate cose
            perche' ritenute
            "male minore".Nessuno dice che cio' sia giusto.A mio avviso imbrattare i muri per inneggiare ad una squadra di calcio e' uno cosa grave, molto piu' grave di un "netstrike" perche' dimostra disprezzo per gli altri.
            A volte, su cose che hanno pieno diritto di
            esistere, come gli scioperi, invece c'e'
            molta avversione.

            Mi chiedo, un netstrike non e' da
            considerare male minore?
            E' solo un atto dimostrativo.
            Come quelli che si incatenano ai cancelli
            delle fabrriche.
            Impediscono agli operai di lavorare, ma
            tanto quelli se ne fregano perche' lo
            stipendio glielo pagano lo stesso.
            Intanto pero' l'incatenato ha portato
            all'attenzione le sue ragioni, altrimenti
            inascoltate.Ferma i lavori (come si dice da noi).Io non ho detto che il netstrke e' un atto gravissimo e che i responsabili devono essere messi alla gogna. Chiarivo solo il fatto che e' un atto illegale (per quanto si situi in una zona grigia a livello giuridico, per mancanza di normative esplicite in materia: la norma penale non si estende per analogia).Dico solo che se fai un sito che promuove ed organizza netstrike (per quello che mi riguarda: affari tuoi, ci sono reati ben piu' gravi che non sono puniti adeguatamente) non puoi cominciare a strillare che lo stato repressivo e totalitario te l'ha fatto chiudere.
            Sul danno posso anche essere d'accordo.
            Mi chiedo, ma se bisogna ancora dimostrare
            che ci sia stao un danno, perche' far
            chiudere un sito?
            In fondo li' non si parla di razza ariana ne
            di usare lo sterminio come forma di
            purificazione.
            La situazione e' simile ai siti chiusi
            perche' fornivano il link al Deccs.
            Posso essere contro la decriptazione dei
            DVD, ma perche' impedire link al programma?
            Scaricare il programma e' forse sinonimo di
            criminalita'?
            Promuovere il netstrike come forma di
            protesta (che ripeto io ritengo INUTILE) e'
            forse reato?
            a me non sembra...Opinione rispettabilissima, ma sta al magistrato decidere. Sulla base della normativa esistente, puo' anche decidere che e' un reato. In questo caso ci si puo' ben lamentare e dire che non si e' d'accordo. Non si parli di congiura intimidatrice.
            pero' quello che ha studiato diritto sei
            tu... ;)Capisco la tua ironia e ci sono avvezzo.Del resto ci sono due argomenti sui quali tutti gli italiani si sentono in diritto di pontificare, anche se non sanno nulla: il calcio e la politica.Per carita', si parli pure, ma un po' piu' di cognizione di causa non guasterebbe.Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Rischiano grosso.
      Ma dai, le provocazioni lasciale ai poveri di spirito (o ai ricchi di alcool, fai tu...). Solito polverone, solito nulla di fatto, all'italiana. Il problema è che si tratta di un chiaro segnale politico, per nulla rassicurante, proprio perchè il fatto avviene per un inchiesta collegata ai fatti del G8. Netsrike non è stato un vero problema fino a ieri, perchè le è oggi. Prova a farti questa domanda...Quando hai la risposta...fammela sapere.
  • Anonimo scrive:
    italian crackdown bis?
    Non so a voi, ma a me tutte queste censure e sequestri ricordano molto il maxisequestro-buffonata del maggio '94, il famoso fidobust, l'operazione hardware I (che ha colpito pure me all' epoca, provocandomi non pochi danni).Seppur con modalita' differenti, come al solito, chi e' scomodo, viene messo a tacere con metodi discutibili e soprattutto accusandolo di accuse SEMPRE infondate o discutibili.Probabilmente sotto a tutto questo si nasconde l'inizio di una preoccupante politica repressiva del governo. Vedo un futuro prossimo sempre piu' "nero" in italia, purtroppo questa repubblica delle banane non si smentisce mai.Che netstrike.it risorga piu' forte di prima dalle sue ceneri!!!BeRToZ
    • Anonimo scrive:
      Re: italian crackdown bis?

      Probabilmente sotto a tutto questo si
      nasconde l'inizio di una preoccupante
      politica repressiva del governo. Vedo un
      futuro prossimo sempre piu' "nero" in
      italia, purtroppo questa repubblica delle
      banane non si smentisce mai.
      Che netstrike.it risorga piu' forte di prima
      dalle sue ceneri!!!Analizzando quello che stà succedendo, tra magistratura e stato di polizia, sempre mi vien da pensare che invece questi sequestri siano più che altro pensati per equilibrare un pochino la situazione.Di fronte alle dichiarazioni di prima battuta del governo, quando si dava la piena fiducia alle forze dell'ordine, si è passati ad una fase dove, pian pianino, si è dovuto procedere alla scarcerazione di massa di quasi tutti gli arrestati, lasciando in galera solamente i veri casinari, dimostrando come, effettivamente, si sia agito non per difendere la città, ma attaccando a destra e a manca. Anzi, forse si è preferito attacare i pacifisti, disarmati, piuttosto che rischiare le botte a rincorrere i black blok.Dopo tutto questo, forse, si è deciso di non far pesare al governo queste scarcerazioni, ma il sequestro di netstrike, mi sembra tanto una mossa come per dire: "Governo, tranquillo, stò accertando le responsabilità da ambo le parti".Che sia per garantirsi più tranquillità, o per fare qualche piacerino... concordo nell'assoluta mancanza di motivazione di un sequestro per altro inutile.
    • Anonimo scrive:
      Re: italian crackdown bis?
      - Scritto da: BeRToZ
      Non so a voi, ma a me tutte queste censure e
      sequestri ricordano molto il
      maxisequestro-buffonata del maggio '94, il
      famoso fidobust, l'operazione hardware I
      (che ha colpito pure me all' epoca,
      provocandomi non pochi danni).mi dispiace
      Seppur con modalita' differenti, come al
      solito, chi e' scomodo, viene messo a tacere
      con metodi discutibili e soprattutto
      accusandolo di accuse SEMPRE infondate o
      discutibili.L'Italia sta diventando come l'unione sovietica,il regime non incolpava esplicitamente,lo faceva cadere in alcune trappole della leggelo fanno già con la ricerca quindi non è una trovata di quelche novellino
      Probabilmente sotto a tutto questo si
      nasconde l'inizio di una preoccupante
      politica repressiva del governo. Vedo un
      futuro prossimo sempre piu' "nero" in
      italia, purtroppo questa repubblica delle
      banane non si smentisce mai.Hai detto bene,"repubblica" mooooooooooooolto meglio essere democratici,basta conservatori
      Che netstrike.it risorga piu' forte di prima
      dalle sue ceneri!!!

      BeRToZ
  • Anonimo scrive:
    LA SOLITA ITALIA DI MERDA! (e non censurare il ms)
    come sei dice a Roma: QUANDO CE VO' CE VO'FANCULO AL MADE IN ITALY.AHHHHHHHHHHHH CHE BELLO QUESTO PAESE, SEMPRE PIENODI PROBLEMI E DI GENTE PRONTA A ROMPERTI I COGLIONI AD OGNI INIZIATIVA AUTONOMA CHE NASCEal di la' dei soliti schemi.IN ITALIA E CON GLI ITALIANI HO SEMPRE AVUTO PROBLEMI.IL RISULTATO?HO TRASFERITO TUTTO IN SVEZIA E DANIMARCAE DI SICURO DELL'ITALIA NON POTRO' CHE PARLAREMALE FINO ALLA FINE DEI MIEI GIORNI.BRAVI BRAVI. QUINTA POTENZA MONDIALEMA CHE BELLA FIGURA DI MERDA CHE HAI FATTOOH POVERA ITALIA.
    • Anonimo scrive:
      Re: LA SOLITA ITALIA DI MERDA! (e non censurare il ms)
      - Scritto da: MAX
      come sei dice a Roma: QUANDO CE VO' CE VO'

      FANCULO AL MADE IN ITALY.

      AHHHHHHHHHHHH CHE BELLO QUESTO PAESE, SEMPRE
      PIENO
      DI PROBLEMI E DI GENTE PRONTA A ROMPERTI I
      COGLIONI AD OGNI INIZIATIVA AUTONOMA CHE
      NASCE
      al di la' dei soliti schemi.

      IN ITALIA E CON GLI ITALIANI HO SEMPRE AVUTO
      PROBLEMI.

      IL RISULTATO?

      HO TRASFERITO TUTTO IN SVEZIA E DANIMARCA
      E DI SICURO DELL'ITALIA NON POTRO' CHE
      PARLARE
      MALE FINO ALLA FINE DEI MIEI GIORNI.

      BRAVI BRAVI. QUINTA POTENZA MONDIALE

      MA CHE BELLA FIGURA DI MERDA CHE HAI FATTO
      OH POVERA ITALIA.Ma perche' scrivi usando l'Italiano ?Dopo quello che hai scritto, butta via anche una lingua tanto inutile, e passa a qualcosa di piu' serio.
    • Anonimo scrive:
      Re: LA SOLITA ITALIA DI MERDA! (e non censurare il ms)
      E GOTEBORG????????PIRLA GUARDA PRIMA IN "CASA TUA" E NON VENIRE QUI A ROMPERE I C******I.- Scritto da: MAX
      come sei dice a Roma: QUANDO CE VO' CE VO'

      FANCULO AL MADE IN ITALY.

      AHHHHHHHHHHHH CHE BELLO QUESTO PAESE, SEMPRE
      PIENO
      DI PROBLEMI E DI GENTE PRONTA A ROMPERTI I
      COGLIONI AD OGNI INIZIATIVA AUTONOMA CHE
      NASCE
      al di la' dei soliti schemi.

      IN ITALIA E CON GLI ITALIANI HO SEMPRE AVUTO
      PROBLEMI.

      IL RISULTATO?

      HO TRASFERITO TUTTO IN SVEZIA E DANIMARCA
      E DI SICURO DELL'ITALIA NON POTRO' CHE
      PARLARE
      MALE FINO ALLA FINE DEI MIEI GIORNI.

      BRAVI BRAVI. QUINTA POTENZA MONDIALE

      MA CHE BELLA FIGURA DI MERDA CHE HAI FATTO
      OH POVERA ITALIA.
      • Anonimo scrive:
        Re: LA SOLITA ITALIA DI MERDA! (e non censurare il ms)
        le solite risposte DA ITALIANI DEL CAZZO......evito di commentare le vostre risposte privedi contenuti...SIETE I SOLITI FALLITI... CHE NON COMPRENDONO LA GRAVITA' DELLA SITUAZIONE...
        • Anonimo scrive:
          Re: LA SOLITA ITALIA DI MERDA! (e non censurare il ms)
          AMMAZZATI SFIGATO DI MERDA- Scritto da: MAX
          le solite risposte DA ITALIANI DEL CAZZO...

          ...evito di commentare le vostre risposte
          prive
          di contenuti...

          SIETE I SOLITI FALLITI... CHE NON
          COMPRENDONO LA GRAVITA' DELLA SITUAZIONE...
        • Anonimo scrive:
          Re: LA SOLITA ITALIA DI MERDA! (e non censurare il ms)
          Ha ragione max, con tutti i problemi seri che esistono in italia, si va a rompere le palle( applicando MALE la solita legge mal disegnata) ai 4 stronzi che hanno messo su un sito per esprimere la propria idea!!!
    • Anonimo scrive:
      I TESTI NON DEVONO ESSERE OFFENSIVI

      I testi non devono contenere pubblicità, essere
      offensivi, ledere la dignità altrui o essere
      palesemente off topic.è specificato che non devono essere offensivi...questo str***o ci ha dato a tutti "degli italiani del c..."e non mi sembra giusto che censurate l'altro che scrive "ammazzati sfigato" dopo che questo ne ha scritte di tutti i colori... o dobbiamo iniziare a pensare che PI sia di parte....
  • Anonimo scrive:
    Global e no global
    Ma come si fa a utilizzare internet, simbolo massimo della globalizzazione, per combattere questo fenomeno?? I responsabili del movimento noglobal dovrebbero riconoscere la loro ipocrisia
    • Anonimo scrive:
      Re: Global e no global
      - Scritto da: jury
      Ma come si fa a utilizzare internet, simbolo
      massimo della globalizzazione, per
      combattere questo fenomeno?? Non ho capito... chi ti ha mai detto che internet è il simbolo massimo della globalizzazione?
      I responsabili
      del movimento noglobal dovrebbero
      riconoscere la loro ipocrisia Tu la tua ignoranza.....
    • Anonimo scrive:
      Te lo ripeto anche qui'
      INTERNET NON e' il massimo rappresentante della Globalzzazione, Amico, INTERNET unisce le persone, per GLOBALIZZAZIONE si intende"GLOBALIZZARE il sistema socio/economico/culturale dei paesi piu' ricchi" in massima parte dettato dalle esigenze delle MULTINAZIONALI (diqualsiasi ramo economico-produttivo) a scapito delle culture dei paesi piu'"poveri" e metto poveri tra virgolette perche' in realta' le loro richezze (che cisono eccome) servono ad alimntare il sistema dei paesi piu' ricchi. Questoe' un FATTO. Ovviamente anche NOI siamo abitanti di uno di questi paesied e' nostro dovere cominciare a capire che per portare piu' giustizia nel mondo ed eliminare la miseria occore MODIFICARE i nostri comportamenti, il nostro modo di consumare, di sfruttare la natura, di viveresu questo pianeta. POI sono daccordo che dobbiamo uscire dalle nostre dimensioni NAZIONALI ed assumere una visione del mondo piu' "globale", Planetaria, anzi e' proprio urgente fare questo (sempre nel pieno rispetto anche delle piu' piccole minoranze culturali) ma la GLOBALIZZAZIONEimposta dal G8 e' ben altra cosa.Cerca di IMPARARE e non ripetere le parole a pappagallo senza conoscerne il significato!- Scritto da: jury
      Ma come si fa a utilizzare internet, simbolo
      massimo della globalizzazione, per
      combattere questo fenomeno?? I responsabili
      del movimento noglobal dovrebbero
      riconoscere la loro ipocrisia
      • Anonimo scrive:
        Re: Te lo ripeto anche qui'
        Guarda coccobello che il G8 non sta cercando di imporre niente.La globalizzazione "deleteria" (perche' la globalizzazione di per se' e' solo un processo storico indipendente da qualsiasi governo)e' semmai imposta dalla multinazionali, che sene fregano altamente dell'ecologia, dei paesi poveri e dei - legittimi - interessi delle generazioni future. I governi rappresentati nel G8 sono sottoposti ad una qualche forma di controllo democratico ma le dirigenze delle multinazionali no. E le multinazionali non hanno certo il fardello dei costi organizzativi ed amministrativi dei servizi.Quind la cosa *peggiore* e piu'*idiota* da fare e' caricare a testa bassa i governi ed il G8, come invece mi sembra che il movimento c.d. "no global" stia facendo.Occorre invece rendere consapevole la cittadinanza sui problemi esistenti e presentare proposte *precise* che impongano - questo si' - ai governi di adempiere al proprio mandato (e di divincolarsi agli interessi di lobby).Tutto il resto e' sciacallaggio politico.
        • Anonimo scrive:
          Come farsi omologare dai media

          Da parte dei rappresentanti del movimento
          "no global" non ho *mai* udito la
          presentazione di chiare e precisa istanze da
          rivolgere ai governi, ma solo deliranti
          slogan anti-tutto, dal sapore oscillante
          dall'anti-capitalismo di maniera ad una
          sorta di ridicolo luddismo.mai sentito parlare di world social forum 2001be a Porto Alegre e' stato organizzato un Forumdove si discuteva di alternative al neoliberismo...se non lo sapevi non e' colpa tua..se ne e' parlato poco.. sai personaggi come Danielle Mitterand,Bove o Marcos in teleconferenza, sono ininfluenti..e i media non ne parlano a meno che non ci siano scontri...se ti interessa si svolgera a porto alegre tra il 31/1/2002 e il 5/2/2002 il World Social Forum 2002..se puoi vai se no... segui i media alternativi.. magari il loro sito http://www.forumsocialmundial.org.br/ah tra i non proponenti c'e' anche attac www.attac.orgAqui no se rinde nadie
      • Anonimo scrive:
        Re: Te lo ripeto anche qui'

        Cerca di IMPARARE e non ripetere le parole a
        pappagallo senza
        conoscerne il
        significato!

        - Scritto da: jury

        Ma come si fa a utilizzare internet,
        simbolo

        massimo della globalizzazione, per

        combattere questo fenomeno?? I
        responsabili

        del movimento noglobal dovrebbero

        riconoscere la loro ipocrisia Ma le multinazionali non hanno interessi in internet? Chi è che fornisce i cavi per le connessioni? chi è che spediche in orbita i satelliti? I server di chi sono? Non sono forse multinazionali? Sai quanti centralini co sono nel mondo e quanti sono di una multinazionale americana?Quali sono le società che hanno interessi ad arricchirsi sfruttando i paesi poveri per informatizzarli?Interner è un veicolo come un'altro per le multinazionali.Non mi ricordo in che paese boicottano la Nike perchè rappresenta il capitalismo americano...comprano solo adidas...mha...Ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: Te lo ripeto anche qui'

          Non mi ricordo in che paese boicottano la
          Nike perchè rappresenta il capitalismo
          americano...comprano solo adidas...mha...
          forse in germania per nazionalismo.adidas e' tedescaCiao
        • Anonimo scrive:
          Re: Te lo ripeto anche qui'
          - Scritto da: Uno dei tanti
          Ma le multinazionali non hanno interessi in
          internet? Questo non vuol dire che INTERNET sia "delle multinazionali". evidentemente non ne conosci la storia: Internet e' nato in seno ad Enti governativi Americani, militari prima, universitari poi, donato del popolo in seguito, IN ULTIMO sono venute le multinazionali a fare i loro comodi quando hanno visto che stava riscuotendo successo tra la popolazione ma sono UNO dei soggetti.Chi è che fornisce i cavi per le
          connessioni? chi è che spediche in orbita i
          satelliti? I server di chi sono? Non sono
          forse multinazionali? Sai quanti centralini
          co sono nel mondo e quanti sono di una
          multinazionale americana?

          Quali sono le società che hanno interessi ad
          arricchirsi sfruttando i paesi poveri per
          informatizzarli?

          Interner è un veicolo come un'altro per le
          multinazionali.E allora il cemento delle nostre case? Tutto quello che utilizziamo per vivere e per sopravvivere? Il MONDO intero in cui viviamo non e' forse uno "luogo" (reale)in cui hanno forti interessi le multinazionali? Eppure mica appartiene a loro; la tua e' un'affermazione qualunquista perche' in internet ha interessi PRIMA (anche storicamente) la gente che vuole comunicare liberamente, POI le multinazionali ma mica appartiene a loro; del resto INTERNET e' libera sia nel bene che nel male ma questo mica giustifica il male che c'e'... altrimenti tutto sarebbe giustificabile. E tu sai che cosi' NON E'.
          Non mi ricordo in che paese boicottano la
          Nike perchè rappresenta il capitalismo
          americano...comprano solo adidas...mha...Non si puo' boicottare Internet perche' come il MONDO (virtuale nel caso di internet) non appartiene solo alle multinazionali e non FA' solo i loro interessi ne e' costruito solo da loro (il fatto che siamo qua' a discuterne liberamente ne e' una prova).Boicottare le aziende come Nike e' un modo, non l'unico ne' il migliore.Un'altro modo e' far passare ilpiu' possibile tra la gente l'informazione sui danni che queste aziende arrecano alla dignita' delle persone.
    • Anonimo scrive:
      Re: Global e no global
      - Scritto da: jury
      Ma come si fa a utilizzare internet, simbolo
      massimo della globalizzazione, per
      combattere questo fenomeno?? I responsabili
      del movimento noglobal dovrebbero
      riconoscere la loro ipocrisia Che vaccata che hai detto !Secondo te cosa dovrebbero usare per potersi difendere e/o combattere ?!?!?Magari andare a mani nude contro chi usa le armi ?!?! bah !!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Global e no global
      - Scritto da: jury
      Ma come si fa a utilizzare internet, simbolo
      massimo della globalizzazione, per
      combattere questo fenomeno?? I responsabili
      del movimento noglobal dovrebbero
      riconoscere la loro ipocrisia Oh mamma mia!!!!! Chi ti ha lobotomizzato ha fatto davvero un bel lavoro!!!
  • Anonimo scrive:
    Il diritto a .....
    "NON CI FARETE TACERE MAI" cos'ì c'è scritto.Bhe sto diritto va conquistato, e considerando la merda che affiora dai centri sociali e luoghi di culto di bologna non c'è da mervavigliarsi se vengono fatte queste affermazioni.e' C'è CHI STA ANCORA PAGANDO IL PREZZO DELLE POLITICHE DI QUESTI INDIVIDUI. Io li manderei tutti in una biblioteca che conosco a farsi un po di formazione sugli ideali e su come PORTARLI AVANTI. la pochezza degli ideali di questi di questi individui che forse sbagliano forma di protesta è lampante.SENZA PAURA DICO A CHI HA FATTO NETSRIKE.IT: SIETE DEI BUFFONI, ALMENO PER ORA
    • Anonimo scrive:
      Re: Il diritto a .....

      e' C'è CHI STA ANCORA PAGANDO IL PREZZO
      DELLE POLITICHE DI QUESTI INDIVIDUI.Potresti essere più chiaro?Che significa questa frase?Se hai degli argomenti -condivisibili o meno che siano- è inutile limitarsi a fare allusioni, no?
    • Anonimo scrive:
      Re: Il diritto a .....
      ..."sbagliano forma di protesta"...Non l'ho capito.Come si dovrebbe protestare?
      • Anonimo scrive:
        Re: Il diritto a .....
        Si protesta non certo rompendo l'anima al prossimo...e attaccare un sito è ben piu di una dimostrazione..si chiama abuso!E come se per protestare ti venissi a sfasciare la casa..:"e ma tanto è protesta..."E poi..per protestare contro il noglobal o altre trovate simili da neosognatori pseudocomunisti non si dovrebbe usare il massimo rappresebtante della "globalizzazione imperialistica" cioe INTERNET! Cos'e..va bene finche fa comodo? Un po di coerenza please!
        • Anonimo scrive:
          Re: Il diritto a .....
          Prima di fare paragoni fra il netstrike e lo "sfasciare" ci si dovrebbe informare (magari proprio visitando i mirror di netstrike!)Il netstrike è appunto uno "strike", uno sciopero virtuale. Non implica sfasciare niente, ma semplicemente impedire, per un tempo limitato e in maniera assolutamente non distruttiva, l'utilizzo del sito contro cui si sciopera. Il risultato si ottiene saturando la sua capacità di accogliere visite. Proprio come uno sciopero reale, che riesce solo se gli scioperanti sono molti.Alla fine dello sciopero (virtuale come reale), riprende la normale attività del sito.
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....
            - Scritto da: Stefano
            Il risultato si ottiene
            saturando la sua capacità di accogliere
            visite.Questo non è meno grave del sequestro, si tratta comunque di censura. I siti che vengono in questo modo oscurati, hanno diritto di espressione e quindi di mantenere attivo il proprio servizio tanto quanto netstrike.it.
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....

            Questo non è meno grave del sequestro, si
            tratta comunque di censura. I siti che
            vengono in questo modo oscurati, hanno
            diritto di espressione e quindi di mantenere
            attivo il proprio servizio tanto quanto
            netstrike.it.I siti "vittima" di netstrike vengono comunque "liberati" dopo poche ore. In fin dei conti se devi prendere il treno e i capostazione (o chi per essi) sono in sciopero cosa fai, ti consideri sequestrato in stazione?Il Conte
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....
            - Scritto da: Count Zero
            I siti "vittima" di netstrike vengono
            comunque "liberati" dopo poche ore. In fin
            dei conti se devi prendere il treno e i
            capostazione (o chi per essi) sono in
            sciopero cosa fai, ti consideri sequestrato
            in stazione?Evidentemente il diritto allo sciopero ed il diritto di espressione non sono la stessa cosa, i capostazione (o chi per essi) in sciopero non censurano la libertà di espressione di nessuno, nemmeno per un breve istante.
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....

            sciopero non censurano la libertà di
            espressione di nessuno, nemmeno per un breve
            istante.Giusto, se pero' "netstriko", per esempio, il sito d'una banca? Il Conte
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....
            - Scritto da: Count Zero
            Giusto, se pero' "netstriko", per esempio,
            il sito d'una banca? Sei qualcuno che attacca una comunità (internet), un media (internet), il business (internet) e non è un sciopero.
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....

            Sei qualcuno che attacca una comunità
            (internet), un media (internet), Naaa, non son d'accordo, piuttosto uso un media(internet), mi faccio aiutare da qualcuno che fa parte d'una comunita' (non credo che un netstrike si possa fare da solo)
            il business(internet) il business della banca che in questo caso si serve d'un mezzo (internet)
            non è un sciopero.Okkey non e' uno sciopero, e' come inviare un gozzilliardo di cartoline di protesta.CiaoIl Conte
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....
            - Scritto da: Count Zero
            Naaa, non son d'accordo, piuttosto uso un
            media(internet)È chiaro che abbiamo idee differenti nei principi. Usare internet con dei DOS lo ritengo un abuso ed assolutamente non un utilizzo normale e costruttivo della rete.
            Okkey non e' uno sciopero, e' come inviare
            un gozzilliardo di cartoline di protesta.Non la ritengo la stessa cosa, la cartolina in questo caso ha un valore e non è un abuso. È come paragonare l'invio di email di protesta, con il mail bombing mirato. Secondo me la differenza è abissale.
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....

            È chiaro che abbiamo idee differenti nei
            principi. Usare internet con dei DOS loMi sa di si, credo che un DOS e un netstrike siano ben diversi, benche' alla fin fine il risultato sia lo stesso.

            Non la ritengo la stessa cosa, la cartolina
            in questo caso ha un valore e non è un
            abuso. Quale valore?Dopotutto se ricevo diecimila cartoline di protesta rischio di perdere la lettera importante che si "perde" in mezzo ad esse, o no?Il Conte
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....
            - Scritto da: Count Zero
            credo che un DOS e un netstrike
            siano ben diversi, benche' alla fin fine il
            risultato sia lo stesso.se ha 4 zampe come un gatto, il pelo come un gatto, miagola e fa le fusa come un gatto, che cos'è? Ragionando come te potrebbe anche essere un pipistrello.
            Quale valore?hai messo la ciliegina sulla torta
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....


            Quale valore?

            hai messo la ciliegina sulla tortaNo, sul serio volevo davvero sapere qual e' il valore che dai a una cartolina di protesta. E' vero il netstrike e' decisamente estremo come gesto, ma il senso, a mio avviso, e' lo stesso, gridi che non seid'accordo con qualcuno o qualcosa.PeaceIl Conte
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....
            - Scritto da: Count Zero
            E' vero il netstrike e' decisamente estremo
            come gesto, ma il senso, a mio avviso, e' lo
            stesso, gridi che non seid'accordo con
            qualcuno o qualcosa.Ritengo che il netstrike si comporta allo stesso modo di una crew di flooders. I flood ed i flooders sono la cloaca di internet. Dire "ti tiro giù il sito, perchè dici o fai cose che non mi stanno bene" è un'attività da lamer.Non vi piace questa definizione, netstrike suona decisamente meglio, come attacchi mirati con errore di mira, suona meglio di assassini quando muoiono dei civili in medio oriente, ognuno si da la definizione che vuole, ma il risultato, lo vedi anche tu, è esattamente lo stesso.
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....

            È chiaro che abbiamo idee differenti nei principi. Usare internet con
            dei DOS lo ritengo un abuso ed assolutamente non un utilizzo normale
            e costruttivo della reteil netstrike NON e' un DOS o DDOS, questi li puo' fare UNA persona, il netstrike lo possono fare decine, centinaia, migliaia di persone!mettitelo bene in testa!!netstrike != DOS
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....
            - Scritto da: me
            il netstrike NON e' un DOS o DDOS, questi li
            puo' fare UNA persona, il netstrike lo
            possono fare decine, centinaia, migliaia di
            persone!Questa secondo te è la differenza che giustifica il netstrike?Mi spieghi da quale fonte o cosa in qualche modo ti porti a pensare che un DOS, in special modo un DDOS e nel caso specifico un flood, sia portato avanti da una sola persona e cosa vieti che non siano 10, 100 o 1000?
            mettitelo bene in testa!!Prima di cercare di mettere qualcosa nella testa della gente, cerca di rivedere il tuo immaginario con qualcosa di concreto.Io ti do un link a caso che ne parla (il primo che ho trovato con google)http://grc.com/dos/grcdos.htm
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....
            - Scritto da: Amon
            - Scritto da: Count Zero

            Giusto, se pero' "netstriko", per esempio,

            il sito d'una banca?
            Sei qualcuno che attacca una comunità
            (internet)Il sito di una banca NON e' la comunita' Internet ma... il sito di una banca., un media (internet), Un sito di un media... non tutto il Mediail business
            (internet) Non tutto il Business ma quello di una banca, Il business su internet mica si ferma perche' si blocca (temporaneamente) quello di una banca.
            e non è un sciopero.E' comunque qualcosa di temporaneo, non definitivo e non distruttivo (perche' tutte le strutture HW e SW rimangono assolutamente intatte).
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....
            È tutto vero quello che hai scritto, oscurando una banca attacchi, una parte di internet, una parte dei media ed una parte del business. Ma è proprio quello che volevo dire io, la gravità non sta nelle dimensioni dell'attacco. Vuoi aspettare che i netstrike siano così frequenti e potenti da poter fermare ad esempio il 50% delle attività di internet, prima di poter dire se è giusto o sbagliato colpire in tale modo?Il fatto che non sia distruttivo a livello hw e sw è solo secondario. Se io ti tappo la bocca imbavagliandoti per 2 ore, non distruggo nè te, nè il tuo cervello, ma ti pare questo il modo giusto di agire?
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....
            - Scritto da: Amon
            Vuoi aspettare che i netstrike
            siano così frequenti e potenti da poter
            fermare ad esempio il 50% delle attività di
            internet, prima di poter dire se è giusto o
            sbagliato colpire in tale modo?Non ci sarebbe nessun interesse a farlo. Non e' FERMARE le attivita' su Internet lo scopo,il NET strike non ha piu' senso oltre certe (sempre piccole)dimensioni.
            Il fatto che non sia distruttivo a livello
            hw e sw è solo secondario. Se io ti tappo la
            bocca imbavagliandoti per 2 ore, non
            distruggo nè te, nè il tuo cervello, ma ti
            pare questo il modo giusto di agire?Vedi il tuo principio e' giusto ma la questione sta' anche nelle proporzioni: quelle aziende possono "parlare al mondo" farsi pubblicita' e propagandare i loro sistemi 24 ore su 24 365 giorni l'anno, chi non ha la stessa potenza di "voce" non lo fa' MAI. Il netstrike non vuole fermare quelle attivita' (ne potrebbe comunque farlo) ma solo creare delle circostanze per dare voce a chi NON ne ha, punto. Fra tutte le forme di manifestazione e' tra quelle che hanno meno "effetti collaterali", sarebbe come se io tirassi martellate a destra e a manca e poi mi lamentassi in tribunale perche' qualcuno mi ha tirato un pizzicotto... siamo seri, la proporzione non regge, sono ben altre le ingiustizie nel mondo.Ragioniamo di cose serie come l'esproprio forzato nelle regioni del CHIAPAS... fatto dai governi locali per favorire quelle multinazionali "ingiustamente danneggiate dai Net strike";mi verrebbe da ridere... se non ci fosse da piangere.
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....
            - Scritto da: §o§e
            Ragioniamo di cose serie come l'esproprio
            forzato nelle regioni del CHIAPAS... fatto
            dai governi locali per favorire quelle
            multinazionali "ingiustamente danneggiate
            dai Net strike";
            mi verrebbe da ridere... se non ci fosse da
            piangere. Io ho paragonato le attività dei netstrike con quelle del sequestro del sito stesso di netstrike.Il sequestro di un sito è peggio, quello che dico è che anche il netstrike ha una politica di censura. Non voglio difendere chi è stato colpito dai netstrike, ma alla base c'è una censura (temporanea) di un sito che ha diritto di esistere. Sostengo che non è netstrike che deve scegliere per me cosa e quando posso leggere. Durante il prossimo G8, vorrò leggere i siti del G8, vorrò farlo, in qualsiasi momento, qualsiasi cosa scriveranno. Così per tutti i siti e non mi interessa cosa netstrike ne pensa, voglio leggere io e farmi un'idea mia.Se non capisci questo o sei fascista o sei stalinista.
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....
            - Scritto da: Amon
            Vuoi aspettare che i netstrike
            siano così frequenti e potenti da poter
            fermare ad esempio il 50% delle attività di
            internet, prima di poter dire se è giusto o
            sbagliato colpire in tale modo?Non ci sarebbe nessun interesse a farlo. Non e' FERMARE le attivita' su Internet lo scopo,il NET strike non ha piu' senso oltre certe (sempre piccole)dimensioni.
            Il fatto che non sia distruttivo a livello
            hw e sw è solo secondario. Se io ti tappo la
            bocca imbavagliandoti per 2 ore, non
            distruggo nè te, nè il tuo cervello, ma ti
            pare questo il modo giusto di agire?Vedi il tuo principio e' giusto ma la questione sta' anche nelle proporzioni: quelle aziende possono "parlare al mondo" farsi pubblicita' e propagandare i loro sistemi 24 ore su 24 365 giorni l'anno, chi non ha la stessa potenza di "voce" non lo fa' MAI. Il netstrike non vuole fermare quelle attivita' (ne potrebbe comunque farlo) ma solo creare delle circostanze per dare voce a chi NON ne ha, punto. Fra tutte le forme di manifestazione e' tra quelle che hanno meno "effetti collaterali", sarebbe come se io tirassi martellate a destra e a manca e poi mi lamentassi in tribunale perche' qualcuno mi ha tirato un pizzicotto... siamo seri, la proporzione non regge, sono ben altre le ingiustizie nel mondo.Ragioniamo di cose serie come l'esproprio forzato nelle regioni del CHIAPAS... fatto dai governi locali per favorire quelle multinazionali "ingiustamente danneggiate dai Net strike";mi verrebbe da ridere... se non ci fosse da piangere.
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....

            Evidentemente il diritto allo sciopero ed il
            diritto di espressione non sono la stessa
            cosa, i capostazione (o chi per essi) in
            sciopero non censurano la libertà di
            espressione di nessuno, nemmeno per un breve
            istante.Sì però possono provocare una perdita secca di denaro per gli altri che devono andare a lavorare, chi paga?
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....
            - Scritto da: Ingenuo 2001
            Sì però possono provocare una perdita secca
            di denaro per gli altri che devono andare a
            lavorare, chi paga?Paga il singolo, perchè non puoi pretendere che qualcuno lavori per te e per la tua paga, se questo stesso non è pagato adeguatamente. Sarebbe uno sfruttamento. Questa cmq è solo una mia opinione e non ha nulla a che vedere con l'articolo o con i netstrike.
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....
            E a me chi mi paga per il tempo che perdo a causa degli scioperi dei trasporti?
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....

            Evidentemente il diritto allo sciopero ed il diritto di espressione
            non sono la stessa cosa, i capostazione (o chi per essi) in sciopero
            non censurano la libertà di espressione di nessuno, nemmeno per un
            breve istante.se ritieni:i test nucleari, la prigionia di Mumia e della Baraldini, la repressione in Chapas, la pena di morte, ecc, ecc..(http://www.netstrike.it/archivio/index.html) liberta' di espressione, beh..allora sei proprio messo male.. ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....
            - Scritto da: me
            se ritieni:
            i test nucleari, la prigionia di Mumia e
            della Baraldini, la repressione in Chapas,
            la pena di morte, ecc,
            ecc..(http://www.netstrike.it/archivio/index.)
            liberta' di espressione, beh..allora sei
            proprio messo male.. ;)Per qualche ignoto motivo, cerchi di screditarmi con argomenti fuori luogo. Il netstrike è una forma di protesta che non condivido ed ho spiegato in lungo e in largo il perchè. Sono secondo te messo male, col cervello bruciato come Berlusconi. Motivo? Pensi veramente che abbia qualcosa a che fare con i test nucleari o che sostengo la repressione del Chapas? Cioè se non sostengo il netstrike, sono un militante, un distruttore della natura o altro?È questo quello che pensi?Quello che penso io è che a difesa di problemi reali, come quelli che hai citato, prendete posizione nel peggiore dei modi ed il G8 ne è la prova e la vergogna!Il diritto di manifestare non è il diritto di far tacere gli altri!
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....

            Per qualche ignoto motivo, cerchi di screditarmi con argomenti fuori
            luogo. Il netstrike è una forma di protesta che non condivido ed ho
            spiegato in lungo e in largo il perchè. Sono secondo te messo male,
            col cervello bruciato come Berlusconi. Motivo? sei stato tu a dire che con il netstrike si impeisce la libera espressione e questi sono solo alcuni dei netstrike organizzaticontro i test nucleariper mumia e la baraldinicontro la repressione in chapasnon sono stronzate fatte da lamers repressi che non sanno cosa fare, e' politica, politica digitale
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....
            - Scritto da: me
            sei stato tu a dire che con il netstrike si
            impeisce la libera espressione e questi sono
            solo alcuni dei netstrike organizzatiVa bene, quello che voglio spiegarti è che facendo tacere il web di queste persone con un flood, come dici tu, alla "lamer repressi che non sanno cosa fare", non fai una cosa giusta, perchè se loro sono in torto è la legge che lo deve stabilire e non un gruppo di persone che cliccano. Se queste persone che accusi per i test nucleari, ecc hanno qualcosa dire, via web o altro, hanno il diritto di farlo, chiunque essi siano, qualsiasi cosa essi abbiano fatto, non è giusto tappargli la bocca se non ci sono leggi che lo impongono. Io posso discutere su queste cose, ma se mi insulti, come hai fatto, è perchè proprio non hai argomenti migliori.
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....
            Vorrei aggiungere che "saturare la capacità di accogliere visite" è un attacco DOS o DDOS (Distributed Denial Of Service) e non uno sciopero.Tra scioperare e attaccare un servizio per impedirne il funzionamento c'è una bella differenza. Il primo è un diritto, il secondo una violenza.
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....
            Esempio di vita vissuta:Manifestazione contro licenziamenti in non so che ditta. Gli scioperanti si sono messi sui binari del tram impedendogli di circolare. Personalmente lo vedo bene come l'equivalente di un netstrike nella vita pratica e non credo che qualcuno abbia mosso accuse ai manifestanti.Il Conte
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....
            Io aggiungerei una considerazione:ok, magari è un piccolo danno, però bisognaanche dire che se chi protesta non si fa almenoun po' notare, la protesta rimane piuttostoanonima. Insomma, se ti ritrovi il caneche lecca il piatto in cui stai mangiando,per lo meno tenderai a sgridarlo, nel tentativodi fargli capire che non ha fatto una cosa piacevole. Alla stregua di chi ha parlato contronetstrike, mi sembra che si potrebbe quasi sostenere che il cane avrebbe diritto al risarcimento dei danni morali.
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....
            - Scritto da: Amon
            - Scritto da: Stefano

            Il risultato si ottiene

            saturando la sua capacità di accogliere

            visite.

            Questo non è meno grave del sequestro, si
            tratta comunque di censura. I siti che
            vengono in questo modo oscurati, hanno
            diritto di espressione e quindi di mantenere
            attivo il proprio servizio tanto quanto
            netstrike.it.Partendo da questo punto di vista i tipografi, i giornalai, i librai, i tecnici degli studi televisivi e chissà quanti altri operatori dell'informazione non dovrebbero avere diritto di sciopero.La questione è che contro il potere della società dell'informazione si devono necessariamente immaginare battaglie giocate sul terreno dell'informazione. Un corteo contro Nike o McDonald's o qualche altra multinazionale ha molta meno efficacia di un'azione condotta sul terreno dell'informazione (sia essa un netstrike, una campagna di controinformazione che produca danni di immagine e quindi economici per l'impresa, ecc.)
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....
            - Scritto da: Stefano
            Partendo da questo punto di vista i
            tipografi, i giornalai, i librai, i tecnici
            degli studi televisivi e chissà quanti altri
            operatori dell'informazione non dovrebbero
            avere diritto di sciopero.Un'altro che non capisce la differenza tra persona che non scrive articoli o non fa telegiornali spontaneamente (sciopero) e media non raggiungibile perchè oscurato da terzi.I tipografi, i giornali, i librai, i tecnici, gli studi televisivi e tutti gli altri quando scioperano lo fanno per loro volontà dell'opposizione di terzi!Netstrike equivale ad entrare in massa in una tipografia, in un giornale, in una libreria, in uno studio televisivo e bloccare tutte le attività a tempo predefinito!Hai già visto uno sciopero così?
        • Anonimo scrive:
          Re: Il diritto a .....
          - Scritto da: jury
          Si protesta non certo rompendo l'anima al
          prossimo...e attaccare un sito è ben piu di
          una dimostrazione..si chiama abuso!
          E come se per protestare ti venissi a
          sfasciare la casa..:"e ma tanto è
          protesta..."Sfasciare???? Con un Netstrike non si sfascia assolutamente nulla, dimostri solo di scrivere e sentenziare su cose che non conosci.
          E poi..per protestare contro il noglobal o
          altre trovate simili da neosognatori
          pseudocomunisti non si dovrebbe usare il
          massimo rappresebtante della
          "globalizzazione imperialistica" cioe
          INTERNET! Cos'e..va bene finche fa comodo?
          Un po di coerenza please!INTERNET NON e' il massimo rappresentante della Globalzzazione, Amico, INTERNET unisce le persone, per GLOBALIZZAZIONE si intende "GLOBALIZZARE il sistema socio/economico/culturale dei paesi piu' ricchi" in massima parte dettato dalle esigenze delle MULTINAZIONALI (di qualsiasi ramo economico-produttivo) a scapito delle culture dei paesi piu' "poveri" e metto poveri tra virgolette perche' in realta' le loro richezze (che ci sono eccome) servono ad alimntare il sistema dei paesi piu' ricchi. Questo e' un FATTO. Ovviamente anche NOI siamo abitanti di uno di questi paesi "piu' ricchi" ed e' nostro dovere cominciare a capire che per portare piu' giustizia nel mondo ed eliminare la miseria occore MODIFICARE i nostri comportamenti, il nostro modo di consumare, di sfruttare la natura, di vivere su questo pianeta. POI sono daccordo che dobbiamo uscire dalle nostre dimensioni NAZIONALI ed assumere una visione del mondo piu' "globale", Planetaria, anzi e' proprio urgente fare questo ma la GLOBALIZZAZIONE imposta dal G8 e' ben altra cosa.Cerca di IMPARARE e non ripetere le parole a pappagallo senza conoscerne il significato!
          • Anonimo scrive:
            Re: Il diritto a .....
            - Scritto da: §o§e
            per GLOBALIZZAZIONE si intende "GLOBALIZZARE il
            sistema socio/economico/culturale dei paesi
            piu' ricchi" in massima parte dettato dalle
            esigenze delle MULTINAZIONALIQuesto non è esattamente il significato di globalizzazione, ma più che altro è quello che oggi viene fatto in nome della globalizzazione.La globalizzazione in realtà anima il commercio indipendentemente dalla ricchezza dei paesi che l'applicano ed è inarrestabile.Personalmente non sono contro la globalizzazione, ma contro l'arricchimento dei paesi ricchi tramite lo sfruttamento dei paesi poveri. Questo messaggio, penso che possa essere condiviso, da qualsiasi individuo, indipendentemente dalle sue convinzioni politiche.
        • Anonimo scrive:
          Re: Il diritto a .....

          E poi..per protestare contro il noglobal o
          altre trovate simili da neosognatori
          pseudocomunisti non si dovrebbe usare il
          massimo rappresebtante della
          "globalizzazione imperialistica" cioe
          INTERNET! Cos'e..va bene finche fa comodo?
          Un po di coerenza please!negli anni 60/70 si usava lo stumento oppressivoovvero la catena di montaggio per passare le informazioni ... sai il poco di judo da me fatto e' usare la forza dell'avversario contro di lui ovvero i media e la globalizzazione contro chi controlla i media e l'economiaAqui no se rinde nadie!
    • Anonimo scrive:
      Re: Il diritto a .....
      Condivido appieno...bravo!Erano giuto le parole che stavo cercando
      • Anonimo scrive:
        Re: Il diritto a .....
        - Scritto da: jury
        Condivido appieno...bravo!
        Erano giuto le parole che stavo cercandoMa lo fate per provocazione o siete proprio delle teste di cazzo........
    • Anonimo scrive:
      Re: Il diritto a .....
      Perché nel tuo messaggio ci sono solo insulti generici e allusioni incomprensibili?
  • Anonimo scrive:
    www.netstrike.it chi l'ha visto?
    Il sito della protesta telematica ha buone probabilita' di diventare il giallo dell'estate Un nuovo capitolo si aggiunge all'ottavo filone d'indagine sui fatti di Genova tutto incentrato su non ben precisati fatti telematici.Dopo che ben otto agenti del compartimento di Genova della Polizia Postale dopo vario girovagare si sono presentati nella sede del provider di Isole nella Rete per sequestrare (!?!) la directory corrispondente a www.netstrike.it (tentativo di oscurare tale sito naufragato grazie a una portentosa e immediata solidarieta' internazionale), altrettanto impegno e' stato profuso dalle forze dell'ordine per rintracciare uno sfortunato giovane media-attivista di Milano e perquisirne la casa dei genitori in piemonte e da li' "accompagnato" dalla polizia nella sua abitazione di Milano per effettuare una seconda perquisizione.Gli e' stato sequestrato TUTTO il materiale informatico possibile (cd, dischetti, computer e telefono cellulare) e cartaceo. Tale operazione seguiva di un paio di giorni il sequestro da parte della stessa polizia postale del computer utilizzato dal ragazzo sul posto di lavoro, a sua insaputa.Segnaliamo l'eccesso di zelo delle forze dell'ordine nel condurre queste operazioni e il conseguente clima di repressione che stanno via via instaurando.Invitiamo la magistratura a riflettere sul suo operato e sulla dubbia interpretazione di eventuali atti di protesta assolutamente legittimi, giacche' a protesta terminata non rimangono danni di alcun tipo.Inoltre sollecitiamo tutti a vigilare affinche' questo grottesco e imponente girovagare delle forze dell'ordine pur in periodo estivo per mezza Italia non sottointenda a futuri, ancora piu' preoccupanti tentativi di censurare media indipendenti della Rete che cosi' evidentemente hanno fatto emergere durante il G8 una verita' se non rivoluzionaria certamente scomoda.
    • Anonimo scrive:
      Re: www.netstrike.it chi l'ha visto?
      - Scritto da: idem
      forze dell'ordine per rintracciare uno
      sfortunato giovane media-attivista di Milano
      e perquisirne la casa dei genitori in
      piemonte e da li' "accompagnato" dalla
      polizia nella sua abitazione di Milano per
      effettuare una seconda perquisizione.Diamine, questo non lo sapevo, dove trovo informazioni al riguardo?
      Gli e' stato sequestrato TUTTO il materiale
      informatico possibile (cd, dischetti,
      computer e telefono cellulare) e cartaceo.
      Tale operazione seguiva di un paio di giorni
      il sequestro da parte della stessa polizia
      postale del computer utilizzato dal ragazzo
      sul posto di lavoro, a sua insaputa.
      evidentemente hanno fatto emergere durante
      il G8 una verita' se non rivoluzionaria
      certamente scomoda.Mi chiedo. Ma normalmente prima di arrestare, perquisire le abitazioni e sequestrare materiale di boss mafiosi, politici, capi del governo (ehm) non mandano avvisi di garanzia, con tanto di comunicati stampa e via così? E perchè il media-attivista di milano no? Perchè è scomodo farlo sapere e meno si sa meglio è? E mal che vada, se si sa, sarà conosciuto come un "acher" che faceva chissà che schifezze, fomentava attacchi al governo (al grido di "abbasso i matusa!"), spiegava ai visitatori del suo sito come trasformare una miccetta in un'arma temibile?Mah...Saluti,un MaurizioB che trema già da un po' per questa situazione... Tra un po' ritorna l'inquisizione ("Dagli all'acher!")
  • Anonimo scrive:
    comunicato integrale dopo il sequestro
    Nel 1995 inventammo una nuova forma di protesta in rete: il netstrike.Nonostante il nome (che pero' suonava bene), trattasi della trasposizione in rete di un sit in pacifico. La metafora che meglio lo rappresenta e' quella di un consistente numero di persone che attraversano una strada su un passaggio pedonale, munite di cartelli e striscioni e che se il loro numero e' veramente consistente possono arrivare a bloccare il traffico per un determinato periodo di tempo.Il primo obiettivo del netstrike furono i siti del governo francese che in quel momento stava bombardando con testate nucleari l'atollo di Mururoa.Da allora una serie infinita di netstrike sono stati effettuati, in alcuni casi promossi da noi, in molti altri casi per iniziativa di altri in tutto il mondo.Sono passati 6 anni e nonostante la solerte attenzione delle cosiddette forze dell'ordine, nessun magistrato, per quanto zelante, ha mai pensato di poter incriminare qualcuno per questa pratica di lotta che ha un valore esclusivamente simbolico e dimostrativo.OGGI SULL'ONDA LUNGA DELLE GIORNATE DI GENOVA CON LA LORO CARICA DI REPRESSIONE E MORTE PERPETRATA DELLE COSIDDETTE FORSE DELL'ORDINE IL SITO NETSTRIKE.IT VIENE SEQUESTRATO E RIMOSSO DALLA RETE DALLA QUESTURA DI BOLOGNA SU RICHIESTA DEL COMPARTIMENTO DELLA POLIZIA POSTALE DI GENOVA.Il sequestro nasce infatti da un ramo delle 8 inchieste della magistratura sui fatti di Genova, anche se fino ad ora non e' dato sapere chi sia il magistrato che ha firmato l'ordinanza.INVITIAMO TUTTI A DIFFONDERE QUESTO COMUNICATO E CHIEDIAMO A CHIUNQUE NE ABBIA LA POSSIBILITA' DI MIRRORARE IL SITO SIA IN ITALIA CHE ALL'ESTERO
    • Anonimo scrive:
      Re: comunicato integrale dopo il sequestro
      1) Attenti a tirare fuori mururoa senza sapere il perchè di tale azione. 2)La forma di protesta che usate voi è violenta, e con la violenza non si arriva a nulla.3) Fate informazione, visto che siete i maghi della rete saprete mettere in sito in testa a GOGGLE E FARE DELLA CAZZO DI INFORMAZIONE e farci arrivare utenti che solitamete cercano le key "stupro"4)Educate la gente a fare bordello .... seminate vento e raccogliete tempesta.5)Chi critica i modi di fare altrui come sto facendo io deve poi dimostrare di saper fare meglio di chi viene messo in croce come incapace.La sfida è aperta, lasciamo parlare i fatti.a presto SENZA RANCORE
      • Anonimo scrive:
        Re: comunicato integrale dopo il sequestro

        3) Fate informazione, visto che siete i
        maghi della rete saprete mettere in sito in
        testa a GOGGLE E FARE DELLA CAZZO DI
        INFORMAZIONE e farci arrivare utenti che
        solitamete cercano le key "stupro"Si scrive google.P.S. = ho volantariamente ripreso solo la meno grave delle cazzate che hai scritto.
        • Anonimo scrive:
          Re: comunicato integrale dopo il sequestro
          di sicuro ne ha scritte meno di quelli a cui ha risposto....
        • Anonimo scrive:
          Re: comunicato integrale dopo il sequestro
          - Scritto da: ...

          3) Fate informazione, visto che siete i

          maghi della rete saprete mettere in sito
          in

          testa a GOGGLE E FARE DELLA CAZZO DI

          INFORMAZIONE e farci arrivare utenti che

          solitamete cercano le key "stupro"

          Si scrive google.

          P.S. = ho volantariamente ripreso solo la
          meno grave delle cazzate che hai scritto.Ineccepibile.Del resto l'ignoranza si vede tutta.....
      • Anonimo scrive:
        Re: comunicato integrale dopo il sequestro
        Ragazzi, l'atmosfera lasciata dalle vicende del G8 vi ha dato alla testa. Ci sono in giro persone (vedi sotto) completamente impazzite, che lanciano generiche accuse di essere:1) dei violenti che lanciano molotov e spaccano tutto;2) che non hanno niente da fare quindi perdono tempo a fare atti violenti (vedi punto 1);3) di essere degli anarchici inserruzionalisti;e queste accuse vengono lanciate a chiunque faccia un qualsiasi atto di protesta, seppure inoffensivo e piu' che altro simbolico.Secondo te Romolo, quale sarebbe una forma di protesta non violenta? L'oscurare un sito per un'ora e' violenza? Puoi dire che non e' 'giusto', che e' illegale, ma violento? Lo sciopero cos'e': un atto di protesta sanguinario?Lo ripeto, ci sono persone in giro completamente impazzite, che sputano odio immotivato a chiunque alzi la mano per dire non sono d'accordo su un qualsiasi argomento (e per questo accusato di essere estremista di sinistra): queste persone sono libere di andare in giro, perche' non dovrebbe essere lasciato libero di stare online un sito come Netstrike?Ste- Scritto da: ROMOLO
        1) Attenti a tirare fuori mururoa senza
        sapere il perchè di tale azione.

        2)La forma di protesta che usate voi è
        violenta, e con la violenza non si arriva a
        nulla.

        3) Fate informazione, visto che siete i
        maghi della rete saprete mettere in sito in
        testa a GOGGLE E FARE DELLA CAZZO DI
        INFORMAZIONE e farci arrivare utenti che
        solitamete cercano le key "stupro"

        4)Educate la gente a fare bordello ....
        seminate vento e raccogliete tempesta.

        5)Chi critica i modi di fare altrui come sto
        facendo io deve poi dimostrare di saper fare
        meglio di chi viene messo in croce come
        incapace.
        La sfida è aperta, lasciamo parlare i fatti.

        a presto SENZA RANCORE
      • Anonimo scrive:
        Re: comunicato integrale dopo il sequestro
        - Scritto da: tdi110cv
        Un consiglio ? Lasciate perdere gli
        estintori .
        C'è un vecchio detto che dice infatti : 'chi
        di estintore ferisce di pistola perisce.'Complimenti...che battutona.Di ottimo gusto direi.Ne hai anche qualcuna sulla strage di Bologna per caso?Magari ci si fà due risate.bah...
      • Anonimo scrive:
        Re: comunicato integrale dopo il sequestro



        Scusa ti faccio una domanda . Ma allora
        che

        differenza c'è se un server lo buco per un

        giorno intero impedendoti di accedervi ,

        oppure organizzo un netstrike per la
        stessa

        durata temporale ?

        Ti rispondo io ! NESSUNA !!! Cmq crei un

        disservizio ! Quindi andrei con i piedi di

        piombo a dire che netstrike e' una
        protesta

        a se stante.



        Te la spiego io.
        Se svuoto il serbatoio della tua macchina o
        te la brucio, l'effetto e' sempre quello che
        tu al lavoro andrai a piedi.
        Riesci a notare la sottile differenza fra le
        due cose?Certo pero' qui tiri il ballo anche un problema economico. Io parlavo di bucarti il server solo perla durata del netstrike , poi rimettere tutto a suo posto. Come fai dopo avermi bruciato l'auto a rimettemela a nuovo ?


        Be' gia il fatto che il piu' pirla degli

        antiglobal oggi ha dichiarato che non

        garantiranno la sicurezza al vertice nato

        dovrebbe farti riflettere.

        Caspita ma non era lui che predicava la

        protesta pacifica ? Oggi invece l'esatto

        contrario ?!

        Ba' forse non ha molto le idee chiare.

        amo una cosa.
        Intanto, chi sono questi antiglobal?
        chi ti dice che la gente gli dia retta?
        Chi gli impone di garantire la sicurezza dei
        vertici?
        e' una cosa di cui si deve occupare il
        ministero degli interni.
        E se fra gli antiglobal ci saranno dei
        violenti, nessuno mi obbliga a fare come
        loro.

        Non mi piace chi fa di tutta l'erba un
        fascio, soprattutto perche' non mi piacciono
        i fasci....


        I fatti lo dimostrano. Certo che lo

        dimostrano !!!

        Al precedente G8 ci sono stati 'alcuni

        piccolissimi tafferuglie e alcuni danni' ,

        la gente e' stata malmentata , una citta

        distrutta ecc.

        Alla luce di questi ottimi risultati che

        farete al prossimo vertice nato , visto
        che

        anche i paladini della non violenza oggi

        dichiarano che non assicurano una

        manifestazione pacifica ?

        Vi dico io come andra' a finire !!!

        Finira' come a Genova ma voi cmq andate

        ancora a protestare pacificamente facendo

        finta di non sapere a cosa andate
        incontro e

        tornate dicendo che vi hanno malmenato

        probabilmente cosi' sarete ritenuti ancora

        una volta le vittime della situazione.

        Nessuna vittima, anzi, solo una "per
        fortuna".
        Il problema e' che "i paladini", come li
        chiami tu, non rappresentano che una
        minoranza di quelli che ernao a Genova. La
        maggior parte erano gruppi di associazioni
        uminitarie laiche e cattoliche, che nulla
        hanno a che spartire con i violenti.

        Un consiglio ? Lasciate perdere gli

        estintori .

        C'è un vecchio detto che dice infatti :
        'chi

        di estintore ferisce di pistola perisce.'



        ce n'e' uno che dice "chi di manganello
        ferisce, nel culo gli finisce"
        per un polizziotto e' leggittima difesa, per
        un civile sarebbe stato omicidio...
        fai te...Onestamente io son rimasto a casa mia e nessuno e' passato a prendermi a manganellate.
        ben inteso che non sono contro la polizia,
        anzi!
        per quei due soldi di stipendio fanno anche
        troppo

        Ciaobye
      • Anonimo scrive:
        Re: comunicato integrale dopo il sequestro



        Scusa ti faccio una domanda . Ma allora
        che

        differenza c'è se un server lo buco per un

        giorno intero impedendoti di accedervi ,

        oppure organizzo un netstrike per la
        stessa

        durata temporale ?

        Ti rispondo io ! NESSUNA !!! Cmq crei un

        disservizio ! Quindi andrei con i piedi di

        piombo a dire che netstrike e' una
        protesta

        a se stante.



        Te la spiego io.
        Se svuoto il serbatoio della tua macchina o
        te la brucio, l'effetto e' sempre quello che
        tu al lavoro andrai a piedi.
        Riesci a notare la sottile differenza fra le
        due cose?Certo pero' qui tiri il ballo anche un problema economico. Io parlavo di bucarti il server solo perla durata del netstrike , poi rimettere tutto a suo posto. Come fai dopo avermi bruciato l'auto a rimettemela a nuovo ?


        Be' gia il fatto che il piu' pirla degli

        antiglobal oggi ha dichiarato che non

        garantiranno la sicurezza al vertice nato

        dovrebbe farti riflettere.

        Caspita ma non era lui che predicava la

        protesta pacifica ? Oggi invece l'esatto

        contrario ?!

        Ba' forse non ha molto le idee chiare.

        amo una cosa.
        Intanto, chi sono questi antiglobal?
        chi ti dice che la gente gli dia retta?
        Chi gli impone di garantire la sicurezza dei
        vertici?
        e' una cosa di cui si deve occupare il
        ministero degli interni.
        E se fra gli antiglobal ci saranno dei
        violenti, nessuno mi obbliga a fare come
        loro.

        Non mi piace chi fa di tutta l'erba un
        fascio, soprattutto perche' non mi piacciono
        i fasci....


        I fatti lo dimostrano. Certo che lo

        dimostrano !!!

        Al precedente G8 ci sono stati 'alcuni

        piccolissimi tafferuglie e alcuni danni' ,

        la gente e' stata malmentata , una citta

        distrutta ecc.

        Alla luce di questi ottimi risultati che

        farete al prossimo vertice nato , visto
        che

        anche i paladini della non violenza oggi

        dichiarano che non assicurano una

        manifestazione pacifica ?

        Vi dico io come andra' a finire !!!

        Finira' come a Genova ma voi cmq andate

        ancora a protestare pacificamente facendo

        finta di non sapere a cosa andate
        incontro e

        tornate dicendo che vi hanno malmenato

        probabilmente cosi' sarete ritenuti ancora

        una volta le vittime della situazione.

        Nessuna vittima, anzi, solo una "per
        fortuna".
        Il problema e' che "i paladini", come li
        chiami tu, non rappresentano che una
        minoranza di quelli che ernao a Genova. La
        maggior parte erano gruppi di associazioni
        uminitarie laiche e cattoliche, che nulla
        hanno a che spartire con i violenti.

        Un consiglio ? Lasciate perdere gli

        estintori .

        C'è un vecchio detto che dice infatti :
        'chi

        di estintore ferisce di pistola perisce.'



        ce n'e' uno che dice "chi di manganello
        ferisce, nel culo gli finisce"
        per un polizziotto e' leggittima difesa, per
        un civile sarebbe stato omicidio...
        fai te...Onestamente io son rimasto a casa mia e nessuno e' passato a prendermi a manganellate.
        ben inteso che non sono contro la polizia,
        anzi!
        per quei due soldi di stipendio fanno anche
        troppo

        Ciaobye
        • Anonimo scrive:
          Re: comunicato integrale dopo il sequestro
          non ho capito bene la tua risposta.comunque mi rispiego.Il netstrike e' differente dal bucare un server.Il netstrike non produce danni permanenti.Inoltre, il disservizio e' limitato.Spesso i netstrike si risolvono solo con un rallentamento dei siti o peggio con un nulla di fatto.Ma forse diciamo la stessa cosa e non l'ho capito perche' quoti malissimo ;) ;)baiz
          • Anonimo scrive:
            Re: comunicato integrale dopo il sequestro
            Cazzarola , mi insultano tutti per il mio modo di quotare , ma onestamente mi piace cosi' ... Vabbè cmq alla prossima.ciao- Scritto da: MaKs
            non ho capito bene la tua risposta.
            comunque mi rispiego.
            Il netstrike e' differente dal bucare un
            server.
            Il netstrike non produce danni permanenti.
            Inoltre, il disservizio e' limitato.
            Spesso i netstrike si risolvono solo con un
            rallentamento dei siti o peggio con un nulla
            di fatto.
            Ma forse diciamo la stessa cosa e non l'ho
            capito perche' quoti malissimo ;) ;)

            baiz
Chiudi i commenti