NetUSB, la falla che viene da lontano

I ricercatori individuano una pericolosa falla di sicurezza in un driver di Linux, un problema che sembra venire dagli anni '90 e che mette a rischio i proprietari di un gran numero di router basati sul kernel FOSS

Roma – Il nuovo rischio per la sicurezza informatica domestica si chiama NetUSB , vale a dire un driver integrato nel kernel Linux sviluppato dalla società taiwanese KCodes e pensato per fornire accessibilità ai dispositivi USB tramite una connessione alla rete domestica o tramite WiFi.

Il driver NetUSB è affetto da un bug di buffer overflow , dicono i ricercatori, un problema molto comune qualche decade addietro ma che ora rappresenta una rarità nel panorama delle falle di sicurezza: se il nome che client NetUSB invia al server ha un valore superiore ai 64-bit, il driver presente sul server va in buffer overflow con tutte le conseguenze del caso.

Un malintenzionato potrebbe sfruttare il baco per mandare in crash i router o, peggio ancora, per provare a eseguire codice malevolo da remoto. La porta TCP su cui NetUSB è in ascolto è la 20005, e purtroppo il problema coinvolge un buon numero di brand di ampia diffusione.

I ricercatori hanno analizzato molti firmware di dispositivi consumer , individuando il driver fallato nei router di D-Link, Netgear, TP-Link, Trendnet, ZyXEL e nel complesso in 92 diverse marche e milioni di macchine vulnerabili. A peggiorare la situazione c’è anche l’impossibilità, in buona parte dei casi, di disabilitare la funzionalità di NetUSB a livello di kernel.

Interpellati sul problema, i produttori delle succitate marche di router hanno comunicato pubblicamente la volontà di prendersi le dovute responsabilità ancora in pochi casi: ZyXEL e Netgear sono tra i brand che hanno riconosciuto l’esistenza della falla e hanno dichiarato di essere al lavoro su una patch correttiva. D-Link segnala che i modelli coinvolti sono DIR-615 e DIR-685, ormai poco diffusi in Italia: l’azienda ha ad ogni modo promesso di rilasciare un aggiornamento del firmware entro la prossima settimana.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti