NFT: l'opera digitale di Beeple venduta a 69,3 milioni di dollari

NFT: 69,3 milioni di dollari per l'opera di Beeple

Un collage di immagini è stato venduto all'asta per una cifra che ha sfiorato i 70 milioni: benvenuti nel mondo dei Non-Fungible Token.
Un collage di immagini è stato venduto all'asta per una cifra che ha sfiorato i 70 milioni: benvenuti nel mondo dei Non-Fungible Token.

Quanto sareste disposti a sborsare per un’opera d’arte? E quanto se invece si trattasse di un qualcosa che esiste solamente sotto forma di asset digitale? Qualcuno oggi ha staccato un assegno dall’importo pari a 69,3 milioni di dollari per “EVERYDAYS: THE FIRST 5000 DAYS, 2021” di Beeple, all’anagrafe Mike Winkelmann.

Beeple: “EVERYDAYS: THE FIRST 5000 DAYS, 2021”

Ad ospitare l’asta la londinese Christie’s. Di cosa si tratta? Un NFT, acronimo di cui sentiremo parlare sempre più spesso. Per esteso si legge Non-Fungible Token. A conti fatti è un file, un collage di immagini dalla risoluzione complessiva pari a 21069×21069 pixel.

L’autenticità e l’unicità del pezzo sono certificati mediante l’impiego di una blockchain, tecnologia già alla base di criptovalute come Bitcoin.

Beeple, EVERYDAYS: THE FIRST 5000 DAYS, 2021

Chi segue notizie e aggiornamenti su queste pagine non faticherà a ricordare che solo una decina di giorni fa un’altra opera di Beeple era stata venduta per 6,6 milioni dollari: un video da 10 secondi raffigurante Donald Trump sconfitto.

Ogni contenuto digitale può diventare un NFT, ogni categoria può avere il suo mercato, anche i post sui social network. Il primo pubblicato su Twitter dal CEO e fondatore Jack Dorsey è valutato almeno 2,5 milioni di dollari.

Fonte: Christie's
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti