Niente iPod a scuola

Succede in Australia dove un preside decide di mettere al bando i player di Apple perché porterebbero gli alunni all'isolamento e a comportamenti antisociali


Roma – La notizia l’ha battuta il Sidney Morning Herald e sta suscitando curiosità in tutto il Mondo: è quella di una scuola privata di Sidney che ha deciso di vietare l’iPod all’interno dell’istituto, una mossa giustificata dalla necessità di tutelare gli alunni.

In Australia, come in molti altri paesi, l’iPod è da tempo diventato un oggetto di culto soprattutto nelle fasce più giovani della popolazione, che sono anche grossi consumatori di musica, ma il suo uso a scuola secondo la International Grammar School si sta rivelando deleterio .

Secondo Kerrie Murphy, preside dell’istituto, “gli iPod sono fantastici, sono ottime tecnologie ma i bambini non ne hanno bisogno a scuola”. A suo parere “è importante che i bambini parlino l’uno all’altro a scuola, socializzino e siano parte di una comunità. Ed è questo il motivo per cui vengono a scuola, per essere connessi”.

L’iPod, dunque, sarebbe foriero di una sorta di “iper-individualismo” che sta stretto all’istituto ma, a quanto pare, anche ai genitori. Sarebbero infatti molte le famiglie che si sono congratulate con la scuola per la scelta fatta. Murphy è d’altra parte sicura del fatto suo: “(Gli iPod) consentono agli studenti di evitare la comunicazione con gli altri e questo può portare all’isolamento o alla fuga dalla nostra comunità”. Ne sono meno sicuri gli allievi, alcuni dei quali hanno protestato sostenendo che l’iPod li aiuta a focalizzarsi sulle proprie attività. Ora dovranno però riporli nei propri armadietti e potranno riprenderli solo quando usciranno dall’istituto.

Non è, d’altra parte, la prima volta che viene sollevato un problema di questo tipo. Sempre in Australia, infatti, vi sono scuole private che mettono al bando i telefoni cellulari consentendone l’utilizzo solo agli studenti che abbiano ottenuto allo scopo un permesso scritto.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Allora davvero...
    Internet diventerebbe uno schifo.Già abbiamo ingerenze non dovute da parte di governi e soci; a causa di questi, i contenuti veri stanno scomparendo, manca solo la Cristina Parodi, che sembra il falso della Gioconda.Magari, ritorneremo indietro alle vecchie connessioni punto-punto delle BBS per ricominciare da capo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Allora davvero...

      Magari, ritorneremo indietro alle vecchie
      connessioni punto-punto delle BBS per
      ricominciare da capo.sto rispolverando l'Amiga e Amiexpress 8)
    • Anonimo scrive:
      Re: Allora davvero...
      - Scritto da: Anonimo
      connessioni punto-punto delle BBS per
      ricominciare da capo.Guarda lo pensavo anch'io l'altro giorno quando, proprio su questi forum, si paventava un'invasione di subdoli astroturfers che avveleneranno perfino i newsgroup (sono quello che parlava di fidonet, l'ing. Canali etc :) )...IMHO occorre una "rifondazione telematica" :DSeriamente, da quando è entrata la grande massa il rapporto S/N in internet è sceso un po' troppo... penso sia intrinseco, come è successo per la tv-
      calcio, telenovelas, tette e culi: più gente vuoi raggiungere (e per audience=pubblicità=soldi devi farlo) più ti devi abbassare al livello socio-cultural-cognitivo minino della media delle persone...Si dovrebbe trovare un modo per restituire all'elite 8) quello che le compete, cioè scambiarsi la conoscenza anche ai massimi livelli e far crescere le persone formando il senso critico senza "percorsi guidati", penso capiate cosa intendo: il non dire "si fà così" ma "io faccio così, lui fa colà, te leggi guarda prova impara e poi decidi cosa è meglio PER TE" (in pratica quello che finora AVREBBE DOVUTO fare la scuola e l'università)... e lasciare ai beoti utonti le suonerie, il calcio in streaming e l'ecommerce (utile per carità) più o meno velato.Chi vuole resti pure a pascolare nei recinti costruiti per loro, noi che una volta abbiamo assaporato la libertà troveremo un altro posto dove andare. Sperando di non fare la fine degli indiani (i nativi) : .Nota filosofica: personalmente ritengo che l'uomo debba trascendere, siamo fatti per tendere alla perfezione non per abbrutirci ulteriormente! Speriamo nel futuro...PS: nota di colore, io invece l'Amiga non lo rispolvero perché funziona ancora, anzi funzionano, i miei A1000 e A4000T ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: Allora davvero...
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        connessioni punto-punto delle BBS per

        ricominciare da capo.

        Guarda lo pensavo anch'io l'altro giorno quando,
        proprio su questi forum, si paventava
        un'invasione di subdoli astroturfers che
        avveleneranno perfino i newsgroup (sono quello
        che parlava di fidonet, l'ing. Canali etc :) )...
        IMHO occorre una "rifondazione telematica" :Dfidonet e le bbs sono troppo localizzabili. Ci sono altre tecnologie che tra un po' arriveranno, e tenetevi stretti che faranno un bel botto. ma _tenetele_per_voi_
      • Anonimo scrive:
        Re: Allora davvero...

        PS: nota di colore, io invece l'Amiga non lo
        rispolvero perché funziona ancora, anzi
        funzionano, i miei A1000 e A4000T ;)Io devo togliergli la polvere, ma oltre a quei due ho anche un bel 3000 funzionante
Chiudi i commenti