Nintendo alla conquista dell?Italia

La mamma di Mario mette radici nella patria del suo popolare idraulico costituendo una filiale che si occuperà anche del lancio italiano di GameCube
La mamma di Mario mette radici nella patria del suo popolare idraulico costituendo una filiale che si occuperà anche del lancio italiano di GameCube


Milano – Nintendo parte alla conquista del nostro Paese con l?apertura della sua prima filiale italiana. Il colosso giapponese sostiene che il suo primo obiettivo, nella terra natale del suo celebre idraulico Mario, è quello di diventare protagonista del mercato, rilanciare il suo brand e sviluppare una comunicazione strategica sui suoi prodotti, in particolare la nuova console GameCube. Da qui si evince che la presenza diretta in Italia di Nintendo dovrebbe anche consentire un maggior grado di localizzazione dei prodotti.

?Abbiamo raccolto attorno a Nintendo Italia quelli che sono, nel loro ambito, i migliori professionisti in circolazione – ha spiegato Andrea Persegati – Nintendo vuole diventare anche nel nostro paese il punto di riferimento nel mondo dei videogiochi. In questo senso l?arrivo di GameCube sarà un evento straordinario?.

Il primo obiettivo di Nintendo in Italia, in ordine di tempo, è il rilancio sul nostro mercato di Game Boy Advance (GBA), la console portatile per videogiochi definita dalla mamma di Mario come la “più diffusa nel mondo”: durante le ultime festività natalizie Nintendo sostiene di aver venduto, solo in Europa, oltre 3 milioni di GBA, un trend sospinto anche dai recenti sconti che ne hanno portato il prezzo di vendita a 99 euro.

L?evento centrale del calendario Nintendo 2002 sarà, naturalmente, il lancio di GameCube, la nuovissima console in uscita in Europa il 3 maggio.

La versione europea di GameCube, a cui Punto Informatico ha di recente dedicato uno speciale , sarà proposta a 249 euro e, già nel periodo di lancio, saranno disponibili in tutta Europa un milione di console.

“L?attività su Game Boy Advance e su GameCube – ha spiegato Nintendo Italia – saranno supportate da significativi investimenti pubblicitari e da numerose attività di promozione ed eventi, alcuni dei quali già programmati. Il budget complessivo sarà superiore agli 11 milioni di Euro”.

Nello sbarco in Italia Nintendo sostiene di aver investito molto. Quello italiano, infatti, è diventato il quarto mercato in Europa per i videogame (dietro Inghilterra, Germania e Francia) e il 2002, con l?arrivo delle console di nuova generazione, sarà un anno importantissimo per tutto il settore. Secondo le proiezioni più recenti, il giro d?affari europeo delle console dovrebbe arrivare, nel 2003, a sfiorare i 9 miliardi di dollari.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

21 02 2002
Link copiato negli appunti