Nokia Black, il Windows Phone esclusivo dei Lumia

Nokia annuncia l'avvio della distribuzione di "Black", ultimo aggiornamento per i gadget Lumia di fascia alta basato sulla più recente iterazione di Windows Phone e dotato di caratteristiche esclusive per gli utenti del marchio finlandese

Roma – Il nuovo aggiornamento di firmware/OS per i gadget Lumia si chiama Nokia Black , vale a dire una versione personalizzata di Windows Phone 8 Update 3 con app e funzionalità esclusive del noto marchio (ex-)finlandese.

L’update Black contiene tutte le migliorie già incluse in WP8 Update 3, mentre le caratteristiche esclusive Nokia includono la Cartella App per raggruppare applicazioni e impostazioni simili, il centro notifiche Nokia Glance 2.0, Nokia Beamer per trasferire documenti, presentazioni e altro su un qualsiasi schermo compatibile HTML5 grazie alla semplice lettura di un codice QR e altro ancora.

Com’è oramai costume di Nokia, l’update Black risulta particolarmente interessante nel comparto fotografico con Nokia Refocus per messa a fuoco in differita delle immagini già catturate, Nokia Storyteller per la costruzione di “racconti” grafici a partire dalla data e dal luogo in cui sono state scattate le foto, Nokia Camera che combina le app Pro Camera e Smart Camera ed è già disponibile sul terminale Lumia PureView.

In arrivo per i possessori di terminali WP8, Nokia Black verrà distribuito prima di tutto ai gadget Lumia 925 e 1020 e poi al resto degli smartphone Lumia. Gli utenti possono naturalmente controllare la disponibilità di aggiornamenti usando l’apposita sezione del menù Impostazioni del loro terminale.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • And scrive:
    profitti
    Ma credevate che Google facesse beneficenza ? Se i servizi non vengono pagati é ovvio che i profitti provengano altrove. Vi siete visti il servizio di Report su Facebook "il prodotto siamo noi" ? Usateli con la testa i social e non per mettere i fatti (e dati) vostri in piazza...
  • And scrive:
    profitti
    Ma credevate che Google facesse beneficenza ? Se i servizi non vengono pagati é ovvio che i profitti provengano altrove. Vi siete visti il servizio di Report su Facebook "il prodotto siamo noi" ? Usateli con la testa i social e non per mettere i fatti (e dati) vostri in piazza...
    • ken scrive:
      Re: profitti
      Ah perche' secondo te i social si possono usare con la testa? Ma LOL.I "social", quanto meno quelli attuali, sono stati progettati proprio per farti lasciare la testa in un cassetto.Associare sul web il proprio nome e cognome a dati sensibili di ogni genere e' da totali dementi, e questo e' un banale concetto legato all'architettura della rete internet.Ma quanti di noi hanno la decenza di usare un nickname sui social network, invece del proprio nome? Praticamente nessuno.E allora, prima di preoccuparci dell'ennesima quisquilia come questo cambiamento in g+, sarebbe ora di iniziare a ragionare su cosa sono realmente, e sul perche' sono stati creati, g+, facebook, twitter, linkedin, bla, bla, bla.
  • M. S. scrive:
    bah...
    A parte il fatto che google+ è carino, poco invadente ed a tratti utile (es.: condivisione controllata della posizione), non riesco proprio a capire quale sia il problema...Mi sforzo ma proprio non ci riesco!
    • Sg@bbio scrive:
      Re: bah...
      A moltissima gente non glie ne frega un piffero di google+, non lo vuole usare. Google ne impone uso su servizi che possono funzionare senza quel social network, vedi i commenti su youtube.
  • jjj scrive:
    yotuube
    Piccola svista: yotuube invece di youtube
  • Eric70 scrive:
    Dovrebbe essere un Opt in per default
    Google sa bene che a molti non interessa G+. Prima hanno bloccato i commenti su Android a chi non ha G+ (E io ho smesso di acquistare software, anche perché già wallet mi piaceva poco); poi mi hanno quasi imposto in maniera ossessiva G+ su Youtube anche chiedendomi (ogni volta che accedo) perché non voglio inserire il mio nome vero o perché non voglio unificare i miei account Gmail e Youtube in un solo account. E ho quasi smesso di guardare Youtube. Adesso si spostano su Gmail e mi chiedono questo, sempre per far parte di un social network del quale a me frega na XXXX. Ma, mi chiedo, se a uno interessa solo una piattaforma email senza interazione social, senza dover passare ore a frugare tra menu e sottomenu facendo opt in e opt out (la gente lavora pure), perché Google deve forzare la gente? A prescindere dalla leggitimità della cosa (di per sé discutibile), irrita l'arroganza con cui viene imposto il modello. Al punto che mi è toccato comprarmi un cellulare Windows Phone, eliminare il mio account Gmail principale (quello utilizzato per lavoro) e passare gradualmente a Outlook.
    • M. S. scrive:
      Re: Dovrebbe essere un Opt in per default
      A parte che gli account google, google+ e youtube erano già collegati, quando c'è stata la migrazione" ad account google+ c'era anche l'opzione per creare con un click un profilo diverso da quello di g+ solo per youtube...Poi scusa ma se non usi g+ qual è il problema?
      • Eric70 scrive:
        Re: Dovrebbe essere un Opt in per default
        Il mio account Google e Youtube NON è collegato a G+. Lo prova il fatto che ogni giorno me lo vedo chiedere, anche in modo subdolo. Tant'è che hom mandato centinaia di feedback a Google chiedendo di smettere in tempi in cui tutto questo clamore. Il principio è la richiesta continua di aderire a un social network infilando il modulo G+ dappertutto anche a chi non lo vuole. Il mio caso è quello di un utente Google della prima ora che fortunatamente per ora è riuscito a evitare G+ (ma non posso commentare gli acquisti che faccio su Play, non posso commentare su Youtube, ecc.). La parte irritante non è "scusa non usi G+ che te ne importa"...la parte irritante è "Siccome non uso social di alcun tipo in quanto mi irritano, è inutile che me lo chiedi 20 volte al giorno". Se ti limiti a una volta ti dico no e non mi prendo neppure la briga di lamentarmi nei blog o di aderire alle petizioni di quelli che, come me, ne hanno le scatole piene. I miei dati già li usano per far soldi. Che vogliono, pure le mutande? A me Google serve per lavorare non per cazzeggiare. Lo avevo scelto consapevolmente cedendo un minimo di privacy in cambio di una piattaforma integrata e in continua evoluzione. Adesso la sto abbandonando e sto passando a Windows Phone/Outlook, che almeno mi evita gran parte della pubblicità e, per ora, non mi chiede iscrizioni a servizi inutili. La gente non si XXXXXXX per nulla. Se siamo XXXXXXXti la ragione è che la richiesta è diventata opprimente. Come quella di un vu cumprà ogni cinque minuti mentre cerchi di rilassarti in spiaggia o come un venditore porta a porta. Son dei rompipalle. Questo senza contare le richieste assurde tipo "fornisci il tuo nome vero su Youtube". Cose da folli! Meno male che su quello hanno smesso.- Scritto da: M. S.
        A parte che gli account google, google+ e youtube
        erano già collegati, quando c'è stata la
        migrazione" ad account google+ c'era anche
        l'opzione per creare con un click un profilo
        diverso da quello di g+ solo per
        youtube...
        Poi scusa ma se non usi g+ qual è il problema?
        • Sg@bbio scrive:
          Re: Dovrebbe essere un Opt in per default
          Non è che passare a microsoft sia la scelta migliore, però sinceramente google + lo sto odiando anche a causa di questa insistenza!Si stanno rovinando con questo servizio.
          • Eric70 scrive:
            Re: Dovrebbe essere un Opt in per default
            - Scritto da: Sg@bbio
            Non è che passare a microsoft sia la scelta
            migliore, però sinceramente google + lo sto
            odiando anche a causa di questa
            insistenza!
            Si stanno rovinando con questo servizio.Appena meglio di Google per queste cose. Ma anche li è tutto un conferme, convalide, inserimenti di dati. Poi il market è scarno e il sistema operativo è ancora acerbo. Però sto meglio in termini di richieste ossessive e posso ancora commentare su quello che compro o scarico. Ma al di la di queste cose, il problema è l'insistenza e l'arroganza. Sono stato tra i primi a possedere dispositivi Android, tra i primi a utilizzare Gmail. Da un paio d'anni mi piacciono sempre meno. Mi tocca andare in giro con due cellulari. Ma hai ragione, MS non è molto meglio. La speranza è che qualcuno fuori dagli US si svegli e crei una piattaforma alternativa a Google e MS e quella spazzatura d'oltreoceano.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Dovrebbe essere un Opt in per default
            Microsoft in queste cose è peggio, basti vedere i macelli che sta facendo con i suoi prodotti negli ultimi anni.Per il resto, google non doveva "competere" con i social network, non era necessario.
          • Eric70 scrive:
            Re: Dovrebbe essere un Opt in per default
            Una cosa sono i prodotti (posto che sono felice utente Win 8.1 e Win 8 con leggere modifiche), su cui posso anche essere d'accordo. Ben altra cosa è succhiarti la vita prendendoti i dati personali e vendendoli o diffondendoli a chi cacchio gli pare a loro. Ma come ho detto MS è solo leggermente meglio. Il desiderio sarebbe lasciarli negli USA e creare una piattaforma europea che tuteli la privacy.- Scritto da: Sg@bbio
            Microsoft in queste cose è peggio, basti vedere i
            macelli che sta facendo con i suoi prodotti negli
            ultimi
            anni.
            Per il resto, google non doveva "competere" con i
            social network, non era
            necessario.
  • pentolino scrive:
    Molto discutibile l'opt out
    Ho provveduto subito a fare un parziale opt out: ho ridotto alle sole persone nelle mie cerchie, se la cosa mi darà fastidio la eliminerò.Ma l'opt out, senza un popup al primo acXXXXX che ti permetta di disabilitarlo rapidamente è una brutta mossa da parte di Google.Anche se è vero che la privacy l'abbiamo persa da un pezzo per via non solo di Google
    • Sg@bbio scrive:
      Re: Molto discutibile l'opt out
      - Scritto da: pentolino
      Ho provveduto subito a fare un parziale opt out:
      ho ridotto alle sole persone nelle mie cerchie,
      se la cosa mi darà fastidio la
      eliminerò.

      Ma l'opt out, senza un popup al primo acXXXXX che
      ti permetta di disabilitarlo rapidamente è una
      brutta mossa da parte di
      Google.
      Anche se è vero che la privacy l'abbiamo persa da
      un pezzo per via non solo di
      GoogleSono dei disperati, cercano d'imporre uno strumento che non interessa a nessuno, prima sXXXXXXXndo youtube, ora pure GMAIL. Qui si sta superando il ridicolo da un bel pezzo.
      • pentolino scrive:
        Re: Molto discutibile l'opt out
        A me g+ piace; forse è masochismo, non so :-)
        • Sg@bbio scrive:
          Re: Molto discutibile l'opt out
          Sei di quei pochi che piace, ma moltissimi non ne sono interessati, non è un caso che google sfrutti i suoi servizi più usati per imporne l'uso.
          • UbuPinguino scrive:
            Re: Molto discutibile l'opt out
            Anche a me G+ piace. Ho invece abbandonato Facebook (tengo aperta l'utenza solo per leggere le cose degli amici).G+ è molto più discreto e poi, in verità, semplifica molto le cose se vuoi usare in maniera integrata più funzioni. Inoltre, secondo me, passando da G+ si semplificano di molto (anche in senso comprensione della privacy) le connessioni tra vari servizi. Del resto, se uno non vuole avere i servizi condivisi, basta che faccia utenze differenti, per gli altri è meglio così...Su G+ ho anche messo una mia foto reale del profilo in modo da farmi trovare da chi mi conosce. Ho preferito quello piuttosto che mettere altre informazioni (sono visibili solo nome, cognome e foto) e questa funzione può essermi utile per farmi rintracciare da chi mi conosce senza che io sia obbligato ad esporre altri miei dati personali, quindi per me è positiva.Poi, vista anche l'eta (non sono giovane), ho sempre pensato che social è bello ma metto sul social le stesse cose che sarei disposto ad attaccare su un muro di una pubblica piazza, nulla di più...
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Molto discutibile l'opt out
            Ha me, nei social non me ne frega di meno, google mi permetteva di usare i suoi servizi senza la necessità di farmi G+, ora sta tentando di prendere utenti dai servizi più usati OBBLIGANDO LA GENTE nel farsi un servizio che non hanno richiesto.
          • UbuPinguino scrive:
            Re: Molto discutibile l'opt out
            Bé...se commenti qualcosa stai comunque facendo qualcosa di social. Anche se "vecchio stampo", sempre social è. Farlo rientrare nel social G+ forse non è così sbagliato.L'unico appunto è che per commentare su play devi farlo con l'utenza su cui hai installato l'app e quindi con il tuo nome (con youtube potresti crearti un'utenza "ad hoc", penso), ma è stato (se non ricordo male) fatto per "responsalizzare" degli utenti che davano giudizi "alla membro di segugio" penalizzando ingiustamente delle app (l'anonimato non è sempre un vantaggio per tutti...).L'unico appunto sarebbe quello che Google è insistente nel chiederti di aderire a G+ ma, a questo punto, non so cosa comporti aderire e non usarlo (probabilmente nulla, la sola informazione in più che ti chiedono, se ben ricordo, è la data di nascita...). Penso che, puntigli (per quanto legittimi) a parte, in pratica non cambi nulla.
      • sgabbio quello serio scrive:
        Re: Molto discutibile l'opt out
        - Scritto da: Sg@bbio
        - Scritto da: pentolino

        Ho provveduto subito a fare un parziale opt out:

        ho ridotto alle sole persone nelle mie cerchie,

        se la cosa mi darà fastidio la

        eliminerò.



        Ma l'opt out, senza un popup al primo acXXXXX
        che

        ti permetta di disabilitarlo rapidamente è una

        brutta mossa da parte di

        Google.

        Anche se è vero che la privacy l'abbiamo persa
        da

        un pezzo per via non solo di

        Google

        Sono dei disperati, cercano d'imporre uno
        strumento che non interessa a nessuno, prima
        sXXXXXXXndo youtube, ora pure GMAIL. Qui si sta
        superando il ridicolo da un bel
        pezzo.(rotfl)(rotfl)(rotfl)
Chiudi i commenti