Nokia Siemens Network: via alla ristrutturazione

Uno dei più grandi produttori di dispositivi di rete annuncia un piano che prevede cessione di immobili e migliaia di licenziamenti. La coda della crisi investe anche Novell

Roma – I numeri presentati da Nokia qualche settimana fa sono pesanti e tutti in rosso , e di conseguenza Nokia Siemens Network ha annunciato di voler correre ai ripari con un programma di ristrutturazione esteso che interesserà le proprietà aziendali, la struttura della società e soprattutto i lavoratori operanti in ogni parte del globo, a migliaia dei quali verrà nel prossimo periodo inviata una lettera di licenziamento.

NSN, joint venture paritaria tra la tedesca Siemens e la finlandese Nokia e numero due al mondo per la produzione di dispositivi per reti wireless, conta attualmente una forza lavoro complessiva di 64mila persone nei cinque continenti. I tagli previsti dal piano di ristrutturazione ridurranno queste unità di un 7-9 per cento, percentuale pari a 4500-5700 lavoratori a cui verrà sottoposto quello che la società definisce un “ribilanciamento strategico della forza lavoro”.

L’obiettivo è una riduzione di costi per 500 milioni di euro , per raggiungere i quali NSN mette sul piatto anche la vendita di proprietà immobiliari, risparmi economici variamente assortiti e la ristrutturazione delle unità di business interne che passeranno a tre dalle cinque divisioni attuali.

Nella sua nuova configurazione NSN suddividerà il proprio business nell’unità dedicata ai dispositivi di rete (in cui il wireless la fa già da padrone), in quella comprendente i servizi di consulting e IT (Business Solutions) e nel segmento Global Services a cui spetterà farsi carico dei servizi di outsourcing per l’assistenza tecnica e la gestione parziale o completa dei network di telecomunicazioni. Global Services è attualmente responsabile del 50 per cento dei guadagni di NSN.

La congiuntura è particolarmente grama per le società impegnate in IT e telecomunicazioni e Nokia non è certo la sola a pagare care le conseguenze della crisi economica mondiale. Recentemente anche Ericsson e Alcatel-Lucent hanno annunciato di avere in programma tagli e ristrutturazioni, Nortel è da tempo in bancarotta e anche Novell , proprietaria dei marchi SUSE Linux Enterprise e NetWare, si è trovata costretta a licenziare il 3 per cento della sua forza lavoro per un totale di 130 impiegati.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • lucacicchelli scrive:
    Precisazione
    Buonasera Mauro.Mi complimento per la sintesi dell'evento al quale ho partecipato anche io, invitato da Namex, come rappresentante di TOP-IX, uno degli IXP che hanno creato SEIXP.A tal proposito, citando gli IXP italiani, ritengo che sarebbe stato più opportuno citarli tutti o almeno i più importanti, tra i quali l'IXP che rappresento, molto attivo sul piano nazionale ed internazionale: il contributo fornito in SEIXP lo testimonia sicuramente.Rimango a disposizione per ogni approfondimento.Cordialmente
    • cognome e Nome scrive:
      Re: Precisazione
      ma questi ponti radio economici da 230 megabit effettivi e 60 km di portata possono essere usati costruendo una rete simile a quella da pesca con dei nodi da usare contemporaneamente come piccoli gigapop locali?
  • Luca Cappellett i scrive:
    stendiamoci le fibre ottiche
    certo a parole sembra banale, però se facciamo associazionismo in qualche modo legalmente potremmo, raggiunte le dovute masse critiche, cablarci le nostre fibre ottiche nazionali e quindi avre più potere di mercato, in qualità di semplici cittadini.Non sdarebbe male inserire, in questo mega contesto di privati sciacalli che vogliono darci le pappe già pronte, un nuovo soggetto pluralista come delle specie di cooperative della fibra libera o cose simili...Qui in Italia sicuramente tende ad essere un discorso un pò utopico...però sognare nn fa mai male ;)
    • Andrea Calabritti scrive:
      Re: stendiamoci le fibre ottiche
      ma sei sicuro?
    • Marcello Romani scrive:
      Re: stendiamoci le fibre ottiche
      Sempre in ottica utopica sarebbe IMHO più fattibile una "mesh" di access point sparsi per il territorio.Stendere fibre ottiche non è certo alla portata di una qualsiasi associazione di cittadini...
      • markoer scrive:
        Re: stendiamoci le fibre ottiche
        - Scritto da: Marcello Romani
        Sempre in ottica utopica sarebbe IMHO più
        fattibile una "mesh" di access point sparsi per
        il territorio.No. È illegale per la legge italiana, e le reti mesh sono lente e vanno soltanto alla velocità che il nodo connesso ad Internet ti fornisce...Cordiali saluti
        • Marcello Romani scrive:
          Re: stendiamoci le fibre ottiche
          Sempre rimanendo in ottica utopica, non vedo come possa essere illegale ad esempio un quartiere in cui i vicini di casa configurano gli access point in modalità WDS per creare dei ponti wireless da casa a casa...
          • markoer scrive:
            Re: stendiamoci le fibre ottiche
            - Scritto da: Marcello Romani
            Sempre rimanendo in ottica utopica, non vedo come
            possa essere illegale ad esempio un quartiere in
            cui i vicini di casa configurano gli access point
            in modalità WDS per creare dei ponti wireless da
            casa a casa...Perché primo, le regolamentazioni Italiane ti proibiscono di diffondere qualsiasi segnale radio al di fuori della tua proprietà privata senza apposite licenze. Secondo, esistono delle leggi a proposito della intercettazione legale (lawful interception in Europa...) e questa deve essere possibile. Con le mesh network è complicata e rischi: se qualcuno usa la tua connessione ad Internet e commette dei crimini, in galera rischi di andarci tu.E a parte il fatto che è praticamente irrealizzabile per motivi legali ed estremamente difficile per motivi tecnici, semplicemente fa XXXXXX. E comunque mica aumenti la tua massima velocità di uplink ad Internet: quella è un collo da bottiglia che dipende sempre dalla tua DSL. Quindi non ci hai guadagnato nulla praticamente, se non permettere a qualcuno di scroccare un pezzo di DSL a gratis - in questo, al 99% violando il tuo contratto con l'ISP che ti proibisce di condividere la tua connessione...Spero che sia chiaro: illegale penalmente, civilmente, e tecnicamente stupido.Cordiali saluti
          • Marcello Romani scrive:
            Re: stendiamoci le fibre ottiche
            - Scritto da: markoer
            - Scritto da: Marcello Romani

            Sempre rimanendo in ottica utopica, non vedo
            come

            possa essere illegale ad esempio un quartiere in

            cui i vicini di casa configurano gli access
            point

            in modalità WDS per creare dei ponti wireless da

            casa a casa...

            Perché primo, le regolamentazioni Italiane ti
            proibiscono di diffondere qualsiasi segnale radio
            al di fuori della tua proprietà privata senza
            apposite licenze.Forse la mia è una domanda stupida, ma il segnale wifi del router o access point privato che diffondo (involontariamente) oltre i muri di casa mia e che mi permette, ad esempio, di navigare in interenet dal parcheggio di fronte è dunque punibile a norma di legge ?Altro dubbio: ma le frequenze wifi non fanno parte di una banda liberamente utilizzabile senza il pagamento di licenze ?
            Secondo, esistono delle leggi a
            proposito della intercettazione legale (lawful
            interception in Europa...) e questa deve essere
            possibile. Con le mesh network è complicata e
            rischi: se qualcuno usa la tua connessione ad
            Internet e commette dei crimini, in galera rischi
            di andarci
            tu.

            E a parte il fatto che è praticamente
            irrealizzabile per motivi legali ed estremamente
            difficile per motivi tecnici, semplicemente faRimanendo al confronto di idee utopiche (rileggi l'inizio) direi che gli ostacoli tecnici sono enormemente maggiori nella soluzione "stendiamoci la nostra fibra ottica" proposta dall'op.
            XXXXXX. E comunque mica aumenti la tua massimaNon vedo perché dovrebbe fare così "XXXXXX". Spiegati meglio.
            velocità di uplink ad Internet: quella è un collo
            da bottiglia che dipende sempre dalla tua DSL.Mai sostenuto che con una "mesh" si aumenti la velocità di trasferimento. Si parlava, mi pare, di come rimediare alla mancanza di un collegamento.
            Quindi non ci hai guadagnato nulla praticamente,Dal punto di vista tecnico, ci ho guadagnato che non navgo col modem analogico ma con qualcosa di molto più veloce...
            se non permettere a qualcuno di scroccare un
            pezzo di DSL a gratis - in questo, al 99%
            violando il tuo contratto con l'ISP che ti
            proibisce di condividere la tua
            connessione...Se il vicino di casa ha il router wifi senza protezione e io navigo con la sua connessione, chi va in galera per primo ? :-)

            Spero che sia chiaro: illegale penalmente,
            civilmente, e tecnicamente
            stupido.

            Cordiali salutiE cosa mi dici allora della proposta dell'op di associarsi per stendere le fibre ?
          • markoer scrive:
            Re: stendiamoci le fibre ottiche
            - Scritto da: Marcello Romani[...]
            Forse la mia è una domanda stupida, ma il segnale
            wifi del router o access point privato che
            diffondo (involontariamente) oltre i muri di casa
            mia e che mi permette, ad esempio, di navigare in
            interenet dal parcheggio di fronte è dunque
            punibile a norma di legge
            ?credo che in Italia ci siano cose più gravi di cui preoccuparsi, ma io me ne preoccuperei a livello personale, visto che può mettere TE nei guai.
            Altro dubbio: ma le frequenze wifi non fanno
            parte di una banda liberamente utilizzabile senza
            il pagamento di licenze
            ?No
            Rimanendo al confronto di idee utopiche (rileggi
            l'inizio) direi che gli ostacoli tecnici sono
            enormemente maggiori nella soluzione "stendiamoci
            la nostra fibra ottica" proposta dall'op.È una bella gara a cosa è più irrealizzabile :-)E comunque, se non hai da qualche parte una buona connessione ad Internet, la tua mesh network è solo una "intranet" molto lenta :-)[...]
            Non vedo perché dovrebbe fare così "XXXXXX".
            Spiegati meglio.Perché le mesh network sono intrinsecamente lente.[...]
            Mai sostenuto che con una "mesh" si aumenti la
            velocità di trasferimento. Si parlava, mi pare,
            di come rimediare alla mancanza di un
            collegamento.Che la mesh network non risolve, lo sposta solo su qualcuno dei nodi, che si assorbe l'onere di fornire connettività a chi non ce l'ha. Non molto onesto - io per esempio non parteciperei mai :-)Molto meglio il concetto di Fon, a questo punto!

            Quindi non ci hai guadagnato nulla praticamente,

            Dal punto di vista tecnico, ci ho guadagnato che
            non navgo col modem analogico ma con qualcosa di
            molto più veloce...Ah sì? e chi te lo dà questo collegamento? lo stesso che non ti stenderà la fibra? lol[...]
            Se il vicino di casa ha il router wifi senza
            protezione e io navigo con la sua connessione,
            chi va in galera per primo ?
            :-)In galera ci vai se commetti un reato penale, in genere. Gli inquirenti dovranno stabilire se tu hai scroccato la connessione per visitare siti pedo-XXXXX, poi il tuo vicino si beccherà una multa. Non so in pratica cosa succede tra privati, conosco solo scenari "aziendali"[...]
            E cosa mi dici allora della proposta dell'op di
            associarsi per stendere le fibre
            ?Sempre utopico, anche perché alla fine ti serve un uplink con un ISP. L'ultimo miglio è solo uno dei vari problemi.Cordiali saluti
          • Marcello Romani scrive:
            Re: stendiamoci le fibre ottiche
            Chiaro.Un'ultima cosa: hai citato FON. E infatti uno dei motivi per cui non mi sembrava poi così strampalata l'idea della mesh WiFi era che mi ricordava i FONEROS... ma se non ricordo male lì si parlava di modificare addirittura il firmware del router e di registrarsi formalmente in una rete...Forse è meglio andare a googlare un po'...
          • Marcello Romani scrive:
            Re: stendiamoci le fibre ottiche
            Eccomi servito...Da wikipediahttp://it.wikipedia.org/wiki/FON"FON e la legislazione italianaIn Italia lo sviluppo del progetto FON e del mercato del Wi-Fi è fortemente rallentato da un insieme di leggi (particolarmente restrittive per quel che riguarda l'identificazione dell'utente che accede alla rete) che regolano la materia[4], in particolar modo per gli esercenti obbligati ad effettuare una serie di adempimenti burocratici complessi.Va inoltre considerato che il contratto col provider potrebbe escludere esplicitamente il subaffitto della propria linea ad altre persone fisiche e/o enti."Come al solito, siamo in Italia...
  • Il mio scrive:
    La burocrazia...
    è la nostra rovina, serve solo a far lavorare i passacarte, è cosi com'è fatta adesso è inutile e terrificante.
Chiudi i commenti