Nokia, è vera crisi?

Il primo trimestre del 2009 non sembra promettere bene. Il calo è fisiologico, ma i profitti sono in picchiata. L'azienda finlandese confida nel touch e nella musica. E nei tagli alle spese

Roma – Nessuno si aspettava dati entusiastici, l’onda lunga di un 2008 difficile per tutti i costruttori cui sono seguiti tagli e licenziamenti scoraggiava ogni aspettativa. Normale quindi rivolgere lo sguardo all’azienda leader della telefonia mobile in attesa dei risultati fiscali del primo trimestre di quest’anno. Solo il giorno prima gli analisti prevedevano un calo fisiologico che portasse i guadagni netti a 12.6 miliardi di dollari con un calo delle vendite del 20%. Se queste ultime sono scese di “solo” il 27% su base annua, i profitti netti hanno fatto registrare un tonfo del 90% giù fino a 122 milioni di euro (161 in dollari).

Olli-Pekka Kallasvuo, CEO dell’azienda finlandese, oltre che alla crisi globale e al ridimensionamento degli acquisti post-natalizio, attribuisce una frenata così brusca al tentativo di operatori e distributori di liberare in fretta i magazzini dai modelli di telefoni in loro possesso evitando al contempo di acquistarne grossi stock sovrapponendosi così alla naturale contrazione dei consumi voluttuari. Infatti le cifre contabilizzate da Nokia riguardano i telefoni ceduti alle aziende di telecomunicazione e non coprono la rivendita a opera di queste ultime ai loro clienti.

Non tutto il male vien per nuocere e Kallasvuo si aspetta una nuova ondata di ordini a seguito di tali “pulizie di primavera”. E aggiunge che “In un ambiente eccezionalmente ostile continuiamo a investire in maniera focalizzata in servizi Internet di genere consumer forniti attraverso un ampio spettro di dispositivi mobili. Queste soluzioni, combinate, guideranno la nostra futura crescita. Ad esempio in questo trimestre sono in particolar modo soddisfatto della performance del nostro primo prodotto di massa basato su tecnologia touch, il Nokia 5800 XpressMusic”.

L’azienda finlandese si affida dunque al 5800 come traino per ripartire, sebbene nelle note in calce al resoconto si rilevi come il mercato abbia premiato i telefoni di fascia bassa lasciando spesso sullo scaffale la serie “N” (in parte anche colpa, o merito, della concorrenza dell’iPhone nello stesso segmento). Nokia esclude inoltre grossi stravolgimenti nei numeri del prossimo report, se non per un lieve miglioramento nelle vendite di cellulari, continuando a mirare a un taglio delle sue spese di gestione (chiusura di alcuni stabilimenti e centri di ricerca come preannunciato tempo fa, ndr) portandole sotto la soglia dei sei miliardi di euro entro la fine del 2010.

Le perdite accumulate dalle altre divisioni del colosso nordico quali Navteq e Nokia-Siemens Networks complicano una situazione non facile, eppure le Borse europee sono convinte che per Nokia il peggio sia ormai passato: la premiano con un balzo in avanti del 10% nel suo valore azionario. Tutto dipende da come gestirà questa impegnativa fase di transizione, a cominciare dal nuovo Ovi Store.

Fabrizio Bartoloni

I precedenti interventi di F.B. sono disponibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Fabio Mariani scrive:
    il male è l'uso che se ne fa
    Facebook e i social network in generale, non sono la causa del male; ma il male è l'uso che ne fanno le persone. Uno strumento che potrebbe essere molto comodo per comunicare e condividere tante cose viene invece usato per mantenere rapporti virtuali con le persone. Ma il peggio è che la gente lo usa perchè è una cosa che va di moda! I giovani tendono sempre maggiormente ad avere meno passioni ed interesse per la cultura.Quando ero più giovane io passavo i miei pomeriggi a studiare musica, suonare e leggere. E preferivo vedere i miei amici di persona; non passareintere giornate su facebook a non fare un XXXXX! Ma tutti eravamo così!La vita era questa: si studiava, si andava in palestra, si usciva con gliamici. Ma oggi la tecnologia ha portato ad allontanarci tutti fisicamentee a non fare più cose costruttive.
  • Bastard Inside scrive:
    Sempre più incasinato!
    Pur essendo iscritto da poco, sono già un po' a saturazione, mi sono riloggato dopo qualche giorno che evitavo e non ci capisco più niente, sommerso di notifiche e richieste, al 99% di applicazioni sceme, spesso con abbondanza di doppioni.
  • afergo scrive:
    facebook mi toglie dalle palle i deficie
    io amo facebook; in azienda so esattamente chi lo sta usando e NE SONO FELICE: queste persone quando smette di funzionare internet mi TRITANO I CO****ni come pochi. Sono i peggiori, quelli che non hanno niente da fare ma hanno molto potere o influenza, e sono esperti in ciò che in un mondo serio si limiterebbe alla scuola media, ovvero la popolarità e il "social engineering" (ma non come seria attività di attacco alla sicurezza) ... in breve, se non stai ai loro porci comodi la tua vita lavorativa diventa una XXXXX, perché il loro dialogo non prevede di entrare nel merito delle questioni, non prevede dimostrazione dei fatti, non prevede citazioni puntuali. Prevede frasi alla markettara dette da ignoranti in presenza di altri ignoranti invidiosi, magari a cui non hai permesso di farsi i XXXXX propri al lavoro non per moralismo ma per spreco di risorse (tipo: banda della connessione, in un'azienda...).Ebbene quando costoro, donne, si sparano i loro facebookkini, siamo tutti felici. Non avevano un XXXXX da fare prima, non ce l'hanno nemmeno dopo, ma almeno non impiegano il loro inutile tempo libero ad interrompere me mentre lavoro!I maschi ovviamente si danno al XXXXX o allo sport... basta che non sprechino banda e non mettano in pericolo la sicurezza... se non facevano un XXXXX prima, chi si accorgerà che non lo fanno manco dopo?facebook e altri siti del genere hanno reso tranquilla la mia vita: stanno li, e non rompono le palle in giro.
  • EverythingYouKn scrive:
    Facebook ha un grande futuro!!!
    Facebook ha un grande futuro!!!Se poi qualche studente prende dei voti più bassi non è grave (almeno si diverte un pò).
  • Paolini scrive:
    FB RULES
    ... e chi non c'è.. NON ESISTE.. ed ora via, tornate nelle cantine, salvo poi registrarvi di nascosto.
  • Sviluppator e scrive:
    Ripeto: Facebook ha rotto le balle
    c.d.o.
  • Foobar scrive:
    Facile trovare correlazioni
    Mi ricorda un po' la open letter della church of the flying spaghetti monster (http://www.venganza.org/about/open-letter/) in cui, tra le tante cose, si dimostra una evidente correlazione tra numero di pirati nel mondo e riscaldamento globale :)Sarebbe piu' interessante spiegare PERCHE' c'e' questa correlazione. E magari la notizia susciterebbe meno scalpore quando ci renderemmo conto che chi non ha voglia di fare un c***o ha voti piu' bassi e piu' tempo da sprecare su facebook. Che scoperta, eh?
    • Sim scrive:
      Re: Facile trovare correlazioni
      - Scritto da: Foobar
      Mi ricorda un po' la open letter della church of
      the flying spaghetti monster
      (http://www.venganza.org/about/open-letter/) in
      cui, tra le tante cose, si dimostra una evidente
      correlazione tra numero di pirati nel mondo e
      riscaldamento globale
      :)Io sono un loro seguace, ma mi pare che non siano da prendere sul serio ;)Ho anche la maglietta!
      Sarebbe piu' interessante spiegare PERCHE' c'e'
      questa correlazione. E magari la notizia
      susciterebbe meno scalpore quando ci renderemmo
      conto che chi non ha voglia di fare un c***o ha
      voti piu' bassi e piu' tempo da sprecare su
      facebook. Che scoperta,
      eh?Io uso facebook (non tutto il giorno chiaramente) e non ho voti più bassi!Quindi una misura che contrasta la teoria la falsifica inesorabilmente!
  • TBJ61898 scrive:
    dimostrati i legami tra facebook e il ..
    avete mai notato che Facebook si abbrevia FB, che è come FBI senza I?vogliamo farci un articolo su questo?
  • Anonimo Codardo scrive:
    Non e' la causa.
    Gli studenti non diventano stupidi perche' usano facebook, usano facebook perche' sono stupidi.
    • Gennaione scrive:
      Re: Non e' la causa.
      Quoto infatti se non ottengono grandi risultati nonostante le immense potenzialità del social network più famoso al mondo allora vuol dire che sono proprio arretrati. Ora resta da spiegare perché solo gli arretrati usano Facebook. Comunque è meglio non porre la domanda direttamente a loro. Potrebbero offendersi...
      • Lemon scrive:
        Re: Non e' la causa.
        - Scritto da: Gennaione
        Quoto infatti se non ottengono grandi risultati
        nonostante le immense potenzialità del social
        network più famoso al mondo allora vuol dire che
        sono proprio arretrati. Ora resta da spiegare
        perché solo gli arretrati usano Facebook.
        Comunque è meglio non porre la domanda
        direttamente a loro. Potrebbero
        offendersi...Scambiatevi i numeri di telefono ed uscite insieme voi due, vi intendentePS: uso facebook circa ogni due settimane circa per meno di 20 minuti... sono arretrato? o lo siete voi?
        • Nome e cognome scrive:
          Re: Non e' la causa.
          Stai mentendo. Facebook si usa almeno tre ore al giorno, o non si usa affatto. Vabbè, ne approfitto per offendere linux ancora una volta: linux'emmerd!!!
          • Lemon scrive:
            Re: Non e' la causa.
            - Scritto da: Nome e cognome
            Stai mentendo. Facebook si usa almeno tre ore al
            giorno, o non si usa affatto.
            Io no, ho solo amici (veri) e parenti nella mia lista, non aggiorno quasi mai lo status perchè mi collego veramente poco, non faccio e non invio nessuna delle applicazioni disponibili.In pratica ci scambiamo messaggi e foto, ci aggiorniamo su come va la vita.Molto più semplice di altri modi tecnologici, tieni conto che sono fisicamente lontani altrimenti mi basterebbe andare a trovarli!
          • Manuel88 scrive:
            Re: Non e' la causa.
            - Scritto da: Lemon
            - Scritto da: Nome e cognome

            Stai mentendo. Facebook si usa almeno tre ore al

            giorno, o non si usa affatto.



            Io no, ho solo amici (veri) e parenti nella mia
            lista, non aggiorno quasi mai lo status perchè mi
            collego veramente poco, non faccio e non invio
            nessuna delle applicazioni
            disponibili.
            In pratica ci scambiamo messaggi e foto, ci
            aggiorniamo su come va la
            vita.
            Molto più semplice di altri modi tecnologici,
            tieni conto che sono fisicamente lontani
            altrimenti mi basterebbe andare a
            trovarli!praticamente non usi facebook... quello che fai tu è sfruttare solo una minima parte delle """""potenzialità""""" di FacciaLibro che hanno tutti i social network e quindi non rientri nella categoria delle persone arretrate
    • Sim scrive:
      Re: Non e' la causa.
      - Scritto da: Anonimo Codardo
      Gli studenti non diventano stupidi perche' usano
      facebook, usano facebook perche' sono
      stupidi.Ma non dire XXXXXXXte...
    • Manuel88 scrive:
      Re: Non e' la causa.
      - Scritto da: Anonimo Codardo
      Gli studenti non diventano stupidi perche' usano
      facebook, usano facebook perche' sono
      stupidi.quoto il troll-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 aprile 2009 12.44-----------------------------------------------------------
  • nonvero taglio scrive:
    un altro inutile articolo su facebook
    du pallehttp://shop.ebay.it/merchant/cdsat2006
  • MeX scrive:
    pensiero complottistico...
    non é che vista la "scomoditá" di Facebook, sulla bocca di molti esponenti del governo sia partita una bella serire di comunicati atti a "spaurire" gli italioti?
  • Lemon scrive:
    Ecco le fesserie che fanno notizia
    Non ho voglia di cercarlo ma qualche mese or sono su PI c'è stata la stessa notizia con i videogiochi on-line.Ma possiamo anche cambiare l'oggetto del discorso con tutto quello che vogliamo, il risultato non cambia: chi passa il suo tempo su una cosa (QUALSIASI COSA) piuttosto che studiare o lavorare produrrà meno. Non mi sembra che ci voglia uno scienziato. Ovvio che il tempo perso deve essere rilevante, piccoli break invece possono anche far bene e distrarre.
  • TBJ61898 scrive:
    ultime notizie..
    chi guarda la tv ha voti più bassi degli altri!non è uno scherzo:http://www.ambulatorio.com/site/redazionali/viewpage.xpd?id=1556la vera notizia dell'articolo di PI è questa:alcuni studenti oggetto della ricerca sono più dotati degli altri e, a fronte di un impegno di 5 ore, riescono a rendere solo il 15% meno di chi si impegna per 15 ore, godendosi di più la vita e ciulando qualche tipa tra un libro e l'altro :-) bella zioo ;-)
    • p4bl0 scrive:
      Re: ultime notizie..

      alcuni studenti oggetto della ricerca sono più
      dotati degli altri e, a fronte di un impegno di 5
      ore, riescono a rendere solo il 15% meno di chi
      si impegna per 15 ore, godendosi di più la vita e
      ciulando qualche tipa tra un libro e l'altro :-)come faccio a non quotare? :D
  • Bastard Inside scrive:
    Tutto dipende dall'uso che se ne fa
    Se uno lo usa per quello per cui è nato, contattare gente, scambiare messaggi e altro, e non esagera, non vedo problemi, ma se uno si perde nella miriade di XXXXXXXlle e applicazioni più o meno sceme di cui è infestato, ti credo che i risultati scolastici o lavorativi peggiorano.All'inizio mi sono trovato sommerso, per fortuna mi sono un po' stufato subito.Comunque anche per il social networking non è il massimo, è troppo caotico, sia per le cavolate che lo infestano, sia perché già con poche decine di amici ti trovi sommerso di messaggi e magari, anche con le notifiche, che diventano comunque troppe rapidamente, nel marasma non vedi proprio i messaggi che ti interesserebbero di più.
    • Anonymous scrive:
      Re: Tutto dipende dall'uso che se ne fa
      Eh sì, che vuoi farci, è colpa di Feisbuck se sti quattro pelandroni del kaiser non han voglia di andar a lavorare e stanno tutto il tempo (ex. 7/8 anni per far una laurea da 3) a ciattare.Mavaff... solite cose. Come la storia della colpa di Youtube ed il Bullismo. Ciò.. è colpa di Youtube se c'è il bullismo nelle scuole, non lo sapevate? (e non che è grazie a tale strumento che i 68'ini paternale-ipocrita-moralista-always-ready, si son destati dal loro torpore italiota tutto calcio-vallette-fintabellavita-ubriacature varie).Bah, sta Italia è proprio un paese insulso.
      • Bastard Inside scrive:
        Re: Tutto dipende dall'uso che se ne fa
        Infatti, a volte però è necessario ribadire l'ovvio per sbattere in faccia a chi vorrebbe demonizzare qualcosa (di solito correlata a internet e/o videogames) che non ci siamo cascati e non confondiamo cause con effetti e manifestazioni di fenomeni già esistenti. Youtube non crea i bulli, fa solo uscire allo scoperto quelli di loro che sono anche esibizionisti (e più stupidi della già infima media della categoria). Facebook non crea lazzaroni, è solo un modo come un altro con cui si trastullano, passata la moda di Facebook, perderanno tempo con qualcos'altro.Ma queste semplici verità non fanno comodo ai censori e agli ipocriti.
  • Jean Claude Fan Damm scrive:
    Facebook sta in sboom
    In america la nuova moda è twitter facebook sta iniziando a crepare oramai la gente ha iniziato a capire che queste sono sbornie create ad arte da gruppi e investitori plurimiliardari che creano bolle speculativeche si riflettono su tutti i mercati internet in generale.
    • Bastard Inside scrive:
      Re: Facebook sta in sboom
      - Scritto da: Jean Claude Fan Damm
      In america la nuova moda è twitter
      facebook sta iniziando a crepare oramai la gente
      ha iniziato a capire che queste sono sbornie
      create ad arte da gruppi e investitori
      plurimiliardari che creano bolle
      speculative
      che si riflettono su tutti i mercati internet in
      generale.E Twitter se lo possono proprio infilare dove vogliono, è molto più superficiale di Facebook e molto più per egocentrici. Me ne tengo alla larga come dalla peste...
  • Uby scrive:
    Dove sarebbe la notizia?
    Se vai male negli studi è perchè cazzeggi... mi sembra la storia più vecchia del mondo! :|
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Dove sarebbe la notizia?
      - Scritto da: Uby
      Se vai male negli studi è perchè cazzeggi... mi
      sembra la storia più vecchia del mondo!
      :|tu la sai lunga, a giudicare dal tuo avatar :D
      • Zofone scrive:
        Re: Dove sarebbe la notizia?

        tu la sai lunga, a giudicare dal tuo avatar :Drofl rofl rofl
        • Bastard Inside scrive:
          Re: Dove sarebbe la notizia?
          - Scritto da: Zofone

          tu la sai lunga, a giudicare dal tuo avatar :D

          rofl rofl roflAita! Un roflcottero!!![img]http://www.kaitaia.com/funny/g2/d/14037-1/roflcopter.gif[/img](idea) :D
    • Anonymous scrive:
      Re: Dove sarebbe la notizia?
      - Scritto da: Uby
      Se vai male negli studi è perchè cazzeggi... mi
      sembra la storia più vecchia del mondo!
      :|Ciò, ma ai soliti tontoloni-creduloni di turno, tutto fà brodo pur di imbracciare torce e forconi e proseguire con l'ennesima caccia alle streghe.Se guardi loro, dovresti essere più ignorante di una capra (come il Grande Fratello vorrebbe tra l'altro).
      • Bastard Inside scrive:
        Re: Dove sarebbe la notizia?
        - Scritto da: Anonymous
        - Scritto da: Uby

        Se vai male negli studi è perchè cazzeggi... mi

        sembra la storia più vecchia del mondo!

        :|

        Ciò, ma ai soliti tontoloni-creduloni di turno,
        tutto fà brodo pur di imbracciare torce e forconi
        e proseguire con l'ennesima caccia alle
        streghe.
        Se guardi loro, dovresti essere più ignorante di
        una capra (come il Grande Fratello vorrebbe tra
        l'altro).Ma bisogna anche capirli, senza capre ignoranti, addio all'80% dei concorrenti e al 95% degli spettatori dei reality. NB: Quello che manca al 100% sono furbacchioni che cercano un lancio (o rilancio) facile, fra i concorrenti, semplici guardoni, fra gli spettatori.
Chiudi i commenti