NoLogo/ Internet e spot, simbiosi ineluttabile?

di Mafe de Baggis - La soluzione più rivoluzionaria sarebbe pagare per i servizi online che si usano. Ma la realtà web è invece plasmata dalla pubblicità e dalle scelte che utenti, e utonti, fanno. O preferiscono non fare

Roma – In un’interessante presentazione al Web 2.0 Expo di Berlino sui modelli di business dei media sociali Christian Leybold di BV Capital ha raccontato che MySpace da solo genera più o meno il 6% del traffico negli USA, mentre tutti i social network americani insieme raccolgono più o meno il 4% degli investimenti pubblicitari online. Una delle motivazioni è che chi frequenta ambienti digitali come MySpace, Facebook, Flickr, Flixster o Linkedin è impegnato emotivamente dalle interazioni sociali e reagisce freddamente alle suggestioni d’acquisto, abbassando le prestazioni dei banner pubblicitari. Da molti punti di vista questa è un’ottima notizia: meno pubblicità, meno intrusione, meno interruzioni.

C’è però un piccolo particolare: a differenza delle community spontanee degli anni ’80-’90, come Usenet, IRC e molte mailing list, che giravano quasi sempre su server universitari o amatoriali, la stragrande maggioranza dei contenuti e delle interazioni sociali oggi sono ospitati su piattaforme di proprietà di aziende che devono produrre un profitto per continuare a offrire il servizio che usiamo. Un newsgroup non è (e non sarà mai) un ambiente a scopo di lucro, Blogger.com sì. Un server IRC gira su un vecchio PC inutilizzato, YouTube ha una fame di banda e di server tale da rendere impossibile una sua replica amatoriale. Il p2p forse potrebbe sopravvivere anche senza investimenti, ed è già molto: ma la maggior parte dei servizi 2.0-qualcosa, se non produce utili, potrebbe scomparire (il che per qualcuno potrebbe essere un’ottima notizia;-)

Il problema non riguarda solo i cosiddetti utonti, che hanno bisogno di interfacce intuitive per pubblicare contenuti in rete: anche chi è perfettamente in grado di scrivere codice e installarsi da solo i programmi necessari deve fare i conti con l’eventualità che, in caso di fallimento del web di massa, i costi dell’hosting e della connettività tornino a salire rapidamente, tornando ai livelli del 1996. Sono la prima ad avere qualche nostalgia per il romanticismo del solo testo della Internet pre-commerciale, ma non credo che saremmo davvero felici di tornare a essere quattro gatti senza banda larga, Google, Ajax e problemi come “troppi social network da gestire”.

Niente pubblicità? Niente investimenti da parte delle aziende. Niente più Flickr, Gmail, Twitter, molto meno open source, improvvisa riduzione dell’offerta di servizi gratuiti, piccoli e grandi, utili e inutili. Uno scenario non molto probabile, per fortuna, ma vale la pena di prenderlo in considerazione per riflettere sulle conseguenze delle nostre scelte.

Il rapporto tra media sociali e ricerca del profitto non si limita certo alla presenza/assenza di pubblicità: la rete oggi è già intrinsecamente commerciale e lo diventa sempre di più via via che i protagonisti del mercato fanno shopping di piccole realtà nate dal basso. Quel che sarà di noi e della nostra libertà di scelta e di movimento in un ambiente libero da pubblicità invasive, dipende anche dalla nostra capacità di premiare le aziende in grado di interpretare correttamente le modalità di conversazione in rete (se ce ne saranno). L’alternativa è pagare per i servizi che usiamo, alternativa che già nel 2001 (scusate l’autocitazione ) personalmente trovavo assai interessante.

Mafe de Baggis
Maestrini per Caso

di MdB vedi anche:
NoLogo/ Cosa crediamo di sapere

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    IPOCRITI
    Quando si parla di musica, tutti a dire che deve essere condivisa, e quindi ben venga il P2P.Quando invece si parla di software proprietario tutti a condannare la pirateria e il P2P.Siete degli ipocriti!
  • spannocchia tore scrive:
    PMI italiane
    e dire che le PMI sono una grandissima risorsa, che sputano sangue per rimanere nella legalità e bla bla blale PMI italiane son troppe.visto che per cavoli loro non si vogliono unire, bisogna bastonarle, così che l'unione diventi l'unica valvola di successo.troppe PMI = inefficienza, sia nella produzione, sia nel sociale (ed includo non soltanto il benessere, ma soprattutto le condizioni di lavoro, che molti economisti spesso volentieri dimenticano, facendolo diventare solamente un fattore "morale", di scarso interesse..)
    • Luca del viero scrive:
      Re: PMI italiane
      che ti sei fumato?le PMI sono le uniche che pagano le tasse e reggonosta merda di stato italiano!le grandi imprese hanno ragionieri e avvocati con coglioni straquadrati e non pagano un centesimo!Se non ci fossero le PMI l'Italia potrebbe far festa eandare a far compagnia ai paesi del terzo mondo...Ovvio, in un mondo globalizzato dove i ricchi voglianessere sempre piu ricchi e i poveri si trovano ad esser accattoni anche le PMI arrancano schiacciatida concorrenza sleale e tasse esose.p.s. fumare fa male passa allo sniffo come gli agnelli...
  • mythsmith scrive:
    Denuncino i programmatori
    Se lascio il mio aMule aperto e permetto a chiunque di scaricare i brani che ho in condivisione, fanno una multa strepitosa A ME - non a quelli che scaricano. Della serie: uno entra in casa mia, mi ruba tutta la collezione di musica legalmente acquistata, e dopo IO devo pagare ANCHE una multa perché il ladro non aveva acquistato i diritti per quello che mi ha preso...Secondo lo stesso ragionamento, se i programmatori non proteggono adeguatamente i loro programmi dovrebbero essere denunciati LORO, non l'utente che crakka ed usa.
    • AtariLover scrive:
      Re: Denuncino i programmatori
      - Scritto da: mythsmith
      Se lascio il mio aMule aperto e permetto a
      chiunque di scaricare i brani che ho in
      condivisione, fanno una multa strepitosa A ME -
      non a quelli che scaricano. Della serie: uno
      entra in casa mia, mi ruba tutta la collezione di
      musica legalmente acquistata, e dopo IO devo
      pagare ANCHE una multa perché il ladro non aveva
      acquistato i diritti per quello che mi ha
      preso...

      Secondo lo stesso ragionamento, se i
      programmatori non proteggono adeguatamente i loro
      programmi dovrebbero essere denunciati LORO, non
      l'utente che crakka ed
      usa.A dire il vero l'upload è un reato, quindi oltre alla megamulta ti becchi anche un procedimento penale.Se fai solo download è un illecito civile, multa (salata) e saluti.
      • mythsmith scrive:
        Re: Denuncino i programmatori

        A dire il vero l'upload è un reato, quindi oltre
        alla megamulta ti becchi anche un procedimento
        penale.
        Se fai solo download è un illecito civile, multa
        (salata) e
        saluti.E perché dovrebbe esserci un procedimento penale o una multa? Quelli che scaricano da me, per presunzione di innocenza, sono persone che hanno già acquistato i diritti e vogliono una copia. Non avendo un mezzo tecnico per generarne una (ad esempio perchè il supporto su cui hanno acquistato l'opera è protetto da qualche malefico drm), ricorrono alla rete.Non spetta a me verificare se chi scarica ha il diritto per farlo, anche perché non ne ho i mezzi.
    • Franz87 scrive:
      Re: Denuncino i programmatori
      - Scritto da: mythsmith
      Se lascio il mio aMule aperto e permetto a
      chiunque di scaricare i brani che ho in
      condivisione, fanno una multa strepitosa A ME -
      non a quelli che scaricano.Ovvio, NESSUNO ti obbliga a condividere: in questa situazione (purtroppo e vero) tu ti metti nelle condizioni del marocchino che vende i cd piratati
      Della serie: uno
      entra in casa mia, mi ruba tutta la collezione di
      musica legalmente acquistata, e dopo IO devo
      pagare ANCHE una multa perché il ladro non aveva
      acquistato i diritti per quello che mi ha
      preso...Magari anche il marocchino ha fatto tutte le copie da una che aveva legalmente acquistato
      Secondo lo stesso ragionamento, se i
      programmatori non proteggono adeguatamente i loro
      programmi dovrebbero essere denunciati LORO, non
      l'utente che crakka ed
      usa.Di falle di programmi P2P ce ne sono pochissime e vengono risolte in fretta... Sei tu che condividi non gli altri che scassinano. E poi se osassero toccare il P2P vado in parlamento e mi faccio esplodere stile kamikaze! il P2P è lo strumento più utile e usato di internet... Io scarico poco (cerco di rispettare il diritto d'autore), ma tanta roba introvabile o tutte le distro di linux le prendo via mulo o BitTorrent!
      • mythsmith scrive:
        Re: Denuncino i programmatori
        - Scritto da: Franz87
        - Scritto da: mythsmith

        Se lascio il mio aMule aperto e permetto a

        chiunque di scaricare i brani che ho in

        condivisione, fanno una multa strepitosa A ME -

        non a quelli che scaricano.

        Ovvio, NESSUNO ti obbliga a condividere: in
        questa situazione (purtroppo e vero) tu ti metti
        nelle condizioni del marocchino che vende i cd
        piratati
        NESSUNO mi obbliga a chiudere a chiave la porta di casa...
    • Lulu scrive:
      Re: Denuncino i programmatori
      - Scritto da: mythsmith
      Se lascio il mio aMule aperto e permetto a
      chiunque di scaricare i brani che ho in
      condivisione, fanno una multa strepitosa A ME -
      non a quelli che scaricano. Della serie: uno
      entra in casa mia, mi ruba tutta la collezione di
      musica legalmente acquistata, e dopo IO devo
      pagare ANCHE una multa perché il ladro non aveva
      acquistato i diritti per quello che mi ha
      preso...

      Secondo lo stesso ragionamento, se i
      programmatori non proteggono adeguatamente i loro
      programmi dovrebbero essere denunciati LORO, non
      l'utente che crakka ed
      usa.No dai non ci credo, non puoi essere cosi' decelebrato da aver scritto questa cosa e magari pensarla veramente.....E' una trollata per forza
  • Marco scrive:
    MI SPIEGATE QUESTA? INGIUSTIZIA?VERGOGNA
    COME MAI A FIRENZE NEI CINEMA NON C'è PIU' ALL'INIZIO DI UN QUALSIASI FILM: "AVVISO ALLA PIRATERIA, LA PIRATERIA è UN REATO, CHI ACQUISTA O NOLEGGIA ONLINE MATERIALE PIRATA RISCHIA SANZIONI FINO A 1032 EURO. CHI TRAE PROFITTO DAL COMMERCIO DI MATERIALE AUDIOVISIVO ILLEGALE RISCHIA FINO A 4 ANNI DI RECLUSIONE E FINO A 15.500 EURO DI MULTA..."Io aggiungerei: "mentre a chi ha fatto falsa testimonianza sulla p2, a chi è accusato di corruzione, di tangenti alla guardia di finanza, di finanziamento illecito ai partiti, all iberian 1, consolidato gruppo fininvest, falso in bilancio, all iberian2, caso lentini, Medusa cinematografica, frode fiscale, terreni di Macerio, Telecinco, corruzione in atti giudiziari, sme-ariosto, Lodo Mondadori, concussione, A QUELLO NON GLI FANNO UNA SEGA, COME MAI?QUALE E' IL MESSAGGIO DI BSA? PER CASO si vuole incentivare uno stato di corruzione dove la gente non trova un lavoro, non riesce ad arrivare a fine mese, dove la gente è sempre più nervosa anche perchè non riesce a mettere su famiglia?Uno stato in cui ad esempio l'inquinamento prodotto dalle auto a BENZINA provoca tumori, nonostante la scenza abbia già trovato risorse come il metano che è + ecologico (e di cui pochi comprano macchine a metano perchè si incentivano SOLO i petrolieri).... POI C'è chi ci da del banboccioni? MA VERGOGNATEVI!!!
    • enneci scrive:
      Re: MI SPIEGATE QUESTA? INGIUSTIZIA?VERGOGNA
      - Scritto da: Marco
      COME MAI A FIRENZE NEI CINEMA NON C'è PIU'
      ALL'INIZIO DI UN QUALSIASI FILM:


      "AVVISO ALLA PIRATERIA, LA PIRATERIA è UN REATO,
      CHI ACQUISTA O NOLEGGIA ONLINE MATERIALE PIRATA
      RISCHIA SANZIONI FINO A 1032 EURO. CHI TRAE
      PROFITTO DAL COMMERCIO DI MATERIALE AUDIOVISIVO
      ILLEGALE RISCHIA FINO A 4 ANNI DI RECLUSIONE E
      FINO A 15.500 EURO DI
      MULTA..."

      Io aggiungerei: "mentre a chi ha fatto falsa
      testimonianza sulla p2, a chi è accusato di
      corruzione, di tangenti alla guardia di finanza,
      di finanziamento illecito ai partiti, all iberian
      1, consolidato gruppo fininvest, falso in
      bilancio, all iberian2, caso lentini, Medusa
      cinematografica, frode fiscale, terreni di
      Macerio, Telecinco, corruzione in atti
      giudiziari, sme-ariosto, Lodo Mondadori,
      concussione, A QUELLO NON GLI FANNO UNA SEGA,
      COME
      MAI?

      QUALE E' IL MESSAGGIO DI BSA? PER CASO si vuole
      incentivare uno stato di corruzione dove la gente
      non trova un lavoro, non riesce ad arrivare a
      fine mese, dove la gente è sempre più nervosa
      anche perchè non riesce a mettere su
      famiglia?

      Uno stato in cui ad esempio l'inquinamento
      prodotto dalle auto a BENZINA provoca tumori,
      nonostante la scenza abbia già trovato risorse
      come il metano che è + ecologico (e di cui pochi
      comprano macchine a metano perchè si incentivano
      SOLO i petrolieri)....


      POI C'è chi ci da del banboccioni? MA
      VERGOGNATEVI!!!Ti quoto in todo, però se la M$ decide che il suo windows costa 100, tu sei libero di comprarlo o non comprarlo, visto che cmq ci sono soluzioni open per tutto...
      • Marco scrive:
        Re: MI SPIEGATE QUESTA? INGIUSTIZIA?VERGOGNA
        Trovami allora un soluzione open ad esempio al palmare "i-mate Jasjar", chi devo contattare per non farci girare windows mobile 5 ? MA VERGOGNATEVI!!!!
        • xbomber scrive:
          Re: MI SPIEGATE QUESTA? INGIUSTIZIA?VERGOGNA
          Il software proprietario close si paga e basta.Se in Italia ci sono ladri, non vuol dire che siamo autorizzati anche noi ad esserlo.Se non siamo ladri siamo dalla parte della ragione.Se uno non si può permettere una licenza, rinuncia.Io l'ho fatto più volte, ricorrendo ad alternative Open.Prima di comperare un palmare, mi assicurerei che sia anche compatibile con sistemi Open.
          • Luca del viero scrive:
            Re: MI SPIEGATE QUESTA? INGIUSTIZIA?VERGOGNA
            Do ragione che il software proprietario va pagato....pero' , e c'e' un grosso pero', se io pago ho dirittoal fatto che funzioni?Lo domando perche ho in ditta un pc con win xp abusivo.Lo dovrei pagare? Il pc fu acquistato da me con licenza win me (originale)appositamenteper far girare degli applicativi amministrativi win (originali).Il problema e' che si bloccava ogni mezzo di, driverclauricanti, strane scritte e perdita di dati.Il tutto mi e' costato di tecnico e tempo perso per idati persi almeno direi 2 o3 mila euro.Io in tutta onesta non mi sento di pagargli sta licenza di winxp.Il supporto tecnico fa ridere, win me e' stato una vera truffae il tempo che ho perso non me lo ripaga nessuno.Io dico a questi signori, volete esser pagati?Allora ASSUMETEVI LE VOSTRE RESPONSABILITA !!!e se un soft mi crea un danno DOVETE PAGARE e se un soft NON FUNZIONA dovete metterlo a posto!!!Saluti
          • xbomber scrive:
            Re: MI SPIEGATE QUESTA? INGIUSTIZIA?VERGOGNA
            Si ma usarlo contraffatto, fa passare cmq, dalla parte del torto.Il tanto criticato OpenSource, funziona un po' diversamente, con RedHat è Suse, pagando le versioni Enterprise, non compera una licenza all'uso, ma il supporto tecnico di validi esperti, pronti a risolvere qualsiasi problema.Io sono una persona che si rifiuta di comperare una licenza windows, proprio per questo, ma ho scelto un'altra stada, non quella della contraffazione.Per esempio pago le licenze su AS/400, molto volentieri, ma lì ho tecnici che risolvono di tutto in tempo zero e sono molto, ma molto ben seguito.
          • krane scrive:
            Re: MI SPIEGATE QUESTA? INGIUSTIZIA?VERGOGNA
            - Scritto da: Luca del viero
            Do ragione che il software proprietario va
            pagato....
            pero' , e c'e' un grosso pero', se io pago ho
            diritto
            al fatto che funzioni?
            Lo domando perche ho in ditta un pc con win xp
            abusivo.
            Lo dovrei pagare?
            Il pc fu acquistato da me con licenza win me
            (originale)appositamente
            per far girare degli applicativi amministrativi
            win
            (originali).
            Il problema e' che si bloccava ogni mezzo di,
            driver
            clauricanti, strane scritte e perdita di dati.
            Il tutto mi e' costato di tecnico e tempo perso
            per idati persi

            almeno direi 2 o3 mila euro.
            Io in tutta onesta non mi sento di pagargli sta
            licenza di
            winxp.
            Il supporto tecnico fa ridere, win me e' stato
            una vera
            truffa
            e il tempo che ho perso non me lo ripaga nessuno.
            Io dico a questi signori, volete esser pagati?
            Allora ASSUMETEVI LE VOSTRE RESPONSABILITA !!!
            e se un soft mi crea un danno DOVETE PAGARE e se
            un
            soft NON FUNZIONA dovete metterlo a posto!!!L'hai letta l'eula ? Se non ti piacciono come fornitori ti rivolgi a gente piu' seria: altrimenti e' come dire che siccome Dell ha prezzi troppo alti gli vado a RuBBare nei magazzini !
        • krane scrive:
          Re: MI SPIEGATE QUESTA? INGIUSTIZIA?VERGOGNA
          - Scritto da: Marco
          Trovami allora un soluzione open ad esempio al
          palmare "i-mate Jasjar", chi devo contattare per
          non farci girare windows mobile 5 ?

          MA VERGOGNATEVI!!!!Si deve vergognare chi si e' lasciato lockare in soluzioni che gli vanno strette, pagandole pure care e salate e non essendosi informato abbastanza (rotfl)Per la cronaca tra 6 mesi circa dovrebbero adattare linux anche per il tuo palmare, sono solo un po' indietro.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 07 dicembre 2007 17.58-----------------------------------------------------------
          • Marco scrive:
            Re: MI SPIEGATE QUESTA? INGIUSTIZIA?VERGOGNA
            Per la cronaca, prima di mettere in commercio prodotti microsoft per determinati hardware (o palmari), si dovrebbe garantire anche a concorrenti di poter sviluppare software (o sistemi operativi specifici per quel palmare che ho acquistato) in modo da sviluppare una certa concorrenza... E EVITARE i soliti MONOPOLI di windows...Ad oggi (dopo circa 2 anni da quando è uscito..) non c'è alternativa per il mio smartphones, gira SOLO su windows mobile!Invece viviamo nell'ignoranza e invece di condannare la microsoft, qualcuno condanna solo chi compra tale palmare.Questo è un esempio di come il mercato sia libero per modo di dire... e nessuno interviene perchè siamo in uno stato mafioso...con tantissime contraddizioni anche legislative...SE POI QUALCUNO LA PENSA CONTRARIAMENTE, SCRIVETELO PURE RISPONDENDO A QUESTO MESSAGGIO!!!
          • Franz87 scrive:
            Re: MI SPIEGATE QUESTA? INGIUSTIZIA?VERGOGNA
            siamo in tanti a parlare di monopolio... Ma se un'azienda citata in giudizio per abuso di posizione dominante preferisce pagare una multa giornaliera piuttosto che rilasciare specifiche, la legge ha le mani legate.ALTRO DISCORSO è quello che riguarda il fatto che la legge sia fatta male, e che la classe politica in italia fa schifo (qualcuno ha letto il libro "la casta"? lo consiglio caldamente). Ma non penso che questa sia la sede per parlarne...IMHO piratare software è sbagliato, così come copiare quintali di CD o non comprare neanche un libro universitario ma fotocopiarli tutti.Il mondo ideale (magari anche irrealizzabile) è quello in cui gli mp3 (o anche i libri e i videogiochi) prima li provi e poi li compri, almeno quasi tutti... uno strappo alla regola ci può anche stare, ma non più di uno
        • Lulu scrive:
          Re: MI SPIEGATE QUESTA? INGIUSTIZIA?VERGOGNA
          - Scritto da: Marco
          Trovami allora un soluzione open ad esempio al
          palmare "i-mate Jasjar", chi devo contattare per
          non farci girare windows mobile 5 ?



          MA VERGOGNATEVI!!!!E' vero hai ragione, infatti esiste una legge valida in tutto il mondo, che e' stata fatta dal Parlamento del Mondo Intero, che dice che chiunque prenda 100 programmatori, li paghi tutti i mesi per 1 anno gli faccia fare 1 software spendendo 4,5 milioni di dollari, e poi voglia vendere questo software per rientrarci delle spese a guadagnarci sopra, si comunque costretto a offrire anche un'altrnativa open source gratuita ed equivalente, in caso non esista, altrimenti il suddetto software deve essere distribuito gratis.E anche se gia' esiste un'alternativa, se non e' bella uguale o ugualmente famosa, sei comunque costretto a distribuire il tuo software gratis.E' vero esiste, quindi hai ragione a craccare tutti i software che usi, e' che la gente non conosce le leggi e non le fa rispettare....VERGOGNATEVI!!!!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: MI SPIEGATE QUESTA? INGIUSTIZIA?VERGOGNA
            Guardati il film "the corporation" e poi fammi un pò sapere chi sono i veri pirati... specie in materia di ricerca scientifica...
          • Anonimo scrive:
            Re: MI SPIEGATE QUESTA? INGIUSTIZIA?VERGOGNA
            Per curiosità, qualcuno mi sà dire quanto guadagna un programmatore americano microsoft?
          • Anonimo scrive:
            Re: MI SPIEGATE QUESTA? INGIUSTIZIA?VERGOGNA
            Per microsoft (azienda quotata in borsa americana) ha più importanza gli azionisti (che comprano le proprie azioni e che vorrebbero rendimenti altissimi) oppure chi acquista e utilizza il software microsoft? (Che vorrebbe un software privo di bug, virus, dialer, spiware, supporto tecnico, etc..)Una persona acquista un palmare (hardware), e vorrebbe che non vi fosse installato software microsoft... ma siccome un azienda è molto brava a monopolizzare il mercato... su quel palmare purtroppo non ci girerà mai soluzioni open poichè un azienda monopolista non rilascia quelle conoscenze tecniche per farci girare altri sistemi operativi..
    • Bo..... scrive:
      Re: MI SPIEGATE QUESTA? INGIUSTIZIA?VERGOGNA
      - Scritto da: Marco
      COME MAI A FIRENZE NEI CINEMA NON C'è PIU'
      ALL'INIZIO DI UN QUALSIASI FILM:


      "AVVISO ALLA PIRATERIA, LA PIRATERIA è UN REATO,
      CHI ACQUISTA O NOLEGGIA ONLINE MATERIALE PIRATA
      RISCHIA SANZIONI FINO A 1032 EURO. CHI TRAE
      PROFITTO DAL COMMERCIO DI MATERIALE AUDIOVISIVO
      ILLEGALE RISCHIA FINO A 4 ANNI DI RECLUSIONE E
      FINO A 15.500 EURO DI
      MULTA..."

      Io aggiungerei: "mentre a chi ha fatto falsa
      testimonianza sulla p2, a chi è accusato di
      corruzione, di tangenti alla guardia di finanza,
      di finanziamento illecito ai partiti, all iberian
      1, consolidato gruppo fininvest, falso in
      bilancio, all iberian2, caso lentini, Medusa
      cinematografica, frode fiscale, terreni di
      Macerio, Telecinco, corruzione in atti
      giudiziari, sme-ariosto, Lodo Mondadori,
      concussione, A QUELLO NON GLI FANNO UNA SEGA,
      COME
      MAI?
      Ma dai ! Lui (l'unto, .... che schifo !)é stato assolto da tutto :- per prescrizione- perché il fatto non é piú reato- eccSono le solite toghe rosse ..... eheheh
      • Marco scrive:
        Re: MI SPIEGATE QUESTA? INGIUSTIZIA?VERGOGNA
        Sono i soliti imbe@illi che gli danno il voto!
        • Bo..... scrive:
          Re: MI SPIEGATE QUESTA? INGIUSTIZIA?VERGOGNA
          - Scritto da: Marco
          Sono i soliti imbe@illi che gli danno il voto!Spiace dirlo ma il votante medio di FI é:- pensionato- senza titoli di studio- Mediaset dipendente, non lo dico io , ma lo diceva un sondaggio tempo "addietro".
          • xbomber scrive:
            Re: MI SPIEGATE QUESTA? INGIUSTIZIA?VERGOGNA
            Tanto sono lì tutti per scaldare un seggiolino e curare i propri interessi... Ormai sono deluso da entrambe le parti.Anche su interne sembra di sentire le discussioni da bar, in cui tutti si inca..ano con tutto e tutti.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 07 dicembre 2007 19.56-----------------------------------------------------------
    • Stargazer scrive:
      Re: MI SPIEGATE QUESTA? INGIUSTIZIA?VERGOGNA
      - Scritto da: Marco
      Io aggiungerei: "mentre a chi ha fatto falsa
      testimonianza sulla p2, a chi è accusato di
      corruzione, di tangenti alla guardia di finanza,
      di finanziamento illecito ai partiti, all iberian
      1, consolidato gruppo fininvest, falso in
      bilancio, all iberian2, caso lentini, Medusa
      cinematografica, frode fiscale, terreni di
      Macerio, Telecinco, corruzione in atti
      giudiziari, sme-ariosto, Lodo Mondadori,
      concussione, A QUELLO NON GLI FANNO UNA SEGA,
      COME
      MAI?Mai sentito il dettochi ruba poco va in galera, chi ruba tanto fa carrieraebbene in italia è di legge
    • Gordon scrive:
      Re: MI SPIEGATE QUESTA? INGIUSTIZIA?VERGOGNA
      Una sequela di frignacce.Se non ti puoi permettere di acquistare una licenza di un software, non hai il diritto di utilizzarlo, punto.Non siamo mica a Cuba, grazie a Dio.Lasciamo perdere il resto, è tutto off topic.- Scritto da: Marco
      COME MAI A FIRENZE NEI CINEMA NON C'è PIU'
      ALL'INIZIO DI UN QUALSIASI FILM:


      "AVVISO ALLA PIRATERIA, LA PIRATERIA è UN REATO,
      CHI ACQUISTA O NOLEGGIA ONLINE MATERIALE PIRATA
      RISCHIA SANZIONI FINO A 1032 EURO. CHI TRAE
      PROFITTO DAL COMMERCIO DI MATERIALE AUDIOVISIVO
      ILLEGALE RISCHIA FINO A 4 ANNI DI RECLUSIONE E
      FINO A 15.500 EURO DI
      MULTA..."

      Io aggiungerei: "mentre a chi ha fatto falsa
      testimonianza sulla p2, a chi è accusato di
      corruzione, di tangenti alla guardia di finanza,
      di finanziamento illecito ai partiti, all iberian
      1, consolidato gruppo fininvest, falso in
      bilancio, all iberian2, caso lentini, Medusa
      cinematografica, frode fiscale, terreni di
      Macerio, Telecinco, corruzione in atti
      giudiziari, sme-ariosto, Lodo Mondadori,
      concussione, A QUELLO NON GLI FANNO UNA SEGA,
      COME
      MAI?

      QUALE E' IL MESSAGGIO DI BSA? PER CASO si vuole
      incentivare uno stato di corruzione dove la gente
      non trova un lavoro, non riesce ad arrivare a
      fine mese, dove la gente è sempre più nervosa
      anche perchè non riesce a mettere su
      famiglia?

      Uno stato in cui ad esempio l'inquinamento
      prodotto dalle auto a BENZINA provoca tumori,
      nonostante la scenza abbia già trovato risorse
      come il metano che è + ecologico (e di cui pochi
      comprano macchine a metano perchè si incentivano
      SOLO i petrolieri)....


      POI C'è chi ci da del banboccioni? MA
      VERGOGNATEVI!!!
      • Luca del viero scrive:
        Re: MI SPIEGATE QUESTA? INGIUSTIZIA?VERGOGNA
        Do ragione che il software proprietario va pagato....pero' , e c'e' un grosso pero', se io pago ho dirittoal fatto che funzioni?Lo domando perche ho in ditta un pc con win xp abusivo.Lo dovrei pagare?Il pc fu acquistato da me con licenza win me (originale)appositamenteper far girare degli applicativi amministrativi win(originali).Il problema e' che si bloccava ogni mezzo di, driverclauricanti, strane scritte e perdita di dati.Il tutto mi e' costato di tecnico e tempo perso per idati persialmeno direi 2 o3 mila euro.Io in tutta onesta non mi sento di pagargli sta licenza di winxp.Il supporto tecnico fa ridere, win me e' stato una vera truffae il tempo che ho perso non me lo ripaga nessuno.Io dico a questi signori, volete esser pagati?Allora ASSUMETEVI LE VOSTRE RESPONSABILITA !!!e se un soft mi crea un danno DOVETE PAGARE e se unsoft NON FUNZIONA dovete metterlo a posto!!!Saluti
    • Lulu scrive:
      Re: MI SPIEGATE QUESTA? INGIUSTIZIA?VERGOGNA

      Io aggiungerei: "mentre a chi ha fatto falsa
      testimonianza sulla p2, a chi è accusato di
      corruzione, di tangenti alla guardia di finanza,
      di finanziamento illecito ai partiti, all iberian
      1, consolidato gruppo fininvest, falso in
      bilancio, all iberian2, caso lentini, Medusa
      cinematografica, frode fiscale, terreni di
      Macerio, Telecinco, corruzione in atti
      giudiziari, sme-ariosto, Lodo Mondadori,
      concussione, A QUELLO NON GLI FANNO UNA SEGA,
      COME
      MAI?

      QUALE E' IL MESSAGGIO DI BSA? PER CASO si vuole
      incentivare uno stato di corruzione dove la gente
      non trova un lavoro, non riesce ad arrivare a
      fine mese, dove la gente è sempre più nervosa
      anche perchè non riesce a mettere su
      famiglia?

      Uno stato in cui ad esempio l'inquinamento
      prodotto dalle auto a BENZINA provoca tumori,
      nonostante la scenza abbia già trovato risorse
      come il metano che è + ecologico (e di cui pochi
      comprano macchine a metano perchè si incentivano
      SOLO i petrolieri)....


      POI C'è chi ci da del banboccioni? MA
      VERGOGNATEVI!!!Ah cioe' tu dici che se una software house americana, (o un produttore cinematografico o musicale americano), investe soldi paga programmatori e produce un software, poi lo mette in commercio in tutto il mondo ad un certo prezzo, e arriva qui in Italia, la gente lo trova utile e ben fatto e magari usando quello riesce a lavorare meglio, e a produrre e guadagnare di piu', non deve essere pagata perche' in Italia abbiamo tanti problemi....Cioe' quindi, in Svizzera o in Svezia il software americano va pagato perche' hanno un governo che funziona, in Italia il software americano non va pagato perche' non ha un governo che funziona....Questo e' il ragionamento eh....beh direi che non fa una grinza.Ma per favore, diciamo le cose come stanno, in Italia siete dei poveracci che non hanno il minimo rispetto per il lavoro degli altri, passate la vita a cercare di rubare agli altri giustificandovi con la sucusa che gli altri cercano di rubare a voi. E se avete tanti problemi col governo, non e' una cosa tanto strana, il governo e' la rappresentazione del popolo, un ladro come te merita un governo ladro, non c'e' niente da fare.
      • Marco scrive:
        Re: MI SPIEGATE QUESTA? INGIUSTIZIA?VERGOGNA
        Per la cronaca io il software lo pago...Soltanto dico che se nei cinema si vuole dire la verità, allora che si dica le cose fino in fondo... poi ci starebbe stato bene un qualche messaggio per migliorare e spingere tutte le persone a fare il proprio lavoro (specie i politici)... ma si sà, a volte il comportamento delle corporation è quello omertoso..
  • A O scrive:
    BENISSIMO!!!
    c'è chi difende le multinazionali del sw?c'è chi difende i sw proprietari?c'è chi difende il vigente modello di copyright?c'è chi difende i brevetti, compresi quelli sul sw?c'è chi sputa sul Software Libero?c'è chi difende il libero mercato globalizzato?c'è chi a casa si vanta di avere installato (crackkato) tutto il sw Micro$oft, (S)Vista incluso?ecc.......benissimo!!!allora però tutti costoro siano un minimo coerenti!VOLETE LA "BICICLETTA"?... allora PAGATE LE LICENZEoppure, che è meglio, che si cambi modo di ragionare!!!
  • Arthur Dent scrive:
    Re: colpa dei pirati...
    E quale sarebbe questo "buon rapporto qualita'-prezzo" ? Chi lo stabilisce ? Mi sono fatto l'idea che per chi tira fuori sempre il discorso del prezzo per giustificare la copia illecita (di sw, cd, dvd, ecc..), il giusto prezzo sarebbe ZERO. Vedi il recente caso degli Radiohead.
    • krane scrive:
      Re: colpa dei pirati...
      - Scritto da: Arthur Dent
      E quale sarebbe questo "buon rapporto
      qualita'-prezzo" ? Chi lo stabilisce ?
      Mi sono fatto l'idea che per chi tira fuori
      sempre il discorso del prezzo per giustificare la
      copia illecita (di sw, cd, dvd, ecc..), il giusto
      prezzo sarebbe ZERO. Vedi il recente caso degli
      Radiohead.Veramente i Radiohead ci stanno guadagnando un bel po, quindi il prezzo e' variabile da persona a persona, ed e' giusto che sia cosi.
      • google is your friend scrive:
        Re: colpa dei pirati...
        - Scritto da: krane

        Veramente i Radiohead ci stanno guadagnando un
        bel po, quindi il prezzo e' variabile da persona
        a persona, ed e' giusto che sia
        cosi.i RH sono artisti famosi, prova ad essere uno sconosciuto, pure bravo, e a guadagnare qualcosa in questo modoGIYF
        • krane scrive:
          Re: colpa dei pirati...
          - Scritto da: google is your friend
          - Scritto da: krane

          Veramente i Radiohead ci stanno guadagnando un

          bel po, quindi il prezzo e' variabile da persona

          a persona, ed e' giusto che sia cosi.
          i RH sono artisti famosi, prova ad essere uno
          sconosciuto, pure bravo, e a guadagnare qualcosa
          in questo modoSe sei uno sconosciuto guadagni sicuramente di piu' in questo modo che contando sui contributi della siase, quindi...
    • Guybrush scrive:
      Re: colpa dei pirati...
      - Scritto da: Arthur Dent
      E quale sarebbe questo "buon rapporto
      qualita'-prezzo" ? Chi lo stabilisce ?

      Mi sono fatto l'idea che per chi tira fuori
      sempre il discorso del prezzo per giustificare la
      copia illecita (di sw, cd, dvd, ecc..), il giusto
      prezzo sarebbe ZERO. Vedi il recente caso degli
      Radiohead.E' giusto che il venditore stabilisca il prezzo, quello che non trovo giusto e' che, noti i meccanismi di creazione del prezzo (dai una rapida letta al testo di Dornbrush e Fischer: Macroeconomia, per avere un'idea al riguardo), un prodotto venduto a 149$ ad una persona, venga venduto a 149eur ad un'altra (me, per esempio).Mi sento preso in giro e reagisco. Nel mio caso la reazione e' stata studiare Linux e spingere su quello.Chiaro che qualcun altro potrebbe pensare di fare un dispetto a M$ quella di craccare il S.O. e usarlo a sbafo.Ci vuole un po' di intelligenza per capire che in realta' si sta facendo un grosso favore a M$ e, di solito, chi ricorre ai crack non ne ha abbastanza.E' un mondo difficile
      GT
      • Lulu scrive:
        Re: colpa dei pirati...

        E' giusto che il venditore stabilisca il prezzo,
        quello che non trovo giusto e' che, noti i
        meccanismi di creazione del prezzo (dai una
        rapida letta al testo di Dornbrush e Fischer:
        Macroeconomia, per avere un'idea al riguardo), un
        prodotto venduto a 149$ ad una persona, venga
        venduto a 149eur ad un'altra (me, per
        esempio).

        Mi sento preso in giro e reagisco. Nooo poverino ti prendono in giro, certo potresti anche pensare che vendere un software in Europa forse ha dei costi in piu' che venderlo negli USA.Boh ad esempio la localizzazione....in Europa devi localizzare il software in Inglese, Francese, Tedesco, Italiano, Spagnolo, Portoghese, tanto per dire le minime standard.....poi ci si puo' mettere Olandese, Ceco, Norvegese ecc ecc.Certo magari devi pagare 5-6 persone per la localizzazione, magari queste 5-6 persone ti costano 3-4000 euro al mese l'una, magari questi 200-250 mila euro l'anno di personale in piu' vengono ricaricati con un sovrapprezzo di 30,40 euro sul costo del prodotto finale.Magari la localizzazione e'solo 1 dei costi aggiuntivi che si hanno.....Forse devi anche aprire una o piu' sedi commerciale in Europa, forse in questa sede c'e' gente che lavora, che magari viene pagata in euro con stipendi europei e tasse europee, boh non so sparo a caso eh, magari devi garantire call center e assistenza tecnica in 5,6 paesi diversi in 5,6 lingue diverse, magari in questi posti ci lavora della gente, pagata in euro e non in dollari......magari il sistema distributivo in Europa e' un tantinello piu' complicato che negli USA, Pero' magari mi sbaglio io, e in realta' ci prendono in giro.
  • vac scrive:
    Se è così facile duplicare....
    Duplicare Winsoz e office è troppo semplice quindi ci sono 2 possibilità:1. Denunciamo M$ per incitazione a delinquere2. M$ ha piacere che i suoi software siano duplicati ed utilizzati
    • nome.cognom e scrive:
      Re: Se è così facile duplicare....
      - Scritto da: vac
      Duplicare Winsoz e office è troppo semplice
      quindi ci sono 2
      possibilità:
      1. Denunciamo M$ per incitazione a delinquere
      2. M$ ha piacere che i suoi software siano
      duplicati ed
      utilizzatiAnche sparare a un passante è semplice quindi ci sono 3 possibilità1) denunciamo i passanti per incitamento a delinquere2) i passanti hanno piacere nel farsi sparare3) hai detto la solita cazzata da linaro sfigato.
      • xbomber scrive:
        Re: Se è così facile duplicare....
        Quoto in pieno, ma mi sfugge cosa centrino gli utenti linux come me????????????
      • spannocchia tore scrive:
        Re: Se è così facile duplicare....
        togli linaro sfigato, e metti questo bel link:http://www.tomshw.it/news.php?newsid=9390e capisci che te vivi nel mondo dei sogni..la m$ istiga a delinquere, tranne che nessuno oserebbe mai dimostrarlo in un tribunale contro LA m$..infatti il passante mica dice: sparami, sparami, sono qui non mi vedi??la m$ invece: se non mi vuoi perchè non vuoi spendere un euro, piratami, te lo dico io!! fallo fallo!!
        • nome.cognom e scrive:
          Re: Se è così facile duplicare....
          - Scritto da: spannocchia tore
          togli linaro sfigato, e metti questo bel link:

          http://www.tomshw.it/news.php?newsid=9390

          e capisci che te vivi nel mondo dei sogni..
          la m$ istiga a delinquere, tranne che nessuno
          oserebbe mai dimostrarlo in un tribunale contro
          LA
          m$..

          infatti il passante mica dice: sparami, sparami,
          sono qui non mi
          vedi??
          la m$ invece: se non mi vuoi perchè non vuoi
          spendere un euro, piratami, te lo dico io!! fallo
          fallo!!Ma hai letto l'articolo o eri troppo impegnato far funzionare il mouse in X? Microsoft dice una cosa semplicissima "se proprio dovete piratare, fatelo con il nostro software perchè poi finirete per comprarlo". E come se il passante dicesse a te linaro frustrato "se proprio devi sparare a qualcuno spara a me che poi mi danno una medaglia". Cos'e' incitamento a delinquere? Poi se continui a pensare che nessuno oserebbe andare in tribunale contro microsoft mi sa che hai passato veramente troppo tempo in cantina.
    • enneci scrive:
      Re: Se è così facile duplicare....
      - Scritto da: vac
      Duplicare Winsoz e office è troppo semplice
      quindi ci sono 2
      possibilità:
      1. Denunciamo M$ per incitazione a delinquere
      2. M$ ha piacere che i suoi software siano
      duplicati ed
      utilizzatiHai capito!Microsoft fa in modo che i suoi software siano craccabili (mi sa che i crack li rilascia lei), in modo da arricchire il monopolio e fregarsene degli standard (vedi IE), fregarsene di tutto e di tutti... tanto quando vuole beccarvi vi becca... e dopo si che vi fa pagare... oh si!!!
  • vac scrive:
    Grazie ad un manuale piratato
    Grazie ad un manuale illecitamente duplicato e condiviso in reto ho riparato la mia automobileCosto riparazione artigianale 150 € + 2 ore di lavoroPreventivo riparazione offerto dall'autoconcessionaria 5000 €
    • pippuzzo scrive:
      Re: Grazie ad un manuale piratato
      - Scritto da: vac
      Grazie ad un manuale illecitamente duplicato e
      condiviso in reto ho riparato la mia
      automobile
      Costo riparazione artigianale 150 € + 2 ore
      di
      lavoro
      Preventivo riparazione offerto
      dall'autoconcessionaria 5000visto che ti ha fatto risparmiare così tanto, non pensi che sarebbe stato più giusto comprarlo quel manuale?
      • zcscaas scrive:
        Re: Grazie ad un manuale piratato
        - Scritto da: pippuzzo
        - Scritto da: vac

        Grazie ad un manuale illecitamente duplicato e

        condiviso in reto ho riparato la mia

        automobile

        Costo riparazione artigianale 150 € + 2
        ore

        di

        lavoro

        Preventivo riparazione offerto

        dall'autoconcessionaria 5000

        visto che ti ha fatto risparmiare così tanto, non
        pensi che sarebbe stato più giusto comprarlo quel
        manuale?immaginmo che lo abbia fatto per tempo risparmio e praticità.Non dimenticarti che tu usi a sbafo invenzioni di da vinci & Co. e non gli hai elargito un centesimo.Così come ascolti i consigli di altre persone senza elergigli un cavolo di nulla.Così come osservi e imiti senza dare mano al tuo portafoglio.Siamo tutti parassiti o è la natura umana?Credi alle fabie di politici, majors & Co., ma osserva la natura e poniti un po' di domande sull'essere umano.
        • krane scrive:
          Re: Grazie ad un manuale piratato
          - Scritto da: zcscaas
          - Scritto da: pippuzzo

          - Scritto da: vac


          Grazie ad un manuale illecitamente duplicato e


          condiviso in reto ho riparato la mia


          automobile


          Costo riparazione artigianale 150 € + 2


          ore di lavoro


          Preventivo riparazione offerto


          dall'autoconcessionaria 5000

          visto che ti ha fatto risparmiare così tanto,

          non pensi che sarebbe stato più giusto

          comprarlo quel manuale ?
          immaginmo che lo abbia fatto per tempo risparmio
          e praticità.Esatto, ma visti i soldi risparmiati un contributo non sarebbe male.
          Non dimenticarti che tu usi a sbafo invenzioni di
          da vinci & Co. e non gli hai elargito un
          centesimo.Invece tante cose si pagano, ad esempio chi scrive un manuale vorrebbe qualche soldino in cambio.
          Così come ascolti i consigli di altre persone
          senza elergigli un cavolo di nulla.Prova ad andare in uno studio legale a chiedere un consiglio legale e poi mi dici...
          Così come osservi e imiti senza dare mano al tuo
          portafoglio. Siamo tutti parassiti o è la natura
          umana ?
          Credi alle fabie di politici, majors & Co., ma
          osserva la natura e poniti un po' di domande
          sull'essere umano.Quindi secondo te dovremo tornare a ucciderci per un piatto di cibo, oppure ammazzare il marito per stuprarne la donna, e cose del genere ? Tutti comportamenti che in natura sono normali eh...O forse dovremmo metterci d'accordo su delle regole "civili" ?
      • A O scrive:
        Re: Grazie ad un manuale piratato
        - Scritto da: pippuzzo
        - Scritto da: vac

        Grazie ad un manuale illecitamente duplicato e

        condiviso in reto ho riparato la mia

        automobile

        Costo riparazione artigianale 150 € + 2
        ore

        di

        lavoro

        Preventivo riparazione offerto

        dall'autoconcessionaria 5000

        visto che ti ha fatto risparmiare così tanto, non
        pensi che sarebbe stato più giusto comprarlo quel
        manuale?e se quel manuale NON e' disponibile in commercio?e se, come accade sovente, tanti libri importanti sono blindati dal copyright e NON si trovano in vendita perché a chi ne detiene i diritti non conviene ristamparli?
      • Epimenide scrive:
        Re: Grazie ad un manuale piratato
        - Scritto da: pippuzzo
        visto che ti ha fatto risparmiare così tanto, non
        pensi che sarebbe stato più giusto comprarlo quel
        manuale?Vedi, questo dipende da dove sei: nel Nord Europa (ma perché bisogna sempre iniziare i discorsi così? Boh, forse perché è vero) è normale trovare i manuali di riparazione delle auto nelle biblioteche pubbliche, dove ovviamente puoi prenderli a prestito per il tempo che ti serve: se sei un professionista, invece, lo compri, non ci piove. Visto che in quelle italiane sì e no ci troviamo le favolette per i bambini, come la mettiamo?
      • vac scrive:
        Re: Grazie ad un manuale piratato
        E' un manuale riservato alle sole officine autorizzate
    • vac scrive:
      Re: Grazie ad un manuale piratato
      Evidentemente non mi sono spiegato bene:Quel manuale NON POTEVA ESSERE COMPRATO!Quen manuale viene fornito solo alle officine autorizzate che approfittano della nostra ignoranza e ci chiedono 5000 euro per un lavoretto da 200...
      • Franz87 scrive:
        Re: Grazie ad un manuale piratato
        massimo rispetto: anche io talvolta mi trovo in situazioni simili. Potrà essere stupido, ma c'è da fare distinzione tra ciò che è ai margini della illegalità (il manuale che TI IMPEDISCONO di avere, che non vendono più, e via dicendo) che secondo me è più che comprensibile piratare e ciò che invece è comunemente disponibile sul mercato e non l compri lo stesso
  • antonio scrive:
    Meglio open che pirata
    Io davvero non capisco: ci sono tante soluzioni gratuite/open e la gente si ostina a usare software a pagamento che non paga.Se volete usare software a pagamento, fate il piacere di pagarlo!Se non volete, ci sono tante alternative open.Altra soluzione: comprate solo quello di cui non potete fare a meno. Ad esempio potete fare a meno di MS Office usando OpenOffice, ma i professionisti della grafica non possono fare a meno di photoshop.
    • AranBanjo scrive:
      Re: Meglio open che pirata
      Utente: "Dov'è l'icona per salvare in questo Uord che mi hai installato?"Io: "E' leggermente spostata a destra, ma l'icona è sempre identica"Utente: "Ah..."Io: "Vedi? Sempre uguale: un dischetto"Utente: "Ma su office è a sinistra"Io: "Ma che ti cambia? L'icona è quella e la funzione è quella!"Utente: "Mmmm... Non è che mi metti office?"Io: "Se lo paghi..."Utente: "Ah, ma a casa io non l'ho pagato"Beh, questa è una situazione "tipica". Io sono pro OpenSource, visto che hai delle applicazioni che fanno le stesse robe di quelle commerciali. Peccato che gli utenti non ci arrivano. Se gli sposti una virgola, non ci capiscono nulla. A quel punto li indirizzo al ragazzino che smanetta e che installa tutto crackato, avvertendo che se fanno un controllo, se li sbattono per bene e me ne vado.
      • krane scrive:
        Re: Meglio open che pirata
        - Scritto da: AranBanjo
        Utente: "Dov'è l'icona per salvare in questo Uord
        che mi hai installato?"
        Io: "E' leggermente spostata a destra, ma l'icona
        è sempre identica"
        Utente: "Ah..."
        Io: "Vedi? Sempre uguale: un dischetto"
        Utente: "Ma su office è a sinistra"
        Io: "Ma che ti cambia? L'icona è quella e la
        funzione è quella!"
        Utente: "Mmmm... Non è che mi metti office?"
        Io: "Se lo paghi..."
        Utente: "Ah, ma a casa io non l'ho pagato"
        Beh, questa è una situazione "tipica". Io sono
        pro OpenSource, visto che hai delle applicazioni
        che fanno le stesse robe di quelle commerciali.
        Peccato che gli utenti non ci arrivano. Se gli
        sposti una virgola, non ci capiscono nulla. A
        quel punto li indirizzo al ragazzino che smanetta
        e che installa tutto crackato, avvertendo che se
        fanno un controllo, se li sbattono per bene e me
        ne vado.Quindi sei consapevolmente complice della situazione: complimenti !
        • AranBanjo scrive:
          Re: Meglio open che pirata
          Mi sono espresso male.Non è che io gli mando il ragazzino che fa queste cose.Gli dico di arrangiarsi e _di_norma_ succede quanto da me descritto.
          • krane scrive:
            Re: Meglio open che pirata
            - Scritto da: AranBanjo
            Mi sono espresso male.
            Non è che io gli mando il ragazzino che fa queste
            cose.Lo immaginavo eh, ma dal post sembrava.
            Gli dico di arrangiarsi e _di_norma_ succede
            quanto da me descritto.Prova invece di dirgli di arrangiarsi a dirgli cosa rischia in multe...
          • AranBanjo scrive:
            Re: Meglio open che pirata
            Quello lo spiego prima di andare. Ma questi se ne fregano...Ci vorrebbero un paio di controlli della finanza alle aziende giuste e si vedrebbero tutte le altre adeguarsi...
          • The Punisher scrive:
            Re: Meglio open che pirata
            - Scritto da: AranBanjo
            Ci vorrebbero un paio di controlli della finanza
            alle aziende giuste e si vedrebbero tutte le
            altre
            adeguarsi...Guarda che e' possibile denunciare anonimamente alla Finanza queste situazioni.Io l'ho fatto un paio di volte, con ottimi riscontri peraltro.
          • AranBanjo scrive:
            Re: Meglio open che pirata
            In effetti ci avevo pensato :)Ma mi sa veramente tanto di carognata, per quanto corretta e a norma di legge :)
          • krane scrive:
            Re: Meglio open che pirata
            - Scritto da: AranBanjo
            In effetti ci avevo pensato :)
            Ma mi sa veramente tanto di carognata, per quanto
            corretta e a norma di legge
            :)He, in fondo siamo ItaGliani... (anonimo)
          • The Punisher scrive:
            Re: Meglio open che pirata
            Se vuoi andare avanti a colpi di buonismo, volemmose bbene e tarallucci e vino fai pure ;-)Poi pero' non lamentarti.
          • Stargazer scrive:
            Re: Meglio open che pirata
            Secondo te le pmi citate in questo articolo come le hanno pescate? Così per caso?Se non siamo noi cittadini onesti a cambiare le cose non ci sarà mai miglioramentol'indifferenza imho è il peggior morbo dei paesi civilizzati
      • AranBanjo scrive:
        Re: Meglio open che pirata
        Tante volte succede quello che dici tu, tante volte succede la scena che ti ho descritto.Tutto sta alla voglia delle persone a concentrarsi un secondo su quello che stanno facendo e non eseguire movimenti meccanici.
      • TADsince1995 scrive:
        Re: Meglio open che pirata
        - Scritto da: Uby
        A meno che non si tratti di un esempio
        volutamente esagerato (che quindi non rispecchia
        la realtà), non ci
        credo.No no lascia stare, che io avevo una collega che una mattina sedutasi davanti al suo pc ha trovato l'icona del CRM che usavamo all'epoca spostata dall'altro lato dello schermo ed è entrata nel panico. Ho un amica che non vuole passare da IE a Firefox perchè dice che è "difficile". Questa è la situazione in cui siamo.TAD
  • nic scrive:
    Non è giusto copiare software
    Ad esempio in Italia acquistare un software di una nota multinazione costa quasi il doppio che negli stati uniti, grazie anche a chi utilizza copie illegati. Poi una azienda che copia XP che oem costa poco più di 100 euro mi sembra assurdo.
    • cognome scrive:
      Re: Non è giusto copiare software
      Quella dei costi è una leggenda, la pirateria con il costo del software in Italia non c'entra nulla, son scelte commerciali. Con il cambio attuale dovremmo pagare di meno non di più.
      • Appelina scrive:
        Re: Non è giusto copiare software
        - Scritto da: cognome
        Quella dei costi è una leggenda, la pirateria con
        il costo del software in Italia non c'entra
        nulla, son scelte commerciali. Con il cambio
        attuale dovremmo pagare di meno non di
        più.STRAGIUSTOE cmq c'è di base un'ignoranza informatica davvero ingiustificabile. Se un imprenditore o un dirigente di PA non sanno stare dietro a queste cose onestamente mi chiedo il perchè della loro posizione. Come è ormai ovvio che non si possono utilizzare, chessò, immagini o video altrui a scopo commerciale, allo stesso modo il principio si applica ai sw.Non ci vuole un'aquila. Poi per carità, il sistema prezzi-licenze-copyright è osceno ma non giustifica la violazione delle regole da parte di chi ci guadagna e dovrebbe quanto meno avere un minimo di cultura commerciale...
  • xbomber scrive:
    Ancora più pesante...
    Secondo me dovrebbero andare più pesante sia nella PMI che sulla PA, ma decisamente...Se uno vuole risparmiare a tutti i costi ci sono le soluzioni legali.Io nella mia azienda pago le regolari licenze per gli applicativi su AS/400 ed anche molto, ma molto care. Grazie a ciò ho tecnici pronti a rispondermi e risolvere ogni sorta di problema in tempo zero e sono molto soddisfatto.Di sicuro non pagerò mai una licenza a microsoft, per principio personale e perchè secondo me il rapporto prezzo/qualità è penoso.Ciò non implica, che vada sull'illegalità, passando dalla parte del torto.Tutte le workstation nella mia azienda hanno GNU/Liunux, in varie distro, OpenOffice, l'ISeriesAccess della IBM, Ximian/Evolution per la posta etc...Ci lavorano anche utonti, e non hanno nessuna difficoltà a fare ciò che devono (Tutt'al più hanno difficoltà a fare danni).Non necessito di antivirus, antispyware, ma solo di un firewall, anche lui con GNU/linux a monte della rete.Il risultato è che oltre a non avere speso per le licenze, non perdo più un minuto a risolvere casini causati dagli utenti, mentre con winzoz, quando ancora avevo dei pc con licenza OEM, perdevo giornate di lavoro, paragonabili a costi, veramente drammatici.
    • 123 scrive:
      Re: Ancora più pesante...
      ...e purtroppo questo la gente non lo vuol capire.Anch'io ho provato Linux incuriosito dai racconti di amici e ormai non trovo più il minimo motivo per tornare a Windows.
    • darksky scrive:
      Re: Ancora più pesante...
      il problema è che se inizi ad aver bisogno di photoshop o autocad ad esempio linux è gia fuori. Quindi alcune categorie sono obbligate ad avere windows e non puoi scegliere, i programmi opensource che cercano di "emulare" autocad o photoshop sono anni luce + distanti.La tua azienda non necessita di questi software quindi è giusto che tu possa scegliere e mettere linux, ma se un giorno avrete bisogno di questi 2 software ad esempio dovrai metterti un windows. O dovrai sperare che sia stata creata una versione anche per linux.
      • xbomber scrive:
        Re: Ancora più pesante...
        Per autocad ti do piena ragione.Per photoshop, non saprei, uso sovente GIMP, mi trovo bene, per quello che devo farci (Ritocchi, etc... per uso personale), cmq è già molto più di quello che serve all'utente medio. Magari un fotografo, potrebbe rimpiangere la differenza.Come cad bidimensionale, mi trovo molto bene con QCad, che salva e legge dxf, ma a me basta il 2d, con il 3d il discorso cambia.Per quello che riguarda alcuni applicativi per il calcolo illuminotecnico che mi vengono forniti dai produttori di apparati luminosi, uso wine e girano come se ci fosse windows.Con le librerie QT, in un attimo mi sviluppo utility per semplificare alcuni compiti di gestione del database su AS/400, tramite il supporto ODBC, ma qua andiamo in un campo che esula dall'utente medio.Quando devo fare modelli 3d (Di rado), uso blender, duro da imparare, ma con nulla in meno di altri applicativi.Per il montaggio video uso con molta soddisfazione cinellera, meno difficile di quanto vogliano fare credere.Per quello che riguarda lo sviluppo di applicazioni su linux, serve solo un po' più di diffusione, poi una softwarehose seria, non potrà più ignorarlo.Per esempio la cadsoft, sviluppa già il suo cad per circuiti stampati, anche per linux. (Per me che ho provato la verione light, sicuramente il più prestazionale tra gli applicativi di tale genere).
      • Alessandrox scrive:
        Re: Ancora più pesante...
        - Scritto da: darksky
        il problema è che se inizi ad aver bisogno di
        photoshop o autocad ad esempio linux è gia fuori.
        Quindi alcune categorie sono obbligate ad avere
        windows e non puoi scegliere, i programmi
        opensource che cercano di "emulare" autocad o
        photoshop sono anni luce +
        distanti.
        La tua azienda non necessita di questi software
        quindi è giusto che tu possa scegliere e mettere
        linux, ma se un giorno avrete bisogno di questi 2
        software ad esempio dovrai metterti un windows. O
        dovrai sperare che sia stata creata una versione
        anche per
        linux.Wine o Codeweavers + Licenza sw di PhotoshopGia' provato
        • darksky scrive:
          Re: Ancora più pesante...
          e per autocad hai provato?
        • pippo75 scrive:
          Re: Ancora più pesante...

          Wine o Codeweavers + Licenza sw di Photoshop
          Gia' provatoe' la licenza di photoshop, autocad, cad, cam altro che ti frega.windows tuttosommato lo si trova a circa 100 euro, gli altri e' piu' difficile.Se poi vai su Ebay lo trovi anche a meno, originale, CD+Manuale.
    • nome.cognom e scrive:
      Re: Ancora più pesante...
      Incredibile, leggendo PI sembra che centinaia e centinaia di italiane abbiano solo linux installato ovunque, con openoffice dappertutto. - Scritto da: xbomber
      Secondo me dovrebbero andare più pesante sia
      nella PMI che sulla PA, ma
      decisamente...
      Se uno vuole risparmiare a tutti i costi ci sono
      le soluzioni
      legali.
      Io nella mia azienda pago le regolari licenze per
      gli applicativi su AS/400 ed anche molto, ma
      molto care. Grazie a ciò ho tecnici pronti a
      rispondermi e risolvere ogni sorta di problema in
      tempo zero e sono molto
      soddisfatto.
      Di sicuro non pagerò mai una licenza a microsoft,
      per principio personale e perchè secondo me il
      rapporto prezzo/qualità è
      penoso.
      Ciò non implica, che vada sull'illegalità,
      passando dalla parte del
      torto.
      Tutte le workstation nella mia azienda hanno
      GNU/Liunux, in varie distro, OpenOffice,
      l'ISeriesAccess della IBM, Ximian/Evolution per
      la posta
      etc...
      Ci lavorano anche utonti, e non hanno nessuna
      difficoltà a fare ciò che devono (Tutt'al più
      hanno difficoltà a fare
      danni).
      Non necessito di antivirus, antispyware, ma solo
      di un firewall, anche lui con GNU/linux a monte
      della
      rete.
      Il risultato è che oltre a non avere speso per le
      licenze, non perdo più un minuto a risolvere
      casini causati dagli utenti, mentre con winzoz,
      quando ancora avevo dei pc con licenza OEM,
      perdevo giornate di lavoro, paragonabili a costi,
      veramente
      drammatici.
      • xbomber scrive:
        Re: Ancora più pesante...
        - Scritto da: nome.cognom e
        Incredibile, leggendo PI sembra che centinaia e
        centinaia di italiane abbiano solo linux
        installato ovunque, con openoffice dappertutto.Beh, proprio pochi non sono...Non è possibile fare stime precise sulla diffusione di Linux, ma so che almeno una persona su cinque di quelle che conosco lo usano, se non da solo, in dual boot.Ad esempio una persona a cui l'ho installato in dual boot, che usa il PC per EBAY, posta, web e semplici lavori di office, all'inizio non lo usava, a due mesi di distanza, sono passato davanti al suo PC e l'ho visto avviato e con sessioni attive aperte.Gli ho chiesto "Perchè usi linux", mi ha risposto, "perchè mi trovo bene" ed ho già molti applicativi utili installati.Questa perona, tra l'altro è il classico utonto.
  • henry scrive:
    si si
    Sinceramente al "popolo" non gliene frega nulla, e all'Italia ancora meno, visto che il 99% di questa roba non è prodotta da noi, a parte un po di IVA evasa..Se facessero controlli simili sulle dichiarazioni dei redditi di molti professionisti, recupererebbero molti più soldi.Ma si sa, li dietro non ci sono le major....
  • lellykelly scrive:
    solo firenze?
    è poi così strano?
  • picchiatello scrive:
    Ragioniamo
    Se 2 aziende su 3 sono "fuorilegge" vuol dire che c'e' qualcosa che non va nel sociale e nei settori produttivi del nostro paese.Vuol dire che c'e' gente che preferisce rischiare ogni giorno di chiudere bottega ( a meno di clamorose moratorie da parte del fisco) o che sa che chiuderà se non continua ad essere "fuorilegge"...in un paese "civilizzato" , o che si reputa tale, e' grave...
    • dacho scrive:
      Re: Ragioniamo

      Vuol dire che c'e' gente che preferisce rischiare
      ogni giorno di chiudere bottega ( a meno di
      clamorose moratorie da parte del fisco) o che sa
      che chiuderà se non continua ad essere
      "fuorilegge"...in un paese "civilizzato" , o che
      si reputa tale, e'
      grave...Si dovrebbe cominciare - ed anche per le tasse - a seguire una banale prassi: guardare che auto ci sono in parcheggio.Se lo studio di architetti beccati con autocad e vari piratati si ritrova popolato di qualsiasi vettura dai 15.000 in su, allora ci si va giù pesante (proporzionalmente fino alla Rolls). Se fuori ci sono delle Panda (vecchio modello) io, se fossi un man in grey, li segnalerei semplicemente al relativo ordine per concorrenza sleale (e contemporaneamente bislacca..).
    • lellykelly scrive:
      Re: Ragioniamo
      per me vuol dire:"e ma costa e adesso non ho soldi""i computer non servono, quindi non investo, investo in reparti dove si 'fa' qualcosa""ma come, ho preso il programma nuovo l'anno scorso! (almeno 5 sono passati)"tra le varie scuse, c'è gente che non capisce cosa vuol dire investire, e che se produci tramite un sw, devi comprarlo...
  • anonimo scrive:
    Perchè mai controlli nelle PA?
    Chissà perchè quelli della BSA non provano a rompere le scatole con controlli sulle pubbliche amministrazioni, dove la situazione, fosse anche un controllo sulla GdF o sulla PolPost, credo non sarebbe tanto migliore...Sarei anche curioso di vedere un controllo della GdF negli uffici BSA, se ad esempio hanno tutte le licenze winzip in regola, se le CAL sono tutte a posto, eccetera eccetera...
    • Fai il login o registrati scrive:
      Re: Perchè mai controlli nelle PA?
      Dove lavoro io apparentemente è tutto in regola. Se poi qualche impiegato installa software piratato allora la responsabilità non è + della PA.
      • A O scrive:
        Re: Perchè mai controlli nelle PA?
        - Scritto da: Fai il login o registrati
        Dove lavoro io apparentemente è tutto in regola.
        Se poi qualche impiegato installa software
        piratato allora la responsabilità non è + della
        PA.invece sì...l'impegato NON deve POTER installare autonomamente sw sul pc dell'Amministrazione... e se lo fa vuol dire che ha i diritti di Admin, e se li ha allora quella PA non rispetta neanche i requisiti minimi di sicurezza stabiliti dalla legge...
        • Burp scrive:
          Re: Perchè mai controlli nelle PA?
          - Scritto da: A O
          invece sì...Ma vattene.
          l'impegato NON deve POTER installare
          autonomamente sw sul pc dell'Amministrazione...Ma vattene.
          e se lo fa vuol dire che ha i diritti di Admin, e
          se li ha allora quella PA non rispetta neanche i
          requisiti minimi di sicurezza stabiliti dalla
          legge...Ma ....
        • Anonimo scrive:
          Re: Perchè mai controlli nelle PA?
          All'impiegato "che si spacca la schiena" 8 ore al giorno davanti al solitario di windows, non gli devi impedire di poterci infilare anche freecell o vedi che rivoluzione sindacale scoppia...
      • anonimo scrive:
        Re: Perchè mai controlli nelle PA?
        - Scritto da: Fai il login o registrati
        Dove lavoro io apparentemente è tutto in regola.
        Se poi qualche impiegato installa software
        piratato allora la responsabilità non è + della
        PA.Invece sì. Troppo facile fare il classico scaricabarile all'italiana: esistono responsabilità ben precise di amministrazione dell'infrastruttra informatica all'interno di ogni singola PA, comprese tutte quelle legate a privacy (vedi DPS obbligatorio). Apparentemente vuol dire nulla. O si è in regola, o non lo si è.
    • anonymous scrive:
      Re: Perchè mai controlli nelle PA?
      - Scritto da: anonimo
      Chissà perchè quelli della BSA non provano a
      rompere le scatole con controlli sulle pubbliche
      amministrazioni, dove la situazione, fosse anche
      un controllo sulla GdF o sulla PolPost, credo non
      sarebbe tanto
      migliore...
      Sarei anche curioso di vedere un controllo della
      GdF negli uffici BSA, se ad esempio hanno tutte
      le licenze winzip in regola, se le CAL sono tutte
      a posto, eccetera
      eccetera...Quoto in pieno. Per quanto ne so la PA, BSA e GDF stessa sono più pirati della media della aziende private italiane. Vergognatevi!
    • cognome scrive:
      Re: Perchè mai controlli nelle PA?
      Nelle PA di piratare non gliene può importà di meno tanto paghi tu pago io e tutti quelli che pagano le tasse senza chiedere dove vanno a finire i soldi.Oh ragazzi la tassa è bella !!!! L'ha detto il ministro. :D :D :D :D :D :D
    • The Punisher scrive:
      Re: Perchè mai controlli nelle PA?
      - Scritto da: anonimo
      Chissà perchè quelli della BSA non provano a
      rompere le scatole con controlli sulle pubbliche
      amministrazioni, dove la situazione, fosse anche
      un controllo sulla GdF o sulla PolPost, credo non
      sarebbe tanto
      migliore...Lo dici perche' lo sai o lo dici perche' tiri ad indovinare?Ad esempio: lo sai che la prima installazione IN ASSOLUTO in Italia di Windows 2003 Server (quando era ancora nell'ultima beta) e' stata fatta da Microsoft stessa per la rete della GdF?!(Al punto che alla presentazione di 2003 Server era stato portato come case study)Non so per la PostPol ma tutto mi lascia presupporre che non sia molto diverso.Mai sentito parlare di Volume Licence?
      • anonimo scrive:
        Re: Perchè mai controlli nelle PA?
        - Scritto da: The Punisher
        - Scritto da: anonimo

        Chissà perchè quelli della BSA non provano a

        rompere le scatole con controlli sulle pubbliche

        amministrazioni, dove la situazione, fosse anche

        un controllo sulla GdF o sulla PolPost, credo
        non

        sarebbe tanto

        migliore...

        Lo dici perche' lo sai o lo dici perche' tiri ad
        indovinare?
        Lo dico per esperienza personale con diverse PA. Senza fare il delatore, anche perché non me ne frega nulla di fare gli interessi di BSA & company e non approvo in nessuna forma i loro modi di procedere, ho avuto diverse esperienze di dirigenti di PA che insistevano sull'installazione di sw pur sapendo che le licenze a volume erano finite o che si voleva installare copia non originale di un sw. Questo nonostante avessi sollevato il problema licenza e avessi pure segnalato la possibilità di usare sw alternativi gratuiti se proprio non si era disposti a sganciare soldi per mancanza di fondi.
        Ad esempio: lo sai che la prima installazione IN
        ASSOLUTO in Italia di Windows 2003 Server (quando
        era ancora nell'ultima beta) e' stata fatta da
        Microsoft stessa per la rete della
        GdF?!
        (Al punto che alla presentazione di 2003 Server
        era stato portato come case
        study)
        Quindi? Cosa dimostra un caso singolo usato come pubblicità?
        Non so per la PostPol ma tutto mi lascia
        presupporre che non sia molto
        diverso.

        Mai sentito parlare di Volume Licence?Si, quindi?
        • ma no!!!!! scrive:
          Re: Perchè mai controlli nelle PA?
          Un dirigente di un PA non ti chiederà mai di installare software pirata per il semplice motivo che non son soldi suoi e non gliene importa nulla di prendersi una responsabilità penale per evitare una spesa ad un servizio pubblico. In seconda battuta se lo avessi installato in quanto responsabile materiale dell'installazione ne risponderesti tu anche dal punto di vista penale e non mi sembra una mossa particolarmente furba.
Chiudi i commenti