Nomine in Lario Engineering

Nuovo Direttore generale


Roma – Stefano Madeddu, 42 anni, è il nuovo direttore generale di Lario Engineering, società del settore IT attiva nell’area delle soluzioni applicative web based per l’automazione dei processi d’acquisto (mercato elettronico, gare on-line) e della security.

Madeddu, che entra anche nel consiglio d’amministrazione, arriva in Lario Engineering per guidare, in particolare, lo sviluppo del business verso i grandi clienti.

Il manager – si legge in una nota – “approda in Lario Engineering dopo aver accompagnato, come direttore generale, lo start up di ITP, società fondata da Hopa, ASM Brescia e Banca Lombarda che opera nel settore dell’e-procurement”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: risultati del test
    - Scritto da: Anonimo
    certo che avete tutti criticato il mio test
    della rubrica con database.Dal tono da professorino che usi, mi viene il sospetto che tu sia lo stesso che qualche giorno fa analogamente testò i visitatori degli spazi di Punto-Informatico sui clusters. Sei lo stesso? Scusami la domanda posta in modo brutale: ma ti credi? HAL2000 per caso?
  • Anonimo scrive:
    Re: risultati del test
    lo so ma ragiona, se non posso fare su linux la pratica più diffusa su windows come posso sperare di fare il passaggio. I tools microsoft di programmazione sono potentissimi, semplificano la vita e migliorano la produttività. Posso fare tutto su windows mentre su linux ci sono cose che non posso ancora fare. Il discorso è questo. Il test voleva vedere se chi usa linux lo fa perchè effettivamente migliore o come per distinguersi. So che linux è potente ma classificarlo come sistema home e professionale di livello medio non mi pare sia giusto
    • Anonimo scrive:
      Re: risultati del test
      - Scritto da: Anonimo
      lo so ma ragiona, se non posso fare su linux
      la pratica più diffusa su windows
      come posso sperare di fare il passaggio. I
      tools microsoft di programmazione sono
      potentissimi, semplificano la vita e
      migliorano la produttività. Posso
      fare tutto su windows mentre su linux ci
      sono cose che non posso ancora fare. Il
      discorso è questo. Il test voleva
      vedere se chi usa linux lo fa perchè
      effettivamente migliore o come per
      distinguersi. So che linux è potente
      ma classificarlo come sistema home e
      professionale di livello medio non mi pare
      sia giustoA parte che il mio era un discorso più generale (non si riferiva a windows vs. linux), hai mai provato a dare uno sguardo alle Qt? Sono multipiattaforma (esistono anche per windows, mac e se non sbaglio anche per palmari), sono utilizzabili con numerosissimi linguaggi di programmazione e a mio giudizio sono ottime per eleganza e rapidità di sviluppo dei classici applicativi. Così almeno ti do un suggerimento costruttivo.
      • Anonimo scrive:
        Re: risultati del test
        visto, ancora un pò fiacco (ma utile per fare applicazioni tra i linguaggi non supportati tipo java maledizione il visual j++ era così comodo).
  • Anonimo scrive:
    Re: risultati del test
    Ma che test e test. Il test era veramente stupido, non dimostra proprio nulla tranne che è tranquillamente scambiabile per il post di un troll
    • Anonimo scrive:
      Re: risultati del test
      ci si professa utilizzatore di linux perchè è professionale poi non si sa mettere insieme 2 righe di codice per fare una banalata così. A cosa vi serve un sistema potente come linux magari anche le ultimo distro? Se dovete usare il lettore per gli mp3 e navigare non lo sfruttate per nulla. Viene sfruttato di più windows dall'utente che non lo sa usare piuttosto che voi che vi dichiarate sommi esperti informatici
  • Anonimo scrive:
    AAA Fava
  • Anonimo scrive:
    Re: risultati del test

    certo che avete tutti criticato il mio test
    della rubrica con database. I più
    hanno detto che il database era inutile per
    poter utilizzare un file di testo. Che
    ridicoli che siete. Pensate se davvero vi
    chiedevano di fare la rubrica, magari chi la
    usava ci metteva 10000 numeri con 10 campi
    (telefono, indirizzo, codice fiscale). Non
    avete neanche visto che la rubrica è
    il nucleo di moltissime applicazioni, anche
    web che gestiscono i nominativi di clienti,
    impiegati etc.Non solo è anche molto difficile scegliere il miglior modo per rappresentarla per fare fronte a modifiche ed alla temporalità dei dati.E' incredibile vedere le tonellate di applicazioni che hanno sedimentato tonellate di hack e workaround nel modello dell'anagrafica più basilare che ci sia.
  • Anonimo scrive:
    CLAMOROSO: MS brevetta l'uso del TODO !!
    http://zdnet.com.com/2100-1104-5228693.htmlOra il problema è il seguente: qual è la pena che Microsoft chiederebbe per chi scrive su PC la lista della spesa? ...Pare che il baratro in cui è caduta Microsoft non abbia fondo ...
    • Anonimo scrive:
      Re: CLAMOROSO: MS brevetta l'uso del TODO !!
      voi continuate a rompere i maroni. Gli avete fatto 500 milioni di dollari di multa? Beccatevi questa. Credo che ora Gates ci goda come non mai.
      • Anonimo scrive:
        Re: CLAMOROSO: MS brevetta l'uso del TOD
        - Scritto da: Anonimo
        voi continuate a rompere i maroni. Gli avete
        fatto 500 milioni di dollari di multa?
        Beccatevi questa. Credo che ora Gates ci
        goda come non mai.Attenzione: il suo uso della parola "dollari" (c) è stato identificato come un illecito penale sulla base dell'European Patent & IP Enforce Act. "dollari" (c) è una parola il cui uso è sotto il controllo legale della Microsoft Corporation (c).Il suo IP è stato registrato. Si costituisca e avrà uno sconto di pena per comportamento non soppressivo.Cordiali saluti.Stanley HardyMicrosoft IP Enforce Dep.
      • Anonimo scrive:
        Re: CLAMOROSO: MS brevetta l'uso del TOD
        - Scritto da: Anonimo
        voi continuate a rompere i maroni. Gli avete
        fatto 500 milioni di dollari di multa?
        Beccatevi questa. Credo che ora Gates ci
        goda come non mai.Prendi nota: ti dovresti dare un'aggiustata al cervello. Però attento che per la 'todo list' dovrai pagare i diritti alla Microsoft....
    • Anonimo scrive:
      Re: CLAMOROSO: MS brevetta l'uso del TODO !!

      ...Pare che il baratro in cui è
      caduta Microsoft non abbia fondo ...Non hai capito che vogliono questi?!!!TUTTO!!!Qualsiasi palmo di terra rimasto libero.Il nostro sangue?Può sempre tornare utile...Windows XP fa un record di vendite?Bada bene... non un record qualunque, ma un mega-record rispetto ai S.O. precedenti.Quindi intensificano la lotta all'open-source, perchè vogliono anche quella fetta di mercato.Poi ci sono anche:Brevetti del Software in EuropaTCPA PalladiumIngresso nel mercato dei programmi gestionali................:(
  • Anonimo scrive:
    test del vero utente linux
    Facciamo un test. Creiamo una applicazione in finestra che tramite database mi tenga i miei numeri di telefono. Vediamo. Sotto windows posso prendere visual basic 6 e farla in circa 10 minuti di orologio. Se poi la faccio in C# o VB.Net posso farla addirittura girare in una applicazione web e gestirla dal mio sito. Sempre 10 minuti. Creo quindi un pacchetto autoinstallante, 1 minuto con visual studio. Darla ad un amico che la installa sempre in un minuto e ora può usarla anche lui.Ora tocca a voi, fatemi una applicazione identica in linux. Quanto tempo ci mettete? Siate onesti, veramente riuscite a farla uguale nello stesso tempo?
    • Anonimo scrive:
      Re: test del vero utente linux
      - Scritto da: Anonimo
      Ora tocca a voi, fatemi una applicazione
      identica in linux. Quanto tempo ci mettete?
      Siate onesti, veramente riuscite a farla
      uguale nello stesso tempo?Ma tutta la tua bravura da programmatore serve per fare queste cose da quattro soldi? Voglio fare il videogioco dello scopone, quanto tempo ci sto? Prendo uno dei tanti tool che mi permette di creare semplici videogiochi e ci impiego dieci minuti. Quanto tempo con qualche linguaggio di programmazione serio? Molto di più. Conclusione: la bontà di un linguaggio di programmazione e tool annessi non si misura certo sul tempo di stesura di programmi banali
    • Anonimo scrive:
      Re: test del vero utente linux
      - Scritto da: Anonimo
      Facciamo un test. Creiamo una applicazione
      in finestra che tramite database mi tenga i
      miei numeri di telefono. Vediamo. Sotto
      windows posso prendere visual basic 6 e
      farla in circa 10 minuti di orologio. Se poi
      la faccio in C# o VB.Net posso farla
      addirittura girare in una applicazione web e
      gestirla dal mio sito. Sempre 10 minuti.
      Creo quindi un pacchetto autoinstallante, 1
      minuto con visual studio. Darla ad un amico
      che la installa sempre in un minuto e ora
      può usarla anche lui.

      Ora tocca a voi, fatemi una applicazione
      identica in linux. Quanto tempo ci mettete?
      Siate onesti, veramente riuscite a farla
      uguale nello stesso tempo?Ho scritto una banca dati per gestione degli indirizzi e dei numeri di telefono. Usa come sorgente un flat file in formato testo con un minimo di codici di formattazione (un simbolo). E' uno script di bash che si appoggia a cat, grep e fmt per funzionare. Poi l'ho modificata e ho aggiunto la funzionalità per le keywords, così ci schedo pure i libri. Funziona sotto finestra? Beh, è in grado di funzionare in una consolle di X. Quanto ci ho messo? Non molto. Mi sono divertito? Moltissimo. Funziona? Sono un perfezionista, ma sì è usabile e fa quel che deve. Me la passi? Certo, è GNU/GPL. Però quando mi saro fatto un sito. Per ora c'è quella bizzarra normativa sul deposito legale dei siti del nostro Urbanissimo ministro della Cultura.
      • Anonimo scrive:
        Re: test del vero utente linux
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Facciamo un test. Creiamo una
        applicazione

        in finestra che tramite database mi
        tenga i

        miei numeri di telefono.

        Ho scritto una banca dati per gestione degli
        indirizzi e dei numeri di telefono.
        Poi l'ho modificata e ho aggiunto la
        funzionalità per le keywords,
        così ci schedo pure i libri.
        Sono sempre io. Volevo anche dire che per i numeri di telefono degli amici, IMHO un pezzo di carta accanto al telefono è la migliore banca dati. Se scrivi a matita puoi persino aggiornarlo senza riscrivere tutto. Lo so, lo so. Noi linari siamo dinosauri nell'animo.Vola, pinguino, vola!(linux)
      • Anonimo scrive:
        Re: test del vero utente linux
        testi di durabilità della soluzione: 0
        • Anonimo scrive:
          Re: test del vero utente linux
          - Scritto da: Anonimo
          testi di durabilità della soluzione: 0Se mi spiegi cosa voglia dire durabilità...è per caso un sinonimo di manutenibilità oppure...sw engineering fai da te (nel senso che non hai letto nemmeno un libro sull'argomento)... ahi ahi ahi
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            - Scritto da: Anonimo

            Se mi spiegi cosa voglia dire
            durabilità...
            è per caso un sinonimo di
            manutenibilitàAvevo pensato anche io la stessa cosa. Vorrei rispondere che con uno script c'è ben poco da manutenere. Lo avvii e lui legge il file, che anzi, magari fai prima a leggerto da solo. Al massimo puoi voler manutenere la sorgente dati: quando hai aggiunto a mano i nuovi recor, abbii il programma e dai il comando SORT_DATABASE, così te li ordina alfabeticamente. Se uno comincoia ad avere molte voci, è comodo; e come dicevo si fa prima ancora a mettersi gli indirizzi sun pezzo di carta. Invece con i libri il programma risulta comodissimo, perché riunifica in un'unica banca dati libri di autori soingoli, multipli, e riviste, facilitando lo spoglio. Devo dire che sono molto contento di questa cosa (ci ho già fatto sopra tre post): non sono un programmatore professionista, ed essere riuscito a scrivere un tool (programma forse è troppo) che fa quel che IO volevo grazie a strumenti aperti, il che rende lo script condivisibile e migliorabile, è una sensazione molto bella. Guglielmo Cancelli non potrà mai capirla.(linux)
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            Se mi spiegi cosa voglia dire

            durabilità...

            è per caso un sinonimo di

            manutenibilità

            Avevo pensato anche io la stessa cosa.
            Vorrei rispondere che con uno script
            c'è ben poco da manutenere. Lo avvii
            e lui legge il file, che anzi, magari fai
            prima a leggerto da solo. Al massimo puoi
            voler manutenere la sorgente dati: quando
            hai aggiunto a mano i nuovi recor, abbii il
            programma e dai il comando SORT_DATABASE,
            così te li ordina alfabeticamente. Se
            uno comincoia ad avere molte voci, è
            comodo; e come dicevo si fa prima ancora a
            mettersi gli indirizzi sun pezzo di carta.
            Invece con i libri il programma risulta
            comodissimo, perché riunifica in
            un'unica banca dati libri di autori
            soingoli, multipli, e riviste, facilitando
            lo spoglio. Devo dire che sono molto
            contento di questa cosa (ci ho già
            fatto sopra tre post): non sono un
            programmatore professionista, ed essere
            riuscito a scrivere un tool (programma forse
            è troppo) che fa quel che IO volevo
            grazie a strumenti aperti, il che rende lo
            script condivisibile e migliorabile,
            è una sensazione molto bella.
            Guglielmo Cancelli non potrà mai
            capirla.
            (linux)secondo me intendeva usabilitàintesa come interazione uomo macchina
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux

            secondo me intendeva usabilità
            intesa come interazione uomo macchinatutti liberi pensatori vedohint hint: aciD
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            - Scritto da: Anonimo
            hint hint: aciDcerto che tra lui con termini tipo "durabilità" (che vuol dire?) e te con questi hint criptici....cosa intendi dire, che la soluzione proposta non garantisce le proprietà acide? scusa, ma a me sembra che si scada nel ridicolo: non credi che l'utilizzo di un database sia sovradimensionato rispetto ad una RUBRICA TELEFONICA?
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            ma perchè dovete fare discorsi del tipo il database non va bene per la rubrica. Nella vita esiste il capo. Lui dice voglio la rubrica telefonica con il database. Usate quello che vi pare ma la voglio. Al lavoro. Voi andate a dirgli "veramente non va bene perchè così e così". Lui vi caccia prima che cominciate. Nella vita quando iniziate dovete solo obbedire. Quando la vostra rubrica sarà migliore di quella fatta da un altro dipendente comincierà a chiedere il vostro parere.produttività è fondamentale nel lavoro
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            - Scritto da: Anonimo
            ma perchè dovete fare discorsi del
            tipo il database non va bene per la rubrica.
            Nella vita esiste il capo. Lui dice voglio
            la rubrica telefonica con il database. Usate
            quello che vi pare ma la voglio.
            Al lavoro.
            Voi andate a dirgli "veramente non va bene
            perchè così e così".
            Lui vi caccia prima che cominciate. Nella
            vita quando iniziate dovete solo obbedire.Vabbé, tu continua a produrre programmini che pure un ragazzino di 16 anni li farebbe e valutare un linguaggio di programmazione e relativo ide sul tempo di sviluppo di tali programmi. Mi raccomando, per fare il tuo lavoro meglio degli altri programmatori, digli che la sua idea è fantastica, anzi, se puoi permetterti di dargli un suggerimento, digli che forse un cluster oracle per gestire una rubrica è l'ideale.
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            ecco il risultato, gente che sclera. Io ho fatto una domanda. Se lo sai fare dimmi come (qualcuno mi ha dato ottimi sistemi) altrimenti o non rispondermi o di non so farlo. La rubrica è l'esempio. Se devo realizzare una grossa applicazione e non ho bisogno di grosse ottimizzazioni hardware posso con gli strumenti micro dimezzare il lavoro, trovare facilmente gente sufficientemente preparata e realizzare qualcosa. Con linux faticherei a trovare e probabilemente ci metterei 3 anni, risultato la concorrenza mi affonda.
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            - Scritto da: Anonimo
            ecco il risultato, gente che sclera. Io ho
            fatto una domanda. Se lo sai fare dimmi come
            (qualcuno mi ha dato ottimi sistemi)
            altrimenti o non rispondermi o di non so
            farlo. La rubrica è l'esempio. Se
            devo realizzare una grossa applicazione e
            non ho bisogno di grosse ottimizzazioni
            hardware posso con gli strumenti micro
            dimezzare il lavoro, trovare facilmente
            gente sufficientemente preparata e
            realizzare qualcosa. Con linux faticherei a
            trovare e probabilemente ci metterei 3 anni,
            risultato la concorrenza mi affonda. La risposta come vuoi tu è usare le Qt. Ci stai 10 minuti esattamente come con visual studio. Se vuoi questo, ovvero a domanda stupida risposta stupida (visto che le critiche alla domanda non le capisci)...
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            allora apposto, test superato. Quello che volevo è semplicemente capire perchè molta gente critica microsoft non sapendo neanche usare linux.
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux

            ecco il risultato, gente che sclera. Io ho
            fatto una domanda.Non c'entro niente con l'altro, masicuramente sclero quando vedo delsarcasmo inutile sulla durabilità.
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux

            certo che tra lui con termini tipo
            "durabilità" (che vuol dire?) e te
            con questi hint criptici....durabilità, dall'inglese durability, non so se sia correttissimo in Italiano ma è sicuramente usato ed accettato anche nel contesto accademico quindi non ti preoccupare di farmi le pulci sul cosa vuole dire, studia.
            cosa intendi dire, che la soluzione proposta
            non garantisce le proprietà acide?In particolare quella proprietà, le altre potrebbero anche essere non contemplate nei requisiti, quella però è fondamentale per non perdere i dati (ma potrebbero anche essere specificate, nel qual cosa la prima soluzione continua da essere valida).
            scusa, ma a me sembra che si scada nel
            ridicolo: non credi che l'utilizzo di un
            database sia sovradimensionato rispetto ad
            una RUBRICA TELEFONICA?A me sembra che nella soluzione evidenziata nel post iniziale ci fosse scritto che l'applicazione accede ad un database.Tu e gli altri vi siete messi a fare i grandoni deridendo i termini, la prossima volta leggete meglio anche se è tardi.
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            - Scritto da: Anonimo

            certo che tra lui con termini tipo

            "durabilità" (che vuol dire?) e
            te

            con questi hint criptici....

            durabilità, dall'inglese durability,
            non so se sia correttissimo in Italiano ma
            è sicuramente usato ed accettato
            anche nel contesto accademico quindi non ti
            preoccupare di farmi le pulci sul cosa vuole
            dire, studia.
            Per l'esattezza si traduce in persistenza. Al limite durevolezza, se si vuole mantenere la D. Ed in nessun libro l'ho mai visto tradotto come durabilità. Ma qua l'italiano è un'opzione ed allora si creano neologismi su neologismi perché non si sa tradurre. E che non fanno capire dove uno vuol arrivare.

            cosa intendi dire, che la soluzione
            proposta

            non garantisce le proprietà
            acide?

            In particolare quella proprietà, le
            altre potrebbero anche essere non
            contemplate nei requisiti, quella
            però è fondamentale per non
            perdere i dati (ma potrebbero anche essere
            specificate, nel qual cosa la prima
            soluzione continua da essere valida).
            Ma dai, non andiamo sul ridicolo. Qua stiamo scomodando le proprietà acide per la gestione di una rubrica! E parlava di "gestirmi", quindi pure monoutente. Se uno ti dicesse di usare un elicottero privato per andare a fare la spesa dietro l'angolo di casa non gli rideresti in faccia? Qua siamo allo stesso livello.

            scusa, ma a me sembra che si scada nel

            ridicolo: non credi che l'utilizzo di un

            database sia sovradimensionato rispetto
            ad

            una RUBRICA TELEFONICA?

            A me sembra che nella soluzione evidenziata
            nel post iniziale ci fosse scritto che
            l'applicazione accede ad un database.
            Chiamasi requisito non funzionale. Ce ne possono essere di intelligenti e di stupidi. Quello proposto era decisamente stupido.
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux

            Per l'esattezza si traduce in persistenza.
            Al limite durevolezza, se si vuole mantenere
            la D.NO!Durability si traduce in durevolezza e durabilità.Persistence si traduce in persistenza.Fatti un giretto su logos va....
            Ed in nessun libro l'ho mai visto
            tradotto come durabilità.E' vero, generalmente è così, ma se ti guardi un po' in giro scoprirai che è usato (oltre che corretto).
            Ma qua
            l'italiano è un'opzione ed allora si
            creano neologismi su neologismi
            perché non si sa tradurre. E che non
            fanno capire dove uno vuol arrivare.Sei solo un gran maleducato, informati prima di venire a pontificare va.
            Ma dai, non andiamo sul ridicolo.
            Qua stiamo scomodando le proprietà
            acide per la gestione di una rubrica!cosa ci trovi di ridicolo? I dati sono dati e l'importanza la stabilisce chi ne fruisce.Inoltre questo è un esempio banale, ma il discorso vale per la rubrica come per qualunque altra cosa. La rubrica aiuta a concettualizzare.
            E parlava di "gestirmi", quindi pure monoutente.E per questo ho tirato in ballo solo la Ddelle proprietà.
            Se uno
            ti dicesse di usare un elicottero privato
            per andare a fare la spesa dietro l'angolo
            di casa non gli rideresti in faccia? Qua
            siamo allo stesso livello.Io rido in faccia ai maleducati saccenti che vengono a pontificare in questi forum.
            Chiamasi requisito non funzionale. Ce ne
            possono essere di intelligenti e di stupidi.
            Quello proposto era decisamente stupido.E' un esempio, e come tutti gli esempi sono semplificazioni (applicazioni semplici con requisit che normalmente non si applicherebbero, ma si danno lo stesso per rendere l'idea).
        • Anonimo scrive:
          Re: test del vero utente linux
          - Scritto da: Anonimo
          testi di durabilità della soluzione: 0test del tuo test di "durabilità" della soluzione: 0
    • Anonimo scrive:
      Re: test del vero utente linux
      Non puoi darla al tuo amico, devi prima chiedergli che OS usa. Ah gia', il tuo amico non e' un informatico ne' un esperto, sicuramente avra' windows 95.Prendi un Programmatore e fagliela fare in Java. Funzionera' su tutti i PC del mondo. Poi, con altri 2 minuti di tempo, fara' le modifiche necessarie per usare l'RMS e ridimensionare le dimensioni della finestra affinche' sia utilizzabile anche sui cellulari. Come? Con Java 2 Micro Edition.Ora, in 12 minuti, non credi che abbia ottenuto qualcosa di piu' versatile del tuo software uni-piattaforma?Per installare Visual C# Dot Net occorrono 3 cd e tanto spazio libero, per installare J2SDK moooolto meno. Ed e' pure free, vedi un po' tu ...Se sai usare solo Visual C#, un po' e' anche colpa tua
    • Anonimo scrive:
      Re: test del vero utente linux
      - Scritto da: Anonimo
      Facciamo un test. Creiamo una applicazione
      in finestra che tramite database mi tenga i
      miei numeri di telefono. Vediamo. SottoDunque... vediamo....--8
      • Anonimo scrive:
        Re: test del vero utente linux
        - Scritto da: Anonimo

        Dunque... vediamo....

        --8
        nedit rubrica.txt

        011-12345678 Tizio
        02-987654321 Caio
        339-338337336 Sempronio (Trademark by AMD...)

        --8
        Totale: 30 secondi.
        Ti ho battuto per 9 minuti e mezzo...

        (troll)
        • Anonimo scrive:
          Re: test del vero utente linux
          in pratica hai fatto una rubrica con il blocco note.molto ingegnoso, non c' che dire:D:D:D
    • Anonimo scrive:
      Re: test del vero utente linux
      come vedete mi avete proposto soluzioni con file testuali (che non è quello che ho chiesto), addirittura qualcuno con riga di comando. Chi ha detto Java è l'unico che è stato intelligente. Il test è stato fatto. Grazie per i risultati. Per la cronaca, programmo nei seguenti linguaggiC++,C#, tutti i .net, Java, ML, asm,sql, flash, HTML,php,jsp,visual basic, pascal, e non ricordo quale altri. Tutti molto bene. Scelgo spesso C# per fare applicazioni windows integrandolo con oggetti Com fatti in C++. In questo modo realizzo programmi che posso vendere, stabili e affidabili. Vedo che chi parla non sa neanche far apparire una finestra. Statevi zitti, parlate di essere esperti linux e lo usate per vedere la posta prendendo in giro gli utonti windows. che ridere
      • Anonimo scrive:
        Re: test del vero utente linux

        Statevi zitti,
        parlate di essere esperti linux e lo usate
        per vedere la posta prendendo in giro gli
        utonti windows. che ridereSe è per questo anche io programmo con qualsiasi cosa mi capita a tiro, ma non per questo azzittisco gli altri...
        • Anonimo scrive:
          Re: test del vero utente linux
          parlo in generale. Comunque quello che volevo dire nel mio discorso iniziale è che linux, vuoi per mancanza di tools seri o per la complessità della sua GUI, d'installazione etc un sistema molto difficile da programmare che può dare le sue soddisfazioni ma è fortemente antieconomico. La rubrica telefonica che ho proposto è uno dei lavori minimi richiesti in molte aziende che addirittura non centrano nulla con la programmazione, perchè magari si devono creare tools in modo veloce per fare calcoli scientifici e non si può perdere tempo con architteture complesse, quindi visual basic (per questo la gente seria usa office in cui puoi programmare anche in vb). Linux è stabile e veloce ma richiede programmatori esperti per scrivere la minima frescaccia (non potete dire di fare applicazioni se usate le linee di comando). Questo è antieconomico. Perchè programmare i giochi pc è più economico di farli per console? Ho programmato per gameboy advance, si lavora quasi in assembler ed è una console idiota. La gente addirittura aveva paura dell play2 come architettura. Windows semplifica con i suoi strumenti. Se mi mettessero qualcosa di potente come visual studio.net in linux passerei ma finchè office e visual studio si troveranno su windows da qui non mi schiodo.
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            [snip]
            Se mi
            mettessero qualcosa di potente come visual
            studio.net in linux passerei ma
            finchè office e visual studio si
            troveranno su windows da qui non mi schiodo.Beh, io sono ancora più viziato ed impigrito dalla semplicità di Delphi e solo al pensiero di dover costruire un interfaccia da codice mi vengono i brividi... ;)Ma qui si sta parlando dell'atteggiamento di Microsoft da "dominatrice del mondo".Non ci puoi passare sopra soltanto perchè i suoi strumenti di sviluppo sono migliori. :s
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            Io dico che invece domina i mercati in cui eccelle. Winamp non ha un minimo di pubblicità mentre microsoft fa lo spot del bambino che suona la tavola. Se il nelson vende più o meno del dixan non è perchè sia migliore o peggiore (alla massaia ma sai quanto gliene frega), ma perchè pubblicizza il suo lavoro. Winamp dovrebbe farsi più pubblicità in modo da incuriosire l'utente che provandolo può scoprire quale sia il sistema migliore. Real player è molto più publicizzato utilizzando furbamente anche un sistema proprietario (rm). Infatti real player lo trovi installato su tutti i PC, winamp molto di meno ed è comunque conosciuto. Leggo altre marche che non conosco, come pretendono di stare dietro. Pubblicità, inserite banner sui siti, cercate di accaparrarvi posto sui dischi driver, createvi un formato idiota che sapete leggere solo voi. Questo è mercato.
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux

            Io dico che invece domina i mercati in cui
            eccelle. Winamp non ha un minimo di
            pubblicità mentre microsoft fa lo
            spot del bambino che suona la tavola. [snip]Sinceramente... il problema sarebbe per Winamp? :oIl fatto che nonostante il record di vendite di Windows XP stiano portando avanti una campagna mondiale di discredito verso l'open-source non ti dice nulla?Il fatto che stiano spingendo in Europa i brevetti del software per fare fuori la concorrenza di open-source e piccole/medie imprese?Ancora nulla?Che devono fare per destare preoccupazione?Uccidere il presidente degli USA e insediare il management Microsoft alla Casa Bianca?Dimenticavo... non ne hanno bisogno perchè dopo l'elezione di Bush hanno perfino scongiurato la pagliacciata dello smembramento... :D
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            - Scritto da: Anonimo
            perchè magari
            si devono creare tools in modo veloce per
            fare calcoli scientifici Che "calcoli scientifici" fai? Giusto per sapere...
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            telemetria, sistemi di intercettazione radar (per studi non in tempo reale), in pratica calcoli che permettono di stabilire come realizzare al meglio apparecchiature radar. Si studia ad esempio un terreno con un dispositivo virtuale, si vede quello che serve (facendo le test ed esperimenti) e si decide come sistemare il radar nella zona. Dato che ogni 6 mesi esce un nuovo accrocco antiradar bisogna modificare il programma, che è un insieme immenso di pulsanti e textbox con un bel picture dei grafici.
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            - Scritto da: Anonimo
            molto difficile da programmare Molto difficile da programmare ?? Ma se per compilare un file basta scrivere gcc nomefile; mentre Visual Studio pretende di aprire un progetto e crea almeno 4 - 5 file per compilarne uno !
            perchè magari
            si devono creare tools in modo veloce per
            fare calcoli scientifici e non si può
            perdere tempo con architteture complesse,E tu vuoi far fare calcoli scentifici in VB ??? Ti converra' prendere un cluster di computer :-)
            quindi visual basic (per questo la gente
            seria usa office in cui puoi programmare
            anche in vb). Linux è stabile e
            veloce ma richiede programmatori esperti per
            scrivere la minima frescaccia (non potete
            dire di fare applicazioni se usate le linee
            di comando). Quello che dici dimostra che sei fortemente dipendente dalle interfacce; molto spesso inutili parlando di programmi scentifici seri.
            Perchè programmare i giochi pc
            è più economico di farli per
            console? Ho programmato per gameboy advance,
            si lavora quasi in assembler ed è una
            console idiota. La gente addirittura aveva
            paura dell play2 come architettura. Windows
            semplifica con i suoi strumenti. Semplifica tanto che per compilare 1 file te ne crea altri 5 !!!Se mi
            mettessero qualcosa di potente come visual
            studio.net in linux passerei ma
            finchè office e visual studio si
            troveranno su windows da qui non mi schiodo.E stacci, meno lamerozzi atterrano su linuz meglio e'.
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            complimenti per l'analisi fatta. Il problema che per compilare un file ne crea 5 è davvero illuminante (ma sai come funziona il C). Inoltre hai ragione, chi si dovrà sedere al tavolo e far funzionare il programma deve usare la linea di comando. Mettere un comodo pulsante non è professionale :'(
      • Anonimo scrive:
        Re: test del vero utente linux
        - Scritto da: Anonimo
        come vedete mi avete proposto soluzioni con
        file testuali (che non è quello che
        ho chiesto), addirittura qualcuno con riga
        di comando. Ma non ti senti ridicolo ad usare un database per gestire la tua rubrica del telefono? Ma è questo che vuol dire programmare con visual studio? ma secondo te questo è un applicativo degno di essere chiamato tale e che fa testo? Qualcosa riguardante, che ne so, trattamento di segnali, sistemi esperti, data mining, intelligenza artificiale, ottimizzazione di risorse.... no? Forse che non ce la fai tu?
        • Anonimo scrive:
          Re: test del vero utente linux
          ma il concetto di "fare un esempio" vi dice qualcosa?Volete che vi faccia l'esempio di quello faccia?Realizzatemi una applicazione che calcoli le frequenze radar su un territorio formate da curve di livello. Fate una simulazione che calcoli l'intercettazione di diverse apparecchiature, salvate i dati in un database e stampateli in grafici opportuni in modo che l'ingegnere di telecomunicazioni possa avere i dati per la realizzazione del radar sul territorio.così va meglio? Mi serve pronto in 3 mesi, deve essere facile da usare, stabile (nel senso che non crasha perchè un deficiente si è dimenticato di risolvere un puntatore) e facilmente modificabile perchè fra un mese esce un nuovo apparecchio che rimette tutto in discussione.
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            - Scritto da: Anonimo
            ma il concetto di "fare un esempio" vi dice
            qualcosa?
            Volete che vi faccia l'esempio di quello
            faccia?
            Realizzatemi una applicazione che calcoli le
            frequenze radar su un territorio formate da
            curve di livello. Fate una simulazione che
            calcoli l'intercettazione di diverse
            apparecchiature, salvate i dati in un
            database e stampateli in grafici opportuni
            in modo che l'ingegnere di telecomunicazioni
            possa avere i dati per la realizzazione del
            radar sul territorio.
            così va meglio? Mi serve pronto in 3
            mesi, deve essere facile da usare, stabile
            (nel senso che non crasha perchè un
            deficiente si è dimenticato di
            risolvere un puntatore) e facilmente
            modificabile perchè fra un mese esce
            un nuovo apparecchio che rimette tutto in
            discussione.Facile in C - C++ con interfaccia Web su Linux... E allora ?? Qual e' il problema ?
        • Anonimo scrive:
          Re: test del vero utente linux

          Ma non ti senti ridicolo ad usare un
          database per gestire la tua rubrica del
          telefono?I database dovrebbero essere utilizzatiper gestire qualunque cosa, è il modellologica che conta e chiunque realizza unsoftware dovrebbe conoscerlo molto bene.Invece giù tutti di API per fare qualunquetipo di fesseria.Anche il tuo file ascii delimitato del pifferoè un database, sicuramente a livello logico.E' solo una implementazione fisica il file,avere un database "on top of it" ti permettedi avere qualche garanzia in più perquanto riguarda l'integrità (anche logicacon i vincoli) con uno sforzo miserrimo(ma le API più disparate per fare robainutile sono molto più interessanti).AH dimenticavo: se non c'é neppure undbms del piffero su cui fare girare latua rubrichetta, puoi sempre usare berkleydb che è gratis, leggero ed un buonpunto di partenza.Oppure puoi fare come tutti quelli chenon hanno capito nulla dagli ultimi 30anni di data management ed usare unbel file XML tanto anche quello ha struttura... ROTFL!
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            - Scritto da: Anonimo

            Ma non ti senti ridicolo ad usare un

            database per gestire la tua rubrica del

            telefono?

            I database dovrebbero essere utilizzati
            per gestire qualunque cosa, è il
            modello
            logica che conta e chiunque realizza un
            software dovrebbe conoscerlo molto bene.

            Invece giù tutti di API per fare
            qualunque
            tipo di fesseria.Ma che api e api usi? Per cosa? Per aprire un file di testo?un include ed hai risolto il problema. Sempre che tu non intenda come API anche le più banali librerie del C o di qualsiasi altro linguaggio di programmazione.

            Anche il tuo file ascii delimitato del
            piffero
            è un database, sicuramente a livello
            logico.
            Certo, ma vedi, c'è una bella differenza tra il dire che qualsiasi cosa dove memorizzi i dati in maniera strutturata è un database ed un RDBMS, che è la cosa di cui si parlava implicitamente all' inizio.
            E' solo una implementazione fisica il file,
            avere un database "on top of it" ti permette
            di avere qualche garanzia in più per
            quanto riguarda l'integrità (anche
            logica
            con i vincoli) con uno sforzo miserrimo
            (ma le API più disparate per fare roba
            inutile sono molto più interessanti).Non hai capito che ci sono casi (molti) in cui un RDBMS va benissimo per memorizzare i dati, appunto perché mi assiucra l'integrità, rispetto di vincoli logici etc. e casi in cui è assolutamente inutile. Utilizzare un RDBMS per una rubrica del telefono monoutente è uno spreco incredibile di risorse! Cosa vuoi normalizzare? A, scusa, una stessa persona potrebbe essere in relazione con più numeri di telefono. Miseriaccia, se non potessi usare la potenza di oracle non saprei come fare. Oppue che ci sono talmente tanti utenti connessi che uno potrebbe cancellare un record mentre un altro lo sta aggiornando? Non scadiamo nel ridicolo.
            Oppure puoi fare come tutti quelli che
            non hanno capito nulla dagli ultimi 30
            anni di data management ed usare un
            bel file XML tanto anche quello ha
            struttura... ROTFL!Anche usare sempre e comunque un RDBMS, senza guardare quali siano le reali esigenze, fa ridere
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            immaginati se poi utilizzo la rubrica per gestire i nominativi di una azienda intera o di clienti, è sempre una rubrica ma servono 10000 nominativi. Magari con 10 cambi (indirizzo,partita IVA). La rubrica viene fatta con il file di testo. Addio, siete finiti. Non ho detto database mica per fare il simpatico. Inoltre se fossi un cliente mi rispondereste così?che non volete usare il database?
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            - Scritto da: Anonimo
            Solita ignoranza dei fondamenti della
            gestione dei dati. Un database è un
            concetto logico. La tecnologia relazionale
            è un modello teorico. Gli RDBMS sono
            un implementazione fisica di un modello
            teorico per gestire un modello logico di
            dati. Ed allo stato attuale sono anche delle
            implementazioni ben lontane dal modello
            teorico.
            Io farò il saccente e sarò maleducato ma mi sembra che tu mi batta su tutti i fronti. Guarda che, anche se non lo hai capito o mi sono espresso male, diviso chiaramente il modello logico (i dati struttrati) dal RDBMS
            I dati senza struttura non hanno nessun
            significato intrinseco, dobbiamo sempre
            fornire la semantica per interpretarli.
            Allora diventano un database. Un file
            strutturato in qualunque modo è un
            database quando sappiamo la semantica per
            interpretarlo.
            Mi sembra che, tranne quando parli con gente che ne è a digiuno, sia implicito questo passaggio. Forse dovevo trattarti da ignorante in materia?

            Cosa vuoi normalizzare?

            Eh già perché un database
            è solo una questione di
            normalizzare... beata ignoranza
            No, non è solo questione di normalizzare, e chi lo ha detto mai? Ma qua il saccente che pontifica ero io o sei tu?

            Tu stai scadendo nel ridicolo con esempi
            estremi che nessuno si è sognato
            nemmeno di toccare.

            Se conoscessi la teoria, oltre che la misera
            pratica, capiresti esattamente cosa è
            un database, come valutare la completa
            offerta di motori per la gestione dei dati e
            non ti faresti (come fanno molti)
            infinocchiare dalle "buzzword" dei crociati
            dell'XML.
            Come prima cosa mi sembra che tu ce l'abbia un po' troppo con XML, e questo (assieme al resto dei tuoi messaggi) mi fa pensare che la tua opinione sia di parte (si sta facendo molta ricerca, anche in ambito accademico, sulle query xml). Come seconda, la pratica non è misera. Ah, ma giusto, ero io il saccente che pontifica. Come terzo, di teoria delle basi di dati mi sono fatto diversi corsi, ho letto diversi libri e sto tuttora imparando. Quindi ti puoi risparmiare consigli non richiesti.

            Anche usare sempre e comunque un RDBMS,

            senza guardare quali siano le reali

            esigenze, fa ridere

            Se hai dei dati utilizzare sistemi che
            implementano (o dovrebbero implementare) lo
            stesso modello teorico è più
            che desiderabile (oltre che più
            semplice).Non è assoultamente detto che il modo più naturale per esprimere i tuoi dati si ottenga abracciando il modello relazionale. Spesso li si fa entrare a forza, perché appunto si ritiene a prescindere da tutte le altre considerazioni che per memorizzare dei dati serva un rdbms. Scusa ma da quello che scrivi mi sembra tu appartenga a questa categoria di persone.
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux

            Come prima cosa mi sembra che tu ce l'abbia
            un po' troppo con XML, e questo (assieme al
            resto dei tuoi messaggi) mi fa pensare che
            la tua opinione sia di parte (si sta facendo
            molta ricerca, anche in ambito accademico,
            sulle query xml).XML si basa su un modello che ritenuto inefficace trentanni fa, non c'è molto altro da dire se non che è estremamente prolisso anche come formato, che il modello teorico non mi pare sia mai stato definito fino in fondo e che è stato lo stesso Codd a definire cosa fosse un modello dati anche per quello gerarchico-reticolare.
            Come seconda, la pratica non è misera.daccordo non è misera in senso assoluto, non è quello che volevo dire, ma lo stato attuale in campo gestione dei dati è varamente un misero calderone di porcate.
            Come terzo, di
            teoria delle basi di dati mi sono fatto
            diversi corsi, ho letto diversi libri e sto
            tuttora imparando. Quindi ti puoi
            risparmiare consigli non richiesti.Bene allora spero che ti faccia affidamento anche a dei buoni libri sui concetti (non solo la tecnologia relazionale ma anche come funzionano la teoria per l'accesso concorrente ecc. ecc.) e non solo i soliti libri su come implementare database con i vari rdbms perché sono veramente troppo riduttivi.
            Non è assoultamente detto che il modo
            più naturale per esprimere i tuoi
            dati si ottenga abracciando il modello
            relazionale.Il modo più semplice, e conveniente, per farlo con mezzi informatici è quello, quello più naturale _per gli esseri umani_ alle volte può anche essere quello gerarchico.Di sicuro quello più comodo per gli sviluppatori è quello gerarchico, ma le basi di dati devono essere progettate per durare nel tempo ed essere facilmente estendibili ed è proprio in quel campo che il modello relazionale eccelle.Le applicazioni passano, i dati rimangono.
            Spesso li si fa entrare a
            forza, perché appunto si ritiene a
            prescindere da tutte le altre considerazioni
            che per memorizzare dei dati serva un rdbms.se non applichi un modello logico ai tuoi dati stai solo scrivendo dei numeri da qualche parte e la semantica per interpretarli è cablata nel codiceo peggio ancora deve essere inferita dai dati stessi.Nel caso della rubrica, ma una moooolto semplice, questo può anche essere fatto ma appena diventa un pò più complessa voglio vedere.L'utilizzo di un RDBMS non implica uno sforzo terrificante per un problema cosa banale, semmai potremmo parlare del fatto che un tale servizio costi o sia elefantiaco, ma ormai ci sono soluzioni di ogni tipo.Inoltre un motore di quel tipo te lo troverai nel sistema operativo in futuro.
            Scusa ma da quello che scrivi mi sembra tu
            appartenga a questa categoria di persone.Guarda il mio file con le password per siti, carte di credito ecc. è un file di testo a campi fissi con le intestazioni dei campi in testa.Me lo gestisco solo con gpg.exe e textpad.exe, fisicamente è come se fosse una grossa tabellona (denormalizzata?)Ma questo non significa che non sia già strutturata logicamente in maniera molto più raffinata.E' solo che quella struttura è nella mia testa, ma quando mi metterò a fare quattro finestrelle per gestire quei dati sicuramente lo farò utilizzando uno strato di astrazione che mi _presenti_ quei dati in formato più riccoPoi poco mi frega se nel file system rimangono come un file a campi fissi, come un XML oppure come un file proprieterio di Oracle (che non userò sicuramente per una cosa di questo genere), quello che conta è programmare contro un modello molto efficace per la gestione dei dati come quello relazionale.Magari lo faccio linkandomi BerkleyDB, magari mi scrivo un ole-db provider solo per il mio filettino, non fa differenza.
    • Anonimo scrive:
      Re: test del vero utente linux
      - Scritto da: Anonimo
      Facciamo un test. Creiamo una applicazione
      in finestra che tramite database mi tenga i
      miei numeri di telefono. Vediamo. Sotto
      windows posso prendere visual basic 6 e
      farla in circa 10 minuti di orologio. Se poi
      la faccio in C# o VB.Net posso farla
      addirittura girare in una applicazione web e
      gestirla dal mio sito. Sempre 10 minuti.
      Creo quindi un pacchetto autoinstallante, 1
      minuto con visual studio. Darla ad un amico
      che la installa sempre in un minuto e ora
      può usarla anche lui.

      Ora tocca a voi, fatemi una applicazione
      identica in linux. Quanto tempo ci mettete?
      Siate onesti, veramente riuscite a farla
      uguale nello stesso tempo?assolutamente si'. Con kdevelop e C++/Qt in 5 minuti.In python in 2 minuti.questo ovviamente da' per scontato che tu conosca gia' le API di cui hai bisogno, ma non credo che visual studio usi le API al posto tuo.altrimenti a cosa serve quel tomo da 1800 pagine che mi sono ingurgitato su C#?
      • Anonimo scrive:
        Re: test del vero utente linux
        in 2 minuti riesci a fare la finestra ed agganciarti al database anche per un utente alle prime armi? test superato, sei un vero utente linux:Dcomunque il tomo da 1800 pagine che ti sei ingurgitato in C# è moneta sprecata, tutto ti viene detto nella guida e quando fai il puntino per scorrere le funzioni della classe. I tomi servono solo per spillare soldi, salvo quelli di livello avanzato, perchè contengono troppo poco
        • Anonimo scrive:
          Re: test del vero utente linux
          - Scritto da: Anonimo
          in 2 minuti riesci a fare la finestra ed
          agganciarti al database anche per un utente
          alle prime armi?
          test superato, sei un vero utente linux:Dcioe'... non capisco. Cosa c'entra l'utente alle prime armi?se e' un utente alle prime armi un'applicazione del genere la fa con un IDE che costa piu' del computer? Tu pensi che un utente alle prime armi faccia questo tipo di applicazione? Tu pensi che un utente alle prime armi si ponga il problema di fare un'applicazione del genere, o la scarichi da internet?Dov'e' il problema, la difficolta' human-time consuming nel fare una query sql e stampare i risultati in una listbox? Oltretutto le Qt si agganciano ai db gia' in modo nativo, e da python hai un hook totale verso le qt, senza scomodare altri moduli o lanciarti in conversioni (che tra l'altro probabilmente non sono manco necessarie)
          comunque il tomo da 1800 pagine che ti sei
          ingurgitato in C# è moneta sprecata,
          tutto ti viene detto nella guida e quando
          fai il puntino per scorrere le funzioni
          della classe. I tomi servono solo per
          spillare soldi, salvo quelli di livello
          avanzato, perchè contengono troppo
          poconon so, ma io imparo meglio da libri che da documentazione online, e questo vale ora in particolar modo che mi sto ingurgitando tutta la manualistica di xcode (osx). Salta qui salta la'... du palle.
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            di utenti alle prime armi c'è ne sono ovunque, anche nell'utente esperto. Esempio. Io realizzo una applicazione (simulatore radar, mica roba da ridere scritto in C e asm). Devo realizzare un tools che si appoggia e mi serve presto. Ti metti te ad aspettare 2 giorni perchè sia pronto? Invece prendo l'ide di visual studio lo faccio in 2 secondi e poi magari dopo lo raffino in linguaggi di più alto livello. Utilizzo spesso visual basic per fare i test di fattibilità (se funge in visual basic in C++ andrà ancora meglio). Tieni presente che il visual basic è il linguaggio più usato al mondo per questo, perchè servono applicativi rapidi. Su linux è tutto più lungo quindi più costoso. Di conseguenza si punta solo su certi tipi di applicativi e dato che linux è famoso come server tutti ci danno giù. Il pregio di linux è la modularità ed il fatto che puoi ricompilarlo come ti serve.
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            - Scritto da: Anonimo
            Da dove nasce tutto questo odio,
            dall'invidia forse, un ragazzino che con
            poche persone ha creato un impero. Anche gli
            altri potevano usare gli stessi mezzi e non
            ci sono riusciti. Microsoft è il top,
            le altre sono rivali che cercano nei
            mezzucci della legge di sopravvivere. Chi sa
            fare vende.Immagino che nasca dal fatto che Bill ci propina come sistema operativo una spazzatura, questo e' prossibile grazie al fatto che dispone di un'infinito numero di commerciali a cui probabilmente fa anche scrivere il codice.
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            non capisco dove sia questa spazzatura.WindowsXp è stabilissimo, ho amici che lo spengono solo quando devono riavviarlo dopo aver installato i driver, in pratica una volta ogni 15/20 giorni. La gente lo maltratta fino al midollo installando e disinstallando la roba a casaccio. Io sto semplicemente attento a quello che installo, uso un firewall (neanche di marca conosciutissima), e le utilities e quando disinstallo una cosa vado a controllare se mi ha rimosso tutto. Risultato, non ho mai dovuto resettare. Con il task manager isolo le applicazioni che si bloccano. Programmo a basso livello con hardware video (directX con tutte le tecnologie disponibili), uso assembler, gioco. Stabilissimo. Windows non è instabile di suo, sono le applicazioni ad essere instabili e dato che windows viene usato come pungiball facendo le peggiori installazioni di 3000 applicazioni dite che è instabile. Su linux per installare una cosa è una tragedia, questo lo rende stabile, fate meno cose. Se linux venisse trattato come windows crasherebbe, magari meno ma lo farebbe. Linux viene usato come server, fa solo quello. Ritengo che il windows XP sia un sistema eccellente, stabile, gradevole, semplice. Questo i programmatori non capisco, la semplicità e Gates punta su questo e fa bene.
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            - Scritto da: Anonimo
            non capisco dove sia questa spazzatura.
            WindowsXp è stabilissimo, ho amici
            che lo spengono solo quando devono
            riavviarlo dopo aver installato i driver, in
            pratica una volta ogni 15/20 giorni. Ammazza!Ma non hanno di meglio da fare che buttar su hw ogni 15/20 giorni?Che campano di aria?E se aggiorni il Norton, se installi service pack e patch critiche varie?
            La gente lo maltratta fino al midollo
            installando e disinstallando la roba a
            casaccio. E sara' pur libera di farlo, visto che anche i tuoi amichetti installano periferiche ogni 15/20 giorni, no?In fondo che ci vuole ad installare/disinstallare un sw su uindos?Ah, pero' ogni tanto mi parte una BSOD perche' sbaglio installando troppi sw e/o hw.Scusa, ma il pc di chi e', di Bigheis o mio?Ed un manuale per il corretto e stabile utilizzo di uindos?Ah, scusa non c'e'!No, c'e' invece: la guida in linea! ROTFL!
            Io sto semplicemente attento a
            quello che installo, uso un firewall
            (neanche di marca conosciutissima), e le
            utilities e quando disinstallo una cosa vado
            a controllare se mi ha rimosso tutto.Ah, allora non e' cosi' facile installare/disinstallare un sw e/o hw su uindos, bisogna stare attenti.Aaah!Uindos allora non e' a prova di utonto come si suol dire!
            Risultato, non ho mai dovuto resettare. Con
            il task manager isolo le applicazioni che si
            bloccano. Isolo?Semmai killo!
            Programmo a basso livello con
            hardware video (directX con tutte le
            tecnologie disponibili), uso assembler,
            gioco. Stabilissimo. Windows non è
            instabile di suo, sono le applicazioni ad
            essere instabili e dato che windows viene
            usato come pungiball facendo le peggiori
            installazioni di 3000 applicazioni dite che
            è instabile. E' il prezzo da pagare per dare l'informatica agli utonti.Se invece all'acquisto un pc fosse corredato anche di un manuale all'uso come qualsiasi altro elettrodomestico...
            Su linux per installare
            una cosa è una tragedia, questo lo
            rende stabile, fate meno cose. Se linux
            venisse trattato come windows crasherebbe,
            magari meno ma lo farebbe. Per te e' una tragedia!Io vado a colpi di apt-get e tutto fila liscio come l'olio.
            Linux viene usato
            come server, fa solo quello. Tu (ma ho dei dubbi!) ci fai solo quello.Io da casa ci navigo, scarico posta (e me ne fotto dei worm!), ascolto musica, guardo dvd, masterizzo, ecc...
            Ritengo che il
            windows XP sia un sistema eccellente,
            stabile, gradevole, semplice. Questo vale per te, solo per te!Io ho diversi clienti che venivano da uindos 9x; per fargli capire Ctrl+Alt+Canc, nome utente, password, risorse di rete, ecc... ce ne e' voluto (ed ancora ce ne vuole, purtroppo!)
            Questo i
            programmatori non capisco, la
            semplicità e Gates punta su questo e
            fa bene.Ale', e' arrivato il genio dell'informatica!Capite tutto solo tu e tuo zio Bigheis, allora!Stallman, Raymond, Torvalds, Tanenbaum, ecc... sono invece degli emeriti idioti, ladri e fannulloni al vostro cospetto, come no!Bigheis punta solo al monopolio pressoche' assoluto di ogni realta' informatizzabile per mantenere lo status quo, in barba alla facilita', sicurezza e stabilita' dei sistemi.Se adesso implementera' API e tool di sicurezza sui prossimi aggiornamenti e SO e' solo perche' qualcosa si e' mosso grazie proprio alla concorrenza in ambito sicurezza che Linux e la comunita' del FOSS propongono.Tanto per capirci, applicativi di terze parti anche freeware per il blocco di popup e script sono presenti in Rete da tempo immemore, ma M$ li integrera' solo col SP2 di WinXP; un po' lentina, non ti pare?M$ impone le proprie tecnologie ad un mercato drogato dalla sua illecita onnipresenza, edificata e consolidatasi negli anni con la complicita' dei produttori di hw.Vai a fare il PR di Redmond da un'altra parte, trollazzo dei miei maroni!
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            - Scritto da: Anonimo

            Stallman, Raymond, Torvalds, Tanenbaum,
            ecc... sono invece degli emeriti idioti,
            ladri e fannulloni al vostro cospetto, come
            no!

            Bigheis punta solo al monopolio pressoche'
            assoluto di ogni realta' informatizzabile
            per mantenere lo status quo, in barba alla
            facilita', sicurezza e stabilita' dei
            sistemi.

            Se adesso implementera' API e tool di
            sicurezza sui prossimi aggiornamenti e SO e'
            solo perche' qualcosa si e' mosso grazie
            proprio alla concorrenza in ambito sicurezza
            che Linux e la comunita' del FOSS
            propongono.

            Tanto per capirci, applicativi di terze
            parti anche freeware per il blocco di popup
            e script sono presenti in Rete da tempo
            immemore, ma M$ li integrera' solo col SP2
            di WinXP; un po' lentina, non ti pare?

            M$ impone le proprie tecnologie ad un
            mercato drogato dalla sua illecita
            onnipresenza, edificata e consolidatasi
            negli anni con la complicita' dei produttori
            di hw.

            Vai a fare il PR di Redmond da un'altra
            parte, trollazzo dei miei maroni!Sei da ricovero. Fatti vedere da uno bravo.
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            - Scritto da: Anonimo
            non capisco dove sia questa spazzatura.
            WindowsXp è stabilissimo [...] Giusto oggi ho visto un XP con Internet Explorer congelato su Google. Le due volte che in passato ho provato a usarlo con me ha fatto i capricci... Starò antipatico a zio Bill.
            La gente lo maltratta fino al midollo
            installando e disinstallando la roba a
            casaccio. Anche io, anche io. Compilo tutto quello che mi capita e lo piazzo in /opt. In genere finisce tutto lì dentro, ma per sicurezza una scandagliatna al filesystem con instmon per sincerarmene ogni tanto la do
            quando disinstallo una cosa vado
            a controllare se mi ha rimosso tutto.Io rimuovo tutto a manorm -rf directory_col_programmail bello di non avere il registry
            Risultato, non ho mai dovuto resettare. Con
            il task manager isolo le applicazioni che si
            bloccano. Programmo a basso livello con
            hardware video (directX con tutte le
            tecnologie disponibili), uso assembler,
            gioco. Stabilissimo. Windows non è
            instabile di suo, sono le applicazioni ad
            essere instabili e dato che windows viene
            usato come pungiball facendo le peggiori
            installazioni di 3000 applicazioni dite che
            è instabile. Su linux per installare
            una cosa è una tragedia, se non lo sai farerpm -i pacchetto_del_giochino-1.2.3-i.386.rpmoppure./configure --prefix=/opt/directorypersonalizzata --with-feature-xyz-enabled && make && make install
            questo lo rende stabile, fate meno cose. Se linux
            venisse trattato come windows crasherebbe,
            magari meno ma lo farebbe. Linux viene usato
            come server, fa solo quello. Ritengo che il
            windows XP sia un sistema eccellente,
            stabile, gradevole, semplice. Questo i
            programmatori non capisco, la
            semplicità e Gates punta su questo e
            fa bene.Gates punta sulla semplicita? No! Gates punta sul tuo complesso di Stoccolma.
      • Anonimo scrive:
        Re: test del vero utente linux
        Un utente alle prime armi salta sul freshmeat e ne scarica tonnellatedi programmi come quello belli e pronti all'uso su Linux. Impiega molto meno, ti assicuro. E se qualcosa non gli garba lo modifica come meglio crede.(linux)
    • Anonimo scrive:
      Re: test del vero utente linux
      - Scritto da: Anonimo
      Facciamo un test. Creiamo una applicazione
      in finestra che tramite database mi tenga i
      miei numeri di telefono. Vediamo. Sotto
      windows posso prendere visual basic 6 e
      farla in circa 10 minuti di orologio. Se poi
      la faccio in C# o VB.Net posso farla
      addirittura girare in una applicazione web e
      gestirla dal mio sito. Sempre 10 minuti.
      Creo quindi un pacchetto autoinstallante, 1
      minuto con visual studio. Darla ad un amico
      che la installa sempre in un minuto e ora
      può usarla anche lui.

      Ora tocca a voi, fatemi una applicazione
      identica in linux. Quanto tempo ci mettete?
      Siate onesti, veramente riuscite a farla
      uguale nello stesso tempo?Uso NetBeans o JBuilder o ci metto tanto come in visual basic con la differenza che gira su qualunque piattaforma quindi ? cosa volevi dimostrare ?
      • Anonimo scrive:
        Re: test del vero utente linux
        volevo testare il numero di veri utenti linux da trolloni che girano qui. Dimostrare che se vogliono criticare micro lo devono fare su basi vere, non sul fatto che gli sta antipatico. Peccato che sei stato l'unico a dire Java (forse un'altro) in questa marmaglia di fessi che adorano linux solo per fare i fighi.
        • Anonimo scrive:
          Re: test del vero utente linux
          - Scritto da: Anonimo
          volevo testare il numero di veri utenti
          linux da trolloni che girano qui. Dimostrare
          che se vogliono criticare micro lo devono
          fare su basi vere, non sul fatto che gli sta
          antipatico.
          Peccato che sei stato l'unico a dire Java
          (forse un'altro) in questa marmaglia di
          fessi che adorano linux solo per fare i
          fighi.1) Fesso lo vai a dire a chi ti ha messo al mondo.2) Le trollate le hai ricevute perchè hai aperto la discussione con un post da troll. Poi se non sei in grado di capire quando vieni preso per il culo allora mi spiace per te ma non so cosa farci...
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            visto, sapete solo offendere. Persone educate ed intelligenti mi avrebbero mostrato le alternative con calma ed educazione. Mi sarei dovuto stare zitto e avreste avuto ragione. Qui invece come si fa un confronto microsoft linux parte il mare di offese per l'utente windows, che è utonto, che lavora per microzozz. Ma siete davvero sicuri che l'idiota sia io? non mi pare proprio. Inoltre notare che non ho offeso nessuno in tutto il post (spero che non mi abbiate scambiato per quello della usabilità).Io con educazione sono stato offeso. Complimenti come difendete una vostra idea, veramente complimenti
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            - Scritto da: Anonimo
            visto, sapete solo offendere. Persone
            educate ed intelligenti mi avrebbero
            mostrato le alternative con calma ed
            educazione. Infatti molta gente ti ha parlato di QT, Java, C, poi se non sai leggere e sai solo dare dei "fessi" alla gente, bhe forse e' un tuo problema.
            Mi sarei dovuto stare zitto e
            avreste avuto ragione. Qui invece come si fa
            un confronto microsoft linux parte il mare
            di offese per l'utente windows, che è
            utonto, che lavora per microzozz.
            Ma siete davvero sicuri che l'idiota sia io?
            non mi pare proprio. Inoltre notare che non
            ho offeso nessuno in tutto il post (spero
            che non mi abbiate scambiato per quello
            della usabilità).Firmati, cosi' lo sappiamo.
            Io con educazione sono stato offeso.Anche molti utenti linux sono stati offesi, eppure non sono andati a lamentarsi per questo... Forse non hanno il wizard apposito come gli utonti winzoz ?!?!:-P
            Complimenti come difendete una vostra idea,
            veramente complimentiComplimenti di come riuscite a trollare ed a difendere idee inesistenti, non e' mica cosi' facile
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            glande glande
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            da chi scusa. Io non ho offeso nessuno. Il problema è che linux si giustifica con una sola frase "windows fa schifo". Mi pare che chi difende microsoft dà delle giustificazioni più serie. Di linux ho sentito solo instabilità e che gates è un pirla. Di linux sento che mancano gli IDE seri, che è complicato, che non supporta tutti gli hardware. Tenetevi il pinguino. Finchè non supera il longhorn resto a microsoft (è anche una tristezza da vedere, almeno i mac hanno una bella interfaccia)
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            - Scritto da: Anonimo...
            delle giustificazioni più serie. Di
            linux ho sentito solo instabilità e
            che gates è un pirla. Di linux sento
            che mancano gli IDE seri, che è
            complicato, che non supporta tutti gli
            hardware. Tenetevi il pinguino....Ecco. Bravo. Continua a parlare per sentito dire...
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            se ci si lamenta un motivo ci sarà. Anche voi accusate l'instabilità di windows che da quando ho l'xp non mi sembra che ne esista traccia.
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            - Scritto da: Anonimo
            se ci si lamenta un motivo ci sarà.
            Anche voi accusate l'instabilità di
            windows che da quando ho l'xp non mi sembra
            che ne esista traccia.Certo che se perseveri.... e poi hai anche coraggio di contestare il 'sentito dire' riguardante XP... però il 'sentito dire' riguardante Linux lo accetti bovinamente....
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            ma voi mi dite sempre 4 software che quando li vedo all'opera sono di una tristezza incredibile ( a parte che mi sembra che il migliore sia java ed altri esistenti anche su windows quindi non vedo perchè dovrei cambiare)
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            - Scritto da: Anonimo
            ma voi mi dite sempre 4 software che quando
            li vedo all'opera sono di una tristezza
            incredibile ( a parte che mi sembra che il
            migliore sia java ed altri esistenti anche
            su windows quindi non vedo perchè
            dovrei cambiare)Gli altri tre? Per sapere...e che pecche hanno? In che tipologia di applicativi (si, perché ogni linguaggio è nato con uno scopo, ma qua sembra che esista "il linguaggio" migliore di tutti) è megli visual studio e perché?
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            esistono infatti numerose cose.applicazioni windows: visual studioapplicazioni web: visual studioapplicazioni per dispositivi parmari visual studioapplicazioni per siti: flash e php (anche su windows)applicazioni per i giochi: directX (solo windows), ogl (anche per windows).applicazioni per la grafica: soprattutto windowsvoi dovete cercare di convincermi a passare a linux, lo volete capire il gioco;)
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            dimmi i tuoi e fammi vedere perchè dovrei sostituirli con quelli windows. Potrei non conoscere le potenzialità.per quelli windows ci metto subito editor semplificati per form, database ed applicazioni web. Creazione di setup in un click. Possibilità di lavorare comodamente a progetti in rete. Ottimi debugger che fanno il controllo riga per riga. Spesso non trovo neanche il completamento automatico. Facilità d'installazione e manutenzione. Massino supporto (pago quindi ho molti privilegi). fammi un pò di pubblicità di quelli linux
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            - Scritto da: Anonimo
            dimmi i tuoi e fammi vedere perchè
            dovrei sostituirli con quelli windows.
            Potrei non conoscere le potenzialità.
            per quelli windows ci metto subito editor
            semplificati per form, database ed
            applicazioni web. Creazione di setup in un
            click. Possibilità di lavorare
            comodamente a progetti in rete. Possibilità di lavorare in rete con un grado di trasaparenza che su windows non ci si sogna neanche.
            Ottimi
            debugger che fanno il controllo riga per
            riga. Il debugger di visual studio crascha spesso e volentieri, in alcune zone di memoria non e' in grado di leggere e dà risultati diversi da un debug effettuato attraverso seriale, tanto da far pensare che a volte si inventa il contenuto delle variabili quando si tratta di seguire puntatori a funzioni.Il debugger di linux è molto piu' stabile, da' risultato molto piu' sicuri e precisi se confrontati con debug seriale e non crasha mai qualsiasi cosa tu gli faccia.
            Spesso non trovo neanche il
            completamento automatico. Facilità
            d'installazione e manutenzione.
            Massino supporto (pago quindi ho molti
            privilegi). Paghi per avere un debud di M*(*icrosoft)
            fammi un pò di pubblicità di
            quelli linuxFatto
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            - Scritto da: Anonimo
            dimmi i tuoi e fammi vedere perchè
            dovrei sostituirli con quelli windows.
            Potrei non conoscere le potenzialità.
            per quelli windows ci metto subito editor
            semplificati per form, database ed
            applicazioni web. Creazione di setup in un
            click. Possibilità di lavorare
            comodamente a progetti in rete. Ottimi
            debugger che fanno il controllo riga per
            riga. Spesso non trovo neanche il
            completamento automatico. Facilità
            d'installazione e manutenzione.
            Massino supporto (pago quindi ho molti
            privilegi).
            fammi un pò di pubblicità di
            quelli linuxSecondo me è ottimo, ed è un prodotto completo, Eclipse (sviluppato dalla ibm), tanto per dirne una. Se no esistono molti prodotti borland anche per linux. Questo non vuol dire che visual studio faccia schifo, anzi, è ovviamente (per quello che lo paghi deve essere così) un ottimo prodotto, molto versatile se si lavora in ambito microsoft (ovvero windows, palmari con widnows ce, etc)
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            - Scritto da: Anonimo
            da chi scusa. Io non ho offeso nessuno. Il
            problema è che linux si giustifica
            con una sola frase "windows fa schifo".Questo dimostra che non c'e' peggior sordo di chi non vuol sentire: spesso dopo quel "Windows fa schifo" ci sono anche abbondanti spiegazioni; ad es c'e' chi trova stupido che Visual Studio crei 5 file per compilarne 1.
            Mi pare che chi difende microsoft dà
            delle giustificazioni più serie. Tipo che l'interfaccia e' piu' bella ???
            Di linux ho sentito solo instabilità e
            che gates è un pirla. Di linux sento
            che mancano gli IDE seri, che è
            complicato, che non supporta tutti gli
            hardware. Tenetevi il pinguino.
            Finchè non supera il longhorn resto a
            microsoft (è anche una tristezza da
            vedere, almeno i mac hanno una bella
            interfaccia)Questo invece la dice lunga su quanti Linux hai visto.Buon windows utonto tieniti i tuoi paraocchi e resta concentrato sulle finestre che hai davanti, tanto sei stato indottrinato a non vedere altro.
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            ma il fatto che windows crei 5 file temporanei che dopo li cancelli e ti crei l'exe mi dici quale immane problema è?
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            - Scritto da: Anonimo
            ma il fatto che windows crei 5 file
            temporanei che dopo li cancelli e ti crei
            l'exe mi dici quale immane problema
            è?Vedo che hai capito tutto e conosci bene visual studio !!Per compilare un#include main(){ printf("Hello Word");}Che su linux compilo scrivendo 3 parolegcc -o nomefile.cppEd ottengo l'eseguibile.Su Visual Studio devo creatre un workspace (3 file che non posso cancellare), al suo interno devo creare un project altri file inutili, e per compilare un file di 3 k per un eseguibile di 5k ho una directory da 3 Mega !!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            ma chi scrive applicazioni di 3 righe scusa? Io lavoro a progetti che creano file exe di almeno 6 mega + quelli esterni. Vammi a trovare la funzione X in mezzo a file testuali scusa. MA come ragioni. Ma meno male che con 4 k in più faccio così tanto
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            - Scritto da: Anonimo
            ma chi scrive applicazioni di 3 righe scusa?
            Io lavoro a progetti che creano file exe di
            almeno 6 mega + quelli esterni. Vammi a
            trovare la funzione X in mezzo a file
            testuali scusa. MA come ragioni. Ma meno
            male che con 4 k in più faccio
            così tantoMentre programmi qualcosa di grosso spesso capita di fare piccole rutine di prova, capisco che voi che dovete aprire un PROGETTO anche per quelle forse rinunciate a priori.
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux

            Che su linux compilo scrivendo 3 parole

            gcc -o nomefile.cpp
            Ed ottengo l'eseguibile.

            Su Visual Studio devo creatre un workspace
            (3 file che non posso cancellare), al suo
            interno devo creare un
            project altri file inutili, e per compilare
            un file di 3 k per un eseguibile di 5k ho
            una directory da 3 Mega !!!!Se vuoi usare la riga di comando anche con Visual Studio non mi pare che la cosa sia così drammatica come la stai raccontando...
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            - Scritto da: Anonimo
            visto, sapete solo offendere. Persone"marmaglia di fessi"Questo chi lo ha scritto ?
            educate ed intelligenti mi avrebberoEcco. Allora escluditi a priori.
            mostrato le alternative con calma ed
            educazione. Mi sarei dovuto stare zitto e
            avreste avuto ragione. Qui invece come si fa
            un confronto microsoft linux parte il mare
            di offese per l'utente windows, che è
            utonto, che lavora per microzozz. No. Parte la giusta replica a chi scrive "marmaglia di fessi che adorano linux"
            Ma siete davvero sicuri che l'idiota sia io?Questo lo hai scritto tu....
            non mi pare proprio. Inoltre notare che non
            ho offeso nessuno in tutto il post (spero"marmaglia di fessi"Questo chi lo ha scritto ?
            che non mi abbiate scambiato per quello
            della usabilità).
            Io con educazione sono stato offeso."marmaglia di fessi"Questo chi lo ha scritto ?E ' questa la tua educazione ?
            Complimenti come difendete una vostra idea,
            veramente complimenti"marmaglia di fessi"Io non so se sei un idiota (lo hai scritto tu...) o un fesso (lo hai sempre scritto tu, anche se in un contesto diverso) ma di certo sei un ipocrita.
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            è bello leggere un messaggio e far finta di aver capito tutto.
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            - Scritto da: Anonimo
            è bello leggere un messaggio e far
            finta di aver capito tutto.Ti riferisci a te stesso ?
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            fiacca, scontata e con poco pathos, impegnati di più
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            - Scritto da: Anonimo
            fiacca, scontata e con poco pathos,
            impegnati di piùMica era una trollata... era una domanda... alla quale non hai risposto.
          • Anonimo scrive:
            Re: test del vero utente linux
            va bene rispondiamola tua domanda"Ti riferisci a te stesso ?"aspè, la risposta è difficile, opterei per un no ma non sono sicuro, chiedo l'aiuto della telefonata a casa
        • Anonimo scrive:
          Re: test del vero utente linux
          - Scritto da: Anonimo
          volevo testare il numero di veri utenti
          linux da trolloni che girano qui. Dimostrare
          che se vogliono criticare micro lo devono
          fare su basi vere, non sul fatto che gli sta
          antipatico.
          Peccato che sei stato l'unico a dire Java
          (forse un'altro) in questa marmaglia di
          fessi che adorano linux solo per fare i
          fighi.sinceramente poco mi interessa windows o linux. Ho sviluppato con MS Visual Studio per anni e ora uso altri IDE Java su Linux.sono due piattaforme differenti con pregi e difetti, l'importante e' che mi diverta a fare quello che faccio e mi diverto sia su Win che su LinuxbyeMadG.
        • Anonimo scrive:
          Re: test del vero utente linux
          - Scritto da: Anonimo
          Peccato che sei stato l'unico a dire Java
          (forse un'altro) in questa marmaglia di
          fessi che adorano linux solo per fare i
          fighi.sui fessi non so, ma visto che io ho citato Python e non lo metti tra le alternative proposte, devo supporre che ignori che esiste anche per windows? quindi possiamo qualificarti etimologicamente in base al concetto di ignorare? non e' un'offesa ma un dato di fatto a questo punto...KaysiX
    • Anonimo scrive:
      Re: test del vero utente linux
      - Scritto da: Anonimo
      Ora tocca a voi, fatemi una applicazione
      identica in linux. Quanto tempo ci mettete?
      Siate onesti, veramente riuscite a farla
      uguale nello stesso tempo?bash$ echo "use mydb;create table rubrica (mediumint not null auto_increment, nome varchar (30), telefono varchar(15), primary key (id));" | mysqlScrivo un file di testo tabulato e inserisci tutto con:load data local infile "rubrica.txt" into table rubrica;Il web? Vediamo cosa ho... con phpmyadmin faccio la query via web senza muovere un dito. Pero`, azz ci vorra` mai ad mandare un "select * from rubrica where nome regexp "tizio"" al server mysql tramite una funzione php?Caspita, non ricordo che funzione usare! Sforero` i 5min cercando tra la documentazione. Scusami, non puoi capirmi, lo so: i troll non usano documentazione.
  • Anonimo scrive:
    non capisco
    Davvero non capisco, scusate. Microsoft crea un sistema operativo, è un suo prodotto e secondo me trovare già un browser ed un lettore multimediale dovrebbe essere quasi una regola. Perchè mettere l'utente (o l'utonto come lo chiamate), nell'obbligo di scaricarsi un altro software? Inoltre micro non impedisce di installarlo (al massimo di disinstallare il suo). A questo punto anche il paint, il blocco note, il registratore di suoni e le piccole utility di defrag e scan disk sono nella stessa situazione. Mi spiegate l'assurdo?
    • Anonimo scrive:
      Re: non capisco
      Ne abbiamo parlato fino all'estremo negli articoli precedenti....Dov'eri? Vai a rileggere un po' di commenti va...
    • Anonimo scrive:
      Re: non capisco
      - Scritto da: Anonimo
      Davvero non capisco, scusate. Microsoft crea
      un sistema operativo, è un suo
      prodotto e secondo me trovare già un
      browser ed un lettore multimediale dovrebbe
      essere quasi una regola. Perchè
      mettere l'utente (o l'utonto come lo
      chiamate), nell'obbligo di scaricarsi un
      altro software? No, la Ms ti mette nelle condizione di dover tenere per forza i suoi programmi non consentendone la disinstallazione.
      Inoltre micro non impedisce di installarlo
      (al massimo di disinstallare il suo). A
      questo punto anche il paint, il blocco note,
      il registratore di suoni e le piccole
      utility di defrag e scan disk sono nella
      stessa situazione. Mi spiegate l'assurdo?Nulla di assurdo, le utiliy da te citate fanno cagare e quindi non fanno concorrenza a nessuno (es. chi si sognerebbe di usare il paint al posto di un corel draw?) mentre programmi come il wmp ed ie si...
      • Anonimo scrive:
        Re: non capisco
        quindi come dici te significa che la microsoft non si può permettere di fare un buon software nell'OS?Fate questa ipotesi. Microsoft vende windows e separatamente vende anche media player ed explorer. Se volesse fare una offerta speciale (tipo in regalo con l'OS)non potrebbe farlo? Questa cosa mi sembra effettivamente solo un aiuto alle aziende minori. Windows è famoso per gli strumenti che già inserisce. Quando si compra windows sono descritti sulla scatola le capacità multimediali dell'OS, e lui dovrebbe toglierle? Per me è solo un incentivo alle piccole. Pubblicità e qualità si pagano e questi anche sono di qualità non si sforzano di farsi conoscere. Io do ragione a micro. Ditemi perchè sbaglio
        • Anonimo scrive:
          Re: non capisco
          continuo a dar ragione a microsoft. Questo è chiaramente un modo di dar aria alle aziende in difficoltà. Lo paghi IE, giusto, ma in realtà si fa il prezzo netto. Se togliessero tutto non ti farebbero risparmiare. Allora Ok, mettiamo 2 versioni di windows, una senza nulla ed una con tutte le applicazioni. Metti i prezzi uguali e ti ha fregato di nuovo ma anche se fosse economico chi comprebbe un OS senza neanche un browser web? Ridicolo. Io faccio un programma, lo vendo e alla gente piace, che male ho fatto. Perchè non si fanno il loro bravo OS se sono tanto bravi e cercano di propinarlo alla gente.
      • Anonimo scrive:
        Re: non capisco
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Davvero non capisco, scusate. Microsoft
        crea

        un sistema operativo, è un suo

        prodotto e secondo me trovare
        già un

        browser ed un lettore multimediale
        dovrebbe

        essere quasi una regola. Perchè

        mettere l'utente (o l'utonto come lo

        chiamate), nell'obbligo di scaricarsi un

        altro software?

        No, la Ms ti mette nelle condizione di dover
        tenere per forza i suoi programmi non
        consentendone la disinstallazione.Si ma puoi comunque installa prodotti alternativi!Sono motivationi poco valide le tue.


        Inoltre micro non impedisce di
        installarlo

        (al massimo di disinstallare il suo). A

        questo punto anche il paint, il blocco
        note,

        il registratore di suoni e le piccole

        utility di defrag e scan disk sono nella

        stessa situazione. Mi spiegate
        l'assurdo?

        Nulla di assurdo, le utiliy da te citate
        fanno cagare e quindi non fanno concorrenza
        a nessuno (es. chi si sognerebbe di usare il
        paint al posto di un corel draw?) mentre
        programmi come il wmp ed ie si...Allora siccome mp è un buon prodotto (è quello che hai appena deto affermanto che il problema non esiste per le utility perchè queste fanno cagare) va tolto?Se vuoi altro installalo e non scocciare chi non ha voglia di spendere altri soldi!
    • Anonimo scrive:
      Re: non capisco
      - Scritto da: Anonimo
      Davvero non capisco, scusate. Microsoft crea
      un sistema operativo, è un suo
      prodotto e secondo me trovare già un
      browser ed un lettore multimediale dovrebbe
      essere quasi una regola. Perchè
      mettere l'utente (o l'utonto come lo
      chiamate), nell'obbligo di scaricarsi un
      altro software?
      Inoltre micro non impedisce di installarlo
      (al massimo di disinstallare il suo). A
      questo punto anche il paint, il blocco note,
      il registratore di suoni e le piccole
      utility di defrag e scan disk sono nella
      stessa situazione. Mi spiegate l'assurdo?Condivido, tantopiù che altri o.s. (osx apple) integrano anche loro il proprio player!Il fatto è che attacare ms è di moda ultimamente!Solite scuse: ms in posizione dominande (come sony in altri campi ma nessuno muove un dito) e via dicendo......per l'utenza è semplice c'è la moda di linux (per carità un sistema anche valido) che porta con se un accanimento fanatico verso ms...per i politici si sa che leggiferano senza conoscere di che parlano e poi i soldi che muove ms vanno tutti nelle tasche di bill gates quelli che muoverebbero altri o.s. girerebbero di più e forse qualche legge che aiuta avrà un tornaconto...
    • Anonimo scrive:
      Re: non capisco
      - Scritto da: Anonimo
      Davvero non capisco, scusate. Microsoft crea
      un sistema operativo, è un suo
      prodotto e secondo me trovare già un
      browser ed un lettore multimediale dovrebbe
      essere quasi una regola. Perchè
      mettere l'utente (o l'utonto come lo
      chiamate), nell'obbligo di scaricarsi un
      altro software?
      [...]
      Mi spiegate l'assurdo?M$ non fa esattamente quel che dici tu. M$ include nel proprio sistema operativo chiuso strumenti che funzionano meglio della concorrenza e che si basano su formati chiusi (=segreti). La concorrenza tosta la buttano fuori dal mercato finché è piccola e promuovono degli strumenti non standard e chiusi al posto di standard industriali aperti. A questo punto si innesca un circolo vizioso: tutti usano lo standard de facto M$ anche se è chiuso quindi i nuovi utenti usano M$ e gli altri, TUTTI gli altri sviluppatori, vengono buttati fuori dal mercato. Questo non perché i prodotti non siano buoni, ma perché non possono essere compatibili fino in fondo con i prodotti M$, che sono chiusi. Un esempio della pericolosità del giochino: io uso Linux, quindi ho grandi difficoltà a visualizzare certi contenuti per WMP. Cosa succederebbe se tutti i siti usassero quello standard multimediale? Per accedere all'informazione (mio diritto: conoscere per deliberare, la libera stampa alla base della democrazia, diritto a ricevere e trasmettere informazioni senza riguardo a frontiere ecc. ecc.) io dovrei pagare un privato. Per far valere un mio diritto dovrei pagare.Il problema con M$ non è chre includono software: qualunque distro linux lo fa. Il problema è il formato chiuso del software che viene usato come arma impropria per stroncare la concorrenza sul nascere. Dicesi monopolio, che in UE è proibito.
    • Anonimo scrive:
      Re: non capisco

      Davvero non capisco, scusate. [...] Mi spiegate l'assurdo?In 2 parole, e' facilissimo. Ascolta bene quello che devi fare. Rilassati e chiediti cosa e' il monopolio e l'antitrust. Con calma. Datti una risposta sensata. Bene. Se sei arrivato fin qui adesso chiediti qual e' il compito dell'AntiTrust e cosa faresti tu se ti trovassi a dirigere l'AntiTrust. Questa domanda e' piu' difficile, se hai difficolta' non avvilirti: la risposta e' alla portata di pochi. Se hai trovato una risposta possibile e coerente, che ritieni giusta e in sintonia con la prima risposta se pronto per la fase finale.Allora, per la fase finale devi leggerti tutte le carte del processo, le prove di accusa e difesa e le motivazioni della sentenza. Per questa fase e' preferibile possedere una laurea in giurisprudenza. Diversamente, e' come chiedere ad un cittadino di commentare le accuse alla fusione fredda per il nucleare.E' chiaro che il problema del Trust non puo' essere rapportato alla battaglia "e' piu' bello il desktop di Windows XP o quello di Windows 98". E' un problema un po' piu' complesso. E se credi che sia stato troppo ironico, ricrediti: posso assicurarti che il sottoscritto a malapena sa rispondere alla prima domanda, alle altre 2 quasi per nulla, anche se una mia idea (negativa) sul trust e (positiva) su Mario Monti me la sono fatta.
  • Anonimo scrive:
    Zio Bill cacciato dai carabinieri
    A me questo riempie di gioia:http://www.repubblica.it/2004/f/sezioni/cronaca/gatesvia/gatesvia/gatesvia.html
    • Anonimo scrive:
      Re: Zio Bill cacciato dai carabinieri
      - Scritto da: Jack Rackham
      A me questo riempie di gioia:
      www.repubblica.it/2004/f/sezioni/cronaca/gatePerchè sei un povero frustrato che code di tutte le cose negative che possano capitare al mondo ms!Capisco preferire un'altro O.s. ma ormai tanti sono solo ridicoli nelle loro battaglie anti m.s.Riguardo all'accaduto trovo sia semplicemente giusto l'intervento dei carabinieri.Cmq credo (spero) che il fatto sia stato un errore del pilota (o di bill che dava istruzioni) e non una cosa voluta; vedo più malevole il nostro 'tomba' che se ne va in giro a giocare con la paletta dei c.c. o i nostri politici che posteggiano i loro macchinoni negli spazi riservati ai portatiri di handicap.
      • Anonimo scrive:
        Re: Zio Bill cacciato dai carabinieri
        Scusa ma tu eri li' per sostenere questo?Io, fino a prova contraria (e non perche' e' Bigheis!), quando chi ha potere politico e/o economico sbaglia e/o fa come gli pare, trovo sacrosanto il diritto di ciascuno di noi plebei di sfotterlo e schernirlo.E' il prezzo del potere!Ciao!
      • Anonimo scrive:
        Re: Zio Bill cacciato dai carabinieri
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Jack Rackham

        A me questo riempie di gioia:


        www.repubblica.it/2004/f/sezioni/cronaca/gate

        Perchè sei un povero frustrato Quindi chi chiede giustizia è un povero frustrato?
        • Anonimo scrive:
          Re: Zio Bill cacciato dai carabinieri
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Jack Rackham


          A me questo riempie di gioia:





          www.repubblica.it/2004/f/sezioni/cronaca/gate



          Perchè sei un povero frustrato

          Quindi chi chiede giustizia è un
          povero frustrato?
          Hai letto tutto il post o solo la parte che ti interessava????Se rileggi ti accorgi che sono pienamente d'accordo con l'intervento dei c.c. quello che critico e l'atmosfera sadica del post originale (un po come dire finalmente qualcuno prende a calci in c**** quel 4&%4 di bill)...tu cmq continua a leggere solo quello che ti interessa...ti assicuro che la mia sensibiltà sulla giustizia è ben + spiccata della tua e non si perde dietro la ridicolizzazione della 'Microzooz' (e così che devo chiamarla vero?)
          • Anonimo scrive:
            Re: Zio Bill cacciato dai carabinieri
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Jack Rackham



            A me questo riempie di gioia:









            www.repubblica.it/2004/f/sezioni/cronaca/gate





            Perchè sei un povero
            frustrato



            Quindi chi chiede giustizia è un

            povero frustrato?


            Hai letto tutto il post o solo la parte che
            ti interessava????e tu giudichi le persone dandogli del frustrato solo leggendo due righe di commento ??
          • Anonimo scrive:
            Re: Zio Bill cacciato dai carabinieri
            - Scritto da: Anonimo
            'Microzooz' (e così che devo
            chiamarla vero?)No, la dizione corretta è Microzozz
      • cico scrive:
        Re: Zio Bill cacciato dai carabinieri

        Riguardo all'accaduto trovo sia
        semplicemente giusto l'intervento dei
        carabinieri.questo è sicuro, io viste le nuove leggiUS prenderei pure le impronte a tutti gliamericani che vengono, giusto per romperele palle...
        vedo
        più malevole il nostro 'tomba' che se
        ne va in giro a giocare con la paletta dei
        c.c. o i nostri politici che posteggiano i
        loro macchinoni negli spazi riservati ai
        portatiri di handicap.concordo
    • Anonimo scrive:
      Re: Zio Bill cacciato dai carabinieri
      Che sbruffone!Io l'avrei fatto scendere dallo Stromboli a calci dove non ci batte il sole.Ma sti miliardari sono convinti che cio soldi possono fare i loro porci comodi?In pratica si', purtroppo, fortuna pero' che ogni tanto qualche testa buona se ne fotte del conto in banca e fa il suo dovere.Ciao!
    • Anonimo scrive:
      Re: Zio Bill cacciato dai carabinieri
      - Scritto da: Jack Rackham
      A me questo riempie di gioia:
      www.repubblica.it/2004/f/sezioni/cronaca/gateti accontenti di poco! cmq c'è un forum delle segnalazioni, qui sei ot.
    • Anonimo scrive:
      Re: Zio Bill cacciato dai carabinieri
      Nell'articolo non si parla di una multa inflissa al medesimo. Se parcheggio con la mia auto davanti ad una farmacia per un'emergenza un vigile stava per farmi una multa (l'avrei denunciato se avesse osato davvero), a Bill che svolazza per l'aire (ctz. "Non ci resta che piangere") e atterra al "parcheggio" della protezione civile solo un invito ad andar via?ABBATTETELO CON GLI EUROFIGHTER!!! (questa e' una battuta ovviamente, ma tanto di tutto il mio post sara' facile commentare solo questa)
  • cico scrive:
    Che ridere...
    ... se vincono in appello ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Che ridere...
      - Scritto da: cico
      ... se vincono in appello ;)Io invece non ci trovo niente di divertente.E' un loro diritto ricorrere in appello, che lo facciano pure.Fermo restando che BeOS, Netscape, ecc. avrebbero avuto anche loro il piacere di ricorrere in appello per non venir schiacciati, IMHO.Ma la storia e' andata diversamente: M$ ha fatto soldi a palate e grazie a questi ha pure potuto risarcirli a posteriori dei danni subiti, cosi' a posteriori che ormai di quelle aziende e' rimasto ben poco.Solo che stavolta Sun e Real Networks non hanno voluto fare la fine del topo!Cosi' me ne sto alla finestra a vedere cosa combina la UE, tanto male che vada oggi un'alternativa su PC x86 c'e'.
      • cico scrive:
        Re: Che ridere...


        ... se vincono in appello ;)

        Io invece non ci trovo niente di divertente.bene, non ci dormirò stanotte...
        • Anonimo scrive:
          Re: Che ridere...
          - Scritto da: cico


          ... se vincono in appello ;)



          Io invece non ci trovo niente di
          divertente.

          bene, non ci dormirò stanotte...E fai male!Ah, certo!Tu i sw M$ e tutti quelli professionali che ci girano sopra ce li hai in "download edition", non e' vero?A te che ti frega se le sw house concorrenti falliscono, tanto a te zio Bigheis permette l'utilizzo di tutti i prodotti in forma "gratuita" nonostante il prezzo di mercato, no?Beh, se lavorassi in azienda o in PA rivedresti un po' il concetto con la GdF alle porte.Ma tu, piratozzo lamerozzo, te ne stai chiuso in casa a spararti le pippe davanti alle foto porno di Pamela Andersson convinto che Photoshop sia solo un visualizzatore, non e' vero?Spero che un giorno di questi sbagli click col mouse e ti lanci un bel format brain!Addio!
          • cico scrive:
            Re: Che ridere...




            ... se vincono in appello ;)





            Io invece non ci trovo niente di

            divertente.



            bene, non ci dormirò stanotte...

            E fai male!Faccio solo ciò che mi pare e cioé dareuna risposta del razzo ad uno che vuolebuttarla su serioso
            Ah, certo!

            Tu i sw M$ e tutti quelli professionali che
            ci girano sopra ce li hai in "download
            edition", non e' vero?Io sono un contento possesore dell'abboMSDN da 5 anni.Tu invece stai insinuando che sono unladro che scarica il software?Dillo subito che con una quella denunciaper diffamazione me ne vado alle Maldive.
            A te che ti frega se le sw house concorrenti
            falliscono, tanto a te zio Bigheis permette
            l'utilizzo di tutti i prodotti in forma
            "gratuita" nonostante il prezzo di mercato,
            no?Lavoro, guadagno, pago, pretendo.
            Beh, se lavorassi in azienda o in PA
            rivedresti un po' il concetto con la GdF
            alle porte.La GdF può venire alla mia porta quandovuole, ho sempre avuto tutto in regola ecasa mia è piena di attestati di "buonacondotta" per quanto riguarda il pagamentodelle tasse.Stai forse insinuando qualche cosa?
            Ma tu, piratozzo lamerozzo, te ne stai
            chiuso in casa a spararti le pippe davanti
            alle foto porno di Pamela Andersson convinto
            che Photoshop sia solo un visualizzatore,
            non e' vero?Ho anche la licenza di Photoshop 3.0se ti può interessare ma ormai è superatissimoin compenso uso la mia bella licenza diDigital Media Suite ed uso anche Gimp.Pamela Andersson fa veramente pena ela lascio alle persone tristi (come te forse?)che si gasano tutte con la biondona testavuota.In compenso vedo che mi dai del pirata(oltre che del lamer). Pirata in che senso?Che rubo?
            Spero che un giorno di questi sbagli click
            col mouse e ti lanci un bel format brain!Complimenti, cosa sei un ubergeek di14 anni?
          • Anonimo scrive:
            Re: Che ridere...
          • cico scrive:
            Re: Che ridere...
            updated: post spirato-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 aprile 2006 22.25-----------------------------------------------------------
    • Anonimo scrive:
      Re: Che ridere...
      - Scritto da: cico
      ... se vincono in appello ;)Però devono pagare già da adesso:One interesting thing is the fact that an appeal will take at least three years to conclude. But the decision of the EC might just come into effect very soon, regardless of Microsoft's appeal.Gli appelli per questo tipo di casi non fermano le multe delle commissioni che hanno effetto immediato.
      • cico scrive:
        Re: Che ridere...
        si ma se vincono un paio di rompic*oglioni magari la piantano di ripeterea pappagallo le loro tesi
        • Anonimo scrive:
          Re: Che ridere...
          - Scritto da: cico
          si ma se vincono un paio di rompi
          c*oglioni magari la piantano di ripetere
          a pappagallo le loro tesi... e chissà che ridere quando M$ avrà il 100% del controllo di tutte le apparecchiature informatiche del mondo, quando non potrai nemmeno sceglerti i sw perchè qualcuno li ha già scelti per te o quando non potrai disinstallare win da un pc perchè non 'concepibile'... magari sono tesi ripetute a pappagallo, ma uno con la patente europera del 'compiuter' non ci arriva...
          • Anonimo scrive:
            Re: Che ridere...

            ... e chissà che ridere quando M$ avrà il 100% del
            controllo di tutte le apparecchiature informatiche del
            mondo, quando non potrai nemmeno sceglerti i sw
            perchè qualcuno li ha già scelti per te o quando non
            potrai disinstallare win da un pc perchè non
            'concepibile'... magari sono tesi ripetute a pappagallo,
            ma uno con la patente europera del 'compiuter'
            non ci arriva...Perfettamente d'accordo. Non voglio esagerare, ma siamo davvero messi male quando la Micro$uck viene multata per concorrenza sleale o qlcs di simile e lo stesso organo (UE) sta in realtà arrivando a farle il regalo più grande possibile, la possibilità di brevettare tutto. È idiota che nel mondo si difendano solo gli _interessi_ di chi ha _interessi commerciali_! Le istituzioni nazionali o sovranazionali sono nate per far ridere, per salvaguardare i diritti delle aziende o IN PRIMIS per salvaguardare quelli dei cittadini? Alla UE stanno difendendo gli interessi di Real Networks etc. di cui a me personalmente (e al 90% delle persone, credo) non importa un fico secco, mentre i MIEI interessi di essere davvero informaticamente libero (l'informatica è sempre + importante nella nostra vita, + togliamo la libertà dall'informatica + la togliamo dalla vita!) vengono gettati nel ce**o sempre dalla UE che multa M$ e nel contempo cede alle sue spinte per l'approvazione dei brevetti.È UNO SCHIFO!
          • cico scrive:
            Re: Che ridere...

            - Scritto da: cico

            si ma se vincono un paio di rompi

            c*oglioni magari la piantano di ripetere

            a pappagallo le loro tesi

            ... e chissà che ridere quando M$
            avrà il 100% del controllo di tutte
            le apparecchiature informatiche del mondo,
            quando non potrai nemmeno sceglerti i sw
            perchè qualcuno li ha già
            scelti per te o quando non potrai
            disinstallare win da un pc perchè non
            'concepibile'... magari sono tesi ripetute a
            pappagallo, ma uno con la patente europera
            del 'compiuter' non ci arriva...Ma ci credi veramente a questi scenariche dipingi? sopratutto alla luce di Linuxche ormai è diventato una relatà alternativae con tutte le aziende di apparecchiature diinformatica?
          • Anonimo scrive:
            Re: Che ridere...
            - Scritto da: cico[cut]
            Ma ci credi veramente a questi scenari
            che dipingi? sopratutto alla luce di Linux
            che ormai è diventato una
            relatà alternativa
            e con tutte le aziende di apparecchiature di
            informatica?Certamente Linux ed il FOSS sono una validissima alternativa al monopolio M$, solo che, come ha gia' sostenuto anche Linus Torvalds, se le multinazionali del sw si mettono a brevettare a spron battuto con la compiacenza dei governi, non c'e' codice aperto che tenga, perche' le royalties dei brevetti dovranno pagarle tutti, open source o non open source.Quindi sia una piccola sw house che una piu' grande dovranno investire di piu' in studi legali che in R&D, per non rischiare di incappare un domani, che magari avranno ottenuto una fetta di mercato con i loro prodotti, in una qualche causa miliardaria che le farebbe fallire in breve tempo.Ma poi, come e' gia' successo anche in un passato recente, la multinazionale di turno che ti ha fatto causa, dall'alto della sua magnanimita', anziche' chiederti il risarcimento da capogiro, semplicemente ti compra acquisendo tutti i diritti sui tuoi prodotti, e se magari erano concorrenziali ai loro, dopo poco tempo ne chiudono lo sviluppo con buona pace dei tuoi ex clienti.Questa e' storia e non c'e' affatto da starci tranquilli!
Chiudi i commenti