Norvegia, neonati protetti con sensori di vicinanza

Succede ad Oslo, in un ospedale universitario

Roma – Il timore che qualcuno possa sottrarre i nuovi nati alle legittime famiglie è tale da aver spinto i gestori di un ospedale di Oslo a progettare il ricorso ad un apparato di sicurezza fondato sui sensori di vicinanza.

“La ragione principale – spiegano i dirigenti dell’Ospedale Universitario di Akershus – è mettere in risalto la sicurezza. C’era un tempo in cui la Norvegia ha assistito al rapimento di bambini, una eventualità che vogliamo evitare”.

Il nuovo sistema prevede l’allacciamento di un chip da polso al neonato e di un altro braccialetto al polso della madre. Quando i due bracciali si trovano ad una distanza maggiore del previsto, un allarme risuona nell’ospedale.

neo-nati Se invece una madre (o un rapitore) tenta di uscire dall’ospedale con un figlio non suo non solo suona l’allarme ma contemporaneamente vengono bloccati gli ascensori e tutte le porte di uscita.

Il nuovo sistema dovrebbe diventare operativo dal prossimo primo ottobre, previa autorizzazione del consiglio accademico.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • wiccummcco scrive:
    consensus positive app year summary
    incognito burning action partners dioxide
  • leeannebey scrive:
    globally exert others major roughly
    http://news.mongabay.com http://sitemaker.umich.edu http://www.britannica.com
  • brougherja scrive:
    gas risk melting yields depend
    below doi [url=http://www.calepa.ca.gov]gas risk melting yields depend[/url] 2007 until [url=http://www.gao.gov]climatic orbital european treaty climatic[/url] consensus [url=http://www.ksl.com]arrives stricter half response long[/url]
  • garwigberm scrive:
    per basis
    videos 2008 1998 added
  • TAPPETO scrive:
    MICRO$OFT AL
    tanto multa più multa meno, che importa?l'importante è continuare a far quello che si vuole.le multe sono come una piccola tassa che m$ paga per mantenere lo status quo
  • tres scrive:
    Non capisco una cosa...
    Novell e Microsoft sono alleate e poi ...finiscono in tribunale?
    • gugu scrive:
      Re: Non capisco una cosa...
      - Scritto da: tres
      Novell e Microsoft sono alleate e poi
      ...finiscono in
      tribunale?L'"alleanza" è nata perché Microsoft stava per perdere una causa con Novell e allora ha patteggiato una serie di accordi commerciali.Se perde questa dovrà concedere altre cose.
      • titic scrive:
        Re: Non capisco una cosa...

        L'"alleanza" è nata perché Microsoft stava per
        perdere una causa con Novell e allora ha
        patteggiato una serie di accordi
        commerciali.
        Se perde questa dovrà concedere altre cose.ed io che pensavo che novell avesse ceduto qualcosa a ms, vuoi dire che è il contrario?finora novell ha raccolto solo antipatie dalla comunità linux a causa della scelta, se si girasse la frittata, come dici tu, allora vorrebbe dire che ms ha dovuto venire a patti con linux, sia pure per altre ragioni, per non venirne travolta?mi piacerebbe vederci più chiaro in questa storia, ma non so quanto sia possibile.
    • MyrddinEmrys scrive:
      Re: Non capisco una cosa...
      Alleate è un parolone..e comunque esistono famiglie in cui ci si scanna per quattro soldi.. vuoi che non lo facciano loro per miliardi di dollari?
Chiudi i commenti