Novell: MS ha affondato WordPerfect

Le beghe tra le rivali Microsoft e Novell non sono finite. Quest'ultima ha ora deciso di denunciare il big di Redmond sostenendo che ha operato per distruggere il mercato di WordPerfect


Waltham (USA) – Il mezzo miliardo di dollari che, proprio pochi giorni fa, Microsoft ha versato nelle casse di Novell per dirimere una vertenza antitrust, non è bastato a cancellare l’annosa ostilità che da sempre caratterizza i rapporti fra le due aziende. La dimostrazione è arrivata venerdì, quando Novell ha fatto causa alla rivale accusandola di aver spinto l’elaboratore di testi WordPerfect ai margini del mercato utilizzando tattiche anticoncorrenziali.

Novell afferma che tra il 1994 e il 1996, ossia il breve arco di tempo in cui è stata proprietaria di WordPerfect, Microsoft le avrebbe tenuto nascosto delle “informazioni tecniche cruciali”, impedendole così di “sviluppare una nuova versione di WordPerfect e altre applicazioni per la produttività d’ufficio”. Spingendosi oltre, Novell accusa Microsoft di aver deliberatamente ostacolato la diffusione di WordPerfect in due modi: integrando in Windows “certe tecnologie studiate per escludere WordPerfect ed altre applicazioni di Novell da importanti settori del mercato”; facendo leva “sul suo monopolio per impedire alle proprie partner che vendevano hardware di offrire ai clienti WordPerfect e altre applicazioni”.

La mamma di NetWare ha spiegato che la propria causa si basa, in parte, sulle prove presentate nel processo antitrust americano conclusosi nel 2002, lo stesso in cui Microsoft venne ritenuta colpevole di abuso di posizione dominante.

In una nota, Microsoft ha replicato seccamente alle accuse di Novell affermando che la popolarità di WordPerfect nel mercato era già in declino prima che questo fosse acquistato dalla rivale.

“Attraverso la sua azione legale, Novell cerca di incolpare Microsoft della sua cattiva gestione e delle infelici decisioni imprenditoriali”, ha scritto Microsoft in un comunicato. “E’ evidente che le scelte infelici e gli errori commerciali sono la causa del disinteresse dei consumatori verso WordPerfect”. Il big di Redmond si è poi detto sorpreso del fatto che Novell abbia deciso di portare in tribunale una questione relativa ad un prodotto “che ha venduto oltre 8 anni fa per un brevissimo periodo di tempo”.

A tal proposito Novell lamenta il fatto che, in seguito alle presunte politiche di concorrenza sleale di Microsoft, sarebbe stata costretta a svendere la propria suite di prodotti per l’ufficio a Corel . Più nel dettaglio, l’azienda sostiene che dopo la fusione con WordPerfect Corporation, avvenuta nel 1994, e l’acquisto del programma Quattro Pro di Borland, questi prodotti avevano un valore complessivo di 1 miliardo di dollari: Corel li acquisì nel marzo del 1996 per 170 milioni di dollari.

Microsoft conclude la sua nota affermando che il caso antitrust del 2002 tirato in ballo da Novell “non ha nulla a che fare con il software per la produttività d’ufficio, focalizzandosi quasi esclusivamente su altri mercati e tecnologie”.

WordPerfect nacque nel lontano 1980 come elaboratore di testi per DOS, e dunque basato su di un’interfaccia a caratteri. La prima versione per Windows uscì nel 1991, circa un anno e mezzo dopo il rilascio, da parte di Microsoft, di Windows 3.0.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    ma comperate ancora cisco ?
  • Anonimo scrive:
    Re: bello , ma poco utile
    tra l'altro per aggiornare l'ios 90 su 100 devi anche farti un bell'uprage di memoria (che tanto regalano )
  • Anonimo scrive:
    Re: bello , ma poco utile
    Cisco fa pena. L'IOS e' pieno di bug del cazzo che appaiono nei momenti piu' imprevedibili.Non parliamo del costo poi che e' allucinante, i prezzi sono almeno doppi rispetto ad altri modelli comunque buoni.Ah e poi e' pure monopolista...:s
  • Anonimo scrive:
    bello , ma poco utile
    la cisco e' una di quelle ditte che dopo la vendita non garantiscono nulla... nemmeno l'assistenza.se qualcosa si guasta, loro non vogliono saperne nulla, devi comprare un contratto di assistenza oppure buttarlo.non hanno centri di riparazione fuori garazia, non sanno nemmeno quali sono i loro centri di assistenza in italia.l'aggiornamento si fa comprando una licenza nuova o un upgrade. Quindi inutile inserire siti che spiegano come aggiornare ecc. fate prima a dire c'e' una falla devi comprare ios nuovo. oppure un contratto assistenza che ti fornisce l'accesso, ma non la licenza.
Chiudi i commenti