Nuova Zelanda, tre colpi alle biblioteche?

La nuova legge kiwi sul copyright preoccupa i vari istituti bibliotecari, che rischiano di rinunciare all'accesso alla Rete per evitare di essere puniti per eventuali violazioni del copyright. Commesse dai propri utenti

Roma – È passato poco più di un mese dalla ratifica in Parlamento del famigerato Copyright (Infringing File Sharing) Amendment Bill , il disegno di legge neozelandese che provvederà a disconnettere tutti quegli utenti colti in violazione del diritto d’autore. Predisposizioni che hanno subito infiammato il pubblico dibattito, scatenando le ire dei vari attivisti per i diritti dei netizen.

Ad esprimere preoccupazione sono stati ora i rappresentanti della Library and Information Association of New Zealand Aotearoa (LIANZA), associazione locale che tutela gli interessi di biblioteche e professionisti dell’informazione. I principi legislativi contenuti nella nuova sezione 92A – che entreranno in vigore a settembre – potrebbero compromettere la stessa esistenza dei vari network bibliotecari .

In altre parole , le singole biblioteche neozelandesi non riuscirebbero a permettersi i salati costi legati ad un eventuale meccanismo di tracciamento delle navigazioni di tutti quegli utenti connessi grazie ai rispettivi network di Rete . Gli stessi istituti dovrebbero provvedere all’identificazione, chiedendo ai propri utenti un documento che li inchiodi in caso di violazione del copyright.

Un vero e proprio incubo , almeno secondo il chairman di LIANZA Tony Millett. Le biblioteche rischierebbero di dover chiudere tutti gli accessi alla Rete, per evitare di essere considerate uniche responsabili delle attività illecite commesse da comuni utenti . Le sanzioni annunciate dalla nuova sezione 92A prevedono disconnessioni fino a 6 mesi e una multa di circa 9mila euro .

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nick scrive:
    e come ha fatto a saperlo?
    e come avrebbe fatto la RIAA a sapere che quel dato utente aveva quella data roba?io non mi fiderei mai più di quel servizio
    • Pinco Pallino scrive:
      Re: e come ha fatto a saperlo?
      Beh non conosco box.net ma mi pare di capire sia un servizio di file sharing, io se voglio consultare un libro (consultare come farei in biblioteca, poi se davvero lo voglio lo compro) 9 su 10 cercando su google lo trovo in pdf su rapidshare e simili....Insomma non mi sento ne di sostenere che questi servizi non sono contenitori di warez vario ne che ci sia bisogno che facciano le spie.Se poi invece parliamo di servizi di cloud storage "privato" (non sharing), francamente il backup di tutti i miei computer e' su amazon... crittato in AES256 :D ).Intendo dire: non mi fiderei di avere le mie cose private (importanti) su NESSUN servizio che non sia una macchina alla quale ho io l'acXXXXX fisico.A.
Chiudi i commenti