Nuove tecnologie e Nuova editoria?

con Francione


Roma – Ci sarà anche il magistrato Gennaro Francione, già noto per alcune clamorose sentenze in materia di diritto d’autore, all’incontro organizzato per il 27 gennaio a Roma dal titolo Processo alle bestie e le nuove tecnologie cybereditoriali anticopyright . Un incontro promosso dalle Biblioteche di Roma, dalla casa editrice Nuova Etica, da Adrameleck Theater e dall’Unione Europea Giudici Scrittori.

Nel corso dell’evento verrà presentato il dramma grottesco “Processo alle Bestie” (edit. Nuova Etica), descritto come “la pièce della Nuova Commedia dell’Arte del Medioevo Atomico”. “In una civilità superavanzata – si legge in una nota – dove alle bestie si riconoscono (più o meno) gli stessi diritti dell’uomo, viene intentato un processo ad alcuni animali di una fattoria, rei di aver ammazzato il fattore. Una parodia animalittica su alcuni sistemi giudiziari ed etici cosiddetti umani, degni invece di essere definiti “bestiali”, con un finale ad alta sorpresa”.

Il testo è interamente scaricabile da qui , gratuitamente, con un pagamento minimo solo se si richiede la copia cartacea. “Un testo – si legge nella nota – un modello per la nuova strategia dell’editoria in regalo via web, nello spirito della New Economy”.

L’appuntamento sui nuovi meccanismi di distribuzione e sulle nuove produzioni editoriali è previsto per venerdì 27 gennaio, a partire dalle 17,30, presso la Sala conferenze della biblioteca Elsa Morante a Roma.

Altre info qui

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ModularPenguin scrive:
    Sky decide sempre per noi
    Ho scoperto una cosa, magari non sarò il primo, ma mi piacerebbe sentire commenti a riguardo:già era noto che sui loro decoder non si potevano aggiungere manualmente frequenze oltre a quelle decise per noi dall'azienda; poi c'è stato un aggiornamento del software e ora è possibile sintonizzarsi su altri satelliti in altre posizioni; in questi casi tutte le frequenze vanno inserite manualmente. Ma per gli hotBird, permane il divieto! Ora già questo è di per se demenziale, ma... Mi era stata riporta la notizia della sparizione di un canale trasmesso in chiaro e in precedenza sintonizzabile nei "canali aggiuntivi"; ora, tale canale è ancora esistente a facilmente sintonizzabile sul mio ricevitore free-to-air (il mio dispositivi di sopravvivenza a Sky (geek) ) provo a usare un trucchetto reso possibile dalla presenza del nuovo software: seleziono un altro satellite e aggiungo manualmente la frequenza e gli altri dati necessari sperando il decoder "credesse" di star cercando su un satellite diverso da HotBird mentre in realtà non ho spostato la parabola; bene, il trucco funziona. E qui succede l'inenarrabile! La frequenza è una di quelle inserite da Sky per i "canali aggiuntivi", e infatti dul decoder Sky due canali sono regolarmente presenti nell'elenco. E questi due canali vengono trovati anche usando il trucco di cui sopra, però anche così compaiono *solo* quei due canali! Ce ne sono altri sei o sette, in chiaro, su quella stessa frequenza, compreso quello che ha dato origina alla mia ricerca, ma il decoder Sky *non me li mostra*! Cioè Sky li ha *totalmente* oscurati rendendo impossibile la loro visione... Ed è del tutto irrilevante che siano canali stranieri, naturalmente, non è un valido motivo per impedirne artificiosamente la visione.
  • Anonimo scrive:
    in ritardo
    la carta dei servizi doveva essere pronta contestualmente alla costituzione di sky italia, non due anni dopo
    • gianninasutti scrive:
      Re: in ritardo
      - Scritto da: Anonimo
      la carta dei servizi doveva essere pronta
      contestualmente alla costituzione di sky italia,
      non due anni dopoe cmq non mi sembra di vedere sostanziali differenze tra chi ha e chi non ha la carta dei servizi...ciao
Chiudi i commenti