Nuovo conto corrente: con la portabilità cambiare banca è più semplice

Nuovo conto corrente: con la portabilità cambiare banca è più semplice

Una volta scelto un nuovo conto corrente è possibile richiedere alla nuova banca la portabilità dei servizi collegati al precedente conto.
Una volta scelto un nuovo conto corrente è possibile richiedere alla nuova banca la portabilità dei servizi collegati al precedente conto.

Cambiare conto corrente è una procedura semplice anche se è importante distinguere tra la chiusura del conto, con l’apertura di uno nuovo, e la cosiddetta “portabilità del conto“. Questa seconda procedura consente di trasferire al nuovo conto corrente tutti i servizi di pagamento collegati al conto precedente. Le banche sono tenute a completare la portabilità del conto in 12 giorni lavorativi e, soprattutto, senza alcun costo per il cliente.

Basta scegliere un nuovo conto corrente e richiedere la portabilità. Tra le opzioni più vantaggiose del momento c’è Conto Sella. Si tratta di un conto corrente completo e vantaggioso. Per i clienti più esigenti c’è la versione Premium che include anche i bonifici istantanei e, soprattutto, la Carta di Credito senza costi aggiuntivi.

La portabilità del conto corrente: una procedura semplice e gratuita

Le banche sono tenute ad effettuare la portabilità del conto in 12 giorni lavorativi, come previsto da una legge del 2015. Per i clienti, tale procedura non prevede addebiti di alcun tipo. In alcuni casi, però, ci possono essere dei rallentamenti in quanto l’attuale normativa non copre tutti i possibili servizi bancari. Un fido aperto, assegni in circolazione o la presenza del Telepass possono allungare i tempi.

In ogni caso, è opportuno fare richiesta alla nuova banca indicato la “data di efficacia di trasferimento” ovvero la data a partire dalla quale si vuole che i servizi di pagamento, precedentemente attivi sul “vecchio” conto vengano attivati anche sul nuovo. A partire dal giorno indicato, il saldo e i servizi di pagamento saranno attivi sul nuovo conto.

Se la banca non dovesse rispettare i tempi, è previsto un indennizzo per il cliente pari a 40 euro più un importo variabile, legato al numero di giorni di ritardo. In caso di problemi, c’è sempre la possibilità di fare riferimento all’Arbitro Bancario. Per maggiori dettagli è disponibile il sito web arbitrobancariofinanziario.it.

Il conto corrente per cambiare banca: Conto Sella è la scelta giusta

Uno dei migliori conti correnti su cui puntare in questo momento è Conto Sella, disponibile nella versione Conto Start al costo di 1,5 euro al mese di canone (ma con canone azzerato per tre mesi) oppure nella versione più completa Conto Premium, dal costo di 5 euro al mese (con canone di 1,5 euro per i primi 3 mesi).

Con Conto Sella Start si avrà a disposizione un conto corrente con IBAN italiano e operatività 24/7 tramite App Sella e Internet Banking. C’è inclusa la Carta di Debito, sempre gratuita richiedendo l’apertura del conto online, che può essere utilizzata per prelevare senza commissioni in area Euro (i clienti hanno 4 prelievi gratis al mese da qualsiasi sportello e prelievi gratuiti da ATM Sella),

Da notare, inoltre, che i bonifici online sono sempre gratuiti verso tutti, in Italia e nei Paesi SEE. Scegliendo il Conto Premium, inoltre, c’è anche la Carta di Credito con canone gratuito che rappresenta un plus di grandissima rilevanza. Per i clienti Premium ci sono 6 prelievi gratuiti all’ATM di qualsiasi banca in Europa ed anche 2 bonifici istantanei gratis al mese. Le carte di Banca Sella sono, inoltre, compatibili sia con Google Pay che con Apple Pay.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 13 ott 2022
Link copiato negli appunti